martedì 14 agosto 2007

Sterilità e scie chimiche

Premetto al presente articolo, inerente alla possibile relazione tra sterilità maschile e chemtrails, un’osservazione. Non intendo in alcun modo essere polemico, ma sono necessarie sincerità e chiarezza.

L'osservazione riguarda un articolo scritto da Daniela Bortoluzzi sull'ultimo numero della rivista Nexus ed intitolato "Fisica quantistica, nanotecnologie o scienza del paranormale?" L'autrice, di cui riportammo la recensione del suo primo libro, "Alla ricerca dei libri di Thot", nella pregevole ricerca non si sente in dovere di citare come fonte questo blog, in ordine ai paragrafi dedicati al morbo di Morgellons ed alle nanotecnologie. Non si tratta di compiacere la nostra vanità, ma di riconoscere un lavoro faticossisimo, dispendioso e non esente da rischi e ritorsioni. Perciò auspichiamo che la gentilissima Daniela Bortoluzzi provveda, negli articoli che pubblicherà su Nexus, ad introdurre una glossa con gli opportuni riferimenti bibliografici e sitografici.

Fatta questa precisazione, procediamo con il tema dell'articolo.


E' noto che, con le chemtrails, sono diffuse sostanze venefiche. Queste tuttavia non mirano, se non in maniera indiretta e graduale, ad eliminare una parte della popolazione terrestre, in primis anziani e persone il cui sistema immunitario, per un motivo o per un altro, è compromesso o indebolito.

Questi ed altri veleni, infatti, oltre a causare varie patologie, sì da rendere i pazienti sempre più vulnerabili e dipendenti dal perverso sistema "sanitario" e farmaceutico, determinano ed hanno già provocato, come dimostrato da studi medico-scientifici, un’inquietante diminuzione della fertilità maschile, soprattutto nei paesi industrializzati.

Agli inquinanti contenuti nei cibi, nell’acqua e nell'ambiente, dovuti ad insetticidi, anticrittogamici, diserbanti… usati nell’agricoltura meccanizzata, agli scarichi industriali e degli autoveicoli, alle emissioni degli inceneritori e delle centrali per la produzione di energia elettrica etc., si devono purtroppo aggiungere bario, alluminio, zolfo, torio radioattivo, rame, silicio, titanio ed etilene dibromide(1).

E' altresì accertato che le onde elettromagnetiche possono incidere in modo negativo sulla fecondità: si pensi ai campi irradiati dai cellulari che moltissimi uomini sono soliti tenere accesi a contatto del corpo, ignari dei gravi pericoli per la salute. Si aggiungano tutte le altre irradiazioni elettrodinamiche cui le persone sono sottoposte (stazioni H.A.A.R.P., antenne della "telefonia mobile", forni a microonde, apparecchiature elettroniche etc.) e si comprenderà perché i problemi di sterilità siano sempre più frequenti.

Secondo gli autori del sito http://www.syti.net/, esiste un progetto delle élites basato sulla massiccia diffusione negli ecosistemi di pesticidi, di policlorobifenile e via discorrendo.

Il progetto è funzionale allo sviluppo di un nuovo mercato, quello dei neonati-prodotti, venduti ai genitori in base alle loro caratteristiche fisiche e psicologiche, corrispondenti al prezzo di vendita: bimbi belli ed intelligenti offerti a famiglie ricche; bimbi brutti e stupidi venduti a genitori poveri. Tale scenario eugenetico ricorda la situazione preconizzata da Aldous Leonard Huxley (1894-1963) nel romanzo Il mondo nuovo (Brave new world, 1932), in cui uno stato pressoché onnipotente ha avocato a sé, tra le varie competenze, la procreazione, dopo averla sottratta agli individui. Le strutture di potere fanno, così, nascere in provetta bimbi dalle differenti capacità intellettuali e dai più disparati tratti somatici. I piccoli sono destinati, una volta cresciuti ed appositamente condizionati, a formare cinque classi, da quella dirigente, composta da persone perspicaci ed avvenenti, al ceto dei lavoratori addetti alle mansioni più umili, deformi e stolidi.

Il programma delineato non consuona soltanto con gli interessi economici di aziende attive nel campo della manipolazione genetica, ma soprattutto coincide con la volontà di controllare ab origine ed in modo definitivo la massa della popolazione, predeterminandone le caratteristiche psichiche, intellettuali e fisiognomiche, nell'ambito di un sistema (sociale, economico, educativo...) rigido ed immutabile, con le persone ridotte ad automi usa e getta, ad ingranaggi di un meccanismo perfetto ed efficiente, nella sua assoluta disumanità.

(1)
L’etilene dibromide è un insetticida ufficialmente bandito dall’E.P.A., L’organismo statunitense per la protezione dell’ambiente.


Si ringraziano M. e V. per la segnalazione.

10 commenti:

  1. Madò, speriamo che non si a così......

    RispondiElimina
  2. Ciao Funnyman, spesso i romanzi di fantascienza o relative ad utopie negative, diventano realtà. Speriamo bene.
    Ciao

    RispondiElimina
  3. La cosa più inquietante, è che quando c'è di mezzo una catastrofe umanitaria, una epidemia, un problema ambientale, chi ci guadagna è sempre e solo chi ha le forze e le capacità di poter far smettere tutto questo schifo dall'oggi al domani. L'unica cosa che possiamo fare è informare, informare, informare, perchè è l'ignoranza e la falsa informazione l'arma preferita dai poteri forti per controllare determinate cose che dovrebbero essere di pubblico dominio
    PS: appena ho due secondi di tempo, inserisco nel mio blog il link al vostro sito. Complimenti ancora

    RispondiElimina
  4. Ciao amico, bisogna agire ed informare il più possibile. Le catastrofi innaturali sono causate da... poi la Croce rossa si arricchisce.

    Ciao e grazie!

    RispondiElimina
  5. Noto con soddisfazione che molte persone fino ad ora pressochè ignare della lurida politica portata avanti per millenni dalla setta degli Illuminati stanno prendendo coscienza dei problemi posti sullo scacchiere mondiale.
    Chi non è da lungo tempo abituato a ragionare in termini cospirazionisti rimane sorpreso della complessità e della malvagità della ragnatela nella quale l'umanità si trova coinvolta.
    Informare serve molto ma fino ad un certo punto: l'informazione alternativa, per attecchire, dovrà cadere su un terreno idoneo e raggiungerà solamente coloro che sono destinati a comprendere.
    Per tutti gli altri putroppo, per quanto colti ed intelligenti possano essere, non c'è più nulla da fare.

    RispondiElimina
  6. Paradossalmente i più refrattari sono i ricchi liberi professionisti... avvocati e medici in primis. Quando, davanti ai loro annicchiliti volti, si parerà la dura realtà, verrà loro un colpo, anche perché penseranno al tempo in cui, avvertiti, fecero spallucce.

    RispondiElimina
  7. La parabola del seminatore è quanto mai adatta, Paolo.

    Ciao

    RispondiElimina
  8. Bisognerebbe inventarsi una bella class action contro chi continua ad ucciderci e a distruggere sia il nostro ambiente che il nostro futuro. Tirando per i piedi un pesce piccolo, si riesce a far cadere i pesci grossi, stanandoli e rendendo di pubblico dominio le loro nefandezze. Non so però se fanno più rabbia loro o chi se ne frega di tutto questo: siamo ritornati ai tempi dell'antica Roma,quando il senato per occultare la propria corruzione dava libero sfogo al popolo tramite la liberalizzazione ad oltranza dei giochi violenti. Oggi le nazioni più "avanzate" hanno molte più persone interessate ai vari sport di quante ne siano interessate al welfare o all'ambiente, e chi non è interessato allo sport si disinteressa della politica o del bene comune e magari però segue con interesse le cronache rosa di questa o quella starlette di turno. E ci ritroviamo qui, soli soletti, a parlare del bene comune, quando magari lì fuori ci sono milioni di persone che non sanno minimamente in che razza di schifo vivono... uno schifo talmente grave che la gente preferisce morire ignara, che campare con l'orrore negli occhi, l'orrore di chi capisce , l'orrore di chi ha capito. L'orrore di chi sa che l'unico modo per essere Liberi, è lottare per il bene di persone che se ne fregano sia della nostra che della loro stessa esistenza

    RispondiElimina
  9. Sciopero fiscale motivato, ma dovremmo essere intanti. Come al solito, ci si ritrova in quattro gatti, mentre il popolo bue si fa abbindolare dai programmi TV infarciti di menzogne di regime. E continuano a pagare le tasse, gli imbecilli. Quelle stesse tasse che servono a finanziare il loro avellenamento quotidiano, ad opera di aerei chimci che, pur volando a bassa quota, non destano alcuna attenzione.

    RispondiElimina
  10. Questo divario tra i desti ed i dormienti sembra incolmabile. Come agire? Siamo voci che gridano nel deserto.

    Ciao

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis