domenica 8 marzo 2009

Alluminio nell'acqua nella regione del Monte Shasta (California): alcuni "esperti" minimizzano, ma il problema è reale! (articolo di Charlie Unkefer)

Pubblichiamo un articolo tradotto dal nostro amico e valentissimo collaboratore Mr X. Il testo, che si riferisce alle notevoli quantità di alluminio rilevate nell'acqua meteorica nella zona del Monte Shasta, pur contenendo preziose informazioni, è stato scritto da uno di quei giornalisti sempre attenti a non urtare troppo il sistema con affermazioni veritiere. Così l'autore dice e non dice, tiene il piede in due staffe e dà spazio alla disinformazione pseudo-scientifica degli "esperti" che rassicurano, ridimensionano, negano. Si noti la giusta preoccupazione dei cittadini, di fronte agli alti livelli di alluminio nelle acque, in pieno contrasto con l'atteggiamento tentennante, ambiguo e censorio delle istituzioni che, con un loro perfetto esponente, concludono che non è il caso di investigare sulle scie tossiche. Noi siamo del parere diametralmente opposto: la ricerca continua e ad oltranza!

Mount Shasta, California

Numerosi abitanti delle zone del Monte Shasta continuano ad esprimere la loro preoccupazione sui livelli tossici di alluminio riscontrati, campionando ed analizzando piogge, nevicate e acque di stagno della città. Recenti risultati di analisi presentate da due cittadini ai giornali del Mount Shasta Area mostrano livelli di alluminio che oscillano tra i 198 ug/l (microgrammi per litro) e i 61,100 ug/l, sino al più recente esame di acqua piovana prelevata da pluviometro in cui si sono rilevati 1010 ug/l. Stando ai livelli stabiliti dell’Ente di Protezione Ambientale della California, tale quantità supera i 1000 ug/l Primary MCL (maximum contaminant level – livello inquinante massimo) riguardanti l'alluminio ed è qualificabile come vietata al consumo.

Le prime preoccupazioni sugli evidenti alti livelli di alluminio si sono manifestate la scorsa primavera, tramite un piccolo gruppo di cittadini delle contee di Siskiyou e Shasta che hanno espresso la loro angoscia su un possibile (sic) progetto di irrorazioni aeree, avente lo scopo di controllare le condizioni atmosferiche o di contrastare il riscaldamento globale (sic).

La questione, comunemente indicata come “chemtrails”, viene etichettata da molti come una semplice burla di Internet (sic). Altri, tuttavia, affermano che le scie degli aerei sono parte di un progetto mondiale avente il fine di creare uno scudo di metalli pesanti nell’atmosfera.

Dalla scorsa primavera, dunque, alcuni cittadini hanno iniziato a manifestare la propria costernazione alla vista di cirri (cirri artificiali n.d.t) lunghi e persistenti nei loro cieli.

I sostenitori della "teoria" (sic) affermano che le scie di condensa, le normali scie di vapore acqueo emesse dai motori dei jets, si dissolvono rapidamente, mentre le scie chimiche persistono per circa mezza giornata e di frequente prendono la forma di cirri, dando vita a un cielo velato. (Questo NON è esatto: si veda Le nuove frontiere dell'avvelenamento)

Le analisi regionali inerenti all’alluminio hanno avuto luogo dopo le proteste riguardanti la possibilità che tali scie di scarico siano composte da alluminio, bario e stronzio. Dal maggio 2008 sono stati eseguiti oltre 40 campionamenti e la maggior parte di essi mostra alti livelli di alluminio.

“L’acqua piovana è fondamentalmente velenosa”, ha ribadito Frances Mangels, uno tra i cittadini interessati ai campionamenti. Mangels ha espresso le sue preoccupazioni alle amministrazioni locali ed alle agenzie federali e statali, senza ricevere alcuna risposta alle sue domande.

Peery LeBeouf, impiegato del Dipartimento delle Risorse Idriche della California, dichiara che il livello MCL per ogni potenziale inquinante è comunemente applicato per valutare i fattori relativi alla qualità ed alla sicurezza degli impianti dell’acqua potabile. LeBeouf ha puntualizzato che la maggior parte delle analisi sull’alluminio è svolta all’interno e nei dintorni delle strutture dove sgorga l’acqua potabile e che non vi sono molti dati sulla quantità di alluminio negli impianti dell’acqua naturale o sull’acqua della pioggia o della neve. Secondo LeBeuf “I valori dell’alluminio non sono ben interpretati (sic)”, in quanto si tratta di un elemento comunemente diffuso ed i suoi livelli cambiano di zona in zona.



Tale pensiero è stato rafforzato da Eldon Beck, funzionario dell’Ente di Controllo dell’Inquinamento Atmosferico di Siskiyou; egli sostiene che l’alluminio non è un elemento regolarmente analizzato nella contea di Siskiyou, fatta eccezione per i requisiti degli impianti idrici.

Beck ha precisato: “Ho letto resoconti in cui si afferma del frequente ritrovamento di alluminio nell'atmosfera”, favorendo l’opinione espressa da LeBeuf circa i campionamenti che, sebbene interessanti, necessitano di maggiori ragguagli per essere del tutto considerati.

“Sono sorpreso da queste cifre e mi piacerebbe confrontare questo territorio con altri, comparando le quantità di alluminio presenti nelle acque”, ha affermato il biologo Rene Henery, il quale non era al corrente di tali rilevamenti nella regione e si dice preoccupato per gli alti livelli in relazione ai valori Primary MCL del CEPA. “L’alluminio è senza dubbio altamente tossico” ha chiarito.

Stando a LeBeuf, non si tratta di una questione di quantità di alluminio nell’acqua. “Il livello del PH è anch'esso un fattore importante”, precisando che vi è un contesto più vasto che abbisogna di approfondimenti, ogni qual volta sono eseguiti dei prelevamenti.

Guy Chetelat della Commissione di Controllo della Qualità Idrica del Central Valley (CA), uno dei principali enti interessati alla questione del territorio regionale e dell’acqua sotterranea, ha sottolineato di avere qualche informazione sui livelli di alluminio nelle acque. Il funzionario ha spiegato di essere informato sulle inquietudini espresse dai cittadini di Shasta e di Siskiyou ed ha dichiarato: “C’è molto turbamento a riguardo e stiamo investigando”.

La questione è stata presentata durante l’estate scorsa alla giunta di Shasta ed ai Sovrintendenti della Commissione della contea di Shasta. In entrambi i casi, gli organi responsabili hanno scelto di non investigare ulteriormente, dubitando della validità e del proposito delle analisi. Stesso atteggiamento sull’argomento da parte delle rispettive giurisdizioni.

Parlando più in generale Beck ha fatto notare: “I Sovrintendenti della contea hanno compiuto qualche indagine ed hanno deciso che il caso della scie chimiche non era un caso e non si è più andati avanti (sic).”

Leggi qui l'articolo in inglese.


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!
Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.


Aggiorna Tanker Enemy nei tuoi preferiti. D'ora in poi questo blog è raggiungibile digitando http://www.tankerenemy.com/

TANKER ENEMY TV: i filmati del Comitato Nazionale

CHEMTRAILS DATA

Range finder: come si sono svolti i fatti

43 commenti:

  1. Quella di Mt shasta è una zona particolare, importantissima in quanto area sacra per i nativi americani

    secondo le tradizioni orali è su quelle alture che gli antichi abitanti della zona hanno trovato scampo al diluvio

    non è da escludere l'ipotesi che quella zona venga particolrmente colpita daale scie così come Gerusalemme viene colpita dalla guerra

    ci sono siti sacri che vengono riempiti di ogni forma di veleni ed energie negative

    speriamo che la gente impari a disubbidire

    qui le scie hanno cacellato quella che altrimenti sarebbe stata una domenica di sole

    RispondiElimina
  2. Volevo segnalare questo articolo sulle scie, non so se ne avete già parlato.

    La Stampa

    RispondiElimina
  3. Sì, Corrado, si accaniscono contro le regioni sacre: anche questo è evidente. La Liguria occidentale, in cui passa pure una leyline, era zona sacra al dio celto-ligure Belenos.

    Reddy, conosciamo l'articolo che è quasi del tutto incentrato sulla disinformazione.

    Ciao

    RispondiElimina
  4. in california c'è troppe basi militari, ecco perchè sono sempre sotto una cupola artificiale di sostanze chimiche. secondo me questa faccenda delle irrorazioni è sfuggita di mano ai militari...le cose sono due, o i militari sanno qualcosa che noi non sappiamo, per esempio incombenti calamità naturali, oppure, stiamo entrando nella prima fase della terza guerra mondiale....o magari entrambe le cose.

    intanto il meteo in usa e nelle nazioni aderenti alla nato, è pilotato al 100% per mezzo di strane scie che escono dai motori dei veivoli militari

    "I Sovrintendenti della contea hanno compiuto qualche indagine ed hanno deciso che il caso della scie chimiche non era un caso e non si è più andati avanti (sic).”

    eh certo, il segreto militare prima di tutto, anche della salute dei cittadini.
    poi però quando la gente comincierà a buttare giù gli aerei militari a fucilate il governo e l'esercito dovranno stare zitti.

    in toscana mare oggi è invivibile, e penso che il senso di aria pesante sia dovuto anche alle irrorazioni militari..sembra anche che il sole "picchi" in maniera diversa dal solito....non so spiegarlo bene, ma queste irrorazioni hanno uno strano effetto sull'ambiente. soprattutto danno l'impressione di trovarsi sotto una cappa artificiale di qualche tipo...mi sembra di essere a firenze di agosto, e invece sono sul mare ed è marzo. direi che l'aria è "pesante", le parole giuste sono queste.

    c'è poco da dire, la cappa che creano i militari qualche effetto sui cittadini deve avere, è impossibile che sia innocua.
    poi se leggiamo le analisi ambientali californiane....io non capisco cosa aspettano in america a scendere in piazza e spaccare tutto. ah già....ci hanno messo i soldati per le strade, così se succede qualcosa sono pronti....secondo me in america quest' estate succede un casino. e poi da cosa nasce cosa....

    RispondiElimina
  5. zret la liguria è sulla via delle basi nato del nord-europa che vanno alla base nato della sardegna. sobbiamo tenere conto dell'ubicazione delle basi militari.

    come il canada, che è stato bombardato di aerosol per primo:
    russia e america passano per il canada per attaccarsi.
    coincidenze? forse..e forse no

    RispondiElimina
  6. Certo Arturo, c'entrano le basi militari e pure le perturbazioni, come la presenza di impianti radar.

    Angioni saprebbe rispondere alle nostre domande, ma ha la museruola.

    Ciao

    RispondiElimina
  7. Sempre peggio:
    http://blog.wired.com/wiredscience/2009/03/snakes.html
    E poi dicono che la smart dust e' fantasia!

    "It behaves like some live object," says physicist Alex Snezhko. "It moves. It crashes onto free-floating particles and absorbs them."

    @zret: dove posso trovare maggiori informazioni su Belenos? l'argomento mi interessa molto.

    RispondiElimina
  8. Si notino le ombre molto vicine al terreno. Ciò indica le quote basse delle velature alte di Guido Guidi.

    RispondiElimina
  9. Attacco senza precedenti oggi nella mia zona. Il cielo in questo momento è un COLOSSALE IMMONDEZZAIO. Linee rette, curve, incroci, scie larghe, strette, di ogni tipo e in ogni direzione.

    Ho nostalgia del medioevo.

    RispondiElimina
  10. Su Belenos ho trovato questo:

    http://guide.supereva.it/druidismo/interventi/2005/08/220743.shtml

    http://www.celticworld.it/sh_wiki.php?act=sh_art&iart=327

    Medioevo, età luminosa...

    RispondiElimina
  11. Concorso a premi

    Qual è il mestiere di ilpeyote, il disinformatore che sfrutta i turni notturni per disinformare?

    QUI

    Al vincitore una parrucca arancione.

    RispondiElimina
  12. Forse l'attacco più massiccio che abbia mai visto in questi ultimi anni, oggi a Milano e dintorni. Sono stato fuori e ho visto aerei spuntare ovunque, 4, 5 contemporaneamente in direzioni diverse, manovre a u, reticoli persistenti a non finire più scie brevi. Oggi avremmo dovuto tutti chiamare in massa le varie autorità e filmare tutto.

    RispondiElimina
  13. Infatti ed io spero che qualcuno abbia alzato gli occhi al cielo e si sia chiesto: "Che diavolo succede!".

    Intanto l'ex attivista Massimo Santacroce, evidentemente lobotomizzato, della giornata di oggi scrive: "Finalmente una giornata quasi primaverile a Milano. Forse il freddo di questo lungo inverno è passato!"

    E della giornata del 7 c.m., il povero Santacroce scrive: "Nel post di oggi riporto alcune fotografie del cielo della mia città scattate nella giornata di sabato 7 marzo 2009. Le condizioni atmosferiche hanno permesso in particolare di fotografare bene aerei a bassa quota. Si sono viste anche deboli iridescenze nelle nuvole (sempre comunque spettacolari), qualche aereo con scia ad alta quota, e come spesso accade, a fine giornata una splendida luna" accarezzata" da una scia.[...] Da tempo ormai fotografo il cielo non solo per verificare l'esistenza di anomalie ma anche per apprezzarne la bellezza. Personalmente trovo una nuvola, una scia, un aereo dei soggetti stupendi".

    Che dire...

    RispondiElimina
  14. Mi pare che sia stato completamente lobotomizzato. Roba da pazzi. Grazie al cielo almeno tu non corri lo stesso pericolo, hai già una certa notorietà che ti garantisce un margine di sicurezza e comunque ci vuole coraggio ad agire ed esporsi senza paura come te. Se tutti avessero tale coraggio!

    RispondiElimina
  15. Ho due vantaggi:

    a) Ho un carattere determinato
    b) non sono ricattabile

    e come giustamente constati, ho raggiunto una certa viisibilità, ma in queste storiacce non bisogna mai pensare di essere intoccabile. Quando capiranno che non possono fermarmi con il tentativo di discredito e con le minacce, più o meno velate, mi suicideranno oppure mi coinvolgeranno in un incidente stradale mortale dal quale risulterà che ero drogato ed ubriaco.

    Sino a quel momento, andremo avanti. D'altro canto abbiamo due alternative. Una è morire nei modi descritti, l'altra è morire di qualche forma di tumore o rimanere rincoglioniti dall'alzheimer. Dovendo sciegliere, preferisco la prima opzione.

    RispondiElimina
  16. Grande! Ho fatto un ragionamento analogo quando ho deciso di non scegliere il salario sicuro, il lavoro fisso, il muto per la casa ecc. optando per la creazione di una mia comunità autosostenibile. Sarà dura, ma è quel che voglio ed è meglio vivere facendo ciò che si ama, piuttosto che sottomettersi tutta una vita.

    RispondiElimina
  17. Sicuro!Meglio vivere con poco ed in pace con se stessi e liberi. La libertà non ammette compromessi.

    Buona notte, caro amico.

    RispondiElimina
  18. Scusate,la mia domanda è a questo punto,oltre ad informare,cosa si puo' fare per difendersi?Esistono sistemi per "schermarsi" da sta merda che ci tirano addosso?

    RispondiElimina
  19. Ma Santacroce, con che coraggio scrivi queste assurdità? Esiste l'astensione

    RispondiElimina
  20. "Cosa si puo' fare per difendersi?Esistono sistemi per "schermarsi" da sta merda che ci tirano addosso?"

    Al di là di qualche terapia cheltante, direi che si possa fare ben poco.

    RispondiElimina
  21. ieri massacro totale, immortalato dall'amico michele (vedere queste sue foto di Brescia sotto attacco)

    Questa mattina nemmeno un aereo, nè con scia nè senza scia, cielo limpido e vento fortissimo

    non è la prima volta che una pausa dell'irrorazione coincide con la presenza di forti venti

    RispondiElimina
  22. Vento forte da nord anche qui, così, dopo un timido inizio in prima mattinata, i tankers hanno lasciato lo spazio ai cumuli. Speriamo che il vento permanga. Già l'aria risulta più respirabile.

    RispondiElimina
  23. Comunico che ha riaperto il sito Ecplanet.com

    RispondiElimina
  24. E se poi i siti e blog sono una ventina e sono tutti interconnessi tra loro...

    RispondiElimina
  25. prego prego..figurati,per così poco..mi sono iscritto,vediamo un pò se e cosa mi rispondono..

    RispondiElimina
  26. "Ma Santacroce, con che coraggio scrivi queste assurdità? Esiste l'astensione"

    al santacroce hanno detto che il controllo climatico è necessario, altrimenti la pioggia paralizzerebbe il paese. i militari probabilmente dicono a tutti che piove troppo, e quindi gli aerosol igroscopici permettono un meteo più "stabile", dirottando o annullando le piogge torrenziali che altrimenti paralizzerebbero l'italia.

    santacroce, ma cosa pensi, che siamo tutti rimbabiti? nel tuo blog potresti dire che il meteo è pilotato per ragioni umanitarie, almeno ti salveresti in corner, invece di dire che "ci sono le condizioni per la formazione delle scie di condensa". che poi, se si forma la condensa, di certo non la vedi vicino agli aeroporti, perchè i veivoli militari e civili quando partono ed atterrano sono a quote molto basse.

    io sopra l'aeroporto di pisa vedo sempre le strisce, ma queste sono rilasciate da veivoli militari partiti da altri aeroporti militari.
    probabilmente i veivoli militari che partono da pisa vanno ad irrorare roma e dintorni, o cmq verso sud.

    ieri i militari hanno operato:
    ho potuto notare che stanno irrorando soprattutto in mare aperto, proprio per distruggere le perturbazioni che stavano arrivando da ovest e, grazie all'alluminio che filtra la luce solare, impediscono l'evaporazione dell'acqua che potrebbe portare alla formazione di banchi nuvolosi.

    queste sono delle foto di ieri, che si vanno ad aggiungere alle già numerose foto pubblicate

    http://img10.imageshack.us/img10/4955/dsc06899.jpg

    questa patina color alluminio è stata creata dallo scarico dei veivoli militari. incredibile ma vero. fate conto che il cielo era azzurro e senza nuvole di alcun tipo. erano però in arrivo delle perturbazioni dal mare, e così l'aeronautica militare ha pensato bene di stendere un velo di sostanze igroscopiche su tutta la costa toscana, così da distruggere le perturbazioni che stavano arrivando dal mare, e che avrebbereo sicuramente portato delle precipitazioni

    http://img17.imageshack.us/img17/6427/dsc06901.jpg

    le nuvole che arrivano dal mare e che vengono in contatto con il velo artificiale di sostanze igroscopiche vengono distrutte. quello che fanno i militari, è proprio creare un muro in grado di fermare le perturbazioni

    http://img19.imageshack.us/img19/1716/dsc06904.jpg

    qui possiamo notare qual'è il metodo usato dall'aeronautica militare: in pratica passano in su e in giù svariate volte nella zona dove vogliono creare il muro si sostanze igroscopiche. gli effetti le possiamo vedere tutti: si crea un vero e proprio velo lattiginoso che non corrisponde assolutamente ai cirri crati dalle normali scie di condensa.
    gli scettici dovrebbero mettersi in testa che una normale scia di condensazione può creare dei cirri artificiali del tutto simili ai cirri naturali. il problema è che lo scarico dei veivoli militari che vediamo tutti i giorni non crea assolutamente niente che assomigli lontanamente ad un cirro artificiale o naturale. non ci sono cirri, ma patine color alluminio che distruggono le nubi naturali.
    questo lo dice la meteorologia, e non io

    http://img3.imageshack.us/img3/6800/dsc06913.jpg

    questo è quello che vediamo dopo il passaggio di decine di veivoli militari. non c'è niente di naturale in tutto ciò, questi non sono cirri o nuvole di nessuno tipo. c'è qualcosa nel carburante degli aeromobili militari che crea questi strani effetti atmosferici.
    c'è qualcosa nel carburante dei militari che neutralizza le nubi naturali, e non pesno che questi ingredienti segreti siano finiti nei serbatoi dei veivoli militari per sbaglio

    ho letto anche questo, su un forum di meteorologia:
    "Due eminenti esperti dell'Università di Nis, in Serbia, il Professor Dimitrij Stefanovic, della Facoltà di Elettronica, ed il Dottor Milovan Purenovic del Dipartimento di Scienze fisiche, matematiche e naturali affermano che, nel corso degli attacchi aerei sferrati contro la Jugoslavia dalla N.A.T.O., nel 1999, furono usati anche sistemi di guerra meteorologica.

    "Per disperdere le nubi - osservano i due scienziati - le forze della N.A.T.O. - le inseminarono con particolari composti chimici, provocando così una siccità mai registrata prima. L'uso di queste sostanze cominciò sopra Tuzla nel 1994; nel 1999 su Vrnjacka Banja, Trstenick e Kralievo, poi su Nis, Negotin, Zajecar e Smederevo. Nella serata del 5 aprile, il cielo sopra Nis era coperto: ci si aspettava a breve un temporale. Si ebbe un'incursione aerea. Il cielo diventò rosso; le nuvole cominciarono a contorcersi e, poco dopo, sparirono. Poche ore più tardi la città venne bombardata. Nella regione meridionale della Serbia, in almeno dieci occasioni si impiegarono bombe termiche ed illuminanti. Queste bombe esplodono nell'atmosfera e generano temperature che superano i 3000 gradi centigradi. Per mezzo di queste deflagrazioni, che hanno luogo ad un'altitudine tra i 2.500 ed i 3000 metri, importanti quantità d'energia vengono rilasciate, provocando spostamenti d'aria e forti venti".


    il sito è questo, e si chiama "passione meteo"

    http://www.passionemeteo.it/forum/viewtopic.php?t=4059&postdays=0&postorder=asc&start=28

    l'amministratore, che si chiama andrea, ragiona con la sua testa e che accetta il fatto che il meteo è pilotato dalle forze armate.

    straker confermo che è stato aperto l'ennesimo blog diffamatorio nei tuoi confronti. vuol dire che stai cominciando veramente a rompere le scatole a questo governo di burattini.
    infatti, più i disinformatori si impegnano, più paura hanno i governanti ed i militari che venga fuori lo scandalo della manipolazione climatica. hanno paura che la gente si accorga dello scarico anomalo dei veivoli militari.hanno una paura matta, e li capisco, una notizia del genere causerebbe il panico totale nel popolo bue. putroppo per loro, la verità sta venendo fuori, e di certo non bastano i soliti 10 individui ritardati che scrivono su internet per arginare il fenomeno "scie chimihe".

    la strategie attuale dei disinformatori è cercare di rendere tutto ridicolo, e passare da quelli che "si fanno due risate sui gonzi che credono che l'aeronautica giochi con le condizioni meteo". psicologia da quattro soldi, per gente che di disinformazione non ha mai saputo nulla. per fortuna la maggior parte di queste persone sono gente insignificante ed incapace. i militari per assumere gente così devono proprio essere disperati....ma non sarebbe più semplice, cari militari, ammettere che sperimentate la manipolazione climatica?
    sapete, cari militari, meglio ora che che dopo, e non penso che continuare così sia la cosa più giusta da fare....

    RispondiElimina
  27. mi sono scordato un piccolo particolare:
    ieri, domenica 8 marzo, in toscana era possibile udire ogni singolo aeromobile che lasciasse la scia dietro. volgio dire che si sentiva veramente bene il rumore del motore a reazione in sincrono con l'immagine dell'aereo stesso.

    come si evince dal video del cumulo appena postato, questi veivoli militari non possono essere sopra i 5000 metri di quota, e mi stò già allargando molto.

    c'è poco da dire, questa roba color argento che esce dai motori a getto non è il normale prodotto della combustione del carburante aeronautico, e in tutti in casi non possiamo parlare di "normale condensa".
    continuare parlare di normale condensa presuppone una totale ignoranza delle basi della fisica e della chimica

    e pensare che c'è gente che confida nella santità dei giornalisti venduti al miglior offerente. che mondo di pecore, veramente

    RispondiElimina
  28. "Cosa si puo' fare per difendersi?Esistono sistemi per "schermarsi" da sta merda che ci tirano addosso?"

    il problema è che sei obbligato a respirare questa roba.
    ma quello mi dà più fastidio è che questa roba va negli orti.
    quindi io quando mangio i pomodori del mio orto sono consapevole che stò mangiando veleno.

    ci credo che vogliono mantere tutto segreto, altrimente i contadini impazziscono. per non parlare dei medici onesti.....ma tanto il segreto militare sta saltando, menomale

    RispondiElimina
  29. @ Amdrea
    Come ti sei organizzato? E soprattutto in che zona è possibile?
    Per le segnalazioni posso confermare che ieri dal litorale di Latina (Lazio) direzione sardegna si spruzzava ma non troppo...cmq!!!!

    Grazie mille!!

    Charlie.

    RispondiElimina
  30. @Arturo che ha scritto

    "più i disinformatori si impegnano, più paura hanno i governanti ed i militari che venga fuori lo scandalo della manipolazione climatica"

    I disinformatori sono quelli che in primis hanno paura se non svolgono bene il loro compitino.
    I governi, i militari e feccia via discorrendo possono sempre cambiare soldatini.
    Sai quanti ne trovano da ammaestrare per una pacca sulla spalla o una stecca gratis di sigarette?
    Di leccaculo è pieno il mondo.

    Il coperchio è chiuso male, la puzza sta venendo fuori e i disinformatori se la stanno facendo sotto...fìdati!!!

    RispondiElimina
  31. Confermo lo stillicidio chimico di Domenica anche in provincia di milano.
    Per fortuna il vento forte ha fatto si che in serata non ci ritrovassimo sotto una poltiglia chimica. Ho scattato qualche foto e fatto dei video a testimonianza di tale sciempio chimico.
    Dato che c'ero, ho fatto anche un po' di volantinaggio vista la bella giornata (80 volantini circa, pochi ma buoni) e alle persone che mi guardavano incuriosite indicavo il cielo sopra di noi: un'attacco devastante, forse reso ancora piu' evidente dalla relativa limpidezza del cielo sopra il quale le scie si stagliavano in un contrasto che lasciava poco spazio all'immaginazione.
    Vorrei inoltre dedicare una pernacchia all'acquirente del dominio sciechimiche.net: "ORAMAI NON VI CREDE PIU' NESSUNO, SIETE DIVENTATI UNA BARZELLETTA, SIETE VOI LA BUFALA, FATE RIDERE!"

    RispondiElimina
  32. una giornata stupenda, azzerato il traffico aereo: nessun elicottero, nessun rombo di aereo, nessuna scia

    dov'è finito quel traffico aereo di domenica che ha cancellato il cielo?

    non mi risultano scioperi

    sembra che il forte vento renda vane le irrorazioni velenose

    RispondiElimina
  33. sciechimiche.net è intestato ad un nome fasullo, come ben immaginabile. Sembra che questa gente sia arrivata adavvero alal frutta, se arrivano a comprarsi un dominio per il loro solito becero scopo disinformativo.

    Ah.. beh, tanto l'abbiamo pagato noi, in effetti.

    RispondiElimina
  34. Segnalo l'articolo sui carburanti molto particolari in uso da alcuni anni. Consiglio di far girare le preziose informazioni ivi contenute. per militari e compagnie civili collaboranti è giunta l'ora della disclosure forzata.

    RispondiElimina
  35. Finalmente un tramonto con colori naturali,molto bello tutto grazie al vento che ha bloccato le operazion di aerosol spazzando via il "lavoro" fatto ieri dai piloti con enorme spirito di sacrificio e senso del dovere.Non se l'aspettavano tutto questo vento,per un paio di volte erano ripresi i voli poi improvvisamente interrotti,incredibile di colpo non vola piu' nessuno!

    RispondiElimina
  36. a charlie rispondo che ora sto valutando l'Andalusia, in zone dove l'inverno è mite e se la zona è fertile è facile avere frutta everdura tutto l'anno. Purtroppo rimane il problema delle irrorazioni, ma a questo ci ho messo una "santacroce" sopra, magari in Marocco non irrorano, ma lì le condizioni di vivibilità sono diverse. Comunque già in Italia comunità ed ecovillaggi sono numerosi, molti si scoprono viaggiando perchè non hanno siti internet. Il wwoof è utile per viaggiare e conoscere realtà già organizzate per farsi un idea.
    Lo scopo di WWOOF è di creare conoscenza e interesse verso uno stile di vita biologico e biodinamico. Offre la possibilità di viaggiare in tutto il mondo in modo economico spendendo solo i soldi dei viaggi ed allo stesso tempo di dare un aiuto dove è richiesto e dove se ne presenta la necessità.
    Un vasto numero sempre maggiore di fattorie o famiglie hanno offerto un alloggio e il cibo in cambio di aiuto nel lavoro agricolo. Io l'ho provato nel sud Italia ed è stata una bellissima esperienza, non bisogna spaventarsi perchè i lavori sono ok, basta informarsi prima bene di tutto x telefono o via mail.

    RispondiElimina
  37. Sì è proprio incredibile, oggi niente...

    a charlie rispondo che ora sto valutando l'Andalusia, in zone dove l'inverno è mite e se la zona è fertile è facile avere frutta everdura tutto l'anno. Purtroppo rimane il problema delle irrorazioni, ma a questo ci ho messo una "santacroce" sopra, magari in Marocco non irrorano, ma lì le condizioni di vivibilità sono diverse. Comunque già in Italia comunità ed ecovillaggi sono numerosi, molti si scoprono viaggiando perchè non hanno siti internet. Il wwoof è utile per viaggiare e conoscere realtà già organizzate per farsi un idea.
    Lo scopo di WWOOF è di creare conoscenza e interesse verso uno stile di vita biologico e biodinamico. Offre la possibilità di viaggiare in tutto il mondo in modo economico spendendo solo i soldi dei viaggi ed allo stesso tempo di dare un aiuto dove è richiesto e dove se ne presenta la necessità.
    Un vasto numero sempre maggiore di fattorie o famiglie hanno offerto un alloggio e il cibo in cambio di aiuto nel lavoro agricolo. Io l'ho provato nel sud Italia ed è stata una bellissima esperienza, non bisogna spaventarsi perchè i lavori sono ok, basta informarsi prima bene di tutto x telefono o via mail.

    RispondiElimina
  38. straker un piccolo consiglio, metti in home le cover di qualche volantino da stampare chi entra lo puo vedere stampare e diffondere.ciao

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis