domenica 31 dicembre 2006

Precipitazione di sostanze sconosciute a ciel sereno


Il giorno 14 dicembre 2006, in seguito al passaggio di due velivoli chimici nel cielo che era sereno, avviene uno strano fenomeno: precipita una sorta di pioggia che si dissolveva completamente, non appena veniva a contatto con un oggetto solido (ringhiere, strada...). Il video che presentiamo mostra dei sottili filamenti dall'apparenza acquea, sulla cui natura, composizione chimica ed origine, tutte le ipotesi sono, per ora, possibili. E' comunque molto probabile che il fenomeno sia collegato al passaggio dei due tankers: infatti l'anomala precipitazione è stata notata, come si diceva, subito dopo aver osservato i velivoli della morte.

11 commenti:

  1. sono sbalorditaaa!
    dopo i lampi a ciel sereno,non mi ricordo dove,anche la pioggia!
    SAN REMO è proprio nel mirino di qualcuno,ma di chi? e perchè?
    ....vedrai che nel 2007 si saprà tutto...parola di sibilla hostunensi!....
    ciao Zret
    auguri per un cielo,ma non solo,SERENO!
    Angela

    RispondiElimina
  2. Ciao Angela. Vuoi il mio parere? Ebbene... penso che certi fenomeni stiano diventando comuni... ma quanti se ne avvedono?

    RispondiElimina
  3. Ciao Sibilla hostunensis, sono fenomeni fortiani, ma indagheremo e ti faremo sapere. Secondo me, accadono anche altrove, ma pochi ci fanno caso. Ciao!!!

    RispondiElimina
  4. mannaggia la "S"!
    vabbè ormai....
    hai ragione,potrebbero essere fortiani!ho letto il libro dei dannati 30 anni fa!
    a me è capitato un fenomeno fortiano dopo un fortissimo temporale al ritorno da Tara,a un certo punto trovammo la sede stradale invasa da ranocchi,io avevo già letto il libro e in quella occasione ebbi conferma che erano fenomeni possibili.....ma in seguito una spiegazione non l'ho mai trovata nelle mie letture......da notare che il territorio ostunese non ha stagni,paludi,da dove erano stati raccolti?così tanti?ci fermammo per non ucciderli!me lo ricordo come fosse ieri!
    ti ringrazio!
    come al solito mi hai aperto la mente!e fatto ricordare!
    CIAO...il primo del 2007!

    RispondiElimina
  5. ciao!
    la pioggia a ciel sereno del video è davvero strana...
    ma le scie lasciate dagli aerei mi sembra che non permangono nel cielo, c'è il montaggio del video quindi non lo posso dire con certezza ma mi sembra che le scie si dissolvano dopo qualche decina di secondi, questa volta potrebbero essere scie di condensazione.
    allora collegare la pioggia con il passaggio degli aerei forse è un passo un pò troppo lungo...
    se mi son perso qualche passaggio del video ditemelo

    RispondiElimina
  6. Ciao Marco. Non farti ingannare dalle apparenze. Se gli aerei sono tanto bassi da poter essere visti ad occhio nudo, volano a non più di 4000 metri di quota ed in quelle condizioni, non vi sono le condizioni per la formazione di contrails... nemmeno non persistenti. QUI puoi leggere un articolo che chiarisce le cose.

    RispondiElimina
  7. Quindi, ricapitolando:

    - la "sostanza acquea" si dissolveva non appena entrava in contatto con oggetti solidi: strade, ringhiere... e contenitori, suppongo. Quindi non c'era possibilità di raccoglierla, analizzarla e capire di che si trattasse

    - il filmato è stato rimontato, quindi da ciò che si vede non si può stabilire l'effettivo legame temporale tra gli eventi (passaggio degli aerei e pioggia)

    - le scie lasciate dagli aerei si comportano proprio come le contrails "normali", secondo la documentazione da voi stessi pubblicata

    - segnalo infine che (almeno in zone di mare) non è strano che si verifichi una leggera "pioggia a ciel sereno", in particolare quando l'aria è fredda e umida. Nel vostro filmato, tra l'altro, si vedono delle nuvole davanti alla telecamera. Dietro invece non si sa che cosa ci fosse (potevano benissimo esserci delle nuvole cariche di pioggia, trasportata in avanti dal vento).

    Scusate, ma a me il sensazionalismo attorno a queste immagini sembra assai poco credibile. Se volete fare un vero lavoro di denuncia, forse dovreste darvi del metodo.

    RispondiElimina
  8. Può essere che il fenomeno fosse naturale, anche se ne dubito. Tuttavia non sarà un'inezia ad inficiare o solo a scalfire un lavoro colossale, inoppugnabile, di squadra sulle scie VELENOSE e LETIFERE. Quanto a metodo, ne abbiamo più di Cartesio, ma si ricordino le parole di Feyerabend contro il metodo. Saluti.

    RispondiElimina
  9. Capisco, ma se si pensa che dietro tutto questo vi sia dietro l'inganno da parte nostra, anziché chiedersi cosa veramente sta accadendo (episodi simili sono stati riportati anche in altre regioni italiane), allora è meglio leggere la Gazzetta dello Sport. :-)
    Ti riporto questo link. Nel caso descritto, l'acqua piovana era stata raccolta... e non era granché pulita.

    RispondiElimina
  10. Caro Urbano, nessuno di noi che segue il fenomeno delle scie chimiche credo adori il sansazionalismo: è sufficiente alzare gli occhi al cielo e "vedere", cercare di capire cosa accade, informarsi. In ogni caso ci sono ormai studi scientifici che dimostrano la differenza tra scie di condensazione e quelle chimiche. In Sardegna, dove il fenomeno si è intensificato negli ultimi 2 anni, abbiamo dato vita a un comitato popolare col compito di divulgare info attraverso un sito, convegni, ecc. La cosa sensazionale è piuttosto il fatto che il "fenomeno" è sotto gli occhi di tutti e la maggior parte delle persone chiude gli occhi anche quando cerchi di spiegare...

    RispondiElimina
  11. Giusto, Fernanda. Basta alzare gli occhi al cielo e ragionare con quel poco di cervello che è rimasto.

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis