martedì 22 aprile 2008

“Scie chimiche” nel cielo della capitale (tratto da Abitare a Roma . net)

Sulla testa dei cittadini romani per quasi tutto il pomeriggio del 20 aprile 2008

di Alvaro Colombi - 21/04/2008


Domenica pomeriggio 20 aprile 2008, finalmente, le abbiamo avvistate anche noi nel cielo di Roma. E adesso ci rimane più difficile essere d’accordo con quanti riconducono il fenomeno alle normali scie di “condensazione” rilasciate da aerei civili o commerciali. Perché le scie che da qualche anno, perfettamente visibili, fanno la loro comparsa nei cieli del pianeta, sono più larghe, persistenti e non si dissolvono in pochi minuti, si espandono anzi in uno strato uniforme biancastro.

Gli studiosi che se ne occupano le chiamano “scie chimiche”, o meglio “chemtrails” (contrazione di “chemicaltrails”) e ne parlano in termini allarmanti.

Si dice, forse per esorcizzare il fenomeno, che esistono centinaia di brevetti nel mondo riguardanti il monitoraggio del clima. Ed è vero. Tra questi il progetto H.A.A.R.P., acronimo di High frequency Active Auroral Research Project, nato (ufficialmente) per studiare le proprietà della ionosfera e le tecnologie nelle comunicazioni radio applicabili nel campo della difesa. Un programma del Dipartimento della Difesa degli Usa che rientra nel progetto “Guerre stellari”, avviato negli anni ottanta dall’amministrazione Reagan e portato avanti da Bush.

Ma se gli scopi, come nel caso del programma americano, sono solo scientifici, come spiegare la reticenza dei media ufficiali impegnati, al contrario, in un’ampia campagna di disinformazione su tale questione?

Il silenzio dei governi o degli enti governativi, che non hanno mai confermato, è bene dirlo, l’esistenza delle scie chimiche, ha indotto molti ricercatori ad indagare e raccogliere indizi e informazioni che, in qualche modo, potessero far luce sul fenomeno. Con ottimi risultati se è vero che, in diverse parti del mondo dove la presenza delle scie è più continua, nell’acqua, nelle polveri e nei terreni sono stati rilevati sali di bario, ossido di alluminio, torio e altri metalli pesanti. Tutti composti chimici notoriamente dannosi per l’ambiente e la salute umana.

Tra gli studiosi ormai si fa strada la convinzione che l’irrorazione, divenuta più intensa con l’inizio del nuovo millennio, sia legata a scopi militari e per questo in relazione col progetto HAARP.

A ciò si aggiunge la testimonianza di numerose persone che hanno visto delle lunghe scie lasciate da aerei bianchi, simili a tanker militari, privi di insegne o livree identificative.

Quello che sta succedendo non lo sappiamo. Sappiamo però che di qualsiasi cosa si tratti i cittadini del pianeta avrebbero diritto ad essere informati.

Fonte: Abitare a Roma . net


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.


Aggiorna Tanker Enemy nei tuoi preferiti. D'ora in poi questo blog è raggiungibile digitando http://www.tankerenemy.com/

23 commenti:

  1. Era ora! Domenica è stato uno scempio di enormi proporzioni.

    Ciao

    RispondiElimina
  2. E sì che i romani sono in tanti sotto quel cielo, non quattro gatti e due cani come dalle mie parti. Quanto c'è voluto per capirlo?

    Un conoscente di Roma con il quale diversi anni fa collaboravo, insieme ad altri, ad una rivista di argomenti più o meno esoterici si imbufalì nel leggere il mio primo articolo che scrissi sull'argomento delle scie chimiche nell'estate del 2002.
    Quegli si rivolse addirittura ad un parente Generale dell'Aeronautica forse in pensione - non ricordo - il quale leggendo l'articolo si arrabbiò a tal punto da minacciare denunce nei miei confronti e ovviamente nei confronti di chi dirigeva quella testata.

    Conclusione: il mio articolo che intitolavo ' Cieli chimici ed Apocalisse' venne per motivi igienici alquanto censurato, con ovvia soddisfazione di quel tale che l'aveva fatto presente all'alto Ufficiale.

    I tempi sono cambiati. Non so che fine abbia fatto quell'individuo - ma forse dovrei dire 'quell'imbecille'-, gli Ufficiali dell'Aeronautica e non hanno cambiato tattica circa eventuali denunce per 'diffamazione e vilipendio alle Forze Armate'.
    Preferiscono al momento incassare le pesanti e sacrosante critiche dei cittadini che si sono accorti di questo un pò buffo quanto criminale esperimento sopra la loro pelle.

    Ma uno degli scopi di tale atteggiamento di apparente indifferenza credo sia anche quello di sdoganare progressivamente l'irrorazione di aerosol fino a farla diventare un evento quotidiano e familiare e del quale non ci si debba meravigliare più di tanto.

    Roma poi potrebbe rappresentare la città ideale per tale progressiva assuefazione. La cosa mi fa venire in mente il racconto di E.Flaiano ' Un marziano a Roma' nel quale la gente in un primo momento si stupiva di vedere un marziano passeggiare per le vie dell'Urbe, ma poi con il passare del tempo non ci faceva più neanche tanto caso.

    Ho visionato da poco stralci di un cartone della Walt Disney che mi pare si chiami 'Dinosauri' o giù di lì.
    Come dice il titolo, i protagonisti sono dei dinosauri disegnati estremamente bene al computer ma che vengono inseriti e fatti muovere in paesaggi reali di stati come la Florida, l'Arizona e altri.

    Non ci credevo però in questi scenari viventi i cieli erano invariabilmente chimici. Non si potevano discernere vere e proprie scie ma l'aspetto a vetro smerigliato e sempre artefatto dagli aerosol era sempre ben presente.

    Come già fatto notare più e più volte su questo blog, le giovani generazioni vengono istigate fin dalla più tenera età - il cartone è destinato a bimbi in età prescolare- ad aceettare la naturalezza dl fenomeno.

    RispondiElimina
  3. Ciao Paolo. Inutile dire che mi piacerebbe pubblicare quel Tuo articolo.

    Già, Roma è enorme, eppure pochi si accorgono dello scempio in atto. Che dire? Insistiamo.

    RispondiElimina
  4. Ciao e grazie della stima.
    Se voui puoi pubblicarlo.
    Non faccio rivalse per il copyright.

    RispondiElimina
  5. Beh, come dice freeinfo: era ora!!! Certo dire " Oggi le abbiamo viste anche noi " suona un poco male. Solo il 20 aprile si sono viste scie chimiche su Roma? Non penso. Comunque meglio così: meglio tardi che mai.
    P.S. Wikipedia è uno scandalo. Chi di dovere è entrato già da molto nella famosa Enciclopedia Libera per disinformare. Probabilmente farò un articolo a posta. Probabilmente scriverò a chi cura la famosa Enciclopedia Libera.
    Una saluto, Marco da Terni

    RispondiElimina
  6. BENE!!! VEDO CHE LE MIE FOTO SONO SERVITE A QUALCOSA!!! OGGI A ROMA CIELO LIMPIDO O QUASI...IERI GIORNATA DI PIOGGIA...A TRATTI SPORCA (COLORE BIANCA E GIALLA)...
    APPENA POSSO FARO' ALTRE FOTO...QUALCOSA SI DOVRA' PUR SMUOVERE CA...!!!! UN SALUTO A TUTTI!!!

    RispondiElimina
  7. bè...per lo meno anche a Roma ne parlano, senza mezzi termini!!! peccato che non si possano aggiungere commenti...anche oggi mi sarei fatta due belle risate seguendo l'arrampicata sugli specchi dei debunkers...Ciao a tutti!

    RispondiElimina
  8. Una cosa che mi incuriosisce è che, quando vedo spezzoni di filmati nei vari Tg che ritraggono anche brevissimamente scenari della capitale con brandelli di cielo, la scia chimica fresca o sfilacciata ce la vedi sempre.

    Anche Roma è dunque al primo posto nell'agenda degli avvelenatori. Solo che lì con una fava non prendi due piccioni ma due milioni e passa di persone in un colpo. Mica poco.

    RispondiElimina
  9. Beh amici, posso assicurarvi che anche nei dintorni di Roma questo scempio è all'ordine del giorno, sul cielo della capitale c'è qualcosa che non va e lo si evince da queste immagini (o de visu, nella sciagurata ipotesi di trovarsi lì sotto, proprio come me :S).

    Alla prossima amici

    RispondiElimina
  10. Salve a tutti
    certamente a roma sono anni ormai che gli spray chimici avvengono sopra le teste dei cittadini.
    Non credo che siamo in pochi ad essercene accorti , di certo sono sempre piu' , il problema è che putroppo la quasi totalità delle persone ritiene un fatto vero solo se questo viene annunciato in pompa magna in tv.
    Questo è il vero problema dell'informazione/disinformazione sulle scie chimiche.
    Il controllo dei media è fondamentale per diffondere qualunque verità/bugia; che si tratti di totti o della fine del mondo importa poco , l'importante è che lo si legga su qualche giornale a tiratura nazionale o su rai e mediaset, il resto putroppo conta poco.
    consideriamo poi anche il fatto che quando vediamo il cielo pulito probabilmente siamo in inganno , sappiamo che esistono vari tipi di scie chimiche e non tutte sono visibili.
    Comunque è importante che se ne parli anche in testate minori e radio.
    Quando il tema arriva sui grandi network viene quasi sempre svuotato dei suoi contenuti piu' significati , e sappiamo bene come questa sia una tecnica di disinformazione.
    La mia stima ad un personaggio come straker che non teme ritorsioni e divulga informazione vera a viso aperto.
    Saluti

    RispondiElimina
  11. Sono 5 anni che vivo a Roma, ma sono circa 2 che faccio caso alle scie...!!!

    RispondiElimina
  12. Sì, è vero, è da un pò di tempo che qui a Roma si vedono abbastanza scie. Non so, forse perchè ci ho fatto caso con più insistenza, ma ho notato che di domenica sono di più.
    Ripeto: non ne sono sicuro, ma ho questa impressione.
    Il pezzo di quel sito può significare tanto, e così come detto da altri: meglio tardi che mai.

    x Paolo:
    Certo che te con quel pezzo che volevi pubblicare nel 2002, stavi avanti col tempo. Io è da quell'anno che ho incomiciato ad osservarle. E allora, come sai, di tempo ( 6 anni ) ne è passato, e per fortuna l'informazione, pur se non "ufficiale", sulle "chemtrails" è aumentata.

    Andiamo avanti così.
    Luka78

    RispondiElimina
  13. Wow, certe cose tirano (quasi) su il morale. E' evidente che la gente comincia ad accorgersene al di là di tutto. Domenica è stato un disastro un po' in tutta italia. Anche qui a Milano la cosa è stata tragica.

    E così, per pura ripicca, ho fatto l'Orgonite, o meglio, la mia visione dell'Orognite. Poi mi sono fatta riprendere, ho montato il video e il tutorial su come farla è su youtube (watch?v=BziyMdgdeSk) mentre per commenti e suggerimenti: http://scie-chimiche.blogspot.com

    Sto anche montando il video del weekend scorso, un vero delirio chimico sui cieli di milano :(

    RispondiElimina
  14. Finalmente bella giornata a Roma...fa mooolto caldo!! In lontananza ahimè si vede una nube marrone...quando non ci sono le scie ci pensa l'inquinamento a distruggere questa città!!! Peccato...

    RispondiElimina
  15. @ Paolo.

    Se mi mandi l'articolo, lo pubblichiamo volentieri. E' sempre un piacere leggere i tuoi scritti.

    @ gli altri amici

    La chiave di volta è trovare un giornalista che affronti l'argomento con continuità e decisione. Il carissimo Maurizio Decollanz è stato il primo. Avanti un altro!

    RispondiElimina
  16. Una buona cosa è affiggere striscioni sui terrazzi, un po' come venne fatto per la falsa protesta delle sinistre contro le guerre in Iraq ed in Afghanistan.

    Nel nostro caso sarebbe un'iniziativa sincera e forse con una certa efficacia, se imitata da tanti.

    RispondiElimina
  17. Infatti l'osservazione è il modo migliore per rendersi conto di cosa stiamo parlando, quando si leggono certe cose inizialmente si rimane abbastanza increduli, si SPERA che non sia vero nulla (non parlo di debunkers ovviamente ma di gente comune), ma ben presto dopo avere appreso le informazioni abbiamo la possibilità di constatarlo coi nostri occhi visto che ormai le scie chimiche sono ovunque!
    Mi auguro che sempre più persone ne parlino e diffondano le informazioni il più possibile...
    Ciao!

    RispondiElimina
  18. Ciao Flo. Concordo. Speriamo però di poter fare qualcosa e presto! I segnali che arrivano da avvenimenti come il sito chiuso di Andrea Doria, per colpa di pressioni, intimidazioni e sabotaggi, mi inducono a pensare che, se non acceleriamo i tempi, qui ci blindano e resteremo irreparabilmente sotto un cielo d'alluminio.

    RispondiElimina
  19. Leggo proprio ora, grazie alla risposta di Straker, della chiusura del sito di Andrea Doria.
    Gli ho appena inviato una e-mail di incoraggiamento. E così come gli ho scritto, anche qui dico che chiudere, o costringere a chiudere, un sito è significativo del periodo in cui viviamo. E' ovvio che se intimidiscono una persona - così come hanno fatto ad Andrea - è perchè il contenuto dei suoi scritti o degli articoli che pubblicava, avevano ( ed hanno )un fondamento reale. Ed è una realtà che per qulcuno è meglio che rimanga nascosta.
    A me, come scrive Andrea, non confondono le idee simili barbagianni. Anzi, mi spingono a ricercare sempre di più, con i mezzi che posso avere a disposizione, la VERA VERITA'. Punto e basta.
    E alla faccia di quegli idioti di Attivissimi vari che si cullano dato che stanno dalla parte della maggioranza, dalla parte del PENSIERO UNICO, dalla parte che fa più comodo. Che eroi, che venduti, che schifo di gente! Ottenebrati che altro non sono. Se vogliono essere degli automi, che si accomodassero pure. Io non sto con loro.
    Un saluto a tutti.

    RispondiElimina
  20. Scusate se ho ripreso la vicenda del sito d Andrea Doria nell'articolo precedente ma non sapevo ne aveste già parlato. Sono rimasto sbigottito...

    Un'ottima iniziativa sarebbe chiedere a chi partecipa al concerto del Primo Maggio a Roma di portare striscioni recanti scritte di dissenso alle scie chimiche. Le telecamere di Rai3 probabilmente eviteranno di inquadrarli e mandarli in onda ma su 500-600mila persone saranno in tantissimi a leggere e a chiedersi di cosa si tratta.

    RispondiElimina
  21. Arrivo tardi anch'io, purtroppo, è soltanto da un anno che osservo il cielo su Roma e dintorni dopo aver recepito gli allarmi sulle scie chimiche avvistate ovunque e non solo in Italia.
    La cosa è orripilante ma davvero è impresa titanica "svegliare" la maggior parte della gente, cloroformizzati al 100%.
    Parlare e sostenere che ci stanno avvelenando progressivamente, così ricorriamo sempre più spesso ai medici e ad esami costosi e a lungo termine, rimpinzando le multinazionali farmaceutiche e preparando i risultati di questi "test" da genocidio di massa non dà risultati, spesso lo scetticismo allontana e si preferisce continuare il tran-tran rassicurante (rassicurante di cosa?incalzo sempre, non vedete la disoccupazione, la crisi economica indotta, i profitti enormi di banche che oltre ad emettere banconote la cui sovranità ERA nostra e ce l'hanno scippata, non versano un centesimo di tasse allo Stato?!)...
    E' un disastro, ma da qualcosa si deve pur iniziare. Ben vengano gli striscioni in qualunque manifestazione, così moltissime persone "leggeranno", almeno questo, visto che giornali e TV sono completamente schiavi dei poteri nefasti.
    Saluti a tutti e...forza, andiamo avanti per diventare sempre più numerosi!

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis