lunedì 10 novembre 2008

L'invasione dei nanopolimeri

Pubblichiamo un resoconto tratto dal sito Scie Buccinasco dell'amico Tursiops, relativo ad una caduta di filamenti polimerici: è un inquietante fenomeno che ci viene segnalato in questi giorni da varie parte d'Italia. Molti lettori hanno, infatti, notato pseudo-ragnatele precipitare dal cielo in concomitanza con il passaggio degli aerei della morte. Precisiamo ancora una volta che queste fibre assai tenaci ed appiccicose nulla c'entrano né con le ragnatele, la cui composizione chimica è differente, essendo le tele degli Aracnidi costituite da proteine, né con i cosiddetti "capelli d'angelo" o bambagia silicea. In quest'ultimo caso, si tratta di esili fili osservati, in qualche rara occasione, dopo l'avvistamento di U.F.O. I "capelli d'angelo" hanno struttura chimica non confrontabile con i filamenti di polimeri. In seguito ad analisi di laboratorio, la bambagia silicea è risultata essere un composto di vetroborosilicico, laddove le fibre contenute nelle scie tossiche contengono carbonio, silicio, alluminio, ferro, calcio, sodio, cloro, rame, litio e magnesio.

Ringraziamo il gentilissimo Dottor Giorgio Pattera, per la tempestiva segnalazione.



Oggi, 8 novembre 2008, nei cieli di Buccinasco (MI), sono accaduti fenomeni atmosferici davvero strani. Strani per gli altri, ma non per chi, come noi, è impegnato da tempo nello studio del fenomeno "scie chimiche".

E' pomeriggio quando esco e vedo attaccati ad un palo moltissimi filamenti bianchi.

Non mi sono nuovi, ma, avendo pochi dati a disposizione non potevo sbilanciarmi: sarebbero potuti essere semplici ragnatele, anche se, dentro di me, sapevo che non era così. I filamenti in questione erano davvero lunghi ed anche spessi.

Decido allora di mettere il guanto di lattice e di prelevare un campione da portare a casa per farlo poi analizzare. Mentre mi accingo a prelevare il "filo", ho modo di constatare che non si tratta di ragnatele o comunque di sostanze naturali per alcuni semplici e logici motivi:

- le ragnatele si spezzano, queste fibre no e si attaccano;
- le ragnatele hanno una trama, queste fibre no: sono dei lunghi filamenti ed un ragno non costruirebbe mai fili senza trame per catturare le prede;
- le ragnatele non volano in cielo per kilometri e non si attaccano ai pali elettrici ed alle cime degli alberi, sventolando a seconda del vento.

Una volta raccolto il campione, scatto anche delle foto. Guardo il cielo e vedo i soliti aerei (tankers) chimici che rilasciano la solita scia chimica. Questa volta oltre al solito aereo, nel cielo azzurro si distinguono bene cadere (CADERE) dei filamenti bianchi, gli stessi che ho trovato attaccati ai pali ed alle piante!

Era la prima volta in cui mi capitava di assistere ad uno spettacolo così preoccupante e spaventoso. Si vedevano chiaramente scendere questi polimeri dal cielo! E, guarda caso, la caduta era evidente ogni qual volta passava un aereo con scia chimica al seguito. Non esagero nel dire che oggi sono piovuti polimeri. [...]


Leggi qui il resoconto sul blog Scie Buccinasco.





Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!
Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.


Aggiorna Tanker Enemy nei tuoi preferiti. D'ora in poi questo blog è raggiungibile digitando http://www.tankerenemy.com/

TANKER ENEMY TV: i filmati del Comitato Nazionale

CHEMTRAILS DATA

66 commenti:

  1. In effetti ultimamente anch'io ho iniziato a notare questi filamenti, sono come le scie finche non le "conosci" non le noti.

    Da quando hanno arato i campi è molto facile vederle perchè si "tendono" da una zolla all'altra, e in contro luce si notano una marea di questi filamenti lunghi, che luccicano al sole mossi dalla brezza.

    Sono tutti filamenti singoli non formano mai un incrocio.
    Sono solitamente tutti tesi nella stessa direzione.
    Se ci si avvicina, dopo averne notato il luccichio, si rendono totalmente invisibili.
    Quando cadono dall'alto sono lunghi circa 3 metri.

    Adesso che li ho notati, ho iniziato a cercare di fotografarli ma è molto difficile, prossimamente come suggeritomi da Straker, proverò con una luce UV.

    RispondiElimina
  2. Riporto anche qui il mio commento che ho scritto sul blog scie-buccinasco:
    =========================
    Anch'io, sempre l'8 novembre, sempre in zona Milano Sud, mentre ero in moto ho imbeccato un filamento simile. Ho anche fatto delle foto e dei brevi video dove si vede questo strano filamento attaccato in parte al cupolino della moto ondeggiare e rimanere in sospeso a causa del venticello.
    Confermo tutte le tue impressioni, in particolare il modo evidente in cui riflettono il flash.

    A questo link si posono scaricare le foto(12MB)

    Qui uno dei video(23MB)
    =========================

    RispondiElimina
  3. La cosa grave, K 99, è che questi filamenti sono in ogni dove: nel cibo, nell'acqua, nell'aria. Sarà per questo che le persone sono quasi tutte malate?

    RispondiElimina
  4. Ciao K99. L'aspetto agghiacciante di questa faccenda è che la maggior parte delle segnalazioni parlano di filamenti sui campi appena arati. Ciò significa che le prossime colture saranno adeguatamente contaminate dai polimeri e finiranno nel ciclo alimentare, insieme alle altre schifezze OGM (vedi i neonicotinoidi inclusi nel mais).

    Confermo le tue puntuali osservazioni: i filamenti che si vedono "planare" in cielo sono lunghi oltre tre metri e se si fa bene attenzione tenendo la corona solare oscurata e fotografando sul bordo illuminato, si riescono a riprendere mentre si espandono (prima sono sferoidali e poi si sfilacciano divenendo filamenti). Sono ottimi veicoli per il trasporto di elmenti chimici e/o biologici e sfruttano tale caratteristica per venire trasportati dal vento su vaste areee, sfruttando l'effetto vela.

    RispondiElimina
  5. Segnalo questo articolo, nel quale si spiega come poter osservare le fibre che ci circondano.

    RispondiElimina
  6. nè ho visti diversi di filamenti volare in posizione verticale,non mi sono apparsi molto lunghi,direi mezzo metro,però nel bel mezzo della citta. più spesso ne ho trovati diversi sulla macchina,e non conto tutti quelli che si trovano entrando in un bosco.li però è facile sbagliarsi con le ragnatele vere.ho provato a fotografarli ma non si vedono bene,non ho più maledizioni disponibili per i responsabili di questa disgustosa operazione criminale.

    RispondiElimina
  7. Segnalo il video appena messo on line da Niko.

    Qui

    RispondiElimina
  8. Sempre da niko ricevo la segnalazione di questo uno spezzone del TG piemontese con elicotteri che rilasciano scie tricolori ... che siano impiegati anche occasionalmente per rilasciare altre scie?

    il video è da scaricare da megaupload, attenzione al 25 esimo secondo

    RispondiElimina
  9. Ho visto l'altro ieri il servizio (che pena i grulli che, intervistati affermavano che la manifestazione - vedere tutte quegli strumenti di morte - era qualcosa di meraviglioso).

    Che io ricordi, non ho mai visto elicotteri rilasciare le scie col tricolore. Penso che la speciale coreografia sia per indurre l'equivalenza: velivolo = scia, ovvero... qualunque cosa voli, rilascia una scia ed è normale così. Quindi... anche gli elicotteri.

    Scie nella scenografia video per la raccolta fondi contro il mieloma, scie nella sigla del tg1, scie dietro la D'eusanio. Scie ovunque e quantunque e la fregatura è servita.

    RispondiElimina
  10. bel video,Corrado Nico,si vedono benissimo le scie tossiche,oltre agli elicotteri subliminali.il giornalista mi ha commosso dicendo che le forze armate sono al nostro servizio,che bravi bastardi.

    RispondiElimina
  11. Nella giornata passata lo sciopero in Alitalia non ha sortito alcun effetto, visto che l'attività di aerei scianti è stata comunque elevata.

    RispondiElimina
  12. Ciao a tutti!!
    volevo informarvi che è on line il mio nuovo video...
    spero vi piaccia!!

    http://it.youtube.com/watch?v=cJkHZs4vz8o

    RispondiElimina
  13. Ne è tornato giù uno..
    uno dei classici "pancia blu"?
    date un'occhiata alle foto, non ci sono un pò troppe divise intorno? mi sembra troppo recintato per essere un semplice guasto..
    lo stesso tgcom è incerto e si esibisce in un "pare sia stato"...

    http://www.tgcom.mediaset.it/fotogallery/fotogallery4289.shtml?3

    RispondiElimina
  14. Estremamente curioso è il fatto che i primi ad intervenire siano stati i militari.

    RispondiElimina
  15. Inizialmente pensavo che quei lunghi filamenti potessero essere ragnatele. Ma osservandoli è vero, sono proprio differenti. Poi se fossero ragnatele, non si ritroverebbero, così lunghi, appesi tra due oggetti dove pochi minuti prima non c'era nulla. E passandoci in mezzo te li carichi addosso, se non si riescono ad individuare prima; si posano in modo talmente veloce che non è facile evitarli, non sempre.

    RispondiElimina
  16. @darko
    Bel video, molto bella la musica. A proposito di musiche che accompagnano i video, fai attenzione a cosa scegli. In questo caso hai scelto una cover di un vecchio brano dei Tears For Fears e, probabilmente non penso che richiederanno la censura del video. Però, in un precedente tuo video, c'erano delle musiche originali. Ti dico questo poichè a un mio amico hanno cancellato, col pretesto della musica di sottofondo, un suo filmato sulle scie chimiche, l'aspetto curioso è che il video musicale completo della stessa canzone è tranquillamente disponibile su altri canali you-tube.

    Buone vibrazioni a tutti.
    VibraVito

    RispondiElimina
  17. Ottimo video, Darko.

    Confermo quanto asserito da Vibravito. Alla terza infrazione ti cancellano il canale.

    RispondiElimina
  18. ^___^"" per le colonne sonore...
    con licenza CC... (come le mie foto, se servono...)

    http://ccmixter.org/
    http://search.creativecommons.org/
    http://www.jamendo.com/
    http://www.musopen.com/

    RispondiElimina
  19. Interessante articolo, Straker. Già ne parlasti qualche mesetto fa di questi filamenti. Starò più attento nell'osservazione.
    Può essere pure che ce li ho sotto il naso e, per una cosa e un'altra, non gli ho posto la dovuta attenzione.
    Ma grazie allo scambio di idee, pareri, insomma, grazie alla collaborazione, si viene a sapere sempre qualcosa in più.
    A presto.
    Luka78

    RispondiElimina
  20. Ciao Luka. Di filamenti di polimeri si parlerà sempre più, visto che sono/saranno la causa (tra le altre cose) dei gravi danni alle colture nei prossimi anni e di patologie sempre più strane.

    RispondiElimina
  21. A roma ogni volta che li faccio notare mi dicono...tu non stai bene!!! non lo vedi che sono ragnatele...oppure sarà qualche animaletto strano...:-(((

    Oddio una cosa simile l'ho notata in casa di miei amici su dei bonzai...
    Si formano delle cose simili a quelle descritte da Straker, ma utilizzando un apposito antiparassitario scompaiono...! gli esperti botanici dicono che sono dei nuovi batteri/piccoli insetti che con l'umidità nidificano sui bonzai! le piante praticamente se non vengono curate...subendo l'azione di questi filamenti si ammalano,e si ingialliscono le foglie che dopo qualche giorno cadono tutte...facendo morire la pianta!

    Cosa ne pensate???

    RispondiElimina
  22. Charlie, è possibile che siano diffusi insetti frutto di manipolazioni genetiche, anzi ciò è accertato, ma molti filamenti NON sono ragnatele. Le piantine saranno soffocate da queste fibre quando cominceranno a crescere?

    Ciao

    RispondiElimina
  23. @ Zret

    Infatti infatti è quello che credo anch'io!
    Purtroppo spero sempre che non siano vere tutte queste "cose"...
    che vuoi farci in questi casi divento ottimista... :-((( !!!
    Mah!

    RispondiElimina
  24. ciao,secondo me ci sono insetti strani frutto di qualche modifica. già da un'pò di mesi me nè sono accorto, ma sono sicuro che non c'erano qualche anno fa. noto molto spesso la presenza di insetti bianchi, li si nota facilmente appunto solo se hai dietro uno sfondo scuro,anche oggi nè ho visti parecchi gironzolare a vuoto,nonostante faccia pittosto fresco. che sia sereno o coperto ci sono ugualmente ma solo di giorno. spero solo che non portino malattie nuove create in laboratorio.

    RispondiElimina
  25. Loryyy, credo tu abbia ragione. Tempo fa pubblicammo un articolo su insetti modificati geneticamente che venivano diffusi sui campi di cereali con gli... aerei. Esistono anche api con microchip, quindi bioniche.

    Che tristezza.

    Ciao!

    RispondiElimina
  26. anche le api con il chip! che schifo, sarà per quello che stanno pure andando in estinzione. penso però che intendi il chip identificativo, che non le rende bioniche, ma rintracciabili.

    RispondiElimina
  27. Loryyy, purtroppo intendo api bioniche. Essi intendono trasformare anche gli uomini in esseri bionici (Vedi Mutanti)

    Ciao

    RispondiElimina
  28. Sono riuscito a fotografare i filamenti_nanopolimeri :D
    Questi oviamente sono più facili da riprendere, ma posso assicurare che questi filamenti, più sottili quasi invisibili, si possono notare quotidianamente dovunque!

    RispondiElimina
  29. grazie zret per la precisazione, mi sto rileggendo adesso l'articolo dell 11.6.08 è talmente racapricciante che la mia mente lo aveva rimosso.

    RispondiElimina
  30. Articolo e video (come sempre) interessantissimi!!

    complimenti Niko!!

    Sabato scorso località Rivoli (Torino) ricaduta di "puntini" bianchi accesi dal cielo, notata da tutte le persone con me al momento.. come sempre, commenti scemi quali "è polline!"

    RispondiElimina
  31. Ciao a tutti! Ringrazio l'amico Rosario per aver pubblicato il mio articolo. Vi avviso che oggi dove loro ho guardato i filamenti al micorscopio a fluorescenza con ingrandimento 100x e confermo che emettono fluorescenza nel campo dell'ultravioletto.
    Qui il nuovo articolo: http://scie-buccinasco.blogspot.com/2008/11/polimeri-di-ricaduta-filamenti-bianchi.html
    Ho poi spedito dei campioni al gentilissimo dott. Pattera. Appena avrò i risultati vi farò sapere.
    Un caro saluto a tutti!

    Samuele

    RispondiElimina
  32. Ciao Samuele, le tue analisi al microscopio confermano quanto, a suo tempo, evidenziato dal Dottor Pattera e da Carnicom. Ora, è evidente che sono filamenti artificiali e non fibre tessili né tele di Aracnidi. Risulta anche bruciano solo a temperature altissime.

    Peccato che il Dottor Pattera sia l'unico ad occuparsi di questi filamnti che per Cattivix ed i suoi paggi azzimati sono tele di ragno.

    Ciao e grazie.

    RispondiElimina
  33. Pattera avrà il suo bel da fare in questi giorni, visto il notevole numero di segnalazioni e di persone che si sono rivolte a lui.

    Altri avevano svolto tempo addietro un ottimo lavoro che confermava gli studi di Giorgio Pattera, Michael Castle, Hildegarde Staninger, Donald Scott ed altri, ma le minacce dei disinformatori li hanno spinti a tirarsi indietro. Peccato.

    RispondiElimina
  34. Ciao Zret, mi ero perso che per cattivix e leccapiedi questi filamenti fossero tele di ragno. Io sono un biologo e (salvo nuove specie di ragno a me sconosciute) questi non sono affatto materiali di origine naturale. Non c'è bisogno di nessuna laurea per capirlo. Un'altra cosa che mi è venuta in mente è che i ragno non potrero fare tele così vistose (sono bianchissimi questi polimeri) altrimenti le prede le vedrebbero subito! Devo dire che grazie a questo fenomeno sono riuscito in pochi giorni a senbilizzare un numero maggiore di persone, è già qualcosa.
    un caro saluto e grazie per quello che fate.

    RispondiElimina
  35. Eccellente studio, Samuele. davvero interessante.

    Ho visto anche il raggelante filmato. Fenomenale. Conferma alcuni miei piccoli esperimenti di qualche mese fa. Potrebbe non essere solo un comportamento dovuto a fenomeni elettrostatici, ma qualcosa di più. Potrebbero essere influenzati dall'energia bioelettrica del corpo umano.

    RispondiElimina
  36. sabato facendo un giro in moto mi sono ritrovato il parafango e il giubbotto con questi strani filamenti.prima non mi era mai capitato di vederne in giro.come sempre in cielo erano presenti scie.

    www.statidipercezione.blogspot.com

    RispondiElimina
  37. Ahimé, anche in Sardegna (terra piena di colture) ho avvistato i nanopolimeri. Ho provato a prenderne uno che stava planando dal cielo verso casa mia, l'ho beccato in cucina.

    Bene, dopo aver visto che era "fibroso" e appiccicoso, essendo questo filamento abbastanza grande ho deciso di dividerlo in due per fare dei test.

    Ho usato fuoco e acido muriatico. In nessuno dei due casi si è distrutto. A voi le conclusioni...

    RispondiElimina
  38. non avete notato che l'unica arma che continua a reclutare persone e a mettere pubblicità ovunque, e non solo in italia, è l'areonautica militare?!
    non è un pò strano?! quanto personale sarà impegnato in queste cose???

    RispondiElimina
  39. @stati di percezione e amministratore
    avete fatto foto?

    RispondiElimina
  40. Ragazzi ultime da roma...
    Doveva esserci un mega temporale dalle 10 fino alle 16 del pomeriggio...invece solito rumore di aerei...nuvoloni dissolti...nel nulla e sono comparsi tra quelli rimasti mezzi sparsi i soliti arcobaleni...dovuti dalle polveri metalliche...
    Che tristezza!! e tutti fanno finta di niente...mah!!!

    RispondiElimina
  41. http://zambardino.blogautore.repubblica.it/2008/11/12/legge-ammazzablog-protesta-giusta-ma/

    di questa legge ne sapete qualcosa...???? Sempre più censura ragazzi!! Si stanno attuando i piani di censura...!!!

    RispondiElimina
  42. purtroppo essendo fuori casa non avevo la macchina fotografica.peccato!d'ora in poi la terrò sempre a portata di mano non si sa mai.

    RispondiElimina
  43. questi filamenti di nanopolimeri si comportano niente male per essere condensa..o ragnatele....


    forse sarebbe il caso se quelli della N.A.T.O. cominciassero a parlare....

    comunque ce n'è molta di questa roba...MOLTA

    senza considerare quella che abbiamo certamente già mangiato...evviva

    RispondiElimina
  44. Ragazzi, la situazione sopra la Sardegna e sino alla Sicilia è pazzesca.

    RispondiElimina
  45. Roma non è da meno...son tornate le nuvole a Roma anche se tra un "buco" e l'altro si intravede qualche scia...stanno preparando un altro nubifragio sulla capitale???? Mah!

    RispondiElimina
  46. Quel testina di Angioni non solo vuole riscrivere la scienza affermando che le scie persistenti sono sempre esistite, ma adesso vuole anche cambiare il corso delle stagioni:
    Purtroppo però l'autunno è portatore anche di qualcosa di estremamente fastidioso, dei lunghi filamenti bianchi che tendono a ricoprire qualunque cosa (persone, uomini, case, pali della luce etc etc...).

    Probabilmente si confonde con il polline primaverile. Secondo me l'Angioni è stato sottosposto a un trattamento in stile arancia meccanica. I suoi ricordi sono stati alterati.

    RispondiElimina
  47. qualcuno nell'album di k99 ha lasciato un commento dove dice che io sarei un divulgatore di bufale.
    Voglio ricordare ai più distratti che nel mio album ci sono gli screenshots delle pagine meteo dove si teneva nascosto l'uragano che ha causato 4 morti.

    Queste sono prove, non insulti.
    Capisco che chi non può più lasciare commenti nel mio album, perché cacciato da me a causa delle deliranti confutazioni, si senta frustrato e sbarelli continuando ad insultarmi in altro loco.

    Si riguardi bene le prove schiaccianti che vedono tutti i meteorologi (Alessandro Delitala in primis) nascondere in modo criminale il disastro deciso a tavolino.

    RispondiElimina
  48. @mike
    facci l'abitudine ... e nello stile di certi infami vermi debunker calunniare indiscriminatamente nascondendosi dietro l'anonimato, anche se gli fornisci tutte le evidenze di questo mondo, loro continuano a fare gli gnorri e perseverano nella calunnia.

    Sono solo dei vermi ... e i vermi prima o poi vengono schiacciati ... lasciali strisciare.

    RispondiElimina
  49. Ma certo Vibravito, non hanno capito che così facendo io, per spiegare bene la faccenda, continuerò a postare il link del mio album...più insultano e più io pubblico il link, così arriva a più persone...ma non capiscono neppure questo...
    Come darsi la zappa sui piedi.

    RispondiElimina
  50. Bravi ragazzi! Non hanno capito che con noi non attacca. Più rompono i marroni e più noi diveniamo determinati ad andare avanti.

    RispondiElimina
  51. tutto questo non sarebbe possibile se tu Straker non ci autorizzassi a postare sul blog più cliccato.
    Il tuo.
    Grazie a te, Straker.

    Mike

    RispondiElimina
  52. Qui chiunque puù scrivere, a condizione che i suoi interventi non siano funzionali alla disinformazione.

    RispondiElimina
  53. Scusate ancora ma io non capisco.
    Anche qui si parla di energia bioelettrica, si intende forse quella dei nervi che conducono il dolore al cervello?
    Cioè i filamenti potrebbero anche risultare dolorosi? Perchè non mi pare, ma potrebbero risultare dannosi col tempo?
    Scusate le tente domande ma mi piace capire......

    RispondiElimina
  54. una signora che vive in nuova zelanda ha fatto fare il mineralogramma ai filamenti caduti dopo massiccie irrorazioni

    http://www.mysteriousnewzealand.co.nz/chemtrails/chemtrailsbettyrowe.html

    i risultati delle analisi

    http://www.mysteriousnewzealand.co.nz/images/chemtrails/transcript_analysisdoc.jpg

    RispondiElimina
  55. penso che si intenda l'energia prodotta dal sistema nervoso.In base all'attività del cervello(riposo o veglia) vengono prodotte determinate onde e quindi più o meno energia.

    RispondiElimina
  56. freeNWO ha detto...

    Scusate ancora ma io non capisco.
    Anche qui si parla di energia bioelettrica, si intende forse quella dei nervi che conducono il dolore al cervello?
    Cioè i filamenti potrebbero anche risultare dolorosi? Perchè non mi pare, ma potrebbero risultare dannosi col tempo?
    Scusate le tente domande ma mi piace capire......

    12 novembre, 2008 18:28


    Effettivamente i filamenti che perforano il derma esterno nei malati affetti da morgellons sono estremamente dolorosi e si è potuto verificare che questi filamenti usano l'energia biolettrica del corpo umano. In che modo esattamente è ancora tutto da verificare.

    Da notare che le fibre polimeriche del Morgellons non sono comparabili ad alcuna fibra esistente e sono composte da carbonio (i nanotubi nella tecnologia attuale sono composti da carbonio), silicio (il componente principale dei chips), litio (il litio si usa nelle batterie di ultima generazione), oro (ottimo conduttore) etc.

    RispondiElimina
  57. Problemi? Nessuna paura. Il CICAP pensa per voi!

    Simone Angioni è diventato biologo ed ha trovato per noi la soluzione: le tele sono originate dai ragni autunnali. Peccato per lui che quelle tele le si vede tutto l'anno ed i filmati da noi realizzati in questi tre anni lo dimostrano ampiamente.

    RispondiElimina
  58. Ciao Straker,
    sono quello che recentemente ti ha inviato le foto dell'arcobaleno contrario; volevo segnalarti che anche qui su Modena, la scorsa settimana ( mi pare lunedì o martedì..) c'è stata una ricaduta di filamenti come mai mi è accaduto di osservare, da alcuni anni a questa parte. I filamenti erano perfettamente visibili ad occhio nudo,mi è capitato di "investirli in auto" mentre cadevano e posso dire, da esperto osservatore, soprattutto di spessore notevolmente più grande rispetto al solito( forse hanno sbagliato il dosaggio ) La lunghezza mediamente, se non si arricciano, varia dai 2 ai 4 Mt circa.
    Ne abbiamo raccolti alcuni e provandoli a bruciare si nota che si arricciano immediatamente all'avvicinarsi della fiamma per poi dissolversi in nulla ( almeno di visibile ad occhio nudo)
    Aggiungo e confermo che il modo migliore per vederli, consiste nel posizionarsi con un normale binocolo in una giornata con cielo sereno ( quindi sfondo azzurro) intorno alle ore 12,00/ 13,30 volgendo lo sguardo vicino alla corona solare, MAI PUNTARE DIRETTAMENTE SUL SOLE,( lo dico per i profani..)meglio se a filo d'un cornicione di un tetto. Nel giro di pochi minuti si vedranno i lucenti riflessi dei filamenti svolazzare quà e là.
    Concludo dicendo che dopo numerose osservazioni di ricadute che conduco da qualche anno,ho evidenziato un fenomeno che mi ha più volte insospettito; soprattutto nelle giornate di intense ricadute, a prescindere dal periodo stagionale,la comparsa di "piccolissimi insetti o similari" che si agitano in maniera quasi innaturale. Sarà una coincidenza od una mia fissazione, ma l'allusione alle nanomacchine od insetti modificati mi viene spontanea.
    Un saluto a tutti
    P.S.
    da circa un paio d'anni, ho notato che anche sui fusti e rami di molte tipologie di alberi,vanno formandosi strane chiazze più o meno grandi ( diametro circa 3/5 cm )di color giallo ocra o verdastro ( tipo muschio per intenderci) con tendenza ad espandersi lentamente ma costantemente; praticamente tutti i tigli della mia via ne sono affetti, pure un albicocco, ecc. E girando l'Europa lo stesso fenomeno è facilmente riscontrabile.Io in questo caso, devo dire che sono convinto che ci sia un nesso con i suddetti filamenti.Spero di sbagliarmi, ma mi sembra che questo "fungo" attacchi la corteccia delle piante, imputriscendola così da esporre la pianta ad eventuali parassiti o malattie.
    Vedremo...
    Saluti a tutti

    RispondiElimina
  59. Ciao Joe, lieto di rileggerti.

    Confermo quanto da te osservato e posso aggiungere che diverse piante dell'entroterra Sanremese sono aggredite da parassiti. Non accadeva da decenni e, che io ricordi da quando vivo a Sanremo (dal 1966), non mi era mai capitato di osservare un bosco quasi completamente spogliato delle conifere e latifoglie come purtroppo è ora.

    Certamente i polimeri di ricaduta sono il vettore e come tali possono trasportare qualsiasi cosa.

    RispondiElimina
  60. Come come? ragni autunnali? a meno di aver scoperto una nuova specie di aracnidi al mondo, dove sarebbero le foto di questi ipotetici ragni "atmosferici"? E quale sarebbe il loro nome in latino? Ma poi perche' autunnali? io si ho visto per la prima volta la pioggia di filamenti in autunno ma questi stessi filamenti li ho visti altre volte in stagioni completamente diverse. Quindi, con tutto il rispetto per Angioni, presumo che esistano anche ragni estivi, primaverili e perche' no anche i ragni delle mezze stagioni...! sdrammatizzo un po :)
    Ad ogni modo se fossero ragni allora:
    - questa pioggia di filamenti dovrebbe essere ben conosciuta e documentata ma guarda caso non si hanno prove a favore di cio',
    - siccome la Natura tende a fare sempre "economia", dubito fortemente che dei ragni possano permettersi il lusso di spargere ragnatele a destra e a manca,
    Inoltre, come esposto nei miei articoli, una ragnatela dovrebbe:
    - avere una trama piu' o meno regolare a seconda del ragno,
    - riflettere la luce solare come le ragnatele classiche,
    - rompersi abbastanza facilmente nonostane l'elasticita' naturale della stessa (funzionale solo alla cattura delle prede),
    - essere posizionata in luoghi strategici al passaggio dei vari insetti,
    Fatte queste poche considerazioni (ma se ne possono fare altre), i filamenti bianchi in esame (polimeri) NON sono ragnatele o comunque non sono di origine naturale perche' non hanno una trama, non si rompono ma si attaccano, volano e cadono dal cielo, guarda caso al passaggio dei tanker

    RispondiElimina
  61. Infatti, Samuele, ma noi sappiamo che il C.I.C.A.P. (e quindi anche Angioni, che ne fa parte) deve negare ad oltranza.

    Ci portino le analisi e vediamo cosa ne esce fuori.

    Cosa devono nascondere e chi?

    RispondiElimina
  62. Ad essere sinceri, ho avuto più la premura di confermare o smentire le mie preoccupazioni piuttosto che stare a fargli il servizio fotografico. Ma, quest'ultimo, la prossima volta non mancherà...

    RispondiElimina
  63. Abito a Sanremo. Sono molto preoccupato. L'attività screanzata delle chemtrails sul nostro cielo è impressionante. Non cessa! Cominciano all'alba, forse anche di notte, ed è un continuo per tutto il giorno. Perchè?

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis