martedì 23 giugno 2009

Predator all’assalto dei cieli del Sud Italia (articolo di Antonio Mazzeo)

Pubblichiamo un importante articolo, tratto da Agoravox e scritto dal meticoloso Antonio Mazzeo. Il testo si riferisce alla militarizzazione degli spazi italiani: l'Aeronautica militare italiana è, infatti, in procinto di dotarsi di nuovi velivoli senza pilota (U.A.V.) che saranno impiegati senza dubbio nelle "missioni umanitarie" (le bombe sono molto umanitarie, come è noto). Tuttavia, considerando la progressiva intensificazione delle attività clandestine di aerosol chimico-biologico, non si può escludere che i droni acquistati dall'Italia verranno adoperati per implementare le operazioni di avvelenamento della biosfera. I velivoli controllati da stazioni a terra e da satellite sono probabilmente propulsi con carburanti additivati con STADIS 450. Per questo motivo non sono necessari aerei di grosse dimensioni dotati di supposti serbatoi supplementari, ma che abbisognano di lunghe piste per il decollo e l'atterraggio. E' scandaloso che milioni di dollari o euro siano scialacquati in spese per gli armamenti, laddove a pensionati, operai in cassa integrazione, lavoratori precari, disoccupati... si lesinano pochi centesimi, quando queste categorie non vengono lasciate nell’indigenza. Neppure l'"opposizione" del centro-sinistra ha mai denunciato questo immorale sperpero di denaro pubblico che è usato per strumenti di morte e per rendere sempre più capillare e perniciosa l'operazione "chemtrails". Come affermava qualcuno: "Per la guerra i denari si trovano sempre".


È destinato a crescere enormemente il numero dei velivoli senza pilota (U.A.V.) in dotazione alle forze armate internazionali. Per questo i principali paesi N.A.T.O. sono impegnati in una frenetica ricerca di spazi aerei dove i nuovi sistemi possano volare senza interferire con le rotte civili e militari. In Spagna, per ospitare gli aerei senza pilota dell’aeronautica nazionale e di quelli dell’agenzia spaziale statunitense N.A.S.A., dopo anni di studi e simulazioni è stata scelta una piccola località della Galizia, Trasmiras, sfuggita sino ad oggi al passaggio in quota dei velivoli e 80 chilometri distante dall’aeroporto di Vigo. Per poi scongiurare pesanti restrizioni al traffico aereo, il governo Zapatero ha ritirato la candidatura di Zaragoza come principale base d’appoggio in Europa per i nuovi U.A.V. della N.A.T.O.

In Italia, invece, impera la deregulation e già nei prossimi mesi i piloti delle compagnie aeree dovranno stare attenti a non incrociare i micidiali velivoli senza pilota delle forze armate italiane e statunitensi. Il generale Giuseppe Bernardis, sottocapo di stato maggiore dell’Aeronautica militare, ha preannunciato all’agenzia di stampa Defensenews che, entro la fine dell’anno, i nuovi velivoli “Predator B” dell’A.M.I. saranno liberi di volare in qualsiasi parte del Mediterraneo, “all’interno dello spazio nazionale e comunque fuori dal traffico regolare, a 50.000 piedi d’altitudine”. Qualcosa più di 15.000 metri dal livello del mare, ben al di sopra delle quote di crociera dei voli civili. Peccato che, per volare, gli U.A.V. dovranno comunque decollare proprio da alcuni scali militari che sorgono in prossimità di grandi centri urbani ed importanti hub aeroportuali. I “Predator B” saranno installati nella base pugliese di Amendola, a metà strada tra le città di Foggia e Manfredonia, ai piedi del Gargano. Andranno a fare compagnia al gruppo di Predator di prima generazione (quelli indicati con la lettera “A”), operativi dal dicembre 2004. Insieme si contenderanno il passaggio nel “corridoio di volo” che l’aeronautica militare sta predisponendo tra la Puglia ed il poligono sperimentale di Salto di Quirra in Sardegna.

“Il nostro piano è, però, quello di creare una serie di nuovi corridoi di raccordo tra la principale rotta di volo dei Predator e le basi di Sigonella e Trapani in Sicilia, l’isola di Pantelleria e Decimomannu in Sardegna”, ha aggiunto il generale Bernardis. “Il corridoio di Sigonella potrebbe essere usato pure dai velivoli senza pilota Global Hawks che saranno installati in Sicilia nell’ambito del programma N.A.T.O. Allied Ground Surveillance, A.G.S.”. Entro il 2010 nella grande base siciliana arriverà pure una squadriglia di Global Hawk dell’U.S. Air Force; nel 2012 finanche i prototipi di una versione più sofisticata di aerei senza pilota della marina militare statunitense. I ciechi strumenti di guerra saranno così gli unici veri padroni dei cieli del Mezzogiorno d’Italia. In Sicilia sovraffolleranno le piste e le rotte dei cacciabombardieri e dei giganteschi aerei cargo U.S.A. a capacità nucleare, sfrecciando a poca distanza dallo scalo di Catania-Fontanarossa, il terzo per traffico aereo in tutta Italia (più di sei milioni di passeggeri all’anno).

I Predator non sono, però, solo una grave minaccia alla sicurezza; rappresentano, infatti, l’ennesimo caso di spreco delle risorse finanziarie nazionali a favore del complesso militare industriale statunitense. Per quattro velivoli dell’ultima versione “B” prodotti dalla General Atomics Aeronautical Systems Incorporated di San Diego, California, l’Italia dovrà spendere non meno di 80 milioni di euro nei prossimi due anni. Per i cinque Predator A acquistati nel 2004, sono stati spesi invece 47,8 milioni di dollari. E, dopo un incidente ad un Predator italiano durante un volo sperimentale nel deserto della California, il governo ha pensato bene di ordinare nel 2005 altri due velivoli, con un costo aggiuntivo di 14 milioni di dollari, più altri 2 milioni per equipaggiamenti vari.

I Predator sono però divenuti il fiore all’occhiello dell’Aeronautica militare, la prima forza aerea in Europa ad impiegare gli U.A.V. Il battesimo di fuoco è avvenuto in Iraq nel gennaio 2005, quando tre unità iniziarono ad operare dalla base di Tallil in supporto del contingente terrestre nell’ambito della missione “Antica Babilonia” (uno di essi precipitò al suolo a causa di un’avaria al motore nel maggio 2006) . Lasciato il territorio iracheno, nel maggio 2007 i Predator italiani sono stati trasferiti nella base di Herat, sede del Comando regionale interforze per le operazioni in Afghanistan. Alla data del 1 gennaio 2008, i velivoli senza pilota dell’A.M.I. avevano già superato le 3.000 ore di volo, 300 nello spazio aereo italiano e 2.700 nell’ambito di missioni nei teatri di guerra iracheno ed afghano. Sempre secondo quanto dichiarato dal generale Bernardis, entro la fine del 2009 tre velivoli di prima generazione previamente modificati e potenziati negli Stati Uniti d’America, saranno dislocati nuovamente a Herat per rafforzare il dispositivo militare N.A.T.O. in Afghanistan. Poi arriveranno i quattro Predator B, progettati proprio per migliorare le capacità strategiche del velivolo bellico.

Con la nuova versione dell’aereo cresceranno le sue dimensioni (una lunghezza di 11 metri ed un’apertura alare di 20) ed il peso massimo al decollo (oltre 4.500 chilogrammi). Verranno sensibilmente incrementate le prestazioni del motore e la velocità massima supererà i 440 km/h , mentre quella di crociera si attesterà intorno ai 400, valori tre volte superiori a quelli del Predator A. L’autonomia di volo si attesterà tra le 24 e le 40 ore, a secondo del carico trasportato, ad una quota di più di 15.200 metri . L’incremento delle dimensioni e delle prestazioni dell’U.A.V. si rifletterà ovviamente sul carico di armamento trasportabile. Si tratterà di circa 1.360 chilogrammi di nuovi sofisticati sistemi di morte come i missili Hellfire, le bombe a guida laser Gbu-12 Paveway II e le Gbu-38 Jdam (Joint direct attack munition) a guida G.p.s. Si spiega così come mai il Predator di prima generazione sia costato 3,2 milioni di dollari ad esemplare, mentre con la versione B si supereranno gli 8 milioni di dollari.



“Il Predator B si presenta come un velivolo multiruolo in grado di unire una grande autonomia (per una persistenza sul campo di battaglia significativa) ad un’elevata velocità di transizione (per colpire tempestivamente eventuali bersagli di opportunità), con una suite completa di sensori ognitempo, con un altrettanto completa dotazione di sistemi d’arma e con sistemi di guida, controllo e distribuzione dei dati affidabili”, annunciano entusiasti gli analisti del ministero della "Difesa". “Il velivolo è in grado di fornire immagini ed informazioni in ogni condizione di tempo, di giorno e di notte e con un’elevata precisione. Resta poi inalterata la possibilità di imbarcare altri tipi di carichi per missioni specifiche quali sistemi Sigint/Esm (Signal intelligence - Electronic support measures) o apparati per le comunicazioni. Le sue elevate prestazioni lo rendono un valido strumento d’intelligence in grado di evadere i normali compiti bellici, rivelandosi anche un efficace mezzo da impiegare nell’ambito dell’attività diretta all’antiterrorismo e alla sorveglianza del fenomeno dell’immigrazione clandestina”.

Per acquisire e condurre le operazioni aeree con velivoli “Predator”, il giorno 1 marzo 2002 è stato costituito il Gruppo Velivoli Teleguidati dell’A.M.I. (poi significativamente denominato “Le Streghe”). Il Gruppo è stato assegnato al 32° Stormo di Amendola, uno dei più importanti reparti strategici delle forze armate italiane. Alle dipendenze del 32° Stormo c’è, infatti, il 13° Gruppo CBR (cacciabombardieri e ricognitori), reparto assegnato direttamente alla N.A.T.O. e dotato dei cacca italo-brasiliani AM-X e AMX-T. Dalla base di Amendola partirono buona parte dei raid italiani contro obiettivi civili e militari in Serbia e Kosovo nella guerra contro Milosevic del 1999. I velivoli del 32° Stormo impiegarono centinaia di bombe israeliane IR “Opher” a guida all’infrarosso e le Mk 82 a caduta libera, nonché un imprecisato numero di missili SA-2 Guideline, SA-3 Goa ed SA-6 Gainful.

Dopo l’arrivo dei Predator, l’aeroporto di Amendola è divenuto pure il centro sperimentale dei velivoli senza pilota “Sky-X”, prodotti da Alenia Aeronautica (gruppo Finmeccanica). Una campagna voli dei nuovi U.A.V. è stata sviluppata lo scorso anno nello spazio aereo dello scalo pugliese, con tanto di simulazioni di rifornimento in quota dei prototipi.

Leggi qui l'articolo tratto da Agoravox




Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!
Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.


Aggiorna Tanker Enemy nei tuoi preferiti. D'ora in poi questo blog è raggiungibile digitando http://www.tankerenemy.com/

TANKER ENEMY TV: i filmati del Comitato Nazionale

CHEMTRAILS DATA

Range finder: come si sono svolti i fatti

18 commenti:

  1. Arriva il nuovo reality show !!
    Il Grande Debunker !!
    Guardate lo spot :)

    http://www.youtube.com/watch?v=IaJk6KZlGSs&feature=channel_page

    RispondiElimina
  2. Le Arpie hanno ricominciato a rilasciare le loro mefitiche deiezioni.

    RispondiElimina
  3. La Serpe, molto ironico il tuo video.

    Ciao

    RispondiElimina
  4. proprio ieri leggevo sul quotidiano locale che 5 global hawks sono arrivati a sigonella e ne seguiranno altri a breve. ci sara' anche un incremento di personale militare americano (dicono circa mille unita' addetti al controllo da terra), come se gia' non ne abbiamo abbastanza di spazzatura in giro, maledetti.

    RispondiElimina
  5. Scopo primario: militarizzare il territorio. C'è da chiedersi i motivi di questo incremento esponenziale di forze ed installazioni nella colonia U.S.A.

    RispondiElimina
  6. "militarizzazione del territorio".
    poco fa su comedonchisciotte leggevo l'ennesima lettera dall'abruzzo e sembra che a l'aquila abbiano messo in atto qualcosa del genere.
    ciao.

    RispondiElimina
  7. C'è da chiedersi i motivi di questo incremento esponenziale di forze ed installazioni nella colonia U.S.A.

    Semplice: per riempirvi di sputi in faccia, grandissimi merdoni!!!!!

    RispondiElimina
  8. In onda ora su RaiUno una commovente visione della storia di Obama, che invece altri non è che un burattino, il primo lavoro glielo diede tale Kissinger (vedere le implicazioni di Kissinger nella strage Indonesiana di Suharto a pag 191 del libro "Perchè ci odiano" di Paolo Barnard).
    Il suo governo è formato, oltre che da Kissinger stesso, da uomini dell'alta finanza di Wall Street,altro che cambiamento.
    Cercate il documentario "L'inganno di Obama" su youtube....buona visione...e spegnete al TV:-)

    RispondiElimina
  9. @unclepeter

    potresti linkare dove hai letto le notizie dell'Aquila? Questo inverno (ma non dico quanto, troppi occhi e orecchi in giro) vorrei farmi un bel giro da quelle parti per vedere di persona la situazione

    RispondiElimina
  10. C'è Vespa (quello "vero", non wasp) che parla di amore alla casa bianca.....ma perchè non parla degli amori del Presidente Berluscone, così di moda di questi tempi??? E' proprio il caso di dire porca putt....

    RispondiElimina
  11. Su La7 il fake dei servizi segreti italiani che ha portato all'invasione dell'Iraq.

    RispondiElimina
  12. http://ilsecoloxix.ilsole24ore.com/p/italia/2009/06/23/AMgYi8gC-allarme_pensioni_italia.shtml

    Ecco cosa preme scrivere ai servi sulle cronache italiane.
    Quindi, se siete pensionati o avete dei pensionati in casa iniziate pure a sentirvi in colpa.

    "Per la guerra i denari si trovano sempre" PAROLE SANTE.

    RispondiElimina
  13. Ecco dove si radunano i nostri "amici" !!

    L'unico che alza la testa (in basso a sinistra ed ha i capelli verdi)....mi ricorda qualcuno !!

    http://jordanmaxwell.com/articles/pictures/images/praying/Sheeple.jpg

    RispondiElimina
  14. Il 100 per cento delle tasse è risucchiato dal signoraggio, ergo lavoriamo per arricchire ricchissimi e laidi banchieri. Dunque la notizia delle pensioni che assorbono il 14 per cento del PIL è una menzogna da gazzetta di Genova e non solo.

    Ciao

    RispondiElimina
  15. Mr Jones, che bel quadretto bucolico che hai trovato!

    RispondiElimina
  16. Unclepeter, puoi ripostare il commento? Non mi è stato possibile pubblicarlo.

    RispondiElimina
  17. scusate, in questi giorni la mia connessione fa i capricci.
    pirata pantani aveva chiesto riguardo le notizie dall'abruzzo.
    su comedonchisciotte.org ho letto l'articolo "campi profughi in abruzzo" di nicoletta forcheri, all'interno si puo' leggere la testimonianza di pina lauria, residente a l'aquila.
    ciao a tutti.

    RispondiElimina
  18. Se volete notizie non filtrate direttamente dagli accampamenti dei terremotati vi consiglio l'ottimo blog di una blogger scampata al terremoto

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis