lunedì 21 giugno 2010

Le false contrails del Secondo conflitto mondiale

Nell'ambito della diatriba sull'esistenza o meno delle scie di condensa già durante il secondo conflitto mondiale, sono state spesso proposte queste foto. Esse, obiettivamente appaiono monocromatiche e sembrano più essere il frutto di una manipolazione piuttosto che fotografie genuine e non artefatte. Se analizziamo con attenzione una delle immagini presentate dalla disinformazione (vedi contrailscience.com, Paolo Attivissimo e C.I.C.A.P., tanto per citare qualche nome), appare subito evidente che qualcosa non quadra.

Osservate l'immagine in testa all'articolo. Essa mostrerebbe un certo numero di bombardieri rilasciare scie di tipo persistente. Questa istantanea dovrebbe dimostrare l'esistenza della scie di condensa già all'epoca del secondo conflitto mondiale. Sussiste, però, un problema. Nella foto si notano alcuni velivoli in virata. Questa manovra è evidenziata dalla curva disegnata dalle corpose scie, ma se eseguiamo l'ingrandimento della sezione che inquadra la sagoma dei bombarderi, salta subito all'occhio che i velivoli appaiono in assetto orizzontale, senza, invece, essere inclinati a sinistra, così come sarebbe logico a seguito di tale manovra.

Si tratta quindi, anche in questo caso, di un falso creato allo scopo di ingannare il pubblico meno accorto. Questa breve carrellata di immagini evidenzia, invece, come il fenomeno della condensazione all'epoca del Secondo conflitto mondiale sia frutto di mistificazione. Si noti la qualità generale degli scatti, del tutto in contrasto con le immagini fumettistiche che dovrebbero dimostrare, secondo la disinformazione, la presenza di scie di condensazione persistenti negli anni '40 del XX secolo.

A riprova di quanto affermato, basti pensare che il termine "contrail" fu coniato solo nel 1947.

Il disinformatore Paolo Bertotti (Skure), nel vano tentativo di confutare i risutati di queste analisi, scrive: "Nessuno si è accorto che la foto originale è stata ritagliata e raddrizzata per non far notare l'inclinazione del piano alare?".







Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.



Chi è Wasp? CLICCA QUI

CHEMTRAILS DATA

Range finder: come si sono svolti i fatti

89 commenti:

  1. I disinformatori finiranno nel girone dove espia il suo peccato Guido Bonatti.

    RispondiElimina
  2. Spunti all'improvviso nel vano tentativo di seminare il dubbio su quanto esposto.

    Diciamola tutta: quelle scie sono state disegnate e pure male. Ho ruotato la foto di 15 gradi [ FOTO ], seguendo le strane striature in foto e gli aerei risultano sempre essere in assetto orizzontale. Non solo! Ci sono altri piccoli aerei in quota. Se li sono dimenticati.

    Ancora...

    Le scie assumono un progressivo anaomalo aumento del raggio di curvatura, proprio come quando le si disegna e tale dettaglio non è certo coerente con le dinamiche di volo di aerei in formazione.

    Quindi, come vedi, ho esposto solo uno dei fattori a suffragio delle mie affermazioni. Vuoi che vada avanti con l'esporre tutto il resto?

    Ciao!

    RispondiElimina
  3. Si, ma poi gli aerei sul retro che non sciano?
    se non si trattasse di un falso penserei che sono chemtrails.
    in questo modo i disinformatori avrebbero rischiato un autogol.
    e poi, cosa più importante è che quegli aerei, che mi sembra sono tra l'altro bombardieri, non arrivavano a quota contrails, ma anche quando fosse, gli altri in coda, non sembrano essere tanto distanti in termini di altitudine..

    RispondiElimina
  4. una "simpatica" scritta è apparsa al meteo di studio aperto delle 19.
    dietro il metereologo capeggiava la seguente frase:
    " CAMBIAMENTI CLIMATICI
    GLOBAL WARMING
    LA L'ESTATE ARRIVERA'!!!"

    Tornando a parlare di cose serie, mi è invece venuto un dubbio relativo all'ormai famoso blocco dei voli attuato nei mesi scorsi a causa dell'esplosione del vulcano (se ne parlerà domani su Mistero, probabilmente è una replica dello scorso servizio, anche settimana scorsa han proposto varie repliche)

    mi sono chiesta: ma quanto ci vorrà alla pericolosissima polvere vulcanica per scomparire dai cieli?? (pericolossima secondo i soliti noti, molte compagnie testimoniavano il contrario, addiriuttura l'ex pilota di F1 Lauda ha effettuato un volo dimostrativo per dimostrare il contrario)

    Ho trovato un libro che si intitola "Physics of the air" di W.J. Humphreys del 1920.

    http://www.archive.org/details/physicsofair00hump (già salvato, ovviamente)

    Bene, dopo accurati studi, esperimenti, calcoli matematici questo signore che risulta essere " PROFESSOR OF METEOROLOGICAL PHYSICS, UNITED STATES WEATHER BUREAU,WASHINGTON, D. C." asserisce, a pag. 576 che la polvere vulcanica dobrebbe impiegare circa un anno per cadere dall'altezza delle sonde radio fino agli 11 km di quota.
    Presumette che la polvere dovuta all'esplosione del Krakatoa, che raggiunse un'altitudine tra i 40 e gli 80km di quota, impiegò tra i due anni e mezzo e i tre anni per cadere a terra.

    Ora come abbia fatto la polvere del vulcano islandese, che ha (avrebbe) ricoperto i cieli di metà Europa, a scomparire nel giro di pochi giorni non lo capisco bene...magari i soliti "espertoni" potrebbero dirimere il Mistero.

    Certo, non è stata un esplosione come quella del Krakatoa, ma non è nemmeno stata minuscola se ha "offuscato" i cieli di mezza (forse più) Europa

    RispondiElimina
  5. Ho guardato da poco al tg1 l'intervista ad un meterologo del CNR: sarà un'estate con alti e bassi con il freddo che arriverà da nord, tutto questo (tenetevi forte) a causa del riscaldamento globale che stà colpendo il Polo Nord!! Eh già, prima o poi la devono tirare fuori dal cilindro questa balla colossale del global warming, tanto chi ci và da babbo Natale a controllare?
    Avessi i soldi sarei tentato di fare una esplorazione al polo per smentire questi bugiardi.
    Intanto l'unica cosa di cui sono certo è che questi esperimenti con chemtrails e Haarp proseguono indisturbati e oltretutto nemmeno in maniera tanto nascosta. Oggi c'erano aerei completamente bianchi che volavano a bassa quota in pieno giorno. Oramai i loro misfatti vengono compiuti sotto il naso di tutti, tanto la gente è talmente schiavizzata da questa società materialista da non accorgersi nemmeno del problema.

    RispondiElimina
  6. A proposito di seconda guerra mondiale, chissà se a qualche anziano il costante rombo di aerei che si sente tutti i giorni, tutto il giorno, ricorda quei tempi...
    anche se credo che neanche durante i bombardamenti ci fosse una frequenza media di un aereo ogni nove minuti.

    Qui piogge monsoniche nelle ultime 24 ore. Ancora tonnellate di sostanze cancerogene recapitate direttamente nelle falde acquifere. E campi allagati, per gentile omaggio della feccia satanica e dei suoi complici governativi agli agricoltori, quando mancavano solo pochi giorni alla trebbiatura del grano. Ora le spighe sono appiattite sul terreno secondo il copione che si ripete, peggiorato, dagli ultimi cinque o sei anni.

    RispondiElimina
  7. Forse sono stato frainteso....
    Io mi sono permesso solo di porre il dubbio sull'inclinazione non su tutto il resto...
    Figurati non ho nemmeno visto la foto originale.. e non mi permetterei mai di contestare i tuoi articoli o cio' che affermi (vista l'enorme esperienza nel campo...).
    Parlavo del fatto che lo sfondo del cielo pare inclinato e pertanto mettendolo dritto (ruotando la foto in senso antiorario) gli aerei risulterebbero inclinati.
    Poi sinceramente trovo molto piu' false le scie che il resto.... quindi quando mi dici che sono disegnate ci credo senza problemi.
    Io comunque non sono un esperto di foto ritocco e non saprei giudicare con certezza.
    In ogni caso sono consapevole che la mole di notizie che si trovano in giro e' diventata talmente ampia che purtroppo spesso s'incorre in diffondere notizie prive di una totale attendibilita.
    E' capitato in primis a me stesso che nel tentativo di condividere con amici e parenti la realta' delle chemitrails mi ritrovassi involontariamente ad "ampliare" certe cose con fatti non proprio certi ma piu' che altro ipotizzabili. Cio' per un innata voglia di far capire alla gente cosa prova chi come noi vede con tanta chiarezza e sicurezza la realta' dei fatti.
    Pertanto se ti sei sentito attaccato chiedo venia non era mia intenzione.

    RispondiElimina
  8. Vero, in Piemonte oggi è stata la giornata degli aerei bianchi a quote medie, cielo abbastanza limpido e polimeri in caduta libera. Sempre più preoccupante.

    RispondiElimina
  9. Cambiando discorso...

    Qui dalle mie parti (Palermo) certamente la situazione del clima e' piu' che mai anomala...
    Abituati da anni ad avere come mesi invernali esclusivamente Gennai e febbraio... ormai non si capisce piu' nulla !!
    un giorno 35 gradi e a nenache 24 ore di distanza 20 in meno !!!
    Comunque mi rendo conto (e non ne ho capito il perche') che qui in sicilia la situazione e' si peggiorata negli ultimi 2 anni ma e' molto diversa da quella del resto d'italia specialmente se paragonata al lazio, alla liguria o la sardegna. Almeno da cio' che leggo sui vostri commenti e i video in giro su youtube !
    Qua ad esempio l'ultima irrorazione risale a domenica scorsa a meno che non c'e' ne siano stati di notturne.

    RispondiElimina
  10. Certo è che se ti nascondi con un proxy, la cosa non depone a tuo favore, anche perché è la prima volta che scrivi e guarda caso in una circostanza particolare, come spesso si verifica in taluni frangenti.

    Comunque, come vedi ho inclinato la foto in modo tale da portare la striatura in posizione orizzontale (Bertotti diceva che la foto era stata ritagliata e raddrizzzata per motivi che mi sfuggono), eppure gli aerei risultano sempre troppo in assetto, rispetto alla virata.

    Comunque, che io ricordi, non ho mai presentato dati confutabili, tanto è vero che gli unici commenti che ho visto in questi anni sono stati solo una collezione infinita di insulti. Non v'è nessuna foga, tanto è vero che questo studio giaceva da mesi.

    Quella del post non è l'unica foto spacciata per "prova" e che poi risulta essere il frutto di un maldestro lavoro di grafica al computer. Ve ne sono altre... ma a tempo debito ne renderò conto.

    RispondiElimina
  11. Le Alpi liguri sono incappucciate di neve: sarà neve artificiale? Probabile.

    RispondiElimina
  12. Non mi nascondo con un proxy volontariamente..
    Sto lavorando scrivo pertanto da un pc aziendale che peraltro mi apre solo alcuni siti e non tutti.
    E' la prima volta che posto ma vi seguo ogni giorno da un annetto e piu. Sono un ragazzo che ti ha scritto una mail a dicembre allegandoti delle foto di scie lasciate il 27 dicembre a palermo, abbiamo avuto un brevissimo scambio di opinioni.

    Capisco giustamente la tua diffidenza vista le continue attenzioni a te riservate.... ma ti assicuro che non sono un disinformatore o altro... Anzi siccome ho intenzione di essere piu' presente probabilmente mi vedrai riscrivere piu' spesso e anche da casa dove non ho alcun proxy...

    Comunque sappi che hai almeno 200 o 300 persone solo nel mio ufficio che ti leggono grazie a me e qualche altro collega che da tempo ti seguiamo. Siccome non possiamo distrarci granche' nessuno scrive ma tutti apprendono... ;-)


    Un saluto !!!

    RispondiElimina
  13. Molto bene, allora accetta le mie scuse.

    RispondiElimina
  14. Perfetto !

    Non credo tu debba scusarti ...proprio perche' ti leggo so' benissimo cosa succede ogni giorno con quei mascalzoni e mi aspettavo qualche reazione di difesa peraltro perfettamente giustificata.

    Ti ringrazio comunque per aver dato evidenza ... mi spiace dell'iniziale fraintendimento.

    Comunque se non altro si continua la lotta ....

    A presto ora ho finito il mio lavoro e torno a casa se posso piu' tardi mi faccio vedere allo scoperto ... :-))

    RispondiElimina
  15. Chissà perchè ogni volta che Straker tira fuori prove evidenti della disinformazione, i vari blog cominciano a scimmiottare le sue tesi.

    Vorrei sapere chi si ostina a credere che il freddo autunnale di questi giorni, i cambiamenti repentini di temperatura e le piogge chimiche siano normali.

    ANch'io mi ero avvicinato al fenomeno con titubanza ma, non c'è voluto molto a capire da quale lato fosse la verità.

    I miei complimenti a Sardella per l'intervista anche se avrebbe dovuto essere più incisivo, piuttosto che aspettare il tuo supporto telefonico.
    Queste occasioni per ottenere risalto mediatico non devono mai essere sottovalutate!!
    A proposito, chi è??

    RispondiElimina
  16. E' vero. Devo qui ringraziare l'amico Dario Sardella per aver trovato un ulteriore canale di diffusione delle preziose informazioni che altrimenti rimarrebbero relegate al Web.

    Dario si sta adoperando da mesi, sia sulla Rete sia sul campo affinché sempre più persone inizino ad osservare il cielo con attenzione e spirito critico.

    @ Webchising-gigacenter

    Incidente chiuso.

    RispondiElimina
  17. Ginger, qui abbiamo visto passare pochi aerei a bassa quota e senza scia, forse in via di trasferimento alla base. La giornata è stata stupenda sin dalel prime ore del mattino, con una luce solare incredibilmente vivida. Aria frizzante e livelli di umidità nello standard di un tempo (elevata). Nubi naturali e cielo blu.

    Mi spiace per coloro che, invece, hanno subìto la solita dose di aerosol. Mi domando ancora da cosa dipenda questo fermo nella nostra zona.

    RispondiElimina
  18. @ginger esattamente Quei polimeri assomigliano tanto ai pollini del pioppo, bisognerebbe farli analizzare!

    RispondiElimina
  19. Gigetto, il clima torna "a regime" non appena interrompono le operazioni di irrorazione e questo è ormai un dato statisticamente assodato. In questo quadro vedo normali anche gli sbalzi di temperatura, tipici di un territorio come l'Italia. Piuttosto, come fa notare Giulia, i pianificatori ed attuatori del disastro ambientale, sono molto chirurgici nel pilotare le grosse perturbazioni nei periodi del raccolto. E' già accaduto, purtroppo e quando gli agricoltori inizieranno ad aprire gli occhi, sarà sempre tardi.

    RispondiElimina
  20. E' vero, Giulia, si sente il rombo degli aerei chimici che alla chetichella questa mattina sorvolavano il litorale ligure, forse diretti verso altre regioni su cui riversare il loro carico di veleni.

    Il rombo è fastidioso ed inquietante, ma pochissimi lo odono.

    Ciao

    RispondiElimina
  21. Webchising-gigacenter il tuo contributo ha fatto comprendere una cosa: quando la gente spunta dal nulla e contesta degli argomenti sembrando assolutamente in malafede, la diffidenza iniziale (giustificata dai continui attacchi di utenti cloni) si scioglie come neve al sole allorchè si scopre di trovarsi davanti a persone di buon senso che dimostrano acume e intelligenza.

    Bravi entrambi.

    RispondiElimina
  22. qui c'è una schiarita, guarnita da scie allargate tipo "a pecorelle".
    credo abbiano innaffiato tutto il giorno sopra la perturbazione, infatti non ha piovuto quasi per niente.

    RispondiElimina
  23. http://video.tiscali.it/canali/News/AP_Esteri/52577.html

    http://quotidianonet.ilsole24ore.com/esteri/2010/06/20/347674-marea_nera_capo.shtml

    Alla faccia quanto gliene importa!

    RispondiElimina
  24. Questa mattina delirio di scie tutte lunghe e persistenti,forse in onore alla puntata di stasera di Mistero..Ci odiano e ci disprezzano ma sono generosamente ricambiati.

    RispondiElimina
  25. Qui zona Perugia ieri -10 gradi rispetto alla norma.L' anno scorso lo stesso periodo piogge torrenziali per giorni,dopodiché caldo torrido con più di 30 gradi.Cielo,clima, temperature e venti completamente mutati rispetto al passato.E' da tempo immemorabile che non riesco a vedere un cielo veramente terso per più di una, due ore.Dopo quello stato di grazia arrivano i soliti a rovinare la festa.

    RispondiElimina
  26. @mercury
    Ho guardato una animazione su internet, delle possibili conseguenze della marea nera:

    http://www.youtube.com/watch?v=pE-1G_476nA&feature=player_embedded

    E' un disastro senza precedenti, il petrolio sospinto dalla corrente del Golfo potrebbe inquinare tutta la East coast del Nord America e successivamente diffondersi nell'Oceano Atlantico. E i responsabili cosa fanno? Giocano a golf oppure vanno in barca a vela prendondosi gioco della gente comune.
    Tanto chi vuole informarsi lo sà che questo è l'ennesimo disastro premeditato, basta leggere le carte degli illuminati:

    http://cid-9f33f6e14912f497.photos.live.com/self.aspx/Illuminati%20NWO%20card%20game/oilspill.png

    Bastardi!

    RispondiElimina
  27. Personalmente sono coscente del problema scie chimiche e me ne batto il cazzo dei disinformatori, sono solo dei poveracci che fanno un lavoro di merda. A me risulta che durante la seconda guerra mondiale usassero dei fumogeni più simili a quelli delle manifestazioni per creare un velo nel cielo e rendere la vita difficile alla contraerea e attutire il rombo dei motori per favorire il lavoro dei bombardieri. La foto è sicuramente un Fake, lo capirebbe anche un bambino.

    RispondiElimina
  28. Sono perfettamente d'accordo con te, Portierino. Il punto è che certe foto vengono prese per buone anche dai profani e/o da alcuni attivisti, per cui è meglio mettere un freno a questa deriva di disinformazione involontaria anche da parte di chi si batte contro le chemtrails.

    Gigetto, hai ragione. Qui sono davvero augelli per diabetici.

    RispondiElimina
  29. Qui basso Piemonte, situazione di pochi minuti fà:

    http://img13.imageshack.us/img13/6899/p1000663ka.jpg

    Innocue velature in direzione del Sole. Moderata attività chimica nei cieli sopra le colline piemontesi. Si prospetta un'annata DOC per i vini :-(

    RispondiElimina
  30. Ciao Straker,
    stamattina ho assistito (fino a poco fa) ad uno spettacolo che non lascia adito ad interpretazioni sul fenomeno delle irrorazioni.

    Chiunque abbia assistito a quello che ho visto avrebbe avuto una idea precisa se avesse letto alcuni post di questo blog.

    Dalla prima mattinata, su Roma è comparso un fronte delimitato da una linea NETTISSIMA tanto da sembrare tracciata nel cielo con una riga.

    Tra la linea del fronte e la parte libera di cielo, si assisteva ad un sorvolo IMPRESSIONANTE di aerei, tutti sulla stessa rotta, parallela alla linea fronte.
    Praticamente hanno irrorato di continuo l'area antistante, per evitare il propagarsi del fronte su Roma.
    Ho scattato una foto che trovi al seguente link:
    http://www.mediafire.com/imageview.php?quickkey=gtytymttfje

    Purtroppo è fatat con il cellulare e non rende molto l'idea.

    RispondiElimina
  31. Ahahahahah
    Grande Rosario !
    Che cattivone che sei, i disinformatori (tanto per cambiare) hanno fatto le solite ore piccole vomitando i soliti insulti sul pezzo (ovviamente copiaincollato come al solito da EhSiSonoScemoEh su neuron-enemy).

    Notate gli orari di alcuni interventi di impagabile spessore.

    Monday, June 21, 2010 11:01:00 PM GMT+02:00
    Monday, June 21, 2010 11:46:00 PM GMT+02:00
    Monday, June 21, 2010 11:56:00 PM GMT+02:00
    Monday, June 21, 2010 11:58:00 PM GMT+02:00
    Tuesday, June 22, 2010 12:02:00 AM GMT+02:00
    Tuesday, June 22, 2010 12:06:00 AM GMT+02:00
    Tuesday, June 22, 2010 12:22:00 AM GMT+02:00
    Tuesday, June 22, 2010 12:33:00 AM GMT+02:00

    Casi sempre più da curare !

    RispondiElimina
  32. Ho cancellato il secondo commento in quanto questo, stranamente, appare come descrizione all'articolo se questo viene condiviso su Facebook o altri canali. Mai successa una cosa simile.

    Uhm... sento puzza di bruciato.

    RispondiElimina
  33. Ciao Sledge-hammer, sono dei poveracci.

    Mio padre mi ha confermato ora che gli aerei che vedeva lui al tempo della guerra non rilasciavano alcuna scia.

    Hanno voglia d insultare. Avanti di questo passo si prenderanno un'ulcera perforata.

    RispondiElimina
  34. D'altra parte basta alzare gli occhi al cielo per capire che cio' che vediamo nn sono scie di condensazione. E udire i rombi continui e vedere aerei di tutti i tipi non è cosa normale, cosi' come non lo è quella foto atta a dimostrare l'indimostrabile.

    RispondiElimina
  35. A onor del vero devo dire che sono 2 giorni che l'attività di aereosol qui è assai ridotta rispetto allo standard, e stamattina addiruttuta non mi pare ci siano stati passaggi. Non a caso il colore del cielo è piu' bello e naturale, e il calore del sole più godibile. Quanto durerà ?? Ricordo che anche i primi 2 giorni successivi alla mandata in onda di Mistero le scie erano praticamente assenti qui, e stasera sappiamo che c'è la replica... Un caso ? Non credo.

    RispondiElimina
  36. signori il fatto è questo: prima del 2002.2003 non c'erano scie in italia. qualcuno dice di averle viste prima perchè probabilmente erano i soliti esperimenti prima della "entrata in regime".

    oltre a questo c'è anche da ricordare che nessun "vecchio"* ricorda le scie degli aeroplani durante e dopo la seconda guerra mondiale. semplicemnte le scie prima non c'erano, e adesso ci sono eccome. bisogna essere in qualche modo ritardati per non capire questo semplice fatto

    concludo ricordando a tutti che queste scie che dovrebbero essere "vapore e ghiaccio" DISTRUGGONO le nuvole naturali. proprio ora i militari stanno sciogliendo una perturbazione in arrivo. cioè ragazzi...il vapore che distrugge le nuvole in pochi minuti non esiste,suvvia.....


    *apparte un certo "cassinis": geofisico che collabora con l'aronautica(!) sui progetti di geoingegneria

    RispondiElimina
  37. @ giggettosix
    eccellente segnalazione video!
    il fatto che il petrolio si sia già incanalato nella corrente del golfo, purtroppo, non è più un'ipotesi. ma sta già avvenendo.
    in oltre non so se ti sei letto la notizia postata un po' di tempo fa, sul fatto che tutta la zona del disastro è stata blindata, e sono arrivate truppe onu...che altro dire..? sarebbero lì per rimediare..

    "La Transocean informa attraverso il suo sito web che la piattaforma Horizon Deepwater è stata costruita nel 2001 dalla Hyundai Heavy Industries nel cantiere della Corea del Sud ed è progettato per funzionare in acqua fino a 8.000 metri di profondità. Secondo la società proprietaria che dispone di 14 impianti che lavorano nel Golfo del Messico e 140 in tutto il mondo, la Horizon Deepwater "E 'una delle piattaforme più avanzate".

    http://petrolio.blogosfere.it/2010/05/marea-nera-e-gia-nella-corrente-del-golfo.html?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=Feed:+blogosfere-39+%28Petrolio%29

    http://www.mainfatti.it/marea-nera/Marea-nera-a-rischio-anche-Irlanda-e-coste-europee_012821033.htm

    auguro tonno avariato a volontà, ai fautori dell'inferno sulla terra.

    RispondiElimina
  38. qui è possibile notare la disfatta delle perturbazione.

    http://magazine.enel.it/meteo/ElisaAnim.asp?lvl=e&tipo=bis&satDove=europa

    RispondiElimina
  39. Non sò se qualcuno di voi lo ha notato, ma tra i titoli dei temi della maturità 2010 è uscita la traccia: "Ufo non siamo soli?". Davvero interessante...

    RispondiElimina
  40. Ciao Gigetto, sì hanno quell'aspetto; alcuni si presentano distesi come dei fili. Si vedono bene in controluce, guardando verso il sole (ma riparandosi dalla luce diretta, magari in prossimità del muro di una casa, per non essere accecati). Si tratta, a vista, della stessa roba che tempo fa Tursiops ed il Dott.Pattera analizzarono in prima persona, avendone la possibilità ed i mezzi. Penso che tutti noi possiamo considerare quelle come le analisi più attendibili di cui si possa disporre ad oggi sui filamenti di ricaduta, considerate le fonti. Ricordo che entrambi erani stati molto meticolosi e particolareggiati nell'esposizione dei risultati e ne avevano anche il titolo. Se penso che la situazione odierna in cui ci troviamo è quella di doversi affidare, per dei controlli "ufficiali", a centri in cui lavorano anche alcuni famosi disinformatori, che esortano la gente a rivolgersi a loro nel caso si volessero far eseguire delle analisi...non è una situazione tanto rassicurante. Hanmar, mi sembra, consiglia di andare direttamente da lui, il che equivale pressapoco a consegnarsi direttamente nelle fauci del drago. Questa è la realtà; non ci sono delle belle prospettive per le indagini e mi dispiace, poichè a volte vorrei fare di più.
    Ciao a tutti.

    PS: certo però abbiamo un'arma favolosa: la divulgazione. :-)

    RispondiElimina
  41. Oddio un tema sugli UFO ????
    Un vero "scandalo", un orrore per gli adoratori di Piero Angela.
    Scommettiamo che prossimamente "qualcuno" attaccherà ferocemente il ministro della pubblica istruzione, accusandola di complottismo e di essere una cialtrona ?

    RispondiElimina
  42. E va là, come non detto.... Hanno bello che ripreso le operazioni: rumori insistenti e scie qua e là, formazioni lattiginose un po' ovunque nel cielo. :(

    RispondiElimina
  43. Sui filamenti è d'uopo far notare che si vedono in tutte le stagioni. Altro che ragni volanti d'autunno!

    RispondiElimina
  44. Come volevasi dimostrare !!!!!

    Orsovolante said...
    OT

    ma è vero che tra i temi d'italiano per l'esame della maturità c'erano gli UFO? Siamo ridotti a questo punto o è stato uno scherzo nei sottotitoli del TG2?
    Tuesday, June 22, 2010 3:37:00 PM GMT+02:00

    RispondiElimina
  45. Ciao ragazzi, qui in Abruzzo e precisamente a Vasto il cielo è diviso a metà: verso sud-ovest c'è un cielo un pò azzurro ma velato, mentre verso nord-est è coperto da grosse nuvole nere e penso che stasera porteranno pioggia.
    Ieri sera ho notato una cosa un pò strana: fino a verso le ore 23:00 circa pioveva fortissimo e c'era un forte vento. Verso le 00:15 aveva smesso di piovere ed il cielo si era quasi totalmente pulito e fin qui tutto ok. La cosa strana che ho notato è che continuava a cadere una timida e sottilissima pioggia anche con il cielo stellato. Questa cosa non l'avevo mai vista prima dalle mie parti. Pioggia con cielo stellato!? Sarà percaso la smart dust???

    RispondiElimina
  46. Sledge-hammer, sono dannatamente prevedibili.

    Ah! Il Garante mi ha informato che le doglianze di orso e gli altri non sono di sua competenza.

    RispondiElimina
  47. Alfredo, in certi casi si può solo immaginare una "nuvola di Fantozzi", oppure...

    RispondiElimina
  48. Il massacro "Scie Chimiche" è una realtà quotidiana che va avanti a ritmo serrato in maniera spudorata....anche di notte..!
    E' vero per adesso.....la ns unica arma è la divulgazione,che deve essere ogni giorno sempre più martellante..!
    Ps. questa sera nel programma Mistero si riparlerà di scie chimiche...speriamo in qualche novità.
    Saluti da Genova,anche oggi sotto attacco chimico..!
    Doriano54

    RispondiElimina
  49. Eh si Rosario !
    Vuoi vedere che tra non molto Kattivix ci farà su il solito mega-articolone sul Disingeriatrico ?
    "Adesso pure le bufale a scuola ! Urgono provvedimenti !!! La colpa è di Voyager e Mistero !!!!"

    RispondiElimina
  50. L'armata brancatopone al completo sarà costretta agli straordianari.

    Mi riferiscono che ad Imperia le danze sono iniziate questa mattina alle 10 in grande stile, subito dopo un forte boato in atmosfera.

    RispondiElimina
  51. Doriano, tra i blog che segui c'è "il sussurro di darko", noto disinformatore doppiogiochista.

    RispondiElimina
  52. Si profilano all'orizzonte i Cavalieri dell'Apocalisse.

    Atmosfera da basso impero.

    Riprese in Liguria le operazioni con scie sfilacciate, coperture chimiche, deflagrazioni ed oscuramento.

    Doriano, Darko è un fedifrago.

    Ciao a tutti.

    RispondiElimina
  53. qui cielo coperto grigio, deprimente. non sembra proprio il 22 giugno! :(

    RispondiElimina
  54. Incredibile Rosario !!!
    Sono di una prevedibilità disarmante.
    Infatti come dicevo prima, Kattivix non ha perso tempo:
    http://tinyurl.com/33zdcjg
    Addirittura si scaglia contro chi ha scritto la traccia del tema, reo di aver abusato di una consonante....detto da uno che ha assassinato la lingua italiana coi suoi neologismi viene proprio da ridere.

    OT Rosario permettimi di rispondere a questo simpaticone

    The Foe-Hammer said...
    Sledge-hammer, cambia il nick, stai violando il mio copyright, c'e' il rischio che venga confuso con un minkione come te !!!!!


    La mia risposta ?

    PUPPA !!!

    RispondiElimina
  55. http://www.cun-italia.net/faq/ufo-govari.htm

    RispondiElimina
  56. Ma perchè Attivissimo non si dedica al giardinaggio?

    RispondiElimina
  57. Luca, quel documento andrebbe letto da chi dico io...

    RispondiElimina
  58. Appena è tornato un po' di tepore rombi soliti e via a sciare di nuovo.Tramonto immaginabile.

    RispondiElimina
  59. Guardate che fare i servi leccaculo non è mica facile,alla lunga si và in depressione!.

    RispondiElimina
  60. Ciao a tutti
    un caso anche questa fuoriuscita di petrolio nel mar Rosso?

    http://notizie.virgilio.it/notizie/esteri/2010/06_giugno/21/egitto_cairo_conferma_fuga_di_petrolio_nel_mar_rosso,24871635.html

    e questo?
    http://notizie.virgilio.it/notizie/esteri/peace_reporter/2010/06_giugno/18/yemen_sventato_attentato_contro_oleodotto_di_mareb,24824015.html

    Saluti e ci si sente dopo Mistero.

    RispondiElimina
  61. A proposito di petrolio e del golfo,ma il presidente Barack Obama a parte mostrare il muso duro in tv contro la BP che cosa stà facendo in pratica per risolvere il problema?.
    Non credo gli manchino i mezzi o l'autorità per fare quello che vuole.

    RispondiElimina
  62. Stamattina su Roma c'era una di quelle splendide giornate di sole... ma un parametro invariabile e costante del criminale programma climatico vuole che nelle ore centrali del giorno, la luce solare venga assolutamente oscurata.

    E così, come ben sapevo, dopo svariati passaggi di aerosol persistenti, verso le 11,00 comincia ad apparire uno strato di nuvolosità che, parcheggiandosi sulla città, nel giro di un ora oscura totalmente il sole, minacciando temporali. E infatti nel pomeriggio ha piovuto.
    Negli ultimi sei mesi ci saranno stati circa 20 giorni (spalmati nei sei mesi) di luce solare fiacca, priva secondo me, di qualche radiazione componente il suo spettro.
    Alle elementari ci hanno insegnato che il sole é fonte di vita... ognuno tragga le proprie conclusioni.

    RispondiElimina
  63. Dai Ragazzi,lasciamo perdere le questioni personali..non mi pare proprio il caso di trattarli quì..!La nostra deve essere una lotta "COMUNE" eseguita con tutta la buona fede e volontà possibile senza che nessuno "viaggi" con la volpe sotto l'ascella...tanto prima o poi tutti i nodi andranno al pettine..!
    Ps.io caro Straker,seguo "il sussurro di darko" (come seguo il tuo o altri blog) perchè tratta/no argomenti che mi interessano;poi che sia un noto disinformatore doppiogiochista...non saprei proprio cosa dirti,come non saprei cosa dire a Zret,quando mi dice che Darko è un fedifrago.
    saluti a tutti

    RispondiElimina
  64. Sai com'è, Doriano, per me non esistono tonalità di grigio.

    Darko frequenta la "compagnia degli scettici allegri e già questo fornisce un sufficiente quadro.

    RispondiElimina
  65. Sfida aperta,nonostante la trasmissione oggi sciate come ieri,lunghissime e ultrapersistenti.
    Meglio così,l'opera di convincimento sarà piu' facile.Ai piloti,vi siete accorti che quiì i capponi totali non riuscite più a farli come un'anno fà?.
    Le vostre sciate restano belle visibili all'ammirazione di tutti.
    Work in progress.

    RispondiElimina
  66. Buongiorno a tutti.

    Mi segnalano, e riporto, che un aereo chimico è ben visibile su Google Maps puntato su Patone (Trentino):

    http://maps.google.it/maps?f=q&source=s_q&hl=it&geocode=&q=patone&sll=41.442726,12.392578&sspn=23.481457,39.506836&ie=UTF8&hq=&hnear=Patone,+Isera+Trento,+Trentino-Alto+Adige&t=h&z=15

    RispondiElimina
  67. Passa a pelo del monte Stivo (2040 metri). La scia si interrompe e riprende prima ed oltre la cima. Molto interessante!

    Ora vediamo se in quella zona esiste un corridoio e, sopratutto, a che quota volano su quel tratto.

    Grazie per la segnalazione! ;-)

    RispondiElimina
  68. Ciao Straker, dato che questo è un post che guarda alla storia (addirittura falsificandola) faccio questa citazione storica vera questa volta:

    U.S. Defense Secretary William Cohen Warns about eco-terrorism using scalar
    electromagnetic weapons "Others [terrorists] are engaging even in an
    eco-type of terrorism whereby they can alter the climate, set off earthquakes,
    volcanoes remotely through the use of electromagnetic waves... So there are
    plenty of ingenious minds out there that are at work finding ways in which they can wreak
    terror upon other nations...It's real, and that's the reason why we have to intensify our
    [counter terrorism] efforts." - Defense Secretary William Cohen, 1997

    In questo mondo orwelliano, lascio all'immaginazione del lettore chi siano realmente i terroristi.

    RispondiElimina
  69. Ron, i veri terroristi sono coloro che accusano gli altri di esserlo, ideando e perpetrando scelleratezze che vengono poi attribuite al "nemico esterno". Il documento da te riportato, è citato spesso anche dalla scienziata Rosalie Bertell.

    Ciao

    RispondiElimina
  70. Ma perché Attivissimo continua a scrivere, lui che non ne è capace?

    RispondiElimina
  71. Zret,si vede che è pagato bene anzi benissimo, visto l'impegno che ci mette nel disinformare.
    Massima espressione dei gatekeeper,guardiani del sistema che hanno venduto la loro dignità(e non solo quella).

    RispondiElimina
  72. Nonostante la replica di "Mistero" ieri sera in cui si è parlato di scie chimiche questa mattina attacco massivo su tutta la provincia di Latina. Già alle 8:00 presenti svariate X e scie in rapiddissima espansione. Io speravo di godermi un paio di gg di aria pulita grazie alla trasmissione. Mi sbavagliavo.
    Sono daccordissimo con chi ha detto che la nostra unica arma è la divulgazione. Solo un consiglio: non facciamo mai sapere al "nemico" quale è la nostra strategia. Muoviamoci nell'ombra, non scriviamo mai dove abbiamo intenzione di "volantinare" o "attaccare manifesti". Ognuno applichi una strategia di "continuità" della divulgazione. Finalmente oggi, alla fermata del bus, ho visto tanta gente con la testa all'insù a commentare le scie nel cielo. Piano piano sempre più gente se ne sta accorgendo. Quello che possiamo fare noi è accelerare il processo, cercando quindi di coinvolgere sempre più persone. Vince solo chi crede in quello che fa. Io ormai la vivo come una sorta di missione umanitaria, e mi sento molto meglio.

    RispondiElimina
  73. Grazie Zret, mi sono accorto di un'inesattezza lessicale. L' "addiritutta falsificandola" è riferito ai debunkers naturalmente non a questo post.

    @ emmai1975

    Sono perfettamente d'accordo con te. Ognuno faccia quello che può per divulgare, senza annunciarlo troppo, soprattutto qui.
    Ti assicuro però che articoli come quello di Oggi hanno avuto un impatto molto significativo sulle persone che conosco, penso superiore agli stessi volantini.
    Il media è il messaggio diceva qualcuno McLuhan :-)

    RispondiElimina
  74. Sono d'accordo con emmai1975. Questo blog è tenuto sotto controllo sino all'ultima sillaba, per cui chiunque intenda coordinare attività di informazione dentro e fuori dalla Rete, lo faccia con discrezione e non qui.

    Ron, i governi sono maestri nell'attuare atti terroristici e nell'addosare poi la colpa al primo malcapitato. E' un modus operandi che i servizi segreti italiani hanno saputo ben attuare ed al quale si sono poi ispirate altre amministrazioni. Il caso Falcone insegna.

    RispondiElimina
  75. Qualcuno ha provato a confutare le conclusioni dell'articolo con la giustificazione della "virata piatta". Nulla di più improbabile per i motivi che vengono esposti qui.

    Grazie a S. per il suo prezioso contributo.

    RispondiElimina
  76. La merda resta sempre merda comunque la si giri.
    Attacco continuo da questa mattina presto,adesso non meno di 4 aerei contemporaneamente.
    Bravi,chissà quanti soldini prendete con tutti questi straordinari e fate bene visto che vi serviranno per curarvi.

    RispondiElimina
  77. Bravo, Emmai, è una strategia molto oculata.

    Ho notato che l'articolo di Oggi, pur nella sua magrezza, ha sortito qualche effetto non trascurabile.

    RispondiElimina
  78. La virata piatta,bella,fra un po' ci saranno anche le cabrate discendenti!.
    Quà non riescono a coprire e sono scatenati,ma caxxo quanti aerei hanno?.

    RispondiElimina
  79. é evidente che c'è chi fa le orecchie da mercante, che la virata piatta non sia usata nel volo normale ma solo in particolari condizioni non è un mistero.
    Copiare da wikipedia e creare un'immagine per confutare una propria tesi aggiungendo la dicitura i bombardieri non lo fanno è falsificare le informazioni.

    Ho detto che una delle possibili spiegazioni alla mancanza di inclinazione dei veivoli è una virata piatta.
    Questo è un ottica Norden: http://www.twinbeech.com/norden_bombsight.htm
    non è altro che un visore con un calcolatoreche agisce sull'autopilota del veivolo. Una volta puntato l'obbiettivo il calcolatore entra in funzione per stabilizzare il veivolo e fare le dovute correzioni di rotta, dato che le correzioni erano minime o con cambiamenti di rotta non repentini, il calcolatore agiva sul timone, una virata tradizionale ripeto porta ad un cambio di quota e di assetto orizzontale che in una situazione di bombardamento influisce negativamente, il sistema era automatico nel controllo dell'aereo ma le bombe erano sgangiate dall'operatore azionando un interruttore, se per fatalità il congegno avesse effettuato una virata tradizionale nel momento di rilascio delle bombe avrebbe mandato le bombe fuori bersaglio, si tratta di calcoli al millesimo un grado fuori rotta equivale a dire bombardare quasi un kilometro fuori bersaglio.

    RispondiElimina
  80. Guarda che quelle strisce sono state aggiunte e questo non solo per l'assenza dell'inclinazione degli aerei, per cui non vedo perchè tu debba insistere con ridicole arrampicate sugli specchi.

    Mi spieghi come fosse possibile un bombardamento di precisione da oltre 8000 metri a quell'epoca? Non farmi ridere, per favore.

    *******

    Come già altre volte spiegato, queste fortezze volanti non erano in grado, a pieno carico, di arrivare a quote idonee alla formazione di contrails, in quanto la rarefazione dell'aria e la perdita di efficienza dei motori avrebbero fortemente ridotto l'autonomia di volo e quindi per lo meno compromesso il rientro alla base di partenza.

    Il B-17 nasce a seguito di una specifica richiesta dell'8 agosto 1935 da parte dell'American Army Air Corps per un bombardiere capace di raggiungere i 400 km/h, con un'autonomia di 3.200 km e con una quota operativa di 3.000 metri.

    Il modello 299 (Boeing B-29 Superfortress) ulteriormente sviluppato e rinominato YB17 era molto più potente e poteva volare ad una quota molto maggiore, ma l'American Army Air Corps ne possedeva solo trenta. Non fu pienamente operativo prima del 1945. Nel 1941 20 B-17 furono spediti in Inghilterra ma non dimostrarono grandi doti: il primo in volo sull'Inghilterra precipitò, durante la prima missione, le mitragliatrici si ghiacciarono e le bombe furono sganciate fuori obiettivo.

    Per ovviare a questi problemi gli inglesi aumentarono la corazza e l'armamento riducendo la quota operativa.

    Il B-17 fu usato in tutti i teatri operativi della Seconda guerra mondiale. La prima operazione è dell'agosto 1942. In seguito, venne impiegato principalmente per bombardamenti diurni di precisione a quote vicine ai 4000 metri, su fabbriche e raffinerie dall'U.S.A.F., mentre la R.A.F. si occupava di quelli notturni.

    I B-17 volavano normalmente attorno ai 300 kmh a pieno carico, con tangenza di 6.000-8.000 metri, più spesso attorno ai 7.200-7.800 m. Una volta scarichi, i B-17 possono salire oltre i 10.000 metri oppure accelerare a circa 500 kmh, ma, data l'assenza della pressurizzazione, tali altitudini non potevano essere mantenute per molto tempo. Infatti, oltre alle mitragliatrici, anche la saliva nella maschera d'ossigeno si ghiacciava, per via delle basse temperature.

    RispondiElimina
  81. La Royal Air Force (RAF) entrò in guerra senza possedere bombardieri pesanti e in attesa del 1941, anno di consegna dello Short Stirling e dell'Handley Page Halifax, la RAF strinse un accordo con la USAAC sin dall'inizio del 1940, per la fornitura di 20 B-17C, che vennero rinominati Fortress I. La loro prima operazione avvenne contro la città di Wilhelmshaven, l'8 luglio 1941[24][32][33]. A quell'epoca, gli Air Corps statunitensi consideravano la quota di 20.000 piedi (6.096 m) già come un volo ad elevata altitudine e come tale al riparo da minacce provenineti da terra. Di conseguenza, l'equipaggiamento di bordo era stato progettato per operare alle temperature normalmente riscontrabili a quella quota; malgrado ciò, la RAF, preoccupata di essere intercettata dagli aerei tedeschi da caccia dell'epoca, bombardò le installazioni navali da una quota superiore, arrivando a volare a 30.000 piedi (9.144 m)[34]. I bombardieri non riuscirono a colpire i bersagli da una quota così alta, anche in considerazione del fatto che questa serie di velivoli aveva come sistema di mira non il sistema di puntamento Norden USA (considerato segretissimo), ma un sistema inglese della Sperry ancora in fase di sviluppo; inoltre le temperature alla quota operativa prescelta furono tali da congelare i meccanismi delle mitragliatrici[35] e il fatto non provocò conseguenze solo perché i caccia tedeschi attaccanti non riuscirono a compiere la corretta manovra di intercettazione nell'atmosfera rarefatta. Il 24 luglio tentarono il bombardamento di Brest, in Francia, ma anche in questo caso mancarono i bersagli completamente.

    La Fortress B.I AN529 della RAF
    ex-B-17C BO AAF S/N 40-2065
    8 novembre 1941 Nord Africa.A settembre, dopo che la RAF aveva perso 8 B-17C in combattimento o in incidenti, il comando bombardieri abbandonò le operazioni di giorno a causa degli scarsi risultati. Il resto degli aerei fu trasferito a comandi diversi per l'impiego in vari compiti, tra cui la difesa delle coste[35]. L'esperienza aveva mostrato alla RAF e alla USAAF che il B-17C non era pronto per il combattimento e che erano necessari un miglioramento delle difese, un maggiore carico di bombe e una maggiore accuratezza. Queste migliorie vennero introdotte nelle versioni successive. Inoltre, anche con questi aggiornamenti, solo la USAAF voleva continuare ad impiegare il B-17 come bombardiere diurno[34].

    RispondiElimina
  82. Gli Air Corps stavano cercando un velivolo in grado di rinforzare le flotte aeree nelle Hawaii, a Panama e in Alaska[5], come risposta alla possibile minaccia di una flotta nemica verso le coste statunitensi; questa risposta doveva attuarsi attraverso un velivolo dalla grande autonomia e da una altrettanto grande capacità di carico. Il progetto inizialmente si chiamava XBLR-1 (Experimental Bomber Long Range,Nr. 1 - bombardiere sperimentale a lunga distanza n. 1), che fu poi abbreviato in Progetto A[6]. La Boeing realizzò il Modello 294, venne denominato Boeing XB-15, che volò per la prima volta il 15 ottobre 1937 e fu accettato nel marzo 1938, ma giudicato troppo complesso e costoso.

    Di conseguenza, otto settimane dopo, con la circolare 35-26 venne emanata una nuova specifica per un aereo più semplice ed economico[7]. I requisiti prevedevano la capacità di trasportare un carico adeguato di bombe a una quota di 10.000 piedi (3.048 m) per 10 ore con una velocità massima di almeno 320 km/h[1][8]. Erano desiderate, ma non richieste, un'autonomia di 3200 km e una velocità di 400 km/h. Non venivano poste obiezioni alla realizzazione di quadrimotori, anche se l'ordine finale sarebbe stato per 185 bimotori o 65 quadrimotori. La vittoria della competizione sarebbe stata decisa da un volo a Wright Field a Dayton, nell'Ohio. La Douglas propose il DB-1 e la Martin il Model 146.

    Fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Boeing_B-17_Flying_Fortress

    RispondiElimina
  83. Jock, ho dato uno sguardo al tuo vomitevole profilo, per cui, come da regola, qui non sei il benvenuto. Le tue balle puoi continuare a raccontarle a chi vuoi e dove vuoi, ma non qui.

    Chiuso il discorso.

    RispondiElimina
  84. Se le quote di bombardamento erano comprese tra 30000 e 40000mt., non vedo per quale motivo gli aerei avrebbero dovuto volare più alti con la scusa di lasciare delle scie, attraverso le qauli avrebbero anche potuto essere facilmente individuabili.

    Jock forse non considera che è proprio lui a introdurre nuovi elementi a supporto di una tesi finalizzata a giustificare l'improbabile esistenza di una vera scia a seguito dei bombardieri.

    La manipolazione della foto è inconfutabile e mi chiedo a questo punto se l'utente di cui sopra non sia un disinformatore che abbia avuto accesso al blog

    RispondiElimina
  85. Ovviamente, nel post sopra, intendevo 3000 e 4000 mt.
    Mi è scappato uno zero di troppo!

    RispondiElimina
  86. Mi permetto di correggerti, Lollo. Le quote di sganciamento erano non superiori ai 4000 metri.

    Per quanto riguarda Jock, è uno di loro e non vi potevano essere dubbi in proposito. Lasciamo che arranchino con i loro giocattoli rotti.

    RispondiElimina
  87. qui le scie non ci sono...
    http://www.youtube.com/watch?v=YJuDQq8ui2w&feature=related

    RispondiElimina
  88. Ciao, seguo da tempo il fenomeno delle scie chimiche relativamente nelle zone di Milano. Ringrazio il sito Tankerenemy per le informazioni preziose e attendibili che divulga ogni giorno. Personalmente ho avuto modo di venire in contatto e di approfondire lo studio dei filamenti polimerici e anche le mie poche ma mirate osservazioni concordano con quanto analizzato dal dott. Pattera e gli altri. Un saluto a tutti!

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis