lunedì 15 giugno 2009

Resoconto della conferenza del 22 maggio 2009 sulle scie chimiche, tenutasi a Firenze

Il 22 maggio del 2009 l´Associazione Arzach ha presentato, con il sostegno dell'Assessorato all'Ambiente del Comune di Firenze, un incontro sul tema delle Scie chimiche. L'evento è stato ospitato nella sala conferenze di Villa di Rusciano.

Sono intervenuti durante le quattro ore l'Assessore all'Ambiente Claudio Del Lungo, il Deputato Sandro Brandolini, il docente di Fisica Angelo Baracca, il consigliere comunale, Dottor Antonio Sarpieri, il fisico Corrado Penna, il biologo Giorgio Pattera ed il ricercatore indipendente Rosario Marcianò.

La conferenza è stata inaugurata dall'Assessore all'Ambiente Claudio Del Lungo che ha espresso le sue perplessità, a causa delle innumerevoli mail e telefonate intimidatorie ricevute nei giorni precedenti e chiarisce per prima cosa che ciò non ha precedenti nella sua esperienza politica personale di 38 anni. La conferenza è stata autofinanziata ed ospitata negli spazi del Comune, come altre manifestazioni che si occupano di questioni relative all'ambiente. L'assessore si ispira ad un concetto di libera informazione in uno stato democratico. Il comune ha inserito la conferenza nell'orario ufficiale della Villa. Del Lungo è particolarmente colpito dalle minacce e pressioni del mondo universitario ed annuncia la sua fuoriuscita dall'impegno politico attuale (già deciso prima), quindi non crede di dare adito ad ulteriori critiche o preoccupazioni. La sua nota di amarezza viene in seguito ripresa ed ampliata dagli altri oratori che hanno avuto esperienze analoghe.

Del Lungo si confrontò, per la prima volta, con la questione dell'inquinamento prodotto dagli aerei (non chimici) e con i problemi correlati negli anni '80 del XX secolo, quindi l´avvicinamento a questo discorso in un certo senso cominciò allora. Che siano state compiute sperimentazioni varie ed eseguiti interventi mirati a modificare il clima gli è comunque noto. Ricorda che poco tempo fa il governo russo aveva assicurato che si sarebbe festeggiato il primo maggio con il cielo sereno. Quello che preme, secondo del Lungo, è di sapere se certi interventi sono divenuti prassi quotidiana e sistematica. Gli strani movimenti intorno alla decisione di concedere lo spazio ad un convegno con questo tema ha suscitato in lui il sospetto che la questione possa avere dei risvolti seri.

Il primo intervento è in collegamento Skype ed è con Corrado Penna, intervistato recentemente in una trasmissione di Controradio sull'argomento. Penna anticipa una domanda rivolta spesso e riproposta anche da un ascoltatore della conferenza: "Ma è possibile che i nostri governi permettano azioni che possono nuocere alla salute della popolazione?". Secondo Penna, non è solo possibile, ma è già successo. Il relatore snocciola esempi pubblicati su quotidiani come "The Observer" e "The Guardian". Ricorda la politica dei vaccini al mercurio (non più usati in Italia) e del farmaco molto discusso Ritalin per "curare" i giovani. La lista di pericolose sperimentazioni varie messe in atto all'insaputa delle popolazioni è lunga.

Penna spiega quindi che cos'è una scia di condensazione e chiarisce i parametri per la formazione di una scia di condensa. Consiglia di mettere in connessione la le condizioni fisiche di base e la lettura dei reali attuali dati atmosferici per verificare se, in certe giornate, tali paramentri permettono di identificare la formazione di scie di condensa oppure no.

Rosario Marcianò illustra in forma visiva i discorsi di Penna, come l'intervento che segue del Dottor Giorgio Pattera, biologo.

Marcianò e Pattera sono stati ospiti dell'ultima puntata di Rebus (Odeon tv) dedicata alle scie chimiche. Il biologo di Parma esaminò strani filamenti caduti dal cielo già diversi anni addietro. Questi filamenti, mostrati in un filmato realizzato da Marcianò, non si rivelano essere tele di ragni migratori come ipotizzato da alcuni. Analisi indipendenti di due laboratori arrivano alla stessa conclusione: si tratta di polimeri sintetici biocompatibili non composti da proteine, a differenza delle ragnatele.

Pattera rammenta di aver avuto notizia di ricadute di queste fibre in varie regioni d'Italia, ricadute associate ai passaggi di aerei che rilasciano scie, come dimostra il filmato.

Marcianò mostra riprese fotografiche che evidenziano la differenza tra ragnatele e filamenti polimerici. Aggiunge che si sta diffondendo una nuova malattia, denominata Morgellons, il cui sintomo principale è la fuoriuscita di filamenti dalla pelle, esattamente corrispondenti alle fibre sintetiche ritrovate nell´ambiente.



Alla relazione di Pattera segue lintervento del Dottor Antonio Sarpieri, consigliere comunale del comune di Savignano sul Rubicone. Il suo coinvolgimento nasce in risposta alla denuncia da parte di un medico della comunità che aveva rilevato un aumento di disturbi in parecchi pazienti dopo giornate di intensa irrorazione.

Sarpieri, sulla base di diverse interpellanze parlamentari, ha convinto il consiglio comunale ad approvare un ordine del giorno con cui si chiedono al governo risposte circa il fenomeno delle scie frequenti e massicce nella provincia di Forì-Cesena. L'ordine del giorno è stato approvato dal consiglio comunale all'unanimità. Una mozione analoga è stata recentemente votata dal comune di Cesena, da tutto il consiglio con l'eccezione di un consigliere dei Verdi (sic).

Sarpieri rammenta che le modifiche climatiche sono vietate da leggi ed accordi internazionali, eppure quello che succede è proprio una modificazione climatica e meteorologica, ad esempio quando vengono create coperture artificiali.

Sarpieri poi intervista l'onorevole Sandro Brandolini. Brandolini ha presentato ben 3 interrogazioni parlamentari a vari ministeri, tra cui quelli dell'"Ambiente" e della "Difesa", sostenuto da altri deputati (uno dei quali è un ex-dirigente dell'A.R.P.A. Emilia Romagna).

Non soddisfatto delle risposte fornite alle prime due interpellanze, perché elusive e generiche, nel gennaio di quest'anno ha presentato la terza interpellanza in cui si chiedeva di indicare quali sono gli studi scientifici a cui si faceva riferimento nella risposta alla seconda. Siamo in attesa della risposta a questa terza interpellanza.

Secondo le informazioni di Brandolini i cieli particolarmente deturpati dalle scie chimiche sono quelli in vicinanza di basi militari come in Sardegna, in Veneto o a Roma.

Marcianò riprende il discorso sui molteplici scopi delle chemtrails che sono da inserire in un progetto molto più complesso: i metalli diffusi nell'atmosfera fungono da medium elettroconduttivo per le trasmissioni elettromagnetiche di H.A.A.R.P e di altri sistemi che irradiano campi elettromagnetici di differente frequenza e lunghezza, ad esempio le microonde. Si sofferma sull'impiego dei metalli rilevati come bario, alluminio, litio e sui loro effetti nocivi sulla salute delle persone e sugli equlibri ambientali.



Dopo tre ore di interventi incentrati sulla tematica delle scie chimiche, è il Dottor Angelo Baracca a concludere la conferenza, tracciando un disegno complessivo inerente al ruolo della scienza nel mondo di oggi. La questione spinosa per eccellenza è l'uso civile e militare del nucleare. Il Dottor Baracca non si pronuncia sul fenomeno delle scie chimiche che richiederebbe da parte sua un approfondimento consistente. Anch'egli, però, come Del Lungo, ha ricevuto particolare "attenzione" su un sito che si impegna nella denigrazione di coloro che studiano le scie chimiche.

La scienza contemporanea è strettamente collegata con lo sviluppo industriale. Le scelte degli scienziati oggi dovrebbero essere di grande responsabilità, visto che coinvolgono tutto il pianeta. Baracca ricorda Oppenheimer che affermò che "LA SCIENZA HA CONOSCIUTO IL PECCATO", facendo riferimento al Progetto Manhattan ed alle conseguenze disastrose delle esplosioni di Hiroshima e Nagasaki, Ciò pose la scienza di fronte ad un radicale dilemma, chiamando in causa gli aspetti etici della ricerca.

La scienza, che dovrebbe essere obiettiva e rigorosa, obbedisce invece ad una logica di profitto. Poche volte, nota Baracca, gli scienziati si preoccupano delle conseguenze sulla biosfera di invenzioni e ricerche. La scienza è organica al sistema. Numerosi casi del passato testimoniano come siano stati trascurati o occultati aspetti nocivi (piombo, radioattività, amianto etc.) e questo con l'avallo di scienziati che forniscono e manipolano i dati. La ricerca è oggi dominata da interessi militari. I grandi progetti e le tecnologie sviluppate in tale ambito hanno conseguenze gravi come nel caso della nanotecnologia. Baracca osserva che siamo di fronte ad un inquinamento incontrollabile perfino con conseguente modifica del D.N.A. di varie specie, anche di quella umana.

Gli scienziati sono diventati sacerdoti. Essi sanno, definiscono regole, paradigmi e dogmi. Il diritto alla ricerca segue una logica prestabilita e certi filoni di pensiero restano emarginati o esclusi. Baracca si riferisce, tra gli altri, alla ricerca sulla fusione fredda, a quella sugli effetti dell'elettrosmog. Certi rami della scienza non solo sono ostacolati o censurati, ma screditati e negati. Lo scienziato tende a non indagare sulle conseguenze delle sue invenzioni o ad ignorarle, ma gli esperti ne sono consapevoli e le nascondono anche intenzionalmente.

Angelo Baracca conclude l'intervento, lasciando gli ultimi trenta minuti per le domande e le osservazioni del pubblico. Intervengono alcuni cittadini impegnati nel sensibilizzare sul problema delle scie chimiche in varie regioni d’Italia.

Gli organizzatori precisano che sarà disponibile in Rete documentazione video dell’evento.


Articolo di Maria Heibel



Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!
Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.


Aggiorna Tanker Enemy nei tuoi preferiti. D'ora in poi questo blog è raggiungibile digitando http://www.tankerenemy.com/

TANKER ENEMY TV: i filmati del Comitato Nazionale

CHEMTRAILS DATA

Range finder: come si sono svolti i fatti

45 commenti:

  1. Le BESTIE di SATANA VOLANTI hanno cominciato alla grande la settimana...veleni rettilinei lungo costa piu' consistenti del previsto...velature g.g....caldo microondato feroce per chi è sotto il sole !

    Che dire....FUCK the SYSTEM !!
    E i nostri amici negano ?
    Sono proprio TARATI col quel po' di liquor che hanno dentro il cranio !
    Mi vengono in mente le facce dei deb..tutte "variate"...
    Ma orsovolante non ha ancora mostrato la sua FACE ?...credo che anche lui abbia una faccia metallica e grigia !!

    RispondiElimina
  2. Ieri ero al mare,precisamente a Lavagna,è stato un massacro tutto il giorno,verso le 17 sono passati tre aerei piccoli in formazione sembravano militari sulla coda avevano uno stemma rosso,verso Rapallo alla sera il cielo era lattiginoso e al tramonto notavi lo scempio.
    Perche' la gente non capisce ed è cosi'indifferente?In liguria questo problema non è sentito e affrontato,almeno ho questa sensazione...che si puo'fare?

    RispondiElimina
  3. Eh sì, paradossalmente, pur essendo la Liguria una tra le regioni più irrorate, la gente non se ne avvede nemmeno. Temo che il progetto MK-Ultra sia arrivato ad inattesi risultati.

    RispondiElimina
  4. OT
    adesso non ricordo, ma da qualche parte ho letto che questo è l'anno delle meteoriti,se ne sente molto parlare,di avvistamenti di meteoriti, in molte zone del pianeta..Puglia compresa !

    So di due casi nell'ultimo mese,qui,e l'aver visto personalmente un meteorite di notte.....fantastico,si è vista la tridimensionalita' dell volta celeste illuminata a verde nella notte !


    http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.4887.10

    RispondiElimina
  5. Che cosa intendi dire Straker che oramai sono tutti storditi?Ma basta alzare gli occhi !!!
    E poi mi domando una cosa le persone responsabili che irrorano le nostre zone si faranno delle domande del tipo:che cosa sto buttando sulla testa della gente?Oppure no? e se non se ne fanno che elementi sono ?Ne hanno figli?
    Eppure respireranno anche loro come noi...
    La coscienza non è neppure da tirare in ballo..!!
    COSCIENZA?MA PER LORO CHE PAROLA E??

    RispondiElimina
  6. OT ma non troppo... oggi la popolazione della sardegna nord-est ha avvertito un forte boato... nel (fanta)tg sardo hanno detto che probabilmente degli aerei avevano abbattuto il muro del suono... le solite minkiate!!!!
    http://unionesarda.ilsole24ore.com/Articoli/Articolo/129522

    RispondiElimina
  7. a proposito di progetto MK Ultra, guardate questi interessanti filmati, sono il resoconto di una persona che è stata direttamente vittima del progetto

    http://www.youtube.com/watch?v=vlgkdqzosRM

    RispondiElimina
  8. Vera, purtroppo molte persone vivono come in una campana di vetro opaco che non permette di vedere loro la realtà che li circonda. Sono individui evidentemente "riprogrammati" e sono purtroppo la maggioranza. Televisione, cinema, spot pubblicitari, onde elettromagnetiche etc. hanno un ruolo fondamentale nella riprogrammazione neurale della popolazione e le scie fanno parte di questo programma.

    RispondiElimina
  9. ""E poi mi domando una cosa le persone responsabili che irrorano le nostre zone si faranno delle domande del tipo:che cosa sto buttando sulla testa della gente?Oppure no? e se non se ne fanno che elementi sono ?Ne hanno figli?
    Eppure respireranno anche loro come noi...""


    per esperienza personale, dico questo: le persone coinvolte affermano e insistono sul fatto che gli aerosol sono per schermare i raggi solari e raffreddare i pianeta.

    in molti insistono anche nel fatto che gli aerosol sono innocui o quasi.

    infine, in molti sono d'accordo nel fatto che bloccare ora gli aerosol, significherebbe far alzare la temperatura di 2-3 gradi

    riassumendo: i piloti sanno che gli aerosol servono per raffreddare il pianeta. lo stesso vale per i ricercatori, anche universitari.

    in pratica lo scopo "ufficiale" delle scie chimiche è la geoingegneria per raffreddare il pianeta e combattere l'effetto serra.

    poi, cosa ci mettono dentro le taniche, solo i militari lo sanno

    RispondiElimina
  10. Ogni tanto conviene ricordare questo:

    Il piano di Edward Teller e la truffa dell'"effetto serra"

    Un breve estratto:

    Le attività notturne dei tankers chimici impediscono l'escursione termica, incrementando così l'effetto atmosfera che, come sappiamo, è imputato alle attività umane.

    Era, infatti, necessario trovare un colpevole per coprire le malefatte degli avvelenatori, così cominciarono le pressioni nei confronti di molti "scienziati", affinché trovassero un capro espiatorio.

    Ecco che venne tirata fuori dal cilindro la storiella del CO2. Pensare che, solo 10 anni prima, gli scienziati attribuivano al biossido di carbonio l'effetto contrario, ovvero il raffreddamento della terra. Nel 1980 si prevedeva una nuova glaciazione a causa delle emissioni di CO2.

    Il rapporto dell'I.P.C.C. nasce dall'esigenza di coprire i veri responsabili del surriscaldamento del pianeta e degli sconvolgimenti climatici.

    Le pressioni del governo degli Stati Uniti furono notevoli sino all'ultimo istante. Così, nonostante l'inutile opposizione di un centinaio di scienziati "ribelli", i quali accusavano i relatori del rapporto di stilare un documento FALSO utile alle lobbies militari, il documento venne pubblicato (sulla copertina ci hanno pure inserito tre aerei con scia al seguito!) e, per dare maggior forza alla fandonia, Al Gore, uomo organico al sistema, fu insignito del premio Nobel, proprio perché appoggiava le conclusioni del rapporto I.P.C.C.

    Morale: il CO2 come responsabile del Global warming è una truffa bella e buona, mentre il surriscaldamento è dovuto in parte alla maggiore attività solare (tutti i pianeti del sistema solare sono più caldi) e, in gran parte, alle emissioni elettromagnetiche delle stazioni e delle antenne.

    H.A.A.R.P. in sinergia con le scie chimiche di giorno determinano un maggior passaggio di raggi ultravioletti, mentre di notte impediscono lo scambio termico.

    Ci hanno imbrogliato e, come sempre, i maggiori responsabili dell'inganno sono i giornalisti venduti, che si limitano a leggere veline.

    RispondiElimina
  11. Come la mettiamo con quei giorni in cui le irrorazioni cominciano alle 18 di pomeriggio?
    Devono schermarci dalla luna?

    Inoltre è quantomeno sospetto che queste operazioni siano necessarie proprio ora che esiste la tecnologia per metterle in atto. Proprio ora che esistono gli aerei arriva questa incombenza? Che coincidenza se pensate che l'umanità ha una storia millenaria!

    RispondiElimina
  12. Prima di tutto grazie per il lavoro che fate!!
    Oggi ho VOLUTO faRE un'esperimento: ieri, domenica 14/06, a Milano, in unA mattinata splendida, è cominciato l'attaco aereo per tutta la giornata. Alla sera il cielo era del solito colore orribile e lattiginoso. Ma quello che ho notato ieri ed altre volte è che se guardi il cielo sopra la tua testa vedi qualche sprazzo di azzurro, anche se un brutto azzurro, ma se ti sposti di un paio di chilometri, sulla tua testa vedi di nuovo un po' di azZurro, mentre se guardi nella direzione di dove eri prima vedi la solita gelatina. Quindi oggi ho guidato per 100 km verso le Alpi, in direzione Varallo Sesia, in Piemonte, e per tutto il tragitto la stessa cosa: sopra le corna un po' di colore, se guardi in giro cielo "nuvoloso".
    Questa è la prova provata che non sono nuvole, ma un velo che se osservi da un'angolazione distante sembra più scuro e compatto, mentre da sotto è più leggero, così ti illudi che ci sia solo un pò di tempo variabile. Inoltre la giornata diventa pesante, l'aria irrespirabile e sempra di vivere in una bolla di bambagia che ottenebra tutto: oggi non riuscivo a essere lucido e reattivo, sembravo ubriaco.....
    COSA STANNO FACENDO!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  13. Oggi per questioni di lavoro sono passato da Sanremo in autostrada è ho notato alcuni piccoli aerei cvhe lasciavano una scia di colore bianco latte a intermittenza. volavano in direzione di monte pignone verso le antenne che si vedevano appena perchè ammantate dalle nebbia chimica. eranocirva le quattro del pomeriggio. non si sentiva rumore. secondo voi cosa sono? uno che era con me diceva che erano droni, ma io non cicredo tanto. forse erano alianti. voi avete notato qualcosa'

    RispondiElimina
  14. Osva, un uniforme, mefitica, mortale e densa poltiglia chimica ci sovrasta. Che cosa stanno facendo? Stanno avvelenando e desertificando il pianeta, dopo aver distrutto l'ozonosfera e la magnetosfera.

    Step by step: un po'di pazienza e ne vedremo delle belle.

    Ciao

    RispondiElimina
  15. ciao Straker....
    Alcuni dicono che tutti i pianeti del sistema solare si stanno surriscaldando, non solo la Terra, a causa di cambiamenti vibrazionali che interessano tutto il sistema solare, se non la galassia (vedi profezie Maya, e tutti coloro come Gregg Braden etc etc, che parlano dell'argomento).

    Certo per me è chiaro che le scie stanno dando un'impennata al problema in modo notevole, e che a questo punto le scoregge delle mucche e i tubi di scappamento delle automobili sono diventate una barzelletta, ma mi sembra strano che vogliate attribuire il surriscaldamento solo alle scie, e non anche ad un cambiamento su più grande scala.
    Questa "esclusiva" che date alle scie chimiche mi sembra un pò forzata rispetto anche a tutte le informazioni che ho letto ultimamente riguardo a tempeste solari etc etc, ma sono pronto ad ascoltare e rivedere l'argomento....
    aiutatemi, perchè di fronte ad un'affermazione di esclusività delle scie chimiche a generare il surriscaldamento, le persone che già poco si fidano ad ipotizzare probabile un "complotto internazionale" e a credere ai loro occhi, si chiudono a riccio....la verità purtroppo va data in pillole.

    Un saluto ed un ringraziamento a Maria Heibel, per il suo articolo, appena ho un attimo le scriverò!

    RispondiElimina
  16. Harshil, io mi affido ai dati statistici, in base ai quali nelle giornate di irrorazione i dati di temperatura ed umidità variano drasticamente. Altre variazioni tipiche delle ere intraglaciali o altro sono marginali rispetto al danno provocato dalle irrorazioni. E' infatti un dato che lo zolfo, disperso ormai da tempo (vedi gli studi di Rosalind Peterson), ha un potere da "effetto atmosfera", decine di volte superiore al CO2.

    RispondiElimina
  17. ""Come la mettiamo con quei giorni in cui le irrorazioni cominciano alle 18 di pomeriggio?
    Devono schermarci dalla luna?""

    dicono che creano nuvole artificiali ad ogni ora del giorno. se le creano di notte, significa che stanno "mettendo le mani in avanti" per il giorno dopo. in poche parole quando irrorano di notte creano nuvole che schermano il sole che sorgerà ore dopo. si "avvantaggiano".

    questo lo dice certa gente "del mestiere"

    secondo me sono tutte pu*****nate o quasi

    però ci tenevo a farvi sapere queste cose

    RispondiElimina
  18. Harshil, non mancano degli scienziati che sostengono che i cambiamenti solari sono indotti artificialmente.

    A prescindere da ciò, pare assodato che l'aumento delle temperature sia un fenomeno naturale del sistema solare e tuttavia dovrebbe determinare un optimum climatico come quello dell'XI secolo, quando alle temperature miti si abbinarono piogge fecondatrici ed un'umidità benefica, laddove oggi l'aria è secca e povera di ossigeno, a causa delle irrorazioni. Non dimentichiamo che non è tanto questione di temperature, ma di contaminazione globale: il caldo di per sé non è un male, se associato alle piogge naturali e ad un ambiente salubre, il che non è. Braden è poco affidabile: domani, se possibile, pubblicheremo un articolo sul tema oggi tanto di moda. Ben vengano i cicli naturali, purché non si intervenga per catalizzarli in modo eccessivo ed avventato.

    Ciao e grazie.

    RispondiElimina
  19. Diciamo piuttosto che è proprio nelle ore notturne che si impedisce l'escursione termica e che quindi si incrementano le temperature. Ma lo scopo non è solo quello...

    RispondiElimina
  20. cosa dire...
    guardare il cielo, guardare il cielo, guardare il cielo.
    le "nuvole", i colori, le "velature", il sole (qualcuno e' in grado di vedere il sole in una giornata apparentemente senza nuvole? non ci credo).
    gli aerei ci sono anche se non si vedono sopra la propria testa o a vista d'occhio, perche' forse non si e' capito, ma, stanno facendo sul serio e i militari (quelli che non contano) hanno iniziato a sgamare qualcosa, possiamo vedere tutti le loro facce sempre piu' tristi, ma poverini anche loro devono portare il pane a casa, esattamente come il cassintegrato o precario o con un qualsiasi contratto a termine di quelli che ti tengono impegnato con l'azienda 12 mesi l'anno, ma ti fanno lavorare, e quindi ti stipendiano, 2 (due) mesi l'anno. poverini (i militari), cosa dire poi del disoccupato, si, quello che non ha nessuna entrata, neanche in nero (adesso i nuovi imprenditori in nero chiedono le referenze in nero, significa che se hai lavorato legalmente te lo puoi scordare, non hai referenze).
    poverini (i militari), devono pensare a tutto, e poi abbiamo dimenticato che tanti anni fa e' stata dichiarata la guerra al terrorismo?
    la guerra e' ancora in atto perche' il terrorismo non lo faranno finire mai, possiamo starne certi.
    cosa dire...mi sento piu' pessimista di zret (pessimista per molti, realista per me) ma non ce la faccio a prendere in giro me stesso.
    ciao a tutti.

    RispondiElimina
  21. Buonasera a tutti ecco il mio resoconto di ieri e di oggi.
    Ieri, giornata al mare a Sottomarina di Chioggia (VE), fino alle 10,00 cielo azzurro intenso e ventilato,si stava davvero bene.
    Domanda: quanto durerà?
    Guardando attentamente li potevi scorgere con passaggi isolati e scie evanescenti.
    Poi dopo le 10,00 e fino alle 16,00 ecco sopraggiungere la nebbia chimica che rendeva appena visibile un aereo in fase di atterraggio a Venezia, altezza stimata 500 metri.

    Ai soliti pagliacci che diranno: ma come fa a dire che erano 500 metri? Rispondo: come fate voi a dire che non si tratta di scie chimiche?
    Bene quando avremo da voi delle risposte che non siano delle barzellette vi spiegherò come io stimo le distanze.
    Naturalmente i passaggi aerei si sono intensificati non sopra il litorale ma nell'entroterra, era poi il vento a portare la nebbia fino al mare.

    Oggi, il caso vuole che il mio luogo di lavoro fosse sopra il tetto di una casa, magnifico punto di osservazione per monitorare l'evolversi della giornata.
    Resoconto: fin dal primo mattino numerose scie che DISSOLVEVANO le nuvole che arrivavano dai monti e lentamente prendevano il loro posto creando la solita patina lattiginosa con sensazione di calore superiore alla norma a causa della cappa che si era formata.
    Verso sera a causa della foschia non si riusciva a distinguere nemmeno il monte Grappa che dista da casa mia, in linea d'aria, una quindicina di km ed è alto ben 1000 metri.

    Ancora un pensiero per i signori negazionisti:
    non ditemi che ciò è dovuto all'umidità perchè allora fareste proprio ridere e sareste perfetti per il ruolo sopra citato: i pagliacci.

    Ciao

    RispondiElimina
  22. Osva, mi sono dimenticato di ringraziarti per la stima. Faccio ammenda.

    Ciao

    RispondiElimina
  23. Umidità relativa quasi mai superiore al 35 % e nebbie chimiche di ricaduta. Visibilità ridotta, affezioni respiratorie più o meno serie, cielo oscurato. Questa è Sanremo, ma anche gran parte del resto del mondo sottoposto ad irrorazione. Mi preoccupaerei poco delle temperature.

    Avete notato l'assenza di nebbia naturale sulla val Padana da qui a qualche anno?

    RispondiElimina
  24. Grazie per le vostre risposte alla mia domanda.
    Certo, calore ed umidità benefiche sarebbero veramente benvenute....

    RispondiElimina
  25. Ecco il mio personalissimo parere:

    "Irrorano di giorno, irrorano di notte.
    Irrorano per dissolvere le nuvole, irrorano per creale.
    Irrorano sopra il cielo coperto naturalmente, irrorano su cielo blu che più blu non si può.

    Hanno molteplici obiettivi ma il TARGET NUMERO UNO E' LA POPOLAZIONE."

    RispondiElimina
  26. Notare che l'irrorazione inizia una volta raggiunta la costa non fa che confermare quanto scrive Mike.

    RispondiElimina
  27. Non solo. A Cagliari spesso si notano aerei che provengono dall'entroterra scarsamente abitato ed iniziano ad aprire i rubinetti proprio sopra la città.

    RispondiElimina
  28. Il 23 ho percorso la A7. All'altezza di Isola del Cantone la nebbia chimica, presente per tutto il viaggio, era assente (solo in quella vallata). Le colline, di un verde smagliante come un tempo ovunque, si vedevano perfettamente ed il cielo azzurro era percorso da cumuli. Davvero strano.

    RispondiElimina
  29. "Come la mettiamo con quei giorni in cui le irrorazioni cominciano alle 18 di pomeriggio?
    Devono schermarci dalla luna?"

    Sì ci schermano anche dalla Luna, infatti solitamente quando è piena e non solo si può assistere al minaccioso spettacolo dell'alone lunare...il perchè si prega di chiederlo ai responsabili dell'opera.

    RispondiElimina
  30. Io ho comprato una piccola stazione meteo della Oregon Scientific, e ho notato cose interessanti.
    La prima volta l'ho usata su un monte sopra Carrara, credevo non funzionasse bene, ha avuto uno sbalzo dal 22% al 2% in un paio di minuti (successivamente confrontando i dati con altri igrometri ho constatato che è piuttosto precisa, e si aggiorna all'incirca una volta al minuto).
    Altre volte da casa mia in 10 minuti è passata dal 41% al 28%, sempre in concomitanza col passaggio degli aerei.
    Una volta sola, in montagna, mi è capitato che l'umidità aumentasse nonostante il passaggio di aerei, ma siccome era ora del tramonto e quindi credo dovuto ai movimenti giornalieri che si hanno sulle dorsali montuose (alla sera l'aria in vetta si raffredda velocemente e ridiscende a valle)ed io ero 1000 metri sotto le vette.

    RispondiElimina
  31. http://www.youtube.com/watch?v=6pvITBYmrNQ

    era andata in onda addirittura su Matrix, la teoria che smentisce il riscaldamento globale

    RispondiElimina
  32. Pirata pantani scrive:

    Io ho comprato una piccola stazione meteo della Oregon Scientific, e ho notato cose interessanti.[...]

    Sarebbe un test che dovrebbero ripetere in tanti. Sono sicuro che si confermerebbero le Tue osservazioni, Pirata Pantani. Ottimo!

    RispondiElimina
  33. Io sono più terra terra.

    Quando c'è scirocco, notoriamente umido perché proveninte dai quadranti sud (Africa), i panni stesi ci mettono almeno 24 ore per asciugare (e mai completamente).

    Con le operazioni militari di aerosol a base di sostanze igroscopiche, nel giro di un paio d'ore (anche meno) i panni sono completamente asciutti come se il vento provenisse da maestrale (sempre molto secco).

    E' un metodo empirico ma a me non interessa sapere l'esatto valore di umidità nel mio stenditoio.

    Tutte le persone del mio vicinato hanno notato il fenomeno (e da qualche tempo conoscono pure la verità).

    RispondiElimina
  34. mike dice: "Quando c'è scirocco, notoriamente umido perché proveninte dai quadranti sud (Africa)..."

    in realtà lo Scirocco è un vento notoriamente secco, di proveienza S/E e quindi esclusivo di 2° quadrante che per giunta veicola spesso, nelle sue manifestazioni più energiche, sabbia fine di origine desertica;
    ambiente in cui avrebbe grosse difficoltà a caricarsi d'umido!
    è anche piuttosto raro in quanto spira un pò... controcorrente rispetto al consueto movimento delle aree cicloniche che nella scena mediterranea hanno un andamento prevalentemente O>E.

    il Libeccio invece, di provenienza S/O cioè 3° quadrante, è un vento sempe carico di umidità proveniente dall'Atlantico o anche solo dal suo fetch tirrenico.
    è anche il vento più frequente a dominare l'area tirrenica molto spesso foriero di perturbazioni.

    RispondiElimina
  35. @paso

    lo scirocco a Cagliari è un vento umido, fìdati.
    Non sarà umido come il libeccio ma è sicuramente più umido del maestrale.
    I panni stesi non mentono ma appena mi procuro un igrometro faccio un paio di misurazioni.

    RispondiElimina
  36. @mike

    ok, avevo considerato solo l'estensione continentale del nostro Paese;
    ma più che altro puntualizzavo sull'effettiva provenienza dello scirocco perché ho sentito spesso confonderlo con qualsiasi altro vento proveniente dai quadranti meridionali: è un errore che commettono anche i marinai-pescatori
    delle mie parti che non utilizzano altre definizioni per i venti meridionali.
    se mai, distinguono tra "scirocco a levante" e "scirocco a ponente" (che poi sarebbe il libeccio)
    anche l'ostro o mezzogiorno (180°) lo chiamano scirocco.

    qui da noi invece (litorale cilentano - SA) il vento più indicato per asciugare i panni è proprio lo scirocco (quello vero e secco): rispetto al maestrale altrettanto secco è ben più caldo! ;-)

    RispondiElimina
  37. Non so se posto nel articolo giusto, ma comunque:

    Io penso che che l'unico modo per far smuovere le acque sia far parlare ai TG italiani del problema. Ovviamente non solo dicendogli denunciate quel che stanno facendo.. quelli omettono l'informazione ...
    Però potremmo invece fare una specie di manifestazione (pacifica ovviamente!) in modo che si debba parlare.. per forza, e dobbiamo fare in modo che la gente inconsapevole inizi a dubitare. Penso sia inutile imporre la verità, ma la pulce nell'orecchio può dare una spinta alla ricerca di essa e quindi a documentarsi ! solo se un problema diventa nazionale, il governo ne parlerà... e i giornalisti romperanno..

    Quindi noi dobbiamo protestare e dire perchè protestiamo.. Io pensavo tipo una protesta sul sito del Tg rai (o altri se volete), un giorno, tutti postano un commento con la stessa frase tipo.. io posto qui per denunciare coloro che mi avvelenano con le strisce chimiche e il mio governo gli da' l'autorizzazione, ...ecc..

    :/ poi bo.. purtroppo non sono abbastanza grande ed esperta in questo tipo di problematiche ! però non voglio che continuino uffi!!!

    RispondiElimina
  38. Ciao, purtroppo i media sono asserviti al potere e non solo non informano e non informeranno mai, ma disinformano a piè battuto, perché è questo che sono obligati a fare. I giornalisti, per mantenere il posto, sono quindi proni ai poteri forti e tacciono le verità che potrebbero inficiare sulla lro carriera o sul semplice mantenimento del posto di lavoro.

    Le manifestazioni si possono fare, perchè no, ma se non hanno visibilità mediatica rischiano di rimanere nascoste ai più e quindi è come se non fossero mai avvenute.

    RispondiElimina
  39. @paso

    nessun problema.
    L'errore di confondere i venti meridionali c'è anche qui.
    Ricordo che quando ero piccolo si parlava solo di levante e maestrale.

    Nella costa sud sarda qualsiasi vento da sud è umido (fermo restando le tempeste di sabbia provenienti dal Sahara che colorano sia le auto che l'asfalto).

    Sulla differenza di percentuale di umidità relativa tra sciroco e libeccio farò dei rilevamenti.

    Mike

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis