lunedì 29 giugno 2009

Scie chimiche e prodotti biologici

Pubblichiamo una ricerca della gentilissima Luigina Marchese, già autrice di un dossier sulle scie chimiche, pubblicato dalla rivista X Times: i risultati delle analisi sono eloquenti. I soliti negazionisti asseriranno che non è possibile dimostrare un collegamento tra il Bario e l'Alluminio rintracciati nei prodotti biologici da un lato, voli chimici dall'altro. Il nesso, invece, esiste, come è stato dimostrato da Clifford Carnicom e da altri insigni scienziati.

Sui numeri 2 e 3 di X Times, affermavo che dai velivoli che sorvolano l’Abruzzo vengono rilasciate sostanze nocive per la salute dell’uomo. Ciò necessita di una verifica che provi sostanzialmente quanto sostenuto. A tale scopo, ho prelevato alcuni campioni di ortaggi direttamente dal mio orto e dal giardino della casa. E’ utile affermare che i prodotti da noi curati non vengono in alcun modo trattati con sostanze estranee. Sono prodotti naturali, biologici. Parliamo, in questo caso, di prezzemolo, lattuga e nespole. Ho preso contatti con l’A.R.T.A. (Agenzia Regionale Territorio Ambiente) dell’Aquila, affinché verificasse se negli alimenti summenzionati vi fossero tracce di metalli. Ai fini delle analisi, è stato necessario operare una scelta, poiché la richiesta di quale metallo si vuole individuare va compiuta a priori, in quanto non è l’analisi medesima nel suo complesso che mette in rilievo la presenza di elementi tossici. Come dicevo, dunque, si è resa inevitabile una cernita, anche perché ogni esame, rapportato ad ogni singolo alimento, ha un costo abbastanza elevato. Vero è che vi sono altre modalità di indagine più complesse, ma lo scorso anno non ne ero a conoscenza. Ho deciso di verificare se vi fossero tracce di Alluminio e di Bario, due fra le sostanze tossiche rilasciate con le scie chimiche, secondo quanto evidenziato da ricerche già effettuate in altre regioni italiane e negli Stati Uniti (confermate anche da Clifford Carnicom).

La risposta è arrivata nell’arco di tre settimane. Sia l’Alluminio (Al) sia il Bario (Ba) sono risultati contaminare i prodotti. Vedi [ qui ] il documento in formato PDF.

- Prezzemolo:
Al -- 462 mg/Kg
Ba -- 8,7 mg/Kg

- Lattuga:
Al – 265 mg/Kg
Ba -- <5

- Nespole:
Al – 102 mg/Kg
Ba -- <5

Questi risultati di per sé non provano che l’Alluminio ed il Bario presenti negli ortaggi derivino dagli aerei, ma la correlazione tra questi metalli ed il passaggio degli aerei è evidente. La situazione è alquanto palese, anche se non per tutti. Mi sono posta allora alcuni interrogativi. Ad esempio, quali sono i corretti parametri di riferimento oltre i quali possiamo affermare che l’assunzione di Alluminio e Bario è pericolosa per l’uomo? La stessa A.R.T.A., in modo sconcertante, non era e non è in possesso di tali riferimenti. Un primo confronto con i dati ricavati dall’Istituto Nazionale della Nutrizione sembra suggerire che i livelli tossici riscontrati siano abbastanza elevati. Ho contattato chimici e dottori in Scienza dell’Alimentazione, esperti in farmacologia per cercare di capire. Altri quesiti da porsi sono i seguenti: da dove proviene quell’alluminio? In che modo potrebbe essere arrivato sui prodotti?




Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!
Puoi votare le mie notizie anche in
questa pagina.


Aggiorna Tanker Enemy nei tuoi preferiti. D'ora in poi questo blog è raggiungibile digitando http://www.tankerenemy.com/

TANKER ENEMY TV: i filmati del Comitato Nazionale

CHEMTRAILS DATA

Range finder: come si sono svolti i fatti

33 commenti:

  1. E' altissimo il livello dei metalli trovato negli ortaggi biologici, soprattutto l'alluminio. Condivido quanto affermato da Luigina Marchese, che esprime perplessità circa i parametri di riferimento di alluminio e bario nei cibi, che dovrebbero essere presenti al massimo in tracce: se pensiamo che, come già chiarito da precedenti articoli sul blog, il limite massimo per l'acqua potabile (di rubinetto e, purtroppo, negli ultimi anni grazie alle recenti normative europee anche in quelle minerali naturali) è 0.2 mg/l, possiamo considerare quegli ortaggi non del tutto normali.

    Da notare inoltre come, PUR NON ESSENDO MAI ESISTITI limiti di tolleranza di metalli (lasciando perdere i gas) nelle acque meteoriche come la pioggia, la neve o la grandine, semplicemente perchè fino ad alcuni anni fa venivano considerate acque prive di elementi, quando si richiede la determinazione di alluminio o bario o altro su queste acque, i laboratori accreditati emettono dei certificati i cui risultati sono affiancati da un valore di riferimento che è quello del metallo previsto per l'acqua potabile, che non c'entra un fico. Anzi, alcuni trattamenti fatti per trasformare le acque di superficie in potabili implicano proprio l'aggiunta di sostanze che contengono questi metalli, come l'allminio, che quindi è ovvio ritrovare poi nel prodotto finale entro certi limiti.
    Non c'entra, quindi, ma in compenso è più che utile per "tranquillizzare" il cliente per i risultati che evidenziano presenze indesiderate.

    RispondiElimina
  2. In effetti, i valori risultano alti: la contaminazione ambientale è evidente e comparabile con la situazione californiana. Un tempo l'acqua meteorica era considerata assimilabile all'acqua distillata, ma oggi anche ad occhio nudo, si nota nell'acqua contenuta in un piccolo recipiente che è piena di filamenti e di microcristalli luccicanti (non sabbia).

    Le etichette delle acque minerali in genere sono incomplete, reticenti e non aggiornate.

    Ciao

    RispondiElimina
  3. documento impressionante.

    ricordiamoci sempre che "l'ipotesi" di spargere alluminio con le scie degli aerei militari è già stata esaminata, UFFICIALMENTE, anni fa.

    anche in questo caso si parlava di "spargere alluminio per schermare i raggi solari e combattere l'effetto serra"

    probabilmente c'è ancora qualche pazzo criminale che pensa che spargere alluminio nel cielo sia innocuo per la popolazione.

    come, per esempio, c'è ancora gente che pensa che l'incenerimento dei rifiuti sia cosa innocua.

    e intanto i militari stanno continuando, e se posso scegliere, preferisco il titanio che è meno tossico.....ma probabilmente i nostri amici fanno dei mix dove mettono di tutto...pensiamo al bario

    aerosol innocui per la popolazione, come no.

    ancora complimenti al governo italiano

    RispondiElimina
  4. Siamo in un cul-de-sac.
    Se i prodotti certificati biologici contengono Al e Ba, nella stessa misura anche tutti gli altri prodotti agricoli li contengono.
    Crescono sotto lo stesso venefico cielo.

    Proprio oggi passavo in una zona vocata all'agricoltura in provincia di Cagliari e guardavo le grandi estensioni di vigneti e oliveti in piena produzione sotto una cappa impressionante creata da una moltitudine di incroci chimici.

    E' tutto irrimediabilmente impestato e se anche dovessero arrestare gli aerosol oggi, ormai queste sostanze che si trovano nel terreno, ci resterebbero per anni ed anni.

    Chi ha pianificato questo falso rimedio contro l'inesistente riscaldamento globale non ha un briciolo di cervello e neppure le competenze per capire quale danno irreparabile hanno creato.

    @Corrado Penna
    confermo copiose irrorazioni oggi sopra Oristano e nel mare adiacente, in piena zona rossa militare interdetta al volo civile.

    RispondiElimina
  5. Segnalo questo post e relativo filmato (mettetelo a schermo intero e visualizzatelo in HQ) per due motivi:

    a) per pubblicizzare il blog dedicato a Sanremo
    b) per evidenziare come i disinformatori siano falsi, bugiardi e cretini nel contempo. Secondo quel deficiente di nico Murdock avrei cancellato le targhe identificative dell'elicottero ripreso.

    Sfido il verme solitario Murdock a dimostrare quello che afferma di fronte alle riprese originali su DVD, sempre a disposizione se se le viene a ritirare insieme a quell'altro deficiente di Wasp.

    RispondiElimina
  6. hahahaha hai visto che succede a diffamare chi lavora.
    Sai una cosa strakkino.
    Il proprietario di quell'elicottero non sta poi cosi lontano da casa tua.

    Magari viene lui a spiegarti dove sono le marche.
    Sai quanto costa un elicottero cosi? Nuovo un paio di milioni di euro.
    sai quanti ne ha il signore in questione?
    6 o 7

    Prega strakkino, prega, che non si sia incazzato e non ti citi per danni.

    Prima o poi a furia di raccontare balle ed insultare chi fa il suo mestiere il naso che lo sbatti.

    te l'ho detto è solo questione di tempo.

    RispondiElimina
  7. Fulvio, lo sai dove potete mettervi quell'elicottero?

    RispondiElimina
  8. "Unmarked Chopper Patrols New York City From Above" Associated Press (05/23/08) ; Hays, Tom
    "Unmarked Chopper Patrols New York City From Above"
    Associated Press (05/23/08) ; Hays, Tom

    The New York Police Department is acquiring more advanced technology for its counterterrorism operations. One of its newest additions is an unmarked helicopter equipped with high-tech surveillance and tracking tools powerful enough to zoom in on a license plate number or a pedestrian's face. A high-powered robotic camera gives the helicopter its observation capability. The camera features infrared night-vision capabilities and a satellite navigation system that lets police automatically zero in on an area by typing in the address on a computer keyboard. The surveillance system can send live footage to police command centers down below or to wireless gadgets that officers are carrying. While hovering over Manhattan, the helicopter was able to take a detailed picture of aircraft waiting to depart from LaGuardia Airport and to assess jet fuel lines at Kennedy International Airport, both in Queens. Police Commissioner Raymond Kelly said that there are not any other law enforcement agencies in the country with "anything that comes close" to the $10 million surveillance helicopter. The department is also investing millions of dollar elsewhere, as it plans on tightening security in the business district in downtown Manhattan by installing closed-circuit television cameras and license-plate readers on bridges, tunnels, and other entrances to the city. It is also using radiation monitors to detect dirty bombs, either asking officers to wear them on their belts, or placing them in cars and helicopters.

    RispondiElimina
  9. ciao a tutti. ho notato negli ultimi mesi che quando piove, al passaggio delle auto, si formano delle scie biancastre sull'asfalto che sembrano schiuma, ma non e' schiuma, dico scie perche' si formano e restano molto tempo dopo il passaggio del veicolo e si formano solo dove le gomme muovono l'acqua, come se la pioggia si emulsionasse per qualche motivo se smossa o agitata, diventando bianco latte.
    dico non schiuma perche' non fa bollicine.
    ho notato anche che il mare non diventa limpido come una volta dopo diversi giorni di bonaccia, se provate a immergervi con una maschera da sub potete notare che l'acqua e' satura di un qualcosa di piccolissimo ma blillante e comunque alquanto abbagliante se visto controluce.
    ragionandoci un po sopra non mi sembra per niente strano nel senso che quando piove piove in terra come in mare.
    comunque, qualcuno ha notato le stesse cose?

    RispondiElimina
  10. Unclepeter, ho notato anch'io questa sostanza biancastra. Credevo fosse il veleno per i topi, ma forse non è così.

    Non ho avuto modo, invece, di osservare l'acqua del mare.

    Osservazioni interessanti ed inquietanti le tue.

    Ciao e grazie.

    RispondiElimina
  11. Fulvio Turvani, non mi trovi dell'umore giusto per pubblicare le tue allucinanzioni. Se volete gli originali del video (che è ancora on line e ci resta!) dovete venire a ritiraevelo tu, eSSSe, Nico Murdock e Wasp (documenti identificativi alla mano). Altrimenti niente!

    RispondiElimina
  12. ""comunque, qualcuno ha notato le stesse cose?""

    io la schiuma bianca l'ho notata eccome.
    nel settembre 08, mese allucinante per gli aerosol, di aver assistito a questo fenomeno, ma questa schiuma era veramente ovunque.

    nei giorni prima questo evento, i militari stavano davvero esagerando

    riguardo all'acqua che brilla, il mistero è ormai risolto: spargere metalli come titanio ed alluminio fa proprio questo effetto....il cielo in certi giorni è come una lampadina, e non penso che il mare sia in qualche modo immune....tra l'altro la costa tirrenica è bombardata dall'aeronautica, quindi ti puoi immaginare i livelli di questi metalli nell'ambiente

    però possiamo stare tranquilli: gli aerosol sono innocui, ce lo assicura orsovolante

    RispondiElimina
  13. unmarked helicopters

    ovvero come spiega anche il dizionario

    elicotteri privi di contrassegno

    ... se trovo il tempo traduco quel brano

    RispondiElimina
  14. Eh sì, Corrado ed a giudicare dagli insulti che mi arrivano, penso proprio che queste marche identificative assenti siano divenute un problema per qualcuno.

    RispondiElimina
  15. @orsovolante

    ..cucu' !!

    ...riparati dal male...SERVO !!!

    RispondiElimina
  16. Non è il caso di dare peso agli insulti ricevuti da chi è pagato per insultare altrimenti si fa il loro gioco; sono solo degli esecutori, forse incapaci di ragionare con la propria testa, o forse caduti in una trappola tesa ad arte da chi li comanda e privi ormai di capacità di agire autonomamente.

    Si tratta di persone da compatire profondamente, per quanto danno arrechino all'umanità intera. Nessuno di noi vorrebbe essere nei loro panni. Solo l'amore li può salvare, ma non se ne rendono conto.

    Io non li insulto e non li maledico, anche se di certo disprezzo il loro operato; del resto la propria maledizione se la portano addosso, ed aumenta ad ogni menzogna che dicono, ad ogni insulto (a comando) che scrivono.

    No, non vorrei proprio essere nei loro panni, costretto a mentire per il male dell'umanità.

    RispondiElimina
  17. Una cosa non riesco proprio a capire:perchè l'accetttazione di queste pratiche criminali da parte di tutti i governi? Se quste sostanze sono dannose,lo sono per tutti.In ogni modo,la cosa coinvolge molti livelli, ufficiali e non.Personalmente ho scritto a istituzioni,ministeri,giornali e trasmissioni, personaggi noti,ma non ho ricevuto uno straccio di risposta.

    RispondiElimina
  18. sto facendo una ricerca a proposito di malattie degenerative, chelanti sintetici e chelanti naturali, al momento questo mi sembra uno degli articoli in assoluto più interessanti che parla della SLA, di come sia legata ai metalli pesanti, e di come si potrebbe procedere alla chelazione per avviare un processo di guarigione

    RispondiElimina
  19. Certo,ma sempre servi rimangono,e sono un ostacolo alla verita'! i fetenti hanno le spalle coperte ad alti livelli,qui è un casino planetario.
    Il tempo stringe ed il nwo procede (OT),con microchip e impronte digitali nel nuovo passaporto,oggi hanno cominciato in due capoluoghi italiani..con le solite scuse,sulla tracciabilita' e velocita'nei controlli !

    RispondiElimina
  20. Infatti, qui ci fanno fare la fine della rana.

    RispondiElimina
  21. Link davvero interessante, Corrado. Grazie!

    RispondiElimina
  22. Ecco perchè chiedevo a Parvatim, un esempio nel quale indicasse un'"alimentazione sana"...

    RispondiElimina
  23. Corrado, un grazie immenso anche da parte mia per gli sforzi enormi che fai per illuminare noi tutti mettendoci a disposizione queste notizie fondamentali, portando via del tempo prezioso a te stesso e alla tua famiglia. Sei un vero grande scienziato e i tuoi figli, vedrai, ti saranno riconoscenti.
    GRAZIE.

    RispondiElimina
  24. Da Altrogiornale :

    http://www.aamterranuova.it/article3034.htm

    RispondiElimina
  25. OT, ritiro totale dell'esercito americano in iraq,entro la fine del 2011.....perchè? dove andranno a posizionarsi ?..preparativi ?
    ....anche loro...poveri servi !!

    RispondiElimina
  26. Grazie a tutti voi per il lavoro che fate e le informazioni importantissime che diffondete. Occorre secondo me approfittare dello svolgimento delle conferenze fatte nelle varie città italiane e costituire dei sotto-comitati attivi sul territorio di zona; scambiarci mail e numeri e operare in contato diretto. Che ne dite? Così diamo un po' di lavoro ai lobotomizzati...

    Certo, rispetto alla schiuma biancastra, anch'io la noto da un po' di anni ormai. All'inizio avevo sentito che fosse il risultato della combustione della benzina verde, non appena immessa, che a differenza di quella super una volta combusta lasciava cadere a terra questa roba biancastra che si notava dopo ogni pioggia, ma da quando ho comiciato a interessarmi al fenomeno delle scie anche a me è venuto il sospetto che fosse piuttosto il risultato delle irrorazioni in cielo. In ogni caso, andando in giro in moto, ormai anche quando non piove, torno a casa con le mani viscide, come una sensazione di bagnato, eppureil cielo non è coperto, o meglio lo è, ma con quel sole pallido soffocato dalle nubi chimiche. Non l'avete notato anche voi???

    RispondiElimina
  27. System Failure mi scrive...

    Ciao Rosario,
    non riesco a commentare sul post in oggetto, mi fai un favore, quando puoi, di postare tu il commento?

    Ciao a tutti, rieccomi dopo le ultime vicissitudini telematiche che spero siano completamente e definitivamente risolte.

    Da qualche mese sono diventato "ortista" presso una delle numerose cascine della mia zona.
    Questo fa si che io abbia la possibilità di raccogliere ortaggi che cresono in provincia di MILANO e haimè, checchè l'orto sia completamente biologico ed immerso in un appezzamento di terreno anch'esso biologico e non trattato dai pesticidi e altre sostanze, sono perfettamente conscio del fatto che potrei ingerire (anzi, le sto ingerendo) quelle maledette sostanze che vengono sparse dagli arei della morte di cui ho riportato le attività diverse volte nell'ultimo anno, grazie all'esempio di Straker e Zret, che non smetterò mai di ringraziare per il loro impegno.

    Ora, mi è venuta un'idea, vediamo se è fattibile, ve la illustro.
    Nelle prossime settimane, avrò la possibilità di raccogliere diversi tipi di verdura, ortaggi e frutta, presso una zona dell'estremo sud italia. La zona in questione ha colture per la maggior parte trattate con pesticidi e anticrictogamici, però sicuramente è una zona con irrorazioni clandestine significativamente minori, (essendo più scarsamente popolata) rispetto alla provincia di milano, dove risiedo e lavoro (e mangio).
    L'idea è: raccogliere gli stessi tipi di ortaggi, sia nell'orto in provincia di milano che nell'orto posto nel profondo sud, fare le analisi di rito, trarne le dovute conclusioni e, ovviamente, pubblicarle.

    Che ne dite, ne varrebbe la pena?

    RispondiElimina
  28. @corrado
    sono d'accordissimo con te quando dici che non dobbiamo dare peso alle provocazioni dei debunkers.
    non c'è niente di peggio per un provocatore che ricevere in risposta un calmo e distaccato silenzio.
    non c'è bisogno di darsi foga per fargliela pagare. ci penserà madre natura, con le sue leggi perfette, a dare loro modo di sperimentare sulla propria pelle il male che adesso rivolgono agli altri. Si chiama legge del KARMA. La natura non fa sconti né indulti.


    @system
    certo che è una buona idea ! spero che tu possa eseguire tali analisi senza spendere una fortuna e che il laboratorio sia fidato

    ma albrogio che fine ha fatto ? non doveva relazionare su quanto accaduto alla manifestazione di lecce ?

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis