domenica 4 maggio 2008

Il laser della pioggia

Le previsioni di irrorazione...Dilagano sempre più l'ipocrisia e le menzogne circa i cosiddetti cambiamenti climatici: sappiamo che le modificazioni meteorologiche cui assistiamo da almeno un decennio sono, per lo più, indotte attraverso le scie chimiche ed i sistemi H.A.A.R.P. Sappiamo che la siccità che affligge molte aree del pianeta è causata dalla diffusione in atmosfera di elementi igroscopici, eppure gli "esperti" attribuiscono l'aridità all'onnipresente riscaldamento globale ed all'"effetto serra". Ora i soliti noti dichiarano di voler combattere la siccità, da loro stessi provocata, con nuove mirabolanti tecnologie. Bugiardi patentati! Sepolcri imbiancati! Basterebbe che smettessero di inseminare le nuvole con bario, gel di silicio e quant'altro e pioverebbe quanto basta.

L'articolo che pubblichiamo è tratto da Vedo sento parlo, il blog dell'amico Bacab, pagina personale che consigliamo vivamente di inserire tra i preferiti.


Un esperimento franco-tedesco ha dimostrato che un giorno si potrà forse far diluviare a comando. Il tutto grazie a speciali laser che ionizzano le nuvole e producono scariche elettriche che innescano tuoni e fulmini. La danza della pioggia? Roba vecchia. Ora, per far piovere, ci sono i laser.

Nel New Mexico (U.S.A.), ricercatori francesi e tedeschi hanno dimostrato come sia possibile scatenare non solo la pioggia, ma addirittura i temporali. Il tutto, “semplicemente” colpendo le nuvole con un raggio luminoso amplificato ultrapotente. In pratica, André Mysyrowicz e colleghi hanno indirizzato “flash” di fasci laser da cinque terawatt (cinquemila miliardi di watt, in pratica la potenza prodotta da cinquanta miliardi di lampadine da 100 watt) ad elevatissima velocità verso alcune nuvole-bersaglio, dentro le quali si sono formati “canali” di molecole ionizzate in grado di condurre elettricità.

Benché attualmente si possa solamente innescare la reazione a catena che genera i tuoni e i fulmini senza produrre precipitazioni, secondo gli scienziati, sviluppando la potenza dei canali di molecole, sarà possibile scatenare veri e propri temporali, ad esempio su aree arse dalla siccità.

Leggi qui l'articolo su Vedo sento parlo.


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.


Aggiorna Tanker Enemy nei tuoi preferiti. D'ora in poi questo blog è raggiungibile digitando http://www.tankerenemy.com/

TANKER ENEMY TV: i filmati del Comitato Nazionale

28 commenti:

  1. Che strano, proprio in Birmania :
    http://www.repubblica.it/2008/05/sezioni/esteri/ciclone-nargis/ciclone-nargis/ciclone-nargis.html

    RispondiElimina
  2. ...un raggio luminoso...ad elevatissima velocità...
    Beh, per la precisione la velocità è quella della luce, nè più nè meno.

    Situazione pazzesca - non per l'argomeno del post - ma per la dispersione quotidiana di materiali tossici in atmosfera.
    Che dire di quello è successo ieri dalle mie parti?
    Non trovo più le parole per descrivere una disseminazione di tale entità da mane a sera (e ancora una volta di sabato).

    Talora penso di non farcela a sopportare un avvelenamento globale di simili proporzioni. Centinaia di aerei che si sono susseguiti ininterrottamente fino al tramonto. E, a titolo di curiosità, una scia - non ho fatto in tempo a vedere l'aereo che l'ha prodotta - a forse meno di mille metri sulla verticale della mia casa, scia che cominciava un pò prima della casa e che finiva un pò dopo, come se il pilota avesse voluto inviarmi un avvertimento mafioso.

    Vorrei scappare dall'Italia ed andarmene in qualche parte del mondo dove circolano un pò meno veleni atmosferici. Quelli ci vogliono uccidere e lo vogliono con determinazione, con tutte le loro forze ma a fuoco lento.
    Ma se proprio vogliono fare un massacro, una strage di proporzioni colossali perchè non rilasciano materiale letale che agisca subito? Perchè vanno avanti per lustri prima di raggiungere il loro scopo?

    Parlo con le persone e con i miei familiari e, al limite, mi danno ragione ma poi lasciano perdere e si buttano l'argomento dietro le spalle. L'umanità è una masnada di irrimediabili superficiali.
    Ma, lo volete capire o no, quella merda ce la introduciamo tutti quanti nei polmoni, tutte le ore del giorno e della notte.
    Come si fa a stare tranquilli e a vivere sereni?

    E' un gioco mostruoso al quale non si intravvede alcun rimedio.
    Se chi si è inventato l'operazione 'scie chimiche' mirava ad un modo di tormentare il genere umano, diciamo che quegli è pienamente riuscito e di meglio, dal suo punto di vista quanto meno, non poteva trovare.

    Mi scuso per il tono esasperato, ma ogni tanto sento il bisogno di unos fogo. Almeno fino a quando esisteranno ancora tribune da cui far sentire la propria voce.

    RispondiElimina
  3. Buonasera a tutti.
    Ero al mare...prov. di latina in particolare Gaeta. Nuvole cariche di pioggia...è passato qulache areoplanino di questi...e pufff...le nuvole si sono quasi volatilizzate in poco più di 1/2 ore circa...pardon...ultimo aggiornamento...adesso sono proprio sopra la cittadina, ma nno piove...c'è molto vento, sembra come se stesse arrivando un temporale ma il colore delle nuvole è diventato biancastro lattigginoso...insomma il solito spettacolo!!! Cmq penso propiro che non pioverà!!! credevo che qui non arrivassero con le irrorazioni...HELP!!! Domani se posso invierò altre foto... Ciao a tutti.

    RispondiElimina
  4. Ciao Paolo, capisco il tuo sdegno. Credo che evitino di usare sostanze dall'immediato effetto letale per evitare si instauri un nesso tra irrorazioni e decessi. Non di meno, leggevo ieri una lettera di un abitante di Reno che lamentava un enorme aumento dei casi di tumore e di ictus in tutta la California (California nightmare). Alla fine uno dei loro scopi è stato conseguito: lo sfoltimento graduale e quasi inavvertito della popolazione. Tanto i media mendaci daranno la colpa al "riscaldamento globale". Non è vero, quindi, come affermano alcuni, che le scie non causano patologie, anzi. Tra l'altro si stanno diffondendo in fluenze primaverili, come le hanno denominate gli esperti.

    Qui conto un aereo chimico ogni due minuti: non sto esagerando.
    Sarà il traffico civile che è aumentato un po', come aseeriscono i beoti.

    Godiamoci il cielo sereno (sic) ed il sole (sic)

    Ciao e grazie.

    RispondiElimina
  5. Ciao Charlie, è il solito copione... Maladetti!

    RispondiElimina
  6. Per Straker:
    non so se è il luogo adatto e se potete pubblicare questa mia richiesta.
    Ho creato un forum sulle scie chimiche per tutti coloro che vivono nell'area fiorentina (o toscana). Sarebbe mia intenzione formare un gruppo di monitoraggio dei cieli dove discutere e pubblicare foto e magari fare un link con il blog.
    Se qualcuno vuole trovarmi, lo può fare qui:

    http://sciechimiche.forumfree.net/

    Grazie
    Iwan

    RispondiElimina
  7. Paolo, guarda caso, nel 70% dei casi, le scie cominciano e finiscono proprio in corrispondenza dei centri abitati. E guarda caso le irrorazioni sono pesantissime nel weekend, di sabato e soprattutto di domenica.

    E a cosa si pensa? A chi vincerà lo scudetto, a "quelli del grande fratello"...questa è la realtà...tristissima realtà.

    Oggi qui sono passati e stanno passando così tanti aerei A BASSA QUOTA da restare sbalorditi. Si possono fare tante di quelle foto, riprendendo l'intera sagoma, ben definita, degli aerei anche con la fotocamera più scarsa sul mercato. Dove sarebbero gli 8000-12000 metri?
    Ieri ho dato un'occhiata al forum "Meetup Grillo" e mi è venuta una gran rabbia nel leggere le baggianate che un certo "dany" posta puntualmente come risposta ai tanti dubbiosi. Ti capita di vedere un aereo che non lascia scia a quote alte ed uno che ne lascia una copiosa a quota molto più bassa? Effetto ottico, a causa dell'angolo di osservazione. Questo sarebbe un esempio di spiegazione del sedicente militare, pilota di elicotteri, sempre incline a gettare fango sugli autori di questo sito. Insomma è tutto un problema di interpretazione.
    Scusate se lo ripeto ma spiegazioni come questa sono un insulto all'intelligenza umana.

    Vogliamo capire una volta per tutte che ci stanno avvelenando e anche prendendo per i fondelli? Informatevi da soli se non volete dare credito a chi vi mette in guardia e capirete che le scie onnipresenti, il traffico intenso di questi aerei , le sagome degli aerei ben visibili, i rombi dei aerei in volo, le manovre che essi effettuano NON SONO UN FATTO NORMALE E DA ACCETTARE PASSIVAMENTE.

    RispondiElimina
  8. Cari amici, il vostro stato d'animo è comprensibile, perchè è il nostro. Un misto di rabbia e senso di impotenza nei confronti di un destino veramente ostile. Quale futuro ci aspetta? Difficile essere ottimisti. Purtroppo siamo cittadini dominati da una classe politica venduta e che pur di mantenere i suoi privilegi considera il silenzio e la cooperazione la migliore scelta possibile. Maledetti!

    Ad ogni modo dobbiamo trasformare la nostra rabbia in azione. Ho preparato quindi un filmato che traduce in immagini e voce fuori campo l'importante testo della C. W. Palit: "L’Aeronautica militare ti vuole L.O.V.: diffusione aerea di
    impianti biologici nel cibo, nell’acqua, nell’aria". Speriamo così di far sapere a chi non ha letto l'articolo, cosa stanno facendo i nostri governi in collaborazione con l'aeronautica militare statunitense.

    Il filmato si spera sarà un'altra spina nel fianco degli... occultatori. ;-)

    RispondiElimina
  9. A quanto pare questo week end è stato davvero terribile.
    Dalle mie parti lo scempio è iniziato con tankers che "trafiggevano" i pochi cumuli presenti in cielo a riprova dell'intento deliberato di inseminare le nubi.
    Numerosi video in mio possesso dimostrano inconfutabilmete che i velivoli volano a bassa quota, altro che 9000-10000-11000 mt. !
    Stimando una quota di 2300 mt. (prova del cumulo) e con 28 gradi di temperatura (dati rilevati terra al momento delle riprese) niente e nessuno su questa Terra riuscirà a convincermi che si tratta di scie di condensa.

    Ciao !

    RispondiElimina
  10. Eccellente, Niko. Ho visto il filmato! Un'altra prova inconfutabile.

    RispondiElimina
  11. L’Aeronautica militare ti vuole L.O.V.: diffusione aerea di impianti biologici nel cibo, nell’acqua, nell’aria (di C. W. Palit - Prima parte)

    IL VIDEO

    RispondiElimina
  12. Ottimo documentario Straker e Zret !
    E' davvero sconcertante pensare che quella roba va a finire nella catena alimentare.

    A quando la seconda parte ?

    Ciao !

    RispondiElimina
  13. Ciao Corrado, ti ringrazio. Se fa il suo lavoro...

    RispondiElimina
  14. Ciao Niko. Tempo permettendo, qualche settimana.

    RispondiElimina
  15. Ciao! complimenti per il video! aspettiamo la seconda parte!

    RispondiElimina
  16. Salve a tutti,articolo interessante. Non sò se può essere utile, magari è solo una sciocchezza,ma il fine settimana scorso mi trovavo a bolzano,bei posti,non c'è che dire! Siccome il cielo era molto limpido,ho potuto notare una gran via vai di aerei, chi rilasciava scie normali e chi modificate,ma la vera cosa che mi ha stupito è stato il passaggio di un aereo totalmente bianco, che volava ad una altitudine molto inferiore alla normalità (l'ho potuto dedurre dal confronto con le altre scie di aerei di linea), e non rilasciava niente, nulla, neanche una una flebile scia, niente. Com'è possibile? Nuovi aerei ecologici? Ciao a tutti

    RispondiElimina
  17. Nell'immagine di questo post mi ha colpito l'aggettivo usato per definire le velature: "innocuo". Che necessità c'è di specificare le velature come innocue? Ma queste velature sono "innocue" per chi o per che cosa? Forse loro vogliono intendere innocue nei confronti della "non copertura" del cielo che non viene pregiudicata, eppure secondo me utilizzino quel termine innocuo soprattutto con lo scopo che venga incosciamente associato nella mente del lettore al concetto di "velatura scia = niente di male".

    Un saluto e incoraggiamento.
    VibraVito.

    RispondiElimina
  18. Ciao. Vedo che la confusione è sempre presente.

    Per avere ben chiara la questione, potresti leggere l'articolo precedente a questo. In ogni caso, sappi che se distingui un aereo nei dettagli, questo non è assolutamente un aereo che vola a quota canonica (8500/13000), ma un tanker chimico (e se vola basso, a meno che tu non sia in prossimità di un aeroporto, è un velivolo militare).

    La formazione delle contrails è fenomeno rarissimo a queste latitudini (2%), per cui, se osservi scie nel cielo e distingui l'aereo, queste sono scie chimiche.

    Alcuni aerei non sembrano irrorare. In alcuni casi sono quelli che rientrano alla base dopo aver irrorato. In altri casi essi sono impegnati in operazioni di rilevamento dei segnali trasmessi dai nanosensori cosparsi in bassa atmosfera. Altre volte ancora irrorano elementi visibili sono contrastando le immagini eventualmente riprese.

    In ogni caso, laddove non vi siano autorizzazioni particolari, le leggi proibiscono il sorvolo a bassa quota di centri abitati, motivo per cui, se ne vedi spesso, questi sono aerei che, illegalmente, eseguono operazioni clandestine nei nostri cieli.

    RispondiElimina
  19. yes Vibravito! anch'io sinceramente mi trovo spesso a pensare "perchè marcare sul fatto che sono innocue?...sono nuvole - a detta loro- no?perchè dire che sono innocue se sono solo aghetti di ghiaccio?"

    RispondiElimina
  20. Vibravito, è come dici: usano tale locuzione per inculcare nella psiche di chi ascolta la convinzione che si tratti di velature che non arrecano danno. peccato che, quando si arrampicano su tali specchi, in difinitiva ammettano il contrario di ciò che dicono.

    RispondiElimina
  21. Il traffico aereo a vostro parere è in aumento o in calo? Contate le scie nel cielo, fate caso al numero degli aerei, e vi accorgerete che l'aumento è spropositato anche solo rispetto allo scorso anno.
    Tuttavia, stando a dati ufficiali i voli civili internazionali sono in costante calo a causa di vari fattori tra cui il caro-petrolio. Cito da 'Il Sole 24 Ore': "...il rallentamento della crescita della domanda prosegue con la flessione cominciata a dicembre scorso, quando la stretta creditizia negli Usa ha cominciato ad avere un impatto sulle compagnie aeree."
    La Rete è piena di articoli che ne fanno menzione. Dunque? Quello che potete osservare giornalmente nei cieli di tutta italia NON SI TRATTA DI TRAFFICO CIVILE ma di TRAFFICO MILITARE, e QUELLE SCIE CHE VEDETE LASCIARE IL PIU' DELLE VOLTE A BASSA QUOTA NON SONO AFFATTO UN FENOMENO NATURALE ma SI TRATTA DI IRRORAZIONI.

    Citazione tratta da: http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Economia%20e%20Lavoro/2008/05/iata-traffico-aereo-calo.shtml?uuid=479e0766-1860-11dd-b84b-00000e25108c&DocRulesView=Libero

    RispondiElimina
  22. Salve ragazzi!!
    Oggi su roma...sembra che voglia piovere...ma solo qualche schizzo!!!
    Cmq ho visto un pò foto dal satellite e sembra che oggi abbiamo spruzzato pochissimo!!!
    Strano!!! Vogliono far piovere in settimana???

    RispondiElimina
  23. Ciao, dalle SAT non si vede nulla perché usano scie non persistenti. Ti assicuro che qui passano tre velivoli ogni 5 minuti eppure le satellitari non le riportano. Si sono fatti furbi gli avvelenatori.

    RispondiElimina
  24. Bravo, BACAB! Questo documento può esserci utile!

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis