venerdì 18 dicembre 2009

Nubi fantasma in Germania

Pubblichiamo un ampio stralcio di un articolo elaborato dai due scienziati tedeschi Grazyna Fosar e Franz Bludorf, di cui in Italia è stato tradotto ed edito un solo saggio, ossia "L’intelligenza in Rete nascosta nel D.N.A.", Diegaro di Cesena, 2007. L’excerptum concerne un caso importante nella storia delle scie chimiche, ossia l’osservazione, in due circostanze, di strane formazioni nuvolose per opera del meteorologo tedesco Jorg Asmus [ VIDEO ]. Come fu appurato in seguito, erano scie generate da aerei militari che avevano rilasciato enormi quantità di chaff (fibre di alluminio impiegate per confondere i radar), nell’ambito di un’esercitazione che sia la N.A.T.O. sia le Forze aeree tedesche negarono di aver mai compiuto, contro ogni evidenza. Sebbene gli autori, noti per aver studiato anche H.A.A.R.P. ed il suo collegamento con le alterazioni delle correnti a getto, si premurino, temendo di sbilanciarsi, di affermare che la dispersione di chaff non è attinente con le chemtrails, va precisato, invece, che si tratta di una delle tante forme di avvelenamento della biosfera, come le piogge artificiali provocate dal tossico ioduro d’argento.

In alcuni studi svolti in tempi successivi (in seguito alle segnalazioni del meteorologo Gunther Tiersch - meteo ZDF del 14/01/2009) ed eseguiti dal Professor Hans Juergen Hoffmann,
risultò quanto segue:

"Dalle analisi risulta che le componenti principali sono alluminio, silicio, magnesio, calcio e boro. Sembra un normale materiale di vetro. Con ulteriori metodi di analisi abbiamo cercato di definire gli altri contenuti metallici e siamo arrivati a 60% di alluminio e 40% di vetro. Da sottolineare l’alto contenuto di alluminio che dovrebbe essere minore. Le fibre sono rivestite di alluminio. Si tratta di E-Glas, una variante di vetro economico. Le misurazioni evidenziano che lo spessore non è come ufficialmente dichiarato, ovvero di 100 micrometri ma di 25, quindi molto inferiore. Come tutte le fibre di vetro anche queste tendono a rompersi con facilità e se non sono protette, si frantumano in piccoli pezzi. Il fatto che siano rivestiti di alluminio, riduce in un certo qual modo la loro fragilità, ma non in maniera significativa".

Ringraziamo Mr.X per la traduzione.

Almeno in un caso i manipolatori del tempo hanno commesso un errore che ha permesso agli scienziati di svelare il loro inganno. Avvenne il 19 luglio del 2005, quando il meteorologo Jörg Asmus del Servizio meteorologico tedesco, durante un bollettino sul tempo, fece un'osservazione strana. Egli rimarcò che, nella regione del Mare del Nord, il radar meteorologico mostrava una struttura ondulata che si spostava verso est, aumentando notevolmente di lunghezza, fino a dipanarsi per diverse centinaia di chilometri fino al Sauerland. Allo stesso tempo da nessuna parte delle zone coinvolte caddero precipitazioni come si sarebbe atteso con una tale copertura nuvolosa. Asmus chiese le immagini satellitari del periodo e queste portarono ad un'altra sorpresa: sulle immagini satellitari non si vedeva alcunché.

La striscia strana di "nuvola fantasma" non era visibile sull'immagine satellitare. Che cosa aveva registrato il radar meteo? Echi di radar sono causati da riflessioni di radiazioni elettromagnetiche (raggi radar) su materia solida. In questo modo, si vedono non solo gli aeromobili o altri velivoli sugli schermi radar, ma anche le nuvole che in realtà sono composte da piccole gocce d'acqua o cristalli di ghiaccio nonché nuclei di condensazione da cui il fascio radar viene ugualmente riverberato. In questo caso, però, “qualcosa” dovette aver prodotto l’eco radar che per l’occhio nudo (ma anche per il satellite) era rimasto invisibile!

Un difetto radar meteo poteva essere escluso. La “nube fantasma” fu segnalata da diverse stazioni meteorologiche. Echi di disturbo, come, ad esempio, le cime delle montagne o altri grandi oggetti fisici, sono stati esclusi, visto che la nube si muoveva, seguendo la corrente dominante verso l’est pianeggiante o collinare. A causa dell’imponenza del fenomeno non poteva trattarsi di cherosene di aerei, di stormi di uccelli o di emissioni industriali.

Doveva trattarsi di una nube artificiale composta da particolato sospeso nell'aria, per esempio, di alluminio, plastica o fibra di vetro. Questo particolato deve essere stato abbastanza grosso da fungere da nuclei di condensazione per la formare la nuvola ed abbastanza piccolo in modo da restare un paio d'ore in aria. Questo particolato esiste. Si chiama “chaff” ed è rilasciato dalle forze armate in atmosfera. Scopo dell'esercitazione è quello di creare proprio questi falsi segnali sugli schermi radar in caso di emergenza, ovviamente, per ingannare un potenziale nemico.

Il controllo del traffico aereo tedesco non rilevò alcun tipo di interferenza nello stesso periodo, dal momento che opera su una frequenza diversa da quella del radar meteorologico. La N.A.T.O. e la Bundeswehr declinarono ogni responsabilità.

I meteorologi del Servizio Meteo Tedesco, tuttavia, non si arresero e compirono simulazioni di calcolo con sistemi informatici ad hoc. Si riscontrò che, con le condizioni di pressione atmosferica e del vento rilevate, un rilascio di tale chaff produceva una nube come quella osservata, con l’immissione di tonnellate di particelle per ottenere un effetto su larga scala. Con una simulazione al computer è possibile elaborare dei modelli, ma ci chiediamo se tali modelli si possano tradurre nella realtà.

Jörg Asmus pubblicò un articolo in una rivista scientifica con il titolo provocatorio "Oggetti volanti non identificati nella schermata radar?". Nel suo studio discusse in dettaglio le osservazioni e tutte le spiegazioni possibili, giungendo alla conclusione che fu compiuto qualche esperimento militare segreto. Con questa pubblicazione mise in fibrillazione l’establishment meteorologico tedesco.

Il servizio privato Meteo on line Donnerwetter.de presentò una denuncia contro ignoti al procuratore distrettuale per manipolazione illegale del clima, basandosi sulla Convenzione delle Nazioni Unite. Quando si manifestò nuovamente, nel marzo del 2006, una "nuvola fantasma" sopra la Germania, fece udire la sua voce anche il meteorologo Joerg Kachelmann (una specie di Luca Mercalli italiano, n.d.r.). Con un attacco senza precedenti contro i suoi colleghi scienziati, cercò di rendere ridicola tutta la discussione sulle “nuvole fantasma”. Accusò Karsten Brandt ed i suoi collaboratori di frode. Secondo lui, essi avevano ingannato il procuratore pubblico con la loro denuncia. Nonostante la piattaforma pubblica che Kachelmann aveva scelto per il suo attacco, presentò le sue controdeduzioni in forma “scientifica” non comprensibile per un non meteorologo, ma le sue pseudo-argomentazioni furono respinte da Joerg Asmus in quanto infondate. Ormai il caso aveva creato un gran polverone in modo che alcuni politici cominciarono ad interessarsi della questione.

Il deputato Ralf Briose (Alleanza 90/Verdi), in un’istanza avanzata al Parlamento di Hannover ed al governo della regione della Bassa Sassonia, chiese di chiarire la causa dello strano fenomeno. Poiché le domande del deputato erano troppo specifiche ed i politici non sarebbero stati in grado di rispondere, la richiesta passò alla Bundeswehr (Forze militare federali).

La Bundeswehr rispose all’interpellanza nel modo seguente: “La Bundeswehr non ha eseguito sperimentazioni che abbiano potuto provocare un tale fenomeno". Per la nube del 19 luglio 2005, la Bundeswehr dichiarò di non avere dati disponibili. Per il periodo della seconda "nube fantasma" la notte del 22 al 23/3/2006 ammise, però, che si era svolta un'esercitazione militare durante la quale fu rilasciata una "piccola quantità di chaff (400 km di lunghezza - sic!) che si dissolse dopo circa un'ora”.

Secondo i meteorologi, questo non era affatto sufficiente per spiegare la nube osservata (dimensioni e persistenza). Comunque l'esercito confermò, nella sua relazione, le conclusioni di Joerg Asmus e cioè che soltanto sostanze di tipo militare come le chaff potevano di produrre i segnali radar osservati.

Anche se soltanto in quell’occasione, a Joerg Kachelmann "fu tolto il vento in poppa", benché Kachelmann non abbia rivisto le sue affermazioni.

Allo stesso tempo la Bundeswehr confermò quello che i meteorologi già sapevano: per una nube come quella del 19 luglio 2005 dovevano essere state rilasciate tonnellate di particolato. La Bundeswehr non sarebbe stata in grado - secondo le loro dichiarazioni - né dal punto di vista tecnologico né logistico di rilasciare una tale quantità di chaff. (Sarà stato Babbo Natale… n.d.r.)

Chi fu dunque?

Che la nube fantasma si formò è dimostrabile e, sulle cause, scienziati e personale militare (con poche eccezioni di poco conto) sono concordi.

Quali potrebbero essere stati i fini reali del rilascio di tali enormi quantità di chaff?



Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!
Puoi votare le mie notizie anche in
questa pagina.


Attacco all'informazione CLICCA QUI

CHEMTRAILS DATA

Range finder: come si sono svolti i fatti

26 commenti:

  1. sorprendente vedere il servizio televisivo in questione su RTL, tv fra le piu' seguite in Germania e presente sul satellite.

    RispondiElimina
  2. Qui invece chi abbiamo? Vespa, Fede e Santoro.

    RispondiElimina
  3. Rolle, in Italia si ascolta il raglio di travaglio.

    RispondiElimina
  4. grande articolo e grande registrazione all'inpdap. spero che questi signori prendano provvedimenti....

    a costo di essere ripetivo segnalo l'ennesimo reindirizzamento a indirizzi pericolosi pieni di malware. questa volta (due minuti fa) entrando in tanker enemy sono stato reindirizzato a questo sito, e poi indirizzato nuovamente al secondo CHE NON DOVETE CLICCARE POICHE' PIENO DI VIRUS

    primo sito

    http://scotiabanck.com/result.php?Keywords=tanker&r=907b155b4b280d6710f71bf86bca7d752fc1f2bc9de2d743fc6031a8a39adb00c4d11b8bf213e7fed4752daaa9725b29&Submit=Go

    NOTARE IL PARAMETRO "TANKER" VERSO L'INIZIO DELL'INDIRIZZO

    poi tempo un secondo sono stato dirottato nuovamente su quest'altro indirizzo CON VIRUS

    http://omega365.ru/doc_x/404.php

    QUESTA E' LA QUARTA VOLTA CHE VENGO DIROTTATO DAL BLOG TANKER ENEMY A SITI PERICOLOSI. PRIMA DI QUALCHE SETTIMANA FA NON ERA MAI SUCCESSO, E NON SUCCEDE NEMMENO CON I SITI "NORMALI".

    RIBADISCO: NOTARE IL PARAMETRO "TANKER" NEL PRIMO INDIRIZZO CHE HO POSTATO

    ci tengo anche a dire che un amico ha confermato quello che stò dicendo: non sono io che ho un problema al computer, questa cosa di reindirizzare gli utenti è successa e sta succedendo a varie persone. mi sa tanto di censura clandestina....

    RispondiElimina
  5. Ciao Arturo, purtroppo noi non abbiamo mezzi per impedire che ciò accada ancora, fuorché renderlo noto, come giustamente fai. E' una schifo. Dovremo imparare il cinese?

    Segnalo Copenhagen - La truffa dell'effetto serra (voce - Ita)

    RispondiElimina
  6. domain: OMEGA365.RU
    type: CORPORATE
    nserver: ns5.hostlife.net.
    nserver: ns6.hostlife.net.
    state: REGISTERED, DELEGATED, UNVERIFIED
    person: Private Person
    phone: +375296543210
    e-mail:
    registrar: NAUNET-REG-RIPN
    created: 2009.10.26
    paid-till: 2010.10.26
    source: TCI

    RispondiElimina
  7. e poi dicono che dovrebbero licenziare me......ma che vengano pure :-)

    RispondiElimina
  8. @ Arturo

    Probabilmente il visus di cui parli sta sulla tua macchina.

    Girava un paio di anni fa. Lo aveva messo a punto un gruppo che voleva fare concorrenza a Google: appena cercavi qualcosa con Google, ti reindirizzava ai suoi siti sponsorizzati; poi qualcuno gli ha fatto causa ed hanno chiuso il dominio, ma gira le versione malware. E' veicolato tramite posta.

    RispondiElimina
  9. Ottimo articolo Straker!!!

    Scusate l'OT:

    http://www.youtube.com/watch?v=vWmvrYIKitA
    http://www.youtube.com/watch?v=vIUGDdPdKyE

    RispondiElimina
  10. Ciao.
    Qui aerei fantasma: sono riusciti a far "nevicare" malgrado le temperature al di sotto dello zero (in pianura). Infatti non è neve ma una specie di farina ghiacciata polverosa che si sposta al passaggio delle auto. La cosa particolare è che ieri sera, ma anche questa mattina, si sentiva il rumore cupo dell'andirivieni di velivoli nascosti dalla copertura del cielo.

    Ieri sera Giuliacci (il colonnello) annunciava il tempo tutto goduto e ad un certo punto si è focalizzato sul fatto che per la prossima settimana sono previste impennate in rialzo delle temperature nel paese e mentre lo diceva "gulp", gli è scappato un groppone in gola che quasi si strozzava, tanto che si è dovuto scusare. :-D

    GEO, sta buono, perchè talvolta accade che le carriere decollate rapidamente, possano finire in maniera ancora più rapida. Visto come scrivi non hai moltissimi assi nelle maniche, per adesso hai solo una sorta di copertura di comodo, ovvero non credo che sia eterna.

    RispondiElimina
  11. Fortunatamente ad oggi non ho problemi con Tankerenemy, ma con blogger sì, ogni tanto mi combina delle cose strane tipo scollegamenti dalla rete inaspettati (ingiustificati).

    RispondiElimina
  12. Ciao Ginger, per il Colonnello Giuliacci abbiamo un a chicca molto particolare, che non piacerà nemmeno ad Attivissimo. Ma tutto questo a tempo debito.

    RispondiElimina
  13. il problema del reindirizzamento è che succede solamente con tanker enemy. non succede mai con altri siti.

    comunque ritornando a parlare di presutni chaff, è sempre bene ricordare cosa è e come è fatto questo famosissimo chaff

    ESEMPIO DI CHAFF

    ALTRO ESEMPIO DI CHAFF USATO DAI MILITARI

    in pratica le forze armate stanno dicendo che la nuvola lunga CENTINAIA DI KM era normale chaff?? ma chi vogliono prendere in giro? il normale chaff è quello dei video che ho postato. il normale chaff non crea nuvola grandi come regioni. il normale chaff non crea riverberi nel radar di quella portata. eppure, i militari tedeschi affermano "era una esercitazione con lo chaff"...

    anche il meteorologo sulll'emittente ZDF afferma che "ci sono delle nuvole create dagli aerei militari al di sotto dei 6000m". anche in quel caso, c'è chi affermava che si trattava di "normale ed innocuo chaff". ma lo chaff non crea nuvole artificiali di quella grandezza...non avrebbe senso usare un contomisura radar in con quei metodi, oltretutto ricoprendo mezza germania.

    evidentemente, quando ci sono anomalie radar, tutti puntano il dito sul "normale chaff". ed altrettanto evidentemente pensano che siamo tutti degli idioti ignoranti e creduloni.

    RispondiElimina
  14. Segnalo servizio nel Tg2 delle 13 dove si parlava della rete che cerca il complotto in ogni situazione; ha fatto riferimenti sia all'attentato a Berlusconi che al Virus H1N1...credo che siamo vicini ad un attacco alla rete da parte del Governo!

    RispondiElimina
  15. Arturo, sono d'accordo con te ed infatti ho sempre contestato la teoria delle chaff, proprio per l'impossibilità TOTALE che si possa formare una traccia radar di 600/800 chilometri. Le chaff e le flare sono tutt'altra cosa, rispetto a quanto si continua a blaterare (in Rete e non) e sappiamo bene che questa è pura disinformazione.

    Capitan Harlock, la libera informazione, temo, diverrà un flebile ricordo e gli scherzi di reindirizzamento di questo blog (alla sola parola magica "tanker") sembrano un prodromo inquietante. Arturo ha ragione: se si trattasse di un malware, dovrebbe farlo con qualsiasi parola chiave e non solo con "tanker".

    Comunque... anche l'episodio del fake di berlusca è la dimostrazione plateale che, se vuoi creare un false flag, devi avere la complicità dei media ed i fatti di questi giorni come anche gli episodi dell'undici settembre 2001, dell'assassinio di John John Kennedy etc., lo dimostrano. Nella civiltà dell'"informazione" è più semplice che mai ingannare una massa enorme di pecore ed è per questo motivo che "Internet" fa paura, poiché non è controllabile il flusso di notizie.

    Il TG 2 ha menzionato, in modo superficiale e fazioso, le anomalie dell'attentato a Berlusconi... con le ferite che vengono fuori per magia solo dopo che è uscito dall'auto, con il naso fratturato che non perde sangue, con la camicia pulita etc.

    Non ci si illuda che il TG RAI ne abbia fatto menzione per motivi di libera e democratica informazione, ma semplicemente per "esorcizzare" e bollare come "teoria del complotto" anche questa truffa bella e buona, nata evidentemente per due motivi:

    a) risollevare le sorti del cavaliere e distrarre le masse da altri problemi

    b) cucire la bocca alla Rete.

    RispondiElimina
  16. Ginger, il mio convincimento è il seguente: i militari riescono a spostare le perturbazioni ed a simulare (simiae Dei) i fenomeni meteorologici naturali. Chi sa che cosa si scoprirebbe analizzando la neve.

    Intanto, pare che Il Manifesto abbia pubblicato un articolo sulle manipolazioni climatiche.

    RispondiElimina
  17. Fighter Pilot - Operation Red Flag - part 1/5

    Guardatevi bene tutte le cinque parti e, oltre ad avere alcune interessanti conferme sulle potenzialità di osservazione 3D del territorio, ricostruito ed impiegato sugli Awacs. Osservate come non vi sia un solo velivolo rilasciare scie di condensa dai motori. Osservate anche come si comportano le chaff e le flares e come queste non possono essere in alcun modo (come dice Arturo) scambiate per lunghe tracce di centinaia di chilometri.

    In una sequenza, però, sulla base aerea protagonista delle missioni di addestramento, c'è una scia (chimica, ovviamente). Aereo di linea su area interdetta? Certo che no. Aereo militare che ha lasciato una lunga scia di condensa? Ovviamente no... non se ne sono visti. E allora? Una scia di metalli elettroconduttivi utili nel contesto delle fasi di addestramento.

    RispondiElimina
  18. "Non ci si illuda che il TG RAI ne abbia fatto menzione per motivi di libera e democratica informazione, ma semplicemente per "esorcizzare" e bollare come "teoria del complotto" anche questa truffa bella e buona, nata evidentemente per due motivi:

    a) risollevare le sorti del cavaliere e distrarre le masse da altri problemi

    b) cucire la bocca alla Rete."

    Sono sicuramente in sintonia con il tuo pensiero, spero solo che la rete rimanga strumento libero e senza pressioni esterne!
    Hanno paura perchè devono nascondere un enorme coda di paglia e sentono sempre più la poltrona che gli brucia sotto il culo........

    RispondiElimina
  19. OT

    data prevista beatificazione di Giovanni Paolo II 16/10/2010......il primo che fa la somma vince un premio!!

    RispondiElimina
  20. Condivido in tutto e per tutto le osservazioni di ginger, anche qui la neve non è arrivata in silenzio, come quella vera di un tempo che tutti ricordiamo, ma accompagnata dal rombo sinistro e incessante degli aerei, sebbene spesso invisibili.
    Il cielo di un grigio denso e compatto, sfrangiato verso il basso, senza nuvole distinguibili, le solite nebbie anomale e repentine - anche quelle accompagnate dall'inconfondibile rombo di motori a bassa quota - niente di quello che vediamo in cielo in questi giorni, e niente di quello che cade dal cielo appartiene alla natura.
    Come il freddo polare degli ultimi giorni, anche il previsto rialzo delle temperature per la prossima settimana sarà il frutto di manipolazioni elettromagnetiche.
    Mentre l'incubo prosegue indisturbato sono sempre meno quelli che riconoscono l'artificialità delle nebulose tossiche che in cielo hanno sostituito le nuvole.
    Ci vorrebbe un documentario in proposito, con immagini di repertorio di vere nuvole messe a confronto con la roba che di questi tempi aleggia nel cielo.
    Un caro saluto a tutti voi

    RispondiElimina
  21. E' verissimo, Giulia; manca la Memoria storica di un cielo ormai raro.

    RispondiElimina
  22. Ciao Giulia :) e ciao a tutti.
    Molte volte mi sono domandata: ma esite ancora qualche angolo di questo pianeta in cui si possa osservare un cielo normale (pensa come ci siamo ridotti)? Dato che oramai le irrorazioni riguardano praticamente ogni nazione, forse qualche isola non abitata e sperduta...comunque la vista di immagini come cartoline, foto, la prima parte del video di Straker, in cui sono ritratti cieli non manipolati fa quasi star male, al pensiero di quello che ci stiamo perdendo. Mi domando anche come sia possibile aver voglia di disquisire su questioni politiche, scandali che riguardano personaggi pubblici, fattori religiosi (messi lì apposta perchè la gente ci si invischi con tutte le scarpe) mentre tutto va a rotoli. Il rintronamento dei cervelli è giunto a livelli irreversibili. E poi con quale passione la gente si fa coinvolgere in quei discorsi, pretendendo la ragione su questa o quell'altra cosa. E' stato messo su proprio un bel teatro, qualcuno si starà divertendo un sacco sfregandosi le mani.

    RispondiElimina
  23. Ginger, tutto questa assordante e volgare sceneggiata a base di pomodori sul viso di Berlusconi, di politici-burattini, di riscaldamento globale, di deformanti riforme, di partite rinviate per la neve... serve a distogliere l'attenzione dai veri problemi, molti dei quali si annunceranno con segni nel cielo, quel cielo che tutti guarderanno solo quando sarà trasformato in uno schermo cinematografico, in uno scenario di formidabile finzione.

    They live, we sleep.

    Ciao a tutti.

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis