sabato 15 dicembre 2007

Come in acqua... così in cielo (articolo di Bacab)

Ore tre di questo pomeriggio. Tv accesa ed in onda TGR (RAI 3). Seguivo la trasmissione in maniera disinteressata, stando al computer, quando, ad un tratto, sento parlare di polvere intelligente! Un composto costituito da granelli piccolissimi in grado di registrare dati, ovvero minisonde capaci di elaborare e di trasmettere informazioni ad un computer centrale, tramite sistema wireless.

Una nuovissima tecnologia che sarà presto utilizzata in Australia al fine di salvaguardare la barriera corallina. E' una tecnologia che sostiturà le ingombranti boe-sonde marine.

Sonde, polvere intelligente: in quale contesto avete già sospettato, sentito e visto adottare questo tipo di scienza tecnologicamente avanzata?

Ho ricercato subito la notizia sulla Rete di cui riproduco alcuni passaggi significativi per comprendere un'analogia che credo sia già stata compresa: "Una fase di ingegnerizzazione delle boe consentirà tra qualche anno di ridurne considerevolmente l’attuale dimensione fino ad arrivare alle dimensioni di un compact-disc con lo spessore di qualche centimetro; si arriverà così alla cosiddetta smart dust (polvere intelligente): migliaia di unità con le stesse funzioni delle boe che potranno essere disperse lungo tutta la barriera corallina con un impatto ambientale trascurabile."

Inoltre: "La ricaduta di questo studio sarà di valido supporto per la diffusione dei grandi sistemi di monitoraggio ambientale wireless nell’ottica della protezione pubblica, nel controllo della distribuzione dell’energia, delle risorse idriche, del traffico urbano e interurbano, della sicurezza e protezione delle grandi strutture (porti, aeroporti, centri commerciali, ecc.) e, in generale, delle attività di tipo industriale produttivo. La miniaturizzazione tecnologica porterà ad una riduzione delle dimensioni e dei costi delle unità sensoriali consentendo di prevedere per il futuro prossimo la realizzazione di piccolissime unità disseminabili sul campo come fosse polvere intelligente (smart dust) in grado di interagire con l’ambiente."

Di che cosa stanno parlando? Sembra stiano per anticipare l'ufficializzazione di una realtà, che forse già esiste e di cui presto sentiremo parlare, come si legge, in maniera positiva.

Qualche connessione con un fenomeno che coinvolge aerei che giornalmente rilasciano composti chimico-biologici sulle nostre teste?

Qualche nesso con le innumerevoli sonde fotografate proprio nei pressi delle chemtrails?

A voi le logiche conclusioni.

Analogie lampanti.




Articolo tratto da vedosentoeparlo-bacab.

6 commenti:

  1. Articolo chiaro e ben scritto. Complimenti, BACAB. Ottima penna!

    RispondiElimina
  2. Onestamente non sono un granchè!:)
    Ma ti ringrazio!
    E' un onore avere un proprio articolo su uno dei vostri siti!!!

    Ho appena visto il nuovo video che hai inserito su YouTube!
    Complimenti a te Straker!
    Le mappe satellitari sarebbero seriamente impresentabili!!! Uno scempio in bella vista!

    RispondiElimina
  3. Ciao Bacab, è un onore averti tra i nostri collaboratori.

    RispondiElimina
  4. foro de chemtrails

    http://chemtrails.foroactivo.com/
    paginas españa luchando por la verdad

    http://planetaesclavo.wordpress.com
    http://chemtrailslleida.wordpress.com
    http://chemtrails-madrid.blogspot.com
    http://trinityatierra.wordpress.com
    http://vivirbajohipnosis.blogspot.com

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis