sabato 26 dicembre 2009

Neve artificiale

Nel periodo pre-natalizio sono cadute copiose nevicate in molte regioni italiane. Le temperature sono state molto rigide anche in pianura così che la neve ha ammantato non solo le dorsali montuose, ma anche le colline e le aree urbane, causando problemi alla circolazione automobilistica (su strade ed autostrade) e ferroviaria. Anche il traffico aereo ha subìto notevoli ritardi e cancellazioni di voli. A causa del ghiaccio che si forma sulle ali, molti aerei non sono decollati, poiché le scorte dello speciale prodotto utile per sciogliere il ghiaccio, stando alle fonti ufficiali, si sono presto esaurite. Nel frattempo, però, i velivoli chimici hanno continuato ad incrociare sopra le nuvole quasi certamente per indurre le abbondanti precipitazioni piovose e nevose.

A proposito della neve, molti testimoni hanno osservato che aveva una consistenza del tutto particolare: più che farinosa, era come sgranata; era poi pressoché impossibile appallottolarla. E' plausibile che si sia trattato di neve artificiale: già due anni or sono, quando nel Midwest degli Stati Uniti, cadde la neve, risultò che nei fiocchi erano inclusi acari ed insetti, molti dei quali sembravano essere il risultato di manipolazioni biotecnologiche. Alcuni di questi organismi sono in grado di sopravvivere per settimane in assenza di ossigeno.

E' stato altresì accertato che sia la neve programmata, sparata con cannoni ad hoc sulle piste degli impianti sciistici, sia la neve all'apparenza naturale, contengono il batterio Pseudomonas Syringae, usato per innalzare il punto di congelamento. E' stato rintracciato anche il batterio Pseudomonas aeruginosa, causa della polmonite. La prova incontrovertibile che dimostra l'artificialità del fenomeno risiede nei filamenti di polimeri che sono stati scorti e fotografati nei giorni scorsi: le fibre si sono impigliate ai rami degli alberi, appiccicate ai pali dei cartelli stradali, alle ringhiere dei terrazzi... Non crediamo a quegli imbonitori che spacciano questi filamenti polimerici per tele di fantomatici ragni migratori.

Ora, si deve concludere che la morsa di gelo che ha attanagliato molti stati europei è stata una manifestazione meteorologica naturale, ma non si possono escludere pesanti interventi per incrementare rovinose piogge e nevicate che sono state, in alcuni casi, il pretesto per mandare i soldati nelle città con il fine di liberare le strade principali dalla neve ivi ammassatasi. La militarizzazione strisciante del territorio si è così associata alle solite operazioni chimico-biologiche, intensificatesi in un periodo dell'anno tanto delicato, perché concomitante con gli spostamenti del periodo natalizio.

Ringraziamo l'amico S.O. per la documentazione fotografica.



Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!
Puoi votare le mie notizie anche in
questa pagina.


Attacco all'informazione CLICCA QUI

CHEMTRAILS DATA

Range finder: come si sono svolti i fatti

21 commenti:

  1. Previsioni del meteo

    .......

    Stiamo assistendo ad una sorta di lezione meteorologica in diretta!
    Al Polo Nord troveremo spesso una alta pressione, mentre due enormi noccioli gelidi verranno catapultati verso l'area euro-asiatica e quella americana. Questa è la linea di tendenza barica del dicembre 2009. E l'Italia in questo scontro tra giganti è come un piccolo punto nell'universo barico….
    tre step fondamentali, una sorta di passo triplo meteorologico. Dapprima ritroveremo il freddo, moderato e normale per la stagione al Nord, mentre il Centro-Sud verrà bersagliato da piogge e nevicate sui monti….

    Nel corso di questa evoluzione meteo settimanale avremo tutto e di più….
    Torneranno le temperature over +20°C, per poi probabilmente crollare ancora una volta ai primi di gennaio. Che montagne russe termiche!...
    questo scenario evolutivo parodossisticamente dinamico non aiuta certo a ben inquadrare una corretta e precisa evoluzione meteo. Invito quindi i gentili lettori a seguire regolarmente gli articoli MTG, sia di analisi modellistica che di previsione meteo. Le sorprese non mancheranno certo!
    http://www.meteogiornale.it/notizia/16945-1-estremo-dinamismo-barico



    Staremmo a vedere


    Speriamo in una uscita maggiore di whistleblower nel 2010 che ci svelino un po’ di più queste stranezze climatiche

    Auguri a Tutti!!!!

    RispondiElimina
  2. Confermo, la neve aveva una consistenza strana.

    E poi, altro particolare curioso, i servizi meteo che in genere sono molto accurati quando vogliono e possono (ovvero quando ricevono le informazioni esatte da parte dei militari che manipolano le condizioni climatiche) hanno previsto la neve per il giorno successivo a quello della prima grande nevicata la quale, appunto perchè imprevista, ha mandato in tilt il traffico degli autoveicoli causando diversi incidenti .

    Fa pensare la storia del liquido antigelo esaurito per i normali aerei di linea ma non per quegli strani velivoli che incrociano sopra di noi lasciando scie ... forse alle basse quote di sorvolo degli aerei che spruzzano scie chimiche non serve l'antigelo?

    O più presumibilmente le scorte di quel prodotto sono state assegnate prioritariamente ai velivoli chimici per far funzionare la macchina infernale?

    In alternativa si tratta solo di una manovra per amplificare gli effetti del caos artificialmente creato.

    Segnalo due articoli sulla bufala del riscaldamento globale nonchè un articolo sull'uso fraudolento di sostanze per impedire la gravidanza nei vaccini contro il tetano distribuiti negli anni '90 solo alle donne in età fertile dei paesi del terzo mondo.

    Una storia da cui si evince un evidente complotto in cui sono impliate università, ministeri della salute, fondazione Rockefeller (figuriamoci!) e istituzioni sovranazionali, in primis l'OMS.

    Faccio natare pure che di recente l'ex dirigente delllo statunitense Center for Disease Control (ente vaccinatore) dopo avere per anno difeso la sicurezza dei vaccini della Merck, ha assunto il ruolo di dirigente della sezione vaccini di tale azienda farmaceutica: caso evidente di enorme conflitto di interessi.

    RispondiElimina
  3. "Nevica sui nostri volti silvani".

    NienteEcomesembra, la prosa di quelli di meteogiornale è bolsa e leziosa.

    Grazie Corrado, delle segnalazioni.

    RispondiElimina
  4. Quelli di meteogiornale.it la sanno lunga e potrebbero anche tacere, che sarebbe meglio.

    RispondiElimina
  5. per quello che conta anche io confermo la stranissima consistenza dellla neve: farinosa e "sgranata", assolutamente "incomprimibile" per formare palle di neve o cose simili.

    altro particolare molto anomalo che (non solo io) ho notato: la temperatura certe volte era ben al di sopra dello zero, si parla di 5-6°, però allo stesso tempo la neve farinosa non si scioglieva.

    leggendo l'articolo ho subito collegato la storia dei batteri con questo strano fenomeno della neve "con punto di congelamento innalzato"

    ad un occhio attento risaltano molti fenomeni che dire anomali è poco. naturalmente i meteorologi ed i ricercatori sono tutti con la bocca cucita, perchè "in italia comanda la NATO e gli aerosol servono per combattere l'effetto serra e per evitarte disastrosi alluvioni"...come dice qualcuno

    vorrei anche porre alla vostra attenzione un altro strano caso: da un giorno all'altro, NEL GIRO DI ORE, si è alzata la temperatura di più di 12°.
    io non sono di certo un anziano, ma qualche inverno l'ho visto, ed è la prima volta che succede una cosa simile. voglio dire....nel giro di tre ore la stagione è cambiata....

    infine voglio anche dire che la faccenda della neve farinosa e sgranata è stata notata da un pò tutti, almeno qui in toscana: da firenze a grosseto, da pisa a livorno, tutti sono stati d'accordo su una cosa....questa neve non è normale

    viene naturale pensare subito agli amici dell'areonautica militare, dato che il meteo è controllato al 90% dagli aerei della nato

    RispondiElimina
  6. Arturo, il tuo commento è molto opportuno e ricco di preziose informazioni. Le anomalie osservate da te e dai tuoi conterranei sono certamente dovute alle irrorazioni, ma quanti hanno saputo collegare l'effetto ad una causa che quasi tutti d'altronde ignorano?

    Azzarderei un intervento sul tempo ormai pari al 98 per cento.

    Ciao e grazie.

    RispondiElimina
  7. Anche ad Arma di Taggia ha nevicato (anche se per poco) ed anche lì molti cittadini hanno notato che "la neve non poteva essere compattata per le classiche palle di neve".

    RispondiElimina
  8. Un'utente di OK-Notizie scrive:

    ... ne parlavo giusto qualche giorno fa a mio marito.... la prima neve caduta una 15ina di giorni fa, al tatto era strana, aveva una densità "indefinibile" ed era stranamente appiccicosa-filamentosa..... ah io qua sto in piemonte.....

    Scritto da sailorsaturn22 il 26 dic 09, 16:40:46

    RispondiElimina
  9. "Azzarderei un intervento sul tempo ormai pari al 98 per cento".

    Monitorizzo la situazione qui a Cagliari e concordo pienamente con Zret.

    RispondiElimina
  10. Il video è agghiacciante, Arturo. Albione, svegliati!!!

    Mike, hanno il controllo pressoché totale.

    Ciao

    RispondiElimina
  11. markogts (Marco Germani) ha lasciato un nuovo commento sul post "Non ci sono più le mezze stagioni":

    Persistente o meno, questo è secondario, almeno fino ad un certo punto.

    In realtà, anche il fiato espulso d'inverno e gli scarichi delle auto possono essere "persistenti". Quando c'è nebbia. Per definizione, quel "vapore" (ricordiamoci sempre che se è visibile, non è vapore, ma goccioline finissime) non può vaporizzare se l'umidità è "da nebbia". Solo che dopo un poco, il nostro fiato diventa indistinguibile dal resto della nebbia. Ma persiste, eccome se persiste!

    Ad alta quota, succede la stessa cosa, con una differenza sostanziale: essendo l'aria molto più povera di particolato (sale, smog, polvere, sabbia ecc), può accadere che l'umidità sia "da nebbia" anche se la nebbia non si forma. Appena arriva uno "scassamento" (es un centinaio di tonnellate di alluminio e kerosene a 900 km/h che centrifugano l'aria a 10.000 giri al minuto e la espellono con particolato, CO2 e H20 a 2000 km/h), la nebbia si forma, proprio a partire dalla scia di condensazione (le famose scie-che-si-espandono). Ma la formazione della nebbia (cirro, a quella quota) altro non è che la coalescenza di umidità per la gran parte già presente nell'aria. Se non c'è dell'umidità già presente, la scia non sarà persistente
    .


    Ma che cacchio ha detto?!! O__o

    RispondiElimina
  12. Quella di margotto è scie-menza allo stato puro, ma nasconditi!!!

    RispondiElimina
  13. Margotto, un fautore della patasofia e della patafisica. Sei patetico, Margotto.

    RispondiElimina
  14. Markoz è RIDICOLO. Gran parte delle giornate nei mesi più freddi in Piemonte sono caratterizzate dalla nebbia, purtroppo più chimica che altro, tanto che a volte non lascia quasi umidità sugli oggetti, le auto, eccetera. Bene, nessuno ha mai notato le "scie chimiche persistenti" di markoz ad altezza di uomo o di macchina ma...ironia, spesso si vedono, pur con la nebbia, le scie chimiche in cielo. Pensa che tristezza.

    NON C'E' LIMITE ALLA BUFFONAGGINE

    RispondiElimina
  15. Quelle di Marko Germani & company sono arrampicate sugli specchi a dir poco ridicole.

    RispondiElimina
  16. quello che dice il signor germani non ha assolutamente fondamento scientitico. le affermazioni di questo personaggio semplicemente non sono possibili fisicamente.

    questi dettagli sono già stati AMPIAMENTE analizzate e spiegati con molta pazienza e professionalità dal fisico Corrado Penna.

    la mia curiosità, a questo punto, è una sola: cosa ci guadagna questo signore a mentire alla gente? perchè qualcosa ci guadagna di sicuro...

    forse queste persone dovrebbero rileggere con attenzione la lettera del meteorologo Domenico Azzone

    RispondiElimina
  17. Sempre lì attaccati da anni e non penso che lo facciano gratis. Certo è che potrebbero anche cambiare disco: ormai non convincono più nessuno.

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis