venerdì 5 ottobre 2007

La truffa dell'energia nucleare

Sempre più spesso "esperti" (ad esempio, l'insigne Umberto Veronesi, ex ministro delle patologie) ed "uomini politici" si pronunciano a favore dell'energia nucleare, sostenendo che è necessario, anche se anni fa i cittadini italiani si pronunciarono, con un referendum, contro la costruzione di nuove centrali atomiche, prendere di nuovo in considerazione l'opzione di tale fonte energetica, a causa dell'aumento del prezzo del greggio. I fautori del nucleare affermano anche che l'uranio ha prezzi complessivamente contenuti, ricordano che gli impianti di nuova generazione sono sicuri (???) e che il problema delle scorie si può, in qualche modo, risolvere.

Inoltre, nell'ottica del "mal comune mezzo gaudio" o, peggio, "se si buttano gli altri nel pozzo, ci possiamo buttare anche noi", essi asseriscono che l'Italia è attorniata da stati (Francia, Svizzera, Slovenia, Austria) in cui le centrali nucleari sono piuttosto numerose: in caso di incidente, le micidiali radiazioni si diffonderebbero anche nel nostro paese che d’altronde importa energia elettrica soprattutto dalla Francia. Sono argomenti che possono avere pure un valore, solo, però, se si considera la questione in modo superficiale e secondo stantii luoghi comuni, prescindendo poi da molti retroscena.

In primo luogo, non è vero che, esauriti i combustibili fossili, l'unica scelta energetica attuabile sarà il nucleare: oltre alle cosiddette fonti rinnovabili, in gran parte inadeguate a coprire anche una parte esigua del fabbisogno energetico tipico della “civiltà” post-industriale, si potrebbe ricorrere alla fusione fredda ed all'etere. La fusione fredda, lungi dall'essere una fandonia, si basa su un principio a tal punto efficiente che i militari l'hanno mutuato ed applicato per produrre le famigerate e mortali armi ad uranio impoverito, salvo poi boicottare ed osteggiare, in modo molto persuasivo, gli scienziati italiani e stranieri che erano impegnati in fruttuose ricerche nel campo della fusione fredda.

Gli studi sull'etere, di cui lo scienziato ed inventore serbo Nikola Tesla, fu il geniale pioniere, insieme con Wilhelm Reich, se applicati e sviluppati per scopi pacifici, permetterebbero di fornire energia pulita a bassissimo costo: la zero point energy ha delle potenzialità immense ed è probabile che i militari la usino già per i loro biechi scopi.

Ciò dimostra come l'insistenza sul nucleare sia soltanto uno stratagemma dal triplice fine: favorire l'apparato industriale che detiene cospicui interessi nel settore; inquinare il più possibile (1)
; impiegare il plutonio 239, ottenuto nei reattori nucleari, per la costruzione di armamenti nucleari. E' noto che la regina Elisabetta II, legata a doppio filo al Vaticano, (ella si fregia del titolo di Difenditrice della fede, titolo portato dai sovrani di Albione e di cui fu insignito il re Enrico VIII da papa Leone X, per aver censurato la riforma luterana), ha acquisito i principali giacimenti d'uranio nella Repubblica sudafricana. E' risaputo altresì che la Chiesa cattolica è la principale promotrice del nucleare negli Stati Uniti d’America. Per questo motivo, il "sommo" pontefice, nelle sue insincere, ipocrite, zuccherose geremiadi in “difesa” dell'ambiente, non solo si è sempre allineato alle bugie ed ai tòpoi degli pseudo-ambientalisti come Al Gore, ma non ha mai accennato né agli ordigni all'uranio impoverito né ha mai condannato il ricorso all'energia atomica per fini "pacifici".

Innumerevoli sono le prove che si possono addurre contro l'energia che deriva dalla fissione dell'atomo: le scorie sono nocive ed il loro periodo di dimezzamento, nel caso di alcuni elementi, è lunghissimo; è difficile reperire siti sicuri in cui stoccare i residui radioattivi; in caso di sisma o inondazione, potrebbero accadere incidenti dalle conseguenze gravissime...

Last, but not least: un altro motivo convince che il nucleare è una colossale truffa. E’ notorio che gli impianti per la produzione di energia richiedono enormi quantità d'acqua per il loro raffreddamento. Con quale acqua si intendono raffreddare i reattori, ora che le precipitazioni diminuiscono sempre più, in primis a causa dell'operazione scie chimiche, sicché il livello dei fiumi continua ad abbassarsi, mentre le esigenze di approvvigionamento idrico per l'agricoltura, l'industria e gli usi civili continuano a crescere?

(1) E' noto che la sinarchia privilegia tutte le forme di energia e le tecnologie che causano danni agli ecosistemi ed alle persone, boicottando, nel contempo, ogni sistema poco inquinante.


"La fusione fredda" - da uno speciale di RAI News 24...

Prima parte

Seconda parte


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

8 commenti:

  1. Interessantissimo!ci voleva un articolo su questo tema!
    di fusione fredda,energia pulita,di Tesla, nessuno sa niente.
    Qui le scelte erano 2,entrambi micidiali,anzi,una più micidiale dell'altra:carbone o nucleare....fu scelto il carbone!
    Cerano,la centrale a due passi da Ostuni è zona off-limite,intorno non nasce più nemmeno un filo d'erba!le morti da tumori nella provincia di Brindisi sono le più alte, insieme a Taranto della Puglia e forse d'Italia, ed è più perniciosa di qualsiasi centrale nucleare...ma tant'è!
    Bene,giorni fa un'insegnante elementare ha portato in visita gli alunni!!!!!!!!per far vedere loro dove nasce l'energia,ovvero un complesso orribile alla vista e orrendo nella sostanza!...
    poche mamme,anzi pochissime,si sono rifiutate di mandare i loro figli a intossicarsi,l'insegnante ?
    ha assicurato che sarebbero rimasti nel pulman con i finestrini chiusi!!!!!!!per salvaguardarsi...dunque era consapevole....
    Terribile esempio della miseria intellettuale e morale presente nella scuola!
    con tutto quello che c'è da visitare nel Salento...ma ho scoperto poi che era un invito dell'enel...lo scopo mi resta oscuro...cioè no,il messaggio è che quel tipo di centrale è giusto!...far accettare, al solito l'immondizia come alimento giusto e sano!!!!!!!


    non c'è via di scampo...o così o pomì,quando sarebbe così semplice produrre altro tipo di energia...ma ormai è chiaro che gli interessi dei potenti nulla hanno a che vedere col benessere dei popoli.
    ciao Zret!
    stammi bene e grazie come sempre
    angelotta

    RispondiElimina
  2. Il grandissimo problema dell'energia nucleare ricavata da fissione non è solamente la produzione di scorie, ma anche l'impatto socio-economico derivante dall'estrazione e quindi dalla lavorazione dell'uranio o di altri metalli radioattivi. Perchè se, paradossalmente, il mondo si reggesse unicamente sull'energia nucleare, ci ritroveremmo con centinaia di guerre locali di quante non ne abbiamo già ora (e non sono nemmeno poche). Senza contare poi lo stoccaggio dei rifiuti, il rischio di incidenti e l'altissimo costo ambientale che ne deriverebbe.

    I mezzi per uscirne li abbiamo: è inutile ad esempio che continuano a negare la scoperta della fusione nucleare fredda, oramai non ci crede più nessuno: mantengono questo stato delle cose perchè c'è qualcuno che dall'alto glielo impone!

    E' inutile uscire dalla dipendenza dal petrolio e dal carbone per andare ad impelagarsi nell'"avventura nucleare": è un modo scellerato per recuperare un pò di soldi continuando a comportarsi da vili sciacalli e depredatori di Gaia. Ma tanto tutto ritorna indietro, come un boomerang, e gli equilibri che abbiamo spezzato con le nostre "opere" prima o poi troveranno modo di riassestarsi.

    ... sempre se Gaia non ci stia già pensando tutt'ora, ed è un'eventualità che non vedo lontana affatto!...

    Alla prossima

    RispondiElimina
  3. Ciao angelota, preziosa e rivelatrice questa tua testimonianza. Come sempre, raccontando un episodio dai il termmetro (ahinoi la febbre � alta) della situazione.

    Certo Satira, quello che scrivi � vero, ma non dimenticherei che il nucleare � una scelta disumana... Vedi anche gli Annunaki, l'oro e le scie chimiche.

    Ciao e grazie!

    RispondiElimina
  4. andare in un sito del genere con i finestrini chiusi????o mio dio,se ne sentono di tutti i colori...io non farei mai andare i miei figli in un luogo abominevole come quello!!!cmq stiamo sicuri che tra poco ci appiopperanno di nuovo il nucleare con la scusa che è sicuro,pulito,etc,etc...si rendono conto che stiamo correndo allegri e felici verso l'autodistruzione?io credo di si,e penso anche che sia proprio quello lo scopo,insieme ai soldoni ovviamente...ormai è chiaro che per loro,noi comuni mortali non siamo niente e nessuno,siamo solo numeri...quando sarà troppo tardi,i potenti avranno tutti i mezzi per difendersi dal caos generale,noi invece saremo costretti a sopravvivere in un inferno...scusate il pessimismo,ma la mia fiducia nel futuro ultimamente sta calando un pò!tra scie chimiche,nucleare,strane malattie e tutto il resto,non riesco a vedere un futuro rosa!speriamo che la gente si svegli e cominci ad informarsi,perchè altrimenti non so come andrà a finire...

    RispondiElimina
  5. Ciao Zret,Straker...

    eccezionali!!! per la registrazione a telenord! e non solo. Complimenti!!!

    sicuramente la conoscete..che ne dite se faccio una incursione,chiedendo anzitempo se effettuano esami del territorio?

    http://www.anpanapuglia.it/sezioni/dove_siamo_index.htm
    ( no comment la foto della homepage su Bari!)(saranno allineati pure loro?)
    c'è proprio una sede nella mia citta'e a Bari!

    Ciao

    p.s.: qui operazioni antipioggia,sopra gli ammassi!

    e operazioni "pioggerellina sempre sporca",polverosa!

    CREPATE BASTARDI!!!

    RispondiElimina
  6. Le opinioni di Umberto Veronesi, persona non si sa se più potente o se più disgustosa a vedersi e a sentirsi contano si e no 'l'espace d'un matin' e cioè meno di nulla.
    Eclatante esempio di 'hybris' e pertanto pieno di sè spingendosi, se necessario, fino all'arroganza nonchè introdotto nelle cerchie mondialiste che poi in fin dei conti son quelle che contano nel nostro mondo degenerato e corrotto, Veronesi si è messo a pontificare a favore del nucleare.
    Peccato però che sia arrivato in ritardo. Lui non sa ma allora glielo dico che, giunti alla fase estrema del'Età Oscura, non ha più alcun senso preoccuparsi di nucleare, 'free energy', energia pulita e via di seguito in quanto sia l'uomo che il cosmo si trovano sull'orlo di una trasmutazione, di un passaggio, di una reintegrazione. Una volta verificatosi tale processo che consisterà nel ritorno alla semplicità nonchè in una vera e propria guarigione dai mali che ci affliggono dalla caduta in poi, non avremo più bisogno nè di petrolio, nè di uranio, nè di pannelli solari,nè di turbine eoliche od altro.
    Intendo parlare insomma di un cambiamento radicale e di una restituzione alla dimensione arcadica e bucolica che al momento conosciamo soltanto attraverso il mito e non di certo per esperienza diretta. Nel mondo nuovo non esisterà più nemmeno l'elettricità, per quanto ciò possa sembrare strano,.
    Spero che qualche lettore benevolo si trovi ben disposto ad accettare simili concetti.
    Una persona incontrata molti anni fa ed alquanto più vecchia di me ebbe a scrivere: ' Di questa civiltà non rimarrà vite su vite nè bullone su bullone'.
    Considerazione lapidaria ma veritiera. Altro che il mito di una civiltà post-industriale coniato dalla fantasia malata degli Illuminati.
    Attenzione tuttavia a non scambiare tale palingenesi futura come un ritorno alla dimensione 'nature' del 'buon selvaggio'. Niente di tutto questo.

    Pienamente opportuni i riferimenti al Vaticano. Per quella gente non c'è ormai più niente da fare. Il Fato inesorabile ha da tempo sancito il crollo e la rovina, ormai imminenti, di simile centro di potere occulto e manifesto. Platone narra che il meraviglioso continente di Atlantide si inabissò nel volgere di una sola notte.Non potrebbe la stessa sorte toccare un domani molto prossimo anche al colle dei vaticini?

    RispondiElimina
  7. L'energia libera viene insabbiata fin dai tempi di Nikola Tesla...IL PRIMO PIONIERE DELL'ENERGIA LIBERA...conosco il rapparto quarantuno...una colosso elettrico francese è andato a Frascati ma non per collaborare ma per scoprire o scopiazzare quello che avevano fatto gli italiani....qui l'italia una buona volta poteva ritornare ad essere il paese dei geni e degli inventori...ma niente tutto insabbiato, troppi regimi economici sarabbero crollati...

    RispondiElimina
  8. Paolo, spero che questa palingenesi, che questa trasmutazione sia prossima.
    Natura facit saltus.

    Ciao a tutti e grazie!

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis