giovedì 15 gennaio 2009

Droni già negli anni ''70 (da "Il ritorno di Nibiru" di Cristoforo Barbato)

In un corposo articolo intitolato Il ritorno di Nibiru, il ricercatore indipendente Cristoforo Barbato, oltre ad esplorare il tema del pianeta X, indugia sulle innovazioni tecnologiche che, sin dagli anni '70 del XX secolo, conobbero una formidabile accelerazione nell'ambito dei sistemi informatici applicati alla gestione di aerei senza pilota. Ciò è molto importante, se ricordiamo che l'operazione "scie chimiche" è attuata in gran parte con droni (definiti anche U.A.V., ossia Unmanned aerial vehicles), la cui tecnologia non è quindi recente. Da sottolineare anche l'interesse che i militari mostrano per lo spazio: non si tratta soltanto di osservazioni astronomiche, poiché uno degli scopi reconditi potrebbe essere "il monitoraggio dell’attività extraterrestre in entrata ed uscita dalla nostra atmosfera". Riportiamo la parte dello studio contenente gli addentellati con la questione "chemtrails".


Parte del lavoro di John Maynard, [è stato un analista dei servizi segreti militari americani inizialmente con l’Army Security Agency (l’Intelligence dell’Esercito) in seguito in seno alla D.I.A. (Defense Intelligence Agency)] quando era nella D.I.A., riguardava il progetto D.O.C.L, Direct Orbital Code Link (a volte ribattezzato Docile), un sistema che annovera circa 5 miliardi di dollari di satelliti progettati per comunicare con velivoli classificati dell’Aeronautica militare degli Stati Uniti e possibilmente anche per esaminare lo spazio profondo. Infatti, stando alle dichiarazioni di Maynard, uno degli scopi reconditi del progetto D.O.C.L della D.I.A. sarebbe il monitoraggio dell’attività extraterrestre in entrata ed uscita dalla nostra atmosfera.

Una conferma diretta alle affermazioni di Maynard sul classificato progetto D.O.C.L si può trovare nelle sorprendenti rivelazioni fatte negli anni ’90 dallo statunitense Edgar Rothschild Fouché in merito ai programmi speciali segreti dell’U.S.A.F. e della National Security Agency. Fouché, ex membro dell’Intelligence dell’Air Force americana che ha prestato servizio a Groom Lake nell’Area 51, ha lavorato con diverse strutture aerospaziali militari e produttori di elettronica negli Stati Uniti. Ha partecipato alla progettazione, sviluppo, produzione e valutazione di volo operativo nei programmi classificati di sviluppo aereo, incluse contromisure elettroniche, comunicazioni satellitari, equipaggiamento di cripto-logica e di supporto.

Durante la sua carriera militare, è stato selezionato nei quadri ed in molti programmi di sviluppo dei più recenti cacciabombardieri dell’Air Force. Altri programmi di ricerca e sviluppo per i quali lavorò dagli anni ’70 sono ancora classificati Top Secret. Fouché ha ricevuto una formazione tecnica per oltre 4.000 ore dall’Esercito e dal Governo, di cui circa la metà in addestramento classificato. Per venti anni ha lavorato con l’Aeronautica militare e con le Agenzie del Dipartimento della "Difesa", seguiti da altri otto anni come Dirigente a contratto della Difesa. “Ero uno dei pochi impiegati a Nellis - afferma Fouché - munito di un nulla osta di segretezza Top Secret, con accesso alle decodificazioni criptate.

Avevo il certificato di accesso al Modello 4 IFF (un sistema aereo che rispondeva ai codici classificati criptati). Avevo anche il permesso di lavorare su altri dispositivi criptati di cui non posso parlare. Per una serie di combinazioni e data la mia perizia tecnica mi fu richiesto di prestare servizio in un luogo non identificato. Al mio terzo giorno di lavoro a Groom, dovetti rimuovere un modulo da un pezzo di equipaggiamento per la comunicazione satellitare a più comparti, usato per sostenere alcuni velivoli nelle missioni speciali. Notai, mentre ero all’interno del comparto a controllare i cavi elettrici, che conteneva un’unità sigillata grande più o meno come una grande borsa e che aveva una targhetta d’identità di copertura della National Security Agency.

La nomenclatura sulla targa recitava Direct Orbital Code Link. Pensai che fosse strano, visto che l’unità era parte di un collegamento di comunicazione digitale, usato unicamente per comunicare con veicoli dell’Aeronautica classificati. Non ero a conoscenza allora di missioni militari orbitali non affiliate alla N.A.S.A. Ricordatevi che erano gli ultimi anni '60. Lo Shuttle non volò fino al 1981. Disinserii l’unità e, per curiosità, rimossi la calotta dell’accesso posteriore. Con mio stupore vidi che al suo interno c’era circa una mezza dozzina di grossi chip ibridi a circuito integrato. Il più grosso chip era collegato ad oltre 500 moduli dello spessore di un capello ed era grande più o meno come un accendino Zippo. Il timbro d’ispezione sul chip datava 1975.

Nel 1975 la velocità più elevate di lavorazione, sui progetti più classificati, equivaleva a quella di un computer I.B.M. 8088 che girava alla velocità di 4 milioni di cicli al secondo. Questa unità aveva una velocità di lavorazione di 1 miliardo di cicli al secondo. Fu solo dopo circa dodici anni che vidi una tecnologia paragonabile a questo chip a circuito integrato. Più tardi vidi alla I.T.T. un progetto top secret di sviluppo di avionica. Nella mensa a Groom, sentii termini come Lorentz Forces, detonazione ad impulsi, radiazioni al ciclotrone, generatori di campo a trasduzione di flusso quantico, lenti energetiche simili al cristallo e accumulatori quantistici E.P.R. (Electron Paramagnetic Resonance). Ogni giorno scrissi sul mio “diario di bordo” tutto ciò che vidi, ascoltai e toccai. Rientrato alla base, la mia routine proseguì come sempre.

Il mio amico alla N.S.A., Jerald, indagò ed osservò le persone impiegate in lavori molto classificati al Nevada Test Site e al Nellis Range. Stava controllando un tizio che lavorava al Nevada Test Site, dove facevano esplodere bombe atomiche sotterranee. Accennò per caso ad un aereo che poteva essere lanciato in orbita e ritornare ed atterrare nel deserto del Nevada. Era un veicolo di ricognizione radiocomandato che decollava da un bombardiere B-52 ed usava dei razzi a impulso, da collocare temporaneamente in una orbita terrestre bassa per scattare foto ricognitive. Pensai che mi stesse prendendo in giro.

Poi aggiunse: “Questo aereo è pilotato a distanza tramite il sistema D.O.C.L. di Groom”. In genere non sono così lento di comprendonio, ma non feci i giusti collegamenti fino a quando disse di nuovo: “Sai, il D.O.C.L sta per Direct Orbital Communications Link.” Bingo, avevo visto un pezzo del sistema D.O.C.L. a Groom: era l’unità della N.S.A. con grossi chips”.


Leggi qui l'intero articolo di Cristoforo Barbato


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!
Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.


Aggiorna Tanker Enemy nei tuoi preferiti. D'ora in poi questo blog è raggiungibile digitando http://www.tankerenemy.com/

TANKER ENEMY TV: i filmati del Comitato Nazionale

CHEMTRAILS DATA

Range finder: come si sono svolti i fatti


42 commenti:

  1. ciao rosario sono foetuss72 , dicevo è possibile andare su con un elicottero in prossimità della scia prima che inizia a diramarsi e prelevare i vari elementi , calcolando che molte scie sono rilasciate ad altezze relativamente basse, non dico possa essere una prova del nove ma un ottima prova.ciaoo

    RispondiElimina
  2. Non si è mai visto che per misurare la quantità di pm intorno alle centrali al carbone, gli inceneritori, nei centri a traffico automobilistico intenso, si posizionino i sensori nelle ciminiere o nei tubi di scappamento delle auto? No. Si misura nelle aree limitrofe. Quindi, queste sono scuse, non a caso iniziate dopo che Massimo Mazzucco bruciò la nostra operazione segreta di prelievo in quota.

    I metalli pesanti (ricadono al suolo) e, in ogni caso, se ne è verificata la presenza anche in aree del Canada prive di insediamenti urbani di qualsivoglia tipo. Quarzo, alluminio, sali di bario, titanio, silice, etc. sono state ritrovate ovunque nelle aree sottoposte ad irrorazione, mentre erano e sono assenti nelle zone non acora coperte. Il CNR ha eseguito analisi spetroscopica dell'acqua piovana ed ha trovato, oltre ai soliti alluminio e bario, valori di quarzo 80 volte superiori al consentito. Questi sono dati e nel mondo le indagini al suolo, sulle piante, sull'acqua e sulla neve sono centinaia. Tutte hanno in comune gli stessi elementi. Sanremo è inclusa nella lista nera.

    Il progetto di far alzare un velivolo attrezzato per il prelievo di sostanze chimiche provenienti dalle chemtrails non era partito da noi, ma da un utente di sciechimiche.org, poi eclissatosi (come tanti altri) poiché la pressione attiva sugli attivisti non è da tutti sopportabile.

    Detto questo, noi l'avevamo appoggiata, seppure con tante riserve sulla fattibilità, ma doveva rimanere iniziativa segreta, per poter avere una siapur piccola possibilità di successo. Cosa che non fu, infatti qualcuno ebbe l'improvvitudine di parlarne, scatenando le giustificate ire dell'organizzatore. Da lì le defezioni non di un pilota, ma di due piloti e, a seguito, non casuale, gli interventi sempre reiterati dei soliti arcinoti disinformatori prezzolati che mettono sempre in campo la questione. Questione funzionale al sistema... ovvio.

    Ne ho parlato spesso. La questione analisi delle scie in quota è improponibile per molti aspetti già a suo tempo messi in evidenza con gli allora promotori dell'iniziativa. Non vado nei dettagli, ma... una su tutte: nessuno e ribadisco NESSUNO verrà mai autorizzato a percorrere le rotte e le quote dei tankers chimici durante le loro dissennate operazioni di aerosol. Aree off-limits per il sorvolo, a quelle quote, di qualsivoglia velivolo estraneo alle operazioni. Questo mi sembra palese, ovvio, lapallissiano ed è solo e sempre per questo motivo che i soliti noti ed i loro servi argomentano sempre sulla ritrita proposta di mettersi a cacciar farfalle chimiche in quota. Essi sanno bene che ciò non è possibile! Giocano sul sicuro i bastardi! Ammesso e non concesso che le autorizzazioni venissero fornite, per quella determinata area di sorvolo, quota, ora, mi sembra palese che nessuno di noi, comuni mortali, può disporre, 24 ore su 24, di un velivolo attrezzato (non con la retina per le farfalle, ma con attrezzature specifiche), con tanto di tecnico chimico, notaio, pilota, due cameramen etc etc. Non ci si rende conto dell'assurdità di una tale proposta. I prelievi, semmai, dovrebbe farli eseguire la magistratura, che ha la documentazione da mesi, ma fa finta di non vedere e non sentire. Il Ministro della Salute, che a tutto pensa tranne che alla tutela dell'ambiente.

    Sono gli enti preposti a doversi prendere carico della questione, mentre invece si tirano indietro, nicchiano, ci sguinzagliano dietro buffoni sottopagati nel VANO tentativo di fermarci!

    E ora, cari fratelli, andate in pace, inspirate profondamente, fate le brave cavie da laboratorio e godetevi questo meraviglioso cielo di alluminio, bario, torio radioattivo, silicio, selenio, zolfo etc etc. e mi raccomando: "Non rompete i marroni alle autorità preposte, che hanno ben altro a cui pensare".



    Prenotare un aereo è un gioco da ragazzi, ma...

    ... ci sono diversi ma. Espongo alcuni punti salienti.

    Il giorno propizio (quello in cui, per motivi di disponibilità di tempo e scie chimiche persistenti in cielo, si decide di "alzarsi in volo") si deve prenotare un aereo adatto.

    A – L’aeromobile più idoneo è del tipo “Pilatus PC6” solitamente impiegato per il trasporto in quota e il lancio di paracadutisti sportivi. Il PC6 può raggiungere le quote operative necessarie all’esperimento ed è omologato per volare col portellone aperto, non è troppo veloce ma permette di raggiungere quote molto alte in pochi minuti (circa 15 minuti per salire a 5000 metri).



    - Velocità massima: 125 ktas (156 km/h)

    - Velocità di stallo: 58 ktas (72 km/h)

    - Altitudine operativa massima: oltre 8000 metri

    - Massima velocità di salita: oltre 300 metri al minuto

    - Oltre 4 ore di autonomia



    B – Il team a bordo del Pilatus dovrà essere almeno di 4 persone (oltre a pilota ed eventuale co-pilota):

    - Un chimico che sovrintenda alle attività di cattura del particolato;

    - Un cineoperatore che riprenda tutte le attività a bordo e l’ambiente circostante nel quale opera l’aeromobile;

    - Due persone che si alternino tra le seguenti attività:

    - controllo dell’apparecchiatura che cattura il particolato

    - monitoraggio dell’ambiente circostante per indicare al pilota quali chemtrails intercettare.



    Piano operativo

    A grandi linee, il piano prevede l’impiego dei seguenti elementi:



    A - Un aeromobile adeguato (vedi sopra) per il volo in quota e l’intercettazione delle chemtrails;

    B - Un team per l’attività operativa a bordo dell’aeromobile durante il volo di intercettazione delle scie chimiche;

    C - Un’apparecchiatura per la cattura del particolato presente nelle chemtrails;

    D - Un laboratorio specializzato (indipendente e/o governativo) per l’analisi chimica del particolato;

    E - Videocamera per riprendere tutto l’esperimento.


    Appare subito evidente che le difficoltà oggettive sono diverse. Alcune possono essere descritte brevemente:


    a) Trovare subito il pilota.

    b) Trovare subito l'aereo.

    c) Trovare subito il team competente per le analisi in quota nonché le attrezzature sopra descritte per il prelievo.

    d) Stilare il piano di volo e sperare che si venga autorizzati a volare in quell'area, a quella quota ed in quel lasso di tempo preciso (nella zona operativa dei tankers... mi viene da ridere).

    e) Non ultimo... chi si trova ad un minimo di 70 km dall'aereoporto più vicino, dovrà recarsi velocemente sul luogo ed organizzare tutto prima che i tankers cambino zona di operatività.

    RispondiElimina
  3. Ciao Straker,
    secondo me dovresti fare un post dove spieghi l'impossibilità di questo reiterato slogan dei disinformatori: "prendetevi l'aeroplanino e portateci il campioncino". Magari crei anche la relativa immagine linkabile sulla colona destra del blog facile da trovare. In questo modo in tutte le varie discussioni sui blogs e forum, quando un debunkers del cavolo a corto di argomenti tira fuori il già citato slogan, lo si stronca con tutte le valide argomentazioni che hai esposto prima.

    RispondiElimina
  4. Vibravito, hai perfettamente ragiojne e ci stavo pensando proprio ora alla necessità di ripubblicare il post che era su Straker, mi pare. Sarà certamente uno dei prossimi articoli.

    Intanto segnalo le ultime dichiarazioni di Montanari che, in verità, mi sembra abbia imparato troppo alla scuola dei disinformatori.

    Anzi, addirittura, riprende uno dei cavalli di battaglia dei soliti noti con la seguente frase:

    Un dubbio: Perché sono venuti ad attaccare proprio noi, proprio adesso che arriva qualche soldo per gli ammalati, e proprio adesso che le nanopolveri sono state ufficialmente riconosciute come causa patogena? Non è che questi signori cerchino, magari a rischio di rendersi ridicoli, di distogliere un’attenzione in certi ambienti fastidiosa riguardo alle armi all’uranio impoverito e al tungsteno o riguardo alle polveri che quella fonte splendida di guadagno illecito che sono gl’inceneritori assicurano, per dirottare quell’attenzione altrove?

    Tu sapevi di essere un distrattore? io pensavo lo fossero Travaglio, Grillo... invece no, lo siamo noi.

    RispondiElimina
  5. a mongoloide!! chi cerca la tua denuncia dei redditi sbaglia, te se un evasore... conviene fare direttamente una segnalazione alla guardia di finanza, provvederò!, di amici finanzieri ne ho parecchi :)

    RispondiElimina
  6. Pierluigi Maschietto, tu sei una vergogna per l'umanità, da tanto che sei stupido. Fai quello che cazzo vuoi. Intanto io ho avvertito i tuoi datori di lavoro.

    RispondiElimina
  7. benvenuto nel mondo degli accertamenti fiscali strakkino, mo vediamo se continui ancora a fare il galletto :)

    RispondiElimina
  8. Io sono a posto. Tu no, che prendi soldi in nero.

    RispondiElimina
  9. A quanto pare i debunkers stanno passando alle "minacce fiscali" ... non hanno più argomenti tecnici, semmai ne avessero avuto di validi ...

    RispondiElimina
  10. Ciao, Straker. Ok, la conferma di cui parlavo ieri è arrivata.

    RispondiElimina
  11. Questa gente fa davvero pena. Stanno passando al setaccio (su Web-Archive) tutte le pagine del sito di guide di informatica e che ho dismesso di recente, alla disperata ricerca di qualche cosa che, secondo il loro becero punto di vista, mi possa incastrare definitivamente.

    Se non hanno altro per farmi tacere, sono davvero alla frutta. Che facciamo... alla prossima conferenza di Alessandria sulle chemtrails li invitiamo come contraddittorio su argomenti fiscali?

    BUFFONI!

    RispondiElimina
  12. Riguardo alle difficoltà delle analisi in quota mi viene da pensare che volare con un'aereo all'interno o in prossimità di una scia sia piuttosto rischioso a causa della potenzile (o meglio certa) tossicità delle sostanze presenti. Se il pilota avertisse malori sarebbero guai enormi. Bisogna proteggere la vista e le vie respiratorie con delle maschere, e forse tutta la cute.

    RispondiElimina
  13. prendo soldi in nero? ma come, primi dici che sono dipendente pubblico... come faccio a prendere soldi in nero? qui l'unico che rubba i soldi (vedi la raccolta fondi per il telemetro) sei tu. :) voglio proprio vedere che gli racconti ai finanzieri quando ti chiedono della fast service informatica :):):):) non ti preoccupare, il contraddittorio su "argomenti fiscali" non li avrai ne con me ne con i tuoi amati debunker (senza i quali non avresti tutto questo bacino di utenza) bensi con il comando generale della guardia di finanza :)

    "Ciao, Straker. Ok, la conferma di cui parlavo ieri è arrivata"
    "Infatti. Abbiamo vinto noi."
    Ma che stai a farnetica? :):):):):)

    RispondiElimina
  14. Maschietto (ti posso chiamare maschietto, vero?), io non ho nulla da nascondere e tra le altre cose ho la Guardia di Finanza qui di fronte. Se vuoi li vado a chiamare e vediamo chi è che deve scappare a gambe levate. oppure posso chiedere a mio fratello (il terzo).

    Tu i soldi li prendi in nero perchè disinformi (e rompi i maroni e minacci) a pagamento. E lo sappiamo tutti.

    Comunque non ti preoccupare, perché ho segnalato la cosa alla Polizia Postale, oltre che alla sede INPDAP, la quale ha ricevuto (ne ho avuto conferma ora) le mie doglianze in merito alle tue attività senza dubbio non inerenti all'incarico per il quale sei stipendiato ufficialmente ed ha visionato il materiale che gli ho inviato.

    Vediamo un po' che succede. Io sono a posto e tu molto meno.

    RispondiElimina
  15. Scusate ragazzi vorrei segnalare un nebbia fittissima che da stamane ha intrappolato Roma...!! Avete notizie in merito!! La temperatura da ieri sera a stamattina è schizzata da 8/9° a 3°!!!!!
    Commenti?? Ciao a tutti!!!

    RispondiElimina
  16. siete stati chiarissimi , si che dalle analisi si evidenziava gia da tempo che vari minerali tossici erano a terra in maniera 80 volte sup al consentito lo sapevo , io riguardo al test direttamente sulla scie intendevo questo una volta che si sa che questi valori sono sopra la norma e una volta individuati questi valori prelevati dalle scia a quel punto non ci sono cazzi che tengano,beh ovvio dovrebbe farli chi è addetto al controllo ambiente sti figli di una cagna ladra.foetuss72

    RispondiElimina
  17. Geologo ? ...che brutta faccia !!
    Proprio quella di un cattivone inside !!
    La faccia in movimento fa trapelare molte cose !
    Non bisogna aver paura di questi "giovani studiosi" vogliono solo avere piu' soldi e piu'potere...ah ah ah...CHE CAZZATA TREMENDA !!

    G.E.O.tu fai la cacca come tutti,orini come tutti,mangi come tutti,scorreggi come tutti,rutti come tutti,vivi come tutti,morirai come tutti.....preoccupati soltanto di SOPRAVVIVERE IL PIU'A LUNGO CHE PUOI !!


    Mr.Jones

    RispondiElimina
  18. devo dire la verità?
    Uno così manco lo vedo se lo incontro per strada.
    Proprio non attira la mia attenzione.
    Non la attira neppure quando commenta nel mio blog; infatti non lo pubblico mai.
    Se fosse veramente geologo, farebbe altro nella vita invece di perdere tempo a elargire minacce a destra e manca.

    E poi se le minacce sono 4 stronzate su accertamenti fiscali, lo lascio fare.
    Della serie: mio cuggino, mio cuggino.

    Non vada oltre però...non è salutare.
    Minacciare fa male alla salute.

    RispondiElimina
  19. C'è l'ha scritto in faccia che un uno st....o

    RispondiElimina
  20. oggi irrorazione massiccia in toscana mare.
    decine di scie ultra-peristenti rilasciate da
    aerei militari in formazione da due e tre.
    scommetto che oggi, i tempi di latenza delle comunicazioni militari wireless sono bassisimi...
    tra l'altro leggo che un certo prof. Cassinis è un esperto in materia.
    cassinis dovresti illuminarmi su queste strane operazioni dell'aereonautica militare, invece di calunniare gli attivisti
    "come il rilascio di sostanze chimiche nell'atmosfera reagisce con i sengali wireless".
    cassinis quante cose avresti da raccontarci

    e poi qualche geologo onesto si faccia vivo e ci spieghi perchè le analisi di cui si parlava prima sono completamente sballate.
    a nessun "scienziato" è venuto in mente che FORSE irrorare tonnellate bario nell'atmosfera per facilitare le telecomunicazioni militari non è poi una così buona idea..?

    ps prof Montanari, lei ha scritto "distogliere l'attenzione verso....."
    ma cosa sta dicendo
    gli aerei militari che irrorano ci sono, le vediamo tutti, basta guardare il cielo. passano gli aerei e il cielo si copre di una nebbia stranissima. sono fatti questi.......
    montanari, ho sempre tifato per te, ma stavolta mi hai veramente deluso. lo so che gli aerosol militari sono la faccenda più pericolosa del mondo, però queste sue dichiarazioni sono completamente disoneste. poteva anche scrivere,per esempio:"SE fosse vero che i militari irrorassero sostanze tossiche sarebbe veramente una pazzia....però io non credo che ecc....."

    e così, caro montanari, non si sbilanciava troppo, in una faccenda che è tremendamente spinosa. invece ha preferito la classica frase del disinformatore "distogliere l'attenzione da...". CHE DELUSIONE
    che gli inceneritori sono fabbriche di tumori è certo, ma putroppo dobbiamo fare i conti con la dura realtà: l'esercito(la nato) stà aumentando gli aerosol nello spazio aereo italiano, e questo è preoccupante.preoccupante soprattutto per la salute dei bambini, che stanno crescendo respirando nuvolette di bario e polimeri. e francamente non penso che i militari abbiano sperimentato gli aerosol a dovere....voglio dire, se fossero innocui o quasi, perchè non rendere le operazioni di aerosol di dominio pubblico?
    bè è semplice.....forse gli aerosol militari non sono innocui

    RispondiElimina
  21. Confermo la particolare attività chimica con scie persistenti ed aerei in formazione. pare che oggi siano particolarmente incazzati.

    Montanari conferma il suo atteggiamento avuto in passato. La sua è la posizione di Pilato e non è che gli faccia tanto onore questo suo lavarsene le mani.

    RispondiElimina
  22. Certamente. Inoltre, distogliere l'attenzione da che? Ma se questo blog è strapieno di articoli che denunciano le armi di ogni genere, da quelle di distruzione di massa, a quelle all'uranio impoverito, come di post e commenti in cui si denigra chiaramente ogni forma di guerra...tutte cose che avversa anche lui, no? Quelle frasi, il Dott.Montanari, dovrebbe dirottarle ad altri indirizzi, non certo qua

    RispondiElimina
  23. Per quanto riguarda Monatanari, dal suo blog:
    ...Per quanto riguarda il problema delle scie chimiche, io sono stato interpellato decine di volte e ho sempre risposto che le vedo anch’io ma fino a che qualcuno non mi fornirà un campione di quel materiale (cosa tecnicamente possibile ma costosa) né io né la dott.ssa Gatti avremo argomenti scientifici per prendere posizione. Mi chiedo, comunque, per quale motivo noi dovremmo cercare di nascondere un problema come quello delle scie chimiche...

    In pratica lui conosce ed ammette l'esistenza delle scie chimiche, ma non fa nulla. Ok, ammettiamo anche che non dispone dei mezzi per la campionatura. Ma allora perchè non fa nulla per segnalare il problema? Nel programma politico del suo partito (Per il bene comune) accenna timidamente al signoraggio, ma delle scie chimiche assolutamente nulla.

    RispondiElimina
  24. ho notato che paolo attivissimo, ha un blog intitolato "La bufala delle scie chimiche".
    è dedicato interamente alle chemtrails

    quanta attenzione, questo personaggio, dedica alle operazioni militari di aerosol.....
    attivissimo attivissimo.....eppure ti dovresti essere accorto che quelli che tu chiami "normali voli di linea" sono in realtà voli militari....questo mi fa dubitare un pò sulla tua buona fede

    e pensare che c'è gente che da ancora credito a questo ciarlatano.......sveglia gente, quelli che vedete lasciare scie persistenti sono aerei militari...
    attivissimo dovresti anche spiegare come il rilascio di determinate sostanze chimiche nell'atmosfera può influire sulla propagazione delle radiazioni elettromagnetiche.....fattelo spiegare dal prof cassinis e se siete in buona fede fateci un bell'articolo....
    attivissimo anche tu chissà quante cose avresti da raccontare

    RispondiElimina
  25. arturo, fai foto di scie, aerei scianti, antenne varie e mandamele.
    Le pubblico con piacere immediatamente nel mio album già pregno di prove di ogni genere.

    Nel caso, chiedi la mia email a Straker.

    RispondiElimina
  26. il fatto che si aprano decine di blogs e siti vari per denigrare chi si interessa di scie chimiche, è la prova regina che sono pagati per farlo e che c'è una regia che li tiene d'occhio.
    Se non lo fanno, non avrebbero neppure un posto dove nascondersi.
    I loro agguzini li troverebbero ovunque.
    Vero?

    Povero attivissimo, ridotto così...obbligato ad eseguire ordini ed aprire siti per paura di ritorsioni da parte dei suoi comandanti.

    Cercate di capirlo, vivere terrorizzati, col fiato sul collo non è facile.
    E questo è valido anche per tutti i suoi amichetti.

    RispondiElimina
  27. gente che dovrebbe riparare gli elicotteri minaccia straker di querelarlo perchè non inserisce tutti i commenti, ecc.

    altra che fa come professione il geologo si interessa addirittura al fisco minacciando di chissà cosa straker.

    ma dove siamo? nel west? NEL MEDIOEVO?
    dove sono finite le scie chimiche?
    dove sono finiti i contraddittori?

    leggendo i loro blog sembra davvero di vivere durante il MEDIOEVO per quello che scrivono e per come si atteggiano!
    sembra non si accettino idee diverse, sembra che tutti debbano essere "con i bottoni della camicia chiusi ed vestiti in ordine" altrimenti si è pazzi e visionari.

    ricreiamo il mito delle streghe?
    mettiamo al rogo chi ha idee diverse?
    accusiamo di stregoneria chi non ci garba per farlo fuori?

    cosa c'è che non va?
    perchè prendete la storia delle scie come una questione personale???
    perchè vi preoccupate tanto e minacciate come potete straker?
    sembra abbiate subito un'involuzione!

    se queste sono falsità perchè questa insistenza e questi atteggiamenti???

    RispondiElimina
  28. l'hai detto, caro amico: siamo nel medioevo e non dobbiamo scordare di essere nel paese delle stragi di Stato (TUTTE) e del finto terrorismo rosso e nero. Siamo nel paese di Cossiga, che consiglia sulla TV di Stato, di provocare con infiltrati gli studenti pacifici per poi poterli massacrare di botte col beneplacito della popolazione. Siamo nel paese ostaggio dei servizi segreti. Siamo nel paese adatto per questa gentaglia, al soldo dei servizi.

    RispondiElimina
  29. paese? quale paese? pensavo fosse gia' diventato terra di nessuno.
    comunque, ho appena visto la foto e, sinceramente, non vorrei incontrarlo di notte al buio in una strada isolata, perche' dalla faccia mi fa pensare a qualcuno che piu' soldi prende e piu' soldi tira. mettiamo che finisce i soldi e non vuole andare a dormire....
    cosa gli frullera' in testa? boh, cavoli suoi.
    dagli occhi sembra quasi un personaggio di star trek, si sara' fatto microchippare? boh.. a me non ispira tanta fiducia, mi sbagliero', non so.

    RispondiElimina
  30. Italia: una colonia degli Stati Uniti.

    Un po' fuso appare. Forse si era sniffato qualcosa prima di farsi l'autoscatto.

    RispondiElimina
  31. azzo che faccia, altro che geologo forse si è laureato con cepu o con pietro gambadilegno,
    visto che minaccia le persone, citando la g.d.f.
    non si rende conto che rompendo i coglioni alla natura prima o poi si stravolgerà il cielo con tutte le stelle e non ci sarà modo di fuggire .
    MENOMATI di contraddittori lo volete capire si muore e spero che sarai il primo eseguire chi ti paga a salire.

    RispondiElimina
  32. Il sistema c'è è sicuro non ostacolabile ed infondo affatto costoso. Ne riparliamo presto, vediamo nel frattempo...
    Saluti
    Barnaba.

    RispondiElimina
  33. Allora...premesso che: se si fosse trattato di "lavori...e materiali" utili alla salute o comunque idonei per esempio alla difesa militare,non ci piove che se ne sarebbe parlato, magari solo una volta in TV o sui mezzi di informazione, se non altro per farsi grandi quelli che l'avessero escogitata! Ohh, a meno che coperti da segreti militari, che vanno assolutamente rispettati; solo che in questo caso si avrebbero aereomobili con sigle comunque riconducibili appunto al settore militare per legge internazionale. O altrimenti comunque militari ma gestiti con "sopraffazione" da entità che desiderano, con l'approvazione dei soliti...e quindi dietro compenso..., fare il porco comodo loro.Ancora si può trattare di un "servizio...che io, ripeto io riterrei altamente idiota.."militare internazionale che "adibito" a certe rilevazioni "esterne.." se dato in pasto al pubblico potrebbe scatenare reazioni "non contenibili"quindi d'obligo: mantenuto per quanto possibile al"coperto".Dico idiota perchè? Perchè il rilevare con questi "mezzucci" qualcosa...per poi fare cosa?Quest'ultima "trattazione" è abbastanza complicata, che non è questo il posto adatto per trattarla.Quindi, visto che non compaiono in nessuna parte...targhe con sù scritto: off limitis, o zona militare sorvegliata vietato l'accesso e la fotografia o quant'altro di legale e quindi da dover rispettare noi tutti,dicevo perciò, che umanamente davanti a questo scempio, che se non altro ancor prima di aver prove che trattasi di veleni o comunque materiali ed azioni contro la salute pubblica-che non è una stronzata...!- dicevo è umano che qualcuno e saremmo già qualche miliarduccio circa, si preoccupi di capirci qualcosa. Qui sotto, va tenuto conto, che non ci siamo solo noi, ma anche comunque tutti gli "altri.." che respirano, bevono e mangiano come noi.Allora o questi Signori, sanno e quindi si proteggono in qualche modo, o sanno che non fà nulla(ma è un'altra stronzata...)o visto che di coglioni è pieno il mondo e quindi sottostanno e basta, magari come già detto riempiendosi le tasche di danaro e fregandosene del resto.Finita la leggera disquisizione e visto che comunque almeno personalmente, ne ho tanto fastidio e reazioni non "salutari", mi concedo di dire che non servono aerei o quant'altro di così dispendioso e stressante, basti pensare che comunque debbono essere riforniti di quel "materiale",e stante che non si effettua in volo e ce ne vuole a tonnellate, quasi certamente avviene via cisterne che magari ci passano accanto mentre siamo in auto o a passeggio- queste sì che possono essere -contraffatte nei segnali di trasposrto- ma non totalmente(questione di sicurezza in caso di incidenti..), basta usare un pò di giudizio e si possono riconoscere, fotografare etc.Poi dovranno essere immesse nei rispettivi serbatoi delle aereomobili o no? Farle al chiuso.. sì è possibile, ma anche qui c'è il metodo di intercetarle fotograficamente, ma con sempre il rispetto per leggi specialmente militari!Veniamo al dunque: cosa occorre per cosa?
    Ci occorre/desidereremmo... sapere di che cosa sono composte le scie ehh...magari se possibile perchè le si rilasciano e lo si fà perchè i Popoli che le subiscono, non ci piove..., ne hanno sofferenze di diversi tipi e quindi è umano e doveroso preoccuparsene.Allora un pò più semplice e meno dispendioso è il mandare sino a quelle altezze:.... i palloni aerostatici che sono impiegati attualmente soprattutto per missioni scientifiche di tipo astronomico e meteorologico e vanno anche oltre gli 8000 mt e sono ancorabili a terra. Gli aerostati portano in quota strumenti quali elettroscopi, lastre fotografiche e contatori di vario genere o comunque attrezzature come filtri e simili atti a "sequestrare parti significative" delle scie, non servono "mongolfiere" , ma più semplici palloni adatti al servizio. Può sembrare inattuabile, ma al contrario è estremamente idoneo e percorribile.Mi fermo qui e se ne può riparlare.
    Un saluto e sempre nel rispetto della legge, altrimenti è un caos ancor peggio delle scie.
    barnaba

    RispondiElimina
  34. Ciao, potresti ripostare il tuo commento anche nell'area dell'ultimo post? Così ti leggono tutti. Ritengo interessanti le Tue considerazioni e vale la pena eidenziarle.

    RispondiElimina
  35. Ciao spiegaTi che son poco pratico, qualè l'area dell'ultimo post e di chi?
    Attendo sopseso tra...le scie, quindi fà presto.
    Ciao

    RispondiElimina
  36. Vai nella home del blog e commenta nell'ultimo articolo. Ciao e grazie-

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis