lunedì 14 aprile 2008

Scie chimiche: DORizzazione finale del pianeta? (articolo di Alessandro Rosselli - Seconda parte)

Nel pubblicare la seconda parte della ricerca di Alessandro Rosselli, vorremmo in primo luogo notare che la situazione descritta da Reich in ordine al Dor, assomiglia a quella determinata dalle scie chimiche, a causa probabilmente dell’inquinamento collegato alle attività produttive ed alle esplosioni nucleari in atmosfera. Circa la possibilità attraverso il cloudbuster di dissolvere le nubi, è consigliabile ricorrere a questo intervento solo in presenza di nuvole chimiche, evitando di interferire con i fenomeni naturali. Non esiste alcuna necessità di sciogliere corpi nuvolosi, se essi sono formati da vapore acqueo e da nuclei di condensazione. Anzi cumuli ed altre nuvole imbrifere sono una vera benedizione. Sono, in ogni caso, pratiche in cui non ci deve improvvisare: occorre, infatti affidarsi ad esperti ed a veri conoscitori dell’opera di Reich.

INDICE DOR DI BAKER

OR 0 --------------------------> 10 DOR

Movimento

2 - immobilità, fogliame appassito, animali quieti
1 – brezze occasionali
0 – brezze consistenti, animali attivi, venti occasionali ma vigorosi

Umidità (sensazione soggettiva)

2 – sensazione di oppressione, gonfiore
1 – sensazione di pesantezza e di umidità
0 – benessere

Soggettivo in generale

2 – stanchezza, apatia, irritabilità, sete, mancanza del contatto
1 – disagio, lentezza, agitazione
0 – benessere, forza, sentirsi a proprio agio

Colore del cielo

2 – colore blu assente, nuvole lattiginose, biancore abbagliante e fastidioso
1 – cielo coperto, grigio acciaio e lattiginoso, foschia porpora, marrone, bluastra e pepe sparso
0 – blu distinto e morbido

Nuvole

2 – cielo leggermente coperto, nuvole lattiginose, foschia biancastra, nessuna nuvola definita
1 – nuvole a forma definita e sfilacciate e cotonate, copertura a più strati
0 – nuvole dalla forma ben definita

Tratto dalla seguente fonte:

Orgonforschungsinstitut Deutschland /Nuembrecht
http://www.trettin-tv.de/cloud.htm

TECNICHE DI CLOUDBUSTING

Reich, nel 1940, aveva osservato che il puntamento casuale di alcuni lunghi tubi metallici sulla superficie del lago, sembrava influisse sul moto ondoso delle acque.

Basandosi su quell'esperienza, puntò verso quelle concentrazioni nerastre, una serie di tubi metallici, lunghi da 2,70 a 3,60 metri e del diametro di 3,7 cm, montati su un supporto di legno e collegati ad una profonda cisterna piena di acqua, mediante alcuni cavi metallici flessibili. L'effetto fu immediato. Le nubi cominciarono a contrarsi e, quando i tubi venivano puntati in senso contrario alla direzione di flusso dell'involucro orgonico, cioè verso occidente, dopo pochi minuti, prendeva a soffiare una brezza da ovest verso est, facendo affluire nuovi quantitativi di energia orgonica dove, fino a poco tempo prima, incombevano le stagnanti e nauseanti nubi.

“...assorbiamo energia da un punto molto vicino alla nube, se vogliamo allargare le nubi esistenti e favorire la caduta di pioggia....”

Per ingrandire una nube si assorbe energia da un punto immediatamente circostante la nube stessa. Così facendo, si abbassa il potenziale orgonico nel punto di assorbimento e si crea un flusso di orgone da quel punto verso la nube, che possiede un potenziale orgonico più elevato.

Inoltre:

“Si dissipano le nubi di vapore acqueo assorbendo, in accordo al potenziale orgonico, energia dal centro della nube. Ci sarà meno energia per sostenere il vapore acqueo e le nubi devono necessariamente dissiparsi. Il potenziale orgonico tra la nube e l'ambiente circostante risulta diminuito”.

Leggi qui la prima parte.


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.


Aggiorna Tanker Enemy nei tuoi preferiti. D'ora in poi questo blog è raggiungibile digitando http://www.tankerenemy.com/

10 commenti:

  1. Volevo solo segnalare che su internet si trovano anche le istruzioni per costruire i cosiddetti "chembusters". Si tratta di cloud busters intelligenti che colpiscono solo le formazioni nuvolose create dalle scie chimiche.

    Il problema relativo all'accumulo di DOR verrebbe risolto grazie all'utilizzo di un sistema che lo riconverte in OR.

    Come funziona il tutto e le istruzioni per realizzarlo si posso trovare sul sito www.orgonite.info

    L'unica cosa che so è che a breve realizzerò la mia prima "Holy Hand Granade" (già il nome ispira).

    Buon lavoro.

    RispondiElimina
  2. Ciao Ersandro, tienici informati sui tuoi risultati. Ricordiamo che le piogge naturali sono fecondatrici e benefiche.

    Ciao e grazie.

    RispondiElimina
  3. se qlc ha ulteriori link sull'argomento descritto me li faccia avere
    alex white

    RispondiElimina
  4. ciao, anche qui ci sono delle indicazioni: http://giftingitalia.org/

    RispondiElimina
  5. Alcuni links per Alessandra:
    The Wilhelm Reich Museum . Orgonon In inglese.

    Twilight Science: il forum su antigravità e scienza di confine Qui trovi gente che fa ricerca e sperimenta direttamente senza accontentarsi di spiegazioni preconfezionate e/o dogmatiche.
    Ighina e Reich Qui trovi, in particolare su Reich e sull'orgone, molte discussioni interessanti, se ti interessa capire la pratica e non i soliti trattati fumosi e meramente teorici.
    Dispositivi orgonici e di IghinaQui la pratica costruttiva e la sperimentazione sul campo di diversi dispositivi orgonici (e non solo).

    Questo forum è osteggiato e screditato da molti, per gli argomenti trattati e perché non si allinea con quanti hanno fatto fronte comune con Don Croft riguardo all'orgonomia, in particolare. Personalmente, dopo aver letto molti degli innumerevoli argomenti trattati, ho trovato solo persone che hanno voglia di conoscere e di sperimentare, provando di persona, quello che grandi ricercatori come Ighina, Tesla e Reich hanno scoperto e descritto già molto tempo fa. Non bisogna mai accontentarsi di quello che ci viene scodellato come "già provato e funzionante", se si vuole progredire nella conoscenza, ma mettere sempre in discussione tutto e verificare di persona. Solo così, con mente aperta e confrontandosi, si può sperare di trovare nuovi tasselli nella comprensione delle meraviglie che madre natura ci offre.

    RispondiElimina
  6. a cosa serve una "Holy Hand Granade"?

    RispondiElimina
  7. Continua ormai da un bel pezzo il fenomeno della pioggerellina fine, sottile e che si protrae per poco tempo.

    Come avevo scritto tempo addietro, sembra che la pioggia, quando cade, abbia come il freno a mano tirato.
    Le precipitazioni, dalle mie parti, si mantengono decisamente scarse se non ridotte all'osso, per un inizio di primavera.

    Tassativo usare sempre il pluviometro per non farci mettere nel sacco anche con le statistiche da parte dei vari Giuliacci & Co.
    In definitiva, dall'inizio di aprile, non sono caduti più di 15-18 millimetri. Bazzeccole.

    RispondiElimina
  8. La Holy Hand Granade è uno strumento che converte il DOR in OR. In parole povere rilascia costantemente energia positiva.

    RispondiElimina
  9. alla fine la regola in questo campo, come in quello della ricerca sugli effetti delle scie come in qualsiasi altro campo è SPERIMENTARE IN PRIMA PERSONA. solo cosi si può avere nozione certa di quello che si sta facendo.

    RispondiElimina
  10. A ROMA DOPO DUE GG DI IRRORAMENTO STA PIOVENDO A DIROTTO!!!! SEMBRA UN PICCOLO TIFONEEE....

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis