martedì 7 ottobre 2008

Scie chimiche: confutazioni alle F.A.Q. del C.I.C.A.P.

Il C.I.C.A.P. ha recentemente pubblicato un testo che, in realtà, è un centone di tutti gli spropositi, gli errori e le mistificazioni sbandierati in questi anni, dalla rete degli occultatori. Il documento denota un grado di "scientificità" che si attesta a livelli infimi, prossimi alla non misurabilità. Si può quindi concludere che il famigerato comitato ha gettato la maschera: è palese che i numerosi disinformatori, usi all'insulto ed alla diffamazione, sono pròtesi del C.I.C.A.P. a cui risale la capillare azione di discredito e di depistaggio di questi ultimi tre anni, circa il fenomeno delle scie chimiche. Credere alla loro "verità" è come credere nelle parole di Ser Ciappelletto.

Il documento, in formato PDF, si può leggere e scaricare a questo link.

MIRROR 1
MIRROR 2
MIRROR 3

Qui la versione html a cura di Corrado Penna che ha curato anche un suo dettagliatissimo dossier.



Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!
Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.


Aggiorna Tanker Enemy nei tuoi preferiti. D'ora in poi questo blog è raggiungibile digitando http://www.tankerenemy.com/

TANKER ENEMY TV: i filmati del Comitato Nazionale

CHEMTRAILS DATA


140 commenti:

  1. La gentilissima Dottoressa Staninger risponde nel modo seguente a chi nega il Morgellons.

    I will read the link and let you know my thoughts. Morgellon's as some infectious disease yes does not exist, but as man made advanced nano materials, smart dust, motes, etc.
    It sure does.

    In general do you think this group may be used by other groups to debunk the truth, the link to chem trails and the real science that shows it exists.

    Getting analysis at a reasonable cost is high now from $3K to $30K in the Univerisities in the USA. Remember only 6 had Raman now only 1 allows commercial availablity.

    I have a nano tube study with the pseudo hairs that are not human (no core in it) going on now. This may be a good paper or information source.

    Also, please know this Antonio that I value your brothers and your support and courage. All of my results for the analysis of Project FMM and other post analysis of this project under individual client bases was performed with commercial laboratories in the USA, so that any of the information (analytical results) would hold up in "court." And I state plainly on the reports the name of the principal researcher (Me), address and the labs address etc.

    Other Morgellon's groups (researchers as they call themselves) do not even put their name on the report and say that it was done in at a Unviersity, but do not identify the university.
    When the REAL TRUTH is present all the LIES disappear.

    Review and study all the new stuff on SMART DUST, MOTES, etc. Like
    Smart Dsut: self-assembling, Self orienting Photonic Crystals of Porous Si
    Jamie R. Link and Michael J. Sailor
    Proceedings of the National Academy of Sciences of the United State of America, Vol, 100, No.19 (Septem ber 16, 2003), pp 10607-10610. National Academy of Sciences in US is controlled by US governmental agencies that make up the National Academy of Sciences (NASA, NIH, ASTDR, EPA, etc.)

    The oldest occupational disease known to civilized man is "silicosis" as identified by Pliny the Elder during Julius Caesars Gaulic wars. Silica crystal causes lesions of the lungs and can lodge into the lungs creating emphysymia etc. But as of June 2008 the insurance companies that insure companies for product liability and in particular general liability/worker comp. is now EXCLUDING SILICA Exposure in their coverage??? Why!!!!

    My thought is because the majority of silica and silicon nano tubes, composites, gels, waffers, etc. is made up of the word "Silica Nano tubes etc.) in their patents. Patents are created by industry, individuals, military, government, pharmaceutical, and academia in the US. And what better way to reduce the RISK of PROFESSIONAL LIABILITY of an individual or even a university.

    Look at how many articles on the subject since the first papers I did for the National Registry of Environmental Professionals 2 articles (2006 and 2007). Millions.

    Trace the articles physicians to who pays their research and if they are a member of certain society groups and then you will get to the root of the real TRUTH.

    Thank you again. So I guess the venue will be web seminars for the ones who want the REAL TRUTH.

    Hildegarde

    RispondiElimina
  2. Perfetto.
    110 lode.
    5 stelline.
    ecc... :D

    Voglio ringraziarvi nuovamente, perchè mentre leggevo le "faq" del cicap, notavo la MOLE delle fesserie scritte, e capisco quanto avete faticato a dattilografare tutto quello che nella mia mente si visualizava e manifestava con ilarità.

    Voglio ringraziare anche il cicap che con il loro documento ci hanno fatto un gran regalo... prima per convincere i miei amici del problema dovevo faticare, con queste faq è facile e divertente.

    Grazie zret e straker!

    RispondiElimina
  3. ottimo lavoro, che ne dite di farne una versione
    html?

    se trovo il tempo ...

    RispondiElimina
  4. Grazie a te, K99. Forse ho dimenticato di risponderti su You-Tube, ma come vedi avevamo il nostro bel da fare. Più che altro è stato un sacrificio leggere le cazzate del cicap, ma era un lavoro da fare. Ora è fondamentale far girare il documento (che comunque sarà da ampliare).

    RispondiElimina
  5. Ciao Ragazzi.
    Questo Vostro lavoro (!!!) mi sembra doveroso poichè non si può permettere a quattro paragnosti di occultare la realtà dei fatti diffondendo balle da strapazzo che aleggiano nell'aria come se fosse verità suprema.
    A parte il cumulo di falsità definite da questi "maghi del paranormale", personaggi di cui tutt'ora non riesco a comprendere l'utilità per il mondo dei comuni mortali che hanno bisogno di ben altre cose; non riesco a tollerare che ci si permetta di giocare, con giri di parole da grandi esperti in medicina quali NON SONO, con la salute e la pelle del prossimo. Preghino l'entità a cui si sono votati che non abbiano incontri ravvicinati con quella patologia. E, contemporaneamente, per l'intenzione malevola finalizzata a voler coprire l'operazione di avvelenamento da CHEMTRAILS, auspico che esista realmente una dimensione tremenda abbastanza che li possa accogliere, insieme ai loro mandanti.
    Ciao ragazzi. Ben fatto.

    RispondiElimina
  6. Vorrei sapere chi ha scritto quelle cretinate, visto che "l'articolo" non è firmato, anzi c'è scritto "gruppo di ricerca sulle scie chimiche"...da chi sarebbe costituito questo fantomatico gruppo? da Angioni?che dice di non aver mai visto un aereo che inverte rotta tornando indietro e invece nelle faq si è inventato la prima risposta che gli è venuta in mente?Non ho più parole per il cicap...dico solo che Piero Angela mi stava sulle palle già quando alle elementari dovevo sorbirmi, obbligatoriamente, i suoi documentari...
    Evidentemente non si guadagnava più di tanto a smascherare finti cartomanti. no?

    RispondiElimina
  7. Ciao Ginger e Claudia. Secondo me quelli del cicap hanno gettato la maschera. Io che in questi tre anni ho seguito le diaboliche discussioni dei disinformatori storici, quelli intervenuti per primi già sui forum RAI (axlman, hanmar, acarsterminator etc.) posso garantirvi che le frasi ed i concetti usati sono i loro (identici). e' chiaro che v'è un contatto diretto tra i due gruppi e non escludo che alcuni dei debs siano in realtà esponenti del cicap in incognito. Non faccio i nomi, ma li conosciamo bene.

    A questo punto, se un domani volessi rivalermi nei loro confronti per le minacce, improperi, diffamazioni, insulti, etc raccolti in questo lungo periodo, mi basterà indirizzare la mia azione verso il CICAP medesimo.

    Disinformatori e CICAP sono le due facce della stessa medaglia. Ora hanno deciso di venire allo scoperto, ma non so se la scelta sia stata delle migliori.

    A buon intenditore, poche parole.

    RispondiElimina
  8. Ah... fate girare il documento a tutto spiano!

    RispondiElimina
  9. ovvio che facciamo girare! io intando sto mettendo in atto il piano C...visto che i volantini in giro per la città vengono strappati e quelli appesi in macchina non hanno molto effetto, sto utilizzando la tecnica dello "sporco" sulle automobili...
    Sapete quando la macchina è coperta di "polvere" (vabè...) e sporco? invece di scrivere "lavami!" io ci scrivo "no scie chimiche" chissà che qualcuno si risvegli...
    Anche questo aiuta...
    Avanti così ragazzi!

    RispondiElimina
  10. per il cicap:

    qualcuno preposto alla pulizia delle foto satellitari di google map si è dimenticato di eliminare queste. Trattasi di foto di Durazzo (Albania). Il soldatino ha cancellato fino ad un certo punto ma ha tralasciato il meglio. DILETTANTE!
    BECCATO!
    LICENZIATO?

    http://www.flickr.com/photos/30831265@N08/

    RispondiElimina
  11. chissà quando arriverà il giorno che i disinformatori passeranno dalla confutazione della stessa esistenza delle scie chimiche alla proposizione delle ormai celebri scie come un rimedio a chissà quale evento catastrofico prossimo futuro..... io sono sicuro che avverrà.... è quello, x noi cosiddetti cospirazionisti, sarà un gran giorno...

    RispondiElimina
  12. Quando la cosa non si potrà più contenere, è ovvio che diranno che esistono per qualcosa, ovviamente qualcosa di positivo...! Alcuni lo stanno già facendo, visto che si comincia a leggere in giro che servono "solamente" per i radar ed esercitazioni militari...Oppure molto semplicemente quando dicono "ovvio che gli aerei inquinano..." bè..anche le vostre palle, inquinano...

    RispondiElimina
  13. Questa manovra è rivelatrice di disperazione, non so come altro interpretarla.
    Che abbiano necessità di dare sempre più rilievo alla negazione è l'ammissione automatica che le chemtrails non sono affatto una leggenda metropolitana; quella, con il tempo sfuma da sola, essendo inconsistente.
    Il bello è che, evidentemente, palloni gonfiati come sono e presi dall'ansia di creare i loro capolavori debunkeriani, non se ne rendono nemmeno conto.
    E così mentre attendiamo che questo accada, vedremo cos'altro si inventano.
    Ciao.

    RispondiElimina
  14. La penosa opera di disinformazione del cicap è ormai palese e il documento che avete redatto potrebbe tornare utile a chi, come me, ha intenzione di scrivere un articolo in un giornale locale.
    Ad ogni modo il cicap funziona a questa maniera: è come se io fondassi una rivista di musica jazz, facessi recensioni di dischi jazz quando in realtà non lo conosco e non mi piace neppure come genere musicale...non so se l'esempio rende.Appunto per questo non andrebbero per nulla presi in considerazione, sono ridicoli,vogliono essere l'ago della bilancia quando già di partenza propendono per tesi scettiche.Che schifo direi..

    RispondiElimina
  15. Bisogna precisare che il documento di confutazione è stato elaborato da Straker e non dal sottoscritto, in mille altre faccende affaccendato. I Cicappini non hanno capito che, se avessero taciuto, avrebbero ottenuto qualcosa di più. Dice il proverbio: Non svegliare il can che dorme. Quel cane poi potrebbe essere Cerbero che squarta senza pietà.

    Ciao a tutti e grazie del sostegno.

    RispondiElimina
  16. stamattina ore 8 (provincia PG) coltre costituita da strisce sottili disposte ad intreccio a formare un reticolato,per intenderci come quelli, visibili dai satelliti, che spesso avete mostrato;per l'aspetto si distinguevano nettamente dalle nubi tradizionali di cara memoria.

    RispondiElimina
  17. Avevo scordato di fare i complimenti a Straker per la precisione del lavoro svolto alla faccia del cicap (che copia e incolla senza neppure capire cosa sta facendo).
    A tutti quelli che segnalano sciate chimiche da tutta Italia, chiedo di inviarmi foto (come ha fatto gentilmente Cosmino), così da poterle inserire nel mio album costantemente visitato in primis dai negazionisti. Evidentemente dà molto fastidio e ci sbirciano costantemente...ebbene si, io l'album lo aggiorno di continuo alla faccia loro, padroni compresi.
    Chi desidera conoscere la mia email, me lo faccia sapere qui. Grazie

    RispondiElimina
  18. Ottimo, Mike! Aggueriti come e più di prima.

    RispondiElimina
  19. ho messo on line la prima parte del lavoro di straker sulle falsità del CICAP eccolo qui

    spero di trovare il tempo di continuare

    Qui invece la nuova versione del mio dossier on line quasi ultimata (accetto volentieri segnalazioni su link o video da aggiungere)

    PS: fra le nuvole il cielo è sempre più bianco

    RispondiElimina
  20. Ottimo lavoro Straker, grazie davvero! Riporto questo articolo e i relativi link anche sul mio blog.
    Si vede che loro sono alla frutta!
    un caro saluto :)

    RispondiElimina
  21. Geandissimo lavoro straker,complimenti! gli hai smontato il loro castello di sabbia punto per punto,un lavoro eccezionale e lodevole, il cicap ha voluto esporsi e perderà ancora di più attendibilità e credibilità,(sempre che nè abbia mai avute) se la sono cercata.

    RispondiElimina
  22. Il nostro amico Vito mi segnala quanto segue:

    A proposito delle scie interrotte, nella risposta del Cicap hanno eliminato il riferimento alle correnti a getto(pagine 12-13 del tuo documento). Parlano in maniera molto più generica di condizioni mutabili.

    Il bello è che in fondo allo zibaldone hanno scritto:

    Perchè alcuni link di queste FAQ portano al sito freezepage.com e non all'indirizzo originale?

    Molti siti a sostegno della teoria delle scie chimiche sono in continua evoluzione modificandosi in base alle critiche che vengono loro mosse. A titolo precauzionale e per mantenere queste FAQs sempre corrette, si è scelto di "congelare" le pagine tramite il servizio offerto da freezepage.com. In questo modo se in futuro tali pagine dovessero variare o venir cancellate i link delle FAQs mostreranno le pagine come si presentavano al momento della stesura dell'articolo. E' possibile risalire all'indirizzo originale, data e ora del "congelamento" dall'intestazione presente su ogni pagina in alto a sinistra.


    Ecco. Noi abbiamo fatto come da voi indirettamente consigliato. Si può quindi trovare il doc orriginale QUI.

    Predicano bene, ma razzolano male.

    RispondiElimina
  23. Ottimo lavoro Vito e grande Straker.
    Questi del cicap non svolgono bene il loro lavoro...sedia traballante? Che dilettanti ragazzi...che vadano a raccogliere margherite (le ultime che rimagono)...sanno fare solo quello.
    Grazie Lory per avermi dato il permesso di prelevare foto dal tuo album e inserirle nel mio. Tra brevissimo saranno online!

    RispondiElimina
  24. Grazie, tursiops.

    Corrado, il secondo link non è attivo.

    RispondiElimina
  25. Incredibile e preoccupante.
    Le scie fanno male, del resto lo sapevamo già.

    RispondiElimina
  26. @Zret-Straker
    Già ... hanno eliminato il riferimento al Jet Stream, in seguito al mio post.
    Che buffo!!! Gli scienziati del Cicap che tengono conto delle opinioni di un non-scienziato!!!!

    Un saluto e incoraggiamento.
    VibraVito.

    RispondiElimina
  27. Eliminano tutto lo scomodo in una continua guerra tra il gatto e il topo.
    E lo fanno malissimo, visto lo smacco continuo ai quali sono sottoposti.
    Poveracci.

    @Loryyy69
    grazie per le foto del Friuli e della Sardegna. Ho provveduto ad aggiungerle al mio album per dimostrare che Sardegna, Friuli, Toscana, USA, Francia ecc ecc sono la stessa cosa.
    Bersaglio continuo delle irrorazioni militari sulla popolazione.
    Tutti uniti sotto questo cielo di merda.
    http://www.flickr.com/photos/30831265@N08/

    RispondiElimina
  28. link corretto del dossier

    e link delle confutazioni delle FAQ cicap in versione html sono riuscito a converire per ora le prime 8 pagine)

    RispondiElimina
  29. "Boato nel napoletano, paura vulcano. L'Aeronautica: "Erano i nostri F-16"

    "Allarme fra la popolazione che ha temuto un'eruzione. Decine di chiamate alle forze dell'ordine. Il rumore provocato da due intercettori all'inseguimento di un aereo civile bielorusso fuori rotta"

    http://www.repubblica.it/2008/10/sezioni/cronaca/boato-aerei/boato-aerei/boato-aerei.html

    RispondiElimina
  30. Con questa storia del bang sonico (vedi bang sulla Sila ed altri episodi a seguire in tutta Italia) ogni santissima volta che devono coprire qualche malefatta, hanno davvero stancato. Chi può ancora crederci?

    RispondiElimina
  31. Come detto ieri sera, tramite scambio di e-mail con Rosario, questo "F.A.Q. del CICAP"può essere utile per un novizio che non sa nulla di scie chimiche ma che vuole farsi un corso accellerato pur di incominciare, anche lui, a prendere in giro chi parla di chemtrails. E'la manna dal cielo.

    Senz'altro, sia il discorso delle FAQ e sia le confutazioni di Rosario, entreranno nell'articolo sulle scie chimiche che farò sul mio blog. Quanti argomenti...

    @ Caludia:
    "Vorrei sapere chi ha scritto quelle cretinate, visto che "l'articolo" non è firmato, anzi c'è scritto "gruppo di ricerca sulle scie chimiche"...da chi sarebbe costituito questo fantomatico gruppo?"

    Esatto, da chi è composto questo gruppo di lavoro? Può essere pure che, su "indicazione" della loro Guardia Svizzera, avranno preso un pò di risposte da Hanmar e compagnia bella nei loro "blog" e nel forum di Focus e Report. Mi dà l'aria che possa essere andata così. Giusto per mettere una toppa inquisitrice sulle chemtrails.

    @ Ginger:
    "Questa manovra è rivelatrice di disperazione, non so come altro interpretarla. "

    Dici bene, Ginger. E' da mò che ho pensato la stessa cosa tua. La sensazione è che gli stia franando il terreno da sotto i piedi. Certe questioni, pur se relegate nel web ( tranne qualche capatina su Voyager e Rebus ), stanno aumentando di popolarità e per certi oscurantisti, questo non va bene.
    Che anime nobbbbili.

    Però rimpiango quando 5-6-7 anni fa quando, in questa faccenda, certi tizi ancora non ci mettevano il naso. L'aria ( nel senso metaforico ) era diversa, avevi speranza. Ora, con il letame che spargono, dando la carica anche agli ultimi arrivati ( come la tipa di qui vi ho parlato ieri sera ) stanno portando la questione a scadere. E' quello che vogliono, ovvio.
    Certo, la faccenda scade per chi la vuol far scadere. Per chi ha quel minimo di apertura mentale, è una buona occasione per conoscere la tamatica ed unirsi con chi ha a cuore la verità.

    Ciao a tutti. Continuiamo così, tutti uniti!

    RispondiElimina
  32. A me danno la sensazione di quello che vuole tappare il buco della diga con un dito. Tutto sommato hanno dato a questa faccenda, involontariamente, una spinta verso la direzione opposta a quella desiderata. Forse pensano di avere di fronte un branco di stolti. Si sopravvalutano. Non è certo il denaro a fare la differenza, ma l'onestà ed è inutile volere vendere mota spacciandola per cioccolata.

    RispondiElimina
  33. Siamo a terzo "bang" in pochi giorni: prima Firenze, poi Modena e ora Napoli...

    RispondiElimina
  34. volevo segnalare questo articolo

    http://www.repubblica.it/2008/10/sezioni/cronaca/boato-aerei/boato-aerei/boato-aerei.html

    ed in particolare le foto ....

    http://napoli.repubblica.it/multimedia/home/3217085

    RispondiElimina
  35. L'attivissimo ha da poco pubblicato un post dove riporta le FAQ del CICAP. Io ho inserito un mio commento che riporto anche qui in basso.

    ==============================
    Con la pubblicazione di queste FAQ, ricche di riferimenti alla letteratura tecnica, dovrebbe essere chiaro ai dubbiosi e ai preoccupati che il presunto fenomeno delle scie chimiche è una fandonia inventata e alimentata da un gruppuscolo di malati di paranoia a livello clinico che vogliono contagiarci con le loro paure demenziali.

    Anche l'ex ministro Di Pietro fa parte di questo gruppuscolo di malati di paranoia a livello clinico:
    http://www.youtube.com/watch?v=zIG3BpdJSwU
    ==============================

    Son proprio curioso di vedere se l'attivissimo censurerà il mio commento, visto che ultimamente sta adoperando la moderazione.
    Infatti, da quando anche lui sta ricevendo un po' di commenti che gli vanno contro, ha applicato la stessa moderazione che più volte ha criticato nei confronti di questo blog.

    RispondiElimina
  36. Ciao Vibravito. Kattivix non ha vergogna, evidentemente. Arriverà il giorno che dovrà rimangiarsi tutto per poi affogarsi.

    Segnalo la disponibilità del codice per includere il bannerino che rimanda alle confutazioni. Chi volesse aggiungerlo al suo blog, mi contatti per email, che glielo mando.

    RispondiElimina
  37. ciao a tutti...
    volevo farvi una segnalazione su un video interessante:
    sul sito www.sportmediaset.it, tra un culo e una tetta in bella vista, cè un video di una ragazza che si lancia da 4000 metri con un paracadute.... Piccolissimo particolare, si lancia nuda.
    Siccome le contrails si formano con temperature di -80 gradi, credete che la ragazza sarebbe rimasta illesa all' impatto con una temperatura del genere? A quella altezza, per stessa ammissione della ragazza del video, la temperatura è di circa -10 gradi...quindi, a quella altezza, al contrario di quello che dicono i disinformatori, è impossibile che si formi una contrail. Tutte le scie che si vedono a quella quota sono chemtrails...

    RispondiElimina
  38. Il ghiaccio si forma a creare le contrails, ma le tette, ovviamente no. Esse non si ghiacciano, perchè sono a 37° Celsius. Questa sarebbe la spiegazione di kattivix e soci.

    0__0

    RispondiElimina
  39. Attivissimo fa quello che sa fare meglio, ovvero gioca con le parole: il gruppo di cui parla non intende "contagiare" proprio nessuno, bensì informare semplicemente che tutti, volenti o nolenti, siamo realmente esposti alle scie chimiche e alle loro conseguenze. Senza pretendere nulla. Di segnali a conferma ce ne sono svariati, basta volerli vedere. Il vero contagio arriva da un'altra parte.
    E con ciò, tanti auguri a tutti quanti.

    Ciao, buona giornata.

    RispondiElimina
  40. Infatti, nessuno ha mai detto che (perlomeno in Italia) si formino a 4000 m. E nessuno ha detto che siano necessari -80°.

    Peraltro, sia il commento di Straker che quello di Vibravito sono passati sul blog di Attivissimo. Da quel che ho visto, sono stati censurati solo i commenti offensivi (li ricevo comunque in mail, per cui so cosa viene censurato).

    Questo, invece, non contenente nessuna offesa, verrà censurato?

    Giovanni

    RispondiElimina
  41. Citazione dallo zibaldone cicap:

    CICAP: In vari siti vengono citati 3 parametri per la formazione di scie di
    condensazione: (Altitudine:8000 m, Temperatura: -40°C, Umidità relativa: 70%) E'
    vero che in assenza di questi parametri le contrail non dovrebbero formarsi?

    Non esistono parametri così stringenti. Non esistono parametri così stringenti: tali valori,
    riportati da vari siti, derivano da un collage di frasi, spesso travisate, tratte da pagine
    divulgative che, in quanto tali, sono per forza di cosa generiche e non rigorose.

    RispondiElimina
  42. Oggi, su Sanremo, ci hanno dato alla grande con scie lunghe chilometri, larghe, ma quasi invisibili. Nuove tecniche in fase di sperimentazione, alla faccia di chi cerca di fare informazione corretta quei bastardi affinano le metodologie di aerosol e ci inc.... lano tutti.

    Ciononostante è una conferma che hanno paura di essere notati. Anche qui a Sanremo la gente sta cominciando a rompere giustamente i marroni alle autorità.

    RispondiElimina
  43. Ma poi scusa, Giovanni (lucifugo), tu come fai a parlare di un fenomeno correlato all'oscuramento solare se non ti piace la luce?

    RispondiElimina
  44. Volevo anch'io scrivere il fatto del boato dei due F16 a Napoli...non ho più parole.

    @ Mike
    approfitto per chiederti la mail per le foto...se non vuoi pubblicarla mi dai il link del tuo blog? grazie!

    RispondiElimina
  45. Riporto qui un altro mio commento sul blog di attivissimo in risposta ai commneti al video DiPietro-Scie chimiche che avevo linkato prima
    ==================================
    attivissimo
    No. Se ascolti quello che dice davvero, invece di quello che vuoi credere che dica, non è in alcun modo interpretabile come conferma dell'esistenza delle scie chimiche.
    danilo salvadori
    Vibravito: Di Pietro non parla proprio di scie chimiche nel video da te linkato. Parla di signoraggio e di basi straniere ed atomiche presenti all'interno del nostro territorio.

    TELEFONATA DI UNO SPETTATORE: "Mi piacerebbe che lei facesse chiarezza davanti a tutti gli italiani, a tutto il parlamento su 2 elementi fondamentali che assillano gli italiani: uno il signoraggio bancario e poi volevo sapere come mai degli aerei della NATO ci sorvolano sopra la testa rilasciandoci scie chimiche con metalli e bario?"
    PRESENTATORE DELLA TRASMISSIONE: "Grazie Antonio ... Prego Di Pietro"
    ANTONIO DI PIETRO: "Immediatamente... Sul signoraggio bancario questo è uno scandalo davvero. Il signoraggio bancario è peggio di un'estorsione, proprio perchè legalizzato. Con riferimento invece alla questione degli aerei qui è un problema ancora più complesso: i nostri spazi (ma non solo i nostri spazi), i nostri siti marini e terrestri ancora oggi sono occupati ... Soru sta facendo una grande battaglia, sono occupati da realtà militari non italiane. Ora, che ci debba stare dislocato nel territorio mondiale dei luoghi di ammassamento, accumulamento e detenzione, per l'amore di Dio! Ma che debba essere tutto questo fatto senza il coinvolgimento ... noi in Italia non sapppiamo neanche se e quante bombe atomiche abbiamo."
    PRESENTATORE: "Pare che ce ne siano"
    ANTONIO DI PIETRO: "Ce ne siano..."
    PRESENTATORE: "Si è parlato di Aviano..."
    ANTONIO DI PIETRO: "Ma non è possibile che altri decidano per noi, è una limitazione di sovranità. Dopodichè noi dobbiamo assumerci le nostre responsabilità..."

    La domanda rivolta a Di Pietro trattava esplicitamente di scie chimiche. Nella sua risposta Di Pietro non ha negato le scie chimiche, ma ha fatto intendere che la "questione degli aerei" è assimilabile a quelle delle bombe atomiche non italiane presenti nel nostro territorio.

    Se poi volete negare anche l'evidenza...
    ==================================

    RispondiElimina
  46. Sentito Attivissimo? Non si occupa di signoraggio solo perché non è ancora uscito da Internet. E' un'ammissione indiretta che gli brucia il c...lo (a lui e soci del cicap nonché debunkers affiliati) che la questione chemtrails è uscita dal ristretto ambito Web.

    Sono disperati, poveracci.

    RispondiElimina
  47. Intanto la crisi economica mondiale è una bufala, vero Attivissimo? E pensare che noi eravamo già lì a prevederla per questo periodo oltre due anni fa.

    Ciò detto, vuoi vedere che anche con le scie chimiche i disinformatori dovranno, prima o poi, fare i conti con la dura realtà. Me li vedo già tutti sulla strada a chiedere l'elemosina. Attivissimo potrà finalmente darsi alle bufale, ma quelle vere.

    RispondiElimina
  48. Oggi, su Sanremo, ci hanno dato alla grande con scie lunghe chilometri, larghe, ma quasi invisibili. Nuove tecniche in fase di sperimentazione, alla faccia di chi cerca di fare informazione corretta quei bastardi affinano le metodologie di aerosol e ci inc.... lano tutti.

    Ciononostante è una conferma che hanno paura di essere notati. Anche qui a Sanremo la gente sta cominciando a rompere giustamente i marroni alle autorità.

    Bravo Straker ho notato anche io scie diverse dal solito, poco visibili e lunghissime.E sia ieri che oggi ne ho viste due cortissime quasi verticali che in un attimo sono diventate una specie di nuvoletta. La perturbazione son riusciti quasi a eliminarla e mi son trovato sotto la pioggia in motorino martedì sera e quando son arrivato a casa avevo le mani appiccicose .....

    RispondiElimina
  49. ciao,oggi hanno sciato anche qui di mattina,è comparso ora un'arcobaleno chimico, si può vedere qui: http://picasaweb.google.com/loryyy69/ArcobalenoChimicoScieChimicheUdine#

    RispondiElimina
  50. non avete notato nulla di strano sulle foto di repubblica riguardo il boato a napoli?

    sono false !!!

    http://napoli.repubblica.it/multimedia/home/3217085

    fa vedere l'aereo intercettato ma si capisce bene che nelle varie foto non è sempre lui!!!
    sarà un falso anche la spiegazione dell'aeronautica?

    RispondiElimina
  51. questi strani arcobaleni talvolta accompagnano strani terremoti: scossa in Veneto di 2.6 gradi Richter
    Segnalata da Protezione civile Friuli Venezia Giulia
    (ANSA) - TRIESTE, 9 OTT - Una scossa di terremoto di 2.6 gradi della scala Richter e' stata segnalata dalla Protezione civile del Friuli Venezia Giulia. La scossa ha avuto per epicentro la zona di Oderzo (Treviso). Non sono stati segnalati danni a persone e cose.

    RispondiElimina
  52. Ciao a tutti.
    Vado OT, ma c'è un'ultim'ora dell'ANSA:
    http://www.ansa.it/opencms/export/site/visualizza_fdg.html_788234366.html
    Da come vedete, riguarda l'attuale crisi economica. Mi sa che si avvicinano brutti periodi.

    RispondiElimina
  53. Chi è sensibile alle emissioni elettromagnetiche potrà osservare, uscendo all'aperto, una sensazione di "schiacciamento" e disorientamento del tutto simili a quelle che si percepiscono durante una conversazione con il cellulare in auto o in uno spazio comunque ristretto.

    L'aspetto delle formazioni chimiche di oggi conferma tale sensazione, in quanto si tratta di elementi chimici sottoposti a forti campi elettromagnetici (da qui anche, ma non solo) gli arcobaleni chimici che lo stesso Finley (fisico candese) evidenzia come "firme chimiche". Oggi pare che tutto il paese sia sottoposto a questo ennesimo esperimento con cavie umane.

    RispondiElimina
  54. @ Gennaro Cannolicchio

    Sicuramente hanno preso una foto come esempio, infatti la didascalia recita: "Il modello di aereo che è stato intercettato".

    Sul bang sonico da quella quota (12000 metri) bisognerebbe sapere da eventuali testimoni se il suono era un profondo boato oppure uno schiocco.

    "La percezione del suono di un bang sonico dipende molto dalla distanza tra l'osservatore e il velivolo che viaggia a velocità supersonica. Quando il velivolo è molto distante, gli osservatori riferiscono di udire solitamente un doppio suono profondo, come quello di esplosioni lontane. La doppia percezione è legata alla capacità di distinguere tra l'onda d'urto di prua e quella generata dalla coda del velivolo. [1] Al contrario, coloro i quali assistono da vicino agli atterraggi dello space shuttle, definiscono il suono in questo caso come più secco e simile ad uno schiocco ("crack") ovvero più paragonabile al suono dei fuochi d'artificio". [Wikipedia]

    RispondiElimina
  55. visto che parlate di arcobaleno questa l'ho scattata ieri mattina

    foto

    RispondiElimina
  56. Scusate se rimango in OT
    Ma quando si parla di Chembow
    ... :P
    (4 foto e video)

    Il documento l'ho postato già in vari forum, meetup e email, continuate a diffondere, finchè system failure!!

    RispondiElimina
  57. Mi sono appena collegato col sito di Andrea Doria, ancora non ho finito da leggere, ma da quello che scrive, mi pare di capire che lascia stare tutto. Ho letto bene quelle poche righe?
    Ora continuo, e leggete pure voi. Cliccate qui.
    Luka78

    RispondiElimina
  58. Strake, Zret, leggendo la pagina di Andrea Doria ( ancora non ho finito ), cita il vostro articolo "Balle Spaziali". Insomma, se lascia stare è anche colpa vostra?
    Continuo a leggere.

    RispondiElimina
  59. Da quello che ho letto, anche lui minaccia querele o quant'altro. E' una coincidenza tutti questi attacchi a te e tuo fratello, oppure qualcosa di coordinato?
    L'altro ieri lo zibaldone del CICAP, ieri od oggi Doria.
    Bo!

    RispondiElimina
  60. Facciamo come quello che si spara da solo ad un piede, nel tentativo di colpire te e fregna che è colpa tua che non sei restato fermo.

    RispondiElimina
  61. "Facciamo come quello che si spara da solo ad un piede, nel tentativo di colpire te e fregna che è colpa tua che non sei restato fermo."

    Infatto Doria non l'ho capito. Come già ti ho espresso quando esplose il caso delle sue foto false, non ho capito se sin dall'inizio era stato tutto programmato, oppure c'è stato effettivamente il cambiamento di Doria dopo la riapertura del suo sito.
    Comunque, sulla questioni delle foto, non se la deve prendere se qualcuno lo ha criticato ( a parte le offese, naturalmente ).
    Per me, e questo è il mio modesto parere, non è stata una bella trovata il suo gesto. Poteva comportarsi in un'altra maniera.

    RispondiElimina
  62. Quel testo, come gli altri da noi ricevuti per email (pieni di insulti e minacce ed ai quali non abbiamo replicato) sono scritti a quattro mani. Non posso dire altro.

    RispondiElimina
  63. Un boomerang o una sceneggiata napoletana?

    RispondiElimina
  64. "Un boomerang o una sceneggiata napoletana?"

    Bò, io ci stò capendo poco. Non so neanche ( terza ipotesi ) se la situazione gli sia sfuggita di mano.

    RispondiElimina
  65. Io lavedo così:

    Si atteggiano a vittime e, non a caso, linkano noi che in verità non abbiamo poi scritto nulla di tale gravità da far rizzare le penne al... pollo. Il fine ultimo è quello, semmai, di trascinarsi a fondo anche noi. Ovvio che come tentativo mi pare davvero ridicolo, ma l'intento è quello.

    RispondiElimina
  66. Una cosa comunque l'hanno ottenuta: Fratini, in seguito al bidone firmato automiribelli.org, si è preso un periodo di pausa ed ha sospeso la distribuzione del cartaceo-DVD nel quale erano presenti anche articoli da noi scritti. A tal proposito ricordo il pensiero di Attivissimo, il quale scrive più o meno così: "Non metto altra carne al fuoco. Non mi occuperò di signoraggio, a meno che questo non esca dalla ristretta nicchia Internet. In tal caso prenderò i provvedimenti del caso". Capito? Per le scie chimiche si è addirittura spostato dalla Gran Bretagna per potersene occupare... da vicino.

    Inoltre si noti la coordinazione temporale tra C.I.C.A.P., automiribelli, Attivissimo. Coincidenze? Non credo.

    RispondiElimina
  67. "Inoltre si noti la coordinazione temporale tra C.I.C.A.P., automiribelli, Attivissimo. Coincidenze? Non credo."

    Infatti, Straker. Vedo che anche tu noti questa "leggera" coincidenza con tali avvenimenti.
    Vedi che metodi, sì. E va bè, questa è gente democratica, rispetta gli altri e la loro libertà d'esperssione.

    ""Non metto altra carne al fuoco. Non mi occuperò di signoraggio, a meno che questo non esca dalla ristretta nicchia Internet. In tal caso prenderò i provvedimenti del caso"."

    Se incomincerà ad occuparsi del Signoraggio bancario, interpellerà il CICAP? Anche il Signoraggio, così come le chemtrails, i cerchi nel grano, gli UFO/OVNI ecc.., sarà un "fenomeno paranormale"?
    Parlando di economia, lì in Svizzera una eco del casino che stà succedendo, gli sarà giunta? Si sarà reso conto che alcuni economisti indipendenti, relegati come buffoni/catastrofisti/complottisti da gente come lui, avevano già pronosticato questo casino da due anni?

    RispondiElimina
  68. Continuando, avrà letto l'ultima notizia sulla possibile recessione GLOBALE in cui ci stiamo dirigendo?
    Link all'ANSA
    Link al Corrire della Sera
    Link a Wikipedia sul termine RECESSIONE

    A me, me se strigne er culo. Dove lavoro già pangono miseria, con questa scusa possono tranquillamente chiudere baracca e burattini e buttarci in mezzo ad una strada.
    Forse lui e soci non hanno di questi problemi.

    RispondiElimina
  69. Straker ha scritto:
    "Oggi pare che tutto il paese sia sottoposto a questo ennesimo esperimento con cavie umane."
    CONCORDO.
    Oggi, tra Oristano e Cagliari ho contato 18 (DICIOTTO) tankers che sciavano nord-sud in contemporanea coprendo il cielo da orizzonte a orizzonte in tutte le direzioni.
    Mai avrei pensato di vederne tanti tutti insieme.
    Avrei avuto bisogno di una fotocamera con grandangolo per farci stare tutta l'immagine apocalittica sopra la mia testa.

    Avvelenati lentamente!!
    Secondo me sta per succedere qualcosa di molto brutto da qualche parte.
    Una irrorazione così, tutta in una volta non l'avrei mai immaginata.
    Alla stessa ora, nel nord est sardo (Siniscola) c'è stato un nubifragio per 15 minuti (testimone un mio amico presente). Auto ferme a bordo della 4 corsie (SS 131 DCN) e automobilisti terrorizzati.
    Tutto questo non è normale.
    Secondo me ci siamo quasi.

    RispondiElimina
  70. Guido Cubani scrive:

    "Il bravo Vibravito ha evitato di riferire un piccolo particolare: ogni volta che viene a deliziarci con le sue perle sul sito di Attivissimo, fugge prima di rispondere a una semplice domanda: "che cosa ne pensi del fatto che Straker è stato beccato più volte a falsificare le prove?".

    Scrivo sapendo che verrò censurato. E' solo una prova che faccio per provare quanto rispetto avete delle opinioni contrarie.

    Un piccolo disinformatore"

    Accuse gravissime le tue, vere e proprie calunnie, di cui renderai conto senza dubbio davanti al tribunale di Dio. Siine certo e non tra molto tempo.

    RispondiElimina
  71. @Zret-Straker
    A quella domanda ho già risposto, sempre sul blog di attivissimo. Se non sanno leggere non è colpa mia. Infatti anche oggi, nonostante abbia trascritto le affermazioni ricavate da un video del gennaio 2006 nel quale Di Pietro si fa sfuggire qualcosa sulle scie chimiche, hanno dimostrato di non saper nè ascoltare nè leggere.

    RispondiElimina
  72. Vibravito, dalle rape non si può cavar sangue.

    Ciao!

    RispondiElimina
  73. Buongiorno a tutti. Sono un fisico nucleare. Leggendo i risultati delle analisi chimiche eseguite su campioni al suolo per dimostrare l'esistenza delle scie chimiche, avrei una domanda da porre a chi ha condotto il prelievo dei campioni analizzati, per poter meglio capire i dati presentati: quale metodologia e' stato utilizzata per associare le misurazioni al rilascio di eventuali sostanze chimiche da parte di aeroplani (il quale avviene ad una distanza di diverse migliaia di metri dal luogo del prelievo)? Come escludere altre sorgenti di composti inquinanti, magari piu' vicine e/o intense?
    Cordiali saluti

    RispondiElimina
  74. Sul tema delle analisi al suolo o delle acque si leggono sempre le stesse balzane attestazioni di "scienziati" che adottano il comodo sistema dei due pesi e due misure: infatti essi descrivono e denunciano la situazione di reale inquinamento ambientale dovuta a polveri di nanoparticelle metalliche, rilevate in atmosfera ed al suolo nelle aree circostanti basi militari o inceneritori. Nel caso delle chemtrails, invece, più volte costoro hanno sostenuto che i dati che evidenziano metalli pesanti in acqua, suolo e piante delle aree sottoposte ad irrorazione, non sono attendibili, in quanto non direttamente collegabili agli aerosol indotti. Essi, in quel caso e solo in quello, sono intransigenti e proclamano la necessità di prelievo direttamente nelle scie chimiche, in quota. Due pesi e due misure, appunto, per tirarsi fuori (anche loro come altri "scienziati") dalla ingombrante questione chemtrails, per non vedere la loro reputazione di ambientalisti della domenica contaminata dall’accostamento con i ricercatori indipendenti che osano studiare le scie chimiche.

    RispondiElimina
  75. Visto che alcune analisi sono state condotte dal CNR nel 2005, chieda ai suoi colleghi.

    RispondiElimina
  76. Ah... dimenticavo. Si faccia fare un mineralogramma. Lo sa che anche lei è candidato?

    RispondiElimina
  77. Non e' mia intenzione, e non ne avrei motivo, di contestare il contenuto delle analisi, fatte sicuramente con il dovuto rigore, sia da parte del CNR, sia da parte di altre aziende del settore, pubbliche o private.
    La mia osservazione e' relativa alla logica dell'attribuzione di una causa all'effetto osservato. Questa fase, in un qualsiasi lavoro scientifico, e'la piu' delicata e quella che richiede i maggiori approfondimenti: le argomentazioni devono avere un fondamento, o quanto meno devono esserci argomentazioni. Le analisi presentate, per inciso, in questo caso sono "mute", si limitano a riportare numeri. Percio' e' inutile che io rivolga la mia domanda ai tecnici di laboratorio del CNR che hanno effettuato la misura. La domanda la pongo a voi, in quanto voi fate questa deduzione: elementi nocivi in acqua/neve/terreno UGUALE scie chimiche. Ripeto: con quali argomentazioni? La mia domanda non vuole essere provocatoria, vuole solo ricevere un chiarimento, per meglio approfondire l'argomento. Cosa prova questa deduzione, escludendo altre possibilita'?

    RispondiElimina
  78. Posso essere d'accordo che in alcuni casi, in diversi studi scientifici, si tenda ad attribuire in maniera discutibile la causa di determinati fenomeni fisici ad una determinata sorgente. Questo e' in generale dovuto all'incredibile complessita' di certi fenomeni, dove magari le cause che concorrono sono molteplici, con pesi e incidenze diverse. E la stessa comunita' scientifica puo' non avere pareri unanimi: si pensi alla questione del riscaldamento globale. L'incidenza dell'attivita' solare e' provata e riconosciuta da tutti, quello che e' in discussione e' quanto questa incidenza sia comparabile, superiore o inferiore all'incidenza dell'attivita' umana. Riguardo all'esempio delle nanoparticelle proposto da Straker, e' provato che dagli inceneritori ne escano certe quantita', quello che e' da capire e' qual e' la proporzione di queste quantita' rispetto ad altre sorgenti, umane e non. Altro esempio: la radioattivita'. Una sorgente umana, della quale si vuole misurare l'effetto nocivo, si somma SEMPRE alla radioattivita' naturale (l'uranio e i suoi prodotti di decadimento sono presenti in proporzioni non trascurabili in tutte le rocce, per esempio, oppure si pensi ai raggi cosmici). Se la sorgente umana incide per una frazione trascurabile rispetto al fondo naturale, quella sorgente non sara' certo imputabile di danni all'organismo umano. Di esempi ne potrei fare molti altri ma rischio di andare OT. In ogni caso, in generale, tutti gli studi scientifici, seppur con conclusioni discutibili e discusse, presentano comunque una ARGOMENTAZIONE. Questo e' il punto. In questo caso, l'argomentazione dell'associazione tra analisi di acqua/terra/neve/foglie/terra e la scia chimica soprastante qual e'?

    RispondiElimina
  79. Esistono prove per stabilire che operazioni di modificazione del clima su piccola e grande scala avvengono in continuazione. A causa della natura globale del fenomeno, limiteremo la seguente breve analisi circa le scie chimiche ed i loro effetti agli Stati Uniti al Canada ed all'Europa occidentale.

    Senza eccezione, tutte le operazioni sono state condotte senza la consapevolezza delle popolazioni e senza alcuno studio sulle conseguenze per la salute umana e gli equilibri ambientali. Ciò, da solo, costituisce un'inammissibile violazione delle leggi e dei protocolli firmati in base ad accordi di cooperazione tra i vari stati.

    Qualificati ricercatori indipendenti hanno prelevato numerosi campioni di terra, neve ed acqua piovana. I campioni sono stati scientificamente analizzati ed i risultati sono stati documentati. Le analisi hanno dimostrato livelli tossici di bario e di metil-alluminio (viene adoperato nelle operaioni di aerosol e non presente in natura) in molte aree degli Stati Uniti, del Canada ed in Europa, lontane da impianti che lavorano questi metalli.

    Il bario e l'alluminio sono stati trovati nel sangue e nei campioni di tessuto che sono stati inviati ai centri per la salute pubblica con la richiesta di indicare le fonti di contaminazione. Questi centri, tuttavia, sono riluttanti a fornire informazioni in merito.

    Livelli tossici di questi metalli sono stati rilevati anche negli animali domestici e selvatici (in canada le acquile reali si stanno estinguendo per questo motivo). Né le persone né gli animali sono i soli esseri viventi che risentono delle scie chimiche. I sistemi biologici naturali cominciano ad indebolirsi. Il rizobatterio endomicorrize, un microrganismo dalla notevole importanza, si sta lentamente estinguendo a causa del bario e dell'alluminio. Questo batterio è alla base del trasferimento di nutrienti dal terreno alle piante attraverso l'apparato radicale. Il bario e l'alluminio sono alcalini e stanno alterando l'acidità (Ph) del suolo e dell'acqua: l'elevata acidità compromette la sopravvivenza delle piante. Secondo i botanici, senza questo microrganismo, la crescita della flora è impossibile. Le scie chimiche stanno sistematicamente modificando il ciclo vegetale, mentre le prove dell'estinzione dei rizobatteri abbondano.

    I funghi e gli agenti geneticamente modificati che vengono usati per diverse applicazioni di controllo biologico possono risultare ancora più dannosi per gli esseri umani e l'ambiente delle sostanze chimiche diffuse nell'atmosfera.

    Rizobatterio Endomicorrizze

    Conclusioni

    Gli eventi degli anni '90 possono essere sintetizzati con alcune espressioni come "rivoluzionare il commercio" e "rivoluzionare il governo" con lo scopo di attuare operazioni clandestine per opera dell'esercito degli Stati Uniti, in collaborazione con organismi internazionali per ricerche su argomenti quali il controllo di clima, cibo, acqua e per l'espansione dell'industria farmaceutica e la messa a punto di farmaci per nuove malattie. Tutto ciò è collegato ad un'operazione che chiamiamo "scie chimiche".

    Noi consapevoli di quanto accade siamo ormai alcuni milioni nel mondo e convinti di essere testimoni di un deliberato avvelenamento del pianeta terra, in nome di interessi commerciali e del controllo governativo nonché di una spietata forma di nazionalsocialismo voluta dall'apparato militare ed industriale.

    Le tecnologie adoperate per alterare gli equilibri geologici sono deleterie e le sostanze identificate nelle scie chimiche sono velenose e potenzialmente letali.

    Gli agricoltori degli Stati Uniti, del Canada, Spagna (Italia) non hanno mai conosciuto una siccità così prolungata, abbinata ad una politica aggressiva delle multinazionali, sovvenzionate dallo Stato, volta ad eliminare i piccoli agricoltori dal mercato.

    Spesso avviene che le fattorie a conduzione familiare sono acquistate per una manciata di dollari dalle multinazionali agroalimentari. Tutto ciò che cresce ed è mietuto in queste fattorie è ora costituito da derrate e cereali modificati geneticamente: questa è l'emergenza definita "il cibo come arma".

    Dr. Michael Castle


    NOTA:

    Il dottor Michael Castle è un esperto ambientale con quindici anni di esperienza nella valutazione dei rischi ambientali. E' un chimico che, per ventidue anni, ha lavorato in società di consulenza ambientale ed è anche consigliere dell'Organizzazione mondiale per la salvaguardia della natura.

    Il dottor Castle, con il consiglio di altri studiosi del problema "scie chimiche", ha stilato, nel 2003, un documento denominato "Unified Atmospheric Preservation Act" per tentare di fermare e proibire le operazioni di aerosol nell'atmosfera e nella stratosfera al di sopra del continente nord americano.

    Tuttavia, i rappresentanti del congresso che sperava avrebbero promosso il disegno di legge hanno perso ogni interesse quando è diventato chiaro che il governo degli Stati Uniti è coinvolto in molti aspetti di questo disastro.

    Il dottor Castle, comunque, continua a sperare che, quando le persone avranno compreso quanto è arrogante ed irresponsabile l'operazione "scie chimiche", intesa come minaccia incombente per la vita sulla terra, si riuscirà ad ottenere un divieto permanente di queste attività.

    RispondiElimina
  80. Prima regola per capire: ci sono enormi giochi, in cui il vincitore piglia tutto, orchestrati dagli interessi globali del mondo. Abbiamo indagato, ricercato e trovato prove sostanziali di una molteplicità di operazioni globali intese a mitigare varie e teoriche catastrofi globali.

    Molte delle operazioni che abbiamo collettivamente scoperto nelle nostre indagini erano segrete, classificate e non disponibili al pubblico. Altre, d'altro canto, sono state rese pubbliche. Nella nostra testa, le domanda è: "Perché qualcuno dovrebbe voler impiegare queste geo-armi e perché altri autorizzerebbero il loro impiego?".

    Basta che seguiate le scie di denaro. Poi realizzerete che i destinatari di queste informazioni [voi] devono essere abbastanza interessati in quel che stiamo cercando di esporre, al fine di intraprendere una grande campagna di passaparola per fermare la distruzione metodica dei nostri biomi. La campagna richiederà la passione e la dedizione di molti; non agire ora probabilmente significherà la fine per gli abitanti della Terra.

    Il nostro lavoro di ricerca è durato oltre cinque anni di osservazione degli eventi, mentre si svolgevano e abbiamo scoperto i dettagli degli scenari incredibilmente sconvolgenti che seguono.

    La nostra missione è semplice da descrivere: esporre e fermare la distruzione metodica della terra naturale e dei suoi abitanti.

    In breve

    Nel bel mezzo degli anni '90, il dottor Edward Teller scrisse un rapporto ufficiale governativo descrivendo una strategia operativa di rimedio, epica nelle proporzioni, per cambiare il percorso previsto di quello che un gruppo internazionale di scienziati, tra cui il dottor Teller stesso ed i Laboratori Nazionali Livermore, credeva essere l'inevitabile cataclisma risultante dal riscaldamento globale: un livello critico di radiazioni ultraviolette, cosmiche, riduzione critica dello strato di ozono ed altre catastrofi teoriche. Dovrebbe essere ricordato che il dottor Teller, "padre della bomba H", è stato il responsabile di molte strategie mal concepite, nessuna delle quali considerava conseguenze come la salute, la tossicità, la mortalità, l'impatto ambientale o l'etica.

    Secondo Teller ed altri, la radiazione ultravioletta (UV), la riduzione dell'ozono ed il riscaldamento globale, dovuto agli effetti dannosi dei gas serra, potrebbero effettivamente essere mitigati mediante l'impiego di specifici particolati dalle dimensioni inferiori al micron, da diffondere nei vari strati dell'atmosfera.

    Bario, alluminio, torio e selenio avrebbero dovuto essere sviluppati in particelle di dimensioni inferiori al micron, sganciati da aerei ad elevata altitudine e ionizzati con una specifica carica elettrica. Dobbiamo supporre che la ionizzazione mantenga in aria gli specifici particolati di metallo pesante per prolungati periodi di tempo.

    Questa matrice di particolato carico elettricamente potrebbe anche essere il perfetto campo di controllo per le frequenze radio. Teoricamente, i metalli pesanti bloccherebbero e rifletterebbero la luce solare e rifletterebbero verso lo spazio dall'1 al 2 % della radiazione ultravioletta, portando ad un declino dei livelli di tale radiazione.

    Teller ha anche raccomandato l'uso di aerei commerciali e militari per portare a termine l'enorme compito di cospargere con queste sostanze sperimentali la stratosfera della Terra.

    Crediamo che l'implementazione e la seguente trasformazione in arma di queste tecnologie sia stata ben dimostrata. Secondo il programma del Dipartimento della Difesa intitolato "RF Dominance" [Dominio della frequenza radio, ndt], l'esercito ha sperimentato crescenti comunicazioni radio di interferenza o intercettazione con l'aiuto di questi particolati.

    La tecnologia di disegno virtuale VTRP dell'Aviazione, per i piloti di caccia, conta anche su un'atmosfera irrorata di questi metalli pesanti.

    Il documento dell'Aviazione statunitense intitolato "Weather? A Force Multiplier: Owning the Weather by 2025" ("Clima? Un moltiplicatore di forza: possedere il clima entro il 2025") descrive chiaramente i vantaggi militari dell'usare la troposfera carica di particolato per "possedere" (creare, controllare, manipolare o dirigere) il clima.

    Lo RFMP della Marina statunitense è un altro programma dell'esercito per utilizzare particolati, tra cui fibra di vetro alluminizzata (chaffe), caratteristici delle attuali operazioni militari.

    Il progetto Cloverleaf della C.I.A. era una delle operazioni iniziali con "particolati di metallo pesante" irrorati. La pesante irrorazione dell'atmosfera superiore e della stratosfera è cominciata. Le operazioni del Dipartimento della Difesa U.S.A. qui descritte, seguirono presto, mentre l'Aviazione statunitense divenne partecipe nell'espansione di significative strategie di mitigazione del riscaldamento globale nella forma di modificazioni climatiche e pratiche di geo-ingegneria.

    Appaltatori approvati a livello federale furono coinvolti in questo enorme impegno globale per "salvare" la Terra da un destino certo. Gli appaltatori furono parte della ricerca, lo sviluppo e l'impiego di aspetti di questi progetti. Uno in particolare, la Hughes Aircraft Corporation della California, volse gli impegni nella ricerca verso questo progetto.

    Il torio e gli ossidi, l'alluminio e il carburo di silicio sono stati identificati in una speciale miscela a cui ci si riferisce generalmente come "Irrorazione Welsbach di agenti rifrangenti" ("Welsbach Refractory Seeding Agents", brevetto Usa 5.003.186 - 26 marzo 1991). Questo brevetto fu assegnato e premiato nel 1990 dalla Hughes Aircraft Corporation. L'irrorazione rifrangente Welsbach, in illimitate operazioni di impiego, è iniziata nei primi anni '90 su una vasta area della stratosfera sopra il continente nord-americano.

    Espandendosi sull'intero emisfero occidentale, si crede che molte operazioni di questo tipo siano state associate a quelle aeree dell'Aviazione USA per la mitigazione della perdita d'ozono e connesse allo High Frequency Active Aural Research Project (H.AA.R.P.) situato in Alaska. Ironicamente, H.A.A.R.P. invia milioni di watt di elettricità per riscaldare la ionosfera, mentre si suppone che disseminare la stratosfera con particolati raffreddi la troposfera stessa.

    Il recupero dell'ozono era ed è uno dei tre parametri attivi del progetto H.A.A.R.P. (foto), come definiti dal dottor Bernard Eastlund, inventore e direttore di H.A.A.R.P. L'impianto di ricerca sul riscaldamento della ionosfera (Ionospheric Heating Research Facility) fu diretto e gestito dall'Aviazione Usa (Riserva) e della Marina Usa. H.A.A.R.P. è stato trasformato in un'arma; inoltre, la maggior parte delle sue operazioni era e resta classificata.

    HAARP

    Modificazione del clima / Cambiamento climatico

    H.A.A.R.P. è usato per molte missioni segrete, delle quali la manipolazione del clima è un obiettivo fondamentale. Microonde, frequenze estremamente basse (Extreme Low Frequency, ELF), frequenze molto basse (Very Low Frequency, VLF) ed altri sistemi basati sulla trasmissione di campi elettro-magnetici sono impiegati nell'atmosfera e nella ionosfera, mediante l'atmosfera/stratosfera della Terra, dove vari particolati chimici aviotrasportati, filamenti di polimeri ed altri assorbenti di frequenza elettromagnetica e sostanze riflettenti vengono usati per spingere o trainare le prevalenti correnti a getto in modo da alterare gli schemi climatici.

    In molti casi, sono state trovate tecnologie di induzione della siccità in sistemi brevettati. L'induzione di siccità ha luogo, in base alle tecnologie recensite, riscaldando la stratosfera con microonde, diffondendo particolati chimici aviotrasportati nello spazio e dunque cambiando i gradienti di base della condensa mediante microonde da H.A.A.R.P. e disseccando chimicamente delle regioni con titanato di bario, metilalluminio e misture di potassio.

    H.A.A.R.P. crea enormi buchi nella colonna di ozono all'aperto. Questa è la base per le strategie di rimedio/mitigazione per l'assottigliamento della coltre di ozono, strategie congegnate in associazione con H.A.A.R.P. Comunque "rammendare" i buchi nello strato di ozono è diventata una pratica standard per l'Aviazione statunitense e per le operazioni di volo FAC. L'Aviazione ha recentemente (2001-2002) ripreso l'uso della tecnologia di veicoli aerei senza equipaggio (unmanned aerial vehicles, UAV). I veicoli robotici di alta quota non richiedono operazioni umane. I robot non si lamentano, non parlano mai, rimangono per sempre senza sindacato. In più, l'irrorazione Welsbach e le operazioni di rimedio per il buco nell'ozono utilizzano composti chimici tossici per gli umani e l'ambiente.

    Gli agenti rifrangenti Welsbach usano alluminio, torio, zirconio ed altri metalli che riflettono la radiazione solare. Il torio è, essenzialmente, puro al 98 %. Il torio e il rimanente 2 % (materiali radioattivi identificati) cadono infine al terreno. Il Canada orientale e centrale sta sperimentando quel che è stato clinicamente identificato come avvelenamento da torio. Non ci sono risorse naturali di torio nella regione; viene tutto dal pesante impiego, a livello di stratosfera, dei particolati di metallo irrorati.

    RispondiElimina
  81. Volo Alaska 261

    Le sostanze Welsbach, che rifrangono la luce come l'ossido di alluminio ed il carburo di silicone, sono estremamente abrasive, seconde solo al diamante. Queste polveri della grandezza di un micron o meno, disperse nell'atmosfera, potrebbero attaccarsi alle superfici poste all'interno dei componenti di un aereo che attraversa le scie chimiche. I grassi usati sugli stabilizzatori orizzontali e verticali, sugli alettoni, sui flaps e sul carrello di atterraggio, possono essere seriamente danneggiati da queste polveri abrasive e potrebbero causare una graduale usura delle parti meccaniche e determinare delle avarie, interferendo con i comandi di volo e determinando cabrate o picchiate improvvise. Pensiamo che il volo 261 della Alaska Airlines sia un esempio di questa circostanza.

    Il volo Alaska 261 stava compiendo un regolare passaggio giornaliero attraverso le scie chimiche composte da quella particolare sabbia metallica, associata alle operazioni di aerosol della Welsbach, principalmente lungo il corridoio aereo della costa occidentale, sino a Los Angeles e quello a sud ed a est di Dallas.

    Altri velivoli commerciali, militari e civili, sono incorsi in queste avarie che sono normalmente attribuite a componenti meccaniche di scarsa qualità. E' questa la conclusione raggiunta dal National Transportation Safety Board nella sua indagine sull'infausto viaggio del volo Alaska 261.

    Rapporto NTSB sul disastro del volo Alaska 261

    RispondiElimina
  82. Ora, Dottor Totaro, se davvero è spinto da curiosità di sapere e non è invece il solito disinformatore utile a qualcuno, ben dissimulato e dal volto umano, si cominci a dar da fare per conto suo. L'ha detto Lei! E' un fisico nucleare! Lavora presso un'università. Lei ha i mezzi! Faccia le sue verifiche e poi ne riparliamo.

    Ma se lei viene qui solo per riempirsi la bocca di dotti paroloni per portare sempre l'acqua a quelli del cicap e simili, instillando in qualche sprovveduto il dubbio che nulla di tutto ciò sia vero... beh, mi dispiace, ma non ho tempo da perdere.

    Cordiali saluti.

    RispondiElimina
  83. QUI, per coloro che, come Lei, dottor Totaro, non sono in grado di interprepate le analisi del CNR, potrà ascoltare il dottor Giorgio Pattera che gliele spiega per benino.

    RispondiElimina
  84. Ringrazio per le esaurienti risposte e mi rammarico per il tono alterato dell'ultima di queste. La mia era una semplice richiesta di delucidazioni, pensando che lei, Straker, le avesse a disposizione, essendo questo quello che si evince nel suo sito. Lei mi invita a cercarle da me ed e' quello che sto facendo e che faro'.
    In questi pochi minuti ho cercato notizie sul dottor Michael Castle, e tutto quello che ho trovato e' un membro del congresso americano, classe 1939. ma nel curriculum disponibile nella pagina del congresso http://bioguide.congress.gov/scripts/biodisplay.pl?index=C000243 si parla di una persona laureata in LEGGE e di professione AVVOCATO, non certo di un chimico.
    Percio' il mio dubbio che sia questa la persona giusta sono forti. Mi imbatto pero' anche in un suo vecchio intervento nel blog, Straker, http://www.tankerenemy.com/2007/11/unified-atmospheric-preservation-act.html, in cui parla proprio di quella persona li', il membro del congresso (lei dice che e' senatore, ma e' un dettaglio).
    Quindi questo Castle chi e'? E' il senatore avvocato, oppure un omonimo di cui non riesco (per ora) a trovare nulla in rete se non il preservation act?
    Che per l'appunto, come dice anche lei Straker, nel post del 2007, e' una proposta di legge, e non un testo scientifico nel quale sono presenti valutazioni, numeri, considerazioni e deduzioni.
    Le chiedo di delucidarmi su questo aspetto, per lo meno. Chi e' il signor Castle? Lo faccio senza intenzioni provocatorie, poi proseguiro' per mio conto la ricerca dei suoi scritti.

    RispondiElimina
  85. Veda, Lei assume il classico atteggiamento dell'inquisitore e ciò è assai indicativo. Forse si vuol tentare il discredito anche su Castle, così come è stato fatto (ufficialmente e di ciò saranno ritenuti responsabili) anche nel documento del Cicap nei confronti della Staninger?

    Di Michael Castle ve ne sono esattamente due, con lo stesso nome e cognome. Uno è Senatore degli Stati Uniti, mentre l'altro è chimico, se non vado errato.

    Le ripeto che, così come noi, umili mortali privi di attestati, onorificienze e denaro, siamo stati in grado di raccogliere dati, indizi e prove, allo stesso modo potrà farlo Lei, se davvero la spinge il desiderio di verità e giustizia. D'altro canto molte persone sono in galera solo sulla base di indizi. Allora...

    E' chiaro che, dopo aver scritto quasi ottocento (800) articoli e proposto decine di elementi a dir poco inquietanti, spetta a coloro che intendono approfondire, in primis leggere tutto, quindi eseguire le proprie verifiche sul campo.

    Non è un caso se alcuni ricercatori (biologi, chimici etc.), una volta letto quanto è stato qui su questo blog pubblicato, hanno alzato il culo e si sono attivati per svolgere indagini per proprio conto. Tali indagini scientifiche hanno confermato le nostre, svolte con mezzi meno sofisticati, ma con tanto impegno e dispendio di denaro e fatica, le assicuro. Poi è successo quel che tutti possono vedere, ovvero... tali scienziati sono stati vessati, minacciati, dileggiati, screditati, offesi, calunniati e così hanno pensato bene di rinunciare e ci hanno pure chiesto di rimuovere i riferimenti ai loro studi, poiché questo portava danno nel loro ambiente accademico. Se non sei allineato...

    E' questa la ricerca in Italia, caro phd Student Dr Totaro. Uno schifo, laddove fanno carriera i venduti, gli allineati al sistema e non i seri ricercatori. Vuole anche Lei provare sulla sua pelle quello che hanno assaggiato altri, compresi noi? Oppure forse ha già deciso che è forse meglio recitare una parte utile a coloro che ci diffamano solo con l'intento di farci tacere? E' già al lavoro?

    Si chieda per quale motivo due ricercatori indipendenti danno così tanto fastidio da dover sguinzagliare cani bellicosi sulla Rete al solo scopo di screditarci. Si chieda come mai anche il CICAP, che dovrebbe invece occuparsi di fantasmi, si impegna così tanto in questa lotta contro la verità. Si ponga prima queste domande ed altre ancora. Si documenti davvero. Ha letto poche righe e già si ritiene autorizzato nel trinciare giudizi sul metodo?

    Il metodo scientifico è per caso quello di Massimo Santacroce 8ora casualmente coccolato dai disinformatori), piegatosi all'interesse dell'università anziché seguire la via della verità esecondo il quale, quelle scie in cielo sono romantiche?

    Il metodo scientifico è quello in cui il Santacroce stima a 12.500 metri un velivolo (con scia) che interseca cumuli che, come noto, stanziano a non oltre 2300 metri? E questo al cicap va bene!

    Benissimo! Tenetevi strette le vostre certezze e lasciateci lavorare.

    RispondiElimina
  86. La gentilissima Dottoressa Staninger risponde nel modo seguente a chi nega il Morgellons.

    I will read the link and let you know my thoughts. Morgellon's as some infectious disease yes does not exist, but as man made advanced nano materials, smart dust, motes, etc.
    It sure does.

    In general do you think this group may be used by other groups to debunk the truth, the link to chem trails and the real science that shows it exists.

    Getting analysis at a reasonable cost is high now from $3K to $30K in the Univerisities in the USA. Remember only 6 had Raman now only 1 allows commercial availablity.

    I have a nano tube study with the pseudo hairs that are not human (no core in it) going on now. This may be a good paper or information source.

    Also, please know this Antonio that I value your brothers and your support and courage. All of my results for the analysis of Project FMM and other post analysis of this project under individual client bases was performed with commercial laboratories in the USA, so that any of the information (analytical results) would hold up in "court." And I state plainly on the reports the name of the principal researcher (Me), address and the labs address etc.

    Other Morgellon's groups (researchers as they call themselves) do not even put their name on the report and say that it was done in at a Unviersity, but do not identify the university.
    When the REAL TRUTH is present all the LIES disappear.

    Review and study all the new stuff on SMART DUST, MOTES, etc. Like
    Smart Dsut: self-assembling, Self orienting Photonic Crystals of Porous Si
    Jamie R. Link and Michael J. Sailor
    Proceedings of the National Academy of Sciences of the United State of America, Vol, 100, No.19 (Septem ber 16, 2003), pp 10607-10610. National Academy of Sciences in US is controlled by US governmental agencies that make up the National Academy of Sciences (NASA, NIH, ASTDR, EPA, etc.)

    The oldest occupational disease known to civilized man is "silicosis" as identified by Pliny the Elder during Julius Caesars Gaulic wars. Silica crystal causes lesions of the lungs and can lodge into the lungs creating emphysymia etc. But as of June 2008 the insurance companies that insure companies for product liability and in particular general liability/worker comp. is now EXCLUDING SILICA Exposure in their coverage??? Why!!!!

    My thought is because the majority of silica and silicon nano tubes, composites, gels, waffers, etc. is made up of the word "Silica Nano tubes etc.) in their patents. Patents are created by industry, individuals, military, government, pharmaceutical, and academia in the US. And what better way to reduce the RISK of PROFESSIONAL LIABILITY of an individual or even a university.

    Look at how many articles on the subject since the first papers I did for the National Registry of Environmental Professionals 2 articles (2006 and 2007). Millions.

    Trace the articles physicians to who pays their research and if they are a member of certain society groups and then you will get to the root of the real TRUTH.

    Thank you again. So I guess the venue will be web seminars for the ones who want the REAL TRUTH.

    Hildegarde

    RispondiElimina
  87. Prima di mettermi io stesso a fare misure per mio conto, avevo il piacere di analizzare quelle fatte da altri, e capirle. Per questo sono intervenuto in questo blog, con spirito di interesse e non con spirito da indagatore. Le avevo chiesto se aveva piacere di condividere con me i risultati delle sue ricerche, oltre ai risultati delle analisi che lei riporta nel blog, che come ripeto, sono analisi mute e non mi sono sufficienti per "capire". Non sono ne' inquisitore, ne' allineato, desidero solo capire in maniera piu' approfondita quello che lei scrive. Se lei ha il piacere di darmi informazioni approfondite, saro' ben felice di leggerle e solo poi fare dei commenti. Se non vuole non c'e' problema, non la accuso di nulla, lei e' liberissimo di farlo..
    Le chiedo pero', visto che 800 articoli sono molti da leggere, di suggerirmi quello che lei ritiene il piu' significativo. Tanto...da qualche parte si deve pur cominciare, quindi se mi manda il link o il riferimento alla rivista scientifica nel quale questo articolo e' pubblicato, saro' felicissimo di stamparlo e leggermelo con calma, stasera, a casa.
    Riguardo al dottor Castle, lei travisa quello che ho scritto, non voglio gettare discredito su nessuno. Le volevo solo chiedere quale dei due castle e' quello a cui lei si riferisce e del quale ha riportato una traduzione in italiano, cosicche' mi e' piu' facile cercare informazioni e scritti. E' il senatore oppure il chimico? Quale dei due ha presentato l'Unified Atmospheric Preservation Act?
    Non credo che possa accusarmi di inquisitore se le rivolgo questa semplicissima e banale domanda.

    RispondiElimina
  88. Le ho riportato la qualifica del Dr Michael Castle. Lui si è fatto poi promotore di diverse iniziative presso il Senato degli Stati Uniti.

    A prescindere da ciò, cercherò di essere chiaro nell'esporre il metodo.

    Lei sa meglio di me che nel mondo vi sono aree inquinate ed aree quasi incontaminate. E' sicuramente consapevole che, se eseguo delle analisi dell'acqua piovana a Sanremo, direttamente raccolta in recipiente sterile, per caduta diretta, questa non può contenere parassiti (nematodi) quali la trichinella enemmno valori pari all'80% di quarzo.

    Sanremo è (era) una città con scarso inquinamento chimico, visto che questo era da imputare al massimo al traffico veicolare e comunque inquinamento di tipo differente.

    Sanremo non ha fabbriche ed i fiori, una volta attività prevalente, vengono coltivati in serra e non all'aperto.

    Nei campioni d'acqua piovana, raccolti nell'arco di una nottata, sono stati evidenziati, come dicevo, oltre che metalli come bario, rame, alluminio, anche filamenti di polimeri, gel di silicio, anche nematodi come la trichinella. In Liguria la trichinellosi è assente, in quanto tale parassita vive nelle acque stagnanti degli allevamenti di maiali e non cade dal cielo, per cui è letteralmente caduta dal cielo.

    Le analisi del CNR eseguite da campioni di diverse città, confermano la presenza dei classici metalli "killer" ritrovati anche in zone disabitate ed incontaminate del Canada, ma sulle quali scorazzavano gli aerei chimci. Aerei chimici che, ci tengo a precisare, volano a quote estremamente basse ed a bassa velocità, al fine di diffondere bene le sostanze disperse. Lo scienziato Michael Purdey (scomparso per improvviso e fulminante tumore al cervello) confermò che il cosidetto "morbo della mucca pazza" non aveva genesi ufficialmente nota (il fantomatico prione), ma era causato dal sorvolo dei tankers che, rilasciando bario (ritrovato al suolo e nelle vacche al pascolo) era la reale causa del morbo. Purdey si ritrovò prima la stalla bruciata, poi la casa e poi morì di tumore al cervello fulminante. Inutile dire che il suo documento, presente in pdf sul nostro sito, non venne reso di dominio pubblico e così, i veri motivi del morbo della mucca pazza, non sono mai stati resi noti.

    Tornando a Sanremo...

    I campioni vennero consegnati ad un laboratorio che, a sua volta, li girò ad un ARPA locale. I risultati furono anomali, in quanto il documento non evidenziava la presenza di alcunché.

    Gli stessi campioni (seconda provetta) consegnati invece ad un laboratorio indipendente, mostrarono la presenza in valori fuori norma di bario, alluminio e rame.

    Negli ultimi tre anni, a Sanremo, Ospedaletti, Imperia, Ventimiglia, si sono riscontrati casi di Morbo di Hodjkin in pazienti di meno di venti anni, spesso ragazze. La dottoressa Gatti ha dimostrato che tale patologia, così come la SLA ed altre patologie neudegenerative, è provocata dal bario. E' noto che le fù subito sottratta l'attrezzatura per proseguire gli studi. Attrezzatura che venne poi riacquistata grazie ad una raccolta fondi tra i lettori del blog di Grillo.

    Questi sono fatti che fanno pensare.

    Altro aspetto fondamentale è l'osservazione della presenza di polimeri di ricaduta. Polimeri che, una volta esaminati, presentano una struttura ed una composizione non di origine naturale, ma frutto di nanotecnologia. Lo scienziato italiano che confermò gli studi della Staninger esaminando i filamenti di polimeri di Venezia fu ripetutamente attaccato da coloro che attaccano noi - vedi axlman, hanmar, acarsterminator... consulenti del cicap (e che hanno contribuito alla stesura delle faq del cicap) e fu costretto alla resa. Non solo non proseguì gli studi sui campioni, ma chiese la rimozione del suo nome dal nostro blog e dai siti che facevano riferimento agli studi della Staninger.

    Serve altro per comprendere che v'è uno stretto collegamento tra ciò che noi evidenziamo, le chemtrails, il Morgellons, le altre patologie (Alzheimer e Parkinson incrementate, nelle aree irrorate, del 70%) e coloro che mirano a definire tutto questo "Una bufala inventata da due fuffari che non hanno nessuna competenza e che si arricchiscono ingannando i polli che li seguono"? Parole di Paolo Attivissimo (ex dj), coordinatore delle faq del cicap sulle scie chimiche.

    Non so... mi dica Lei se devo andare avanti.

    Resto a disposizione per altri chiarimenti, ma a voce. Ci vorrebbe un anno per spiegarle tutto per iscritto. Può inviarmi una richiesta di contatto a tanker.enemy [at] gmail.com

    Non è la buona fede che ci manca e quindi siamo disponibili a qualsivoglia confronto ed approfondimento (serio) della questione.

    RispondiElimina
  89. Mentre io parlavo decine di aerei non identificati (direzione Nizza Genova, ma che non risultano essere voli partenti da Nizza) hanno disperso la loro dose quotidiana, così, anche oggi il cielo è diventato bianco e la nebbia si è abbassata su Sanremo. Non mi sembra serva altro per capire, se abbiamo ancora occhi per vedere e cervello per pensare.

    RispondiElimina
  90. ringrazio per la risposta, molto dettagliata.
    Mette in luce molti aspetti interessanti, ma soprattutto mi fa sorgereuna domanda. Forse puo' essere banale, il che evidenzia la mie non conoscenze specifiche, nel merito (i miei precedenti interventi riguardavano il metodo).
    La domanda e' questa: ma non e' che con il bario e altri metalli presenti nelle precipitazioni, possano intervenire fattori di trasporto di questi metalli in sospensione anche per centinaia di chilometri dal luogo in cui questi sono stati emessi? Penso alle piogge acide, come esempio. In questi casi risulta molto difficile dire che una zona dove non ci sono fabbriche o stalle di maiali (come Sanremo) debba per forza rimanere incontaminata. Tanto per fare un esempio catastrofico,ma piu' vicino alle mie conoscenze specifiche: se salta in aria una centrale nucleare oltre il confine francese, sopra i gerani dei balconi di Sanremo si depositera' in poche ore ben altro che il bario! E in quel caso, se io portassi una provetta ad un laboratorio di analisi e trovassero del cesio radioattivo, non potrei certo concludere: "le scie chimiche ora contengono anche scorie radioattive!!".
    La prego Straker, mi contraddica se dico cose non corrette. Magari lei mi puo' dire che per qualche motivo, con il bario non accade quello che accade invece con l'acido solforico, l'acido carbonico e l'acido nitrico.

    RispondiElimina
  91. Riguardo al parlarle di persona, saro' ben lieto di farlo dopo che avro' debitamente approfondito le mie conoscenze con qualche lettura, che magari gia' espone e chiarisce il dubbio riportato nella domanda precedentemente posta.
    Le chiedo nuovamente se sa per caso consigliarmi uno degli 800 articoli scientifici che tratta nello specifico l'argomento.

    RispondiElimina
  92. Lei fa l'esempio del bario, poiché è l'esempio che più fa comodo. Che ne dice del quarzo? E del litio?

    E qui mi fermo. Ho già dedicato troppo tempo ad uno che non vuole sapere, ma vuole disinformare. Mi dimostri lei, con i fatti, che mi sto sbagliando.

    RispondiElimina
  93. Le chiedo nuovamente se sa per caso consigliarmi uno degli 800 articoli scientifici che tratta nello specifico l'argomento.


    Esegua una ricerca interna al sito con parole chiave. Quelle che vuole. Penso che se si è laureato, sarà in grado anche di trovare ciò che cerca con Google, così come ha fatto con Michael Castle.

    RispondiElimina
  94. 1)Mi metto a fianco del Dott. Totaro che ha inoltrato una chiara e semplice richiesta: come giustificate la connessione univoca tra i risultati delle analisi chimiche e un’ipotetica attività di irrorazione chimica volontaria ad opera di velivoli. Non sono necessarie risposte evasive di 5000 caratteri ciascuna, sono sufficienti 3 righe.
    2)Non capisco il suo accanimento, Sig. Straker, verso coloro che sono in possesso di titoli accademici, visto che questi sono il modo di indicare un professionista che ha impiegato molta parte del suo tempo nella materia che tratta (uno che fa il pane si chiama panettiere, uno che costruisce opere civili si chiama muratore, uno che studia la fisica nucleare si chiama fisico nucleare).
    3)Il fatto di essere un dottorando non dovrebbe essere motivo di scherno, visto che la figura di uno studente di dottorato corrisponde a una persona appassionata al proprio mestiere e che generalmente non riceve remunerazioni misurate al proprio impegno, soprattutto in confronto agli altri colleghi europei e americani.

    In attesa di una sua cortese replica porgo cordiali saluti.

    Dott. Alberto Gaudio PhD

    RispondiElimina
  95. Signor Totaro, non siamo dei deficienti e neppure Lei credo lo sia. Apra la finestra, ammiri le scie tossiche, inspiri profondamente e capirà che mille articoli sono ridondanti rispetto alla Sua esperienza. Non ho tempo da perdere con sofisti.

    RispondiElimina
  96. ho parlato di bario perche' quello mi veniva in mente. Posso ripetere tutto quello che ho detto prima anche con le altre sostanze ma la domanda resta tale: e se fosse tutto come le piogge acide? In quel caso come dimostrare la correlazione con la scia chimica sopra le teste degli abitanti di Sanremo e non con la fabbrica "x" del porto di marsiglia in un giorno con venti tesi da ovest? Avendo studiato il fenomeno delle piogge acide alle scuole medie, l'obiezione mi veniva spontanea, come penso verrebbe a chiunque. Pensavo che magari anche lei si fosse posto questa domanda e mi avesse potuto rispondere, ad esempio dicendomi che questi metalli non producono reazioni chimiche di legame con il vapore acqueo come accade con le anidridi (dando vita agli acidi) e che quindi queste sostanze non possono percorrere chilometri, ma precipitano subito. Ma la mia e' solo un'ipotesi di concetto,che potrebbe avere una logica ma che e' senza alcun fondamento: non sono un chimico ma un fisico.
    Se fosse vera questa ipotesi, la mia obiezione iniziale verrebbe ritirata.

    RispondiElimina
  97. Siete vuoi gli "scienziati". Approfondite.

    RispondiElimina
  98. Nel mio post precedente rispondevo a Zret rivolgendomi pero' a Straker. Mi scuso per lo scambio di persona, mi sono accorto solo ora che ad intervenire fosse stata un'altra persona.

    RispondiElimina
  99. @Pierluigi Totaro e Alberto
    Che ricordi avete della vostra infanzia in merito a queste scie?
    Le ricordate lunghe e persistenti oppure soltanto brevi?

    RispondiElimina
  100. Vibravito, sono due disinformatori. Ho evitato di pubblicare altri loro commenti che li hanno palesati come tali.

    E' inutile mettere il profumo sulla mota. Puzza ugualmente.

    RispondiElimina
  101. @Straker
    Come Hanmar e Riosaeba, anche Alberto Gaudio è un geologo. In più quest'ultimo e anche speleologo, e questo lo accomuna con il giovanni.lucifugo... Dove non c'è luce ci sono questo oscuri individui...

    RispondiElimina
  102. Esatto. Anche Bario Tozzi è geologo e fu lui il primo a sguinzagliare certi suoi colleghi sul forum RAI per poi bannarci.

    RispondiElimina
  103. E si scopre che Alberto Gaudio è un frequentatore del blog di Paolo Attivissimo. Che "scienziati" obiettivi!

    RispondiElimina
  104. Mentre il dottor Pierluigi Totaro fa lo gnorri, ma di inquinanti e danni al DNA ne sa abbastanza.

    RispondiElimina
  105. sono obbligato a postare qualcosa


    volevo far notare a tutti i gentilissimi signori che frequentano questo blog, che non si parla più di condensa, ma bensì di come non c'è prove che le scie siano tossiche.

    ah, le parole.....quindi non è condensa nemmeno per lei dott. totaro ? lei mette in dubbio la tossicità delle scie, ma non la loro natura chimica? ho capito bene? stà dicendo che forse non è condensa?

    quindi se non sono in alcun modo tossiche, i militari possono iniziare a farsi avanti, giusto ?

    personalmente, se fossero sostanze innocue, non credo che l'army terrebbe tutto segreto, ma questo è solo il mio pensiero

    insomma, voglio dire che stiamo cambiando rotta, per chi non se ne fosse ancora accorto:
    non è più condensa, ma qualcosa di innocuo, che però non è condensa...

    ora sul web c'è chi dice che questa roba serve per le telecomunicazioni (oh), per i radar (ma va)

    è comunque un passo in avanti, piccolo, ma sempre in avanti

    personalmente penso che questa roba un pò tossica sia, intendiamoci, non mortale, altrimenti viste le quantità irrorate saremmo già tutti in paradiso. però dire che è innocua, non so, non è che sia scientificamente esatto...
    chi sostiene la non tossicità di queste mi deve anche spiegare perchè è tutto segreto.
    non so se mi spiego, siete voi delle università che mi dovete dimostrare che sono sostanze innocue. il problema è che fino a un mese fa tutti gli scienziati parlavano di condensa, quando era palese l'irrorazione chimica.
    ora sta venendo fuori che forse i militari ogni tanto fanno questi esperimenti ecc., ma che però è tutta roba innocua

    sarebbe il caso che qualche ufficiale cominciasse a parlare di queste cose, anche perchè il segreto si stà sbriciolando.
    ci sono troppi civili che sono a conoscenza dei fatti, civili chiacchieroni......

    ma forse attivissimo è nel giusto, è tutta una bufala

    RispondiElimina
  106. @arturo
    Non lo so... comunque per ottenere l'indirizzo Ip che ho inserito prima è sufficente su una finistra di consolle del pc digitare questo comando:

    ping http://www.univ.trieste.it/

    Non era mica un IP dinamico.

    RispondiElimina
  107. Vibravito:

    @Straker

    Da Trieste c'è un assisuo lettore del mio blog:

    IP Address: xxx.xxx.xx.xx [Label IP Address]
    ISP: Universita' Degli Studi Di Trieste
    Entry Page Time: 9th October 2008 11:25:09
    Visit length: 23 hours 1 min 16 secs

    Sarà mica il dottor Pierluigi Totaro?

    RispondiElimina
  108. Arturo scrive...

    sono obbligato a postare qualcosa


    volevo far notare a tutti i gentilissimi signori che frequentano questo blog, che non si parla più di condensa, ma bensì di come non c'è prove che le scie siano tossiche.

    ah, le parole.....quindi non è condensa nemmeno per lei dott. totaro ? lei mette in dubbio la tossicità delle scie, ma non la loro natura chimica? ho capito bene? stà dicendo che forse non è condensa?

    quindi se non sono in alcun modo tossiche, i militari possono iniziare a farsi avanti, giusto ?

    personalmente, se fossero sostanze innocue, non credo che l'army terrebbe tutto segreto, ma questo è solo il mio pensiero

    insomma, voglio dire che stiamo cambiando rotta, per chi non se ne fosse ancora accorto:
    non è più condensa, ma qualcosa di innocuo, che però non è condensa...

    ora sul web c'è chi dice che questa roba serve per le telecomunicazioni (oh), per i radar (ma va)

    è comunque un passo in avanti, piccolo, ma sempre in avanti

    personalmente penso che questa roba un pò tossica sia, intendiamoci, non mortale, altrimenti viste le quantità irrorate saremmo già tutti in paradiso. però dire che è innocua, non so, non è che sia scientificamente esatto...
    chi sostiene la non tossicità di queste mi deve anche spiegare perchè è tutto segreto.
    non so se mi spiego, siete voi delle università che mi dovete dimostrare che sono sostanze innocue. il problema è che fino a un mese fa tutti gli scienziati parlavano di condensa, quando era palese l'irrorazione chimica.
    ora sta venendo fuori che forse i militari ogni tanto fanno questi esperimenti ecc., ma che però è tutta roba innocua

    sarebbe il caso che qualche ufficiale cominciasse a parlare di queste cose, anche perchè il segreto si stà sbriciolando.
    ci sono troppi civili che sono a conoscenza dei fatti, civili chiacchieroni......

    ma forse attivissimo è nel giusto, è tutta una bufala

    RispondiElimina
  109. Straker, e chiunque tratti le scie chimiche come argomento principale, verificando gli ingressi e le ore di stazionamento nel prprio sito, potrà sicuramente confremare quello che penso già da parecchio tempo.
    Sono infinitamente di più i negazionisti attivi o passivi(meteorologi, "scienziati", galoppini universitari senza speranza, politici infami e corrotti, pessimi geologi, giornalisti "ufficiali", istituzioni immobili, piloti e via discorrendo) di quante siano le persone preoccupate del fenomeno.

    Questo rende perfettamente l'idea di quanto siamo vicinissimi alla verità e tra non molto tempo troppi di questi tenteranno, con stile strisciante, di unirsi alla schiera degli onesti cacciatori del vero.
    Non vedo l'ora di assistere a quel memorabile momento.
    La negazione della negazione.
    Ed infine l'oblio, il buio, il nulla.

    RispondiElimina
  110. Quei beoti sono con l'acqua alla gola. Non prevedevano una presa di coscienza tale, nonostante la censura imperante e gli interventi disinformativi (vedi Focus, RAI, kattivix, meteo3b.it, meteogiornale etc.) ed ora assoldano chiunque gli capiti a tiro pur di cercare di creare perlomeno un po' di fastidio. Appaiono un po' come le mosche per l'elefante, che le schiaccia con la coda.

    Una volta identificati se la danno a gambe. Buffoni senza cervello, senz'anima, senza dignità. Avanzi di una società scientifica putrecente che vive solo di raccomandazioni.

    RispondiElimina
  111. In generale:
    l'azione delle scie chimiche, visti i contenuti, non sono così immediati e rapidi come, francamente, io auspicherei il giorno in cui sarà la mia ora.
    Non è un caso se aumentano, per esempio, alcune patologie che non hanno una decorrenza veloce e che sono tutt'altro che piacevoli.
    Quello che hanno riservato a noi è un percorso sicuramente più lungo, affinchè si possa soffrire lentamente, fino alla totale sottomissione. Fa parte dell'inganno.
    Il progetto è che te ne accorgi quando è tardi e rimane poco da fare.
    Questo per chi (come mi pare di capire) sostiene che basti un battito di ciglia per vedere i risultati.
    Sarebbe veramente troppo semplice.

    RispondiElimina
  112. Leggete, qua.
    Pero Angela si dispiace che sempre più gente non è più attratta dal C.I.C.A.P.
    Poverino!

    RispondiElimina
  113. Vorrebbero farmi credere che dietro l'attività di discredito dei ricercatori indipendenti e di insistente occultamento della verità sulle chemtrails non ci sono finanziamenti?

    RispondiElimina
  114. Pero Angela scrive pure:
    "Altrettanto, se non più preoccupanti, sono le teorie della cospirazione che negli ultimi tempi stanno fiorendo in tutto il mondo. Teorie che si basano unicamente su una deformazione dei fatti e su una ignoranza voluta o deliberata delle più elementari leggi scientifiche, ma che possono avere effetti deleteri su scelte politiche o sociali che riguardano tutti noi.

    Con "leggi scientifiche" cosa intenderà? Bà....Non bisogna leggere tra le righe, credo.

    RispondiElimina
  115. Ma anche nello scrivere ( prima dell'altra frase che ho riportato ):

    "Lo stesso Convegno di Padova ci ha portati a riflettere sul fatto che in questi anni il panorama della disinformazione è enormemente cambiato e si è fatto, se possibile, ancora più insidioso e difficile da controbattere. Se un tempo erano gli Uri Geller, i medium o gli astrologi a tenere banco, oggi la pseudoscienza agisce in modo molto più subdolo. Il CICAP continua naturalmente a occuparsi di tutte queste cose, ma si trova anche ad affrontare, per esempio, i problemi e i rischi per la salute che derivano dalla diffusione di forme di pseudo terapie mediche la cui efficacia non è mai stata dimostrata. Nonostante questa mancanza di prove, per sole ragioni economiche questi prodotti sono presentati, tanto sui giornali quanto nelle stesse farmacie, come rimedi assolutamente validi ed efficaci."

    conferma, non che fosse così difficile da arrivarci, quanto avevamo detto da vario tempo. Cioè, che il compito del C.I.C.A.P. ormai è andato oltre a ciò di cui era nato. Evoluzione naturale?
    Piero Angela lo dice abbastanza sfacciatamente. Ripeto: che c'azzecca la cosiddetta "disinformazione" col C.I.C.A.P.? E' un qualcosa di soprannaturale?

    RispondiElimina
  116. Per finire, Pierino mette un link al convegno del C.I.C.A.P. del prossimio novembre, in cui si discuterà l'idea di rinnovare il C.I.C.A.P.
    Ci allacciamo le cinture? Allargheranno il loro campo d'azione senza andare per il sottile?

    RispondiElimina
  117. Mi e' stato censurato un post che provo a ripubblicare:

    "Signor Totaro, non siamo dei deficienti e neppure Lei credo lo sia. Apra la finestra, ammiri le scie tossiche, inspiri profondamente e capirà che mille articoli sono ridondanti rispetto alla Sua esperienza. Non ho tempo da perdere con sofisti."

    Guardi, oggi a Trieste e' una giornata favolosa, non c'e' una nuvola in cielo e nemmeno una, dico una scia. Sono contento perche' domenica la barcolana sara' un successo, anche se probabilmente ci sara' calma piatta in mare.
    Il fatto che oggi a Trieste non ci siano scie non mi fa dire: "le scie chimiche non esistono". Cosi' come se ne vedessi molte non arriverei cosi' frettolosamente alle conclusione a cui giunge lei, signor Straker.
    In ogni caso Trieste, da quando vivo qui, ovvero da 7 anni, e' sempre stata priva di scie, e ne ho una prova clamorosa, che le rivelo non per intenerirla ma perche' e' per me umanamente fondamentale. Con la mia fidanzata, da quando siamo insieme (5 anni) facciamo il gioco di dire "oh, qualcuno mi ama", quando uno di noi due vede una scia di aereo in cielo. Vince il primo che vede la scia e lo dice all'altro. Forse questo gioco la fara' rabbrividire. Chiaramente lo abbiamo inventato perche' qui in citta' quello delle scie e' un evento veramente raro (Trieste e' fuori dalle rotte, l'aeroporto di Ronchi dei Legionari e' spostato piu' a ovest, e quindi nessun volo di linea interno italiano passa sopra la citta'). Mentre ci capita spessissimo quando siamo a sciare in Alto Adige oppure a Tarvisio. Che guardacaso e' una zona di crocevia di rotte Venezia-Monaco Venezia-Francoforte Trieste-Monaco.
    Questo gioco e' nato in un periodo per me insospettabile, dato che ho sentito parlare delle scie chimiche per la prima volta soltanto un anno fa, quindi posso considerare i miei ricordi assolutamente non influenzabili.
    Se dovessi ragionare come lei, potrei comunque ritenermi molto fortunato, si vede che Trieste non e' una citta' che rientra nei piani della gande congiura delle scie chimiche.

    RispondiElimina
  118. "ah, le parole.....quindi non è condensa nemmeno per lei dott. totaro ? lei mette in dubbio la tossicità delle scie, ma non la loro natura chimica? ho capito bene? stà dicendo che forse non è condensa?"

    Buonasera Arturo. Io non ho formulato nessuna considerazione ne ho detto cose che lei dice io abbia detto. Non ho mai parlato di condensa ne' di "natura chimica" delle scie.
    Ho solo formulato una domanda, relativa al metodo con cui si e' dedotto che la rivelazione di sostanze tossiche a terra fosse correlabile con l'EVENTUALE ipotetica presenza di scie (chimiche o di condensa che siano).

    RispondiElimina
  119. @Vibravito:
    guardi, della mia infanzia non ho molti ricordi, legati alle scie di aerei. Potevano essere tante o poche: non colpivano la mia attenzione di fanciullo quindi non saprei dirle.

    RispondiElimina
  120. QUI un cielo triestino... senza scie, nel 2007.

    RispondiElimina
  121. Un'altra giornata stupenda.


    Eppoi ormai lo sanno anche i sassi che la completa assenza di formazioni nuvolose è la prova principe della presenza di attività chimica a quote superiori.

    RispondiElimina
  122. Straker, non perdere energie a discutere con un morto che cammina. Le scie non le vedeva da fanciullo perché evidentemente il cervello gli è morto da piccolo.

    Chiunque avesse foto di Trieste sotto le scie chimiche, chieda la mia email a Straker e le pubblicherò nel mio album...molto visitato dai disinformatori, meteorologi in prima fila. Vero Giuliacci?
    PS: solo foto da persone scelte, niente novelli, non sono scemo.

    RispondiElimina
  123. Ah, dimenticavo di comunicare al decerebrato che vive a Trieste che nel mio album online ci sono due belle foto del Friuli bombardato dalle chemtrails.
    Se le guardi (ma che dico? le guarda di continuo).
    Se un uccello piscia a Udine o Tarvisio, con un poì di venticello scommettiamo che qualcosa arriva a Trieste?
    Chiedete ad un friulano doc (Loryyy69).
    Straker ha anche troppa pazienza, io banno all'istante.

    RispondiElimina
  124. Signor Totaro, probabilmente lei non è stato attento e non è lo neppure da quando è venuto a conoscenza della questione. Osservi attentamente il cielo e scoprirà che anche lì a Trieste di scie ce ne sono e non intendo soltanto della tipologia "persistente per ore". E' praticamente impossibile che ogni giorno ci siano innumerevoli passaggi aerei con scia al seguito (guardi attentamente) che sia essa persistente oppure no. Vi sono forse SEMPRE, ogni giorno, le condizioni affinchè tale fenomeno avvenga? Tale dato dovrebbe di per sè già far riflettere come anche la constatazione riguardante la quota di volo di tali aeromobili, di cui è addirittura, il più delle volte, possibile udire il rombo dei motori. Secondo lei è possibile che ciò avvenga, e avviene spesso, rispettando le canoniche quote di volo (oltre gli 8000 mt)? Certo che no. Inoltre è secondo lei plausibile che le tante chiamate al NOE abbiano prodotto solo risposte de tutto incerte e preoccupate? A me personalmente, due anni fa, fu risposto "Guardi, è una cosa delicata questa...". Faccia un pò lei. Alla faccia delle scie innocue. E mi limito solo a scriverle questo.
    Se aggiungessimo inoltre le minacce ai danni del gestore di questo sito più i tanti tentativi di metterlo alla berlina (tentativi tanto palesi da farne capire gli intenti malevoli) allora si toccherebbe il fondo. Tutto questo per cosa? Se si fosse trattato di scie di condensazione nulla di tutto questo sarebbe successo. Dato che lei, signor Totaro, mi sembra poco informato, anche su tanti elementi che la indurebbero a farle comprendere meglio la situazione, le consiglierei una semplice cosa: si guardi per bene questo sito, ci metta tutto il tempo che vuole e se non è contento e non trova soddisfacenti le prove a carico dell'esistenza delle scie chimiche provi lei stesso a trovare un luogo che, possibilmente, sia molto meno influenzato da possibili inquinamenti circonstanti, per effettuare analisi che possano risultare ai suoi occhi più veritiere, sempre se è solo questo il suo dubbio a riguardo.

    RispondiElimina
  125. Ciao Bacab, il problema è che questa gente proviene tutta dal blog di kattivix. Non ci si può aspettare nulla dai lacchè di kattivix.

    RispondiElimina
  126. non so chi sia kattivix. Perche' viene censurata la mia osservazione che nella foto area mostrata da straker, non ci sono scie sopra trieste? Le scie visibili sono in friuli e veneto e sono quelle provenienti dai due aeroporti (ronchi dei legionari, a sx di monfalcone, che sta a sx di trieste, e venezia tessera, vicino a marghera).

    RispondiElimina
  127. ciao, racconterò poi ciò che hanno detto qualli dell'arpa fvg alla riunione di ieri tenutasi a paularo, vedo che sig totaro non vede, in fvg passano 4 rotte, 2 sopra cave tarvisio,(estremo angolo nord'est) e 2 su ronchi ma che sfiorano la regione stessa in quanto vanno da sud a nord,in sostanza sopra il friuli non ci sono rotte, ti mando se vuoi la pianti na che mi hanno lasciato ieri il sig micheletti stefano (direttore arpa con il suo tecnico furio) io invece le scie le ho viste sopra udine,gemona,paularo,cavazzo,palmanova, ovviamente anche tarvisio ma quelle sopra tarvisio sciano pochissimo e l'aereo non si vede (quelli di linea) se tu non le hai viste le scie ti consiglio un giretto per la nostra regione di mattina o al tramonto in particolare quando è in vista l'arrivo di una peturbazione.

    RispondiElimina
  128. alcune testimonianze dirette di cittadini di trieste si possono visualizzare qui http://www.sciechimiche.org/forum/viewtopic.php?t=624 oppure totaro vuole dubitare anche dei suoi compaesani.

    RispondiElimina
  129. Estratto del documento ufficiale statunitense nel quale si parla della modifica del tempo metereologico come arma:

    http://csat.au.af.mil/2025/volume3/vol3ch15.pdf

    The purpose of this paper is to outline a strategy for the use of a future weather-modification system to achieve military objectives rather than to provide a detailed technical road map.
    ....
    In the United States, weather-modification will likely become a part of national security policy withboth domestic and international applications. Our government will pursue such a policy, depending on its interests, at various levels. These levels could include unilateral actions, participation in a security framework such as NATO, membership in an international organization such as the UN, or participation in a coalition. Assuming that in 2025 our national security strategy includes weather-modification, its use in our national military strategy will naturally follow.
    ....
    UAVs disperse a cirrus shield to deny enemy visual and infrared (IR) surveillance. Simultaneously, microwave heaters create localized scintillation to disrupt active sensing via synthetic aperture radar (SAR) systems such as the commercially available Canadian search and rescue satellite-aided tracking (SARSAT) that will be widely available in 2025. Other cloud seeding operations cause a developing thunderstorm to intensify over the target, severely limiting the enemy’s capability to defend. The WFSE monitors the entire operation in real-time and notes the successful completion of another very important but routine weather-modification mission.
    ....
    The technology can be described as follows. Just as a black tar roof easily absorbs solar energy and subsequently radiates heat during a sunny day, carbon black also readily absorbs solar energy. When dispersed in microscopic or “dust” form in the air over a large body of water, the carbon becomes hot and heats the surrounding air, thereby increasing the amount of evaporation from the body of water below. As the surrounding air heats up, parcels of air will rise and the water vapor contained in the rising air parcel will eventually condense to form clouds. Over time the cloud droplets increase in size as more and more water vapor condenses, and eventually they become too large and heavy to stay suspended and will fall as rain or other forms of precipitation.


    Dal testo si evince che vengono usati carbon-nanotubes per catturare l'umidità atmosferica e creare nuvole artificiali. Contemporaneamente caricano il cirro chimico di energia elettromagnetica per non consentire ai satelliti di campionare la superficie terrestre tramite un sistema SAR.

    RispondiElimina
  130. vabbè, ci provo comunque.

    Veramente il testo parla di disperdere "carbon black" nell'aria sopra una massa d'acqua per aumentare la temperatura dell'aria e favorire così l'evaporazione.

    Il carbon black (nero carbone) è una specie di fuliggine, ed è la stessa cosa utilizzata nei toner delle stampanti.

    Non si parla di nanotubi di carbonio.

    Giovanni

    RispondiElimina
  131. Si capisce che non hai letto tutto il documento dell'Air Force, altrimenti avresti evitato di commentare. Si tratta di nanotubi, impiegati per mille scopi ed in mille modi diversi e questi sono menzionati decine di volte.

    In ogni caso il carbone provoca malattie respiratorie. Non è certo un toccasana.

    RispondiElimina
  132. Non ho mai detto che la fuliggine faccia bene, quando respirata. Come non fa bene il fumo, la sabbia, le polveri in genere.

    Ma in tutto il testo non si parla MAI di nanotubi di carbonio.

    Giovanni

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis