lunedì 18 gennaio 2010

Una giornata di ordinaria follia (articolo di Luca)

Volentieri pubblichiamo un articolo dell’amico e lettore Luca. E’ una testimonianza che non è basata su una “semplice” osservazione (sappiamo quanto sia esiguo il numero di coloro che, oggigiorno, sono in grado di osservare): infatti l’analisi del triste fenomeno “scie chimiche” diventa lo spunto per sondare, con acuminata intelligenza, i retroscena di un’operazione vergognosa ed infame. Ne scaturisce una condanna corrosiva ed implacabile che demolisce l’intero sistema con tutte le sue mistificazioni, il suo sfacciato stravolgimento della verità.

Oggi, per la prima volta, mi sono veramente spaventato, guardando il crimine perpetrato da questi ignobili militari che spargono veleni sulle nostre teste e sulla Terra tutta. Non avevo mai visto simile spettacolo sui cieli di Genova. Sembra che siano sempre più sofisticati i loro metodi di "oscuramento globale" del sole e delle menti; in poche ore, ho visto quello che non avevo mai visto prima d'ora. Speravo che la forza del vento, operoso ed instancabile per tutta la nottata, fosse riuscito a sventare i loro piani di morte, invece, nonostante la giornata abbia continuato ad essere molto ventosa, i voli costanti e pesanti di aerei chimici, sempre tutti in prossimità del nostro sole, sono riusciti nel giro di poche ore (ho osservato il fenomeno con attenzione dalle 9 del mattino fino alle 13 e poi di seguito con i risultati peggiori che si sono visti nel pomeriggio) a formare comunque una cappa "ondulata" e persistente di colore biancastro che ricopriva tutta la città. Inoltre erano ben visibili le linee di irrorazione parallele tra loro, uguali a quelle che si possono osservare sulle riviste patinate o in Internet nelle pubblicità delle automobili o nei cartoni animati per bambini, anche molto distanti queste ultime dal giro del sole. Intorno alle ore 11.30, mentre due ore prima il cielo appariva ancora completamente azzurro, seppur velato dalle irrorazioni di cui sopra, ora era completamente oscurato ed il sole appariva come dietro ad una nebbia padana, completamente fuori luogo dalle nostre parti. Verso le prime ore del pomeriggio, la popolazione genovese avrebbe potuto benissimo pensare di essere di nuovo interessata da un'interminabile nuova perturbazione, come nelle due lunghe settimane precedenti, quando gli ombrelli continuavano ad essere aperti, a causa di quelle goccioline minuscole, quasi ghiacciate e persistenti e per via della plumbea cappa chimica.

La giornata di oggi è proseguita all'insegna di un freddo intenso, di vortici d'aria molto compressa e di un cielo simil-piovoso, ma ahimé totalmente finto, anche se sempre più grigio. Ormai non si riescono più a vedere orizzonti nitidi, mentre tutto appare fumoso e velato, nonostante il forte vento spesso spazzi le nostre coste. Ho sentito diversi Milanesi proprietari di "seconde case" nel Levante ligure lamentarsi del cambiamento del clima della Liguria quando, loro malgrado, pensano di venderle senza più spostarsi da Milano! Alcuni notano persino di sentirsi molto più fiacchi e sonnolenti in Riviera, più di quanto lo siano a casa loro. Purtroppo è ancora difficile produrre in loro un ovvio collegamento tra il loro stato di salute, il cambiamento del clima e le scie chimiche. Occorre non abbassare la guardia ed anche migliorare l'informazione, attraverso volantini sempre più esaurienti nel dare spiegazioni scrupolose sui fenomeni chimici prodotti nel cielo dai finti "aerei di linea" ed informare sulle conseguenze anche apparentemente contraddittorie che questi generano sul clima, ora producendo siccità, come durante i periodi estivi, ora provocando viceversa calamità dovute a piogge torrenziali, a straripamenti di fiumi ed a venti fortissimi, durante la stagione invernale.

Occorre insomma portare alla comprensione dei nostri interlocutori un nesso, una "connessione" di tutti quegli eventi apparentemente discordanti o contraddittori tra loro, nonché semplicemente e apparentemente casuali, mostrandoli come il frutto invece di un'operazione maniacale, studiata a tavolino, nei minimi dettagli e pianificata a medio e a lungo termine da una cricca di nazisti, ancora viva e vegeta, che come durante il Terzo Reich, parla ancora di "Nuovo ordine mondiale". L'unica differenza da allora è la lingua usata: prima era quella tedesca, ora è l'inglese! Ci abituano a pensare che tutto quello di cui ci "informano" e che succede nel mondo sia completamente slegato e casuale, che non ci sia alcun nesso, con l'effetto psicologico di creare da una parte disorientamento e paura, dall'altra il bisogno di protezione, grazie, per fortuna, alle agenzie preposte alla "sicurezza" ed all'incolumità propria e dei rispettivi cari.

Attraverso il processo mentale e psicologico della "delega", abbiamo rinunciato al nostro potere personale e consegnato noi stessi ed i nostri figli ai più biechi torturatori e stupratori di massa di tutti i tempi, senza riconoscerli come tali, ma anzi osannandoli, come se fossero i nostri salvatori!!! Una volta i NAZI avevano la divisa grigia e sulle mostrine nere facevano bella mostra i teschi bianchi; tutto ciò dava loro un'identità certa; da loro potevi anche fuggire, se non ti sentivi a tuo agio o non ne condividevi i metodi!

Oggi i loro epigoni hanno capito la lezione: i luogo delle mostrine nere con i teschi bianchi, del passo dell'oca e degli stivaloni in cuoio nero lucido, preferiscono la pubblicità occulta, i messaggi subliminali, gli o.g.m., le multinazionali, la droga, le medicine, le auto col benzene-verde (colore molto di moda ultimamente...), gli i-pod perennemente accesi e sparati a tutto volume per la goduria dei timpani dei nostri figli adolescenti, i vaccini che "salvaguardano" la nostra salute dalle più terribili pandemie inventate in laboratorio, mettendo in mostra la loro solerzia a proteggerci da violenti terremoti o da tornado stile 2012-fine del mondo; loro, che ci salvano dalla cieca violenza del terrorismo islamico e da certi voli sfuggiti al controllo dei caccia americani su New York, così come dal temibile Saddam Hussein prima o da Bin Laden dopo, il quale riesce a sfuggire nel deserto all'Intelligence statunitense a bordo di una rumorosa motoretta a due tempi alimentata a miscela, come nei migliori episodi di Indiana Jones, interpretato dall'intramontabile Harrison Ford! Può darsi che durante gli anni del college americano il più pestifero dei "Laden" abbia tratto spunto, ancora giovane, dalla mitologia hollywoodiana di Indiana e che qualche simpatico amicone gli abbia poi girato dal vivo la scena!!!

Incredibile, eppure vero: difficile il collegamento per la maggioranza. E' come diceva il grande "Faber": solitamente "la maggioranza sta"...



Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!
Puoi votare le mie notizie anche in
questa pagina.


Attacco all'informazione CLICCA QUI

CHEMTRAILS DATA

Range finder: come si sono svolti i fatti

27 commenti:

  1. http://blog.panorama.it/libri/tag/ross-raisin/

    RispondiElimina
  2. Che bel romanzo e che bella copertina!

    RispondiElimina
  3. Ciao Straker Zret...
    il ragazzo esulta dicendo :"EVVIVA" !!!

    RispondiElimina
  4. Avete reso giustizia alle parole di Luca, che più esauriente e preciso di così, davvero, non avrebbe potuto essere!
    Luca, hai ragione: sembra incredibile ma la maggioranza non ha ancora visto, nonostante molti abbiano guardato.
    Ciao a tutti.

    RispondiElimina
  5. PORC....!!

    http://www.youtube.com/watch?v=uG4LzXhiQl8&feature=related

    RispondiElimina
  6. o.t. che bel commentino tutto da ridere che mi hanno lasciato sul blog:

    Luca ha lasciato un nuovo commento sul tuo post "Pescara - 24/11/09":

    Non so chi tu sia, ti dico chi sono io, un futuro pilota in aviazione civile. Leggendo questo blog posso solo arrivare alla conclusione che non solo sei un pazzo con crisi di persecuzione, ma sei anche terribilmente ignorante, e che gente come te che punta laser verdi contro gli aeroplani per dimostrare le proprie follie andrebbe incriminata per tentata strage, processata e fatta sparire dalla circolazione. Spero vivamente che qualcuno, oltre me, abbia segnalato questo angolo di follia alle autorità e che tu paghi per ciò che hai fatto e continui a fare, sei un terrorista, niente più niente meno.

    ..alla faccia del futuro pilota..stiamo messi proprio bene..poveri noi!!

    RispondiElimina
  7. Grande, grande articolo di Luca!
    "Negare dei fatti perchè li si ritiene incomprensibili, dal punto di vista del progresso del sapere è certamente più sterile che formulare delle ipotesi" Levi Strauss
    E "che un esimio scienziato, con tale faciltà accetti quel che gli quadra e liquidi come contraffazione quel che contraddice le sue convinzioni, è francamente penoso" Colonnello Chioino in una frase nel libro "Le Pietre Di Ica" che ho iniziato a leggere.
    Un caro saluto a tutti

    RispondiElimina
  8. @Luigi: i soliti ciarlatani che in un mondo orchestrato da terroristi non riescono a guardare più in là del proprio naso!!

    RispondiElimina
  9. Attenzione, ma dietro questa storia del laser c'è un disegno pre-orchestrato per incastrare chi, per primo, ha evidenziato le quote irrisorie dei velivoli chimici.

    RispondiElimina
  10. Bellissima analisi Luca!!!

    @Straker

    CONCORDO SUL DISEGNO PRE-ORCHESTRATO DA QUESTI INFAMI.

    RispondiElimina
  11. Complimenti. E complimenti per la prima foto, scenario ormai consueto dalle nostre parti :(

    RispondiElimina
  12. Non esistono più piloti come Francesco Baracca.

    RispondiElimina
  13. Così sulla città di Roma:

    Venerdì 15.01.2010
    Intense irrorazioni per tutto il giorno

    Sabato 16.01.2010
    Giornata di sole con la solita intensa foschia (purtroppo ormai definita "una bella giornata")

    Domenica 17.01.2010
    Sveglia con nuvolosità estesa, compatta, immobile, intensa foschia fino a sera. Mai visto il sole, non una goccia di pioggia.
    Identico a uno di quei 50 giorni circa che caratterizzano l'ingresso della Primavera per il quinto anno consecutivo (mie osservazioni). Staremo a vedere.

    Lunedì 18.01.2010
    Identico a Domenica

    Martedì 19.01.2010
    Identico a Sabato

    RispondiElimina
  14. Riporto dal quotidiano LIBERO:


    http://www.libero-news.it/news/331111/
    _Sono_un_barometro_umano_.html


    "Sono un barometro umano"
    La storia di Shakira Robson, la donna meteo che predice gli acquazzoni con le emicranie
    Libero-news.it


    «Sono un barometro umano». Così si presenta Shakira Robson, manager 29enne di Newcastle e mamma di tre bimbi, che afferma di riuscire a prevedere ogni cambiamento climatico. Come? Attraverso i segnali che le manda il suo corpo: emicrania uguale pioggia. Sulle pagine di un quotidiano britannico, la ragazza spiega: «Avverto una specie di aura che scende e si posa su di me poco prima che inizi a piovere». E tanto più forti sono i dolori tanto più intensi saranno gli acquazzoni: «Adesso sono un barometro umano. Posso predire quanto e quando pioverà. Se arriverà uno scroscione torrenziale, l'emicrania sarà estremamente intensa e potrà durare anche più di 12 ore».

    La sua storia appare davvero incredibile e la ragazza si presenta quasi come un miracolo vivente, ma gli amici confermano la sua versione dei fatti, assicurano che la ragazza non sbaglia un colpo, a differenza di tanti meteorologi. Shakira stessa racconta: «All'inizio giocavo sulla cosa chiamando i miei amici e predicendo acqua in arrivo, poi, resami conto della precisione con cui ero in grado di prevedere le piogge, ho stilato un grafico per settimane, confermando come riuscivo a intuire scrosci e temporali».

    In quanti avvertono HAARP in questo modo e non si sa.

    RispondiElimina
  15. http://www.tgcom.mediaset.it/mondo/articoli/articolo471426.shtml

    Piloti attuali e futuri, so quanto sia dura studiare per diventarlo ma vi siete scelti un mestiere con dei rischi che non riguardano solo quelli connessi agli incidenti ma anche alla salute, in modo analogo ad altri lavoratori che possono venire a contatto con sostanze in grado di provocare malori.
    Fossi in loro insisterei perchè le autorità competenti si impegnassero seriamente per chiarire QUESTI episodi sempre più frequenti che riguardano non solo passeggeri ma anche membri dell'equipaggio e lasciar perdere i laser sparati per aria dalle discoteche.

    RispondiElimina
  16. "..alla faccia del futuro pilota..stiamo messi proprio bene..poveri noi!!"

    ..scommetto che il futuro pilota(?),si prepara
    con questo libro dei quiz :

    http://www.aviolibri.it/prodotti/4920_stretti_il_pilota_privato_quiz_risolti_e_commentati_iii_edizione.php?page=23&ordina=data_inserimento

    RispondiElimina
  17. Cara Ginger, visto e considerato che i fatti di Bari sono senza dubbio una montatura con fini ben deducibili, non mi stupirei affatto nel constatare che quelli che si spacciano per piloti in certi forum, non lo sono affatto. Ciò detto hai ragione da vendere, ma buona parte dei veri piloti hanno una paura fottuta di parlare, per cui sperano nella loro buona stella, candidandosì però ad una pensione anticipata su una sedia a rotelle.

    Chi semina vento, raccoglie tempesta.

    RispondiElimina
  18. Mr. Jones, è chiaro che essi sanno ed è chiaro che c'è sempre qualcuno che suggerisce loro le cose "migliori" per poter pubblicare "con qualche vantaggio in più".

    RispondiElimina
  19. Ot Berluska:
    giusto per accontentarci,ma si andra'a finire come al solito in insabbiamento..almeno è un piccolo traguardo :

    http://www.libero-news.it/news/331110/Berlusconi_Tartaglia__Spataro_vuole_certezze_sulla_prognosi.html

    RispondiElimina
  20. Ho cavolo.. sembra una psicosi collettiva.. ma ben venga, aver grande fantasia è un pregio.. consiglio di non farne una malattia.. con tutti i problemi che abbiamo anche se ci fosse un complotto tra Giuliacci e Obama non mi importerebbe, le auto ci stanno intossicando e l'uomo sta comunque distruggendo il mondo a carte scoperte, le tecnologie alternative potrebbero esser sfruttate con uno schiocco di dita ma i potenti devono aspettare nel 2060 perchè altrimenti il petrolio assumerebbe il valore di mercato della carruba e devono finire le riserve.. Gli italiani non hanno un briciolo di coscienza e cultura per difendere la costituzione.. e tante altre cose..
    Ma se al 90% delle persone non gli frega un cazzo dell'ambiente stuprato senza alcun pudore pensate che importi a qualcuno di ste cose chimiche??
    L'america non firma manco il protocollo..e gli americani se ne fregano..
    Spero che possiate serenamente continuare a indagare e documentare in modo obbiettivo e scientifico, se anche ci fossero verità e fatti che vi danno ragione è inutile spaccarsi la testa in un paese dove non si ha il pane ma ogni 3 minuti in tele ti ricordano che lo stato ti da ecoincentivi per comprare una nuova auto che abbassa il co2 di 5 grammi al Km rispetto a quella che hai.
    Non esagerate!!.."haiti è colpa dell' Haarp"
    (mia opinione)
    ciao.

    RispondiElimina
  21. Una risposta a un post su Facebook che chiede aiuto per Haiti a medici e infermieri:

    ""E' una truffa, in realtà stanno militarizzando la zona come in abruzzo, non fanno atterrare neanche gli aerei con i soccorsi. Stanno creando una piccola guerra civile. Non escludo che il terremoto sia stato causato artificialmente e che ci siano episodi di cannibalismo sull'isola."

    RispondiElimina
  22. Chi è l'imbecille che diceva che è impossibile che un'areo voli senza contrassegni identificativi?

    RispondiElimina
  23. @Damocle: qualifichi già tu quel tipo di persone, negano e negherebbero anche l'evidenza.

    A loro risponderei come quel lettore di una rivista che scriveva alla rubrica delle buone maniere: "avete scritto che non si può mangiare il pesce col coltello. Io ho provato, si può".

    Del resto, in uno stato di diritto è impossibile che un cittadino di stato estero venga bloccato e portato via da un luogo pubblico senza che nessuno faccia niente, per poi coprire la vicenda col segreto di Stato.
    E invece esistono le "extraordinary renditions".

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis