giovedì 2 luglio 2009

Come sono diventata un'attivista contro le scie chimiche

Non chi ha il volto ringhioso, ma chi lo ha intelligente appare temibile e pericoloso, come è certo che il cervello dell’uomo è un’arma più terribile che l’artiglio del leone. (A. Schopenauer)

Pubblichiamo la testimonianza di un'attivista contro le scie chimiche. E' un resoconto emblematico ed eloquente dell'incongruo, grottesco rapporto che si instaura tra il cittadino e le istituzioni, poiché le istituzioni, invece di agire in difesa della collettività o sono succubi dei poteri forti o si rivelano del tutto inutili. Tutto ciò non sorprende, ma è comunque una gravissima violazione del dettato costituzionale e la prova di come non si possa quasi mai far assegnamento su chi dovrebbe essere preposto a tutelare l'ambiente ed i diritti dei cittadini. Vero è che la Costituzione è ormai stata svuotata e calpestata, ma, come si deduce dal tragicomico resoconto che proponiamo, si può e si deve continuare a divulgare ed a sensibilizzare anche tra gli appartenenti alle istituzioni, molti dei quali ignorano sia le scie chimiche sia altre scottanti questioni. Il sistema basa la sua turpe forza sull'ignoranza: la conoscenza contribuisce ad indebolirlo.


Il 25 maggio si presentano in casa i Carabinieri, dicendo di voler parlare con me... Risponde al citofono la sorellina, dicendo loro che non ci sono (mi trovavo a Torino per seguire un festival di danza contemporanea). Lasciano un avviso nella buchetta delle lettere, con su scritto di presentarmi urgentemente nella loro sede.

Inizio quindi a ricevere una serie di telefonate da parte di mia madre che, celando a fatica la sua preoccupazione, mi chiede gentilmente di dirle che cosa ho combinato... le rispondo in sincerità che non ne ho la più pallida idea! Ben presto, però, inizio a sospettare il motivo della visita, confermato dall'sms di mia madre che, recatasi il giorno seguente dai Carabinieri per avere delle informazioni, mi scrive appunto che si tratta di una e-mail da me spedita ai Carabinieri del N.O.E. (Nucleo Operativo Ecologico) di Bologna. Bingo!

L'antefatto

Dopo aver partecipato a conferenze, letto articoli, guardato video nonché trasmissioni televisive e, soprattutto, dopo aver osservato ciò che avviene nei nostri cieli per circa un annetto, ritengo di avere un'idea abbastanza chiara circa le scie chimiche: al di là di tutte le possibili implicazioni (controllo climatico, controllo mentale, H.A.A.R.P. etc.), si tratta di un fenomeno reale e anomalo, sicuramente nocivo per la nostra salute, su cui gli organi competenti dovrebbero indagare, fornendo delle risposte serie ai vari interrogativi posti sul tavolo della discussione. Decido quindi di dare il mio piccolo contributo alla causa, inviando il giorno 20 aprile, giornata della telefonata al N.O.E., una e-mail al Nucleo Operativo Ecologico competente per il territorio della mia città. Di seguito l'e-mail.

Alla cortese attenzione dei Carabinieri del N.O.E. di Bologna.

Vorrei richiamare la Vostra attenzione sull'anomalo fenomeno che si può osservare nei nostri cieli ormai quasi quotidianamente: mi riferisco alla presenza di strane scie, rilasciate da aerei bianchi che girano sui nostri centri abitati senza targhe identificative, seguendo tracciati casuali e spesso intersecando le rotte fino a formare veri e propri reticoli.

Si tratta di scie che, già soltanto a prima vista, appaiono diverse da quelle normalmente rilasciate dagli aerei, ossia le scie di condensazione, formate da vapore acqueo e che svaniscono dopo pochi minuti (fenomeno abbastanza raro, che si verifica solo a certe condizioni di quota e di temperatura e a seconda dell'umidità presente nell'aria).

Le scie da me osservate sono, invece, molto lunghe, permangono per ore nel cielo e si allargano fino a creare uno strato di "nebbia" che oscura il sole.

Molti cittadini, allarmati dallo strano fenomeno, hanno già condotto analisi sul terreno e sull'acqua piovana in concomitanza con il passaggio di tali aerei: i risultati attestano la massiccia presenza di elementi chimici quali bario, alluminio ecc. ben al di sopra della media, cosa che risulta essere estremamente pericolosa per la salute dell'uomo (che inala queste sostanze sia attraverso la respirazione sia attraverso il cibo che ingerisce). Sono molte le malattie associate a questo avvelenamento, tra le quali figura un morbo non ancora riconosciuto ufficialmente, il Morgellons.

Vorrei quindi denunciare lo stato attuale di scempio dei nostri cieli ed esprimere il mio timore per le conseguenze nocive che tali irrorazioni possono avere sulla salute dell'uomo e degli esseri viventi in generale.

Sperando in un Vostro intervento e nella Vostra richiesta di un chiarimento da parte delle istituzioni (che in più occasioni hanno ignorato la lunga serie di interrogazioni parlamentari o hanno fornito soltanto risposte evasive), Vi ringrazio per la cortese attenzione.

Cordiali saluti

(firma)

Il colloquio

Tornata dalla trasferta torinese, mi reco nella sede dei Carabinieri accompagnata da mia madre (che, nel frattempo, dopo aver capito che si tratta di "questioni ecologiche", sembra essersi tranquillizzata. Dal canto mio, sapendo che non solo di questioni ecologiche si tratta, continuo a ripetermi come un mantra che "non ho fatto niente di male", "non ho fatto niente di male", "non ho fatto niente di male"...). In realtà la curiosità vince di gran lunga il timore: non vedo l'ora di rapportarmi con questa istituzione per sapere che cosa hanno da dirmi e per vedere in che modo si esporranno circa un fenomeno così dibattuto. Mi riprometto di essere pronta a tutto, di mantenere la calma e di affermare solo ciò che io stessa in prima persona posso dimostrare.

La fortezza videosorvegliata ci accoglie con un Carabiniere sulla cinquantina, molto serioso e taciturno, che, dopo aver letto l'avviso che mi diceva di presentarmi da loro, ci fa accomodare nel suo triste ufficio in penombra. Noto subito dei monitor con le riprese della strada che circonda l'edificio. Passa una serie di minuti interminabili in cui tale signore legge più e più volte un fascicolo che ha tra le mani, in cui noto un foglio con l'intestazione Wind (mi stanno già controllando il cellulare?) mentre mia madre sbuffa per il caldo e si slaccia la cerniera della maglia (o era una tattica?!?) ed io non posso fare a meno di pensare al romanzo "Delitto e Castigo", quando Raskòl'nikov subisce tutta la pressione dell'interrogatorio fino a svenire! Penso esattamente così: che quest'attesa, questo rimandare l'inizio del discorso sia una tattica per farmi capitolare... ma il delitto in questo caso non c'è e con me non funziona.

La prima a rompere il silenzio è mia madre, che evidentemente non resiste più al gioco e chiede qualcosa del tipo "E' grave?".

Il povero Carabiniere, interrotto nei suoi studi, risponde "Siamo qui per valutarlo" e la invita subito a tacere, intimando di farla uscire dalla stanza, perché in teoria non dovrebbe assistere... poi si rivolge subito a me chiedendo "Hai un'idea del perchè sei qui?". Sorrido. "Penso di sì. Praticamente ho inviato una e-mail..." Mi interrompe subito "Esatto, esatto". Di nuovo silenzio.

Ciò che segue è una discussione talmente patetica che forse vale la pena riportarne i passaggi peggiori!

Da una parte c'era questo rappresentante delle forze del (dis)ordine che diceva cose tipo "Ma le vedi solo te tutte queste cose! Chissà che strumenti usi, cannocchiali..." ed io "Ma no, basta osservare il cielo, ad occhio nudo" e lui "Va be' che in effetti ti chiami (cognome)... hai proprio una vista d'aquila!" Risatine finte isteriche di tutti. Oppure continuava rivolgendosi a mia madre: "Eh signora, quando ero giovane anch'io volevo cambiare le cose... Poi per fortuna si cresce, si capisce".

E qui interviene mia madre, stupendomi, dicendo cose del tipo: "Ma guardi veramente bisognerebbe sempre continuare ad interessarsi di queste cose, che cosa vuol dire che da grandi bisogna rinunciare, non bisogna più occuparsi delle cose giuste?" E lui "Adesso, giuste... tutto è giusto allora. Tutto è inquinamento... Ma se abitavi in America cosa facevi? Io ho dei parenti che abitano in America e lì con il traffico aereo che hanno, cosa facevi, una denuncia al giorno?!? Ahahah!"

Dopo questa ho lasciato perdere (non avendo segnalato la pericolosità delle scie rilasciate dal consueto traffico aereo, ma la pericolosità delle scie chimiche, rilasciate appositamente da aerei non identificati) e la discussione è andata avanti ancora un bel po' tra lui e mia madre, per luoghi comuni ovviamente. "Ad esempio, la droga: ma se lo Stato volesse, non l'avrebbe già debellata da un pezzo? Eh? E invece perché non succede?" Qua non ce l'ho fatta: "Evidentemente perché gli conviene, perchè ci guadagna". "Esatto!", risponde lui.

Non male detto da uno sbirro. Mi fa pensare al gioco delle parti: questo qui vede sicuramente molto più schifo di quello che vedo io, però la cosa non lo sconvolge; il suo mestiere è eseguire degli ordini senza farsi domande, il suo ruolo nella società è quello, è stabilito. Guardo per un attimo gli stemmi e le stellette che ha attaccate sulla giacca, ma è inutile: non è da quelle che so riconoscere il grado, il valore di una persona.

Passiamo ai motivi della convocazione: devo dichiarare di essere stata io a inviare la e-mail, informazione richiesta dal N.O.E. di Bologna che aprirà o ha già aperto un'indagine sulla base della mia segnalazione. Bene. Faccio finta di crederci, ma chiedo innanzitutto di vedere l'e-mail in questione, perché non voglio dichiarare nulla senza essere sicura che ciò che ho effettivamente spedito è ciò a cui si stanno riferendo. Mi passa il fascicolo piegando il foglio a metà, in modo che posso leggere la mia e-mail (effettivamente è quella), ma non gli appunti che hanno trascritto a lato. Noto comunque che il mio scritto è stato suddiviso in paragrafi, dalla a alla f, mi sembra... mi hanno studiata bene. Rilascio la mia dichiarazione, firmo e saluto.

Sulla soglia il Carabiniere dice che il mio caso gli ricorda il film "Il rapporto Pelican", che mi consiglia di guardare... Tratto da Wikipedia: "Una studentessa di Legge formula una teoria sulla morte violenta di due giudici della Corte suprema: il mandante degli omicidi potrebbe essere un potente industriale che aveva finanziato la campagna elettorale del Presidente in carica degli Stati Uniti. Il rapporto finisce nelle mani dell'F.B.I.: la studentessa va eliminata. Solo con l'aiuto di un giornalista nero, la bella riesce a sopravvivere".

Conclusioni

Ho scritto questo articolo non solo per diventare la giornalista nera di me stessa (eh eh), ma anche per sapere se a qualcun altro è stato riservato un simile trattamento in seguito alla segnalazione al N.O.E. e, soprattutto, per contribuire a diffondere la conoscenza del fenomeno delle scie chimiche... Sono lì, lampanti, sopra le teste e davanti agli occhi di tutti, vengono sparate di notte e di giorno, ma non ce ne accorgiamo perché non siamo più abituati ad osservare, a porci domande ed a pretendere delle risposte; se ce le fanno notare, non vogliamo crederci, perché per noi, se un fenomeno non è stato ufficialmente riconosciuto, non esiste...

Preferiamo non pensarci o preferiamo pensare che sia una "bufala" internettiana, come certi disinformatori ci suggeriscono... Permettiamo che il virtuale si sostituisca al reale, quando basterebbe aprire gli occhi per capire che qualcosa non va. In fondo, anche se ce ne accorgiamo, anche se ci lamentiamo ogni giorno, uscendo di casa la mattina per andare al lavoro, siamo comunque restii a passare all'azione, abbiamo paura di esporci in prima persona, non siamo più abituati all'azione, alla rivoluzione. Siamo pavidi, come dice Paolo Barnard nel suo ultimo post. Proviamo a smentirlo? Fermiamoli!


Leggi qui il testo tratto da myspace.com



Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!
Puoi votare le mie notizie anche in
questa pagina.


Aggiorna Tanker Enemy nei tuoi preferiti. D'ora in poi questo blog è raggiungibile digitando http://www.tankerenemy.com/

TANKER ENEMY TV: i filmati del Comitato Nazionale

CHEMTRAILS DATA

Range finder: come si sono svolti i fatti

59 commenti:

  1. salve... volevo segnalare che finalmente è onlines il resoconto della nostra manifestazione a lecce... all'indirizzo http://albrogio.blogspot.com/
    purtroppo nei giorni scorsi, mentre mi accingevo a pubblicarlo, ho avuto diversi problemi col computer... prima un clash di sistema... poi l'interruzione della connessione ad internet... spero che si tratti solo di una curiosa coincidenza... comunque abbiamo deciso che questo di lecce sarà per noi solo un primo passo... io e i miei amici ci stiamo organizzando per altre iniziative... e per dare una forma più organica al nostro movimento... a presto!

    RispondiElimina
  2. Ciao Albrogio, eccellente iniziativa. Ora leggo il resoconto. Spero che si ingrossi la schiera degli attivisti contro le scie tossiche.

    Ciao!

    RispondiElimina
  3. Bravo Albrogio sei stato... siete stati grandi! Rilanceremo il Tuo post su questo blog ed in giornata ti inserirò tra i "siti amici".

    RispondiElimina
  4. Emblematica la reazione del giornalaio della RAI.

    RispondiElimina
  5. Volevo fare un complimaento alla ragazza che è "diventata attivista": prima di tutto grazie, e poi sono veramente felice di sapere che ci sono ancora ragazzi che riescono a usare la loro testa e non farsi condizionare.
    Continua così, è a quelli come te che lasciare in eredità questo mondo.

    RispondiElimina
  6. Grazie alla ragazza che è diventata "attivista" con la complicità della benemerita: ci dai una speranza che i giovani non siano tutti decerebrati dal consumismo....

    RispondiElimina
  7. grazie di cuore al grande Albrogio , per la sua tenacia e simpatia.

    e poi standing ovation per la giovane attivista : pensavano di intimidire una piccola gattina , si sono ritrovati davanti ad una leonessa!

    2-0 per noi.

    e palla al centro.

    RispondiElimina
  8. Ci vorrebbero tanttissime persone coraggiose come questa splendida ragazza, alla quale va il nostro plauso e la nostra gratitudine.

    Ritengo che le intimidazioni debbano essere sempre comcrastate con la forza e l'intelligenza, così come in questo esemplare episodio e che ciò serva da esempio a coloro che temono il sistema e non osano opporvisi. La libertà si conquista!

    RispondiElimina
  9. Di solito ti prendono se si rompe il chiodo...

    RispondiElimina
  10. Come donna e come ragazza (solo nell'anima purtroppo) mi viene da pensare che un tale trattamento sia riservato in particolar modo a giovani "inesperte" e femmine. Sarà il solito modo di pensare maschilista o il luogo comune di noi donne sentirci più deboli e timorose? Resta il fatto che probabilmente un soggetto maschile sarebbe stato ignorato o intimorito in modo più pesante. Ravvedo in questo episodio una "delicata" pacca paternalista ben mirata per tutte le persone in buona fede considerate ingenue e poco scaltre. Una occasione, servita su un piatto d'argento, per veicolare un messaggio ben preciso a tutti quanti.
    Grazie Qfwfq anche da pare mia. la tua esperienza vale più di mille spiegazioni scientifiche e tecniche...ehmm.. balle.

    RispondiElimina
  11. "Compagni" Scettici

    qua :-)

    http://laserpe66.blogspot.com/2009/07/compagni-scettici.html

    RispondiElimina
  12. In questi casi lo sconfitto è lo Stato, il quale, attraverso le sue istituzioni, si comporta né più né meno che come la mafia.

    RispondiElimina
  13. Storia interessante. Paradossale se pensiamo che la prima volta che ho sentito parlare delle scie chimiche è stato proprio un carabiniere a parlarmene.

    Saluti.

    RispondiElimina
  14. Infatti, Unclepeter, non l'hanno.

    Una situazione kafkiana quella raccontata dall'attivista.

    RispondiElimina
  15. Morosowicz, come ti presentò il problema il Carabiniere? In che contesto?

    RispondiElimina
  16. a me i carabinieri hanno detto chiaro e tondo che loro non possono farci nulla su questa cosa degli aerosol militari.

    "anche se fosse vero, se gli aerei militari lo fanno in tutto il mondo noi non possiamo farci niente"

    queste sono le parole del tutore dell'ordine

    non penso che al noe la situazione sia differente

    tutti sanno ma tutti tacciono

    ieri c'era il tozzi in tv: mario, visto che si definisce "un ambientalista allegro" , dovrebbe dirci cosa stanno "allegramente" spargendo i militari nei cieli italiani

    il bello è che il tozzi dovrebbe essere (guarda che caso) un "esperto" in quella che viene comunemente chiamata geoingegneria, cioè aerosol metallici da rilasciare nel cielo con gli aerei militari

    RispondiElimina
  17. Aggiungo il blog di albrogio tra i miei siti amici.

    RispondiElimina
  18. Fatto! http://semprevigili.blogspot.com

    RispondiElimina
  19. @trotterella
    quello che dici è vero, io ho scritto una lettera ai carabinieri argomentando le mie ragioni ma con piglio deciso e con un tono sull'incazzato andante, ed ovviamente con una firma maschile in fondo . come risultato , non mi hanno filato manco di striscio. intuivano che la paternale con me non avrebbe attaccato. o magari, molto più semplicemente , mi hanno ignorato perché faceva loro fatica chiamarmi.

    RispondiElimina
  20. Ho appena inviato l'ennesima mail al NOE di Bologna (io sono di Ferrara) ricordando loro il dovere istituzionale.Sicuramente non risponderanno, come del resto Grillo, Greenpeace, WWF, ARPA,Piero Ricca, Santoro,Ministero dell'ambiente.....che delusione.....

    RispondiElimina
  21. Ordini dall'alto e loro non si muovono. Nei secoli fedeli.

    RispondiElimina
  22. Zret:

    Beh non era niente di ufficiale. Si trattava di un mio vicino di casa. Un giorno tra una chiacchiera e l'altra stava passando un aereo e lasciando una scia. Lui esordì con un: "Ma guarda te sti str...". Io non capivo la cosa e lui mi spiego che gli aerei rilasciavano delle sostanze, a suo dire per questioni climatiche. Io francamente non capivo molto, pensavo che la cosa avesse a che fare con l'inquinamento prodotto dagli aerei ma lui insisteva sul fatto che c'erano dietro gli americani. Poi non mi sono più interessato alla cosa ma negli ultimi tempi (son passati 4 anni da quel colloquio) la cosa mi è tornata in mente leggendo qua e la in rete e mi son messo a cercare qualche informazione.
    Tengo a precisare però che lui diceva di aver letto ste cose in Internet.

    RispondiElimina
  23. ...Già nei secoli fedeli... alla cricca!!!
    Scusate se vado un po' OT, ma ultimamente capita spesso che caccia militari sorvolino a bassissima quota piccoli centri abitati (sono della provincia di Padova).
    Che scopo avrebbero questo tipo di manovre?

    RispondiElimina
  24. marcianò, mi fai schifo

    By allison, at 03 luglio, 2009 03:42


    E' palese che non ti sei visto allo specchio.

    RispondiElimina
  25. Manuel, sono in ogni caso manovre illegali, ma sappiamo bene che i militari fanno quello che vogliono. Per quali motivi volino tra le abitazioni resta un mistero.

    RispondiElimina
  26. salve... e grazie a tutti coloro che hanno espresso un plauso alla mia iniziativa... ma sono io che devo ringraziare Straker e Zret... è in virtù del loro impegno e del loro lavoro che mi sono reso finalmente conto del problema... ed ho deciso di fare anch'io qualcosa... nel mio piccolo. a tal proposito aggiungo che stiamo organizzando una distribuzione di volanti a Napoli nei prossimi giorni... perché come detto quello di Lecce deve essere solo un primo passo. infine devo purtroppo segnalare il persistere di problemi al computer... nello specifico non riesco più ad accedere al mio casellario di posta elettronica su gimail... vorrei credere che si tratti solo di una coincidenza... ma visto il tenore di alcuni commenti che mi stanno arrivando sul bloggher appena aperto... ho il timore che si possa trattare di meschine azioni di disturbo... comunque poco male... attiverò un altro indirizzo di posta elettronica...

    RispondiElimina
  27. Questi problemi arrivano sempre, casualmente... quando cominci ad occuparti seriamente della questione.

    RispondiElimina
  28. @ allison:

    hai gli occhietti tendenti allo "yin sanpaku", consumi troppi zuccheri raffinati ed il tuo intestino lavora male. Per forza che poi sei rancoroso! Ama te stesso prima di tutto e vedrai che il mondo, Marcianò compreso, non ti farà poi tanto schifo. In amicizia...


    walter

    RispondiElimina
  29. Albrogio, vediamo di svegliare i Partenopei. Ottima inziativa!

    RispondiElimina
  30. http://www.youtube.com/watch?v=zTD2_QxnBLc&feature=related

    RispondiElimina
  31. Alcuni blog dei disinformatori sono stati chiusi.

    Occhio alla penna!

    RispondiElimina
  32. licenziati per manifesta inettitudine !

    poveri deb , saranno già diventati delle bistecche svizzere...

    coraggio, non sarà una passeggiata questa storia delle scie, ma se c'è qualcuno che può dormire sonni tranquilli...è chi è consapevole e sta lottando.

    chi dorme o fiancheggia gli avvvelenatori, si sta avviando verso un triste destino : fare la fine della bistecca svizzera.

    auguri !

    RispondiElimina
  33. Non penso sia così semplice. Immagino una nuova strategia.

    RispondiElimina
  34. stiamo a vedere, Straker...e' come una partita a scacchi , a cui tutto il mondo sta giocando ... chi pedina chi alfiere...l'unica certezza è che non mancheranno i colpi di scena...

    speriamo che vincano i bianchi.

    RispondiElimina
  35. Sfogliando oggi al bar il giornale di regime Libero stranamento un articolo sugli aerei per i cambiameti climatici, cita rilascio di ghiaccio secco e sostanze chimiche ignote, il tutto svolto in gran segreto. Qualcosa si muove!

    RispondiElimina
  36. In questo quadro va forse vista la chiusura di certi blog?

    RispondiElimina
  37. OT - aerei in picchiata!
    http://www.iata.org/pressroom/pr/2009-06-25-01.htm

    RispondiElimina
  38. i più grandi bugiardi non sono quelli che dicono 10 parti di bugia ma quelli che dicono 9 parti di verità mischiate ad 1 di bugia.

    è in arrivo un novello quarto potere che tutto dice e niente rivela ? che lancia mille frecce e non colpisce mai al centro ?

    RispondiElimina
  39. Il Nuovo Ordine Mondiale spesso citato anche dal presidente Napolitano? Sì.

    @ Trotterella

    Grazie, cara amica: un'altra conferma.

    RispondiElimina
  40. http://www.libero-news.it/articles/view/555725


    eccolo

    ""i bombardieri di nuvole""

    ""Lo scopo è avere il controllo, per quanto è possibile, delle precipitazioni atmosferiche. La scoperta di questa tecnica, che consiste nel “bombardare” le nubi con ghiaccio secco e sostanze chimiche, risale alla metà del secolo scorso, ma si sa ben poco circa la sua efficacia. I 24 Paesi del mondo che la applicano, infatti, lo FANNO QUASI SEMPRE IN GRAN SEGRETO.""


    ""Nel 1969 a Woodstock, durante lo storico raduno hyppie, diversi spettatori notarono le strane manovre di aerei militari intenti a innaffiare le nuvole. Per tre giorni di fila scese acqua a catinelle. Le testimonianze furono liquidate come una delle “TEORIE DEL COMPLOTTO”.""



    libero parla proprio di "manipolazioni dell'atmosfera e delle perturbazioni tramite aerei militari che rilasciano sostanze chimiche nel cielo (quasi sempre in gran segreto)"


    e pensare che la manipolazione dell'atmosfera con gli aerei militari è cosa ormai da tutti i giorni nella democratica italia

    complimenti ai "bombardieri delle nuvole"

    insomma lo dicono pure ai tg e nei giornali:

    prima la russia, poi la cina, poi l'india.....vorrei sapere cosa fanno invece i militari in italia in gran segreto.......

    i disturbatori hanno chiuso per un semplicissimo motivo....hanno fatto solo un gran casino. pensate che ce n'era uno che mi confermava gli "aerosol contro l'effetto serra"....

    RispondiElimina
  41. riguardo al post di Joseph, ho trovato l'articolo in questione: http://www.libero-news.it/articles/view/555725
    Mi sembra che non si scoprano più di tanto...

    RispondiElimina
  42. Ma chi è questo allison? E' una mente sopraffina, una proprietà di linguaggio stratosferica! Di una puntualità con i suoi commenti! E che stimolo! Lo voglio conoscere, lo DEVO conoscere! Deve diventare il mio guru!
    Ti prego allison, contattami e sarò tuo, per sempre.....

    RispondiElimina
  43. Ho letto che l'aviazione militare indiana sarebbe intervenuta contro aerei statunitensi decollati dalla base nell'Oceano Indiano di Diego Garcia. Pare, infatti, che questi aerei diffondano composti che dissolvono le nubi portatrici di pioggia.

    RispondiElimina
  44. By: Sorcha Faal, and as reported to her Western Subscribers (Traducción al Español abajo)

    Russian Military Analysts are reporting in the Kremlin today that US Military Forces are “panicked” over the forced landings ordered by Indian and Nigerian Air Forces of two Ukrainian AN-124 aircraft [photo top left] operated by the United States Air Force and based at their gigantic, but secretive, Diego Garcia air base located in the Indian Ocean.

    According to these reports, China’s People's Liberation Army Air Force (PLAAF) notified both India and Nigerian intelligence officials about the presence of these US operated Ukrainian aircraft over their growing concerns of the United States spreading of “biological agents” throughout our Earth’s atmosphere, and which some Chinese officials are warning is an American-European attempt to conduct mass genocide via the spread of the H1N1 swine flu virus which has put the entire Global population at risk.

    The first of these aircraft to be ordered down, these reports continue, was over India when a US operated AN-124 changed its call sign from civilian to military as it was preparing to enter Pakistani air space, and which triggered an immediate response from the IAF who forced it to land in Mumbai, and the second one was forced down by Nigerian fighter jets who promptly arrested both the crew and the plane itself.

    Most strange about the reports filed by Indian and Nigerian intelligence agencies about these aircraft, other than the armaments they were carrying, were their waste disposal systems that these reports say could hold in excess of 45,000 kg (100,000 pounds) and from which a “technologically sophisticated” network of nano-pipes led to the trailing edges of the wings and horizontal stabilizers for “dispersing” the contents of the waste tanks in an “aerial-type mist”.

    “Furious” demands made by the United States to both India and Nigeria for the release of their planes led to Indian Defense officials allowing the AN-124 they had captured to be released. Nigeria, however, had to be “forcefully persuaded” to release its captured US plane when after its initial refusal to do so than had one of their major oil pipelines blown up by one of the many American backed terrorist groups operating in their country.

    RispondiElimina
  45. ""Ho letto che l'aviazione militare indiana sarebbe intervenuta contro aerei statunitensi decollati dalla base nell'Oceano Indiano di Diego Garcia. Pare, infatti, che questi aerei diffondano composti che dissolvono le nubi portatrici di pioggia.""


    http://www.whatdoesitmean.com/index1245.htm


    ""US Reported In “Panic” After Chemtrail Planes Forced Down In India, Nigeria""


    ""According to these reports, China’s People's Liberation Army Air Force (PLAAF) notified both India and Nigerian intelligence officials about the presence of these US operated Ukrainian aircraft over their growing concerns of the United States spreading of “biological agents” throughout our Earth’s atmosphere, and which some Chinese officials are warning is an American-European attempt to conduct mass genocide via the spread of the H1N1 swine flu virus which has put the entire Global population at risk. ""


    ""Most strange about the reports filed by Indian and Nigerian intelligence agencies about these aircraft, other than the armaments they were carrying, were their waste disposal systems that these reports say could hold in excess of 45,000 kg (100,000 pounds) and from which a “technologically sophisticated” network of nano-pipes led to the trailing edges of the wings and horizontal stabilizers for “dispersing” the contents of the waste tanks in an “aerial-type mist”. ""

    AERIAL TYPE MIST!!!!!


    questa questione andrà esaminata a fondo

    RispondiElimina
  46. gli indiani non sono molto contenti della siccità indotta dagli aerei NATO.

    RispondiElimina
  47. Questa è una notizia che, se fondata, può rappresentare un precedente importante.

    RispondiElimina
  48. era ora, finalmente qualcosa filtra.
    c'é solo da vedere come finira', nel senso di come si muoveranno i pezzi degli scacchi (diplomaticamente economicamente e militarmente), speriamo bene. ciao.

    RispondiElimina
  49. il problema è che di solito sorcha faal non è per niente affidabile

    RispondiElimina
  50. mi han tolto pure il blog di WASP!!!!
    e ora con chi mi diverto???

    RispondiElimina
  51. Uhm... anche lui? Questa faccenda puzza lontano un miglio.

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis