lunedì 1 gennaio 2007

Bario e Sclerosi Multipla: conferme

Mark Purdey, il medico britannico impegnato per molti anni negli studi sulla BSE (Encefalite spongiforme bovina), in un documento del 2003, conferma la stretta correlazione tra il bario, rilasciato da velivoli non identificati, e la sclerosi multipla.

Chronic barium intoxication disrupts sulphated proteoglycan synthesis: a hypothesis for the origins of multiple sclerosis.

Mark Purdey november 2003

Clicca QUI per visionare il documento PDF originale, redatto da Purdey.

Alcuni passi dello studio...

(...) The high levels of Ba stemmed from local quarrying for Ba ores and/or use of Barium in paper/foundry/welding/textile/oil and gas well related industries, as well as from the use of Ba as an atmospheric aerosol spray for enhancing/refracting the signalling of radio/radar waves along military jet flight paths, missile test ranges, etc...

(...) whilst, more recently, high incidence MS foci have started to emerge nearer to the equator in countries like Sardinia...

...and this could be correlated to the sudden contamination of the
local atmospheres following detonations of Ba based local atmospheres following detonations of Ba based explosives [1,2] during military conflicts or exercises, or due to other military uses of Ba such as radar ducting aerosols...

(...) A local survey had established that 70% of the MS cases involved people who had been living beneath or near to the incoming/outgoing flight paths of the jet aeroplanes...


Ricerca a cura di
Gurzo

Sono ben 24 mila i giovani in Italia colpiti da sclerosi multipla, malattia del sistema nervoso centrale spesso progressivamente invalidante. Il 48% delle persone che ne soffrono appartiene dunque all’universo giovanile. I sintomi sono noti. Si va dall’affaticamento alla difficoltà a concentrarsi, dai disturbi sessuali a quelli motori e visivi. Non altrettanto note, invece, sono le cause della sclerosi. Le ipotesi sono molte, e le più diffuse sono quelle genetiche e ambientali.

In tema di cause ambientali, è stata ventilata più volte la possibilità che l’avvelenamento da metalli pesanti possa essere uno dei fattori principali nel sorgere della malattia. Ma ad oggi non sono molti i riscontri trovati sull'argomento. Uno studio inglese della Keele University, ripreso dalla BBC on line, ha ipotizzato come la malattia gravemente invalidante possa essere legata alla difficoltà dell’organismo nel “processare” il ferro e l’alluminio. Quest’ultimo, peraltro, era stato citato anche come possibile concausa della demenza di Alzheimer.

I risultati di un più recente studio

Lo studio britannico ha comparato i livelli dei metalli nelle urine dei soggetti affetti da sclerosi multipla e di altri non affetti dalla malattia e livelli ben più alti del previsto sono stati riscontrati in entrambi i gruppi. Osservando più nel dettaglio lo studio e con le dovute cautele, i risultati sono interessanti e in parte inattesi. Lo studio ha preso in esame 10 pazienti con la forma recidivante-remittente della malattia e altri 10 con la forma più grave, quella secondaria progressiva. Nel primo caso la malattia è caratterizzata da aggravamenti imprevedibili, durante i quali il paziente avverte nuovi sintomi o il peggioramento di quelli preesistenti. Il recupero può essere totale o parziale e la malattia può rimanere inattiva per mesi o addirittura anni. Questa forma colpisce circa il 25% dei pazienti affetti da sclerosi multipla.

Il secondo caso, invece, può insorgere nei pazienti che inizialmente presentavano la forma recidivante-remittente, ma che in seguito subiscono un aggravamento progressivo dei sintomi. Rappresenta circa il 40% dei casi. I 20 pazienti presi in esame sono stati messi a confronto con 20 soggetti sani. I ricercatori hanno preso in esame i livelli di ferro, che è stato più volte associato all’accelerazione del danno ossidativo tipico della malattia. E’ stato così possibile riscontrare che i livelli erano particolarmente alti nei soggetti malati, in particolare con la forma secondaria progressiva. I pazienti, invece, con la forma recidivante-remittente hanno evidenziato alti livelli di alluminio, l’altro metallo in questione, fino a 40 volte oltre quello riscontrato nei pazienti senza la malattia. Livelli paragonabili a quelli di soggetti affetti da una condizione nota come intolleranza all’alluminio.

L’osservazione è particolarmente interessante dal momento che, basandosi sugli studi animali, la mielina, la sostanza che riveste i nervi e che viene progressivamente persa con la sclerosi multipla, è uno dei target preferiti dall’alluminio. Man mano che si perde mielina una sostanza nota come proteina basica mielinica viene ritrovata nelle urine e non è da escludere che l’alluminio si presenti insieme. E per il ferro vale un discorso simile. L’ipotesi, cioè, è che i geni che predispongano alla sclerosi possano avere qualcosa a che fare anche con il metabolismo del ferro. Al di là dei risultati, però, rimane vero che la sclerosi multipla è una malattia molto complessa, di origine multifattoriale e ulteriori ricerche si rendono necessarie prima di trarre conclusioni avventate. ( Marco Malagutti - 22/02/06)

Fonte: Bbc on line da www.dica33.it

5 commenti:

  1. ciao, la foto della rotta a zig zag è molto interessante, l'ho appena usata per rispondere ai dubbi che mi poneva un mio amico a riguardo.
    potrei sapere dove è stata fatta?

    RispondiElimina
  2. Ciao Marco. Se non erro, quella foto è stata scattata in Friuli.

    QUI la
    trovi in dimensioni maggiori.

    RispondiElimina
  3. ciao, sono elena una ragazza di 23 anni che vive in provincia di vicenza . da un anno ormai sono affetta da sclerosi multipla. Nella mia zona fenomeni del genere se ne vedono parecchi (sarà la vicina base di aviano?). sinceramente dubito che questa malattia non sia causata da fenomeni legati ai cambiamenti ambientali. non vedo l'ora di spostarmi all'estero, in mezzo alla natura, lontano da queste scie chimiche.
    in bocca al lupo per le tue ricerche. se puoi, fammi sapere di più.
    grazie

    RispondiElimina
  4. Ciao Elena. Non vorrei mai leggere di persone così giovani già affette da malattie del genere, ma purtroppo queste patologie si sono fatte sempre più frequenti. Nella regione dove tu vivi, i casi di tumori o neuropatologie sono aumentati del 30%. Ciò è sicuramente dovuto ad agenti esterni ambientali. Su questo non ci sono dubbi. Nel tuo caso, il bario potrebbe avere un ruolo, ma devi fare degli accertamenti anche per il mercurio. Persone che sono riuscite, tramite opportune terapie (terapie chelanti), a diminuire la quantità di metalli nell'organismo, hanno avuto giovamento. Il mineralogramma sarebbe un esame da fare. Sul sito di Cristiana di Stefano, affetta anche lei da sclerosi multipla, potrai trovare altre utili informazioni.

    Ti ringrazio per averci scritto e ti ricordo che i commenti sono moderati a monte e quindi non sono subito visualizzati, perciò ti basta scrivere una sola volta. Mi dispiace che tu abbia dovuto riscrivere il Tuo intervento ben tre volte. Sorry. :-|

    RispondiElimina
  5. Ciao Elena, mi unisco alle parole di Straker e ti consiglio di contattare il Dottor Peccarisio di cui abbiamo inserito un articolo. Forse ti potrà dare qualche utile consiglio. Grazie e Dio (se esiste) sia con te. Ciao

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis