venerdì 26 settembre 2008

Il dominio del tempo meteorologico come arma

Pubblichiamo un breve estratto dal saggio scritto a quattro mani da Umberto Rapetto e Roberto di Nunzio che, pur non addentrandosi nei meandri diabolici dei progetti militari, offrono una vaga idea dell'enorme potenza detenuta dal Ministero della "difesa" statunitense. Come spesso abbiamo ripetuto, le finalità di manipolazione meteorologica e, in parte, climatica, delle scie chimiche sono una copertura per piani molto più sinistri o, al limite, un aspetto secondario dell'operazione. Se possibile, daremo conto del progetto di dominio globale concepito dal Dr Stranamore, incentrato in primis sulla propaganda. Questa propaganda mira soprattutto a convincere l'opinione pubblica che sismi, maremoti, siccità, alluvioni etc. sono o fenomeni naturali o calamità dovute all'insipienza degli uomini, laddove temiamo che molti flagelli che hanno recentemente colpito varie nazioni (terremoti , tsunami, cicloni) siano da attribuire a H.A.A.R.P. e ad altri perniciosi sistemi d'arma. Non si può escludere che per eventuali problemi futuri (ad esempio, le interruzioni di energia elettrica) saranno chiamati in causa tempeste solari o anomalie del campo magnetico terrestre (manifestazioni comunque reali, ma forse non così disastrose, a differenza di quanto riportano interessati media di regime), mentre potrebbero essere gli stessi globalizzatori a provocare e ad aver provocato catastrofi innaturali. Si accusano sempre la natura e l'umanità, mentre distruzione e morte sono volute e decise dall'alto, in modo "scientifico". Da sottolineare che la cooperazione tra Stati Uniti ed O.N.U., citata nel documento, rivela la natura pericolosa delle Nazioni Unite, da intendersi come il cavallo di Troia del Nuovo ordine mondiale.

Si ringrazia il gentilissimo Dottor Ginatta per la segnalazione del libro Le nuove guerre, Roma, 2001.



"Il Pentagono ha recentemente pubblicato un libro bianco intitolato Weather as a force multiplier: owning the weather in 2025 (Il tempo come moltiplicatore di forza: essere padroni del tempo entro il 2025). Nel rapporto si legge che la tecnologia di inseminazione delle nuvole consente la produzione ed il rafforzamento di condizioni temporalesche.

Questo documento, altamente speculativo (sic), curato da un think tank militare, soprannominato Air Force 2025 support staff, dispiega una varietà di applicazioni militari da far tremare i polsi.

- Modifiche del tempo che creano fenomeni atmosferici di piccola e media scala e che migliorano la posizione tattica delle proprie truppe, degradando, nel contempo, quelle del nemico.

- Innesco di temporali, inseminando le nubi per via aerea.

- Generazione o dissipazione della nebbia, usando tecniche energetiche dirette.

- Varie tipologie di armi a raggi: laser, microonde, frequenze radio.

Chi si contenta di un assaggio può scoprire che, nel 2025, le Forze aerospaziali U.S.A. potranno avere il dominio del tempo, capitalizzando le tecnologie emergenti finalizzandole alle applicazioni belliche. [1]

Una tale proprietà offre al combattente degli strumenti per plasmare il campo di battaglia in modi mai prima possibili [...] Negli U.S.A. la modifica del tempo entrerà probabilmente a far parte delle politiche di sicurezza nazionale con applicazioni sia nazionali sia internazionali. "Il nostro governo perseguirà una tale politica, in funzione dei propri interessi, a vari livelli. Si possono includere azioni unilaterali, partecipazione ad organismi di sicurezza quali la N.A.T.O., ad organismi internazionali quali le Nazioni unite, ad una coalizione o alleanza".

[1] Da osservare che il documento presenta come obiettivo ciò che, invece, è realtà da molti decenni, ossia il controllo del tempo e l'asservimento pressoché totale dell'umanità, conseguito con le tecnologie più sofisticate e con la connivenza dei media.



Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!
Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.


Aggiorna Tanker Enemy nei tuoi preferiti. D'ora in poi questo blog è raggiungibile digitando http://www.tankerenemy.com/

TANKER ENEMY TV: i filmati del Comitato Nazionale

CHEMTRAILS DATA

40 commenti:

  1. http://www.youtube.com/watch?v=UhoqdGgpg7o
    Al minuto 4:46 la scia di condensa s'interrompe per qualche istante:anche qui ci sono le prove di una irrorazione!Già nel passato, non solo ora!Questa è una prova fondamentale carissimo Straker!
    Forza e coraggio, anche se siamo in pochi siamo forti!

    RispondiElimina
  2. filmato rimosso

    in questo caso occorre prima di segnalarlo
    scaricarselo sul pc (ad esempio con uno dei programmi segnalati nel mio dossier)

    ma possibile che riescano a cancellare un video/canale nel giro di 10 minuti?

    forse l'url non è esatto?

    RispondiElimina
  3. "Non si può escludere che per eventuali problemi futuri (ad esempio, le interruzioni di energia elettrica) saranno chiamati in causa tempeste solari o anomalie del campo magnetico terrestre (manifestazioni comunque reali, ma forse non così disastrose, a differenza di quanto riportano interessati media di regime)"

    In effetti chi è che non si ricorda il black-out del settembre 2003?
    La situazione non è mai stata chiarita per bene: si disse ad un'albero nel nord Italia, o in Svizzera, ora non ricordo, che bloccò l'erogazione di corrente, chi parlò di un'eccessivo uso di corrente in quella estate ( che in effetti fu molto calda ). Ma di preciso, cosa successe, almeno io non ricordo.
    Ci furono black-out anche in altre parti del mondo e sempre con la scusa della troppa energia consumata dai soliti comuni mortali.
    Dato che i black-out avvennero in più parti del mondo, si potrebbe ipotizzare un'uso sperimentale di HAARP?
    Non so se allora pensai ad HAARP, ma ora, tramite questo articolo, mi stò facendo questa domanda.
    Un saluto.

    RispondiElimina
  4. il video non è stato rimosso.
    effettivamente tonnoriomare hai fatto centro.complimenti

    sappiamo tutti che la temperatura e l'umidità non possono cambiare di molto in 3-4 metri.almeno non così tanto da giustificare una così NETTA intermittenza della scia.

    o almeno così dice la nasa e altre autorevoli fonti ufficiali.

    youtube prima o poi cadrà. usate keepvid.com e salvate i video.

    @corrado 10 minuti no, 30 si

    RispondiElimina
  5. Luka, esistono mille modi per causare un black out. Celebre anche quello di New York di alcuni decenni fa. Credo che essi potrebbero usare i satelliti come strumenti elettromagnetici. La storia dell'albero caduto su una linea aerea era una patetica bugia.

    Ciao!

    RispondiElimina
  6. @luka78
    tutti gli scienziati sono d'accordo nel dire che da qui a qualche anno la terra probabilmente verrà colpita da impulsi elettromagnetici provienienti dal sole. gli apparati militari si sono gia dotati di scudi in grado di resistere agli E.M.P.

    ah no ma che dico, queste sono bufale, tutta roba da complottisti ritardati. santo cielo

    RispondiElimina
  7. "La storia dell'albero caduto su una linea aerea era una patetica bugia.

    Ciao, Zret.
    Certo, la storia dell'albero che cadde sulla linea elettrica era abbastanza imbecille come causa del black-out. Subito non diedi pesi a quella scusa, si vedeva che era una "bella" toppa messa lì per far tacere.

    A presto.

    RispondiElimina
  8. @ tutti:
    Se volete scaricare i video di YouTube e non solo, basta avere semplicemente come browser Firefox e installare il componente aggiuntivo "Video DownloadHelper".
    Per visualizzare i vedeo scaricati, basta installare il software Riva Encoder.

    Per chi volesse continuare a navigare con Internet Explorer, per scaricare i files video, c'è anche il programma "YouRipper". Naturalmente, anche in questo caso, per visualizzare i filmati, bisogna installare "Riva Encoder".

    Luka78

    RispondiElimina
  9. grazie a tutti x le dritte tecniche. Siete una risorsa impagabile!

    Confermo black out delle reti rai a Cagliari durante la trasmissione Voyager.

    Nel resto della Sardegna non posso dirlo. Ma indagherò.

    RispondiElimina
  10. Mike, sono "piccole" azioni di censura.

    QED

    Ciao!

    RispondiElimina
  11. Nel 2003 è stato attuato un progetto della NASA per lo studio della ionosfera tramite il rilascio di alluminio trimetile nell'aria: http://science.nasa.gov/headlines/y2003/20jun_TMAclouds.htm

    RispondiElimina
  12. Scusate; ma non sentite i rumori della tempesta che si avvicina?
    Gli analisti a denti stretti, ammettono che ci sarà una crisi economica (leggi:depressione); probabilmente ci saranno altre guerre preventive ed umanitarie.I governi dovranno adottare misure eccezionali per poter far fronte ai conflitti sociali che seguiranno...In questo quadro, le irrorazioni servono a rimbambire la gente se è vero come è vero che i metalli presenti nel particolato servono a causare micro-cortocircuiti neuronali.

    Amici la vedo dura.

    RispondiElimina
  13. ottima ricerca Bacab

    un altro tassello

    PS: appello a tutti gli studenti
    Cercate nelle biblioteche universitarie vecchi libri di fisica dell'atmosfera (o argomenti correlati); chissà che non troviate qualche chicca che ci possa servire

    RispondiElimina
  14. Ciao Bacab. Bravo! Fu a quell'artcolo che chembusterboy e noi ci ispirammo per la stesura dell'articolo sul trimetialluminio.

    RispondiElimina
  15. Ciao Iwan. Molti non li vedono. Noi abbiamo avvertito di quanto sta avvenendo ora (e di quanto avverrà) già due anni fa.

    Interessante l'articolo di capitano Nemo e consiglio di visionare anche il filmato correlato.

    RispondiElimina
  16. Non voglio fare pubblicità, ma anch'io ho aperto un blog.
    Si chiama "Diario nel web".

    Era da un pò che volevo aprirne uno, ma per una cosa e un'altra...
    Ma ora eccomi qua. Ogni mia riflessione su ciò che mi circona ( lo potrete leggere nel mio primo articolo ) la pubblicherò.
    Statene certi che non mancheranno articoli sulle scie chimiche.

    A presto...anche sul mio blog!

    Luka78

    RispondiElimina
  17. Bravo Luka ... benvenuto tra i bloggheristi consapevoli ...

    Buone vibrazioni a tutti.
    VibraVito.

    RispondiElimina
  18. Luka ... non è passata neanche mezz'ora dalla comunicazione dell'apertura del tuo blog, che subito un debunker ("markogts") si è fatto vedere, è stato il primo a commentare.
    Quando posterai sulle scie chimiche, vedrai il numero di commenti impennarsi.
    Questo dimostra che in rete ci sono gli "assoldati" del negazionismo, è una vera e propria guerra mediatica...

    In questi giorni, in base a quelli che stanno facendo visita sul mio blog, sto avendo ulteriori conferme...
    Luka ... installati uno script gratuito di controllo accessi sul tuo blog, tipo questo:
    http://www.statcounter.com/

    Ne vedrai delle belle...

    RispondiElimina
  19. faccio una piccola segnalazione

    non compro mai i giornali spazzatura,ma per caso ho qua la repubblica di ieri tra le mani.

    26/09 pag 45. FOGLIE MORTE

    tante storie per dire che gli alberi sono in crisi, tanti accenni alla meterorologia (che coincidenza)
    e per finire delle riflessioni di luca mercalli sulle piante che stanno mutando, con tutto quello che ne consegue per noi.


    mercalli dato che fai il paladino dell'ambiente dicci cos'è che spruzzano nei cieli che qua anche i vegetali stanno morendo

    RispondiElimina
  20. Buona fortuna Luke!! io avevo iniziato un blog ma mi sono imbattuto in due ostacoli, il primo e che se non è fatto bene è semplicemente ridondante o peggio, secondo ci vuole veramente un casino di tempo e fatica e per questo ringrazio nuovamente quei mad-Straker e mad-Zret, che hanno e seguono dozzine di blog O__o faccio fatica solo a pensare quanto lavorano!! :P grazie!!

    ps Ho visto che avete raggiunto la quota per il telemetro :D
    ...se rimane qualcosa un bel microscopio digitale? sono in cerca di buon materiale fatto da miccroscopio, ma sono rimasto un pò deluso... sopratutto per gli ingrandimenti quando con delle cifre medie si potrebbe avere materiale più professionale...
    ~k99~

    RispondiElimina
  21. In questi giorni, nel commentare la notizia del gruppo di turisti "occidentali" rapiti in Egitto, i TG trasmettono tantissime immagini di repertorio (recenti, si evince dai modelli di fuoristrada nei video) nelle quali il cielo del deserto del sahara è "abbellito da tante scie di condensazione e da grandissime nubi di innocuo vapore derivanti dall'espansione delle scie stesse"...avete notato?

    RispondiElimina
  22. Luka, se vuoi ti do una mano io col codice.

    RispondiElimina
  23. @ tutti:

    Grazie per gli auguri!

    @ Vibravito:

    Grazie per la dritta. L'ho appena installato.

    @ Straker:

    Per codice intendi l'HTML? Qualcosa ricordo dato che sette anni fa feci un corso Regionale. Ma se vuoi darmi una mano, ben venga. Grazie!

    RispondiElimina
  24. Blogger ha l'interfaccia divisa in due sezioni di lavoro. Una è quella relativa al codice. Nel testo sono errate la formattazione e la scelta del carattere. Ti ho mandato il codice in sostituzione.

    RispondiElimina
  25. Sì, ti ho appena inviato una e-mail dove ti segnalavo l'avvenuta correzione.

    RispondiElimina
  26. Bravo Luka.

    In Egitto le scie di "convezione" e la nebbia dovuta ad altissima umidità sono la norma.

    Mercalli farebbe meglio a tacere.

    Ciao a tutti!

    RispondiElimina
  27. @ arturo
    "mercalli dato che fai il paladino dell'ambiente dicci cos'è che spruzzano nei cieli che qua anche i vegetali stanno morendo"

    Un vegetale non può risponderti.

    RispondiElimina
  28. consiglio a luka e a tutti gli altri che aprono blog (sulla causa che portiamo avanti) di scegliere fra le seguenti opzioni

    - disattivare la zona commenti (nessuno ci obbliga a trasformare il sito in un forum)

    - moderare i commenti

    - attivare commenti moderati solo su alcuni articoli

    PS: oggi attività modesta sopra le nuvole, mentre in genere si approfittano del cielo coperto per passare e spassare; effetto alitalia o ...?

    RispondiElimina
  29. Sottoscrivo il consiglio di Corrado sulla questione commenti.

    Segnalo la ripresa del sorvolo (interrotto da giorni) da parte di velivoli MD80 a bassa quota (scianti) poche ore dopo la firma del contratto C.A.I. - piloti. Un caso?

    RispondiElimina
  30. Guardate il cielo sopra il Sahara in Mauritania...cosa ne pensate? Condensa?

    RispondiElimina
  31. Confermo ripresa sorvoli scianti a bassa quota dopo interruzione anche sopra Cagliari.

    RispondiElimina
  32. Attività scarsa sopra Prato-Firenze.
    Almeno per quanto ho potuto osservare. Solo un paio di tanker.

    RispondiElimina
  33. @ Straker
    letto l'erticolo di capitan nemo!! sono cose già dette su zeitgeist il famoso filamto che gira per la rete...anzi ad ottobre ci sarà l'uscita del secondo capitolo.

    La vedo sempre peggio.
    Ciao a tutti.

    RispondiElimina
  34. Senza dubbio. Sono circa due anni che avvertiamo su quanto sta avvenendo ora. tempo fa sembravamo dei visionari, ma avevamo ragione. E siamo solo all'inizio.

    RispondiElimina
  35. l'unica soluzione forse è svegliare le coscienze

    o sul piano prettamente materiale comprarsi un pezzetto di terra da lavorare per coltivarci qualcosa

    quanto all'alluminio metto qui un link segnalato da Maria

    FLUORIDE COMBINES WITH ALUMINIUM IN DRINKING WATER.

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis