lunedì 19 novembre 2007

Scie chimiche - Le patologie correlate (il video)

Quali sono le malattie che si possono correlare alle scie chimiche?

E' noto che le chemtrails contengono elementi chimici e biologici dannosi. E' quindi possibile collegare il massiccio spargimento di vari veleni nell'ambiente sia all'insorgenza di nuove patologie sia all'incremento di malattie un tempo meno diffuse.

Una sindrome causata dalle scie chimiche è il Morgellons, un terribile morbo che si manifesta con fibre di materiali sintetici che fuoriescono dalla pelle. Questi filamenti, contenuti nelle scie chimiche, al loro interno ospitano nanostrumenti in grado di replicare il D.N.A. di insetti, virus, parassiti con cui vengono a contatto. Ecco perché la malattia insorge di solito in seguito alla puntura di un insetto.

Il Morgellons, caratterizzato da un prurito insopportabile, provoca un grave deperimento dell'organismo. La connessione tra scie chimiche e Morgellons è stata appurata da vari medici tra cui la dottoressa Hildegarde Staninger, il dottor Michael Castle, il dottor Edward Spencer, il dottor Karyo.

Poiché, con le chemtrails, sono sparsi vari metalli (l'alluminio, il bario, il piombo etc.), si diffondono sempre più malattie come il Parkinson e l'Alzheimer. La causa del Parkinson è probabilmente da ricercarsi nell'accumulo di metalli nell'encefalo. Anche il Parkinson, sebbene se ne sospetti un'origine genetica, è legato presumibilmente all'accumulo di metalli nel cervello.

Il bario è un veleno che attacca soprattutto i muscoli, cuore compreso. Può essere all'origine di ictus a loro volta legati alla fibrillazione atriale ed all'infarto miocardico.

Molte forme tumorali (ad esempio i linfomi) sono connesse all'uranio e all'etilene dibromide, quest'ultimo è un insetticida ufficialmente bandito negli Stati Uniti. Se assorbito dall’organismo, può causare danni al sistema nervoso, edemi polmonari e sintomi quali dispnea, ansia, affanno, tosse. È molto irritante per le mucose e le vie respiratorie.



Il dottor Donald Scott ritiene che la fibromialgia, l'Alzheimer, la sclerosi multipla, l'encefalomielite mialgica (o sindrome da affaticamento cronico), insieme con altre affezioni neurosistemiche, siano la conseguenza dell'aggressione del micoplasma, un batterio che è stato geneticamente modificato in vari laboratori canadesi e statunitensi e quindi sperimentato sulle popolazioni inconsapevoli. I micoplasmi sono stati e vengono sparsi - ricorda Scott - soprattutto con gli aerei.

Lo studioso Tom Montalk ha individuato nelle chemtrails vari batteri: lo Pseudomonas eruginosa, Enterobatteri e la Serratia marcescens.

Lo Pseudomonas eruginosa è un batterio che è stato modificato geneticamente da aziende come la Pathogenesis. Se inalato, può provocare immunodepressione e danni alle cellule in cui si insedia come ospite.

Gli Enterobatteri sono microorganismi comprendenti l’Enterobatterio coli, la salmonella e la Klebsiella, responsabile della polmonite.
La Serratia marcescens è un patogeno molto pericoloso che determina l’insorgenza della polmonite. Questo batterio, come emerge da documenti declassificati, fu sperimentato nel 1950 sulla popolazione, ovviamente inconsapevole, di San Francisco: causò vari decessi.

Altri disturbi ed affezioni meno gravi, ma non per questo da trascurare sono dovuti all'inalazione ed alla ingestione di elementi chimici e biologici di varia natura: depressione, annebbiamento mentale, stipsi, sindromi para-influenzali, stanchezza cronica, difficoltà di concentrazione, amnesie...

Un altro capitolo è costituito dalle patologie causate dalle intense e costanti emissioni elettromagnetiche inquadrabili in un piano di potenziamento delle trasmissioni a fini militari. Il Professor Levis elenca le principali sintomatologie connesse all'irradiazione di onde elettromagnetiche. Queste si possono riassumere nei seguenti problemi: sintomi cutanei (prurito, eritemi, allergie); del sistema nervoso (disturbi del sonno, ansia, cefalee, emicranie, sindromi depressive...); del sistema muscolare (crampi, dolori muscolari, astenia); del sistema cardiovascolare (aritmie, disturbi della pressione arteriosa, ictus); del sistema ormonale e di quello immunitario (riduzione della sintesi della melatonina, alterazioni delle popolazioni linfocitarie); del sistema riproduttivo (aborti spontanei); del sistema acustico (tinniti), visivo, olfattivo, digestivo. L'esposizione alle radiazioni non ionizzanti è reputata da molti scienziati all'origine di neoplasie, soprattutto leucemie.

12 commenti:

  1. Bellissimo Video Straker!
    I miei più grandi complimenti!

    lo scempio continua.

    RispondiElimina
  2. Condivido tutto quello che dici e lo verifico quotidianamente: avendo a che fare con molta gente mi accorgo anche dei cambi di comportamento in funzione di quando e quanto spruzzano, anche la mia nonna che ha 87 anni i giorni in cui spruzzano massicciamente inizia a stare male.
    Ultimamente si diffuso un virus in testinale che io non ho preso, il fatto strano è che tutti hanno manifestato i sintomi del medesimo proprio il giorno dopo una intensa attività di irrorazione. Io penso di non averlo preso per tre motivi: uno stile di vità particolarmente sano, il fatto che la casa dove vivvo è altamente orgonizzata, perchè con la meditazione sto riattivando la mia merkaba e poi la consapevolezza.
    Il bello che parlando con le persone riesco ad indovinare i sintomi e quando gli sono iniziati ogni volta che si verifica qualche problema e mi danno del guro.
    Ora poichè si tanno rendendo conto di quello che dico avrei bisogno di molti filmati che in maniera ordinata spiegassero.....stanno tutti prendendo coscenza, non potrresti mettere tutto il materiale che produci scaricabile e masterizzabile come hai fatto per i primi tre filmati. Ho anche iniziato delle cene incontro sul problema ma le immagini sono più forti delle parole.
    Ciao fammi sapere.

    con stima

    acquadueò

    RispondiElimina
  3. Ciao carissimo. Grazie per le utilissime informazioni.

    Riguardo alal condivisibilità dei filmati, resta semre lo scoglio di un server che mi permetta di mettere on line files di grandi dimensioni, senza limiti di banda.

    MydataBus è un disastro e non trovo altri servers gratuiti decenti. Se ti colleghi con skype, ti posso iniziare ad inviare qualcosa (utente: Straker61).

    RispondiElimina
  4. Acquaemotion scrive...

    Bellissimo Video Straker!

    Grazie! Speriamo serve allo scopo.

    RispondiElimina
  5. Marchino, ormai anch'io sono considerato un guru della meteorologia, però. Prevedo che non pioverà e, in effetti, poi non piove. Se sapessero il segreto del mio spirito profetico... Ma come? Obiettano, con tutte queste nuvole nere non pioverà? No, rispondo. Neanche una goccia... come vorrei sbagliarmi.

    Ciao!

    RispondiElimina
  6. Scusate il mio post è pieno di errori di ortografia, la fretta è una brutta bestia.
    Sto finendo di leggere alcuni libri sull'orgonica e la meteorologia appena li ho finiti comincio a costruire qualcosa per cercare di far piovere.
    Quanto a skype appena posso mi connetto. In questo periodo sono un po' impegnato.

    ciao

    RispondiElimina
  7. Marchino, facci sapere qualcosa per la pioggia. Credi che diffondere l'orgonite possa essere utile, anche in presenza di massiccia irrorazione?
    Conosci altri metodi? Qui non piove da mesi, anzi da anni in modo significativo. Attendiamo tue nuove.

    Ciao e grazie.

    RispondiElimina
  8. Ciao a tutti a me questa roba che piove dal cielo provoca tantissimi disturbi e scombussolamenti fisiologici, oltrechè dei mal di testa atroci che si accaniscono per delle settimane intere... Volevo chiedere alcune cose: 1) Questi veleni che vengono sganciati dagli aerei, vengono inalati per via respiratoria solamente, oppure anche assorbiti dai pori della pelle? 2) Quanto ci mettono all'incirca per cadere in terra rispetto al momento dell'irrorazione? 3) E' logico aspettarsi che la cautela, quando si esce di casa, nel coprirsi il corpo con degli indumenti super impermeabili (tipo PVC), venga vanificata dal fatto che le contaminazioni comprendono anche tutta la materia commestibile vegetale e quindi vengono inevitabilmente assunte nell'alimentazione di cibi contaminati? Ci sono degli accorgimenti con i quali è possibile scongiurare questo problema? Lavando la roba fresca con acqua e bicarbonato si risolve qualcosa? Grazie mille a chi potrà darmi delle indicazioni. Cristi

    RispondiElimina
  9. Ciao Cristina, a prescindere dalle varie schifezze disperse con quegli aerei che volano sulle nostre città a bassa quota, il solo prodotto della comubustione di carburanti additivati con speciali composti chimici cancerogeni ha l'effetto di centinaia di inceneritori volanti. Le particelle incombuste sono dell'ordine di 1 pm, per cui filtrano anche attraverso i pori della pelle e non c'è mascherina che tenga. Ovviamente il tutto ricade su ortaggi, frutta, acqua, etc.

    Lavare la verdura ed altri cibi con acqua e bicarbonato è una buonissima precauzione. per lo meno si eliminano parte degli "inquinanti" che li contaminano quotidianamente.

    Le particelle "autolevitanti" disperse rimangono in quota poche ore ed è per questo che le operazioni di aerosol vengono ripetute di continuo.

    Ciao e grazie!

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis