mercoledì 30 gennaio 2008

Memoria storica

Per dimostrare che le scie chimiche sono una realtà, un'atroce realtà e non una leggenda metropolitana, è sufficiente riandare con la memoria a quando, non molti lustri or sono, si poteva ammirare il cielo istoriato da cirri e cosparso da cumuli simili a batuffoli di ovatta o a panna montata. Erano formazioni di un bianco scintillante, corpose, così diverse dalle nubi sfibrate e terree che oggi si vedono dappertutto mischiate alle ragnatele velenose.

Ricordo che anni fa, in gelide giornate invernali, con l'aria adamantina, quando al mattino si poteva scorgere in lontananza "la Corsica dorsuta e la Capraia", nel firmamento si notava talvolta, sul mare, una breve e lontanissima, quasi indistinguibile, scia di condensazione che si dissolveva dopo pochi secondi (altro che le scie persistenti, inventate dalla N.A.S.A. e menzionate da chi si fa prendere per il naso!). L'aereo, essendo altissimo, non si intravedeva neppure e, dopo il passaggio del velivolo, il cielo tornava nitido come uno specchio. Ora, è pur vero che il traffico aereo è aumentato in questi ultimi anni, ma questo non spiega né potrà mai spiegare l'intrico di scie fuori rotta che si formano nel cielo a causa dei tankers e neanche la patina opaca, che simile ad un sudario, copre tutto il panorama, checché ne dicano i minus habentes da noi ben noti.

Non ricordo di aver mai osservato scie di condensazione nelle giornate calde ed a quote basse tali che fosse visibile anche la sagoma dell'aeroplano. Questa memoria storica è destinata ad essere, però, cancellata, allorquando subentreranno le nuove generazioni abituate a "vivere" sotto un cielo sfregiato, in un mondo dalla luce cadaverica. Già i soliti manipolatori hanno provveduto a modificare fotografie di bombardieri che, durante la seconda guerra mondiale, sorvolavano le città: le immagini mostrano apparecchi con enormi e lunghissime scie che sospettiamo essere il risultato di maldestre operazioni di fotoritocco. Infatti, dopo aver visto decine di filmati, documentari, pellicole sulla storia dell'aviazione civile e militare, non siamo riusciti ad imbatterci in neppure una contrail, mentre abbiamo talora adocchiato delle scie che, per morfologia, lunghezza, altitudine, colore devono essere chemtrails, per così dire, sperimentali. Si trattava di un uso saltuario e legato evidentemente a scopi circoscritti, laddove nella seconda metà degli anni '90 del XX secolo, si assiste ad un'esplosione di strisce velenose che deturpano in modo inverecondo gli scenari naturali ripresi in molte produzioni cinematografiche, video musicali, istantanee di dépliants, pubblicità televisive etc.

La canzone Strani giorni di Franco Battiato risale al 1996: è lo stesso anno in cui cominciarono i primi avvistamenti non più isolati di chemtrails in Canada. E' una coincidenza o il cantautore siciliano mandò un messaggio cifrato, quando in alcuni versi accennò ad un cielo orrido, demoniaco?

"Ascoltavo ieri sera un cantante uno dei tanti
e avevo gli occhi gonfi di stupore

I've seen many things in this part of the world
nel sentire: "il cielo azzurro appare limpido e regale"

let me tell you something
(il cielo a volte, invece, ha qualche cosa d'infernale)".


Forse fu un presagio o solo una combinazione. E' indubbio che oggi tutto è infernale: non solo il cielo.

14 commenti:

  1. Non posso riuscire a rassegnarmi ad aver perso un passato di cieli azzurro intenso.

    Bastardi!

    RispondiElimina
  2. Non hanno solo devastato i nostri cieli ma ci hanno privato di sensazioni, emozioni, stati d’animo che erano fortemente connessi alla vera natura che un tempo ci circondava!

    Quando ci penso provo una nostalgia mista a una rabbia...

    RispondiElimina
  3. Hai ragione, BACAB. Secondo me ci vogliono proprio così: malati e depressi.

    RispondiElimina
  4. Ciao Straker, Zret,
    solo i gonzi non vedono differenze tra il cielo mefitico di questi tempi, a piena ragione definiti infernali, e quello di pochi anni fa, del quale sparirà memoria tra quattro o cinque campionati di calcio o edizioni del grande fratello.
    Proprio la passata estate, trascorrendo le mie ferie in Bulgaria, ho riprovato l'emozione di avere un cielo sgombro di venefiche scie sulla testa, non che tale paese ne fosse immune, ma là l'irrorazione è più saltuaria, come se fosse agli esordi e soprattutto non ha la frequenza della nostra avvelenata penisola.
    Questo fine settimana, tra le Alpi Pennine, in Bassa Valle d'Aosta, ho assistito ad un fenomeno insolito; il cielo aveva patito per circa tre giorni un pesantissimo attacco chimico e, ahimè, biologico (ho riscontrato infiammazione intestinale);tra i continui aerosol a bassa quota, talvolta di colore scuro, ho notato (come me molti altri) cinque punti scuri in mezzo al cielo in apparenza immobili, ma che ad una attenta osservazione avevano un moto regolare molto lento verso fondo valle; tuttora non so dare una spiegazione a tale fenomeno... ho sentito parlare di sonde... ma sonde de che??! Qualcuno ha azzardato che fossero mongolfiere... sì nere senza uno sponsor... Probabilmente il pesante attacco chimico è correlato a tale fenomeno, perchè non saprei fare una congettura soddisfacente in un altro senso.
    Battiato non mi convince molto... ricordo che in una canzone tesseva le lodi dei gesuiti.
    Vi rinnovo la mia stima.
    Saluti, Nico

    RispondiElimina
  5. il lato positivo?

    prestp finiranno queste operazioni, non pensate siano illimitate.
    Come tutte le cose costose prima o poi finiscono.

    Già putroppo però credo che alla fine di tali operazioni coincideranno eventi non proprio gradevoli!

    RispondiElimina
  6. A proposito di depressione, l'altro giorno ascoltando la radio son capitato su RDS e la speaker stava terminando un discorso dicendo che ci sarebbe stata "un'ondata di depressione" non meglio definita e generalizzata che "sarebbe durata almeno 4 anni" (2012!). Purtroppo non ho sentito la prima parte del discorso, ma mi ha fatto mlta impressione se lo ricollego con l'apatia, la stanchezza e la depressione indotta in un sacco di gente in questi ultimi tempi..

    RispondiElimina
  7. da un trafiletto su "La Repubblica salute" del 15 / 06 /2006.

    Italia sempre piu'arida:

    Piu'di un terzo del pianeta è desertificato.
    L'ONU ha proclamato il 2006 Anno internazionale della desertificazione,tema principe della recente Giornata internazionale dell'ambiente,ad Algeri.Rischia l'Europa mediterranea: in Italia le isole e il Sud costiero,il 6 per cento della penisola.La Sicilia vede il 35 per cento del territorio prossimo all'aridita',la Puglia il 20,la Sardegna il 10.Le Regioni del sud pensano a un'Authority meridionale idrica.


    conseguenza....
    mail to indignatospeciale@mediaset.it

    oggetto: Tutto Bene?

    Salve indignato (!!!) speciale!

    Perchè dopo che si è occupato di Mani Pulite ( problema inutile sulla corruzione ANTICO COME IL MONDO),
    non si occupa di CIELI PULITI?

    Allora qui in Italia come in Europa stanno irrorando sostanze chimiche per..UDISCI UDISCI e la prego
    ri-UDISCA.....NON FARE PIOVERE....

    ma Lei riesce a FICCARSELO nel cervello????

    o su questa cosa "poco grave" SORVOLA?

    ma che razza di indignato è Lei?
    forse quello che fa finta di niente....ed ha PAURA di perdere il suo posto di lavoro?

    QUINDI SE LEI NON è CAPACE, PERCHE' NON LASCIA IL POSTO
    A QUALCUN ALTRO PER PARLARE DI QUESTO "VERO" PROBLEMA
    CHE COINVOLGE ANCHE LEI? O NO!!!

    BENE..MOLTO BENE!!!

    RispondiElimina
  8. Mr Jones, ho inviato il tuo messaggio all'"indignato" speziale.

    Nico, hai ragione. Neanch�io mi fido di Battiato che spesso scivola in luoghi comuni imperdonabili all'uomo della strada, figuriamoci a chi comunque ha un po' di cultura.

    Ciao a tutti.

    RispondiElimina
  9. Ciao Zret,grazie...
    ...l'ind/a..ignato ha 2 mail uguali!

    ;-) !...ma lui"professa"ancora?

    Ciao

    RispondiElimina
  10. E' veramente difficile tradurre in linguaggio i propri pensieri, sentimenti, emozioni. Devo dire che Zret é veramente un'Eccellenza. Tutti i vs. commenti sono i miei pensieri. Aggiungo il piacere di respirare in un'aria limpida l'esplosione di profumi nelle campagne in Primavera. Ci stanno togliendo tutti i piaceri della vita, fateci caso... anzi ce li hanno tolti!
    Un abbraccio a tutti

    RispondiElimina
  11. E' veramente difficile tradurre in linguaggio i propri pensieri, sentimenti, emozioni. Devo dire che Zret é veramente un'Eccellenza. Tutti i vs. commenti sono i miei pensieri. Aggiungo il piacere di respirare in un'aria limpida l'esplosione di profumi nelle campagne in Primavera. Che bei tempi! Ci stanno togliendo tutti i piaceri della vita, fateci caso... anzi ce li hanno già tolti! Ricordate il deflettore della macchina? Cambiava l'aria dolcemente. Adesso, con il vetro intero, l'aria ti sega il collo e disturba quelli seduti dietro! E' solo un esempio, si può scrivere un libro di grandi e piccoli piaceri, sottratti alla nostra esistenza. Basta farci caso...
    Un abbraccio a tutti

    RispondiElimina
  12. Battiato ha pure copiato il titolo di quella canzone 'Strani giorni' da un brano che fecero i Doors nella seconda metà degli Anni Sessanta. L'ellepi s'intitolava appunto 'Strange Days'.
    Si, è vero quel che dici, Zret, che fino al 1996 non c'erano le scie chimiche nei cieli del Pianeta ma la manipolazione del clima era già iniziata sul finire degli Anni Cinquanta. Ricordo - ho 56 anni suonati da poco - le primavere radiose del 1957 e 58 e i cieli stellati delle estati di allora quando la Via Lattea dalle mie parti era ancora discernibile. Una magia che non s'è mai più ripresentata.
    Dopo le esplosioni termonucleari da parte dei Sovietici nell'alta atmosfera verso il 1961-62 e l'impiego da parte dei medesimi delle armi meteorolgiche scalari, l'equlibrio naturale fu irrimediabilmente compromesso.
    Ora le api si trovano sul viale dell'estinzione - servizio di ieri sul TG5 - ed anche gli anfibi tengono loro dietro. Così chi abita in campagna o vicino ad un fiume non sentirà più gracidare le rane nelle notti di primavera.
    Il deserto cresce inesorabilmente ogni giorno che passa.

    RispondiElimina
  13. Ciao Faraday, l'esempio del deflettore è solo all'apparenza insignificante. In questo mondo si sono perse le sfumature e le sensazioni, sostituite da "emozioni" grossolane ed immagini tagliate con l'accetta.
    Grazie per i tuoi elogi.

    Due servizi del TG5 ieri hanno rivelato quanto siamo vicini alla fine: quello sulle api ed uno sull'Alzheimer: 80000 nuovi casi ogni anno!

    Consummatum est.

    Ciao a tutti.

    RispondiElimina
  14. Ieri, sfogliando distrattamente il giornale locale, ho letto di un nuovo caso di meningite BATTERICA ad Ivrea; ci stanno palesemente ammorbando con gli ultimi ritrovati in diavolerie venefiche e la gente, se per sbaglio guarda il cielo, si compiace per i suggestivi colori di tramonti insoliti.
    La memoria storica, di questo passo, sarà seppellita sotto uno strato di micropolvere chimico-batteriologica-nanotecnologica.
    Saluti , Nico.

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis