venerdì 4 aprile 2008

Una pianta utile contro le scie chimiche

La Tillandsia è un genere comprendente circa 500 specie di epifite (esistono, però, anche specie erbacee e che crescono in luoghi rocciosi) dalle dimensioni e forme molto diverse, diffuse nelle regioni tropicali e subtropicali del continente americano. Dodici specie vivono negli Stati Uniti d'America, in Virginia. Le specie del genere Tillandsia formano ciuffi di rosette, con foglie grigioverdi, arcuate, infiorescenze allungate, sino a 30 cm, provviste di brattee vistose, sovrapposte. Hanno fiori prevalentemente blu, o viola-porpora, solitari alle ascelle delle brattee e riuniti poi in spighe o nei capolini terminali. Si acclimano nelle aree con condizioni temperato-calde. Si coltivano in serra e si tengono appese per mezzo di un fil di ferro o in zattere di sughero rivestite di sfagno. Vivono dell'umidità dell'aria e non tollerano temperature inferiori ai 10 gradi Celsius. L'umidità dell'aria è catturata tramite apposite strutture poste sull'epidermide chiamate tricomi che sono aperti quando la pianta è secca e si richiudono sopra una certa soglia di umidità per impedirne l'evaporazione.

Il genere Tillandsia, come è dimostrato da vari ricercatori ed esperimenti, assieme all'umidità cattura anche il pulviscolo atmosferico che contiene agenti inquinanti. Poiché le scie chimiche sono la precipua, anche se non l'unica, fonte di polluzione dell'ambiente nonché la più importante causa di patologie (1), sarà utile procurarsi delle piante di Tillandsia da sistemare nei luoghi in cui trascorriamo la maggior parte del tempo. La Tillandsia, infatti, non solo cattura, ma pure elimina, metabolizzandole, le sostanze inquinanti. Ci riferiamo naturalmente agli elementi ed ai composti chimici, non agli agenti biologici (batteri, funghi...), contro i quali eventuali strumenti di difesa sono altri.

(1) Riportiamo un elenco dei principali elementi chimici e degli agenti patogeni diffusi, con ogni probabilità, per mezzo delle micidiali chemtrails:

arsenico
alluminio
bario
litio
cobalto
manganese

silicio
arsenico
piombo
mercurio
uranio
zinco

stronzio
torio radioattivo
cesio radioattivo
fluoro
rame
selenio
titanio
fosforo
zolfo

etilene dibromide o etilene dibromuro
esafluoruro di zolfo
meningococco
pseudomonas aeruginosa
pseudomonas fluorescens
serratia marcescens
streptomiceti
virus
viron, ossia virus modificati geneticamente
retrovirus
batteri
enterobatteri
micoplasmi

funghi
muffe
nematodi
plasmidi
globuli rossi essiccati
sostanze sedative
sostanze stupefacenti
vaccini
marcatori biologici
polimeri



Fonti:

Scienze naturali, Milano, 2005, s.v. Tillandsi
Enciclopedia dei fiori e del giardino, Milano, 2003, s.v.


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

14 commenti:

  1. Ottimo, come sempre la Natura ci viene in aiuto...

    Ciao

    RispondiElimina
  2. Ma che buttano tutta la tavola periodica con le scie chimiche?

    RispondiElimina
  3. Ciao Freenfo, è per questo motivo che essi odiano la Natura ed agognano distruggerla.

    Scientificamente (???), l'elenco è incompleto. "Chi non si aspetta l'inaspettato non troverà la verità" (Eraclito)

    RispondiElimina
  4. Ma che buttano tutta la tavola periodica con le scie chimiche?

    Con i costi che ha l'"operazione copertura", non penso li sprechino per spruzzare vapore acqueo.

    Incrementare le malattie è un buon busisness per le farmaceutiche.

    RispondiElimina
  5. Di questa pianta me ne dovrei coltivare una intera serra...

    RispondiElimina
  6. correro' a comprarne un vivaio!
    faro' felice anche la mia bimba! :)

    oggi solo qualche sorvolo istant spray e qualche nuvola di dubbia natura.

    D'altronde l'avevano annunciato con le previsioni del tempo, da ribattezzare ormai "annunciazioni del tempo".

    RispondiElimina
  7. Che bella che è questa pianta! varrebbe la pena di prenderla anche solo per quello, poi se è anche utile...ancora meglio!
    Dovremmo studiarne il funzionamento per imitarlo e creare dei biofiltri... (meglio ancora sarebbe se riuscissimo ad impedire ai tankers di decollare, ma bisogna studiarle tutte...)

    RispondiElimina
  8. Carissimi, possiamo organizzare dei gazebo con vendita di tali piante, stavolta per una giusta causa, le dannate scie chimiche!

    Ciao a tutti

    Ps. Non fraintendete il concetto "giusta causa"

    RispondiElimina
  9. questa è veramente una bella notizia, come la pianta!

    ciao


    un abbraccio nella luce, Dio è ancora sul Trono
    Giona

    RispondiElimina
  10. Procuriamoci queste piante e regaliamole ad amici e parenti. Sarà un regalo veramente utile.

    Ciao a tutti.

    RispondiElimina
  11. Ciao Straker!
    Sono Virginia di scie-chimiche (qui su blogspot). Conosco benissimo la Tillandsia e ne ho alcune in casa. Ha proprietà fantastiche contro le emanazioni elettromagnetiche :)
    Fra l'altro siccome mi occupo di Deep Ecology, avevo già pensato al suo utilizzo contro le scie, ma non sapevo che se ne fosse occupato qualcuno a livello "ufficiale". Ti ringrazio per la segnalazione. Cmq, se vuoi ho molte info sulle piante che combattono vapori chimici ed elettromagnetismo.
    Keep in touch.

    RispondiElimina
  12. Ciao Virginia, a questo punto ci manca solo la pianta che favorisca le piogge. Che la Tillandsia assorba le onde em è comunque controverso.

    Ciao e grazie.

    RispondiElimina
  13. Bè... gli antichi usavano gettare riso in aria per favorirla :) e nella Deep Ecology c'è qualcosa di simile...
    Per quanto riguarda le piante antinquinanti ti lascio un link: http://erbario.livejournal.com è il primo post.

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis