mercoledì 20 gennaio 2010

Ferro ed alluminio nell’acqua piovana: sotto accusa le scie chimiche

Nelle scorse settimane, sono stati pubblicati alcuni articoli circa l’eccessiva presenza di ferro ed alluminio nelle acque piovane analizzate nella città di Orvieto. Il sindaco della città umbra ha pure vietato il consumo dell’acqua “potabile”: è stato avventatamente scritto che l’abnorme presenza dei due metalli nell’acqua è da addebitare alle piogge copiose cadute un po’ in tutta Italia. E’ palese che si tratta di una pietosa bugia, poiché l’acqua delle precipitazioni era considerata sino a qualche anno fa assimilabile a quella distillata. Il ferro e l’alluminio sono tra gli ingredienti peculiari delle scie chimiche, dunque che siano stati rilevati in dosi massicce nelle idrometeore non sorprende affatto. Patetica è la decisione di supplire alle necessità alimentari con le forniture idriche di serbatoi ad hoc: come se il prezioso liquido - provenga dalle falde freatiche o dalle sorgenti o dalle piogge - non sia ormai contaminato a causa delle quotidiane ed intense operazioni chimiche. Se fossero compiute analisi delle acque anche in altre regioni, senza dubbio si rileverebbero valori esorbitanti di vari metalli nocivi alla salute, in primis, oltre a quelli succitati, il bario ed il litio che già figurano sulle etichette delle minerali, nell’ambito del residuo fisso.

Riportiamo due articoli (il primo è tratto dal sito "terninrete", il secondo da "orvietosi") con cui è possibile ripercorrere le tragicomiche vicende (molto più tragiche che comiche), con la sequela di ordinanze e la grottesca conclusione, secondo la quale le piogge sono la causa della polluzione. Quando pioveva un tempo, si registravano forse tali anomalie? Ricordiamoci che oggigiorno i veleni che inquinano la biosfera provengono per lo più dall’alto… dagli aerei.


- Eccessiva presenza di alluminio e ferro nella falda idrica. Sotto accusa (sic) le piogge abbondanti di questo periodo.

L'uso dell'acqua potabile è stato vietato per scopi alimentari nella zona di Orvieto. Lo impone un'ordinanza cautelativa firmata oggi dal Sindaco della città del Duomo in seguito al riscontro del superamento dei limiti relativi alla presenza di alluminio e ferro nella falda idrica causato – secondo quanto spiega il Comune di Orvieto - dalle intense e continue precipitazioni atmosferiche di questo periodo.

Il provvedimento, già in vigore, interessa i cittadini residenti nel centro storico di Orvieto, ma anche quelli di Ciconia, Orvieto Scalo, Sferracavallo, Bardano e delle frazioni di Sugano e Canonica.

L'amministrazione municipale orvietana ha comunque predisposto dei serbatoi per la distribuzione di acqua ad uso alimentare: queste cisterne si trovano ad Orvieto presso il corpo di guardia dell'ex caserma Piave ed in piazza San Giovenale. [...]

- Emergenza acqua: i valori di ferro e alluminio stanno tornando alla normalità, ma per metà settimana sono attese nuove piogge: oggi i dati ufficiali. È il comune di Orvieto ad informare circa l’andamento dell’emergenza idrica che è cominciata sabato scorso sulla Rupe (ma anche nel Comune di Porano) per le piogge insistenti che avrebbero determinato un inquinamento delle falde. Dalla seconda riunione del tavolo tecnico-scientifico svoltasi a Terni “emergerebbero i primi riscontri confortanti rispetto al monitoraggio dell’acqua che in questo fine settimana è stato eseguito dalle strutture preposte” rende noto il Comune che aggiunge: “Dopo gli ultimi prelievi, i parametri di alluminio e ferro starebbero rientrando entro la norma, tuttavia i dati definitivi dell’A.R.P.A. regionale (unico soggetto titolato ad emanare nuovi provvedimenti) sono attesi per mercoledì e potrebbero far rientrare l’attuale emergenza che sarà decretata solo con una nuova ordinanza sindacale di deroga”.

Nel frattempo, resta lo stato d’emergenza anche in previsione delle nuove precipitazioni annunciate dai bollettini meteo per le prossime ore. L’approvvigionamento per le circa ventimila persone coinvolte dall’ordinanza che vieta l’uso dell’acqua del rubinetto di casa per usi alimentari avviene tramite i ventitrè serbatoi mobili dislocati sul territorio tra Orvieto e Porano. Proprio per facilitare il libero attingimento dell’acqua potabile, ieri è stata promulgata anche un’apposita ordinanza che vieta in maniera permanente, ventiquattro ore su ventiquattro, la sosta e la fermata dei veicoli davanti o in prossimità dei serbatoi mobili e che prevede l’obbligo di rimozione.



Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!
Puoi votare le mie notizie anche in
questa pagina.


Attacco all'informazione CLICCA QUI

CHEMTRAILS DATA

Range finder: come si sono svolti i fatti

23 commenti:

  1. Angioni direbbe :"..le scie di condensazione,dimenticavo,possono dare origine anche ad arcobaleni,per via dell'effetto...".


    http://www.youtube.com/watch?v=gJyaTjXrajY&feature=related

    RispondiElimina
  2. http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/cronaca/2010/01/20/visualizza_new.html_1675705457.html

    vado un pochino OT...scusate, ma andava riportato...si incomincia a robotizzare tutti!!!

    Intanto domani via con il 2° mineralogramma...
    Scusate ma nn è che con l'analisi del capello mi clonano il DNA?? Scusate per la domanda ignorante, ma mi era sorto questo piccolo dubbio!!!
    Grazie a tutti per le numerose info che riportate!!

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  4. Charlie, altro che "1984" di Orwell: è molto peggio!!!

    Chi sa: possono estrarre il DNA dal capello. Decidi tu, soppesando i pro ed i contro.

    Ciao

    RispondiElimina
  5. Mr Jones, Sinone Angioni è abituato ad arrampicarsi sugli specchi senza ventose.

    RispondiElimina
  6. Aerei non identificati sui radar e che poi risultano avere le atarghe identificative occultate. Tutto normale, per quelli come Angioni e company.

    Unidentified airplane with identifying marks removed

    RispondiElimina
  7. Qui è un po che non sciano,a parte qualche sortita particolare.Comunque anche oggi l'annuvolamento è stato particolare,forse haarp,con il famoso enorme/cono che vi dicevo l'altra volta !

    stavolta galleggiava lentamente,il cielo è stato sempre pulito e terso con questo cono fatto di piccole nuvolette a pecorelle,che ricordava le viste celesti del G.Canyon !..ai lati, cielo libero, ma parallelamente a destra e a sinistra,si allontanavano all'unisono,disgregandosi,possibili formazioni nuvolose !

    Se lo vedro'ancora,per la quarta volta...penso di cominciare a riprendere con la cam !

    C'è troppa simmetria/geometria in questi annuvolamenti poco naturali.

    RispondiElimina
  8. Mi segnala Giuditta che in Europa l'argento colloiale è stato messo al bando

    Come volevasi dimostrare il codex alimentarius inizia a fare il suo effetto

    Io cmq ho a casa il mio piccolo generatore di argento collodiale, almeno quello non lo pocssono vietare, anche perchè in fin dei conti è poco più che un trasformatore con due pinzette e due elettrodi di argento (che si usa per fare una piccola cella elettrolitica)

    RispondiElimina
  9. In merito, i valori di alluminio riscontrati nelle falde idriche di Orvieto erano (e sono....): 1300 mg per litro (massimo consentito 200). Fonte del dato cieliliberi.blogspot.com. Sempre dallo stesso blog: Basilicata - Preooccupante presenza di Bario e Boro nelle acque potabili degli invasi lucani.
    Sempre in merito all'articolo, date un'occhiata al video in primo piano dal titolo "Orvieto - Piove Alluminio e Ferro" nel mio canale YouTube (http://www.youtube.com/user/noninmedia). Osservate quel Boeing (forse addirittura un KC 135) che scia densa e pesante rilascia.
    Un caro saluto a tutti

    RispondiElimina
  10. Copia incolla di fronte alla costa di Haiti:

    http://rapidfire.sci.gsfc.nasa.gov/subsets/?subset=GreaterAntilles.2010020.terra.1km

    RispondiElimina
  11. non so se avete notato il cielo stamattina....dalle 7 alle 8,30 qua sulla costa toscana siamo stati in guerra. decine e decine di aerei, anche in formazione militare, hanno oscurato il cielo con le loro scie. ancora una volta i militari hanno dimostrato che a loro non importa niente: gli aerosol clandestini continuano.

    a me sembrava che si fossero dati una calmata.....ma stamani, ripeto, si sono viste delle scene degne di un film fantascientifico.
    naturalmente il traffico aereo dell'aeroporto di pisa è impazzito, con i soliti ryan-air ed easy-jet che decollano ed atterrano una volta all'ora.

    il video dell'aereo senza sigle è significativo: si nota bene che le targhe sono state frettolosamente nascoste con una mano di tinta. il video dell'aereo con 2 scie e 4 motori, insieme alle immagini degli aerei senza sigle, sono prove da portare in tribunale. ricordiamo sempre agli amici piloti che la modificazione climatica clandestina è ILLEGALE

    RispondiElimina
  12. dimenticavo una piccola riflessione sull'aereo senza sigle, o meglio, con le sigle tappate con una mano di tinta: dopo tutte le storie di "terrorismo" che hanno avuto a che fare con gli aeroplani, è possibile che nessun magistrato e nessun organo governativo voglia fare chiarezza su questi aerei COMPLETAMENTE BIANCHI E SENZA SIGLE che volano nei cieli italiani? non è pericoloso lasciar volare velivoli non identificabili?

    questo ci fa capire l'enormità del progetto di modificazione climatica. ci sono tutti dentro: governo, militari....e le forze dell'ordine non sentono e non parlano. complimenti a tutti!!

    RispondiElimina
  13. vi dico anche un altra cosa: gli aerosol di stamane erano concentratrati, a formare un quadrato, ai bordi esterni del camp darby!! la base americana era completamente circondata dalla nebbia chimica: a nord, sud, ovest ed est. ma non sopra...mica scemi.

    RispondiElimina
  14. Esatto, Arturo: sigle occultate e non sigle non visibili e nessun magistrato agisce come sarebbe suo dovere. Vige il non diritto in questo paese come in tutti i paesi dove le attività di aerosol sono protagoniste incontrastate.

    RispondiElimina
  15. Marco, hai visto se i giorni 11 e 12 ci sono particolari formazioni su Haiti?

    RispondiElimina
  16. Le ammissioni dell'aeroporto di Bologna: "Sì, sono scie chimiche".

    L'aeroporto di Bologna ammette: "Sì, sono scie chimiche rilasciate da aerei militari sui quali noi non abbiamo alcun controllo".

    RispondiElimina
  17. A proposito di HAARP e armi non convenzionali.

    http://www.indicius.it/archivio/haarp.htm

    RispondiElimina
  18. Purtroppo non ho controllato le mappe in quei giorni, ma vedo di fare una ricerca per saperne di più domani

    RispondiElimina
  19. Ciao a tutti, qualcuno ha visto il film Invasion trasmesso su canale5 questa sera?
    Pandemia, virus, vaccino, dna modificato...che strano...
    Qui nel sud Piemonte ci sono nuvole e nebbie chimiche presenti a quote bassissime in tutte le ore del giorno.
    Quando vedo la pubblicita’ per gli aiuti ai terremotati mi viene da ridere...”la terra ha di nuovo tremato...”
    Maledetti bastardi

    RispondiElimina
  20. Pandemia, virus, vaccino, dna modificato...che strano...

    Hai visto Andrea? Quel film era pieno di messaggi precisi. Inquietante.

    RispondiElimina
  21. Nessun problema, Marco, ci guarderò io.

    RispondiElimina
  22. ...io cambierei la domanda :" Chi è Paolo Attivissimo ?" in :" Paolo Attivissimo..chi è ?".

    Appunto...chi è ?

    Sembra che qui,nel mio paesello lo conosca solo io !!

    Qui continuano a non spruzzare,ma quando meno te lo aspetti...vedremo !!

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis