domenica 13 luglio 2008

Il trimetialluminio nelle scie chimiche

Un razzo NASA propulso con trimetilalluminio come additivoInteressante la foto della N.A.S.A. a sinistra: l'immagine è stata scattata durante un esperimento durante il quale un razzo ha disperso trimetilalluminio [ C6 H18 Al2 ], usato come comburente. Il collegamento con le scie chimiche è immediato, quindi abbiamo controllato come si comporta questo composto.


La caratteristica notevole è che il trimetilalluminio è in forma liquida (quindi può essere stoccato nei serbatoi) e reagisce spontaneamente con l'umidità dell'aria, aumentando di volume, così come accade, ad esempio, con la schiuma epossidica.

Questa è la nostra ipotesi in merito:

1) E' impossibile stoccare a lungo termine alluminio in polvere sospeso in un liquido: la polvere, prima o poi, sedimenterebbe, inoltre l'alluminio in polvere danneggerebbe i delicati apparati dei turbofan. Il trimetilalluminio, invece, è liquido e si trasforma in ossido di alluminio, in polvere finissima, quando viene a contatto con l'aria, dopo essere stato nebulizzato. Inoltre è un composto altamente infiammabile, per cui riteniamo che venga usato come additivo per il carburante.

Bisogna rilevare che tra le principali forniture militari sia dell'unione europea sia statunitensi figura proprio il trimetilalluminio.

Courtesy by Wikipedia

2) Frequentemente si vedono scie espandersi a dismisura e velocemente, sebbene i valori di umidità relativa, come indicato dai radiosondaggi, siano molto bassi. In altri casi si osservano coperture artificiali, sempre con parametri di umidità non idonei alla formazione delle contrails e quindi tanto meno adatti alla sovrasaturazione, fenomeno del tutto inventato dalla N.A.S.A. per coprire le operazioni con scie chimiche di tipo persistente - Progetto cloverleaf [1]. Non siamo dunque di fronte a scie di condensa persistenti per sovrasaturazione, ma a vere e proprie formazioni che simulano le contrails, ma che tali non sono.

L'incremento di volume delle scie avviene a causa di una reazione del trimetilalluminio con l'umidità atmosferica residua che viene catturata nella fase di espansione delle sostanze disperse. Da qui il calo dei valori igrometrici in atmosfera, in concomitanza con le attività dei tankers ed in sinergia con la diffusione di bario ed altri elementi igroscopici.

Per ogni mole di alluminio, pari a 26 grammi, si formano 3 moli d'acqua pari a 54 grammi (più del doppio). Perciò si può supporre che i tankers disperdano trimetilalluminio che ha densità di circa 700Kg per metro cubo. Il trimetilalluminio brucia "senza fiamma" con una reazione chimica con l'ossigeno dell'aria come comburente.

Quando osserviamo l'espansione progressiva delle scie, ciò è dovuto al trimetile che via via reagisce con l'ossigeno dell'aria, liberando acqua e che è poi il risultato che vediamo: scie che si allargano in modo spropositato anche se non si raggiungono i valori di umidità sufficienti alla cosidetta (mistificazione della N.A.S.A.) sovrasaturazione.

NB: l'acqua di combustione del cherosene è molto inferiore in quantità: genera le normali scie di condensazione (laddove siano presenti le condizioni di quota, pressione, umidità relativa, temperatura) che non si espandono mai, ma si dissolvono in pochi secondi.


[1] Il progetto cloverleaf fu un’operazione iniziata nel 1998. In precedenza varie zone degli Stati Uniti erano state selezionate per l’operazione “chemtrails”, con l’intento di sperimentare tutte le tecniche di spargimento e per stabilire quali fossero i limiti di ogni aereo e quali le condizioni meteo ottimali. Una volta stabilito questo, iniziò un programma nazionale, che continua tuttora sotto nomi in codice diversi. I due nomi che ricorrono più spesso sono “Operazione Cloverleaf” (foglia di trifoglio) e “Operazione Rain Dance” (danza della pioggia). Nel giro di pochi mesi dall’inizio dell’operazione sugli Stati Uniti, le scie chimiche furono esportate su vaste parti di decine di Paesi, con la notevole eccezione della Cina.

L'ipotesi in questo articolo formulata è stata anche avvalorata dal National Center for Atmospheric Research di Boulder (California): infatti, secondo questo centro, "il solo modo per creare nuvole artificiali nell'aria secca è introdurre abbastanza particolato nell’atmosfera per attirare e addensare tutta l’umidità disponibile, trasformandola in un vapore visibile [trimetilalluminio n.d.r.]. Se questa procedura viene ripetuta spesso, il risultato è una foschia che non porta pioggia ma siccità”.



Fonti:

http://en.wikipedia.org/wiki/Trimethylaluminium
http://it.wikipedia.org/wiki/Chimica_metallorganica

Ringraziamo l'amico chembusterboy per la preziosa collaborazione fornitaci.


Leggi qui un interessante approfondimento


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.


Aggiorna Tanker Enemy nei tuoi preferiti. D'ora in poi questo blog è raggiungibile digitando http://www.tankerenemy.com/

TANKER ENEMY TV: i filmati del Comitato Nazionale


FIRMA LA PETIZIONE PER ABOLIRE IL CANONE RAI
http://www.aduc.it/dyn/rai/petizione.html

40 commenti:

  1. Scusate l'ot, ma ieri sera per la prima volta ho visto oscurarsi le stelle.
    Mi trovo in una località del Chianti (500 m s.l.m.) e verso le 22 hanno iniziato a percorrere il dielo i tanker con il loro carico malefico. Una decina di scie visibilissime contro il cielo stellato. Mai vista una cosa simile.
    Siccome dove mi trovo c'è un'aerovia e tutte le notti posso contare decine di aerei civili volo, dopo le scie ho visto le luci di questi veivoli passare chiaramente sopra le scie.
    Secondo il mio modesto parere questi tanker volano la notte paer irrorare bassa quota (2000mt?). Di giorno non lo potrebbero fare perchè sarebbe troppo evidente la loro altezza.

    RispondiElimina
  2. Ciao iwan. Di sicuro la notte volano molto più bassi del solito. Ad ogni modo se riesci a scorgere aerei di linea, questi non sorvolano alle quote canoniche (8/13.000) per cui, a meno che non siano su corridoi di discesa o salita, non sono aerei commerciali.

    RispondiElimina
  3. In effetti queste formazioni simil-nuvolose che si formano in seguito alle irrorazioni hanno spesso uno strano aspetto, troppo colloidale e fioccoso che ricorda molto quello che l'alluminio combina in soluzioni acquose (precipitati biancastri fioccosi -reminescenze di chimica). Per quanto riguarda poi l'umidità atmosferica inconsistente, nonostante la presenza di queste formazioni che la gente prende per nuvole naturali, si riscontra (in modo un pò casalingo lo ammetto, ma oggettivo)che la biancheria stesa alla sera tardi spesso si asciuga SENZA IL SOLE entro la mattina successiva (e di notte ci dovrebbe essere un bel tasso di umidità, soprattutto se andiamo a guardarci i valori di umidità relativa che ci vengonoo massi a disposizione da certe fonti), per cui non si capisce....

    RispondiElimina
  4. http://jcsepa.mri-jma.go.jp/outreach/20070131/Abstracts/S1_Terblanche.pdf

    RispondiElimina
  5. osservazioni già fatte a suo tempo da me e alesssandro (i cagliaritani) e noto con soddisfazione che anche altri hanno le stesse nostre percezioni(oltrettutto suffragate da dati scientifici del S.A.R - Servizio Agrometeorologico Regionale).

    Prima o poi il trimetilalluminio (insieme a tutte quelle porcherie dannosissime) glielo faremo bere a questi bastardi.

    E intanto continuano a fare esperimenti sul cielo sardo senza sosta....e la gente dorme...

    RispondiElimina
  6. Ciao Mike. Se hai della documentazione, potresti condividerla con noi?

    RispondiElimina
  7. Altro che innocue "scie vaporose" (alato lirismo dei soliti noti, ma veleni diffusi deliberatamente nell'atmosfera.

    Ciao a tutti.

    RispondiElimina
  8. ciao Straker, parlavo delle considerazioni di Ginger.
    Qui nel cagliaritano, prima dell'avvento delle chemtrails igroscopiche, quando soffiava scirocco, specialmente la notte le automobili risultavano bagnate. Stessa cosa valeva per le selle delle moto lasciate sotto le stelle; bisognava asciugarle prima di sedercisi sopra.
    Ora nonostante i forti venti dai quadranti sud carichi di umidità, come ha detto Ginger, la biancheria stesa durante la notte asciuga in un paio d'ore.
    Mi sa che qualcosa non quadra.

    RispondiElimina
  9. Ah, capisco. pensavo aveste fatto delle analisi delle acque piovane anche voi.

    RispondiElimina
  10. Per Straker
    Sinceramente non saprei che aerei sono, se in discesa o in salita. So solo che ogni sera vedo le luci di questi veivoli a decine (senza scie). Ieri sera per la prima volta ho visto le chemtrails notturne, ed è stato uno spettacolo estremamente inquietante. Per una decina di minuti hanno coperto le stelle del Carro. Poi fortunatamente(?), il vento in quota ha spostato verso nord le nuvole chimiche filamentose.
    Oggi ne ho parlato con alcune persone del paese. Sono rimaste sorprese e turbate dal racconto che ho fatto. Spero di riuscire a spargere qualche dubbio.
    Ne ho convinte quattro, se il fenomeno si ripetesse, di avvertirle in modo da osservare insieme il cielo...

    RispondiElimina
  11. Se mi dici esattamente la posizione dove ti trovi, verifico se vi sono corridoi autorizzati sulla tua verticale.

    RispondiElimina
  12. Per Straker
    Mi trovo a metà strada fra le cittadine di Figline Valdarno e Strada in Chianti, grosso modo nelle vicinanze dell'abitato di Gaville.

    RispondiElimina
  13. Temo iwan che tu abbia visto aerei chimici che non rilasciano scie tossiche visibili (persistenti o effimere), ma veleni finemente nebulizzati.

    Dalla rotta si potrà comprendere se sono aeri civili (e ne dubito) o della MORTE.

    Ciao

    RispondiElimina
  14. Vi sono due corridoi che, come da regolamento, non sorvolano il centro cittadino. In ogni caso sono corridoi nord sud e viceversa. Se osservi quindi velivoli in direzione ortogonale, questi NON SONO voli regolari, ma più probabilmente, voli chimici.

    Qui la mappa su Figline Valdarno (FI).

    RispondiElimina
  15. Sottoscrivo tutte le osservazioni fatte da Mike; la questione dell'anomalo tasso di umidità è confermata e verificabile con l'igrometro ma anche con i sistemi più empiricamente efficaci: l'osservazione diretta. Da queste parti è normale che d'estate di notte e nella prima mattina, a seconda dei venti carichi d'umidità, tettucci di automobili e selle di motociclette e scooter siano bagnate...idem la biancheria stesa: col vento umido non asciuga! La situazione attuale è, invece, a dir poco contraddittoria, quasi grottesca: l'umidità relativa è MOLTO bassa, eppure, anche senza il potere "amplificatore" dei valori alti (e più consueti) la temperatura è altissima. Segnalo, inoltre, che a fronte della mancanza di spudorate scie persistenti (com'era sino al mese scorso), il cielo è letteralmente BIANCO da una decina di giorni...persiste un'assurda e densa foschia all'orizzonte nonostante il vento (vedi il forte maestrale)! Possibile che neppure dopo 10 gg la gente non si renda conto che il cielo dovrebbe essere azzurro/blu? Possibile che nessuno si accorga che queste altissime temperature sono ANOMALE, poichè non è quel caldo afoso, soffocante ma soprattutto "appiccicoso" che ben conosciamo e ci è familiare?
    E il S.A.R. cosa ne pensa?

    RispondiElimina
  16. il S.A.R. non pensa, esegue ordini dall'alto.
    Alessandro sicuramente lo sa ma gli altri lettori "continentali" non sanno che Soru stava per cancallare il S.A.R. mandando a casa tutti.
    Dopo varie peripezie sono riusciti a sopravivere alle idee bislacche del governatore sardo e hanno mantenunto il posto di lavoro.

    E per fare ciò, in poche parole, si sono dovuti inchinare ai diktat dei padroni.
    Eseguire ordini.

    Ovvio che anche Soru c'è dentro fino al collo...se avesse a cuore la Sardegna come fa credere, i nostri cieli sarebbero puliti.
    E non mi illudo neppure se alle prossime elezioni andranno al governo i suoi avversari.

    Le forze occulte fanno tabula rasa, non ci vuole molto per capirlo.

    RispondiElimina
  17. "Un jet disegna nel cielo di Sydney una grande croce".

    TG2 delle ore 13:00

    RispondiElimina
  18. la croce distintiva del santo padre degli avvelenatori.
    Poverino ratz, lui non ne sa nulla.
    (Intanto con l'8per1000 si sta mettendo i pannelli solari in tutto il vaticano...prevedente sua santità eh?)

    RispondiElimina
  19. attenzione alla trasmissione di radio3 rai domani alle 11,30.
    I disinformatori di professione parleranno di smog e nuvole, inquinamento degli aerei civili e di situazione dell'aria alle olimpiadi di pechino.
    Indovinate chi parlerà?
    Vi darò un aiutino:
    Quello delle menzogne di regime.
    Quello che nei confronti ai convegni si inalbera subito snocciolando (per confondere) equazioni chimico-fisiche.

    Al vincitore andrà un bel mongolino d'oro.

    RispondiElimina
  20. Non ne sa proprio nulla, innocente come un agnellino.

    RispondiElimina
  21. TOSELLI!!!!

    La RAI è un nido di vespe!

    RispondiElimina
  22. Altri disinformatori senza vergogna su 3bmeteo.com partoriscono uno scellerato articolo, afirma di Angelo Amicarelli, tutto da leggere trattenendo i conati di volito.

    QUI.

    Invito a scrivere due righe di sdegno a questo link.

    RispondiElimina
  23. niente mongolino per straker

    ci sei andato vicino ma non è lui.
    E' uno della sua cricca, uno di quelli pagati con i soldi dei contribuenti rai.
    Ma per assurdo è molto più viscido (casomai fosse possibile).

    Basta andare a vedere nel sito di radio 3 rai scienza. ;)

    Se qualcuno può registrare la trasmissione, lo faccia.
    Smonteremo punto per punto le demenziali affermazioni scientifiche.

    RispondiElimina
  24. Sicuramente filtreranno le telefonate e faranno passare solo quelle allineate.

    RispondiElimina
  25. bravo Straker, io parlerei al passato però.
    La trasmissione sarà in finta diretta e se la sono certamente confezionata in casa.
    Ormai i bastardi sanno che non possono fidarsi a far andare in diretta argomenti così delicati.

    Potrebbe succedere come nella trasmissione di Fazio dove Pelù ha chiesto conto delle scie chimiche spiazzando il giornalista di regime e il suo (omissis)meteorologo dilettante ma professionista della menzogna(di rimbalzo).


    Non possono permettersi un contradditorio vero perché il nostro egregio lavoro di divulgazione della verità sta andando avanti giorno dopo giorno e molta più gente sa e vuole risposte.

    Mi chiedo quali argomenti nuovi tireranno fuori i debunkers se la tiritera è sempre la stessa e continuano a far perno sulle solite domande inutili e prive di qualsiasi consistenza tipo:
    - da dove partono i tankers;
    - dove fabbricano i prodotti chimici;
    - come mai non trapela alcuna notizia da parte della NATO;
    - sono state fatte analisi direttamente sulle scie.

    Ma visto che la rai si sta scomodando per trattare un argomento così delicato, proponendo le teorie dei soliti "scienziati" venduti e di regime, credo che stiano preparando qualcosa per buttare un po' di fumo negli occhi all'opinione pubblica con invenzioni tipo che stanno facendo qualcosa per il nostro bene...

    La trasmissione non è ancora in onda e immagino che daranno la colpa (come dice il titolo d'altronde) agli scarichi degli aerei di linea.

    Situazione a Cagliari da 5 giorni consecutivi:

    irrorazioni non stop giorno e notte.
    Per la cronaca, ieri c'era maestrale molto forte e hanno sciato lo stesso copiosamente a NE della città.
    La cosa è alquanto strana perché un vento simile con forti raffiche alternate non consentirebbe una copertura omogenea del territorio (se non irrorando milioni di tonnellate di sostanze velenose) ma evidentemente hanno fretta di concludere qualcosa.

    Sarebbe come cercare di verniciare una parete dentro la galleria del vento...con 10 Kg di vernice non si ottiene nulla ma con 10.000 kg prima o poi ci riusciamo.
    Ho reso l'idea?

    Maledetti bastardi...tutti all'inferno per l'eternità!

    RispondiElimina
  26. L'ultima strategia comunicativa dei disinformatori di regime (vedi 3bmeteo.com e l'ultimo articolo segnalato ieri) consiste nell'accomunare le "chemtrails" alle "contrails", in modo tale da ridimensionare la questione "avvelenamento indotto volontario e clandestino" ad un più semplice inquinamento da "gas di scarico" dei velivoli commerciali. Molto scaltra la tattica di prelevare le fotografie di SCIE CHIMICHE dal sito sciechimiche.org.

    Ho inviato una vibrata protesta nei confronti degli autori del vergognoso articolo. Inutile dire che si sono offesi, pur sapendo bene di essere in malafede.

    RispondiElimina
  27. Quelli di 3b meteo sono quelli che si divertono a fare le iconcine con le "innocue velature" e una volta si sono anche divertiti a fare un'iconcina dinamica con il sole contornato da scie animate ... più sfacciati di così!!! E' evidente che fanno integralmente parte dell'apparato di disinformazione, web-designer inclusi ... L'unica utilità di questi infami è che almeno ci segnalano quando irroreranno. Su questo sito:
    http://www.motonline.com/meteo/index.cfm
    già ci segnalano che dopodomani mattina in Lombardia sono previste le "innocue velature" ...

    Un saluto e incoraggiamento.
    VibraVito

    RispondiElimina
  28. Esatto, Vibravito. Per quello gli ho scritto "Siete senza vergongna". Si sono pure risentiti!

    RispondiElimina
  29. Allegretti parla di scie chimiche e guarda caso sta disinformando in diretta.
    E il giornalista ridacchia.

    Ma noi non ci fermiamo...che lo sappiano.

    RispondiElimina
  30. Allegretti si rammarica che le notizie sul web non sono filtrate!

    Il conduttore lo asseconda e d'altro canto la trasmissione è nata con quello scopo: disinformare, ma giusto come tu dici, Mike, noi non ci fermiamo.

    Intervista registrata regolarmente. Ne faremo ottimo uso, caro Allegretti e ci sarà poco da stare allegri. :-D

    RispondiElimina
  31. Allegretti mente allegramente e riconduce tutto al C02, come da copione arcinoto ed arcitedioso.

    La trasmissione dei Raglianti Asini Italiani è disinformazione allo stato puro. Vergogna!!!

    RispondiElimina
  32. si straker, esatto.
    Come si fa a parlare in modo così vago di notizie e studi in rete?
    Ma lo sa cosa è la rete?
    O pensa che sia una cosa privata dentro le 4 mura domestiche?
    Questi sono i personaggi "ufficiali" dell'informazione italiana.
    Andiamo bene...

    RispondiElimina
  33. per la cronaca:

    la notizia della trasmissione su radio3 me l'ha data un amico del quale non sapevo minimamente che fosse a conoscenza delle chemtrails.

    Siamo sempre di più.
    Capito bene disinformatori? ;)

    RispondiElimina
  34. la trasmissione non l'ho sentita, aspetto la registrazione di Straker ;P
    ...ma lo capiscono che invece di "tranquillizzare" con tutte ste apparizioni in tv e radio stanno facendo aprire gli occhi alle persone?anch'io ultimamente ho trovato persone che sapevano già delle scie chimiche e devo dire che mi ha fatto molto piacere!
    meglio per noi!
    ciao a tutti!!

    RispondiElimina
  35. quoto claudia.
    Aggiungo comunque che per fortuna radio3 rai la ascoltano in pochi.
    Forse solo noi l'abbiamo sentito oggi.

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis