sabato 26 settembre 2009

Il conteggio dei voli notturni: l'ennesima prova della realtà delle scie chimiche (articolo di Corrado Penna)

Come notare e dimostrare il programma notturno di spargimento delle scie chimiche: un esempio di come sia possibile compiere due semplici controlli sugli orari dell'aeroporto più vicino e mostrare ai propri conoscenti la realtà del fenomeno.

Quando invito la gente scettica ad osservare l'esagerato numero di voli aerei nel cielo notturno, visibilmente bassi (come si può capire dalle luci di navigazione ed anticollisione e dal forte rombo dei motori; un semplice calcolo logaritmico descrive questi aspetti come indizi del sorvolo a bassa quota) che io ovviamente addebito ai velivoli mentre diffondono clandestinamente scie chimiche (cercando di farsi notare il meno possibile, nascondendosi nell'oscurità, almeno fin quando non c'è la luna piena a smascherarli), mi sento prontamente rispondere che si tratta degli "aerei in fase di atterraggio verso Orio al Serio", ovvero l'aeroporto più vicino.

La cosa notevole è che la stessa risposta proviene sia dalle persone che "non credono" alle scie chimiche sia da quelle che "ci credono", ma che lo stesso non vogliono accettare che la notte ci sia un'attività di irrorazione così massiccia. In effetti, gli aerei che vedevamo dal nostro punto di osservazione, sembravano volare quasi tutti nella stessa direzione per cui poteva anche essere sensato, in teoria, che fossero tutti aerei che atterravano ad Orio (e non che decollavano) però ...

In queste calde sere d'agosto, nelle quali non si poteva evitare di uscire la sera per prendere un po' di fresco, quei voli si notavano bene ed erano circa uno ogni due minuti. Mi ricordo in particolare due domeniche successive in cui ho potuto notare (e far notare) questo traffico ed in cui ho rilevato che non possono essere aerei civili in fase di atterraggio ad Orio. Basta, infatti, guardare gli orari e controllare che non ci sono poi tanti velivoli che atterrano ad Orio. Per altro, non si può pensare che, dal nostro punto di osservazione, siamo in grado di scorgere tutti gli aerei che atterrano nello scalo suddetto: ad essere generosi, se ne potrà vedere un terzo (ovvero quelli che provengono da rotte comprese entro un angolo di 120°).

In effetti,i dalle 21:00 alle 22:00, orario in cui tutti (credenti e miscredenti) notavamo questi voli così frequenti una trentina nel giro di un'ora) ecco quali erano gli aerei che atterravano ad Orio al Serio la domenica (indicata con D negli orari). Faccio riferimento agli orari rilevati ad agosto sul sito di Orio al Serio e che ho registrato, inserendoli on line anche a questo indirizzo.

Bari (BRI) - RYANAIR - FR 04705 - Arrivo 21:55 - D
validità dal 29/03/2009 al 24/10/2009

Hannover (HAJ) - TUIFLY.COM - X3 03498 - Arrivo 21:15 - D
validità dal 24/05/2009 al 18/10/2009

Liverpool (LPL) - RYANAIR - FR 04538 - Arrivo 21:30 - D
validità dal 29/03/2009 24/10/2009

Londra Stansted (STN) - RYANAIR - FR 04198 - Arrivo 21:40 - L - Mar - Mer - G - V - D
Validità dal 20/04/2009 24/10/2009

Madrid (MAD) - RYANAIR - FR 05995 - Arrivo - 21:25 - D
Validità dal 12/04/2009 24/10/2009

Pescara (PSR) - RYANAIR - FR 04016 - Arrivo 21:35 - Mer - D
Validità dal 02/09/2009 al 24/10/2009

Roma Ciampino (CIA) - RYANAIR - FR 09465 - Arrivo 21:20 - S -D
Validità dal 26/07/2009 24/10/2009

Il numero totale dei voli in atterraggio è quindi pari a 7 (e non certo 30!) e di questi voli quanti credete che possano essere visti dal mio paese? Se scorgiamo l'aereo che atterra da Roma, potremo mai vedere quello che atterra da Hannover, Londra, Liverpool?

O forse vogliamo inventarci qualche improponibile giustificazione del tipo che gli aerei che vediamo sono tutti vettori aidibiti al trasporto merci che, per chissà quale strana motivazione, adesso incrociano tutti concentrati nelle ore serali e notturne, con la conseguenza che gli orari di lavoro degli addetti alla catena di distribuzione delle merci sarebbero adesso per lo più serali e notturni? Per carità ...



Sopra il mio paese so per certo che passano in decollo o in atterraggio gli aerei sulla rotta Orio-Catania (perché ci sono salito su alcune volte), ma questo porta ad escludere che lo stesso succeda per aerei che volano da e per il nord Europa. Possiamo quindi supporre, largheggiando, che di questi 7 voli, 3 possano essere visibili dal nostro punto d'osservazione. Ma fra 30 e 3 c'è una differenza abissale, un rapporto di 10 a 1!

Se vogliamo, poi, fingere di non avere potuto ben osservare le direzioni degli aerei notturni, se vogliamo mettere in conto anche quelli che potrebbero decollare da Orio, potremmo passare da 3 a 6 voli notturni (percepibili dal nostro punto di osservazione), e resterebbero sempre 24 (trenta meno sei) voli notturni a bassa quota, la cui presenza sarebbe inspiegabile, se non si tenesse conto del programma di diffusione clandestina delle scie chimche, che spesso all'alba lasciano il cielo pesantemente striato.

Che cosa pensare infine degli aerei il cui rombo si ode nottetempo, a volte anche all'una, le due, le tre? Aerei che atterrano o decollano da Orio? Nell'orario estivo da me consultato non figura alcun volo notturno in atterraggio in nessun giorno dellla settimana dalla mezzanotte e cinque minuti fino alle 4.30. Tutto ciò conferma il fatto che gli aerei civili di norma evitano di volare in piena notte per meri motivi di mercato.

I voli per la precisione sono i seguenti:

Santander [Spagna] (SDR) - RYANAIR FR - 04793 - Arrivo 00:05 - G
Validità dal 16/04/2009 24/10/2009

Casablanca (CMN) - AIR ARABIA MAROC - 3O 00517 - Arrivo 04:30 - Mar - G
18/08/2009 20/08/2009

Casablanca (CMN) - AIR ARABIA MAROC - 3O 00517 - Arrivo 04:30 - L - Mer - V
Validità dal 21/08/2009 12/09/2009

... e non obiettate, dicendo che l'Italia è piena di ricconi che amano pilotare il proprio aereo personale nel cuore della notte.


Leggi qui l'articolo originale



Articoli correlati:

- A luci spente nella notte

- Scie chimiche notturne



Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!
Puoi votare le mie notizie anche in
questa pagina.


Attacco all'informazione CLICCA QUI

TANKER ENEMY TV: i filmati del Comitato Nazionale

CHEMTRAILS DATA

Range finder: come si sono svolti i fatti

91 commenti:

  1. (...quanti voli questa Ryanair: una compagnia di successo!!!Chissà come farà, in questi tempi duri).
    Un articolo così, ed un video come quello associato, dovrebbero far cascare il prosciutto dagli occhi almeno ad una parte delle persone, dato che non c'è niente di logico e normale in quelle immagini, se ci si riferisce al cielo.
    Dovrebbero.
    Ciao

    RispondiElimina
  2. il problema non è quanto sia logico o meno il ragionamento di Corrado. ha chiaramente senso e noi tutti osserviamo i voli dei tanker, sempre di più sfacciatamente a bassa quota.

    la domanda è : cosa ha valore per la gente ?
    la verità è un valore ?

    sembra che il valore più grande sia la TRANQUILLITA' .
    dormire, fare colazione, lavorare, trombare, andare al cine, dormire, pranzare, chiacchierare.

    c'è questa illusione che la verità è un problema da filosofi, da teologi, da politici. che la verità assoluta non esiste, che è tutto relativo, e quindi tutto va bene.

    va bene un cazzo . se passa un tanker sopra la mia testa , possiamo stare a disquisire un giorno intero, possiamo chiamare piero diavola a tranquillizzarci e dirci che sono spruzzi di vapore a 100 gradi per togliere la polvere dalla nuvole, ma alla fine i polmoni si respirano lo stesso l'alluminio. sia che uno ci creda. sia che non ci creda.

    caro uomo moderno, la verità è importante. la verità è salute. la verità è benessere.

    RispondiElimina
  3. Ginger, ormai è stata raccolta una mole enorme di prove e di dati: solo le persone in mala fede e gli stolti possono negare la realtà delle scie tossiche.

    Ciao

    RispondiElimina
  4. Se negare ad oltranza non è malafede...

    RispondiElimina
  5. Tommaso, hai pienamente ragione. I cittadini non vogliono problemi e quindi delegano ai politici e dai politici vengono fregati. Il non voler pensare ed il rifiuto di affrontare il problema è la causa di quanto avviene ed il problema (nostro) è che la massa idiota trascinerà i pochi svegli nel baratro. A meno che...

    RispondiElimina
  6. La verità? E' l'ultimo dei valori in ordine nella testa delle persone. Quello che conta per la maggioranza è proprio riuscire a mantenere le abitudini, belle o brutte che siano e se qualcuno osa cambiargli qualcosa raccontando una verità, guai! Poi c'è anche il denaro: vedo sempre più gente disposta a vendersi la madre per guadagnarci qualcosa, fosse pure solo una pacca sulla spalla dalla persona giusta...

    RispondiElimina
  7. Ennesimo tentativo (in replica) di manipolazione delle menti nel programma "Ulisse" della famigliola Angela/CICAP. Parlando di un vecchio bombardiere della seconda guerra mondiale affondato a largo della Corsica, Alberto Angela dice a riguardo del motore, ormai corroso e invaso da molluschi marini, "E pensare che questo motore, parecchi anni fa, lasciava nel cielo chilometri e chilometri di scie di condensazione".

    RispondiElimina
  8. ??????????????????????????

    !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    chilometri di scie di condensazione ?????????

    qui siamo aldilà di ogni logica, qui siamo nel regno della follia.
    sanno bene che , per loro, la cosa migliore è tacere ed ignorare, ma non ce la fanno a stare zitti. ci godono come delle bestie a mistificare.

    la mistificazione è il marchio di riconoscimento del male. non possono prescindere dal raccontare palle, anche se è contro i loro interessi. è la loro natura che parla.

    RispondiElimina
  9. Dietro a certe frasi c'è un'attenta regia. Quella gente è davvero pericolosa.

    RispondiElimina
  10. Premetto che non sono un sostenitore di questa teoria del complotto, ma che non ho rapporti con nessuno dei cosiddetti disinformatori.
    Bisognerebbe dimostrare che i 30 aerei avvistati fossero a bassa quota come quello ripreso nel video. Inoltre bisognerebbe calcolare con precisione la quota (o con un telemetro o con uno dei metodi alternativi di cui parlate spesso) per poter stabilire se l'aereo vola a una quota che si potrebbe definire irregolare nel caso in cui gli aerei non stessero atterrando all'aereoporto di Orio. Infine bisognerebbe mandare qualcuno all'ereoporto perchè conti il numero effettivo di arei che atterrano nell'arco dell'ora in questione.
    Allora il ragionamento sarebbe più rigoroso e permetterebbe di porre delle domande.
    In fondo mi sembra fattibile
    Saluti

    RispondiElimina
  11. Sono stanco di ripetere sempre le stesse cose. Comincia tu per primo a fare due verifiche. Noi abbiamo già dato.

    Se ti piace pensare di essere nel giusto, tanto meglio per te. A me non interessa convincere nessuno.

    RispondiElimina
  12. Si, certo, ma in questo caso il compito di fare delle verifiche spetta a chi ha scritto l'articolo e si trova vicino all'aereoporto in questione. Io sono a otto ore di macchina da Oria, e non ho la macchina :)

    RispondiElimina
  13. Gli stessi episodi si verificano su decine di luoghi in Italia, comprese zone a traffico aereo civile interdetto. Nel caso di Sanremo, ad esempio, nonostante si vedano passare a bassissima quota decine di aerei a notte, non si riscontrano decolli o atterraggi nel più vicino aeroporto. In Abruzzo i civili rispondono: "Non siamo noi" ed i militari rispondono: "Sono aerei civili". Si mettano d'accordo.

    Le verifiche sulle quote sono state compiute in mille modi e non è colpa nostra se non ti sei informato prima. Mi sorge poi il legittimo dubbio, viste le argomentazioni, che tu sia una nuova recluta ben istruita, ma forse non abbastanza per non farsi "pizzicare" al secondo post. Ma che dico... al primo.

    RispondiElimina
  14. Per porsi le giuste domande bisognerebbe essere un po’ piu furbi ed essere in grado di aprire da solo gli occhi...in fondo mi sembra fattibile...giusto?
    Saluti

    RispondiElimina
  15. Ti piace così tanto passare da un'utenza fake all'altra?

    Siete davvero ridicoli.

    RispondiElimina
  16. No, nessuno mi ha istruito per disturbare il vostro lavoro. Sinceramente non ho le competenze per stabilire se i metodi che usate per stabilire la quota di un aereo siano efficaci, comunque so che talvolta aerei decisamente a bassa quota rilasciano scie (non so se chimiche o di condensazione, anche se propendo per la seconda), lo so perchè l'ho visto personalmente. Comunque non ho scritto che siete in torto perchè non effettuate le misurazioni, ma che perchè l'articolo sia rigoroso bisogna effettuare le stesse misurazioni sui trenta aerei in questione e documentarle in video.

    RispondiElimina
  17. La fisica non è un'opinione e le scie non solo non si formano SEMPRE ad alta quota, ma di certo non si formano MAI a bassa quota.

    ****************

    Scie di condensazione: definizione

    In inglese, il termine "contrails" indica l'abbreviazione di "condensation trail" ovvero "scia di condensazione".

    Le scie di condensazione sono le scie rilasciate dagli aerei, formate dal vapore acqueo e gas di scarico immessi nell’atmosfera fredda dai motori caldi degli aerei. La loro formazione è legata a specifiche condizioni atmosferiche:

    - Temperatura inferiore a -40 °C
    - Umidità relativa non inferiore al 70%
    - Quota di almeno 8000 metri.

    Questi dati sono stati prelevati da alcune pubblicazioni di enti ufficiali quali: NASA (National Aeronautic and Space Administration), EPA (Environmental Protection Agency) e FAA (Federal Aviation Administration):

    "Una scia di condensazione consiste fondamentalmente di vapore acqueo (immesso nell’atmosfera dagli scarichi caldi di un motore) in quantità sufficiente a saturare, una volta a contatto con l’aria fredda d’alta quota, e condensarsi momentaneamente in cristalli di ghiaccio o goccioline d’acqua. Di norma le scie di condensazione si formano soltanto dagli 8.000 metri in su, con temperature inferiori ai -40 °C ed umidità relative non inferiori al 70%. Le scie di condensazione si dissipano mediamente in una cinquantina di secondi, o al massimo qualche minuto."

    "Le scie di condensazione sono composte da particelle di ghiaccio, visibili sotto i motori degli aerei, tipicamente alle quote di crociera nell’alta atmosfera."
    (EPA)

    "La stratosfera è caratterizzata dalla mancanza di umidità e da una temperatura costante di -55 °C, mentre la temperatura nella troposfera decresce di circa 2 °C ogni 1000 feet. Le scie di condensazione sono comuni nei più alti livelli della stratosfera. Queste strisce simili a nuvole, generate dal passaggio degli aerei che volano nell’aria fredda e umida, sono formate da vapore acqueo dei gas combusti immesso nell’atmosfera."
    (FAA)

    "Le scie di condensazione sono nuvole a forma di linee che sono prodotte dalle emissioni dei motori a reazione degli aerei. Questo processo di condensazione avviene tipicamente a quote di 8-12 Km al di sopra della superficie della Terra."
    (NASA GLOBE)

    "Le scie di condensazione sono delle nuvole di forma lineare prodotte a volte dagli scarichi dei motori degli aerei. La combinazione dell'alta umidità con le basse temperature, che esistono alle altitudini di crociera degli aerei, favoriscono la formazione delle scie di condensa. Le scie di condensa sono composte primariamente da acqua sotto forma di cristalli di ghiaccio e non sono pericolose per la salute umana."
    (US Air Force)

    RispondiElimina
  18. "Secondo la NASA «le scie di condensazione si formano solo ad alta quota (generalmente al di sopra degli 8000 m), dove l'aria è estremamente fredda (meno di -40 °C)."
    (Wikipedia)


    - Definizioni NASA in lingua originale:

    "Contrails are always made of ice particles, due to the very cold temperatures at high altitude."

    "Contrails are man-made clouds that only form at very high altitudes (usually above 8 km) where the air is extremely cold (less than –40°C)."

    "Contrails only form at very high altitudes (usually above 8 km) where the air is extremely cold (less than -40 degrees C)"

    "Contrails are human-induced clouds that only form at very high altitudes (usually above 8 km - about 26,000 ft) where the air is extremely cold (less than -40 ºC). Because of this, contrails form not when an airplane is taking off or landing, but while it is at cruise altitude."

    "Contrails form in the upper portion of the troposphere and in the lower stratosphere where jet aircraft normally fly, generally between about 8 and 12 km altitude (~26,000 to 39,000 feet)."


    - Definizioni da fonti cartacee:

    "L’immissione in atmosfera dei gas di scarico degli aerei, ricchi di nuclei di condensazione e di vapore acqueo, determina la sovrassaturazione del vapore acqueo e, quindi, la formazione di scie. Le scie di condensazione di formano ad altezze in cui la temperatura dell’aria è molto bassa (inferiore a -40 °C), con umidità relativa almeno del 60%. Le scie possono essere più o meno durare nel tempo, a seconda della stabilità dell’aria e della quantità di vapore presente."
    [Girolamo Sansosti & Alfio Giuffrida - Manuale di meteorologia, Una guida alla comprensione dei fenomeni atmosferici e climatici in collaborazione con l'UAI (Unione Astrofili Italiani) - Gremese Editore – 2006 – pag 86]

    "La lunghezza e l'intensità di una scia di condensazione dipendono dalle condizioni atmosferiche, dal tipo e dalla velocità dell’aereo. Le tipiche scie di condensazione variano dai 9 ai 28 Km. (da 5 a 15 miglia marine) di lunghezza, e una trentina di metri di diametro. Le scie di condensa si formano generalmente tra 7500 e 18000 metri di altitudine, a temperature molto basse (-40 °C)."
    [The Camouflage Handbook, AAFWAL-TR-86-1028 (Wright-Patterson AFB, Ohio: Air Force Wright Aeronautical Laboratories, 1986), cap. 1–12]


    "L'immissione in atmosfera dei gas di scarico degli aerei, ricchi di nuclei di condensazione e di vapore acqueo, determina la sovrassaturazione del vapore acqueo e, quindi, la formazione di scie. Le scie di condensazione si formano ad altezze in cui la temperatura dell'aria è molto bassa (inferiore a -40 °C), con umidità relativa almeno del 60%".
    [Girolamo Sansosti & Alfio Giuffrida - Manuale di meteorologia, Una guida alla comprensione dei fenomeni atmosferici e climatici in collaborazione con l'UAI (Unione Astrofili Italiani) - Gremese Editore "2006" pag 86]

    Chemtrails: the truth about criminal aerosol operations in the skies all over the world.
    Contrails only form at very high altitudes (usually ~26,000 to 30,000 feet) where the air is extremely cold (less than -40 degrees C) and the relative humidity is near 72%.

    Contrails only form at very high altitudes (usually ~26,000 to 30,000 feet) where the air is extremely cold (less than -42 degrees C) and the relative humidity is near to 72 percent.

    RispondiElimina
  19. Avevo già letto i documenti citati altrove nel blog, non ritengo che possano provare questa teoria del complotto ma a causa di questi e altri elementi continuo a tenere d'occhio la situazione (non posso comunque definirmi particolarmente dubbioso).

    RispondiElimina
  20. Quando ho scritto l'ultimo messaggio mi riferivo alle citazioni, non al link "le prove". Adesso lo prendo in esame.

    RispondiElimina
  21. Nel complotto (che non è una teoria) ci sei dentro fino al collo. Augurati solo di non fare la fine del topo, mentre ci pensi.

    Notte!

    RispondiElimina
  22. @daniele: vuoi assomigliare al “gregge” che non riesce a vedere oltre il proprio piccolo cerchio e che ha i paraocchi come i cavalli? Guarda oltre, ti conviene.

    RispondiElimina
  23. Basta usare i termini a sproposito: non è una teoria!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  24. In questo momento (domenica 27 settembre ore 10,57) sopra casa mia un reticolo di scie e incroci da venire il vomito... la zona è capoterra a circa 15 km da cagliari, e studiando le carte di navigazione aeronautica si evince che non esistono rotte civili in questa zona... le scie cominciano ad allargarsi e non sembrano neanche lontanamente ad una scia di condensazione, o perlomeno chiamiamole scie di condensazione di veleni vari, cosi' facciamo contenti i difensori delle contrails... anche certi veleni condensano a certe temperature... quello che vedo in questo momento non è del semplice vapor d'acqua, e non è necessaria la laurea in fisica per capirlo... ci stanno distruggendo senza ritegno, alla luce del sole (e della luna spesso)...

    RispondiElimina
  25. confermo i voli notturni nella zona dell'alto casentino tra Arezzo e Firenze sia stanotte che per tutte le notti di agosto, mai sentiti cosi tanti rombi di aerei a distanza di pochi minuti e cosi a bassa quota, è più che evidente che il lavoro sporco adesso lo fanno di notte.

    RispondiElimina
  26. Il cielo è già una poltiglia biancastra. Tutto normale, per molti, purtroppo.

    RispondiElimina
  27. Nella zona di modena al mattino il cielo spesso è pieno di scie tossiche. La settimana scorsa è successo più volte.
    Grazie alla luna di notte ho osservato anch'io in diretta aerei lasciare scie chimiche, e da come si vedevano bene le varie luci di navigazione (fisse e lampeggianti) si capiva chiaramente che erano bassissimi.

    RispondiElimina
  28. Scie a iosa anche in Liguria: dopo un po' si trasformano in pseudo-cirri. Un vero schifo.

    RispondiElimina
  29. confermo anche io le irrorazioni notturne.

    di solito infatti i militari agiscono di notte, per non farsi notare dai cittadini.
    infatti la mattina presto il cielo è gia completamente bianco brillante.

    naturalmente irrorare di notte non basta: ieri e ieri l'altro hanno irrorato tantissimo anche di giorno. e sembrava di essere a luglio.

    per il bombardiere di piero angela: strano che nessuno non abbia mai filmato queste "scie lunghe kilometri": infatti esiste solo qualche foto e un filmato di questi bombardieri, e le scie svaniscono subito, non persistono nemmeno 10 secondi. come è possibile che una scia che sta nel cielo dei secondi persista per kilometri? è impossibile, ed infatti la disinformazione della rai è scandalosa. ma ancora più scandalosa è l'intelligenza media delle persone.

    a quanto sembra è normale che:

    -aerei informazione coprano il cielo con le strisce
    -il cielo non sia più azzurro ma bianco
    -che le scie degli aerei dissolvano le nuvole nel giro di secondi
    -tutti i governi del mondo abbiano proposto "gli aerosol aerei a base di zolfo" per combattere l'effetto serra. questi aerosol produrrebbero siccità!!

    tutto normale,come no

    RispondiElimina
  30. Confermo anche sopra i cieli di Loria (Treviso) numerosi voli notturni, ormai quasi ogni sera anche con finestre chiuse e televisione accesa si può sentire distintamente il rombo dei motori dei tanti aerei CHIMICI che spargono i loro veleni.
    Poi basta uscire fuori, guardare in alto ma non troppo e si notano distintamente le luci di via.

    Alle volte il traffico è tale da fare invidia ai maggiori aereoporti nelle ore diurne, ma qui non ci sono aereoporti nelle immediate vicinanze e se poi l'ENAC non mi sa dare una spiegazione riguardo ai voli diurni figuriamoci per quelli di notte e a bassissima quota.

    Riguardo ai valori, cosa pretendere da persone che mettono al primo posto il calcio o prendere parte alle selezioni del "grande scemo", e che passano giorni e settimane a discutere del fallo negato, del rigore mancato dell'imbecille escluso.
    Purtroppo per molti la realtà è questa e la conseguenza e una massa di lobotomizzati che non sanno vedere cosa accade oltre il loro naso, figuriamoci a poce migliaia di metri di altezza.

    Ma se qualcuno ha il minimo dubbio, va bene si consultare le prove ma la vera verità sarà il cuore a suggerirla, non la mente.
    La mente inganna mentre il cuore saprà sempre guidarvi, dovrete però saperlo ascoltare, lui non sbaglia mai.

    Intanto anche stamattina segnalo attività frenetica di aerei e scie al seguito, il cielo è già grigliato di bianco e ben tre elicotteri, senza nessun segno o numero identificativo sono già passati a monitorare la situazione.
    Naturalmente il tutto come sempre è documentato con foto e video.

    RispondiElimina
  31. Ciao Straker, per aumentare la diffusione del messaggio, ho iniziato a chiedere al negoziante di frutta e verdura la provenienza dei prodotti. Ad esempio sul basilico chiedo da dove viene alla sua richiesta sul perchè tanta curiosità, gli rispondo che se viene dalla Liguria ad esempio, non lo compro perchè è sottoposto alle irrorazioni del cielo, e così via discorrendo su tutti gli altri consumi.
    Per le vacanze adesso chiederò: mi scusi ma nella sua zona ci sono scie nel cielo, sa perchè cerco la pace e l'aria buona.
    Quello che voglio dire che alla gente (e non solo ai debunker) interessano solo i soldi (altro che l'etica!!!). E io li voglio affrontarli proprio su questo terreno. E poi vediamo se alzeranno la testa o meno.

    RispondiElimina
  32. Per Daniele: a parte che anche i bambini dell'asilo iniziano ad accorgersi delle scie (li ho sentiti settimana scorsa al parco parlare degli aerei sporcaccioni), prova a guardare questo sito http://cieliliberi.blogspot.com/. Lì troverai un bel po' di persone (professori, politici, giornalisti, ricercatori, lavoratori degli aeroporti) che esprimono la loro preoccupazione. Basterebbero queste dichiarazioni per aprire una indagine del NOE o della magistratura con procedura d'urgenza. Altro che complotto, questa è la nuda e cruda realtà. Leggi sopratutto la dichiarazione di Di Pietro che al netto della politica dice una cosa:
    "E' evidente che l'alto costo di queste operazioni (si parla di migliaia di voli al giorno in tutto il mondo) è contrappesato da un ingente guadagno.
    Da notare, inoltre, che se si fosse trattato di operazioni a fin di bene, se ne sarebbe parlato a gran voce. "
    Eppure non si fa nulla. Daniele se non sei un debunker spero che tutto ciò ti induca a pensare e cercare la verità :-)

    RispondiElimina
  33. Ron, è un metodo che può valere come provocazione e come sprone ad informarsi. Naturalmente non credo esistano aree coltivate esenti dalle ricadute chimico-biologiche, sicché oggi qualunque prodotto è più o meno contaminato.

    Esemplari sono tutti quei servizi televisivi in cui si decantano le qualità organolettiche di vini prodotti con uve di vigneti che "prosperano" sotto cieli spaventosamente chimici.

    Ciao

    RispondiElimina
  34. Ron, associandomi a quanto scritto da Zret, aggiungo che è l'interesse economico che ha spinto taluni ad investire denaro per farci tallonare da elementi come Wasp/Leoniero/Lisbeth, per i quali è tassativo smentire che a Sanremo ci siano attività di aerosol clandestine. Ciò mi conferma che i finanziatori e sobillatori dei disinformatori sono gli stessi presso cui ci rivolgiamo spesso per tentare di far interrompere le attività chimiche sulle nostre città. Sono le amministrazioni pubbliche (Regioni, Province e Comuni) e quindi il tuo operato può sicuramente dare fastidio.

    RispondiElimina
  35. L'amico Bacab segnala questo articolo su un altro misterioso boato:

    http://www.sanmarinortv.sm/attualita/default.asp?id=35&id_n=36651

    RispondiElimina
  36. Salve, vorrei portare la mia testimonianza. Lavoro da anni in un aeroporto, quello di Brindisi, ed ultimamente ho visto delle cose che mi hanno molto spaventata. Vorrei avere il coraggio di denunciarle alle autorità, ma ho famiglia e temo per l'incolumità mia e dei mie cari. La situazione è persino peggiore di quanto voi immaginate, ma siete sulla buona strada per la verità. Andate fino in fondo, vi prego: almeno voi non fermatevi come ho fatto io.

    RispondiElimina
  37. Buongiorno, Adele, siamo disponibili a raccogliere la Sua testimonianza garantendo l'anonimato ed attraverso canali sicuri.

    RispondiElimina
  38. Bisogna uscire da internet, c'è poco da fare. Internet non dev'essere il fine dei nostri sfoghi, ma uno strumento per attivarsi!
    Mi sembra assurdo che delle decine e decine di iscritti al sito di sciesardegna, solo 4 gatti abbiano dato l'adesione ad una manifestazione, ovviamente naufragata. Sarò troppo "cospirazionista" ma un qualche sospetto mi è rimasto sul modo in cui è stata gestita la cosa.

    RispondiElimina
  39. Cosmino, per "Uscire da Internet" bisogna vedere non solo come, ma anche in quali settori e con quali risorse. Non credo che le manifestazioni pubbliche possano sortire risultati, in quanto sono i media che rendono visibile una protesta alla massa di decerebrati.

    Per quanto riguarda la buona fede degli organizzatori, ci metto la mano sul fuoco, perchè conosco le persone.

    La verità è che non abbiamo i mezzi e le risorse per poter fare il salto qualitativo che tu auspichi. Siamo gente normale. Non abbiamo le TV ed i giornali al nostro servizio. Non abbiamo collusioni con i vari gestori di portali e con le autorità. Non abbiamo i finanziamenti dei servizi segreti e lottiamo ogni giorno contro vessazioni e sabotaggi di vario genere.

    Di più, ti garantisco, non siamo in grado di fare.

    RispondiElimina
  40. Innanzitutto rivolgo i miei complimenti a Corrado e per il suo blog e per la stesura di questo articolo.

    Rivolgo invece questo messaggio a chi persevera ancora nel formulare domande banali e ad elaborare argomentazioni grossolane nonché trite e ritrite: basterebbe controllare i DATI DELLE RADIOSONDE per accorgersi che mancano quasi tutti i giorni le condizioni meteorologiche affinchè ci sia il fenomeno della condensazione. Gli aerei non dovrebbero rilasciare nessun tipo di scie, né brevi né persistenti eppure questo avviene pressochè ogni giorno. E avviene, tra l’altro, a quote medio-basse.

    Se già oltre gli 8000 metri le condizioni per la condensazione non sono riscontrabili (e ciò è facilmente documentabile) è impossibile, dunque, che un aereo che scia a quota cumulo (2000 metri circa) rilasci una normale scia di condensazione.


    Inoltre, per quanto concerne le scie persistenti da notare come esse non svaniscano ritornando allo stato gassoso originario ma nebulizzino dando origine a filamenti sfrangiati che una volta riuniti ad altre scie parallele o perpendicolari si trasformano in innaturali cirrostrati.

    Questo sarebbe un fenomeno naturale?


    Per non parlare di un altro avvenimento che si ripresenta puntuale dopo giorni o notti di intensa irrorazione: il cielo appare completamente biancastro e ciò che si verifica regolarmente è un forte riverbero della luce.

    Anche questo sarebbe naturale?


    Per quanto riguarda il video (e sarebbe sufficiente anche solo affacciarsi sul proprio balcone di casa di sera per avere conferme) solo una persona in malafede o non in sintonia con la propria onestà o la propria intelligenza può non porsi domande sulla quota bassissima e sul numero di passaggi degli aeromobili raffrontati, in questo caso, agli orari dell’aeroporto.

    Tutto ciò ricordando che ad eccezione dei casi in cui è necessario per il decollo o l'atterraggio, o nei casi di permesso accordato dall’ENAC, gli aeromobili non devono volare al di sopra di aree abitate di città e paesi, su insediamenti o assembramenti di persone all'aperto.

    Le tesimonianze di voli a bassa quota con scie al seguito arrivano da tutta Italia e la maggior parte delle volte da zone in cui gli aeroporti sono distanti anche quasi 100 chilometri.

    Non siamo di fronte a una "teoria del complotto" ma a dei dati oggettivi, documentabili, a dei fenomeni che non sono additabili come normali.


    Senza tener conto dell'attività disinformativa di alcuni utenti sparsi in Rete sempre pronti a mistificare, mentire, accusare e minacciare.

    E senza tener conto di chi, con l'intento di intimidire, scatta foto all'abitazione di Straker e poi si ritrova in prima serata su Rai 1, a Super Quark, a far compagnia alla squadra del CICAP...


    Di normale, in questa storia, non c'è, purtroppo, nulla e per accorgersene non serve una grande intelligenza o un grande intuito.

    Ciao.

    RispondiElimina
  41. Oggi il sito aeronet risulta inaccessibile. Che strana coincidenza.

    RispondiElimina
  42. 24 settembre 2009: Canarinomannar0 alias ilpeyote (al secolo Roberto Galli - CALL: IW2MVC), è stato denunciato per furto di identità presso la Polizia postale di Imperia.

    RispondiElimina
  43. E per tutto questo lavorio di aerei e di droni basterebbero 12 milioni di euro al giorno?
    Per me la stima è approssimata per difetto e forse anche di molto.
    Se pensiamo a tutti i giri che hanno fatto fra venerdì e sabato non oso pensare quanto abbiano investito nell'operazione.

    Ad ogni modo il protocollo seguito da diversi anni è sempre quello: dispersione massiccia di metalli insieme al resto e poi trattamento HAARP dei medesimi. Ieri sera il cielo era una cappa lattescente e stamattina esso presentava le solite pseudo-nubi bizzarre cui ci hanno abituato da anni. Fatico non poco ad afferrare i motivi di tale sequenza. A dire il vero, su questo sito in passato si era opinato che le sostanze disperse devono essere 'trattate' prima che ricadano al suolo e vengano inalate dagli umani.

    Quali le trasformazioni chimico-fisiche subite dal particolato disperso ed a quale scopo?
    Evidentemnte gli aerosol non trattati non sortirebbero l'effetto desiderato. Non vedo altra spiegazione.
    Ad ogni modo tali sostanze, una volta terminato il trattamento, sembra che si diluiscano molto nell'atmosfera sino ad essere molto meno visibili. Insomma tali sostanze sarebbero pronte per cadere verso il suolo e passare poi nei nostri polmoni.

    E' mai possibile uno scandalo più macroscopico di quello delle scie chimiche?

    RispondiElimina
  44. "E' mai possibile uno scandalo più macroscopico di quello delle scie chimiche?"

    No.

    RispondiElimina
  45. In effetti, abbiamo sottostimato i costi della bestiale operazione: bisognerà almeno raddoppiare la cifra. oggi sono passati e ripassati non meno di trecento aerei della morte. Prima hanno distrutto i pochi cumuli che si erano formati, poi hanno tessuto la solita ragnatela di scie persistenti e semi-persistenti che hanno offuscato il cielo. E' uno spettacolo inverecondo e ributtante. Credo che il 100 per cento del P.I.L. sia dilapidato per avvelenare acqua, aria, suolo, tutto.

    Ciao

    RispondiElimina
  46. La luna è offuscata da uno spesso velo chimico. E' il famoso microclima di Pennellatore e soci.

    RispondiElimina
  47. La situazione è persino peggiore di quanto voi immaginate, ma siete sulla buona strada per la verità.

    Cara Adele, grazie del coraggio di esporre fin' qui.Ci siamo passati un po' tutti di avere paura. Ma una volta che uno capisce o intuisce cosa sta succedendo si apre la strada. Bisogna certamente non buttarsi da incoscienti.
    Un caro saluto. Immagino la tua situazione molto difficile. Purtroppo non abbiamo una legge che protegge chi si espone in questi casi.Almeno non credo.

    Stamattina vedo per strada uccelli che non riescono ad alzarsi in volo e devo guidare con estrema cautela. Sono giorni di rilascio pesanti. Un cielo da incubo sabato e venerdì scorso. Ma continuano giorno e notte.

    Sulla suina:
    Ricordo il documento del Air Force One " Owning the weather " capitolo 5 che annuncia nel 1998 la pandemia per il 2009 con 30-40 milioni di morti.Hanno dei veggenti.

    "E' mai possibile uno scandalo più macroscopico di quello delle scie chimiche?"
    Zret a te la scelta!Siamo messi bene.

    RispondiElimina
  48. Altra frase 'bestiale' del tipo di quella riferita da Alberto Angela circa 'le scie di condensa lunghe chilometri'.
    Viene dal vergoggnoso programma pseudo-satirico 'Striscia la notizia' ed esce dalla bocca del 'comico' Ezio Greggio( scommetto che gliel'ha suggerita il CICAP con la collaborazione dell'esimio Umberto Veronesi ).

    La frase suona più o meno così: ' Nel 2008 si è registrato un picco del consumo di stupefacenti ed un picco degli avvistamenti di UFO. Che le due cose siano fra loro collegate?'.
    Vabbè, Greggio - comico o buffone?-, per farti sbarcare il lunario i tuoi padroni ti obbligano a profferire simili bestialità. Come sempre ci riesci bene a portare il tuo cervello all'ammasso.

    RispondiElimina
  49. Stamattina vedo per strada uccelli che non riescono ad alzarsi in volo e devo guidare con estrema cautela.

    Drammatico.

    RispondiElimina
  50. Per mia fortuna non seguo più "Striscia la notizia" da molti lustri. Greggio e company non si smentiscono mai, a quanto leggo.

    RispondiElimina
  51. La satellitare di ieri, opportunamente censurata. Si intravvede comunque la spessa coltre chimica rilasciata durante le ore notturne.

    RispondiElimina
  52. Credo che ci sia bisogno di proporre una strategia comune e creare comitati ATTIVI in ogni città, almeno cominciando tra quelle, come Genova, che hanno già accolto le conferenze di Rosario sulle scie chimiche. Prima o poi infatti si dovrà tutti uscire allo scoperto. Le cose cui andremo incontro saranno ben peggiori di quelle viste fin'ora. Ora cadono gli uccelli, o non riescono nemmeno più ad alzarsi in volo. Ho visto coi miei occhi sciami di moscerini e di vespe impazzite roteare in aria e poi stramazzare al suolo, con sbigottimento dei colleghi di lavoro, che si domandavano cosa stesse accadendo, gente ben lontana dal chiedersi che tutto ha un nesso e che nulla di ciò che avviene sotto questo cielo si agita o cessa di esistere a caso. Avete sentito di quei bikers che sono stati inseguiti da uno sciame di calabroni impazziti?!!! Ne hanno parlato al tg1 ieri sera. Che cosa vogliamo aspettare? Vogliamo cadere anche noi come mosche, vogliamo vedere i nostri bambini morire? Vogliamo continuare a non alzare la testa per paura? E' questo il gioco degli "ottenebrati tenebrosi": indurre le menti alla paura e perpetrare la separazione e la divisione! Smettiamola di rispondere a quei quattro idioti che rompono i coglioni e distolgono energie e attenzione da una più fattiva e concretra risoluzione pacifica e comunitaria. Che ne dite ragazzi??? Questi comitati cittadini, se si uscisse da internet, potrebbero decidere di agire una strategia sul territorio di propria competenza, essi conoscerebbero le autorità, gli strumenti, avrebbero familiarità con le vie e le piazze cittadine, potrebbero essere i promotori di iniziative concrete e fattibili, senza grosse spese. Anche stampare e diffondere i volantini, come per esempio davanti alla manifestazione di "Fai la cosa giusta" sul biologico, che c'è stata nel Porto Antico si può fare condividendo la spesa della tipografia e le braccia e le teste per distribuirli e parlare con la gente. Sapete cosa vuol dire andare ai Parchi di Nervi che pullulano di bimbi e di mamme e papà e fare un'operazione di informazione silenziosa, ma concreta di questo tipo? Si possono aggiungere i numeri di telefono e i vari riferimenti. Se è bello imparare a fare il sapone in casa e vivere più eticamente in casa propria, perché non può essere fattibile estendere l'idea della responsabilità anche per un interesse comune? Che senso ha andare a vivere in campagna e uscire dal gregge se poi non sosteniamo una presenza pacifica e civile per contrastare il genocidio di milioni di persone?

    RispondiElimina
  53. Ciao a Tutti...
    @Luca Ottima idea...tralaltro anche io sono Ligure...quindi dobbiamo Assolutamente cercare d organizzare un volantinaggio...a Genova
    Fammi sapere

    RispondiElimina
  54. La conferenza di sabato non è andata molto bene.
    Il Prof. Ferrante che doveva parlare di haarp e della tecnologia Tesla si è messo a fare il debunker dicendo che secondo lui quelle che vediamo spesso nei nostri cieli non sono scie chimiche. Secondo lui le scie chimiche esistono ma sono invisibili

    :-0

    Certo se vengono emesse solo nanopolveri in modeste quantità sicuramente queste non saranno visibili

    ma i densi e bianchi fumi chimici che rilasciano gli aerei e che hanno il compito di generare il cosiddetto "schermo di cirri" (*)
    non possono assolutamente essere invisibili

    (*) vedi documento ufficiale dell'Air Force "Owning the weather in 2025"

    fortunatamente ho conosciuto numerose persone interessate al fenomeno e a tutto ciò che riguarda l'NWO

    RispondiElimina
  55. Luca, sono d'accordo con te. Bisogna che la gente esca allo scoperto e si attivi per informare capillarmente la popolazione inconsapevole.

    Daniel, avevo aprlato con l'organizzatore del convegno e lo avevo avvertito della posizione obliqua del dottor Ferrante. Come spesso accade l'ingenuità di pochi è danno per molti.

    RispondiElimina
  56. IL PROF FERRANTE E' SICURAMENTE A CONOSCENZA DEGLI "AEROSOL PER L'EFFETTO SERRA". COME DEL RESTO ORMAI TUTTI,NELL'AMBITO ACCADEMICO, SANNO CHE L'AERONAUTICA SPERIMENTA LA "GEOINGEGNERIA".

    riguardo alla conferenza, non può essere andata male: infatti l'argomento è talmente "tabù" e proibito che basta parlarne per considerare l'evento un successo.

    scie di condensa, come no: quando l'attenzione dei cittadini sarà portata al cielo, essi, per quanto rimbambiti, si accorgeranno che questi voli non sono civili, e che l'atto di schermare il sole non è casuale ma voluto

    @luca il volantinaggio è d'obbligo: però non spingerti oltre e non dare/date troppo nell'occhio. ci sono interessi in gioco che probabilmente superano le nostre fantasie.
    e questa gente sa fare molto male, se messa alle strette. insomma, occhio

    per esempio: non andare a distribuire i volantini davanti a una caserma dell'aeronautica militare.....perchè ti schedano in un attimo

    RispondiElimina
  57. le scie chimiche invisibili??

    quindi è un atto di fede, credere o non credere.

    che pena questi "debunker"

    RispondiElimina
  58. Ciao Stone, sentiamoci. Vivi a Genova? Conosci persone sensibili all'argomento? Organizziamoci.

    RispondiElimina
  59. Un primo commento dal convegno da parte di uno dei protagonisti :

    ...convegno riuscito.
    La presa di coscienza della gente, se penso a tre anni fa, quando abbiamo cominciato questa lotta, è salita incredibilmente.
    D'altronde la consapevolezza non può che aumentare grazie anche alla azione di tutti noi….....

    Si saprà altro.

    Ferrante e le scie invisibili? Una bella parte delle scie effetivamente lo è o quasi.
    Purtroppo le cose più micidiali non si vedono.
    Ferrante era uno! E vorrei sapere di più di quello che è stato detto. Aspetto il quadro più completo del convegno. Notevole già l'annuncio in tanti, ma tanti Blog.
    A Luca,
    mi pare che quello che proponi sta iniziando.Ed è strada buona.

    RispondiElimina
  60. Altro disastro “climatico” nelle Filippine, in sole 6 ore ha piovuto quanto in un mese.
    Tutto normale, questo e’ quello che sono in grado di produrre. Sono dei pazzi.

    RispondiElimina
  61. ciao a tutti, qualcuno sa dove trovare il video del simpatico intervento di Berlusconi ieri (27 Settembre 2009) in occasione alla Festa della Liberta' ?

    Ne ho visto un pezzo e ad un certo punto mentre snocciola propaganda e persuasione spicciole e i soliti numeri ed iniziative fatte per risollevare il nostro beneamato paese tira fuori una cosa che mi ha fatto balzare dalla sedia : "Io e Frattini, personalmente abbiamo deciso di posticipare (al 2013) il progetto di collaborazione USA-ITALIA sul clima, che ci sarebbe costato 1,5% del PIL".

    Purtroppo non so il minuto esatto ma se qualcuno linka il video è interessante. Soprattutto la frase :"IO E FRATTINI"


    ciao
    viza

    RispondiElimina
  62. Hey, guardate un po' qui la prova delle prove!
    http://www.leggonline.it/articolo.php?id=29081

    La notizia è riportata anche da altri importanti quotidiani.
    Ora cosa cazzo diranno i debunkers???? Voglio proprio vedere!!

    RispondiElimina
  63. "scie di condensa, come no: quando l'attenzione dei cittadini sarà portata al cielo, essi, per quanto rimbambiti, si accorgeranno che questi voli non sono civili, e che l'atto di schermare il sole non è casuale ma voluto"

    eh ma ora che le scie persistenti sono diminuite è più difficile.

    RispondiElimina
  64. Ciao a Tutti...
    @Arturo...hai ragione...ma tanto saremo già tutti schedati...in un modo o nell altro...
    @Luca ...no...non sono d Genova ...vivo in prov d Sv...però potremmo darci un appuntamento un giorno che t mette bene...chessò magari tipo a Principe ad una data ora...di un dato giorno...
    Con il materiale già pronto...potremmo iniziare a consegnare i pieghevoli...o i dvd...e comunque conoscerci...Dimmi Tu
    Non dobbiamo aver paura...qui c è in gioco la pellaccia...Abbracci

    RispondiElimina
  65. si però il cielo è bianco....e a quanto abbiamo visto le scie persistenti non sono passate di moda. le usano meno, ma quando decidono ci coprire non c'è condensa che tenga. il 26 settembre è stata una giornata impressionante. e ho potuto notare molte persone, di tutte le età, che guardavo stupiti il cielo. non penso che queste persone si dimenticheranno lo spettacolo tanto facilmente. magari sono tornati a casa, hanno digitato su google "scie degli aerei" e hanno scoperto delle cose interessanti.....

    sembra che le scie meno persistenti, cioè quelle con la valvola semi aperta, non bastino per coprire il cielo come si deve. bei tempi quelli in cui l'aeronautica poteva fare quello che voleva senza rendere di conto a nessuno....ora però la gente se n'è accorta.....e ci vanno un pò più cauti

    teniamo il conto di quando organizzano le coperture persistenti: potremmo scoprire che queste operazioni vengono impostate con una certa regolarità...

    per esempio: 2 giorni di persistenti, e due settimane di non persistenti, due giorni di persitenti e due settimane di no persistenti e cosi via

    RispondiElimina
  66. Luca, a mio parere, ha ragione: bisogna creare comitati in ogni comune. Il volantinaggio è utile, ma occorre anche sollecitare sindaci ed amministrazioni comunali, non dare tregua loro neppure un istante.

    Oggi ho visto una tortora stecchita su un marciapide: non era stata investita, non sanguinava... sarà.

    Scie chimiche invisibili? Ma sì, Ferrante è stato rintuzzato e zittito da un nostro amico e la verità risalta meglio su un fondale di mistificazioni.

    Il cielo è perennemente bianco: o è il diossido di zolfo o hanno usato il Dash.

    Ciao a tutti.

    RispondiElimina
  67. Non è un caso se la maggiore azienda italiana, produttrice di diossido di titanio (che più bianco non si può) ha registrato un forte aumento di fatturato, da quando fornisce il diossido di titanio perché venga diffuso in atmosfera. Infatti, il cielo è bianco...

    RispondiElimina
  68. Ciao Antonio, lo ioduro di argento per far piovere viene utilizzato ormai da molti anni

    le scie che invece vediamo noi fanno esattamente il contrario, assorbono l'umidità e impediscono o riducono di molto le precipitazioni tramite l'irrorazione di sostanze igroscopiche

    RispondiElimina
  69. La satellitare di ieri è, da quanto si può vedere, catastrofica. Per ottenere una coltre simile occorre riversare in atmosfera una quantità enorme di materiali. Impresa gigantesca portata avanti giorno dopo giorno senza badare a spese.
    Ad ogni modo, se vanno avanti così, altro che 1.5% del PIL che si 'fumano'. E' molto di più.

    Berlusconi, nel suo vergognoso ed ignobile discorso tenuti ieri alla festa del 'Popolo della Liberta'(sic) durante il quale ha fatto finta di infervorarsi - ci mancava solo la lacrimuccia, ma al bisogno è capace anche di quella - ha tirato in ballo Frattini per il motivo che espongo immantinenti.
    Frattini è di razza ebraica ed è esponente di spicco della 'kehilla' romana.
    Il governo italiano pende dalle labbra di tale comunità e pertanto gli ordini vengono da quel contesto.

    Ringraziamo pertanto Berlusconi di averci fornito simile preziosissima testimonianza, una conferma del resto a quanto sappiamo da sempre.
    Frattini svolge dunque il ruolo di consigliere occulto, ma non poi tanto, delle decisioni prese dal Governo italiano. Ecco svelato l'arcano.

    Ora, stanno spingendo il piede sull'acceleratore delle irrorazioni come mai forse era accaduto prima in vista di una probabile pandemia in arrivo forse nel 2010.
    La parola d'ordine è evidentemente 'indebolire le masse' per poi innestarci sopra dei virus esiziali.

    RispondiElimina
  70. Su voyager in onda sulla rai si discute sul fatto che i terremoti possano essere causati dall’ interferenza degli astri, piu’ precisamente dalla luna.
    Staranno mica coprendo altre verita’?

    RispondiElimina
  71. Paolo, quanto scrivi riguardo ai vaccini, viene confermato da Horowitz. Le irrorazioni sono certamente l'anello di collegamento con la futura pandemia, la quale sarà esisziale per i vaccinati i quali, a loro volta, saranno contaminati per via aerea. Mi siedo ad osservare.

    RispondiElimina
  72. Nell'atteggiamento delle istituzioni e della comunità scientifica nei confronti di Bendandi, noto incredibili analogie con quanto accaduto a Giuliani e ad altri ricercatori indipendenti.

    RispondiElimina
  73. Paolo, mi ha molto colpito qualche giorno fa una frase di belzebusconi che, riferendosi ai sei militari morti a Kabul, ha commentato con un lapsus freudiano: "Sono stati compiuti dei sacrifici umani" (!!!).

    Non credo che occorra chiosare.

    Andrea, ho notato un cenno obliquo ad anomalie gravitazionali, forse di origine planetaria, nel servizio dedicato a Bendandi. Ne ho discusso nell'articolo La quadratura del cerchio.

    Ciao

    RispondiElimina
  74. Antonio su leggonline, nella loro abissale ignoranza, citano lo ioduro d'argento, usato per far piovere. Peccato che i nostri giornalai fanno finta di non sapere...

    RispondiElimina
  75. Salve a tutti, scusate l'ignoranza ma è da poco tempo che sono venuta a conoscenza delle teorie che riguardano le scie chimiche;
    Tommaso parla di alluminio, ma perchè c'è alluminio nelle scie di condensazione di questi aerei e poi questo ricadendo al suolo è pericoloso per la nostra salute ?
    Se così fosse, cosa si può fare per difendersi da questi veleni.
    Sulla mia città non vedo spesso aerei, ma ho "sempre" visto le scie bianche in coda.
    Questo vuol dire che siamo costantemente avvelenati da quelle sostanze che rilasciano in volo?
    Comunque, gran bel lavoro questo blog, bei articoli, dettagliati e con un certo rigore tecnico, complimenti davvero.
    Ciao a tutti

    RispondiElimina
  76. Ciao, purtroppo per noi non si tratta di teorie, ma di fatti concreti. Non si tratta infatti di scie di condensazione, le quali sono fenomeno talmente raro dal non essere mai stato affrontato nei testi scolastici prima degli anni 90 del ventesimo secolo. Le scie che vedi sono il frutto di irrorazioni volontarie, deliberate, criminali.

    RispondiElimina
  77. "teniamo il conto di quando organizzano le coperture persistenti: potremmo scoprire che queste operazioni vengono impostate con una certa regolarità..."

    ok arturo
    ogni giorno segnalerò se ci sono scie a Roma e di che tipo sono.

    guardate questa foto del 1929

    http://www.flickr.com/photos/45128744@N00/3963460571/sizes/o/

    questa nube è stata creata rilasciando del tetracloruro di titanio che a contatto con l'aria ha formato dei fumi di diossido di titanio e acido cloridrico. di solito insieme al tetracloruro di titanio veniva rilasciata dell'ammoniaca che venendo a contatto con l'acido cloridrico formava dei fumi igroscopici di cloruro di ammonio grazie ai quali la nube aumentava di volume.

    la nube nella foto sembra proprio una scia chimica espansa

    RispondiElimina
  78. so di non avere diritti sulla gestione del tuo blog (e ci mancherebbe pure...), ma dico, com'è che i miei commenti vengono ignorati manco contenessero chissà quali argomenti scabrosi ?
    Forse credete che io faccia parte della organizzata rete dei disinformatori ?
    Non faccio parte di nessun gruppo organizzato, ma d'altra parte non saprei proprio come dimostrarvelo.
    Mi dispiace davvero che non siano stati pubblicati i miei commenti, credevo che ci fosse spazio per tutti, anche per chi dubita come me che dietro le scie bianche visibili nei nostri cieli ci sia un disegno abilmente orchestrato per portare danno alla popolazione civile.
    E' possibile che la mia posizione opposta alle vostre vedute basti per non poter partecipare al dialogo da voi stessi aperto ?
    Eppure vedo con mia grande sorpresa pubblicati post che non disdegnano di usare un linguaggio scurrile per colpirvi personalmente.
    Devo forse sospettare che siate voi stessi a redarli per mostrare ai visitatori un lato liberale che invece non possedete ?
    Non mi pare di aver interferito con il vostro lavoro avanzando semplicemente dubbi circa la vostra interpretazione del fenomeno che si crea nei cieli al passaggio degli aerei.
    Spero almeno che qualcuno di voi legga comunque i commenti prima di cestinarli senza pietà.
    Io continuo ad essere convinto che la vostra è una paura insensata di un fenomeno che non conoscete, e accettate come prove dei dati assolutamente ininfluenti;
    chiamate prove "il numero dei voli osservati", il fatto che a fine giornata il cielo si annuvoli, addebitando agli avvelenatori volanti un normale fenomeno atmosferico, citate dati tecnici relativi ad analisi, che però io come sprovveduto cittadino non ho possibilità di confrontare con analoghe analisi condotte in tempi, luoghi e modalità differenti, per valutarne la genuinità, insomma, il vostro comportamento per nulla dissimile da quello messo in atto da coloro che voi definite loschi personaggi, occultatori della verità, mi impone di chinarmi al vostro credo senza obbiettare, pena l'esclusione da quello che potrebbe essere un luogo di libero dialogo.
    Sapiate comunque, che proprio perché non credo di potermi riferire ad una sola convinzione elevandola a grado di verità, continuerò a leggere il vostro blog, che nonostante i miei dubbi circa le tesi portate avanti, resta un luogo, se pur virtuale, da cui trarre conoscenza di pensieri e posizioni differenti.
    Ciao,
    Fabio.

    RispondiElimina
  79. Mestolo, uno che esordisce, nel suo primo commento, affibbiandoci l'appellativo di paranoici, assai caro a quel delinquente di Kattivix e soci, per quanto mi riguarda non ha alcun diritto di pretendere la pubblicazione del suo intervento. Mi dispiace, ma questo blog non è una cloaca al vostro servizio. Se vuoi sfogarti, ci sono i blog monnezza che ben conosci. Vai a leccare il culo ad Attivisimo.

    Qui non c'è niente da discutere su fatti conclamati e non siamo qui per perdere tempo con le due categorie più in voga di questi tempi: gli idioti ed i servi. Scegli a quale delle due categorie vuoi appartenere e pedala!

    RispondiElimina
  80. guardate un po' qui il frambusto di disinformatori scatenato alla visione di un mio filmato.

    http://www.youtube.com/watch?v=mAXYH4LVvZ4

    aerei che passano molto bassi (facendo anche un gran rumore).

    E in precedenza uno ancora più grosso e rumoroso mi era scappato per un pelo!

    Questo dovrebbe essere un misero Executive di 19 metri, si vede già all'inizio del filmato quando lo zoom e' completamente disattivato (lo zoom massimo della mia Canon DC330 è cmq di 45X ottico in gestione avanzata)

    RispondiElimina
  81. Ciao Pirata Pantani. Vale sempre evidenziare che una qualsiasi videocamera, o macchina fotografica che sia, ha una caratteristica non trascurabile e cioè: a fattore di zoom uguale a zero l'obiettivo ALLONTANA il soggetto osservato. Và quindi sempre considerata la dimensione del velivolo ad occhio nudo.

    Queste cose i disinformatori le sanno molto bene, ma chissà perché fingono sempre di non saperlo e, anzi, sfruttano questo dettaglio per affermare l'esatto contrario di quanto stanno realmente le cose.

    In poche parole... a fattore di zoom uguale a zero, il velivolo risulta più distante (piccolo) di quanto lo sia realmente ad occhio nudo.

    Inutile dire che anche Wasp e Santacroce giocano 8con le lro foto) su questo dettaglio a cui pochi fanno caso, ingannando il lettore e facendogli credere che l'aereo è alto.

    I disinformatori sono dei beceri truffatori e con loro vale solo una regola: il banning a vita, in attesa di poterli mettere alla gogna (fisicamente)quando verrà il momento.

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis