lunedì 9 giugno 2008

Incidente sulla Sila: inverosimile la versione ufficiale

Fa acqua da tutte le parti la spiegazione ufficiale degli eventi del 30 maggio 2008, allorquando decine di testimoni hanno udito un forte boato nei cieli della Sila ed hanno quindi avvistato chiaramente due aerei volare a bassa quota (secondo alcune testimonianze gli aerei erano tre).

La vicenda, come spesso accade in questo paese, è stata prontamente ridimensionata, ma molti aspetti dei fatti occorsi inducono a pensare che nei cieli della Sila non sia affatto accaduto quanto riportato dagli enti ufficiali.

Leggiamo il comunicato delle autorità militari, così come è riferito dalla testata Web nuovacosenza.com...



Visualizzazione ingrandita della mappa

Sarebbe stato il bang supersonico di due caccia F16 dell'Aeronautica militare, in volo per intercettare un velivolo sospetto, a provocare l'allarme negli abitanti della Sila cosentina. Secondo quando si è appreso dalla stessa Aeronautica militare, due F16 sono decollati stamani da Trapani per intercettare un cargo Lufthansa che aveva perso il contatto radio. Con una corsa supersonica, che si è sviluppata soprattutto nel sud della penisola, si sono diretti verso l'aereo sospetto che, però, nel frattempo, aveva ristabilito le comunicazioni. L'allarme è quindi cessato e i due caccia sono atterrati alla base di Gioia Del Colle per fare rifornimento. L'Airbus 300 Cargo della compagnia di bandiera tedesca Lufthansa - ricostruisce l'Aeronautica militare - era decollato questa mattina da Milano Linate per Atene quando, alle 8.29, ha perso il contatto radio con gli enti del controllo del traffico aereo di Padova. A questo punto è scattato l'ordine di 'scramble' (decollo immediato su allarme) da parte del Comando operativo delle Forze aeree Poggio Renatico (Ferrara). Vengono interessati gli F-16 del 10/o Gruppo di volo di Trapani che, mentre erano in volo diretti a intercettare il velivolo civile, ricevono però l'ordine di "skip it", cioé di cessata esigenza, poiché l'Airbus era riuscito a ristabilire il contatto radio con gli enti del controllo di Brindisi. I due velivoli militari sono quindi atterrati presso il 36/o Stormo di Gioia del Colle per il rifornimento di carburante necessario per il rientro a Trapani. I due 'Viper', così sono chiamati gli F-16 nel gergo aeronautico internazionale, "si sono diretti verso il velivolo Lufthansa attraversando i cieli dell'Italia meridionale a velocità supersonica - spiegano allo Stato maggiore dell'Aeronautica - nel tentativo di raggiungere l'obiettivo nel minor tempo possibile". Quello di oggi è il quinto 'scramble' del 2008. Il primo a gennaio e poi tre ad aprile. Nella maggior parte dei casi, si tratta di aerei che non rispondono a determinati requisiti, non hanno le previste autorizzazioni al sorvolo dello spazio aereo nazionale o perdono le comunicazioni con gli organi del controllo del traffico aereo o, ancora, divergono dalla rotta prevista senza validi motivi.


Di seguito gli elementi che non quadrano nella vicenda.

a) Il fantomatico Airbus 300 Cargo, decollato da Milano e diretto ad Atene sorvola a bassa quota la Sila. Ci si chiede come sia possibile che il velivolo, ancora distante centinaia di chilometri da Atene, stia già sorvolando la regione calabrese, fuori dalla quota di crociera e quindi con consumi maggiori.

b) La rotta ufficialmente indicata dal Cargo della Lufthansa non è la più breve verso la destinazione.

c) Si riporta che siano intervenuti due caccia per intercettare l'Airbus 300 tedesco. Gli aerei sono decollati da Trapani (Sicilia) e quindi hanno percorso non più di 500 km per raggiungere l'obiettivo, ma si afferma che sono dovuti atterrare alla base di Gioia del Colle per fare rifornimento al fine di rientrare alla base. Leggiamo, però, sul sito dell'Aeronautica militare italiana, che i Lockheed Martin F16ADF "Fighting Falcon" in dotazione alle nostre forze aeree, hanno un'autonomia massima di trasferimento di ben 3.900 km! Perché sono dovuti atterrare a Gioia del Colle per approvigionarsi di carburante? Infatti, anche non considerando un pieno carico di carburante (per mezzo del serbatoio supplementare), i due caccia erano in grado benissimo di ritornare alla base di Trapani, senza dover procedere ad alcun rifornimento. Per quale motivo hanno pensato di giustificare lo scalo a Gioia del Colle? Per quale motivo non si sono impiegati subito gli aerei del XII Gruppo Caccia Intercettori di Gioia del Colle, più vicini alla zona di intervento?

d) Il supposto bang supersonico viene udito da cittadini di Cosenza, in una zona nella quale gli F-16, essendo ormai giunti sull'obiettivo, avrebbero invece dovuto essere già a velocità inferiori a mack 1. Leggiamo, infatti, quanto segue: "Gli F-16 si sono diretti verso il velivolo Lufthansa, attraversando i cieli dell'Italia meridionale a velocità supersonica - spiegano allo Stato maggiore dell'Aeronautica - nel tentativo di raggiungere l'obiettivo nel minor tempo possibile". E' mai possibile che il bang supersonico non sia stato sentito nei cieli della Sicilia, lungo un percorso di massima velocità e sia stato invece udito sulla Sila, laddove i velivoli intercettori avrebbero dovuto essere in condizioni di volo di identificazione del velivolo sospetto? Non sarebbe più logico pensare al superamento del muro del suono lungo la rotta proveniente da Trapani e non sulla verticale di Cosenza? Tra l'altro, secondo le normative vigenti, il volo ultrasonico è vietato a bassa quota e sopra i centri abitati.

Free Image Hosting at www.ImageShack.use) L'area interessata dagli eventi pare essere una "Restricted area", una zona interdetta ai voli civili, come si evince dalle mappe ufficiali dei corridoi aerei commerciali. Dunque è alquanto improbabile che in quella zona incrociasse un cargo della Lufthansa, così come dichiarato dalle autorità.

f) Il primo giugno 2008, senza alcuna motivazione, viene annullata la tradizionale cronoscalata automobilistica “Coppa Sila”, che ormai aveva un suo posto consolidato nel calendario nazionale delle corse automobilistiche di montagna.

Noi ci chiediamo: "Nessun velivolo chimico viene mai intercettato, pur non segnalando mai la sua posizione. Per quale motivo si sarebbe quindi attuato uno scramble per un cargo che, per pochi minuti, non invia dati sulla sua posizione?". Ammettiamolo: questo è un paese di bugiardi che amano prendersi gioco dei cittadini e gli episodi della Sila sono un valido esempio di come sia tuttora possibile ingannare la popolazione con una serie di menzogne ben confezionate ed alle quali neppure un bambino darebbe credito. Eppure le operazioni clandestine di aerosol proseguono indisturbate, con il beneplacito delle istituzioni e non è escluso che l'episodio della Sila sia da ricondurre ad un incidente tra tankers chimici.


Sec. 91.133 - Restricted and prohibited areas.

(a) No person may operate an aircraft within a restricted area (designated in part 73) contrary to the restrictions imposed, or within a prohibited area, unless that person has the permission of the using or controlling agency, as appropriate.

(b) Each person conducting, within a restricted area, an aircraft operation (approved by the using agency) that creates the same hazards as the operations for which the restricted area was designated may deviate from the rules of this subpart that are not compatible with the operation of the aircraft.



Corbelli: Il Ministro La Russa chiarisca i fatti

Il leader del Movimento Diritti Civili, Franco Corbelli, in una nota, fa riferimento ''a quanto accaduto questa mattina nel cielo della Sila e ancora adesso - afferma - avvolto nel mistero, nonostante le tardive e poco convincenti versioni ufficiali''. Corbelli chiede, in particolare, alla Procura della Repubblica di Cosenza ''di aprire una immediata inchiesta e di procedere nei confronti, per adesso di ignoti, per le ipotesi di reato di procurato allarme sociale, pericolo e minaccia alla incolumità pubblica (mancata strage)''. Il leader di Diritti civili chiede inoltre che il Ministro della Difesa, Ignazio La Russa, chiarisca immediatamente nelle sedi istituzionali preposte la verità sui gravi e misteriosi fatti di oggi in Calabria. L'esperienza del Mig libico caduto sui monti di Castelsilano, in Sila, nel luglio del 1980, insegna che le versioni ufficiali in questi casi sono assai lontane dalla realtà. Quanto accaduto questa mattina in Sila è un fatto gravissimo. Si è allarmata un'intera provincia e si sono mobilitati centinaia di uomini delle forze dell'ordine e del 118. Non solo: si è rischiato che gli aerei (2-3?) in caso di incidenti potessero, abbattendosi nel territorio calabrese che stavano sorvolando, procurare una vera e propria strage. Per queste ragioni è assolutamente indispensabile e doveroso che la competente Procura della Repubblica di Cosenza apra subito un'inchiesta ed accerti e, nel caso, persegua ogni eventuale responsabilità penale a tutti i livelli, nel rispetto della legge''. ''I cittadini calabresi - conclude Corbelli - hanno il diritto di sapere cosa è realmente successo questa mattina nei cieli della Sila. Vogliamo conoscere la verità sulle cause di quel boato e su quegli aerei sfrecciati sull'altopiano Silano, che a molti ignari e spaventati spettatori è sembrata una sorta di operazione di guerra (solo simulata?)''.


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.


Aggiorna Tanker Enemy nei tuoi preferiti. D'ora in poi questo blog è raggiungibile digitando http://www.tankerenemy.com/

TANKER ENEMY TV: i filmati del Comitato Nazionale


FIRMA LA PETIZIONE PER ABOLIRE IL CANONE RAI
http://www.aduc.it/dyn/rai/petizione.html

39 commenti:

  1. esattamente, continuano a prendere la popolazione per i fondelli continuando in maniera massiccia le operazioni di aerosol.
    Le versioni ufficiali dell'Aeronautica militare italiana hanno sempre lo stesso cliché: fregnacce! Voglio ricordare l'aereo AMX caduto nel 2005 vicino alla base aerea di Decimomannu appena dopo il decollo e che ha creato danni ingenti a un poveraccio di agricoltore a tutt'oggi senza risarcimento dopo aver visto la propria carciofaia distrutta, il terreno irrimediabilmente compromesso e le solite rassicurazioni dei soliti bugiardi ovvero le nostre inutili Forze Armate.
    Si ma "loro" ci difendono, sono dalla nostra parte. E magari il pilota ha anche avuto l'avanzo di grado per aver diretto l'aereo fuori dal centro abitato (diciamo pure che i cittadini inermi hanno avuto culo, che è meglio) così come il suo comandante e noi a pagare la straffottenza di questi infami, pagati profumatamente per ammazzarci.

    RispondiElimina
  2. Ma non solo! Per ogni aereo che precipita al suolo abbiamo dispersione di uranio impoverito, usato a centinaia di kg come zavorra per le fusoliere degli aerei.

    RispondiElimina
  3. Ciao straker, per me è andato fuori controllo un tanker unmanned e hanno mandato i caccia a distruggerlo prima che si schiantasse chissà dove

    mi sembra anche la spiegazione + ovvia

    RispondiElimina
  4. Ciao cbb, sono d'accordo. E' un'ipotesi plausibile.

    RispondiElimina
  5. esatto straker, come conferma il presidente dell'AIPRI per ogni incidente aereo ci sono un bel po' di radiazioni nucleari che vanno in giro perchè l'uranio viene disperso; per non parlare dell'aerosol di uranio che fa malissimo anche quando non emette radiazioni nucleari

    avete idea di quanto uranio dovrebbe essere stato disperso ad esempi l'11 settembre nella zona delle torri gemelle?

    RispondiElimina
  6. esatto, Corrado. Approfitto per rispndere al disinformatore peev_agliato che, prontamente, si è precipitato a smentire sulla questione della zavorra fatta di uranio. Le cose sono due: o il nostro tirapiedi di kattivix non è informato, oppure, come accade anche con i suoi "preggiatissimi" colleghi, si mira sempre a nscondere verità scomode.

    Cito da Aspetti tecnici ed economici delle armi a uranio impoverito
    International Association of Lawyers Against Atomic Bombs (IALANA), Sezione Italiana Convegno sul tema: “(Il)legalità dell’uso delle armi a uranio impoverito” Firenze, Palazzo Vecchio, Sala dei Dugento, 27 febbraio 2001 , ore 14,15 Aspetti tecnici ed economici delle armi a uranio impoverito
    .

    [...]Nel frattempo l’attenzione per l’uso militare dell’uranio impoverito ha sollevato il problema della commercializzazione di tale uranio anche in settori “civili”, Essendo, come si é detto, un metallo pesante e a basso prezzo è stato usato come zavorra per aerei e barche e solo adesso ci si comincia a chiedere quanto uranio è stato commercializzato e dove si trova installato e quali pericoli potenziali comporta: per esempio nel caso dell’incendio di un aereo l’uranio impoverito della zavorra delle ali o della coda può incendiarsi e diffondersi sul territorio circostante? Davanti alla nuova attenzione per quest’altra applicazione merceologica dell’uranio impoverito alcune compagnie aeree hanno deciso di sostituire le zavorre, contenenti uranio, dei loro aerei, con altro materiale...[...]

    RispondiElimina
  7. Uranio impoverito

    Quaranta volte più comune dell’argento nella crosta terrestre, l’uranio è il novantaduesimo elemento del sistema periodico e ha 15 isotopi. Tra questi, quello usato per produrre energia nucleare attraverso un processo di fissione (la divisione del nucleo) è l’ U 235, il solo isotopo ad essere fissile, e non rappresenta che lo 0,72% della miscela naturale, il cui componente maggiore è l’ U 238 (99,27%). La fissione del nucleo d’uranio avviene per interazione con protoni, deuteroni, fotoni, neutroni, elettroni o mesoni o per superamento di una soglia d’eccitazione che eccede la barriera di fissione. Una delle conseguenze di questo processo è l’emissione di neutroni o, più raramente, di particelle alfa. In alcuni casi, quando il nucleo si rompe in tre o più frammenti, vengono emessi neutroni, particelle beta e raggi gamma o X, e la radioattività permane molto a lungo. L’uranio naturale è un emettitore di particelle alfa con un’emivita di 4,5x109 anni. Lo si trova principalmente sotto forma di U 238 in rocce sedimentarie, ma è presente anche nell’ambiente, a basse concentrazioni, in tutto il mondo. Nella sua forma metallica, l’uranio è una sostanza microporosa con un alto grado di piroforicità se ridotto in polvere, capace di accendersi spontaneamente a temperatura ambiente. Miscelato con polveri d’alluminio e di zirconio, è sia piroforico sia esplosivo. Dal punto di vista chimico, l’uranio può combinarsi con parecchi elementi o formare complessi stabili con alcuni leganti organici. Se lo si vuole impiegare per scopi nucleari, l’uranio naturale deve essere arricchito dell’isotopo U 235, in qualche caso fino al 90%. L’uranio impoverito (DU, dall’inglese Depleted Uranium) è il sottoprodotto di questa operazione industriale e la sua composizione è U 238 = 99,75%, U 235= 0,25% ed U 234= 0,005%.

    Per quanto riguarda le proprietà chimiche e metalliche, quelle del DU sono in pratica le stesse dell’uranio naturale. La sua alta densità (19 g/cm3) unita alla sua piroforicità trova applicazione militare come ottimo materiale penetratore di corazze. L’Aviazione statunitense lo ha usato legato al titanio, la Marina con il molibdeno e l’Esercito con titanio, molibdeno, zirconio e niobio. Per questo scopo, il componente U 235 è inutile ma sarebbe costoso ridurne il contenuto. E’ necessario un involucro di alluminio per impedire fenomeni d’ossidazione.Quanto alla radioattività, quella del DU è più bassa di quella dell’uranio nativo (40%).
    Nel momento in cui una bomba al DU colpisce il bersaglio, questa induce una temperatura che supera i 3.000 °C, di solito abbastanza per far sublimare il materiale di cui il bersaglio è costituito. In breve, il materiale, da gassoso che era diventato, ritorna allo stato solido sotto forma di micro- e nano-sfere abbastanza leggere da essere diffuse nell’atmosfera circostante dal vento e da impiegare un tempo relativamente lungo per ricadere al suolo. Nel periodo in cui le particelle sono ancora sospese in aria, uomini ed animali possono inspirarle, mentre, toccata terra, queste possono depositarsi su erba, frutti e vegetali in genere, da qui entrando da ospiti indesiderati nella catena alimentare. Possono, inoltre, essere risollevate e soffiate via dal vento, così iniziando daccapo il ciclo.Ma il DU ha anche applicazioni che poco o nulla hanno a che fare con la guerra: grazie alla sua alta densità e al suo basso costo, il DU trova corrente impiego come zavorra in natanti ed aerei, come contrappeso schermato dal piombo negli ascensori, per la fabbricazione di schermi anti-radiazioni X e come penetratori negli scavi petroliferi. L’uranio naturale, vale a dire quello con la sua componente radioattiva U 235, entra nella composizione di pigmenti usati per la decorazione di vasellame domestico ed è contenuto in concentrazioni variabili in un certo numero di acque potabili.

    Uno dei maggiori problemi legati all’uranio, sia nella forma nativa sia in quella impoverita, è come liberarsene. A volte, quantità non trascurabili di rifiuti di uranio sono introdotti illegalmente nel minerale di ferro, che viene poi lavorato per ottenere prodotti industriali i quali, di conseguenza, diventano radioattivi. A prescindere dalla radioattività, da oltre due secoli l’uranio è classificato come chimicamente tossico almeno per i polmoni, le ossa e i reni, una volta che abbia raggiunto quei tessuti.

    RispondiElimina
  8. Sec. 91.133 - Restricted and prohibited areas.

    (a) No person may operate an aircraft within a restricted area (designated in part 73) contrary to the restrictions imposed, or within a prohibited area, unless that person has the permission of the using or controlling agency, as appropriate.

    (b) Each person conducting, within a restricted area, an aircraft operation (approved by the using agency) that creates the same hazards as the operations for which the restricted area was designated may deviate from the rules of this subpart that are not compatible with the operation of the aircraft.

    RispondiElimina
  9. a proposito di uranio impoverito (?), chiedete a chi era presente il giorno dello schianto dell'AMX a Decimoputzu...i soccorsi (direi meglio i mentitori, celatori, inquinatori, avvelenatori....) sono arrivati in men che non si dica con equipaggiamento antichimico-batteriologico-radioattivo, antimorte) e hanno circoscritto l'area impedendo a chiunque (anche a chi voleva documentare, leggasi gli Indipendentisti sardi, padroni della loro terra come gli italiani padroni della loro) di avvicinarsi. E queste sono le nostre Forze Armate...si, armate contro di noi cittadini.
    Io enso che stiano raggiungendo il limite della sopportazione delle persone. Non possiamo concepire che i nostri figli vengano annientati per i loro oscuri disegni. Stanotte qui l'aria è irrespirabile e con un alone indecente. Non abbiamo più aria per respirare. Stasera in cielo c'era una grande croce, in faccia a tutti...a tutti gli imbecilli dei nostri concittadini ottusi che pensavano solo alla partita...e noi a portare quella croce anche per loro...ma non siamo Gesù Cristo...non toccate i nostri bambini o noi venderemo cara la pelle.

    RispondiElimina
  10. Cito questa fonte tratta da questo blog:
    http://www.unicalforum.com/boato-supersonico-vt1293.html

    cito il commento di sery85 "Io l'ho sentito,ero a Paola eppure era talmente forte il boato da far credere che fosse esploso qualcosa nelle vicinanze...incredibile...!"
    Paola si trova sul mare a circa 20 km in linea d'aria, inoltre il terreno è montuoso!
    cito il commento di clangel:"erano dei boati assurdi per essere tuoni poi a distanza troppo ravvicinata l'un dall'altro..dico strano xk la situazione è alquanto inusuale, perchè c'è chi dice che gli aerei erano 3 e uno sia precipitato infatti tutti gli ospedali sono stati allarmati, non so, forse saranno le regole in vigore dopo l'11 settembre, ma due f16 a velocità supersonica per intercettare un "cargo" ke nn rispondeva ai contatti radio, non so come la vedo...
    infatti sentivo che verrà aperta un'inchiesta, ma noi come al solito poco sapremo"
    Qui il dubbio si infittisce perchè si parla di tre scoppi ravvicinati!

    RispondiElimina
  11. La storia italiana è piena di misteri e menzogne. Quest'ultimo episodio pare far parte della tradizione.

    RispondiElimina
  12. si ma un giretto nei luoghi incriminati i locali potrebbero anche farlo per scoprire qualcosa in più, prendere dei campioni da far analizzare...invece di pensare solo alla Nazionale (che tra l'altro perde). Io rinnovo il mio appello di qualche giorno fa, aiutiamoci che nessuno ci aiuta (almeno chi è pagato e preposto a farlo).

    RispondiElimina
  13. Infatti, fossi lì batterei la zona a tappeto.

    RispondiElimina
  14. Un saluto a tutti,
    vi scrivo per comunicarvi che esattamente il giorno dopo l'incidente in Sila i cieli di Reggio Calabria sono stati solcati da un aereo, suppongo, supersonico. Sono stato attirato al balcone dal boato insolito (sono abituato al rombo di aerei "normali" che volano a bassissima quota visto che vivo non molto lontano dall'aeroporto). Purtroppo ho fatto solo in tempo a scorgene la coda, le ali formavano un triangolo. Mi chiedo se possa essere connesso e se da questa mia orribile descrizione qualcuno possa capire di che veivolo si potesse trattare...

    PS: ricordo il giorno perchè avevo appena letto il vostro primo articolo sull'incidente

    RispondiElimina
  15. segnalo a tutti gli amici i commenti di "Simone" del CICAP sul blog scie chimiche


    se qualcun altro ha voglia di intervenire è benvenuto

    RispondiElimina
  16. Domenica pomeriggio ho visto passare un drone (almeno penso) con un lungo tubo bianco, a forma telescopica, attaccato alla pancia del velivolo. L´ho osservato col binocolo e non era la sovrapposizione di prospettiva dei due motori. Oltretutto e´ passato a velocita´ piu´ lenta rispetto ai normali tankers e la cosa che mi ha sconcertato e´ che non emetteva nessun rombo!

    RispondiElimina
  17. Corrado, ho letto le insultanti argomentazioni dei soli noti. Penso che non valga la pena impegnare il nostro tempo con disinformatori prezzolati a vario titolo. In fondo è quello che vogliono: distrarci ed entrare nei motori di ricerca con affermazioni utili al discredito. Meglio quindi non dare loro corda.

    Io penso che il modo migliore di renderli inoffensivi è mostrare i loro errori attraverso articoli e documenti audio nonché filmati (quelli che, guarda caso, tanto detestano, fino a farci cancellare il canale su You-Tube).

    Angioni? Sblendorio? Comoretto? In un contraddittorio di persona ce li berremmo a colazione.

    RispondiElimina
  18. Esatto Straker! Il tubo applicato sulla pancia era molto piu´ lungo; il resto combacia perfettamente con le immagini che mi hai linkato.

    A questo punto, la cosa che mi piu´ mi incuriosisce e´ la natura dell´incidente:

    - errore umano
    - errore tecnologico
    - intervento esterno da UFO, stile ultimatum di smettere di irrorare

    RispondiElimina
  19. a Roma dopo una giornata stupenda...di nuovo nuvole vere e le solite sciuzze... Vorrei visionarle sul sat Rapid-fire ma non riesco a trovare le coordinate...!
    Qualcuno mi dice come calcolarle o trovarle...? Grazie!!!

    RispondiElimina
  20. Confermo! a poche ore dallo spargimento di m... cielo lattigginoso e nuvole risicate...!!!
    Sarà perchè Bush è a Roma???

    RispondiElimina
  21. Oggi il meteo regionale annuncia che sulla Sardegna abbiamo una situazione di "cielo generalmente velato".

    RispondiElimina
  22. Le mappe satellitari.

    Alexy scrive...

    A questo punto, la cosa che mi piu´ mi incuriosisce e´ la natura dell´incidente:

    - errore umano
    - errore tecnologico
    - intervento esterno da UFO, stile ultimatum di smettere di irrorare


    Tutte le ipotesi sono buone, ma preferirei l'ultima. Da paesi più liberi del nostro filtrano voci di caccia attaccati da sfere luminose.

    RispondiElimina
  23. a che episodi ti riferisci straker?

    Vado appena un po' fuori tema, ma invito tutti a leggere il blog di paolo franceschetti sottoposto a continue minacce ed intimidazioni (dopo due tentativi di omicidio adesso minacciano i familiari)

    Io gli ho dedicato un breve post sul mio sito, invito tutti a fare altrettanto

    Provo molto disagio, tristezza e amarezza, ma d'altronde sappiamo tutti come va il mondo

    RispondiElimina
  24. Qui

    Mi sembra che Franceschetti stia rimestando, giustamente, in acque torbide e che qualcuno desidera rimangano tali. Mi pare però strano che si attivino con minacce e tentativi di omicidio "per così poco". In fondo ci sono questioni ben più delicate e delle quali non si vuole si parli e cinonostante non si è ancora arrivati al tentativo di omicidio.

    Comunque io consiglio sempre di redigere un testamento nel quale sia ben chiaro che evetuali scomparse tramite supposto suicidio, incidente d'auto, caduta da un ponte o cose simili, devono ritenersi sospette e legate all'attività del soggetto in vita e quindi necessitanti di inchiesta per omicidio. Non si sa mai...

    RispondiElimina
  25. Ciao zret-straker,
    riporto qui la proposta fatta ad angioni:
    ##########
    @simone
    Ok adesso mi è chiaro, ti ringrazio delle spiegazioni.
    A questo punto mi sembra doveroso spiegarti il perchè di queste mie domande su Toselli: ci sono testimonianze secondo le quali nel dopo-conferenza del 24 maggio avevi affermato ad alcune persone (tre o quattro per l'esattezza) che eri preoccuppato per il contraddittorio che ci sarebbe stato tra Rosario Marcianò e Paolo Toselli nelle conferenza del 30 maggio che si è tenuta a Lerma(AL), qui il relativo link:
    http://www.tankerenemy.com/2008/05/toselli-tosato.html
    In effetti i tuoi timori erano fondati vista la figuraccia rimediata dal Toselli.

    In considerazione di quanto da te affermato in un precedente commento:
    =====
    ...Concludo citando un altra frase di Corrado:
    "Nessuno ha smentito qui i dati di Straker o le mie analisi statistiche e questo basta per tutti."
    Giusto Corrado, hai detto bene "qui". Pretendi che mi metta a replicare a Straker seriamente in un blog? Se permetti preferisco le conferenze o i confronti pubblici, mi sembrano più trasparenti....
    =====
    In considerazione anche del fatto che il contraddittorio tra Toselli e Rosario Marcianò si è rivelato un confronto "impari", non ritieni opportuno organizzare un contraddittorio più equo, magari anche in stile "par condicio", nel quale potresti essere coinvolto tu in contrapposizione con Rosario Marcianò ?
    La mia la ritieni una proposta sensata ? Se si, in che misura attuabile ?
    ##########

    Un saluto e incoraggiamento.
    VibraVito.

    RispondiElimina
  26. Perfetto! Visto il silenzio di tomba, da parte dei debs a noi noti, dopo l'esordio di Toselli. Esponenti sciacondensisti così entusiasti (prima) di vedermi lapidato dal Toselli in questione, deduco che Angioni potrebbe aver voglia di risollevare le sorti della invincibile armata. Io sono disponibile.

    Prima domanda: "E' possibile che i cristalli di ghiaccio oscurino il sole? E se sì in base a quali principi della fisica?".

    Una conferenza a Sanremo non sarebbe male, per far saggiare con mano l'atmosfera di mota nella quale siamo immersi da ormai tre anni e tre giorni.

    RispondiElimina
  27. Ah... dimenticavo. Voglio i giornalisti.

    RispondiElimina
  28. Questo è il sito web meteo che consulto quotidianamente:

    http://www.motonline.com/meteo/index.cfm

    provate ad andare al 4° giorno in corrispondenza della Valle D'Aosta.

    Adesso dopo l'iconcina statica del sole offuscato dalle "innocue velature", si sono inventati anche l'iconcina con le scie dinamiche !!!! Più sfacciati di così, sembra come che il web designer si sia voluto divertire, probabilmente è uno di quelli che pensa che sia tutto un gioco. Che pirla !!! Chissa il giorno in cui dovesse cuccarsi l'alzheimer se riuscirà a realizzare simili capolavori muovendo il mouse.

    Un saluto e incoraggiamento.
    VibraVito.

    p.s.: l'angioni sembra che si sia defilato ... comunque aspettiamo ... ancora è presto

    RispondiElimina
  29. Previsioni meteo... perdon Decisioni meteo sempre gestite da 3Bmeteo.com. Ogni commento è superfluo.

    RispondiElimina
  30. gia' ha anche glissato sulla mia domanda importuna: come mai le scie di condensa si espandono quasi sempre fino ad oscurar eil sole? secondo gli stessi meteorologi sciocondensisti puo' succedere solo quando l'umidità è un rapido aumento

    RispondiElimina
  31. Anche perché io non mi riferisco alla copertura chimica per supposta sovrasaturazione, ma all'alone biancastro che copertura di "contrails" in espansione non è affatto! Allorquando usano scie chimiche non persistenti, il cielo diviene bianco ma non coperto. E quella roba cos'é? Ghiaccio? Goccioline d'acqua con temperature al suolo di 30 gradi ed umidità relativa del 45% al suolo?

    RispondiElimina
  32. oggi non ricordo a quale tg una "meteorologa" ha detto che è stataa una primavera perfetta col giusto alternarsi di acqua e sole ... ma dove c*** ha visto il sole quella li', su Marte?

    @vibravito, per ora mi sono stomacato di seguire gli sproloqui del nostro caro amico debunker, se tu hai la pancia piu' resistente vai avanti, se poi vuole un confronto di persona sono a disposizione

    RispondiElimina
  33. I giornalisti si fanno di coca, non si spiega diversamente.

    Riguardo alla seconda questione... hai ragione, Corrado: l'ulcera può attendere.

    RispondiElimina
  34. @corrado
    ti capisco ... infatti i miei commenti in risposta ai debunkers raramente ruotano intorno a questioni tecniche, sia perchè non sono un tecnico, sia perchè la loro versione dei fatti mi è ormai arcinota. Le loro risposte sono sempre le stesse, non forniscono mai prove a sostegno della loro tesi, si concentrano soltanto a sminuire gli elementi di prova che di volta in volta gli vengono mostrati: e gli strumenti di misurazione hanno tolleranze alte (non si capisce perchè allora vengono costruiti e adoperati), e l'atmosfera è instabile (se fosse così instabile non si riuscirebbero a fare previsioni del tempo per più giorni), il traffico aereo per alcuni è addirittura quintuplicato (secondo L'Associazione Italiana Gestioni Aeroporti ho verificato che dal 2000 al 2008 l'aumento è stato all'incirca del 25 % "http://www.assaeroporti.it/fin.asp") e così via fino all'infinito.
    I miei commenti in risposta ai debunker mirano a far venir fuori le loro innumerevoli contraddizioni, e un lavoro tedioso, ma, a volte fornisce capita che qualche lettore di buon senso comincia a prendere seriamente la questione grazie proprio alle risposte fallaci e contraddittorie date dai debunkers quando vengono messi alle strette. Inoltre a volte si raggiunge qualche risultato: infatti con simone angioni del cicap alla fine si è raggiunta una linea d'intesa per questo fatidico contraddittorio, si è anche ventilata l'ipotesi di farlo all'interno della prossima stagione televisiva della trasmissione Rebus.
    A tal proposito apprendo con piacere la tua disponibilità a partecipare di persona a un simile evento.

    Un saluto e incoraggiamento.
    VibraVito.

    RispondiElimina
  35. mm come mai non apprezza una platea di essrei umani? ha paura che la rabbia degli uomini in*** neri quando scoprono la verità gli faccia saltare i nervi eh?

    non mi piace molto quell'idea dello studio neutro, un po' troppo comodo

    RispondiElimina
  36. L'idea dello studio telwvisivo l'ho avuta io, così, visti i presupposti, la figura sarà davanti a milioni di persone e non davanti a qualche centinaio.

    RispondiElimina
  37. @corrado e straker
    riporto quanto dichiarato da angioni in merito al confronto:

    "Su Rebus nessun problema, ma tieni presente che quello che si può dire con i tempi televisivi non è quello che si può dire durante un confronto come quello di qualche giorno fa con Toselli. Senza ovviamente precludere la via della televisione, preferirei un confronto stile 30 maggio.
    Se Straker organizza qualcosa vengo volentieri, altrimenti appena ho tempo proverò io ad organizzare un confronto."

    ... sembra aperto a qualsiasi soluzione.

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis