sabato 12 gennaio 2008

Il Morgellons è causato dall'irrorazione chimica? (articolo di Ted Twietmeyer)

Abbiamo tradotto un articolo del giornalista Ted Twietmeyer che, pur non contenendo novità di rilievo, collega correttamente il Morgellons alle scie chimiche, come appurato dalla tossicologa californiana Hildegarde Staninger, i cui studi ed analisi, però, Twietmeyer sembra ignorare.

Ostacoli nella cura della malattia

Esiste un muro nella comunità scientifica che è difficile scalare. Il Monte Everest per scienziati è pensare in modo da uscire dalla scatola. Essi sono legati a schemi che li tengono lontani dalle ricerche di frontiera. Ciò rende loro impossibile identificare la causa del Morgellons. Bisogna anche considerare gli interessi delle industrie farmaceutiche che ignorano i trattamenti non traducibili in introiti di milioni di dollari. La parola "cura" pronunciata da un medico è come una bestemmia, mentre i medici preferiscono riferirsi a "trattamenti".

Le scie chimiche come causa?

Sinora il trattamento che si è privilegiato per molte patologie è stato quello basato sugli antibiotici. Gli antibiotici sono usati per malattie che sfidano una spiegazione. Sono impiegati per le infezioni provocate da micoplasma che non è precisamente né un virus né un batterio.

Circa il Morgellons devono essere considerati tre aspetti rilevanti. Il primo problema è come insorge, il secondo qual è il patogeno. Scoprire il vettore della malattia porterà una luce tremenda sul patogeno. Il terzo aspetto è quello relativo ad un’efficace terapia.

Si richiede una mente aperta per capire quale possa essere l’eziologia. Occorre raccogliere e classificare tutti i dati clinici dei pazienti, includendo l’ubicazione, l’esposizione a qualcosa di anomalo, come i rapimenti, la ricaduta di sostanze chimiche e l’essere in un’area in cui sono diffuse le chemtrails. Stando alle attuali statistiche, in tutti e cinquanta stati della Federazione sono stati rilevati casi di Morgellons, sebbene siano più numerosi in tre stati meridionali.

Si evidenzia una notevole somiglianza tra le fibre dei malati e quelle delle scie chimiche.

Naturalmente non è possibile affermare un’identità, senza aver analizzato questi filamenti che appaiono affini per quanto riguarda le dimensioni e la crescita caotica, incontrollata. Se queste fibre sono il risultato di un’avanzata nanotecnologia, allora noi abbiamo compreso la malattia e chi si trova dietro di essa. Qual è, però, lo scopo sotteso alla diffusione di questa sindrome? La tortura? La diffusione di una pandemia per poi vendere farmaci per il trattamento? Secondo una notizia riportata da una televisione del Texas, un giovane che aveva recentemente contratto il Morgellons si è tolto la vita, non tollerando più il dolore.

Noduli neri, fibre che a stento possono essere estratte dalla pelle ed un dolore inenarrabile sono condizioni in grado di rovinare le relazioni all’interno delle coppie. La sofferenza è così intollerabile che un rapporto sessuale è l’ultima cosa cui i pazienti pensano. I sintomi quindi sono correlati ad un controllo demografico che è un effetto collaterale evidente.

La mia speranza è che qualche ricercatore considererà questo breve articolo per cercare una cura e non un inutile trattamento. Spero che questo ricercatore valuterà ogni possibile vettore per questa malattia, compresi i rapimenti notturni.

11 commenti:

  1. Ciao Freenfo, grazie infinite!

    Speriamo si trovi una terapia efficace.

    Ciao!

    RispondiElimina
  2. Ciao ragazzi! I rapimenti notturni? E' la prima volta che lo leggo relativo a questa malattia,potete dirmi di più?Grazie

    Soul

    RispondiElimina
  3. Agghiacciante!
    Veramente agghiacciante!

    Insider e corruptis continuano a mentire, ma cara gente quella roba la respirano tutti, miliardari con la casa in collina e lo chalet in montagna o il semplice operaio metalmeccanico.

    Nessuno escluso.

    Tutti sono coinvolti.
    Tutti lo saranno.
    Solo che la pozione magica l'avranno forse l'1% delle oscure menti architettatrici,
    tutti gli altri che pure li appoggiano sono già come noi!

    Figli, donne, ragazze, nipoti, parenti, amici, conoscenti!

    Tutti...



    tutti...

    RispondiElimina
  4. Giusto, Acquaemotion. Il veleno non conosce ostacoli e viene da tutti respirato... debunkers compresi.

    RispondiElimina
  5. Esattamente: rapimenti notturni ad opera di militari. Probabilmente stanno eseguendo test biologici sulla popolazione e ne controllano l'evoluzione. Cercheremo di saperne di più, anche perché tutto questo è collegato con le chemtrails e con il morbo di Morgellons.

    RispondiElimina
  6. All'interno di una struttura politica progettuale quale il Nuovo Ordine Mondiale non credo che avrà più senso il parlare di profitto, in quanto in tale ordinamento dovrebbero esistere solamente due classi: quella dei 'signori', estremamente chiusa e ridotta a poche centinaia di persone che avrà il dominio globale su tutti i beni fisici del Pianeta ( quindi non ci sarà più niente da guadagnare) e l'immensa classe degli schiavi, microchippata e spendibile da parte dell'élite per i propri bisogni nonchè capricci.
    A metà strada fra 'élite' e masse ridotte in schiavitù si collocherà per forza di cose la classe intermedia dei controllori del sistema, costituita da un corpo militare di guardie anch'esse microchippate e magari modificate geneticamente e tali da garantire la sussistenza della nuova impalcatura sociale.
    Dunque si prospetterebbe un quadro politico e sociale allucinante e di assoluta follia, quadro al cui insediamento presiedono le forze economiche, politiche e soprattutto pseudo-religiose che tutti ormai ben conosciamo.
    Ciò posto, non credo pertanto che la sindrome di Morgellons, incidente di percorso delle scie chimiche o vero e proprio scopo prefissato, sia volta a realizzare profitti.
    L'obiettivo, secondo me è sempre quello e corrisponde alla 'depopulation' ovvero al genocidio di massa e nel frattempo ad infliggere sofferenze gratuite e micidiali a bersagli inermi.
    Un piano diabolico, non c'è che dire. E tutti ci siamo resi conto che abbiamo a che fare con forze umane e subumane che, quanto a perseguire i propri fini criminali, non ci scherzano sopra.

    RispondiElimina
  7. Non credo si ricorrerà a microchip sottocutanei per il nostro controllo totale, ma proprio a queste fibre figlie della nanotecnologia, che, per il momento sono in fase di sperimentazione e recano tanta sofferenza.

    In un futuro non molto lontano saremo in tanti ad avere questi filamenti sottopelle senza saperlo e accorgerci.

    Affineranno ben bene il modo per ingorgarci l'organismo e non si parlerà più di morbo.

    Intanto nuove malattie sono e saranno sempre pronte da sfornare.

    E gli avvelenatori continuano imperterriti lo scempio giornaliero su Urbino.

    Risultati: pochissime piogge, pochissimo sole e...

    RispondiElimina
  8. Esattamente, caro BACAB. Il morgellons appare essere un incidente di percorso, anche se in ogni caso per ora è un ottimo strumento di depopulation, per i motivi ottimamente spiegati nell'articolo. Nel frattempo, mentre la medicina ufficiale tace colpevolmente (necessita altro tempo per raggiungere obiettivi perversi, da qui il silenzio), gli organismi responsabili delle irrorazioni e della stessa grave patologia, stanno affinando le tecniche per raggiungere lo scopo finale: il controllo totale delle masse e la loro modificazione genetica in uomini per metà macchine. Androidi senz'anima.

    RispondiElimina
  9. Bacab, siamo prossimi ad una situazione decisiva. Basterà un alito di vento per decidere chi vincerà oppure...

    In effetti, sembra che i microprocessori sottocutanei non siano più necessari: tra l'altro il Verichip è gigantesco (quanto un chicco di riso) se confrontato con le nanomacchine che oggi producono varie industrie,

    Ciao e grazie

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis