venerdì 20 febbraio 2009

Menzogne persistenti su Milano

Ogni tanto, giusto per divertirmi, visito il blog del nostro ex attivista ed ex collaboratore Massimo Santacroce. Intendiamoci, la minestra è sempre la medesima, ma, talvolta, risulta particolarmente istruttivo leggere le menzogne spacciate per verità assolute dal fedifrago borsista dell'Università di Milano. Si comprende quali siano le tecniche adottate maggiormente dai disinformatori. In genere, infatti, essi introducono concetti ed affermazioni attorniati da un certo alone di “scientificità” che si rivelano, però, assolutamente fondati sulla frode. Questo modus operandi sfrutta il fatto che il lettore medio non ha né l'intenzione né conosce gli strumenti idonei per verificare l'attendibilità di quanto legge, per cui tende a ritenere veritieri quei contenuti.

Massimo Santacroce, ora in modo opportunista spalleggiato da coloro che un tempo lo dileggiavano (Markogts - Marko Germani, hanmar - Michele Galloni, Orsovolante - Fulvio Turvani, Ilfioba - Massimo della Schiava, Gianni Comoretto etc.) e che quindi, strumentalmente, non osano mai mettere in discussione le petizioni di principio ed i dati erronei forniti dal loro sodale, ha imparato bene la lezioncina. I suoi... "articoli" sono un'accozzaglia di ambiguità mefistofeliche ed un coacervo di mistificazioni concepite abilmente per ingannare il lettore che, cercando spiegazioni sul fenomeno chemtrails, si ritrova per sua sfortuna sul blog di un altro che ha venduto l'anima (se mai ne ha avuta una) per una poltrona.

Ecco quindi che Santacroce, nel suo post del 19 febbraio 2009, descrivendo con una serie di fotografie il cielo di Milano del 15 febbraio, esordisce così:

"Domenica 15 febbraio è stata una giornata perfetta per fotografare scie ed aerei a Milano. Il forte vento dei giorni precedenti aveva pulito il cielo, vi erano poche nuvole ed erano presenti le condizioni per la formazione di scie di condensazione".

Ebbene, sulla base di queste asserzioni, chiunque non abbia modo di controllare se quanto esposto dall'illustre borsista "scienziato" è corrispondente al vero, conclude che effettivamente quelle che ha visto il 15 febbraio a Milano non erano scie chimiche, ma solo innocue nuvole di vapore acqueo: contrails... scie di condensa!

Purtroppo per Santacroce non tutti si accontentano di quanto apparentemente pare scientificamente obiettivo. Noi abbiamo eseguito una ricognizione dei dati forniti dalle radiosonde il giorno 15 febbraio 2009 alle 12:00. Le misurazioni compiute su Milano presentano una situazione diametralmente opposta a quella sbandierata dal mendace "sciacondensaro" allievo zelante di Paolo Attivissimo, C.I.C.A.P. e soci. Come si evince dal dettaglio di seguito riportato, appare chiara l'assoluta mancanza dei parametri fisici idonei alla formazione di scie di condensa a qualunque quota (tanto meno alle altitudini di crociera degli aerei commerciali - 8.500/13.000 metri), ancor più per la loro persistenza, laddove si rilevano valori di umidità relativa prossimi allo zero per cento.

"L’immissione in atmosfera dei gas di scarico degli aerei, ricchi di nuclei di condensazione e di vapore acqueo, determina la sovrassaturazione del vapore acqueo e quindi la formazione di scie. Le scie di condensazione si formano ad altezze in cui la temperatura dell’aria è molto bassa (inferiore a -40 °C), con umidità relativa almeno del 60%. Le scie possono essere più o meno durare nel tempo, a seconda della stabilità dell’aria e della quantità di vapore presente". [Girolamo Sansosti & Alfio Giuffrida - Manuale di meteorologia, Una guida alla comprensione dei fenomeni atmosferici e climatici in collaborazione con l'U.A.I. (Unione Astrofili Italiani) - 2006 – pag. 86]

"L'espansione delle scie di condensa nonché la loro persistenza dovrebbe essere subordinata (secondo quanto affermato dalla N.A.S.A.) alla sovrassaturazione rispetto al ghiaccio con valori superiori al 150%. Se, infatti, per la formazione della scia può valere la nucleazione eterogenea, non così è per l'espansione: il particolato è troppo esiguo per sostenere una nuvola enorme e si ricade dunque nella nucleazione omogenea. La persistenza è semplicemente un congelamento della scia in un equilibrio fra sublimazione e brinamento. Non così l'espansione, che implica la formazione continuativa di cristalli di ghiaccio".

Notiamo inoltre che, alle reali quote di volo dei tankers chimici (circa tra i 2.300 ed i 4.000 metri) si registra un repentino crollo dei valori di umidità relativa, come le statistiche, riguardanti le quotidiane osservazioni, confermano. Ciò dipende dal fatto ormai acclarato che gran parte dei velivoli impegnati nelle operazioni clandestine di aerosol disperde elementi igroscopici atti alla distruzione delle formazioni nuvolose di tipo basso ed al contestuale abbattimento dell'umidità atmosferica. Questo ulteriore particolare, indirettamente, conferma le quote di volo estremamente basse, come altre volte qui documentato, quote certamente non idonee alla formazione di scie di condensa.

Infine vale il vecchio detto di un famoso spot pubblicitario degli anni settanta del XX secolo, ovvero: "A scatola chiusa si compra solo Arrigoni".




Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!
Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.



Aggiorna Tanker Enemy nei tuoi preferiti. D'ora in poi questo blog è raggiungibile digitando http://www.tankerenemy.com/

TANKER ENEMY TV: i filmati del Comitato Nazionale

CHEMTRAILS DATA

Range finder: come si sono svolti i fatti


51 commenti:

  1. al santacroce devono aver detto:
    "sig. santacroce, o lei, nel suo blog, comincia ad affermare che le scie chimiche non esistono, oppure può anche iniziare a cercarsi un nuovo lavoro.
    e le promettiamo che faremo tutto quello che è in nostro potere per renderle la vita impossibile"

    il santacroce, quella notte, non ha chiuso occhio.
    e il giorno dopo, deve aver pensato:
    "perchè dovrei giocarmi la carriera, ho lavorato così tanto per arrivare......ho deciso, d'ora in poi sul blog farò disinformazione dando notizie false su questi progetti militari, altrimenti le forze armate mi schiacciano..."

    poi magari il santacroce arrotonda anche un pò...si sa, c'è crisi, e i militari pagano molto bene

    RispondiElimina
  2. Infatti è così. Come si può vedere il Santacroce ha revisionato interamente il suo blog, compresi i post antecedenti al suo cambiamento di rotta. Ha rinnegato se stesso, in pratica. Ad ogni modo ben vengano certe plateali mistificazioni, perché così mostrano (lui ed i suoi amici) quanto sono bravi a mentire per coprire coloro che ci avvelenano con il denaro dei contribuenti.

    RispondiElimina
  3. Soldato da soldo.

    Può anche essere che il Santacroce sia torturato da tremendi rimorsi, ma, di fronte al ricatto, che cosa avrebbe potuto decidere? Non possiamo quindi biasimarlo in toto: i militari sanno essere persuasivi, eppure è possibile agire contro gli aguzzini, pur giurando loro fedeltà. Speriamo che agisca in questo modo. Speriamo non sia convinto delle menzogne che propala. Sarebbe veramente un caso irrecuperabile.

    RispondiElimina
  4. Secondo me è convinto pure di quel che dice.

    RispondiElimina
  5. che schifo...
    comunque mi potete dire come posso ottenere le varie tabelle delle misurazioni temp./umidità?
    esistono per zone oppure solo dove ci sono aeroporti?

    inoltre sbaglio se credo che da un pò di tempo le spennellate le fanno in notturna?
    ormai sono giorni che il cielo della mia zona è pulito di giorno tranne al mattino quando si vedono (almeno io le vedo, approfittando di essere quasi fermo in coda per uscire dalla città) molte scie parallele.

    RispondiElimina
  6. ok ok scusate...mi sono accorto ora del link alle sonde..so sorry :-)

    RispondiElimina
  7. Ciao Andrea, ho aggiunto il link al sito che mette a disposizione i dati di alcune radiosonde. C'è da notare che in alcuni giorni di pesante irrorazione le radiosonde non vengono lanciate ed i dati non sono quindi sempre. disponibili

    RispondiElimina
  8. Come volevasi dimostrare: ecco come appare lo scempio alle ore 16:00 nella zona sud-ovest di MILANO.

    RispondiElimina
  9. Secondo quanto afferma Mercalli, quelle scie le hanno create i S.U.V.

    RispondiElimina
  10. ma i velivoli dell'Aeronautica militare italiana sono coinvolti nella generazione o emissione delle scie chimiche?!?sei si ci sono documenti a riguardo?grazie

    RispondiElimina
  11. Ti pare che se ci fossero dei documenti ufficiali in merito alle attuali operazioni gestite dai militari di mezzo mondo noi avremmo bisogno di tenere aperto questo blog?

    RispondiElimina
  12. Oggi pomeriggio qua in zona Lorenteggio-Baggio stanno irrorando da paura, sfruttando un cielo già biancastro e la pseudo-spensieratezza per il weekend alle porte. C'è ancora gente che ha il coraggio di ironizzare su questa sorta di avvelenamento e la cosa mi da molto fastidio. Poi, il fatto che a fare dell'ironia da strapazzo siano personaggi che lavorano anche grazie alla tv pubblica me le fa girare e non poco.
    Però tutto questo per me rappresenta uno stimolo ad andare avanti, con l'unico scopo di rompere questa cortina di indifferenza, di scetticismo, di bucare il Bias di Conferma di più persone possibili.

    RispondiElimina
  13. no ma nn documenti ufficiali..anche ufficiosi o cmq qualcosa che riporti il loro impiego..

    RispondiElimina
  14. Ciao, sono d'accordo con te ed ho avuto conferma diverse volte che quanto scrivi risponde alla dura realtà. E' anche vero però che se infami personaggi si arrampicano sugli specchi per nascondere, deviare, mistificare, screditare, vuol dire che la sindrome della centesima scimmia è un fenomeno più vicino di quanto si possa immaginare. E' opportuno insistere su questa nostra linea, perchè i risultati si cominciano a vedere e, nonostante l'avversario abbia mezzi notevolmente superiori ai nostri, è sempre più col fiato corto.

    RispondiElimina
  15. Straker, son completamente d'accordo.
    E sono sempre più convinto che le attenzioni che questa gente presta ai truth seeker più impegnati sia un'ennesima riprova che ciò che tentano di nascondere è niente di meno che la sacrosanta verità. Le prove sono dappertutto, dobbiamo solo tenere duro e aspettare che mollino la presa, xche mano mano che passa il tempo, i disinformatori disinformati sono sempre meno credibili, ma soprattutto i loro metodi scorretti e violenti li fanno apparire, sempre più, come essi sono in realtà.
    Dei venduti per un casco di banane in più...

    RispondiElimina
  16. @luigi io ho trovato questo, dove possiamo leggere che aeronautica militare italiana e NATO, molto spesso, sono sinonimi. per non parlare del fatto che le forze aeree europee lavorano in joint venture...
    in pratica in italia possono irrorare anche aerei militari francesi, spagnoli e così via.
    e al contrario, in francia e in spagna possono irrorare aerei italiani. insomma, in parole povere, è tutto un "magna magna", oppure, "te fai un favore a me e io lo faccio a te".
    questa è mafia militare-politica in piena regola!!

    http://www.altrenotizie.org/alt/dossier/nato.pdf

    a proposito di documenti ufficiali, puoi leggere il documento ufficiale sull'accordo italia-usa sugli esperimenti climatici.
    in una parte si parla specificatamente di "esperimenti di controllo climatico su larga scala". questo documento lo trovi qui, dovrebbe essere letto INTERAMENTE da tutti gli scettici!

    http://www.scribd.com/doc/9381320/PianodettaglioAccordo-Italia-Usa-Sul-Clima

    di questo documento massimo santacroce non accenna nemmeno. e nemmeno attivissimo e il cicap accennano mai a questo documento. eppure è un documento ufficiale che parla proprio di esperimenti di controllo climatico su larga scala.

    alla faccia del segreto militare!!
    tra l'altro il ministro della difesa, la russa, afferma che questo documento non esiste.
    ma allora questo documento ufficiale in pdf cos'è?
    non dico nemmeno che è stato rimosso dal sito ufficiale del governo, ma a al comitato tanker enemy non si lasciano sfuggire questi particolari, per fortuna

    RispondiElimina
  17. oltre al suddetto documento ufficiale usa-italia, possiamo sempre citare i brevetti sulle tecnologie di modificazione climatica per mezzo di aeromobili....quindi quando dico che l'esercito non usa tali tecnologie, lo devo dire solamente contando sulla fiducia che ho nelle forze armate, perchè abbiamo visto che la tecnologia per distruggere le nuvole esiste, ed è anche piùttosto blanda.

    il santacroce non accenna nemmeno ai brevetti ufficiali riguardanti le tecnologie di modificazione climatica per mezzo di aeromobili.
    in pratica il santacroce non afferma nulla di concreto...anzi, come evidenzia l'articolo, questo personaggio riporta notizie esclusivamente false..ed a proposito di notizie false segnalo l'articolo del sig.franceschetti, una persona onesta che non ha paura di dire come stanno veramente le cose, riguardo ai media e alle notizie

    http://paolofranceschetti.blogspot.com/2009/02/i-mass-media-la-mia-esperienza-in-venti.html

    RispondiElimina
  18. Ottimo, Arturo, mi hai preceduto.

    System Failure, ormai le persone "risvegliate" ed attive sul fronte della controinformazione sono tante e saranno sempre di più. Il Governo accelera nel tentare di mettere il bavaglio alla libera informazione, in una corsa disperata contro il tempo. Hanno paura!

    RispondiElimina
  19. L'avvocato Paolo franceschetti scrive:

    Dal momento che oggi viviamo nell’era di Internet, e quindi l’informazione circola libera anche contro la volontà dei giornali e delle TV, dovranno approvare al più presto, nei prossimi mesi, delle leggi che chiudano i blog e i siti di informazione alternativa.
    Molte persone hanno capito che la vera informazione arriva da Internet, dove le notizie ancora circolano senza censura. E nonostante i giornali si affannino a dire che su Internet si trova di tutto, noi sappiamo che la stessa cosa avviene per la carta stampata, dove ciascun giornalista può inventarsi quello che vuole.
    La tecnica per distruggere la libertà di informazione sarà la solita. Creeranno loro il problema, e loro daranno la soluzione.
    Faranno scoppiare scandali riguardanti la pedofilia, o la mafia, o altro, sui siti come you tube, face book, sui blog, e poi con la scusa di proteggere il cittadino chiuderanno tutto. Si chiama tecnica del problema-reazione-soluzione.


    Tanto per capirci, il blocco degli ISP di alcune utenze che fruiscono dei contenuti di certi blog alternativi, nella mattinata di oggi, sembra essere un avvertimento prima della caduta della mannaia.

    RispondiElimina
  20. Il blog di Santacroce era raggiungibile...

    RispondiElimina
  21. Come da titolo... si chiama "Scie persistenti su Milano". Non inserisco il link per no aumentargli il rating.

    RispondiElimina
  22. Salve. A me pare che sia possibile la formazione di scie con quella poca umidità che c'era, vista la temperatura estremamente bassa in alta quota.

    Ho trovato questo grafico

    http://www.bragwebdesign.com/contrails/images/appleman-chart-4.gif

    chi ha detto che con l'umidità vicina a zero non si forma la condensa? e quella prodotta dai motori?

    RispondiElimina
  23. A parte il fatto che i voli che vediamo noi sono a quote basse, ma anche ammettendo che un aereo che voli a 13.000 metri sia visibile nei dettagli 8ci vorrebbe al vista di Superman), perché una scia si formi, si estenda in larghezza e persista per chilometri, sono necessari valori di umidità relativa vicini al 150% (la cosidetta sovrassaturazione) e non mi sembra proprio che valori pari all'1% possano giustificare fenomeni come quelli registratisi 1l giorno 15 in gran parte d'Europa.

    Di certi grafici, costruiti ad-hoc per sposare certe tesi non ci importa un piffero.

    RispondiElimina
  24. La fonte poi... bragwebdesign

    è tutto dire.

    RispondiElimina
  25. Il sito nasa dice che questi grafici sono usati dal 1953. E' falso?

    http://asd-www.larc.nasa.gov/GLOBE/resources/activities/appleman_student.html

    Ci sono studi che riportano valori diversi (sovrassaturazione al 150% etc?)

    RispondiElimina
  26. Grafici del manuale delle giovani marmotte.

    RispondiElimina
  27. "Se per la formazione della scia può valere la nucleazione eterogenea, non così per l'espansione, il particolato è troppo esiguo per sostenere una nuvola enorme e si ricade dunque nella nucleazione omogenea. La persistenza è semplicemente un congelamento della scia in un equilibrio fra sublimazione e brinamento. Non così l'espansione, che implica la formazione continuativa di cristalli di ghiaccio".

    RispondiElimina
  28. ...manuale delle giovani marmotte.

    Tradotte dal disinformatore, ex pilota Alitalia, Luciano Bragaloni.

    RispondiElimina
  29. Per te e quelli come te vale questo link, ad imperitura memoria di quanto siete ingenui... se non siete in malafede.

    RispondiElimina
  30. grande, grandissimo post, Straker.
    Grazie di esistere.

    RispondiElimina
  31. Ragazzi, buonasera.
    Ho appena acceso il pc da ritorno dal lavoro e...come immaginavo, la Guardia Svizzera ha pubblicato un suo contro-articolo a quello del Corriere Della Sera.
    Gli brucia!!!!
    Il nostro Arturo ha anche partecipato, ma tanto, con quelli...
    Ecco il link.

    P.S.
    Straker, se vuoi puoi anche annullare il collegamento al blog di "Pablito".

    RispondiElimina
  32. Ciao Luka78, c'era da aspettarselo.

    Scusami, ma a quale link ti riferisci?

    RispondiElimina
  33. "Scusami, ma a quale link ti riferisci?"

    A quello che va al blog di "Pablito".
    Dove c'è scritto "Ecco il link". Poco sopra al "P.S."

    RispondiElimina
  34. Ciao Luka, ripostalo senza link. Non posso editarlo.

    RispondiElimina
  35. Santacroce è una persona o molto sensibile oppure molto teatrale. Ho avuto modo di invitarlo a casa mia l’anno scorso coinvolgendo alcuni cospirazionisti di Milano per parlare di scie chimiche e si è comportato in modo molto amichevole. Si è sempre detto dubbioso sul tema, ma spesso azzardava ipotesi ancor più particolari tirando in mezzo alieni o altro. Una sera mi parve quasi che ascoltando un discorso animalista, si stesse commuovendo. Ciò mi stupì dato che nel suo mestiere si vivisezionano le rane e quindi mi fece assai piacere l’idea di aver toccato la sua sensibilità sul tema. In un'altra occasione, in seguito a un problema personale si sfogò al telefono e ne fui felice, lo consideravo un amico. Una volta lo incontrai sotto casa mia di passaggio con la sua macchina fotografica. Mi disse che le sfere che si avvistano vicine ai tankers e che ha più volte ripreso, sarebbero state il suo punto di forza e che avrebbe proposto ad alcune riviste scientifiche filmati e altre varie documentazioni. Non ne ho più saputo nulla.
    L’ho creduto sincero, mi stava simpatico ed era molto gentile, non credo tutt’ora che tale gentilezza fosse simulata. Tuttavia le cose sono poi cambiate. Mesi fa mi contattò un giornalista di Repubblica, tale Franco vanni e mi colpì il fatto che chiedesse a me informazioni per un articolo sulle scie chimiche a Milano. Disse di aver casualmente visto il mio canale youtube.Ci saremmo poi dovuti incontrare, ma la cosa saltò perché il giornalista, alquanto scortese, non era realmente interessato all’argomento e non si fece più sentire. Tornando a Santacroce, lo contattai subito per indirizzare a lui il giornalista, ma Santacroce non rispose mai alle mail che gli inviavo e da qull’occasione non si fece più sentire né rispose a mie mail. A Natale 2008 mi arrivò un messaggio di buone feste al cell della mia ragazza (probabilmente un messaggio inviato per errore). Io gli risposi e mi pare che gli feci pure delle domande, ovviamente senza risposta. Non so quindi che pensare, ma mi auguro che non sia veramente la persona educata e sensibile che ho conosciuto, perché se così è, significa che è veramente strumentalizzato per non dire stregato da quei burocrati venduti che lo tengono in pugno.

    Ho realizzato questo video relative alle giornate 15, 16, 17 febbraio, a Milano:
    http://www.youtube.com/watch?v=b4-bWzBrC_Q&feature=channel_page

    RispondiElimina
  36. Ciao, senza dubbio Santacroce, per non rimanere stritolato dal sistema, ha preferito perdere magari la faccia con i vecchi amici, ma non il posto in ateneo. Per farti un esempio, se prima parlava di sfere vicine alle scie chimiche, ora parla di sfere apparentemente vicine alle scie di condensa, ma in realtà molto più basse di quota. Intuibile il motivo, visto che tempo addietro commentai sul suo blog: "Ma se le sfere sono di circa 5 metri di diametro, come fai a vederle a 13.000 metri?". Ovviamente non pubblicò il commento e si guardò bene dal rispondermi.

    Insomma, si arrampica sugli specchi per accontentare i burattinai. In fondo è un triste personaggio che non posso far altro che compatire.

    RispondiElimina
  37. Concordo e spero per lui il futuro che si augurava quando gli parlavo della mia intenzione a lasciare la città per la vita in una comunità rurale. Lui diceva che avrebbe voluto andare in Brasile, che mancavano pochi anni e poi avrebbe lasciato tutto per andare lì! Ne era entusiasta. Ora mi domando: viaggio e alloggio pagati in cambio di qualche dis-informazione online? Bah..
    Cambiando personaggio, nel video di Angioni visibile al link di Luka si vedono le ragnatele lunghe metri. Secondo voi il video è un fake o no?

    Andrea

    RispondiElimina
  38. Quelle di Angioni non sono tele di ragno, anche perché quelle tele che lui dice essere tele di ragno "stagionali" si vedono e ricadono ogni volta che è presente attività di aerosol, tutti i mesi dell'anno. Al microscopio sono perfettamente identificabili come non di orgine naturale.

    I filamenti consistono di una moltitudine di fasci di fibre e risultano composti principalmente di carbonio. Le singole fibre hanno un diametro di circa 100 nm.

    Altre particelle con dimensioni tra i 10 micron e 0,01 micron sono state osservate nelle fibre. I principali elementi rilevati sono stati il silicio, l’alluminio, il ferro, il calcio, il sodio, il cloro ed il magnesio. Le fibre dei campioni sono fasci di nanofibre.

    Altre particelle, che contengono soprattutto calcio, sodio e magnesio, sono state individuate sulla superficie dei filamenti. I filamenti che erano stati tesi durante la preparazione del campione, mostravano una forma intricata e sfilacciata. Differentemente sono stati osservati filamenti con un’aggregazione lineare di fasci o disordinata.

    I filamenti derivano da un fall out di polimeri a base di carbonio.

    RispondiElimina
  39. oggi qui a pescara,chieti e dintorni nel cielo "un macello"!! :|

    RispondiElimina
  40. Oggi sopra Cagliari si scia persistente, il cielo è un'orribile poltiglia...quota stimanta dei voli (ad occhio): tra i 1500 e i 2000 metri.
    Mike confermi?

    RispondiElimina
  41. Previsioni di di ieri sera di Achille Pennellatore, meteorologo che un tempo si lamentava delle scie chimciche, ma che ora si è adeguato:

    "Domani... velature in quota e nebbie diffuse. soleggiato con nuvole che non porteranno pioggia".

    Anche Achille ha imparato bene la lezionicina dei militari e si è adeguato ai tempi, occultando al popolo bue la verità dei fatti e spacciando le irrorazioni chimiche per velature in quota e nebbie diffuse.

    RispondiElimina
  42. luka78 ho scritto due righe da paolo attivissimo perchè il 99% dei suoi lettori è in buona fede.
    racconto un episodio che rispecchia la situazione attuale: conosco bene più di una persona che crede(va) che attivissimo sia infallibile, e parlando di scie, io continuavo a dire:" sono aerei militari, non civili, come dice attivissimo!"
    e queste persone dicvevano:"ma va...e come lo fai a sapere? come dice attivissimo, il traffico aereo civile è aumentato ecc..."
    poi, in una qualsiasi giornata di irrorazione intensa, parlando con queste stesse persone, ho detto:" guardate....questi sono aerei militari, perchè sono in formazione, e stanno lasciando scie ultra persistenti, e poi guardate, quando le scie toccano le nuvole queste ultime si dissolvono,guardate attentamente..."
    insomma i fatti sono questi, questa è la realtà.
    non vi dico nemmeno che ora queste persone, che ritenevano paolo attivissimo infallibile, hanno cambiato completamente idea ed hanno compreso che c'è un problema socio-politico-militare di estrema importanza che coinvolge tutti i cittadini.

    infatti, sul blog attivissimo, un certo otello, diceva di come la manipolazione climatica è reale, e veniva già praticata dai contadini del dopoguerra.....mi chiedo: perchè questo utente, otello, esclude a priori che queste tecnologie siano ancora usate? perchè negare la realtà?
    forse perchè fuggire dalla realtà è meno doloroso che accettare la stessa. però l'esperienza mi insegna che nascondere la testa sotto la sabbia, come gli struzzi, non porta quasi mai a risultati positivi, anzi.....

    @justfrank hai notato che le scie lasciate dagli aerei militari persistono esattamente nello stesso modo a gennaio come ad agosto?
    eppure la temperatura è un fattore determinante nella formazione di scie di condensa...
    justfrank,hai notato che le scie distruggono le nuvole naturali? la normale condensa non si comporta in questo modo. questo non lo dico io, ma la scienza.
    e pensare che ci sono persone, come il dott.simone angioni, con anni di studi alle spalle, che non hanno mai accennato al fatto che la condensa non può distruggere le nubi naturali!! perchè io è questo quello che vedo, aerei militari che distruggono i banchi nuvolosi naturali

    RispondiElimina
  43. Ma ci fa o ci è Angioni...nel suo video che riprende le "tele"...inquadra anche le scie chimiche !

    :-O

    RispondiElimina
  44. Velature un paio di palle !
    Qui oggi a Torino siamo sotto attacco !
    Velivoli a bassissima quota hanno irrorato (12:30 - 13:45) scie di tipo persistente, ora il cielo è abbagliante (elementi riflettenti: alluminio) la classica e ben nota poltiglia biancastra, sarebbero queste le velature ?
    Siate maledetti !!!!

    RispondiElimina
  45. Angioni è un altro Santacroce ed i loro "insegnanti" (Attivissimo e gli altri) hanno i mesi contati. La verità non ha bisogno di documenti referati. Auspico per costoro la gogna.

    RispondiElimina
  46. Estremamente gustosa la pantomima, nell'aera commenti sul blog di Santacroce, tra lui ed i suoi burattinai.

    RispondiElimina
  47. Ci si può fare un'idea della strana "mutazione" del Santacroce leggendo un suo vecchio articolo (non revisionato perché riportato sul mio blog).

    QUI

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis