lunedì 7 dicembre 2009

Scie chimiche in Venezuela

In un suo recente articolo, intitolato "Who or what is controlling our weather and why?", la ricercatrice indipendente, Chris Holly, dedica un passaggio ad un accordo stipulato tra il presidente venezuelano, Hugo Chavez e Fidel Castro, in ordine ad attività di inseminazione delle nubi per favorire le piogge.

La Holly scrive: "Hugo Chavez ha affermato che egli si accinge a 'bombardare' le nuvole ora che Cuba è pronta a fornire un sostegno nel 'cloud-seeding' al fine di favorire le precipitazioni e per alleviare gli effetti di una severa siccità. Il presidente venezuelano ha asserito che saranno usati appositi sistemi con il fine di inseminare i corpi nuvolosi per mezzo di aerei. L'equipaggiamento necessario sarà fornito da Fidel Castro e da Raoul Castro. 'Stiamo bombardando le nubi', ha dichiarato Chavez, nel corso di un intervento televisivo. 'Abbiamo i velivoli ad hoc e le attrezzature forniteci da Fidel e da Raoul'. Chavez sta provando a spremere dalle nuvole la pioggia, poiché il suo paese è ormai prossimo alla stagione secca ed in quanto le riserve idriche sono ai livelli più bassi degli ultimi decenni."

E' ovvio che la grave penuria d'acqua lamentata dall'ipocrita Chavez è stata in gran parte provocata dalle operazioni chimiche cui egli ha dato il suo assenso, sottoscrivendo il trattato "Open skies", un accordo secondo il quale velivoli dell'O.N.U. (Organizzazione dei nazisti uniti) possono penetrare nello spazio aereo del paese aderente, senza che sia necessaria alcuna autorizzazione. Questi aerei ufficialmente sono impiegati per studi di meteorologia e di fisica dell'atmosfera, ma sono in realtà tankers che diffondono veleni di ogni tipo, compresi composti igroscopici. Ora il presidente del Venezuela corre a i ripari, anzi finge di correre ai ripari, annunciando che una speciale squadriglia "risolverà" i problema della siccità, disperdendo nelle nubi composti chimici che propiziano le piogge.

E' la solita strategia (problema, reazione, risoluzione), dove la "risoluzione" è un rimedio peggiore del male, giacché è evidente che Chavez intende abituare l'opinione pubblica venezuelana alle attività chimico-biologiche, con il pretesto dei "cambiamenti climatici" causati proprio da chi finge di volerli contrastare.



Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!
Puoi votare le mie notizie anche in
questa pagina.


Attacco all'informazione CLICCA QUI

CHEMTRAILS DATA

Range finder: come si sono svolti i fatti

40 commenti:

  1. Chavez è un imbecille nelle mani dei soliti noti. Anche lui massone sotto l'ombrello gesuita, è la tipica figura demagogica e populista che tanto piace ai sud-americani.

    Certo che se fa affidamento - o meglio: finge di farlo - sulla tecnologia che gli offrono i cubani, il Venezuela sta in una botte di ferro.
    Basta recarsi a Cuba per vedere i velivoli di cui dispone quella gente. Manca poco che decollino a forza di pedalare...

    No, è tutta una buffonata ovvero trattasi di una notizia tanto per ridere un pò.

    P.S. Curiosa affermazione al TG2 stasera dell'ormai vecchissimo Generale Maletti, già capo del SID.
    Fuggito da tempo in Sud Africa per salvare la pellaccia Maletti ha affermato 'apertis verbis' che l'Italia è una nazione a sovranità limitata ovvero in tutto e per tutto colonia USA. Come corollario di ciò anche le decisioni relative alla politica stragista decollata nel 1969 con la strage di Piazza Fontana hanno radici oltre oceano.

    Il filmato che accompagnava le frasi di Maletti mostravano Nixon e Kissinger. Come noto, una immagine vale più di mille parole. E così le scie chimiche ce le hanno imposte gli americani grazie alla cronicissima, vergognosa, spudorata, acquiescenza dei nostri politici di qualsiasi colore politico che dalla fine della Guerra mai si stancano di prostituirsi.

    RispondiElimina
  2. Sottoscrivo in toto, Paolo: Chavez si è venduto agli Stati Uniti ed ai poteri occulti (neanche tanto occulti) che dirigono i giochi, compresi i giochi dei cosidetti esportatori di pace a colpi di missili all'uranio impoverito. Ovvio che non può confessarlo al suo popolo e così si inventa la storiella degli amici cubani. Ridicolo.

    I governi italiani, invece, ci hanno venduto agli jankees dalla notte dei tempi e non perdono mai occasione per dimostrarcelo in mille schifosissimi modi.

    RispondiElimina
  3. Commento molto efficace e dovizioso, Paolo. Chavez e Castro sono entrambi creature dei Gesuiti.

    Purtroppo le scie chimiche sono una realtà anche in Venezuela e l'ignominioso Chavez, per sottolineare il suo cameratismo con il leader maximo, per fingersi un oppositore degli Stati Uniti, cita i trabiccoli cubani, laddove i velivoli chimici sono dell'O.N.U. e degli odiati "Americani".

    L'Italia diventò colonia statunitense-vaticana a causa dell'ingiustamente osannato De Gasperi.

    RispondiElimina
  4. io se chavez è un venduto non lo so , però per ora non ho sentito nessuno parlare come chavez contro israele e usa http://www.youtube.com/watch?v=RlnAAMPgapM
    vorrei ricordare la storia di Aaron Russo amico di un rockefeller, autore del documentario america dalla libertà al fascismo, quando disse quel che gli aveva confidato, e cioè che dopo 11 settembre, toccava a chavez e in finale un bel microchip per tutti, sappiamo tutti che fine a fatto poi Aaron Russo.

    RispondiElimina
  5. Chavez è una pedina, come Belzebusconi. Prima li U.S.A.no e poi li gettano. Quanti "politici" sono in buona fede? Hai mai sentito affermare Vladimiro che il 911 fu un inside job?

    Perché tace? Lo sa, ma è amico dei suoi "nemici": sono finte contrapposizioni. Altri decidono di cui non conosciamo neppure il nome.

    Ciao

    RispondiElimina
  6. grande carrelata di dati falsi dati dal cnr:

    "il 2009 è stato l'anno più piovoso", dicono al cnr....ma per piacere, che lo sappiamo tutti cosa fanno i militari. certo che anche al cnr hanno la faccia come il c**o

    andate a leggere gli articoli su repubblica: non si contano le baggianate raccontate dai "meteorologi" e dagli "esperti". sono tutti a conoscenza degli aerosol segreti, eppure continuano a recitare la solita parte, come se si trattasse, appunto, di una parte da recitare.

    al cicap staranno facendo i salti di gioia

    però i "grandi", a copenaghen, si guardano bene a parlare delle modificazioni meteo cinesi e russe.
    e' sempre peggio: era un errore pensare che a copenaghen avessero ammesso qualcosa sulla "geoingegneria"....questa conferenza di copenaghen ha qualcosa si diabolico

    RispondiElimina
  7. Arturo, oggi si può giocare a dama nel cielo di sanremo (minuscolo volontario) e quei deficienti a Copenhagen ciarlano di CO2. Andassero a spigolare. Anche uno scienziato dissidente, pur avendo correttamente negato che il biossido di carbonio è all'origine dei cambiamenti, non ha accennato né alle scie tossiche né a H.A.A.R.P. Maledetto anche lui!!!
    Mille volte maledetto!!!

    Ciao

    RispondiElimina
  8. Vi posso dire da fonti più che attendibili, in Venezuela e con più precisione a Caracas è iniziato ormai da alcuni mesi il blocco dell'acqua corrente nel fine settimana!

    Chavez giustifica il fatto dicendo che nel week-end il consumo dell'acqua triplica! Pirla, mi vien da dirgli, è ovvio durante il fine settimana la gente che lavora è a casa ed il consumo aumenta per forza!

    La mia fonte mi riferisce altresì che in alcune zone interne del paese è stata razionalizzata anche la corrente elettrica!

    Il Venezuela è un grande circo con a capo il bravo dei pagliacci Hugo Chavez!!

    RispondiElimina
  9. Capitan Harlock, quanto scrivi è la conferma che Chavez è un buffone... uno dei tanti.

    Ciao

    RispondiElimina
  10. Una serie di cumuli da bel tempo sopravvissuti ci dimostra, ancora una volta, l'altitudine delle scie chimiche. Nella elaborazione grafica si distinguono bene due scie chimiche allungarsi al di sotto dei cumuli.

    RispondiElimina
  11. Altitudini confermate anche dalla lettura delle radiosonde di oggi. Non solo i valori di umidità crollano alle quote di volo degli aerei chimici, ma nemmeno sussistono i parametri per la formazione (e persistenza - scie lunghe 400 km!?)di contrails alle quote di volo degli aerei di linea.

    RispondiElimina
  12. confermo assolutamente lo scempio di oggi 8 dicembre: quei maledetti piloti hanno davvero esagerato.

    i voli stanno continuando anche al buio: sento il rumore e vedo distintamente le luci. è probabile che stiano irrorando anche adesso, senza che nessuno li veda. oggi il cielo era a scacchi, non per esagerare, ma era davvero impressionante. una copertura completa creata da velivoli militari

    parlare di effetto serra e non menzionare le operazioni di aerosol...evidentemente i governanti ci hanno preso tutti quanti per mentecatti

    ps. stava arrivando una perturbazione...STAVA arrivando. il controllo meteo è totale

    RispondiElimina
  13. Arturo, scaccchiere in ogni dove oggi. Ora con il favore delle tenebre i voli continuano.

    I pagliacci di Copenhagen? "Non ragioniam di loro..."

    RispondiElimina
  14. Come al solito, qui nel sud Piemonte, arrivano nel pomeriggio i soliti 7 - 8 aerei della morte ad irrorare quasi in contemporanea, spesso con rotta da est a ovest.
    Confermo il bombardamento con onde elettromagnetiche (chiamato anche brusio di Taos), come segnalato anche da Paolo e Straker qualche giorno fa, sento sempre la bassa frequenza pulsare; ho notato che, oltre a causare problemi di sonno, provoca anche uno strano effetto alla lingua, come se il muscolo fosse contratto.
    Appena riesco comprero’ un rilevatore per le basse frequenze e anche un generatore di onde Shuman.
    Sono sicuro che prendono di mira le zone maggiormente abitate, mi sa che se le cose peggiorano me ne vado a vivere in un bilocale a 1800 metri tra le montagne...

    RispondiElimina
  15. Andrea, credo che le interferenze elettromagnetiche potrebbero essere all'origine della moria di piccioni.
    Purtroppo gli aerei della morte sorvolano anche le zone montane un tempo quasi incontaminate, dove i tumori sono aumentati in modo esponenziale. Leggi, a tale proposito, l'articolo su Sphaeralux sullo pseudomonas nella neve.

    Ciao

    RispondiElimina
  16. http://sphaeralux.blogspot.com/2009/11/scie-chimiche-la-pseudomonas-syringae.html

    RispondiElimina
  17. Ciao Zret, avevo letto, e’ vero che tutte le zone sono oramai contaminate ma esistono a mio parere differenze tra zona e zona.
    L’estate scorsa sono stato una settimana in un paese delle alpi cuneesi a circa 1800 metri d‘altezza, zona splendida ma comunque poco fequentata dai turisti, e ricordo di non aver visto una scia.
    Ovviamente passano anche da quelle parti, ma con frequenza sicuramente inferiore.
    Per quanto riguarda le onde elettromagnetiche credo vogliano colpire i centri abitati, non i paesini di 100 anime sperduti tra i monti, considerando anche le probabili difficolta’ di diffusione delle onde a causa della morfologia del territorio.
    La moria di uccelli e’molto probabilmente causata dalle stesse onde elettromagnetiche.

    RispondiElimina
  18. Hai ragione, Andrea. Tutto sommato, un bell'eremo dai muri spessi e poderosi è una buona idea.

    Ciao

    RispondiElimina
  19. Il cielo di oggi sembrava preso da Highlander tre. Drammatico e sembra che non vi siano via d'uscita, a meno che non ci si inventi qualche sistema per indurre i governanti ad ottemperare alle nostre doglianze.

    RispondiElimina
  20. Un video di Tanker Enemy sulla smartdust è stato segnalato dal portale Daily Paul.

    RispondiElimina
  21. Oggi attraversando in auto la pianura padana mi sono chiesta quanti di quelli che ci vivono hanno imparato a riconoscere le nebbie chimiche che hanno preso il posto di quelle naturali tipiche di quell'area geografica.
    Le differenze saltano all'occhio: la nebbia naturale non è color piombo; non si muove sotto forma di "nubi" che scendono a lambire il terreno; tende a lasciare una traccia di umidità sulle superfici con cui viene in contatto, non ne è completamente priva; tende spesso ad infittirsi con l'oscurità, e non - al contrario - a dissiparsi perchè precipitata a terra, come succede ogni sera alla copertura chimica.
    Oggi quella cappa grigia venefica gravava su gran parte dell'emilia romagna e del veneto, e non è certo una giornata diversa dalle altre (solo un altro giorno di ordinarie irrorazioni), nè la prima volta che la osservo attraversando quelle regioni, perfino in piena estate ormai. Forse dopotutto Andrea ha ragione, non ci sono più zone dove si può star bene ma ci sono decisamente zone dove si sta peggio.

    Italia e Sudamerica si contendono il triste titolo di zerbino degli americani.

    RispondiElimina
  22. Analisi perfetta e tii garantisco, cara Giulia, che quelle nebbie attraversano tutta Italia e non solo il nostro paese. Oramai sono ovunque, esclusi quei luoghi che sono a bassa densità abitativa. Li vedo arrivare sulla costa ed iniziare l'aerosol. E' chiaro che l'obiettivo primario sono le popolazioni.

    RispondiElimina
  23. Le nebbie artificiali ormai sono la norma, Giulia. Ne hai descritto bene le innaturali, sinistre caratteristiche.

    Oggi sarebbe potuta essere una giornata di sole, ma gli schizofrenici hanno imbrattato il cielo senza pietà.

    RispondiElimina
  24. Come sempre osservato e sostenuto dal 2006 ad oggi, vengono devastati continuamente quasi tutti i weekend ed i ponti festivi con piogge, venti, mari mossi etc. etc.
    Il bel tempo é sempre di lunedì quando si ritorna a lavorare...
    Così come i 50-60 giorni di oscuramento della luce solare, imposto sempre dal 2006, all'inizio della stagione primaverile...

    RispondiElimina
  25. mi ricollego a quanto scritto da Andrea, il sud del Piemonte e' COSTANTEMENTE SATURO DI SCIE!
    Spesso dalla zona di Torino pulita si intravede benissimo il Pinerolese ed oltre verso Sud il cuneese completamentesaturo di scie.
    A volte vengono irrorate SOLO le zone montane alpine tra Val d'Aosta e Liguria e anche pesantemente.
    Ad esempio stamattina ore 8.00 zona Torino pulita, mentre a sud/ovest si vedevano centinaia di scie!

    RispondiElimina
  26. In base alla direzione del vento è possibile prevedere l'ubicazione delle scie e la concentrazione deli aerosol. Oggi vento da Nord ed infatti gli aerei sorvolano più a monte.

    RispondiElimina
  27. Or ora è passato un drone come quelli di stanza a Sigonella.

    RispondiElimina
  28. Caro Straker, l'illuminante video "La frode del riscaldamento globale e la spinta genocida dell'Impero Britannico" che hai postato il 7 dicembre mi ha fatto venire in mente una cosa....
    ma non è stato proprio Mr. Cicap in persona che un paio di anni fa ha "arricchito" la saggistica italiana con un libro dal titolo "Perchè dobbiamo fare più figli" scritto insieme a Lorenzo Penna?

    http://www.qlibri.it/saggistica/politica-e-attualità/perché-dobbiamo-fare-più-figli/

    Cos'è, il servo ha letto male le veline dei padroni? oppure non è stato invitato alle riunioni in cui spiegavano le regole del gioco?
    Quale che sia la risposta propongo alla RAI di cambiare il titolo della trasmissione Superquark in Superquack (dove quack in inglese= impostore)

    RispondiElimina
  29. La situazione in Piemonte è stata ben descritta da Rolle 2007. Oggi era partito bene e sta finendo male, si stanno dando da fare.

    Per quanto riguarda la situazione di ieri, ho ricevuto una telefonata da amici che hanno passato alcuni giorni in Provenza (Boulouris-Saint Raphael) e mi hanno comunicato che ieri anche in quella zona il cielo è stato massacrato da un attacco indescrivibile di aerei tale da lasciarli allibiti.

    Ciao, anche oggi ci tocca subire.

    RispondiElimina
  30. Non subiremo in eterno: presto o tardi i nodi verranno al pettine e voglio questa gente al patibolo.

    Giulia, che dire di quei personaggi... sono tutti un bluff.

    RispondiElimina
  31. "amici che hanno passato alcuni giorni in Provenza (Boulouris-Saint Raphael) e mi hanno comunicato che ieri anche in quella zona il cielo è stato massacrato"

    stesso discorso sopra londra.

    digitando "chemtrail" su youtube, e cliccando su "ordina per data", scopriamo che ieri 8 dicembre le operazioni di aerosol sono state eseguite, contemporaneamente, praticamente in mezzo mondo: tutta l'europa e gli USA. mi sembra evidente che stiamo parlando di una logistica ben precisa; infatti le operazioni di aerosol sono sincronizzate in tutti i paesi NATO. anche gli aerei militari non hanno restrizioni di alcun tipo: possono tranquillamente andare dove vogliono a scaricare il carico

    una persona seria dovrebbe chiedersi:
    "è possibile che le scie di condensa, contemporaneamente, siano persistenti in tutti i territori NATO ed USA, proprio nello stesso preciso giorno?"

    e ancora

    "è possibile che le scie di condensa "persistenti" dissolvano le nubi naturali, impedendo la pioggia?"

    la risposte sono ovvie quanto sgradevoli

    RispondiElimina
  32. ieri c'era piero angela in TV: si lamentava che la rai non ha soldi "da spendere in cultura":

    secondo piero angela il canone è incredibilmente basso. bè certo, è basso per lui che prende 100.000e a puntata di super quark, o per vespa che prende 3000e a ogni puntata di porta a porta.

    ah dimenticavo, per angela il canone rai non basta: bisogna puntare sulla pubblicità. perchè a lui non basta aver sistemato il figlio e ricevere compensi miliardari. questa gente è completamente fuori dal mondo

    RispondiElimina
  33. Piero Angela vuole altri soldi per pubblicizzare il suo CICAP su Superquark? Cose da matti. A zappare!

    RispondiElimina
  34. Arturo, è ormai chiaro che tutti i governi hanno venduto i propri cittadini e da ciò se ne deduce che allorquando la popolazione si renderà conto di essere divenuta carne da macello, saranno cavoli amari per i politici, gli "scienziati", i conduttori televisivi, i finti documentaristi e tutti i venduti al seguito. Prima o poi questo accadrà e ci sarà da divertirsi.

    RispondiElimina
  35. Sono passati almeno 30 aerei chimici nelle ultime 2 ore, con scie piu’ o meno persistenti (poiche’ diffondono sostanze diverse), ne ho osservato uno che non rilasciava alcuna scia, sembrava un pesce fuor d’acqua.
    Si nota chiaramente la differenza tra le scie osservando il modo in cui le stesse si sfaldano e appaiono nel cielo a distanza di tempo, un aereo per esempio ne rilasciava 4 di cui solo 2 persistenti.
    Intensa irrorazione fin dalla mattina anche nella zona tra l’ Inghilterra e la Francia:

    http://rapidfire.sci.gsfc.nasa.gov/subsets/?subset=Europe_2_01.2009343.terra.1km

    Siamo in una fase di “stallo“, incomincio ad annoiarmi, aspetto con trepidazione le loro prossime mosse.
    Stanno muovendo le pedine per darci lo scacco, magari ci rimarra’ solo la regina e questa riuscira’ a vincere la partita.

    RispondiElimina
  36. Esatto Giulia, ottima osservazione!
    La nebbia (naturale) non è altro che una massa d'aria che condensa, e la quantità di vapore che un ambiente può contenere prima di condensare dipende proprio dalla temperatura (tensione di vapor saturo, ad esempio http://www.cpdm.unina.it/funfen/labEL/vapore2.htm )
    Quindi più un ambiente è caldo, più vapore può contenere prima che esso condensi.

    E la sera, abbassandosi la temperatura, a parità di umidità la nebbia dovrebbe infittirsi come tu ben fai notare, invece accade spesso il contrario...

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis