domenica 6 luglio 2008

Progetto Starfish: il giorno in cui il cielo si incendiò

Per la stesura del seguente articolo dobbiamo ancora una volta ringraziare il gentilissimo Dottor Ginatta che ci ha segnalato il libro di Umberto Rapetto, colonnello della Guardia di Finanza, e Roberto di Nunzio, giornalista ed ex manager delle strategie di comunicazione dello Stato Maggiore dell'Esercito. E' qui il caso di chiedersi che ruolo adempiano questi due personaggi delle istituzioni che, nel loro testo, attribuiscono, di fatto, non di rado alle superpotenze, non solo la manipolazione climatica (scie chimiche), ma anche la guerra psicotronica (mind control), l'impiego di armi al laser ed elettromagnetiche, lo scatenamento di terremoti per mezzo di esplosioni nucleari sotterranee e mille altre atrocità. Chi sono dunque costoro? Dei dissidenti che, pur timidamente e con molte ambiguità e depistaggi, vogliono avvertire i cittadini dei pericoli connessi alle attività delle strutture militari? Sono forse dei disinformatori mascherati? Poco importa, almeno per ora: le loro rivelazioni, confermate da altre fonti, testimonianze ed osservazioni, sono preziose. Il riferimento a dispositivi elettromagnetici è, per esempio, utile per comprendere gli sviluppi dell'operazione "chemtrails", sempre più potenziata e resa efficace dal massiccio ricorso a questa forma di energia.

“Il 9 luglio 1962 gli Stati Uniti avviarono una serie di esperimenti relativi alla ionosfera: un ordigno da un kilotone fu fatto esplodere ad un'altitudine di 60 km, insieme con un altro da un megatone ed un terzo da più megatoni ad alcune centinaia di km di quota. Questi tests danneggiarono seriamente la parte interna delle fasce di Van Allen, suscitando l'indignazione internazionale. Gli esperimenti in questione, etichettati come Progetto Starfish, alterarono la forma e la densità della fascia di Van Allen, con la conseguente precipitazione di particelle nell'atmosfera. [1]

Il giorno 11 maggio 1962 il Keesings Historische Archief aveva anticipato che le esplosioni atomiche avrebbero interferito con il campo magnetico terrestre, creando anche seri problemi alle telecomunicazioni. La deflagrazione generò una sorta di cupola artificiale di luce polare visibile anche alla latitudine di Los Angeles. Un lupo di mare delle Isole Fiji raccontò che il cielo parve incendiarsi. Qualche mese dopo l'Unione Sovietica compì analoghi esperimenti con tre esplosioni tra 7.000 e 13.000 km dal suolo. Il danno cagionato, secondo molti scienziati, potrà forse essere sanato in alcune centinaia di anni”.

Non dimentichiamo che le esplosioni nucleari si possono considerare anche un'arma di tipo elettrodinamico, poiché esse generano una spaventosa onda d'urto di tipo elettromagnetico.

"L’impulso elettromagnetico o E.M.P. (electro magnetic pulse) fu osservato estensivamente per la prima volta durante gli esperimenti nucleari della serie Fishbowl, comprendenti i tests Starfish, Checkmate, Bluegill e Kingfish condotti all'inizio degli anni '60 con esplosioni nell’alta atmosfera. Durante queste detonazioni, si verificò la generazione di un forte impulso elettromagnetico che si propagò in tutte le direzioni come un’onda d’urto e con un'intensità che, inizialmente, era stata sottostimata. Questa onda d’urto elettromagnetica fu in grado di indurre elevate correnti nei dispositivi elettrici ed elettronici anche posti a notevoli distanze. I picchi di corrente in alcuni casi furono di entità tale da generare il calore sufficiente a portare a temperatura di fusione i circuiti o ad interrompere i fusibili. Si dimostrò, quindi, la potenziale capacità di provocare pesanti danni su vasti territori, rendendo inefficienti i sistemi elettrici ed elettronici.

I resoconti più esaurienti si hanno a proposito degli effetti sperimentati sulle Isole Hawaii nel caso dell'esplosione Starfish Prime. Gli effetti E.M.P. furono evidenti anche a oltre 1.300 km di distanza e le misurazioni portarono ad una prima comprensione del fenomeno.
I componenti soggetti a questo tipo di danni sono i seguenti, elencandoli in ordine decrescente di vulnerabilità: circuiti integrati (I.C.), processori (C.P.U.), componenti a base di silicio; transistor; valvole termoioniche; induttanze e motori.

Le armi nucleari specializzate nella produzione di E.M.P. appartengono alla terza generazione di ordigni nucleari. Le armi elettromagnetiche sono ancora essenzialmente ad alto livello di classificazione di segretezza, ma gli analisti militari e gli esperti generalmente ipotizzano che le bombe-E sfruttino sorgenti con generatori a compressione esplosiva del flusso. Secondo alcune fonti, la U.S. Navy ha impiegato bombe elettromagnetiche sperimentali durante la Guerra del Golfo del 1991. Questo tipo di bombe era armato con dispositivi che convertivano l’energia degli esplosivi convenzionali in un impulso elettromagnetico. La C.B.S. News ha riferito dell’uso di una bomba-E sulla sede della televisione irachena, durante la guerra in Iraq del 2003, ma la notizia non è stata confermata da fonti ufficiali".

Ci si può chiedere quali siano i motivi che spinsero governi dominati da pazzi e "scienziati" scellerati a compiere questi rovinosi esperimenti: furono, in primo luogo, tests bellici, ma non si può escludere che, poiché le fasce di Van Allen comportano rischi anche gravi per gli astronauti e per le strumentazioni spaziali, i militari abbiano deciso di lacerarle per facilitare le missioni nello spazio. Il ricorso ad armi che provocano distruttivi impulsi elettromagnetici diventa chiaro, se si ricorda quanto gli esecutivi temano ed odino chi potrebbe spodestarli e dimostrare all'opinione pubblica mondiale che i nostri amati governanti sono talora dei veri criminali.

[1] Le cinture di radiazione di Van Allen sono due zone di intense radiazioni catturate dalla magnetosfera che avvolgono la terra principalmente al di sopra delle regioni equatoriali. Furono scoperte dall'astrofisico statunitense James Alfred Van Allen (1914) per mezzo del satellite Explorer, nel gennaio 1958. La cintura più interna è formata per lo più da protoni; la radiazione di questa banda risente delle tempeste geomagnetche e varia col ciclo solare di 11,1 anni. La fascia esterna è costituita principalmente da elettroni.


Fonti:

Enciclopedia dell'Astronomia e della Cosmologia, Milano, 2005, s. v. Fasce di Van Allen
D. Pasquariello, Gli alieni hanno paura delle armi nucleari, 2007
U. Rapetto, R. Di Nunzio, Le nuove guerre, 2001



Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.


Aggiorna Tanker Enemy nei tuoi preferiti. D'ora in poi questo blog è raggiungibile digitando http://www.tankerenemy.com/

TANKER ENEMY TV: i filmati del Comitato Nazionale


FIRMA LA PETIZIONE PER ABOLIRE IL CANONE RAI
http://www.aduc.it/dyn/rai/petizione.html

23 commenti:

  1. Segnalo questo link per la consultazione delle mappe satellitari.

    RispondiElimina
  2. spettacolare!
    vedo le scie in tempo reale!

    RispondiElimina
  3. Cielo sopra Cagliari totalmente bianco...mi sembra evidente che stanotte abbiano lavorato parecchio i maledetti.

    RispondiElimina
  4. Ho fatto il giro d'Italia, mari compresi: siamo messi bene!

    RispondiElimina
  5. Sì, scie e soprattutto l'odiosa finta foschia ormai presente da lunghi giorni in molte zone, che persiste nonostante il passaggio di violenti temporali, mentre gli aerei non si sono fermati MAI

    RispondiElimina
  6. grazie del link, straker, se non ci fossi bisognerebbe inventarti...

    RispondiElimina
  7. Oggi hanno ripreso il lavoro tardi, sebbene abbiano irrorato durante la notte e come per miracolo la nebbia era assente.

    Ovvio che essendo nebbia chimica, questa è una costante se disseminano schifezze in atmosfera. Dalle sat si vede bene che non è localizzata, ma che è ovunque.

    RispondiElimina
  8. come i cumuli di terra che seppellirà questi bastardi!

    RispondiElimina
  9. Speriamo presto.

    Dimenticavo. Aldus del forum di MD80.it è Aldo Bulgheroni, fa parte dello staff e c'è dentro... molto dentro.

    aldo.bulgheroni@tiscali.it

    RispondiElimina
  10. Ciao Straker,
    a quanto pare il lurido aldus è uno di quelli che passa buona parte del suo tempo a giocare con il flight simulator:
    http://efis.altervista.org/

    e la parte del tempo che gli resta la dedica alla disinformazione, grazie a questo infame "non-lavoro" tira avanti la carretta e dispone pure del tempo per giocare ... che bamboccio di plastica ...

    RispondiElimina
  11. Come fate a vedere gli aerei con la foschia/cappa grigio-biancastra in cielo? Io non riesco a scorgerli, ma sono convinto che dietro questo cielo assurdo (al tramonto si può osservare meglio il sole totalmente pallido) ci siano i bastardi.

    RispondiElimina
  12. sempre a proposito di Aldo Bulgheroni "aldus":

    http://www.ibravo.it/chisiamo.html

    la foto che si trava nel link è la versione 'stagionata' attuale di faccia di plastica ... un musicista fallito che ha trovato il sistema per 'arrotondare' ...

    RispondiElimina
  13. Esatto, vibravito, il tizio non fa praticamente nulla, oltre che disinformazione. Fu lui a promuovere diversi articoli sulle chemtrails (in stile Focus) su siti esterni e partners del sito md80.it. Ormai è il suo mestiere, ammettiamolo e mi pare di conoscerne lo stile. E' probabile che scriva in giro con altri nicnames a noi già noti.

    RispondiElimina
  14. Infatti, cosmino. Gli aerei non si vedono ed infatti il sistema adottato è proprio mirato a dissimularsi nel cielo d'alluminio. Ci sono, ma non li vediamo.

    Di notte, invece, riprendono a bassa quota e con scie persistenti.

    RispondiElimina
  15. Sempre su Aldus: sembra essere del varesotto, come anche il nick "BigRedCat" con cui ho già avuto a che fare nel blog di Felice e Virginia:
    scie-chimiche.blogspot.com

    BigRedCat scrive spesso anche sul forum di focus. Quindi i casi sono due: o si tratta dello stesso infame individuo, oppure il varesotto è un 'crogiolo' delle diverse razze di bastardi debunkers ...

    RispondiElimina
  16. Potrebbe essere saccente1. I toni aspri sono i suoi, ma è pur vero che quelli escono tutti dalla stessa scuola, per cui non mi stupirei se fossero tutti omologati nello scrivere e nei toni.

    RispondiElimina
  17. è vero, a Cagliari in questi giorni è difficile scorgere i tankers ma sabato nel nord-est sardo ho chiaramente visto per la prima volta un quadrimotore jet (tipo B747) che irrorava copiosamente rilasciando 4 scione.
    Delle 4 scie, le 2 esterne erano di un tipo (molto dense) e le 2 interne leggermente più sbiadite (ma i motori non sono tutti uguali? oppure un aviogetto a 4 motori monta due coppie differenti di propulsori?)

    Ovviamente la quota non era superiore ai 4-5000 metri, l'aereo era perfettamente visibile così come era facile distinguere i motori uno ad uno.
    Considerando che a terra c'erano 30 gradi centigradi, a 5000 metri la temperatura era di circa zero gradi centigradi, NON SI POTEVA ASSOLUTAMENTE TRATTARE DI SCIE DI CONDENSA a meno che i simpatici falliti di MD80 (dilettanti nullafacenti e ignoranti)e i loro vari amici (CICAP et altri) non sostengano che la definizione delle condizioni per la formazione di contrails sia cambiata a loro piacere.

    E' un tipo di aerosol differente rispetto a maggio-giugno e le scie sono diverse, così come diverso è l'effetto post-passaggi.

    Un nebbione allucinante
    completamente esteso e quasi non si riesce a scorgere il profilo dei monti in tutte le direzioni.

    Voglio anche ricordare a chi non è mai venuto in Sardegna che quando c'è maestrale, la visibilità è profondissima e la nitidezza della visuale è praticamente totale a perdita d'occhio (oltre 10 Km, come recitano i bollettini).

    Invece sembrava di essere a Londra nelle peggiori giornate nebbiose.

    RispondiElimina
  18. Qui a roma niente di che...cielo terso da due gg almeno ed adesso leggere nuvole in arrivo da sud est...!!
    Ciao

    RispondiElimina
  19. MA IL LINK FLASH EARTH è SEMPRE AGGIORNATO?
    GRAZIE
    CIAO

    RispondiElimina
  20. In teoria dovrebbe esserlo, stando a quanto dichiarano, ma nei fatti, quanto vedo, non lo è. I motivi ma paiono ovvi.

    RispondiElimina
  21. infatti...grazie lo stesso per la segnalazione straker!

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis