lunedì 2 febbraio 2009

Api, cormorani, virus e batteri, ossia le scie chimiche sono innocue

Molti si chiedono se la paurosa diminuzione del numero delle api sia un effetto collaterale dell'operazione "scie chimiche". In primo luogo, ricorderei che non sono solo questi utilissimi imenotteri sull'orlo ormai dell'estinzione, ma anche molti altri insetti (bombi, vespe, varie specie di lepidotteri etc.). Anche i pipistrelli sono sempre più rari.

Quindi si deve osservare che lo sterminio delle api non è tanto una conseguenza delle chemtrails quanto un obiettivo scientemente perseguito dagli avvelenatori: infatti eliminare questi insetti significa danneggiare in modo irreversibile le colture (la maggior parte) che si giovano dell'impollinazione entemofila. Così le famigerate multinazionali che producono sementi geneticamente modificate potranno imporre i loro prodotti, dopo che le api saranno sparite. Recentemente è stata brevettata una nuova semente che non abbisogna di impollinazione.

Certamente i profitti di queste società, che mirano a controllare l'agricoltura in tutto il pianeta, conosceranno un'impennata; inoltre, frutta, cereali, ortaggi transgenici favoriranno la diffusione di intolleranze alimentari nei consumatori, di patologie varie, tra cui pure il morbo di Morgellons che pare anche essere collegato all'agrobacterium, contenuto nel mais transgenico. Il fine ultimo è la manipolazione del D.N.A. umano, la sua degradazione.

Intanto dalla California giunge la notizia di una strage di cormorani: questi volatili precipitano sulle spiagge, sulle strade ed autostrade, causando panico e sconcerto tra gli abitanti dello stato. Non si conoscono i motivi di questa moria, ma potremmo ipotizzare che gli uccelli marini siano intossicati pure dai veleni sparsi con le scie chimiche e con le shiptrails, veleni che entrano nella catena alimentare. La fauna ittica, infatti, senza dubbio ha risentito delle irrorazioni, all’origine di questa e di altre falcidie.



Da alcuni mesi ormai le pubblicità televisive sono dominate da spots che magnificano le virtù medicamentose di farmaci di ogni tipo. Ciò denota che disturbi più o meno gravi sono sempre più frequenti in una popolazione che è aggredita da onde elettromagnetiche, intossicata con inquinanti di ogni specie e contenuti nel cibo, nell'acqua, nell'aria, oltre che sottoposta spesso a ritmi di vita logoranti ed insalubri. In particolare, si può notare che, da alcuni giorni, va sovente in onda la reclame di un farmaco contro l'Herpes. Lettori, amici e conoscenti ci comunicano che i casi Herpes sono in aumento, come le patologie dovute al batterio Pseudomonas aeruginosa. Un mese fa circa, la Dottoressa Staninger ci forniva la seguente informazione:

"La *** è un'azienda italiana specializzata nella produzione di nanorobots. Questa società impiega nanotecnologie in correlazione ai vaccini. E' possibile una vaccinazione di massa attraverso mezzi aerei. Potrebbe trattarsi di test. E' possibile un incremento di casi di Herpes simplex con eruzioni cutanee. Ho trattato, in una settimana, tre pazienti con l'Herpes sul petto, laddove ho diagnosticato, in trent'anni, solo una persona con questa particolare forma di Herpes. Non tre in una settimana!

Questi pazienti avevano già manifestato i sintomi dell'Herpes in passato, così si potrebbe trattare di una ricaduta. In questo periodo l'irrorazione chimico-biologica è stata molto pesante a Los Angeles. Altre persone hanno mostrato delle verruche sulla pelle. Questi sono solo alcuni parametri per monitorare, all'interno della popolazione, le reazioni ed i profili epidemiologici nell'ambito della diffusione di agenti patogeni per mezzo degli aerei".

Non sembra una coincidenza l'incremento dei casi di Herpes concomitante con le pubblicità di farmaci ad hoc. Ingenti profitti per le società farmaceutiche saranno assicurati, mentre vengono compiuti esperimenti per indebolire le persone tramite virus, viron, funghi e batteri. Essere consapevoli dei rischi in cui si può incorrere è comunque utile: si eviterà l'abuso di farmaci e ci si orienterà verso un'alimentazione e verso rimedi il più possibile naturali, sebbene oggi l'idea stessa di "naturale" sia un concetto-limite.



Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!
Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.


Aggiorna Tanker Enemy nei tuoi preferiti. D'ora in poi questo blog è raggiungibile digitando http://www.tankerenemy.com/

TANKER ENEMY TV: i filmati del Comitato Nazionale

CHEMTRAILS DATA

Range finder: come si sono svolti i fatti

46 commenti:

  1. Le api, i bombi e simili, così come hai scritto, sono molto importanti nell'impollinazione. E quindi per la continuazione delle specie vegetali.
    Senza di questi, guarda la coincidenza, dovremmo correre ai ripari e chi meglio delle sementi o.g.m. delle multinazionali potrà venire in nostro soccorso?
    Sarei curioso di leggere gli attuali libri di agronomia che si usano all'istituto tecnico agrario. O comunque quelli che saranno stampati tra un max di 5 anni. Chissà se parleranno ancora di api e bombi. Forse sì, ma come reminiscenze del passato.
    Io, il mio libro di agronomia me lo tengo stretto. Sarà di metà anni '90, ma è pur sempre meglio di quelli futuri.

    Luka78

    RispondiElimina
  2. Il tuo libro, Luka, sarà ritenuto un cimelio.

    RispondiElimina
  3. Guarda la coincidenza sull'herpes; il 22 gennaio ( di quest'anno ), hanno "scoperto" un rimedio contro l'herpes simplex!
    Ecco ili link:
    http://www.corriere.it/salute/09_gennaio_22/pomata_anti_herpes_5b4b246a-e87b-11dd-aae1-00144f02aabc.shtml

    RispondiElimina
  4. Per il momento il preparato è stato testato con successo solo sui topi ehm... gli uomini.

    RispondiElimina
  5. guardate questa immagine:

    http://img520.imageshack.us/img520/9085/militaryaerospaceelectrvy1.jpg

    è questo che si intende con "sensore wireless".

    se immaginiamo un network militare che collega radar,satelliti,sensori wireless e antenne, ecco che possiamo renderci conto di come eventuali disturbi(per es, le nuvole) possono mettere in crisi l'intero sistema militare di sorveglianza del territorio. infatti i militari distruggono le nuvole come e quando vogliono.
    insomma....c'è rimasto veramente poco da dire sulle "scie rilasciate da aerei militari".


    cmq è un dato di fatto che le api stanno scomparendo. non posso dire con certezza che l'elettrosmog e gli aerosol siano i diretti colpevoli, ma i punti interrogativi sono tanti, quando parliamo di inquinamento ambientale.

    per esempio, ci sono posti in cui non ci sono fabbriche e non si usano pesticidi ne OGM.
    eppure le api continuano a morire.
    misteri della fede.
    personalmente per le generazioni future la vedo molto ma molto dura...

    RispondiElimina
  6. Non c'è nulla per cui essere ottimisti, purtroppo.

    RispondiElimina
  7. http://it.youtube.com/watch?v=VxceOzwd2qA

    RispondiElimina
  8. La nuova generazione, Arturo, sarà anche l'ultima.

    RispondiElimina
  9. Io ho difficoltà a credere che la storia dell'inseminazione delle nubi per impedire le precipitazioni possa essere una verità acquisita.
    E così pure, che le irrorazioni chimiche servano principalmente alle comunicazioni militari.

    Penso piuttosto che l'obbiettivo pricipale sia il controllo climatico e la diffusione di sostanze... sulla popolazione e le coltivazioni.

    Non mi spiego altrimenti l'esteso manto nuvoloso grigio e compatto che oscura il sole nella stagione primaverile per almeno 60 giorni, con certezza da almeno tre anni e senza che cada una goccia di pioggia. Quello stesso manto nuvoloso che fin troppe volte ho visto svanire nel giro di un'ora nelle ore serali per ricomparire il giorno successivo ad oscurare il sole.
    E la scomparsa dei venti e delle brezze marine e montane? E Lo stravolgimento insensato delle altre stagioni?
    In nessun programma meteo del mondo vengono più mostrate le foto satellitari con il famoso "vortice depressionario" che interessava le evoluzioni climatiche di tutto l'emisfero settentrionale, da cui l'altrettanto famoso Colonnello Bernacca, traeva le sue previsioni faticando non poco per farci capire come.
    Da allora, nessuno sa più come e dove si formano le nubi e le perturbazioni, tranne gli "addetti ai lavori" che non sono certamente gli "chansonnieres" dei vari meteo.

    RispondiElimina
  10. Ciao Faraday.

    Le chemtrails sono un'arma polivalente e da ciò è facile comprendere come in un solo colpo si ottengano obiettivi diversi, avvantaggiando tutti (aziende OGM, farmaceutiche, militari, governi, metorologi etc.). Facile comprendere come mai il cover-up sia totale.

    Se ci pensi bene la questione delle onde elettromagnetiche è cruciale per comprendere come sia reale l'irrorazione a bassa quota. Ricordo però che le operazioni di aerosol sono attive su più livelli e vi sono coinvolti, è bene ripeterlo, sia militari sia civili: velivoli militari e velivoli civili. Essi si dividono i compiti e si assicurano così il vicendevole silenzio di copertura.

    RispondiElimina
  11. La maggior parte delle persone nega o rifiuta di considerare e approfondire quello che pochi denunciano, ignorando volontariamene il bene delle nuove generazioni che, come giustamente avete detto, non avranno ancora molte possibilità di fare progetti per il futuro.
    Ci sono masse di genitori che non riescono a rendersi conto di quanto il futuro di chi hanno messo al mondo non sia così garantito proprio grazie a questa loro indifferenza...molti si sentono a posto perchè investono su un avvenire basato esclusivamente sulla sicurezza economica, a scapito di tutto il resto.
    Che razza di investimento è, se poi ci si riduce a diventare esseri deboli e ammalati, completamente schiavi di farmaci? Eppure sono convinti di essere nel giusto, grazie alle informazioni e agli esempi che arrivano dal Sistema perverso, la cui unica forza è quella di ricorrere all'inganno e alla menzogna per riuscire a realizzare i suoi diabolici obiettivi, squallido e ripugnante (come tutti quelli che lo alimentano con la loro collaborazione), che si accanisce soprattutto con i più indifesi.

    SISTEMA VIGLIACCO

    RispondiElimina
  12. Ciao a tutti,
    condivido l'osservazione di Faraday75 sulla copertura.
    E' evidente che c'è una certa periodicità, totalmente innaturale. La mattina è sereno, a mezzogiorno il sole è oscurato, nel pomeriggio la copertura comincia a svanire e al tramonto si vede la copertura in lontananza (come se "rincorresse il Sole"), e la notte è stellato senza nessuna copertura. (solo a volte rimane una foschia, in quelle giornate che hanno irrorato a dismisura)
    Quindi ho cominciato a pensare che forse attraverso la nanotecnologia, sono davvero in grado di fare "on/off" con la copertura. Ma non credo che sia legato al passaggio degli aerei. Parrebbe che gli aerei irrorino lasciando "il materiale", che poi si attiva in un secondo momento. Xò è solo una mia ipotesi, "a pelle".

    p.s. rubo altre 2 righe x dire che secondo me non esiste alcuna possibilità di sostituire le api con gli ogm. Potrà funzionare col mais e col grano (dopo decenni di ricerche, con risultati molto discutibili), ma x tutto il resto della frutta/verdura/vegetazione???

    Saluti!!!

    RispondiElimina
  13. http://www.ilmeteo.it/portale/situazione-immagini-satellite

    Scusate ragazzi ma questo è H.A.A.R.P.???
    Vedo che sul lazio, sulla punta della calabria e sulle nuvole provenienti dal nord africa facciano attività di smembramento nuvole...se mi passate il termine...:-(((

    RispondiElimina
  14. il loro obiettivo è il controllo della popolazione e per farlo devono anche controllare il clima.

    poi vengoo spruzzate anche sostanze, agenti patogeni etc per colpire persone e coltivazioni.

    RispondiElimina
  15. Charlie, quella robaccia grigia è tutta copertura chimica.

    Ginger, sono d'accordo con te. Se un genitore si ritrova un figlio malato di leucemia non può dare la colpa alla sfortuna. Si tratta solo di statistica ed una statistica di questo genere si basa solo su fattori inquinanti.

    Grifaldo, tutto dipende dalle aree di intervento. Qui da noi, ad esempio, hanno intensificato i voli notturni e concentrano le azioni diurne, salvo motivi dettati da urgenze logistiche, durante le pause di pranzo e cena.

    RispondiElimina
  16. Anch'io concordo con Lucy...!!!
    Ciao!
    P.S. Dovreste vedere il cielo di Roma in queste ore...tenebroso...raccapricciante!!

    RispondiElimina
  17. "Quello stesso manto nuvoloso che fin troppe volte ho visto svanire nel giro di un'ora nelle ore serali per ricomparire il giorno successivo ad oscurare il sole."

    ciao Straker, ti ho sollecitato più volte su quest'aspetto, ma tu insisti (evidentemete con cognizione riguardo alla zona dove risiedi) sulle irrorazioni notturne.
    Ma non riesco a spiegare come, più volte, ed in diverse zone d'italia, io abbia visto la 'coltre' letteralmente SVANIRE sul far del tramonto, per lasciare il cielo COMPLETAMENTE sgombro e stellato.

    Hai una qualche spiegazione?

    RispondiElimina
  18. E' vero Straker, i voli di notte sono aumentati.

    Guarda, la mia osservazione è frutto solo di "guardare il cielo" e ragionamenti logici (quindi potrei anche dire una vera e propria fesseria. Magari avessi la sicurezza di qualcosa...), ma SEMBREREBBE che la copertura sia "fotosensibile".
    Col Sole si manifesta diventando biancastra, e senza sole sparisce (cioè diventa totalmente trasparente.) Ed è un fenomeno evidente soprattutto nel pomeriggio e al tramonto, xchè sparisce in pochi minuti.
    Grosso modo, ho notato che resta in aria (qualunque cosa sia) x almeno 3 giorni. Se anche il 4 giorno non passano con le scie persistenti, allora a mezzogiorno c'è il Sole, altrimenti c'è la pappa biancastra.
    Poi magari è solo una serie di coincidenze, non lo sò x davvero, questo è quello che mi sono fatto come "statistica personale".
    Ciao!

    RispondiElimina
  19. pinco ramone, la spiegazione può essere che questa roba che i militari irrorano nei cieli funzioni meglio con la luce del sole piuttosto che di notte.
    ho notato infatti una cosa: qui da me stanno irrorando massicciamente di notte; quando la luna lo permette, si vede chiaramente i veivoli militari che lasciano scie persistenti immense.
    il fatto è che ci sono molte più irrorazioni di notte che di giorno, almeno qui ed in questo periodo. forse di notte queste sostanze sono meno effettive, e quindi i militari ne irrorano grandi quantità; mentre di giorno forse questa roba "copre" di più a pari quantità irrorate.
    queste sono ipotesi di un civile non informato dettagliatamente sui fatti....quindi sono solo ipotesi.
    rimane il fatto che le finalità di queste operazioni, fintanto che i militari non tolgono il segreto militare, non possono essere precise al 100%.

    quello di cui possiamo essere sicuri al 100%, è che si tratta di aerosol atmosferici effettuati da veivoli militari fantasma in completo segreto militare. l'ipotesi della condensa perenne è quindi da scartare al 100%. queste sono vere e proprie irrorazioni clandestine effettuate nello spazio aereo italiano.
    questo dovrebbe bastare ai politici per fare 1000 interrogazioni parlamentari.

    concludo con una riflessione: mettiamo che ci stiamo sbagliando(..), mettiamo che siamo in migliaia che hanno preso un abbaglio, e che in verità le scie che vediamo sono solo il prodotto della combustione del carburante di aerei militari.
    mi chiedo: perchè, di questi tempi, nessuna istituzione apre bocca per dire che c'è un problema di inquinamento da traffico aereo militare? perchè, nonostante la fuffa delle targhe alterne, nessun politico accenna al problema che abbiamo degli aerei militari che oscurano il cielo con il tubo di scappamento?
    voglio dire, anche immaginando che non ci sia niente di segreto(..), il problema sarebbe sicuramente reale ed attuale: aerei militari oscurano il cielo di smog, e nessuno dice niente, silenzio assoluto.

    scusate, ma questa è l'ulteriore conferma che qualcosa di estremamente sinistro sta accadendo nei cieli italiani e non solo;
    ecco perchè nessuno dice niente sul traffico aereo militare.....perchè se l'attenzione dei cittadini viene portata al problema, la massa si accorge che NON E' condensa e smog, ma qualcos'altro....addirittura la gente potrebbe accorgersi che molte volte le scie non escono dai motori, ma da apposite valvole.....la gente potrebbe accorgersi che ci sono aerei militari che oscurano il cielo con degli aerosol....la gente potrebbe accorgersi che c'è un traffico aereo fantasma di veivoli militari in formazione che neutralizzano le nubi....

    insomma, aerosol o meno, il problema è reale ed attuale, e il fatto che tutti facciano finta di niente, è molto significativo, e ci fa capire di come le istituzioni ci siano tutte dentro.
    CI SONO TUTTI DENTRO: militari in primis, poi politici, la magistratura, i meteorologi, qualche pilota civile, enav e enac, CNR, qualche geologo, università, e la lista continua........a vabè.. e il cicap....

    quando verrà fuori la faccenda, cioè che siamo sottoposti quasi tutti i giorni a degli aerosol militari, scommetto che tutta questa gente che sa, dirà :"era segreto militare, non potevamo dirlo...." oppure "a noi meteorologi non avevano detto nulla...." oppure "anche se sono un pilota civile, giuro che non mi ero accorto di nulla.." ecc. ecc.

    insomma, tutti finti tonti ....e intanto i militari irrorano ed irrorano sulla testa dei nostri bambini.....MAH

    RispondiElimina
  20. Charlie stanno fanno il possibile per impedire le precipitazioni

    RispondiElimina
  21. da quello che ho capito toscana e liguria hanno le irrorazioni in comune.....che bello....anche da me di notte stanno facendo delle cose mai viste, e non per ridirlo, ma la concentrazioni degli aerosol si trova nel mezzo del trianglo formato dal radar militare della valle beneddetta, l'aereoporto militare di pisa, e il camp-derby.

    quindi immaginatevi un triangolo:radar,aeroporto,camp-derby.
    nel mezzo sempre,perennemente,nebbia chimica, notte e giorno. e tanti voli in formazione con scia persistente.
    una coincidenza? non credo

    RispondiElimina
  22. a Roma c'è stato un "piccolo" nubifragio...! adesso continua a piovere ma c'è una nebbia spaventosa...che schifo ragazzi!!!
    Ridateci il sole c...o!!!

    RispondiElimina
  23. Le irrorazioni, lo abbiamo compreso tutti, hanno scopi diversi (distruzione dei biosistemi, diffusione di patogeni, miglioramento dei segnali radar, diffusione di nanosensori, controllo mentale - H.A.A.R.P. etc.), per cui non sempre una regola valida su un determinato territorio lo è altrettanto per un altro.

    Le attività notturne sono divenute un ripiego, soprattutto in quelle aree geografiche laddove la sensibilità della popolazione è aumentata (occhio non vede, cuore non duole).

    E' vero infatti che le smart dust sono alimentate dalla luce ultravioletta, per cui queste verranno diffuse solo di giorno, mentre si passerà ad altri elementi da diffondere in altre ore e che non necessitano della luce solare per essere attivate.

    Per quanto riguarda la giusta osservazione che vede scie chimiche concentrate sempre in direzione del sole, quest'aspetto si chiarisce se valutiamo la dispersione di nanotecnologie di vario tipo. In questi casi ricordiamo che i nanotubi si orientano elettricamente se sottoposti a luce ultravioletta. Qui si spiega anche il volontario assottigliamento dello strato di ozono, al fine di filtrare meno la frequenza ultravioletta necessaria agli scopi che rientrano negli esperimenti militari descritti più volte su questo blog (vedasi "L'aeronautica ti vuole L.O.V.). Non a caso sono aumentati i tumori maligni della pelle.

    Che le scie chimiche non siano un fenomeno naturale non v'è dubbio. Basta osservare la frenetica e sempre più martellante attività dei disinformatori, attivi 24 ore su 24 e per nulla gratis. Qualcuno li paga per non farci parlare di condensa? Guardate come si sono subito fiondati sui blog degli Onorevoli cofirmatari della terza interrogazione Brandolini. Tutti insieme appassionatamente al grido: Straker è un truffatore e le scie chimiche non esistono. Sanno benissimo che le interrogazioni Brandolini si basano su un nostro documento preparato ad-hoc e sperano che l'increscioso evento non si ripeta.

    RispondiElimina
  24. il problema a questo punto è se si riuscirà a far terminare questo tipo di operazioni oppure no!! altrimenti non ci resta nient'altro che alzare lo sguardo ed allo stesso tempo le spalle e rassegnarsi...

    RispondiElimina
  25. foto scattata oggi:

    http://img513.imageshack.us/img513/4706/dsc06792xa1.jpg

    in questa rotta ed a questa quota,metro più metro meno, vedo sempre gli aerei militari alenia c-130 che partono dall'aereoporto militare di pisa.
    e nello spazio aereo che comprende questa rotta, vedo sempre gli alenia c-130 che compiono i circoli.
    deduco che questa non sia assolutamente una rotta civile, ma bensì uno spazio aereo esclusivamente riservato a voli militari ed esercitazioni di ogni sorta.
    infatti prima che passasse questo aereo, era presente il solito alenia c-130 che compieva circoli. ormai è una routine questa degli alenia che compiono i circoli.
    ognuno poi trarrà le sue conclusioni.
    quello che penso è che lo scalo di pisa ultimamente sia attivo nelle operazioni clandestine di aerosol.
    questa è la terza volta che vedo un aereo come questo in una rotta militare.
    ripeto,quasi sicuramente non è una rotta civile nè commerciale;
    in questa rotta si muovono sempre gli alenia, sia quando compiono le rilevazione 3d del terreno, sia quando si spostano in linea retta verso sud.
    per esempio, domenica, sempre in questa rotta, ho notato chiaramente un aereo bianco di simile tipologia effettuare una stretta manovra ad "U",e continuare dalla parte opposta a quota bassissima, in rotte incidenti a quelle delle degli alenia.
    anche questo aereo era fuori dalle rotte civili e commerciali, ed oltretutto ha compiuto delle manovre estremamente "spericolate"....era chiaramente un aereo militare.

    ps. guardate questa pagina: notate in alto l'aereo a bassa quota con l'enorme scia persistente.

    http://www.pisa-airport.com/aeroporto_di_pisa_99.html

    i militari mettono queste immagini ovunque, cosicchè le persone che notano delle anomalie saranno portate a pensare che "è tutto normale".

    RispondiElimina
  26. Ben detto Arturo! Era una riflessione che avevo fatto anch'io: se le scie chimiche sono solo un nostro abbaglio comunque gli aerei rimangono e l`inquinamento anche. Nessuno, inteso come Associazione Ambientalista ecc bla blabla, che si sia mosso in questa direzione. La quantitá di traffico aereo e´ stata oltretutto confermata da tutti per cui consultazioni ed eventuale referendum potrebbero essere fattibili, se esistesse ancora un briciolo di democrazia...

    Poi si parla di Euro 4 5 6 10 20, domenica a piedi e bicicletta, quando il solo inquinamento del traffico aereo corrisponde chissà a quanti milioni di autovetture.
    Ma tentare di ridurre il traffico e´ comunque impresa titanica a causa dei voli low-cost che
    ci rendono inconsapevolemente complici di questo meccanismo e che sicuramente molto non vorrebbero rinunciare a queste offerte per andare in lontani luoghi turistici, oltre alle seducenti pubblicita´ che pullulano ormai ovunque.

    RispondiElimina
  27. Ciao Ramone, ho altre foto con sice notturne sulla cam. Quando finalizzo il DVD ne posto altre.

    RispondiElimina
  28. Ai vari ottimi contributi, vorrei solo aggiungere che le scie notturne sono legate all'alterazione della secrezione di melatonina. Si veda Scie chimiche e melatonina.

    Ciao a tutti.

    RispondiElimina
  29. Chissà perché una volta gli aerei li disegnavano senza scia al seguito. Invece ora...

    E' cambiata la fisica o il quantitativo di denaro in banca?

    RispondiElimina
  30. Arturo, se mi mandi per email la zona esatta dove abiti, ti dico se ci sono corridoi civili e se sì a quale quota possono sorvolare il centro abitato. In ogni caso quell'MD-80 è troppo basso se non non è un corridoio da e verso la pista.

    RispondiElimina
  31. ciao a tutti, sono d'accordissimo con tutto cio' detto da ginger, arrivando alla conclusione "sistema vigliacco". d'accordo anche con lucy, perche' se 2+2 fa 4, con un po di analisi si arriva.... dove si arriva.
    ad arturo vorrei dire che nella mia zona (tra siracusa e catania) gli aerei militari che gironzolano per ore sulla stessa zona non sono c130, a meno che non siano modificati, ma non penso, comunque.... sono aerei che sulla coda in basso hanno come una coda di topo, come un'asta che esce circa un metro e davanti, proprio nel "becco"(?) hanno come una sfera scura ma lucida, come fosse vetro o altro, ma lucido, e si nota benissimo in quanto questo aereo e' totalmente grigio-verde militare e opaco. boh...
    ciao.

    RispondiElimina
  32. stasera posto una immagine dal satellite, con indicato tutte le rotte militari accertate che ho potuto notare. segnerò anche le rotte degli aerei militari che irrorano attivamente, dato che è un pò che documento questi voli fantasma.

    segnerò anche le rotte civili accertate.
    anche sul sito ufficiale dell'aereoporto di pisa c'è scritto che "la quasi totalità dei voli passa dalla costa o dal mare".
    l'aereo di oggi di cui ho postato la foto, invece, andava verso il radar della valle benedetta, che è zona accertata di volo esclusivamente militare.
    quello di oggi era un aereo militare, e segnerò sulla mappa anche la sua rotta, che è cmq una rotta militare.i militari, in verità, non hanno vere e proprie rotte, possono fare quello che vogliono. l'aereo,cmq, è partito da pisa, questo è sicuro.

    quando cala la notte, e di mattina presto, si può notare un grande traffico militare di aerei, spesso in formazione,intorno al radar della valle benedetta. alcuni vengono da pisa, altri da ancora più a nord. gli aerei militari che vedo in questa zona vanno SEMPRE verso sud e MAI verso nord. per andare verso nord usano un altro corridoio aereo che è situato verso la costa.
    questi aerei militari che vanno da nord verso il radar volano abbastanza bassi e come ho già detto sono diretti a sud. non hanno vere e proprie rotte, i piloti fanno quello che vogliono.
    sono tornato ora da quelle parti, e vi posso assicurare che viaggiano spesso in formazione.
    e irrorano veramente molto. è una brutta zona quella che separa l'aereoporto di pisa dal radar militare della valle benedetta(LI). tutte le volte che ci passo non posso fare a meno di notare o le scie persistenti, o la nebbia chimica perenne.

    i militari possono essere anche bravissimi a mantenere e a far mantenere i segreti, però questi md-80 dovranno pur atterrare e decollare da qualche parte.
    concludo dicendo che nella mia zona ci sono molte persone che si sono accorte delle irrorazioni clandestine, ed ognuno sta facendo la sua parte.
    soprattuto, ripeto, tra il radar militare e l'aereoporto abbiamo notato un traffico aereo militare a dir poco anomalo, senza contare le sempre presenti scie persistenti nei cieli che intercorrono tra il radar e l'aereoporto militare di pisa.

    spero che l'aeronautica militare legga queste cose

    RispondiElimina
  33. Sarebbe interessante una visitina nei dintorni della pista.

    RispondiElimina
  34. Nel chianti, diciamo da novembre circa, i voli notturni sono passati da essere 2 o 3 (fra le 21 e l' 1), a essere anche una decina (non TUTTE le notti, ma spesso...). Bassi bassi bassi, trema tutto quando passano.

    Devo xò dire che è tanto che non passa più l'elicottero nero, che non sò che modello fosse, ma era davvero bello come macchina (ovviamente non sono belli gli scopi x cui lo usano).
    In genere passava verso l'ora di cena, e mi affacciavo a dargli il "buon appetito" puntandogli addosso il laser verde. Una volta hanno anche cambiato rotta x venirmi proprio davanti, e io con la manina gli facevo segno di scendere. Un pò mi mancano... (ironia a pacchi)
    :-)))

    RispondiElimina
  35. Se prendi la pancia di un aereo va bene, ma non farlo contro un elicottero, perché ti blindano.

    RispondiElimina
  36. In effetti ci ho pensato alla eventuale blindatura, ma ti dirò la verità: PAZIENZA.
    Ho provato anche contro gli aerei, e in effetti a volte il raggio li arriva, ma è un laserino da 9euri su ebay, poco piu che un giocattolo x bimbi.

    p.s. nel tempo che è passato da quando scrivevo il post delle 21,28 e adesso, sono passati 3 aerei. Uno ora ora.

    Saluti a tutti!

    RispondiElimina
  37. scusate, ma l'immagine che vi propongo sembra opera di un bambino di 6 anni. un pò mi vergogno!
    però meglio di nulla, questo,diciamo, è uno "schizzo". c'è un vero e proprio dossier in lavorazione, ed infatti, straker, una bella visita ravvicinata è in programma....non dico di più per ora...non vorrei ricevere "visite sgradite".

    http://img502.imageshack.us/img502/5930/immagine22al0.jpg

    l'ho fatta in minuto, quindi il risultato di questo schizzo lascia a desiderare.
    i disinfo si faranno quattro risate, non c'è dubbio. invece i militari troveranno la faccenda un pò meno divertente.....
    comunque: la linea gialla rappresenta l'md-80 di oggi, mentre la linea gialla che vira di 360° rappresenta l'md-80 che è passato domenica.
    le linee rosse sono gli aerei militari che scorrazzano i quella zona.
    fate conto che le linee rosse rappresentano rotte attive nelle operazioni di aerosol.
    a destra in basso, dentro i cerchi colorati, c'è il radar militare della valle benedetta.
    le linee rosse intorno al radar rappresentano le scorribande dei piloti in quella zona.
    preciso che quasi sempre, i voli nella zona "rossa" vicino al radar, sono in formazione di due o di tre.
    cmq ripeto, nella zona delle linee rosse i piloti fanno quello che vogliono, anche manovre particolarmente estreme, come virate improvvise.
    le linee blu rappresentano i circoli che fanno gli alenia partiti da pisa.
    le linee grigie rappresentano gli aerosol, che infatti in quel tratto di territorio sono presenti perennemente,giorno e notte.

    questo è il quadro generale verso sud.
    una mappa dettagliata che comprende anche pisa è in lavorazione......
    cmq questa zona è bombardata giornalmente di aerosol, e non mi sembra giusto per i cittadini che abitano in quella zona.
    già il radar è negativo per la salute, poi ci mettono pure le irrorazioni.....

    RispondiElimina
  38. Tutto chiaro. Non mi sembrano corridoi civili...

    RispondiElimina
  39. qualcuno sa dirmi le quote minime da tenere per legge sopra i centri abitati?
    e poi, valgono anche per i militari quete regole o solo per i civili?

    anche sotto questo punto di vista c'è da fare chiarezza........

    RispondiElimina
  40. no straker.
    non lo sono.
    ci scommetto quello che vi pare.
    cmq ci sono dei filmati che documentano tutto ciò.
    molti filmati.

    RispondiElimina
  41. Gli aerei che ho visto nelle tue foto, caro Arturo, volano violando le norme sulle quote minime. Su questo non ci sono dubbi.

    RispondiElimina
  42. Ecco lo slogan dell Ford auto:

    "IL CAMBIAMENTO È NELL'ARIA", FORD HA PRESENTATO GLI INCENTIVI PER IL 2009"

    Grazie Ford ma c'eravamo arrivati prima di voi.

    Per restare nel tema del post, un metodo empirico ma molto efficace per verificare la drastica diminuzione di insetti è quella di controllare il casco da motociclista dopo un viaggio.
    Negli anni scorsi, specialmente in primavera, ogni 10 minuti ci si doveva fermare a pulire la visiera piena zeppa di insetti spiaccicati.
    Ora andate da Roma a Milano con la visiera pulita.
    Chi può ci faccia caso.

    RispondiElimina
  43. ciao arturo! il lavoro che proponi è molto interessante... io abito nelle colline diciamo di fronte al radar ma fuori dal triangolo, quindi è come se fossi seduto in poltrona al cinema cn proiettato sullo schermo tutti i casini che fanno nei cieli soprastanti il radar.. e soprattutto al tramonto si vedono benissimo gli aerei che passano sopra la zona radar con lunghe scie che partono da li e arrivavo fino a Pisa...se vuoi ho anche filmati! che schifo di mondo, ciao a tutti

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis