lunedì 9 novembre 2009

Bambini (e tutti noi) ed inquinamento ambientale (articolo di Rocco Panzavolta - prima parte)

Volentieri pubblichiamo uno studio di Rocco Panzavolta che esamina il gravissimo problema dell'inquinamento ambientale, causa di tante malattie soprattutto tra i bambini. Purtroppo, infatti, le chemtrails costituiscono "solo" il coronamento di uno scellerato piano per intossicare la popolazione, ma migliaia sono i composti chimici che aggrediscono uomini, animali e piante. Le scie tossiche, in tale inquietante scenario, si possono considerare la globalizzazione dell'avvelenamento ed il colpo di grazia. Per fortuna esistono, se non dei rimedi, delle contromisure da attuare per proteggere in primis la salute dei bambini, più vulnerabili agli inquinanti ambientali. Si consultino a tale proposito gli articoli della categoria "Morgellons". Un'ultima osservazione: è evidente che le difficoltà cognitive rilevate da educatori e docenti nelle nuove generazioni sono imputabili, in buona parte, alla contaminazione della biosfera. Fantasiose sindromi psicologiche dalle improbabili sigle c'entrano poco o punto.

Difficilmente le nuove generazioni ci perdoneranno per questo suicidio ambientale (Prof. Lorenzo Tomatis, 1929-2007).


Oggi i bambini sono sottoposti al rischio dell’esposizione a più di 15 mila sostanze chimiche sintetiche, senza contare l’inquinamento dell’aria, il traffico, la contaminazione di acqua e cibo, le radiazioni (R.F. e E.M.F., radiofrequenze e campi elettromagnetici) ed altre fonti sulle quali vi è ancora “dibattito”.

Non c’era una volta…

Centomila sostanze di sintesi sono state registrate nella sola Unione europea., ma i composti si contano a milioni. Si badi che gli effetti cumulativi e soprattutto sinergici tra ogni singola sostanza sono di fatto sconosciuti per la mancata ricerca. Si aggiunga il “fondo” elettromagnetico maggiore di dieci milioni di unità rispetto a quello naturale. Alimentazione ricca in volumi, ma povera di nutrienti essenziali. Nanoparticelle dovute alle politiche “verdi” sulla mobilità (catalizzatori al platino) e degli inceneritori. Un migliaio di test nucleari in superficie e sotterranei dal 1945 ad oggi, vaccinazioni multiple, pesticidi, erbicidi… Potremmo continuare ad addizionare ancora rischi e pericoli prodotti dall’umanità per il “benessere”. Una vera e propria giungla di insidie, non sempre tenuta nella giusta considerazione, anzi decisamente ignorata a favore di diagnosi psichiatriche più che tossicologiche. Ciò, nonostante le numerose evidenze scientifiche, dal dopoguerra ad oggi, e benché si registrino casi di M.C.S. anche nella prima infanzia.

Sono i bambini di oggi, gli adulti di domani, a fare le maggiori spese per l’attuale situazione ambientale. Nell’aria di casa e in quella esterna, nei cibi, nell’acqua e persino nei giocattoli sono presenti sostanze che quotidianamente mettono a rischio la loro salute, così come nella quasi totalità delle attrezzature medico-ospedaliere (siringhe, kit flebo etc.) e dei farmaci (mercurio come conservante, coloranti, lattosio e via dicendo).

Rapporti sanitari nel cassetto dell'agenda politica

A lanciare uno delle tante grida d’allarme fu l’Organizzazione Mondiale della Sanità (W.H.O.) e l’Agenzia Europea per l’Ambiente (E.E.A.) nel 2002, con la pubblicazione del rapporto Children’s Health and Environment - A review of evidence, nel quale vennero analizzati i diversi fattori di rischio per la salute dei bambini, prendendo spunto da una serie di studi compiuti sull’argomento nei diversi paesi europei.

Nell'aggiornamento del 2007 emerge un quadro della situazione decisamente peggiore.

Oltre il 40 per cento delle patologie causate da fattori ambientali colpisce bambini di età inferiore ai 5 anni. I bambini sono particolarmente vulnerabili all’inquinamento ambientale, in parte poiché la loro esposizione precoce a determinati fattori può avere ripercussioni anche a lungo termine, in parte perché in proporzione al loro peso corporeo i bambini respirano, bevono e mangiano più degli adulti, con una conseguente maggiore assimilazione delle sostanze potenzialmente tossiche.

“Innanzitutto c’è un’enorme differenza – commenta Giorgio Tamburlini, che ha partecipato alla stesura del rapporto – da un paese all’altro d’Europa per quelli che sono i pericoli a carico dei bambini. Nel rapporto abbiamo sintetizzato questo concetto, parlando di 'ingiustizia ambientale', individuando tre fattori preponderanti che possono creare situazioni di rischio. Innanzitutto c’è il fattore locale, le singole città, una determinata zona del territorio; anche in spazi limitati si possono avere delle differenze notevoli da questo punto di vista. Un altro fattore da tenere in considerazione è poi la vicinanza agli scarichi di rifiuti tossici, un problema maggiormente presente nei paesi più poveri ormai destinati ad essere la discarica dei paesi più ricchi. Ma il fattore da tenere in maggiore considerazione è l’accumulo di inquinamento. Stiamo ormai accantonando delle riserve di inquinamento di varia natura che necessariamente penalizzeranno gli adulti di domani (mentre quelli di oggi si ammalano sempre maggiore numero, n.d.r.). La loro esposizione a certi fattori è notevolmente più rilevante di quella delle generazioni precedenti. Questo avrà necessariamente una ripercussione negativa sulla loro vita futura”. Oggi i bambini sono sottoposti al rischio dell’esposizione a più di 15 mila sostanze chimiche sintetiche, nella maggioranza dei casi create negli ultimi 50 anni. Non si dimentichi poi una serie di agenti fisici, come l’inquinamento dell’aria, il traffico, la contaminazione di acqua e cibo, dei giocattoli, le radiazioni.

“Tra i fattori emergenti collocherei al primo posto il piombo e gli effetti che la concentrazione troppo alta di questo metallo pesante può avere sull’intelligenza del bambino, effetti che possono diventare cronici, se il bambino viene sovresposto nei primi anni di vita – continua cautamente il dottor Tamburlini – .Anche i casi di bronchiti e di asma in aumento rappresentano un rischio aggiuntivo. E questi sono fattori di rischio di cui conosciamo la pericolosità. Ci sono poi casi di incertezza. Qualche tempo fa, uno studio su alcuni grandi mammiferi esposti per lungo tempo d inquinanti, evidenziò la maggiore incidenza di malformazioni e la diminuita fertilità. Soprattutto quest’ultimo problema è molto sentito anche da noi ed è in parte dovuto al fatto che il numero e la carica degli spermatozoi è diminuito. Questo può essere dovuto agli inquinanti, anche se non sono state stabilite relazioni scientificamente certe."

Leggi qui l'articolo su Lettere dalla Germania.



Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!
Puoi votare le mie notizie anche in
questa pagina.


Attacco all'informazione CLICCA QUI

CHEMTRAILS DATA

Range finder: come si sono svolti i fatti

40 commenti:

  1. Certamente, è proprio così. A rimetterci più di tutti sono i bambini, maggiormente esposti in questo ambiente superinquinato; subiscono feroci attacchi dall'esterno già prima di venire al mondo e ne abbiamo un bell'esempio proprio in questi ultimi tempi, tra scie e vaccini (e genitori a volte non in grado di difenderli: sembra che il bene più prezioso per molti sia non far mancare ai figli cellulare, tv e pc già da piccolissimi e guai ad azzardarsi a cercare di far capire loro pacificamente quanto siano dannosi tali apparecchi per la salute, si arriva quasi all'offesa personale)
    Altrettanto condivisibile la parte riguardante la diminuzione della fertilità: visti i controlli a volte esagerati a cui molti si sottopongono e le tecniche avanzate di fecondazione assistita, ciò non dovrebbe succedere quindi c'è poco da inventarsi cause strane e misteriose, come quelle che adducono certi specialisti quando si vedono arrivare in studio coppie con problemi, disposte a subire estenuanti (e costose) cure lunghe anche mesi, cadendo così alla fine dritti nella pentola farmaceutica.
    Ciao

    RispondiElimina
  2. "Si badi che gli effetti cumulativi e soprattutto sinergici tra ogni singola sostanza sono di fatto sconosciuti per la mancata ricerca"
    Interessante passo: non stupisce, infatti una parte degli "scienziati" che in teoria dovrebbero occuparsi di difendere la salute di tutti si dedicano al debunking in Rete.

    RispondiElimina
  3. Ciao Ginger, l'articolo è da considerare nella sua reale drammaticità e chi lo ha scritto ha toccato con mano la tossicità di certi inquinanti. Temo però, come giustamente osservavi, che i soliti noti che copiano e riproducono non autorizzati questi contenuti, ci rideranno sopra, come al solito. Vero Attivissimo?

    Se c'è una giustizia su questa terra, costoro devono assaggiare un po' di meritata sofferenza.

    RispondiElimina
  4. La diminuzione della fertilità è un obiettivo scientemente perseguito dalle infami élites: è una strategia indiretta di depopulation, insieme con le guerre che falcidiano le nuove generazioni, i vaccini, il fluoro, il benzene, le scie e via discorrendo.

    Gli "scienziati" sono in altre faccende affaccendati, ad esempio a pontificare in modo mendace a Voyager sull'"innocuità" dei vaccini.

    Ciao e grazie dell'ottimo contributo.

    RispondiElimina
  5. Bellissimo e terificante articolo che condivido in toto.

    Prima le cose accadevano "per sentito dire", ora provo direttamente la tragedia: tre amici morti di tumore a 40 anni, due in fin di vita e la figlia di un caro amico (14 anni) ricoverata in stato gravissimo all'oncologico.

    ...e dobbiamo continuamente subire le deliranti analisi degli scienziati come veronesi...dio del male.

    Hai ragione Rosario, DEVONO assaggiare un po' di meritata sofferenza e anche quando arriverà quel momento, non si renderanno conto del male che fanno...hanno il cervello irrimediabilmente bruciato.

    RispondiElimina
  6. per appurare la veridicità di quanto scritto basta appurare e confrontare le statistiche attuali di bimbi allergici e con problemi respiratori rispetto a quelli di 30-50 anni fa, la differenza è enorme.
    Gli asmatici erano davvero una rarità quando ero piccolo io (che ho 31 anni, non sono poi tanto vecchio) ora allergie ed asma sono all'ordine del giorno

    per quanto riguarda i malati di cancro, credo che evitare la chemio sarebbe già un passo avanti nella speranza di vita (v. metodo di Bella tanto denigrato dai media, quando qualcuno si accorse che funzionava meglio delle cure tradizionali)

    RispondiElimina
  7. Ciao a tutti, ho trovato per caso una notiziola che aggiunge un altro tassello al fenomeno già documentato dei "misteriosi" malesseri che possono cogliere i passeggeri di voli aerei in questi tempi avvelenati

    http://www.foxnews.com/story/0,2933,570688,00.html

    RispondiElimina
  8. Le statistiche epidemiologiche e sulla incidenza dei tumori sono ferme al 2001. Non è un caso, visto che, al contrario di quanto afferma cancronesi, le morti per tumore sono aumentate. Per verificarlo, basta chiedere ai medici non iscritti ad un partito.

    RispondiElimina
  9. Brava Giulia, era un trafiletto ANSA di qualche giorno fa. Cosa strana... a meno che non si pensi che è quello che si respira lassù a far male e non è il primo episodio.

    RispondiElimina
  10. Zret Garattini ieri a Voyager ha fatto una figuraccia.
    E' giunto il tempo che gli scienziati, quelli che stanno sul trono della scienza e guardano il popolume con sorriso benevolo, ritornino nella spazzatura della storia.

    RispondiElimina
  11. Garattini (C.I.C.A.P.) è in linea con i soci della congrega.

    RispondiElimina
  12. Stiamo assistendo ad un lento e silenzioso programma di smaltimento della popolazione.Noi siamo sempre stati cavie,proprio per questo hanno creato la nostra specie.Siamo diventati prigionia di scarto per loro,ma gli serviamo ancora.Il passato della nostra storia ci insegna che hanno sempre sperimentato veleni addosso a noi.L'accelerazione con cui ora stanno contagiando la società con un menù di scie chimiche,virus,guerre e malattie mediatiche,fa pensare ad un'ultima prova prima dell'inevitabile evento che dovrà accadere non troppo tardi.
    Ciao!

    RispondiElimina
  13. Avvistato oggetto nero vicino nuvole per 5 minuti,a vista.Lentissimamente si è allontanato ed ogni tanto rifletteva luce solare.
    Intanto che spruzzano leggermente per distruggere o sedare le nuvole.

    Magari l'oggetto osservava 2 tankers vicinissimi che facevano condensa vera,poco lontani.

    RispondiElimina
  14. L'inquinamento ambientale è ormai a livelli preoccupanti se non si tenta di fare qualcosa, tra poco tempo ne vedremo delle belle!!!

    RispondiElimina
  15. OffTopic.

    http://www.repubblica.it/2009/11/sezioni/scienze/sociopatterns/sociopatterns/sociopatterns.html

    RispondiElimina
  16. Il Sole 24 ore scrive un articolo che conferma quanto asserito da Tanker Enemy e da tutti i ricercatori indipendenti in questi anni. Una svolta da tempo auspicata.

    Il sogno di un risiko a colpi di uragano

    RispondiElimina
  17. Era ora che i giornali ne parlassero in termini più reali ed espliciti.
    Speriamo che sia l'inizio del risveglio.
    Ma come la prenderanno i nostri amici burattini al servizio del potere?
    Spero che quando non serviranno più come disinformatori gli utilizzino come nel finale di una famosa canzone di Elio e le storie tese: gli mettano una scopa in c.... e li mettano a ramazzare le stanze(del potere).

    Per chi avesse ancora dubbi circa la vaccinazione Ah1-n1, riporto da fonti ufficiali
    personalmente interpellate:
    il vaccino è SPERIMENTALE e la stragrande maggioranza dei medici circa l'80-90% non si vaccinano in quanto troppo pericoloso.
    Ulteriore prova che i bla bla bla....di Fazio & Co. sono tutte una montagna di palle basta guardarli in faccia mentre parlano per capire che mentono!
    Un caloroso saluto a tutti.

    RispondiElimina
  18. A proposito delle menzogne sui vaccini, segnalo l'ultimo articolo di Zret. Qui.

    Una nota su Voyager: ieri sera, scandalosamente, occupandosi del virus A/H1N1, non hanno fatto il minimo accenno alla composizione dei vaccini. Essi hanno una volta di più confermato la deriva di disinformazione di regime mascherata da controinformazione libera. Così accadde anche nella puntata sulle scie chimiche, nella quale i militari e la mendace E.N.A.V. ebbero il loro bel palcoscenico potendo raccontare liberamente balle.

    RispondiElimina
  19. Notizia (che forse farà ridere i soliti ebeti)!

    Oggi ho sentito con le mie orecchie diverse persone per strada mentre parlavano di "squalene", "mercurio" e altri ingredienti tossici contenuti nei vaccini.

    Con nonchalance ho ascoltato i discorsi facendo finta di occuparmi d'altro e con mia sorpresa ho udito persone incazzate con il bombardamento mediatico al quale siamo tutti sottoposti.

    Confesso che non me l'aspettavo e dentro di me ho esultato; ho assistito per la prima volta ad una presa di coscienza senza che io aprissi bocca!!!

    Non siamo soli.

    RispondiElimina
  20. Ciao Mike, la Rete sta svolgendo un eccelente lavoro in contrapposizione alle menzogne dei media di regime ed i risultati si vedono. Bene!

    RispondiElimina
  21. Mike, il Tuo articolo è stato replicato qui. ;-)

    RispondiElimina
  22. tornando ai filamenti

    quando ho letto l'articolo di Tursiops e l'aggiunta scritta da voi mi è venuta in mente una cosa che mi era stata riferita circa un anno fa. Praticamente il liquido di base che serve per creare i filamenti si trova in contenitori di metallo simili a delle grosse siringhe. Il liquido viene lentamente spinto ( immaginate sempre la siringa ) e fatto passare attraverso un tubicino che conduce il materiariale fuori dal contenitore. Una volta che il liquido viene a contatto con l'aria si trasforma nei lunghi filamenti bianchi che conosciamo bene. Tali filamenti servirebbero a trasportare degli agenti biologici che hanno il compito di colpire le coltivazioni ( come non lo so ). All'inizio ero un pò scettico, poi leggendo l'articolo di qualche giorno fa ho rivalutato la cosa.

    RispondiElimina
  23. Ciao a tutti. Mike, farà ridere due volte gli ebeti ma questa mattina anche io ho sentito un gruppetto di persone parlare dello squalene nei vaccini e di preferire l'influenza vera all'iniezione di tali vaccini tossici. Per me possono ridere fino a crepare o ricamarci su quattrocento articoli demenziali, l'importante è procedere, qualche risultato si otterrà. Poi, come giustamente scrive Zret sul suo acuto articolo, la storia farà il suo decorso sui destini di ognuno.

    RispondiElimina
  24. Ciao Daniel, tempo fa avevo pubblicato un filmato della DARP sulle tele polimeriche e nel video mostrano quanto da te descritto.

    RispondiElimina
  25. Quanto scrivi Daniel, si collega, a mio parere, alla nanotecnologia ed alla biotecnologia. E' probabile che i filamenti siano vettori di batteri, virus e di viron (virus modificati in laboratorio) che agiscono, aggredendo le piante e modificandoli geneticamente. Il mais ed altri cereali sono stati modificati geneticamente, tramite l'introduzione nel genoma delle piante di sequenze genetiche di Agrobacterium. Credo che il processo sia questo.

    Ginger, speriamo in un'intelligenza della storia.

    Ciao e grazie.

    RispondiElimina
  26. Lupo, un "Bambin Gesù" microchippato...

    RispondiElimina
  27. @Straker, Zret, Corrado e tutti gli amici:

    Grazie per il lavoro immane che fate ogni santo giorno!

    @tutti i disinformatori:

    Chi semina vento, raccoglie tempesta.

    RispondiElimina
  28. ma lo sapete che Paolo Attivissimo sarebbe eventualmente disponibile a vaccinarsi in diretta tv insieme agli altri membri del CICAP?

    Lo farebbe per una buona causa, dimostrare che i timori per il vaccino sono tutti infondati.

    Il suo unico dubbio sarebbe che certa gente sarebbe forse pronta a gettare discreto su di lui asserendo che il vaccino sarebbe finto.

    Non ci credete?
    Potete sempre chiederglielo inviandogli una mail a topone@pobox.com

    A parer mio è un cosa che si potrebbe fare quella della vaccinazione in diretta, a patto ovviamente che nessuno getti discretito sulla sua persona.

    RispondiElimina
  29. Per me il vaccino se lo possono fare anche in una tempia... tanto messi peggio di così, potrebbero iniettarsi anche l'uranio impoverito, forse gli risveglierebbe un po' il cervello...

    RispondiElimina
  30. [...]Il Sole 24 ore scrive un articolo che conferma quanto asserito da Tanker Enemy e da tutti i ricercatori indipendenti in questi anni. Una svolta da tempo auspicata.[...]

    Quand'è che ci levano dalle palle tutti i disinformatori?

    RispondiElimina
  31. Se si vaccinano... speriamo.

    Comunicato stampa del sindacato medici di famiglia:

    COMUNICATO STAMPA
    INFLUENZA A, MILILLO SCRIVE LETTERA A MEDICI FIMMG "VACCINATEVI E AGEVOLATE VACCINAZIONE PER SOGGGETTI A RISCHIO"
    “Siamo di fronte alla sempre maggiore diffusione della pandemia ed il nostro compito fondamentale è quello di essere vicini ai cittadini assistendoli nel modo più compiuto e adeguato. Se da un lato ciò comporta la garanzia di cure alle persone affette da influenza, un altrettanto importante e fondamentale compito è rappresentato dalla prevenzione della diffusione della malattia nelle fasce di popolazione più vulnerabili.

    Invito ciascuno di voi a farsi parte attiva per agevolare al massimo la vaccinazione delle persone a rischio e a sottoporsi alla vaccinazione contro l’influenza pandemica”. E’ il messaggio del segretario nazionale della Fimmg, Giacomo Milillo, contenuto in una lettera che ha inviato ai 27.000 medici iscritti alla Federazione.

    “Questi mesi saranno un banco di prova importante per la nostra categoria – prosegue Milillo nella lettera - che dovrà dimostrare ai cittadini quanto è effettivamente al loro fianco nel momento del bisogno. La campagna vaccinale, programmata a partire dal 15 novembre, non è ancora a regime e in molte Asl si registra qualche difficoltà a decollare. In alcune regioni si è deciso di affidare la vaccinazione ai medici di medicina generale, in altre si è preferito assegnare questo compito a sedi distrettuali o aziendali. Non è importante chi somministra il vaccino contro l’influenza A, ma la realizzazione di una adeguata copertura vaccinale. Perciò è fondamentale che il messaggio alla popolazione sia il più chiaro ed omogeneo possibile. Non è un comportamento professionale corretto e responsabile – sottolinea Milillo - diffondere dubbi sulla sicurezza del vaccino e perplessità che non si basano su attendibili fonti di riferimento e contribuiscono piuttosto a creare un clima di confusione che potrebbe mettere a rischio le fasce vulnerabili della popolazione. La nostra vaccinazione – continua la lettera - serve a contribuire alla protezione della popolazione, in particolare dei malati cronici che assistiamo. Il vantaggio che la vaccinazione comporta nei soggetti a rischio (malati cronici, donne al secondo e terzo trimestre di gravidanza) è infinitamente superiore a possibili rischi teorici. I dubbi sulla sicurezza del vaccino sono infondati e pretestuosi: l’adiuvante in esso contenuto è stato somministrato a milioni di persone in passato (oltre 40 milioni) ed ha registrato solo tre o quattro casi di complicanze gravi. La quantità di mercurio contenuta nella dose vaccinale prelevata da un flacone multidose è paragonabile a quella che assumiamo mangiando una o due scatole di tonno”.

    10/11/09

    RispondiElimina
  32. Non ricordo in quale tv, ieri il satanista veronesi ha detto che il vaccino è sicuro.

    Lo dice uno che uccide migliaia di uomini, donne e bambini con la chemioterapia.

    Credetegli.

    RispondiElimina
  33. A Gianni: il fatto che attivissimo proponga tale cosa, unendosi alla schiera dei vaccinatori, si commenta da solo: i suoi spergiuri (insieme a tutti gli altri) sulla sicurezza dei componenti del vaccino è del tutto irrilevante e non frega a nessuno. Vista la fonte, crederei di più ad un qualsiasi bugiardo e truffatore recidivo raccolto per strada. Qua di sicuro c'è solo la forte intenzione di convincere la gente a farsi mettere le mani addosso anche contro la propria volontà e questo si definisce in un unico modo: pressione psicologica e violenza fisica.
    Perciò, se li facciano questi vaccini in diretta o in replica televisiva e poi vadano in pace!

    RispondiElimina
  34. Sottoscrivo pienamente quanto hai affermato, Ginger. Sono patetici.

    RispondiElimina
  35. Ciao Straker. Quelli sono peggio dei virus!

    RispondiElimina
  36. Se quello, che non nomino mai perché porta sfiga, si vuol far vaccinare in tv, sarà sicuramente un vaccino contenente solo soluzione fisiologica.

    A chi vogliono continuare a prendere per i fondelli?

    Grande Corrado!!!
    Ho già postato (e inviato via email ai miei amici) il link sulla polizia italiana che vuole vaccini sicuri!!!!

    RispondiElimina
  37. Riporto qui la richiesta avanzatami dall'autore dell'articolo qui riportato e dal titolo: "Bambini (e tutti noi) ed inquinamento ambientale".

    Caro Marcianò,

    La ringrazio dell´introduzione e della pubblicazione dell´articolo. Gentilmente se può postare questo commento poichè da tre diversi computer dalla Germnia non mi è stato possibile.

    "Sono l´autore dell´articolo postato da Zret. Comunico ufficialmente che a seguito della pubblicazione in questo sito il server di Reti Glocali e il mio Blog sono stati "oscurati" per almeno una giornata.
    Se questo è collegato, riproducete questo articolo in altri blog se è vero che è così da temere quanto tutti, ad alto livello, sanno già da 40 anni.

    Come al solito basta che non se ne parli anche se "tutti" sanno.

    Ringrazio per i commenti pertinenti che invito a postare anche sul blog:

    http://retiglocali.it/letteredallagermania"

    Mit freundlichen Grüßen
    Rocco

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis