domenica 7 settembre 2008

Aumenta la preoccupazione per l'inquinamento elettromagnetico e per l'uso dei cellulari (articolo di Linda Moulton Howe)

Abbiamo tradotto le parti salienti di un lungo articolo pubblicato da Linda Moulton Howe, ricercatrice che riporta le conclusioni del Dottor Herberman a proposito dei rischi per la salute correlati alle onde elettromagnetiche. Ci è parso molto utile, in particolar modo, l’elenco di undici consigli per un uso consapevole del cellulare, lista che abbiamo trasformato in un decalogo. Per conoscere i molteplici e sinistri scopi delle antenne che deturpano le città, ma anche le aree rurali e montane e per capire la connessione tra radiazioni non ionizzanti e scie chimiche, si veda lo studio Le microonde: arma contro la biosfera. Per un inquadramento del tema, invece, è sufficiente la lettura del testo della studiosa, in cui è comunque rivelatrice la constatazione che alcuni impianti sono camuffati da alberi, ad esempio palme: se queste antenne, con le loro irradiazioni, non sono nocive, perché ricorrere a tali camuffamenti?

Ronald Herberman, M. D., Dir., Università di Pittsburgh, Istituto di Oncologia osserva:

"Non puoi vederle, gustarle o odorarle, ma sono una delle più pervasive forme di inquinamento degli stati industrializzati: sono le onde elettromagnetiche legate alla tecnologia delle reti wireless ed alla telefonia mobile. Queste tecnologie hanno portato dei benefici, ma provocano effetti sulla salute umana. Nuovi studi, infatti, evidenziano sia fra gli scienziati sia tra l'opinione pubblica possibili rischi associati ai campi elettromagnetici".

Queste affermazioni sono tratte da un rapporto risalente all'agosto 2007 e firmato da 14 scienziati che evidenziano l'impatto delle radiazioni non ionizzanti sugli organismi umani, in particolar modo sul cervello. Il libro bianco, comprendente 600 pagine, è intitolato: BioInitiative report, a rationale for a biologically-based public exposure standard for electromagnetic fields (E.L.F. and R.F.). Si veda BioInitiative report.

Ciascuno di noi è esposto ad una dose eccessiva di onde elettromagnetiche irradiate soprattutto dalle stazioni radio-base e dalle torri che emettono microonde. Il Dottor Hebermann, che considera i telefoni cellulari un potenziale rischio per la salute, ha stilato un decalogo con le precauzioni da seguire, quando si usano questi congegni.

1 Non consentite ai bambini di usare il cellulare, se non in caso di reale emergenza. Gli organi, che devono ancora svilupparsi di un feto o di un bambino sono quelli più facilmente vulnerabili alle onde elettromagnetiche.

2 Quando impiegate il cellulare, tenetelo lontano dalla testa il più possibile.

3 Ricorrete al vivavoce o a sistemi simili.

4 Evitate di adoperare il cellulare in luoghi come gli autobus, dove potete esporre altre persone alle radiazioni.

5 Non tenete il cellulare acceso a contatto del corpo: non tenetelo sotto il cuscino o vicino alla testiera del letto in cui dormite. Questo vale soprattutto per le donne incinte.

6 Se siete costretti a tenere il cellulare acceso indosso, assicuratevi che sia collocato con la parte posteriore verso l'esterno.

7 Usate il cellulare solo per comunicazioni brevi e cambiando orecchio ogni trenta-quaranta secondi. Per conversazioni lunghe, ricorrete ad un telefono fisso, non ad un chordless (telefono senza filo) che si basa su una tecnologia molto simile a quella della telefonia mobile.

8 Evitate di usare il telefono quando il segnale è debole o quando vi muovete ad alta velocità, ad esempio, in automobile o in treno, poiché in tali circostanze la potenza tocca picchi elevati, non appena il cellulare si collega ad un ripetitore di segnale.

9 Quando possibile, usate altri sistemi per comunicare.

10 Scegliete uno strumento con S.A.R. basso (S.A.R. è sigla che sta per Specific absorption rate, ossia livello specifico di assorbimento che è la misura dell'intensità del campo assorbito dall'organismo). Compiendo una ricerca sulla Rete, è possibile sincerarsi del S.A.R. del proprio apparecchio. Scrivete "Livello S.A.R. dei telefoni cellulari
".

Traduzione a cura di Zret. Leggi qui l'articolo in inglese.


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

Aggiorna Tanker Enemy nei tuoi preferiti. D'ora in poi questo blog è raggiungibile digitando http://www.tankerenemy.com/

TANKER ENEMY TV: i filmati del Comitato Nazionale

FIRMA LA PETIZIONE PER ABOLIRE IL CANONE RAI

32 commenti:

  1. Rispondo qui a Mike, perché non trovo il testo a margine del quale è stato inserito il commento. La situazione da te descritta potrebbe paradossalmente essere positiva, indicando un attrito tra i potenti. Può anche essere che colui, essendo un demonio, sia immune. Forse ormai non possono più interrompere neppure di fronte alle celebrazioni degli ierofanti mitrati per motivi che ignoriamo.

    Ciao

    RispondiElimina
  2. Parlando via chat col presidente italiano del comitato anti scie chimiche, aka straker (www.tankerenemy.com), ho fatto una riflessione sul perke' come "missione" interiore ho deciso di mettere in piedi il seguente portale opensource

    http://chemtrail.dyndns.org

    La molla che ha fatto scattare in me questa pazzia e' dovuta alla paura, che dall'oggi al domani, i canonici isp (internet server provider) possano decidere di cancellare eventuali server remoti di hosting scomodi. Immaginate lo scenario : nei server dell'arizona dove risiede il server www.tankerenemy.com ( verifica effettuata attraverso questo link http://www.ormag.net/viewitem.php?uid=sc&action=whoislookup&domain=tankerenemy.com ) si decide che cio' che viene pubblicato non deve piu' essere detto. Cancellano il disco virtuale e addio sito. Mi si obbiettera' che gli hosters saranno stati cosi' lungimiranti da creare un backup del sito e che possono ritirarlo su da un'altra parte.....ma se viene emanata una legge che certi argomenti non possono piu' essere hostati? siamo ad un passo da tutto cio'. L'informazione, che a noi pare tanto libera puo' essere distrutta in men che non si dica. Dobbiamo cercare di evitare tutto questo. Come? passando da semplici attori passivi della rete ad attori attivi. Il che significa che ognuno di noi puo' rendere eterne le proprie notizie e i propri argomenti. Esempio: c'e' la possibilita' di effettuare dei cluster di computer che fanno fede ad un'unica macchina virtuale. ci sono 10 computer in rete, io ed altri 9, e tramite linux possiamo rendere queste 10 macchine una sola, proiettata su internet. Non abbiamo bisogno di pagare domini, i quali prima o poi saranno costretti dall'ordine costituito (o nuovo ordine) a generare il repulisti.

    Quello che da solo, su un'unico pc di dieci anni fa, sono riuscito a fare e' un portale con i seguenti strumenti.

    # uno spazio dove poter commentare post
    # uno spazio dove poter partecipare ad un forum ed uplodare avvistamenti audio/video
    # uno spazio dove poter effettuare audioconferenze tipo skypecast (ma senza la scadenza a tempo) installando il software opensource "teamspeak"
    # uno spazio di svago dove poter accedere ad un sistema di download tipo emule, ma senza l'onere di dover condividere banda in upload e senza dover installare niente (se non java routime enviroment)
    # uno spazio dove poter ascoltare in stream audio-libri creati con un programma tts (lettura del testo) che rende la lettura molto simile alla voce umana.

    Tutto cio' utilizzando i potenti strumenti che l'opensource mette a disposizione di tutti, ma soprattutto, SENZA avere un dominio registrato a pagamento. Il che vuol dire che i dati risiedono tutti sui miei server casalinghi, al riparo da mani occulte. Se tutti noi, cominceremo a condividere la conoscenza in questo modo, riusciremo a ripararci un po', o meglio, a resistere, all'immane attacco che l'informazione libera ancora residente sulla rete, fra poco comincera' a subire.

    Spero che tutto cio' possa dare un contributo all'immenso lavoro che straker e fratello stanno eseguendo per il bene dell'umanita' tutta. Spero che il loro, e il mio sforzo, e quello delle migliaia di persone che stanno combattendo la battaglia dell'informazione sulle scie, haarp, e le nanomacchine in tutto il mondo, possa generare genuina consapevolezza sullo stato delle cose. Dobbiamo fermarli, costi quel che costi.

    Un abbraccio a tutti

    P.S
    Per quelli che sono interessati a creare il proprio server web attraverso linux e dyndns, dobbiamo mettere a punto con straker un luogo d'incontro virtuale dove poter dare delle dritte a riguardo. Per adesso state sintonizzati sul portale sopracitato, e per chi vuole avere delle anticipazioni , puo' entrare nella stanza di conferenza audio tramite teamspeak. Li' potro' dare delucidazioni a riguardo.

    oseido

    RispondiElimina
  3. spiegatemi bene, stavolta non hanno interrotto le irrorazioni nemmeno in presenza di sua eminenza B 16 (il papa) e S.B. (l'imperatore)?

    ciò significa forse che non possono permettersi più neppure un buco altrimenti ...

    RispondiElimina
  4. Corrado, risulta proprio così.

    Oseido, sono questioni tecniche in cui non sono ferrato. Delego ad altri la risposta.

    Ciao

    RispondiElimina
  5. Ciao Zret, lo posto anche qui.

    @Zret

    quindi anche la teoria che questo sarà l'ultimo papa trova pesanti indizi.

    Non sono esperto in materia, mi limito ad analizzare quotidianamente il cielo, a divulgare la situazione e a guardare gli sguardi perplessi dei miei figli che sanno da me che il cielo blu prima esisteva ed ora non più.

    Se riuscissi a trovare un motivo umano che causa tutto questo, sarei più sereno.

    Non so cosa dirgli e mi sento profondamente frustrato.

    Continuiamo così, tutti...non possiamo mettere la vita nelle mani di questi Orchi.

    Un padre venderà cara la pelle dei propri figli.

    RispondiElimina
  6. @ Mike

    Neanche la visita di B16 e Silvio B. ci ha regalato una giornata di cielo "vero". A questo punto un'ulteriore considerazione: se, come credo che sia, per ovvie e dichiarate questioni di sicurezza il traffico aereo sulla città (e forse sulla regione intera) oggi è stato senz'ombra di dubbio fortemente ridotto (non so se totalmente annullato sino a stasera), perchè il viavai di aerei che rilasciano scie non si è interrotto e, anzi, è diventato particolarmente consistenze dal primo pomeriggio? di che aerei si tratta? e le misure di sicurezza?

    Sarebbe bello avere delle risposte. Rosario cosa ne pensi?

    RispondiElimina
  7. Confermo il sorvolo continuo della città da parte di aerei non identificati e soprattutto leggo su sardegnaoggi.it che durante la visita del papa "tutti gli aerei non sorvoleranno la Basilica di Bonaria".
    Ma quando mai gli aerei possono sorvolare la città?
    Il corridoio di discesa verso la pista di Elmas corre parallelo a viale Diaz che ha alle spalle la Basilica di Bonaria.

    I cagliaritani che volano spesso sanno perfettamente che non si sorvola mai la chiesa in oggetto.
    Si trova in pieno centro cittadino.

    Evidentemete i militari possono fare quello che vogliono in barba ai divieti di sorvolo dei centri abitati.

    Personalmente ho contato 25 passaggi dalle 9 alle 16 ma ovviamente non posso dire che non fossero molti di più.

    RispondiElimina
  8. Caro mike, secondo le profezie di malachia questo è il penultimo papa, e devo dire che l'abbate in questione ha fatto centro fin troppe volte. A questo punto spero che sloggi il più presto possibile dal vaticano.

    Cmq la mia impressione è che sia il papa che i tanti piccoli leader che si credono imperatori siano dei Kapò piuttosto che dei capi.

    Credo che qualcuno al di sopra di loro abbia promesso alcune cose, e che le abbia mantenute per un certo tempo.

    Adesso dopo essere rimasti invischiati nella ragnatela dei compromessi (dopo avere garantito la necessaria copertura alle operazioni) non si possono tirare più indietro e si trovano anche loro ogni tanto a respirare merda, bevendosi tutta una serie di spiegazioni da parte dei superiori che diranno loro quanto questo sia indispensabile per la sopravvivenza stessa del potere che loro (papi ed imperatori) esercitano sulla terra.

    Che vadano in malora

    RispondiElimina
  9. Credo che Corrado abbia ragione per quanto riguarda le promesse fatte agli intermedi che si credono invece dei capi supremi: le promesse, in certi ambienti, non durano mai per sempre, dovrebbero saperlo bene loro.
    Mike, per quanto possa essere utile, non sentirti frustrato perchè è vero che a livello pratico si è impotenti ma almeno la tua coscienza (come quella di tutti coloro che stanno facendo qualcosa per combattere) sta affrontando la situazione con onestà e a testa alta: ci sono quelli che ai figli mentono raccontandogli chissà quali balle per un po' di denaro e per coprire i loro capi, i quali non sono messi meglio di noi...anche a loro, infatti, irrorano schifezze sulla testa senza pietà, vedi Pontefice & C.
    Un saluto a tutti.

    RispondiElimina
  10. The sprayer [V] (chemtrails personalized aerosol)

    Classica pisciatina sulla verticale di casa mia. Non proviene dal motore, ma da un punto sotto la fusoliera o sul lato destro sub-alare.

    CONTRAILS?

    RispondiElimina
  11. sono stato fuori casa 3 minuti per buttare la spazzatura ed ho visto prima un aereo e poi altri 3 che volavano bassi nel cielo notturno

    difficile vedere se rilasciavano scia ma dal momento che due si sono incrociati passando a distanza ravvicinata restano pochi dubbi, il normale traffico civile non si comporta così

    di giorno vedo molti aerei che volano bassi ma non emettono scie, ma anche loro sono molto sospetti, anche perchè nelle due occasioni in cui i voli chimici sono stati temporanemante sospesi (per una mezza giornata) anche questi aeroplani scomparivano

    da quello che vedo stanno diversificando il loro modo di agire cercando di camuffarlo; intensificazione a dismisura dell'irrorazione notturna, utilizzo di aerei a bassa quota che rilasciano trimetilalluminio (e chissà cos'altro) dai gas di scarico del motore

    a tutto ciò si aggiunge l'utilizzo dei voli civili (sia per i soliti additivi metallici ai carburanti, che forse in taluni casi per specifiche irrorazioni)

    Come dire, abbiamo colpito nel segno ma loro sono corsi abilmente ai ripari. Voglielo a spiegare alla gente che deve osservare attentamente il cielo notturno.

    PS: ci sono mezzi per rilevare in notturna le scie oltre al laser?

    RispondiElimina
  12. Ciao Corrado, come avrai notato dal video, alcuni tipi di irrorazione non si notano ad un esame superficiale del velivolo ripreso. Tantomeno ad occhio. Invece, se trattiamo le immagini, ecco che appaiono sottili spruzzi provenienti da idonei ugelli (sopra casa mia è un classico).

    Quindi, anche quei velivoli che sembrano non rilasciare alcunché, evidentemente disperdono qualcosa. Non si spiegherebbero infatti le basse quote di volo, visto il consumo superiore e gli alti costi del carburante e le ricadute dal punto di vista delle patologie riscontrate nella zona nei giorni seguenti.

    Questi velivoli sorvolano bassi e lenti. Perché? Leggiamo le indicazioni sul fuel dumping, che deve essere eseguito a quote elevate ed a velocità superiori ai 500 km/h. Ciò per diminuire l'impatto ambientale su una singola area (velocità elevata) e per far sì che il carburante nebulizzato non ricada al suolo, ma si disperda in atmosfera (quote elevate).

    Si comprende allora perché gli "aerei chimici" volano a quote basse ed a basse velocità. Ed il fatto che non si veda spesso cosa spruzzano è motivo di particolare preoccupazione. Infatti, se disperdono trimetilalluminio, questo si evidenzia come "contrail artificiale", ma se diffondono altre schifezze, non è detto che queste siano subito evidenti. Tra gli altri vi sono sicuramente i pesticidi, in abbinamento a virus, batteri, funghi geneticamente modificati.

    Per le ore notturne ci vogliono videocamere con illuminatori all'infrarosso, assai costose. Idem se vogliamo solo osservarli (e non riprenderli) con binocoli di derivazione militare altrettanto costosi. Ad ogni modo, nelle notti di luna piena, le scie si vedono eccome anche senza strumenti particolari!

    RispondiElimina
  13. @ ginger

    grazie per il supporto ginger, hai scritto una cosa sacrosanta: "ci sono quelli che ai figli mentono raccontandogli chissà quali balle per un po' di denaro e per coprire i loro capi"

    Io per ovvi motivi cerco di non stressare più di tanto i miei figli perché hanno diritto ad avere una vita spensierata.

    Ho spiegato loro cosa sono gli aerei bianchi che rilasciano sempre quelle scie e che sicuramente fanno qualcosa di fuorilegge...e gli dico che prima o poi smetteranno.

    Periodicamente mi prende lo sconforto...ma mi serve per ricaricare le batterie e tornare più combattivo di prima.

    I crimini di tale fattura non resteranno impuniti.

    In questo istante ho dato uno sguardo fuori dalla finestra e ho visto almeno 4 aerei sopra la citta, zona interdetta al volo, che stagliavano le loro scie di morte impunemente.

    Sembrerò logorroico ma lo devo dire e testimoniare:

    OGGI NON SI SONO FERMATI UN ATTIMO E CONTINUANO...

    RispondiElimina
  14. @ straker

    Sei un grande!
    Bellissimo il video, continua così.

    RispondiElimina
  15. Ciao Mike... domanda stupida. Sulla base del fatto che la vostra area è interdetta al volo, hai provato a rompere i marroni al Sindaco? Ci vorrebbe pure un esposto. Prova a costituire un comitato di cittadini ed andate a rompere gli zebedei a quei mantenuti del comune (Vedi assessore per l'ambiente).

    RispondiElimina
  16. Oraganizzatevi. Dipingete delle scritte su grandi striscioni e metteteli sui balconi delle case.

    RispondiElimina
  17. La salute è un diritto e non bisogna aver paura di gridare il proprio diritto ad una vita senza veleni.

    RispondiElimina
  18. Ottima idea, cercherò di svegliare più gente addormentata che posso e ci organizziamo!!!!

    RispondiElimina
  19. Avete visto l'iniziativa di un blogger tedesco che ha comprato manifesti per pubblicizzare le scie informando la gente del suo paese?
    Si trova nel blog http://scie-chimiche.blogspot.com/ alla data 31 luglio. Dateci un'occhiata! Varrebbe la pena ripeterla da noi..

    RispondiElimina
  20. In tutti questi commenti , non ne esiste uno in risposta all'argomento sull'inquinamento elettromagnetico e uso dei cellulari , anche i telefonini fanno male come le scie chimiche , ma dato che li usano tutti nessuno ne parla, una volta non si usavano , e si viveva ugualmente, con la loro diffusione massiccia in questi anni, si sono visti aumentare impianti di telefonia mobile che servono anche per le scie, non vi
    pare che se non si usassero i cellulari ai padroni del cielo metterebbe piu' male , fare i loro sporchi comodi ? e come me che non uso il cellulare , mi debbo assorbire con una distanza di venti metri circa ,un'impianto di telefonia mobile e relative onde elettromagnetiche per gli altri che usano il telefonino ! anche questo e' un gravissimo inquinamento ambientale ,sulla natura e l'uomo , quindi si dovrebbe incominciare a fare delle scelte, incominciando a dare il buon esempio ,non usando piu' il cellulare, e a
    chiedersi giornalmente, cosa sto facendo per me e per gli altri oggi ? le scie si vedono e ci vengono somministrate contro il nostro volere , ma il telefonino
    lo volete , ed oltre a far male a voi stessi fa male anche a chi vi sta a fianco ,Pensateci ! Ciao Giovanna

    RispondiElimina
  21. Fallita miseramente l'iniziativa di protesta in Sardegna. Ma la gente che fa? Basta scrivere, bisogna AGIRE!!


    Cari membri del Comitato,

    La manifestazione di protesta e informazione per le strade della città e dei paesi della Sardegna che avevamo
    previsto per questo mese di settembre 2008, purtroppo

    NON SI SVOLGERÀ.

    La motivazione è una e una sola: non ci sono state sufficienti adesioni!

    A fronte di un numero di iscritti al comitato che continua a salire (ad oggi 4 settembre siamo 380), le adesioni
    all’importante iniziativa sono state soltanto 18.
    Lungi da giudicare le persone, crediamo che una manifestazione come quella proposta debba avere un carattere
    eclatante, altrimenti è meglio rimandarla.
    Ognuno conosce, o dovrebbe conoscere, le ragioni del proprio agire. Perciò crediamo e speriamo che la causa
    della mancata partecipazione sia dovuta a motivi personali. Non tutti siamo capaci e abbiamo la possibilità di scendere
    in piazza e affrontare la gente, le critiche e l’evidenza dei nostri cieli. Quato lo sappiamo e non è un peccato.

    Ma purtroppo, il fallimento è l’ennesima prova che siamo ben lontani dal raggiungere l’obiettivo dell’unità di
    intenti. E chi compie le criminali operazioni di irrorazione chimiche questo lo sa, e su questo fa conto. Mentre
    continuano a spargere veleno.

    Così, la speranza è di raggiungere presto i tempi e la maturità perché in tanti capiamo che è ora di muoverci.
    Per il bene di tutti.

    Rinviamo la manifestazione ad altra data, tutta da decidere, ma continueremo a informare tramite il sito di ciò
    che avviene sui cieli della Sardegna. Continuate a mandarci foto e testimonianze. Sono fondamentali!

    Sperando ancora che tutto ciò ci serva di lezione.

    Grazie di cuore a tutti.

    Il Comitato Regionale per la Sensibilizzazione sulle scie chimiche

    www.sciesardegna.it

    RispondiElimina
  22. Giovanna, personalmente non uso più il cellulare e ritengo che i pericoli invisibili siano maggiori di quelli visibili. Il decalogo del Dottor Herberman è de facto un affossamento della telefonia mobile, ma ricorderei che le antenne spesso non servono alle telecomunicazioni, ma ad altri scopi, come il controllo mentale.

    No ai cellulari e no alle scie.

    Ciao

    RispondiElimina
  23. Buongiorno,
    intanto vi confermo scie nei cieli di Roma...schifo schifo schifo!!!
    Ciao Ragazzi continuate così...!!!

    RispondiElimina
  24. Ciao Cosmino. Vedi, io temevo che così sarebbe andata. le persone non hanno ancora compreso che qui si tratta della nostra pellaccia. E' inutile che poi si lamentino quando è troppo tardi. Bisogna agire e non ci si può affidare alle iniziative di pochi (armiamoci e partite). Questa è una guerra contro degli assassini e va combattuta in prima persona. La paura va sconfitta, perché è sulla paura che si basa tutta l'operazione. Se non ci si da una mossa qui ci fanno fuori.

    RispondiElimina
  25. ciao a tutti , stamattina ho letto un articolo vomitevole sulle scie chimiche su ilmeteo.it , a voi le considerazioni , intanto stamattina qui in provincia di torino cielo azzurro completamente velato da schifezze chimiche e striature varie con via vai di aerei che neanche a malpensa... grazie per quello che fate ragazzi, continuate così

    RispondiElimina
  26. E' inutile che la menano con quegli schifosi scartafacci. Lo abbiamo capito tutti che sono coinvolti.

    RispondiElimina
  27. Ho letto che tra le varie cose si parlava di irrorazioni parzialmete invisibili. Hanno modificato il loro modo di irrorare, questo è palese. Sono molto più accorti ora.

    In alcuni giorni però devono avere necessità di irrorare pesantemente e se fregano di camuffare le scie.

    La scorsa settimana ad esempio sui cieli di Pescara sono passati 4 e dico QUATTRO aerei in formazione ravvicinata (due avanti e due dietro) che rilasciavano scie, direzione nord sud, paralleli alla costa. Mai vista prima una cosa simile. Purtroppo non avevo la fotocamera con me.

    Spero che presto o tardi paghino per tutto quello che stanno facendo.

    Ciao e grazie per il vostro immenso lavoro ragazzi.

    RispondiElimina
  28. Sono sempre più spudorati. hanno dalla loro i venduti come attivix e soci e la noncuranza della gente che non capisce un becero niente di quello che sta inconsapevolmente subendo. E' solo questione di tempo, comunque e prima o poi quei bastardi pagheranno: attuatori, esecutori e collaboraionisti.

    RispondiElimina
  29. Giovanna, tu hai ragione. Ad ogni mdo è bene sapere che la telefonia mobile così come i servizi wireless sono una copertura. Frammiste ad antenne comunque dannose per il sistema immunitario ed il cervello, oltre che per le piante (mutazioni genetiche incluse), sappiamo che sono installate ovunque antenne militari che lavorano in sinergia con le scie chimiche. Niente scie chimiche, niente onde emf, elf ed ulf. Niente antenne militari, niente scie chimiche. E' basilare lottare contro entrambe le minacce, ma l'una non esclude l'altra, per cui, in qualsiasi direzione noi ci orientiamo, lottiamo comunque sia contro le antenne sia contro le chemtrails, che senza antenne non servirebbero quasi a nulla. La modificazione climatica ed anche il controllo mentale fanno uso di entrambi questi sistemi d'arma.

    RispondiElimina
  30. In tutti questi commenti , non ne esiste uno in risposta all'argomento sull'inquinamento elettromagnetico e uso dei cellulari , anche i telefonini fanno male come le scie chimiche , ma dato che li usano tutti nessuno ne parla, una volta non si usavano , e si viveva ugualmente, con la loro diffusione massiccia in questi anni, si sono visti aumentare impianti di telefonia mobile che servono anche per le scie, non vi
    pare che se non si usassero i cellulari ai padroni del cielo metterebbe piu' male , fare i loro sporchi comodi ? e come me che non uso il cellulare , mi debbo assorbire con una distanza di venti metri circa ,un'impianto di telefonia mobile e relative onde elettromagnetiche per gli altri che usano il telefonino ! anche questo e' un gravissimo inquinamento ambientale ,sulla natura e l'uomo , quindi si dovrebbe incominciare a fare delle scelte, incominciando a dare il buon esempio ,non usando piu' il cellulare, e a
    chiedersi giornalmente, cosa sto facendo per me e per gli altri oggi ? le scie si vedono e ci vengono somministrate contro il nostro volere , ma il telefonino
    lo volete , ed oltre a far male a voi stessi fa male anche a chi vi sta a fianco ,Pensateci ! Ciao Giovanna

    RispondiElimina
  31. A causa di un disguido tecnico, il tuo commento è stato cancellato, ma l'abbiamo recuperato. Lo trovi in calce all'area commenti, a firma Zret.

    Giovanna, sono un neoluddista moderato, ma neoluddista.

    Ciao

    RispondiElimina
  32. Giovanna, per cortesia, se vuoi riposta il Tuo commento. Ciao!

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis