sabato 6 gennaio 2007

NWO: New World Order

In considerazione del fatto che la popolazione non reagisce assolutamente al quotidiano scempio cagionato dai velivoli chimici, ora sono arrivati anche alla provocazione di firmarsi.
Penso che un altro avrebbe ignorato un filmato del genere, ma a me piacciono le provocazioni ed allora non ho esitato ad inserirlo. Oggi sono ancora maggiormente convinto di ciò che ho deciso di fare. Ho notato, ovviamente, che gli aerei impegnati nella "firma" erano piccoli aerei con motore a scoppio monoelica (d'altro canto, non sarebbe stato possibile disegnare delle cifre, seppure grandi, se non con dei caccia, magari). Però... ho pensato che seppure non si tratta di una firma, è senza dubbio una strana provocazione firmare con lo stesso metodo usato dagli avvelenatori. Noi sapppiamo bene che oramai non v'è spot, film o cartoon che non sia infarcito di messaggi inerenti alle scie chimiche. Rendiamoci conto che le intenzioni dei pubblicitari coincidono perfettamente con il volere della sinarchia, poiché essi non fanno altro che seguire le direttive degli illuminati. Non v'è dubbio su questo. Non v'è dubbio che vi sia in atto un progetto di ampio respiro che mira ad inculcare nella popolazione l'idea che un cielo bianco e cosparso di scie sia una cosa del tutto normale. Qualsiasi mezzo è quindi lecito.

http://www.youtube.com/watch?v=aqz2dz3h3p8

34 commenti:

  1. Quelle "misteriose" scritte nel cielo non sono una "firma", e non hanno niente a che fare col "new world order". Si tratta della pubblicità di una serie televisiva. Maggiori informazioni (e link ad altre foto) qui:

    http://www.gothamist.com/archives/2007/01/03/new_years_skywr.php

    RispondiElimina
  2. Non mi fido per niente: le loro parole sono miele, ma i loro cuori sono di pietra. E poi se usano sostanze velenose e persistenti, sono comunque da condannare.
    Timeo Danaos et dona ferentes.
    Ciao

    RispondiElimina
  3. Tutto è possibile. Mi fa specie però che l'aspetto delle scie a formare le lettere, sia identico a quello delle reali scie chimiche e ciò, indirettamente, di là dal fatto che sia una firma occulta o invece uno sponsor, mi sembra che le chemtrails siano sin troppo simili a quanto si vede nel filmato. Stessa consistenza, stesso colore, stessa permanenza... Sono scie di condensa? Non tralasciamo inoltre il dettaglio, non indifferente che il tutto si staglia su di un fondale completamente imbibito di scie chimiche allargate. Un cielo di alluminio!

    RispondiElimina
  4. Hai ragione, Straker: quelli sono cieli chimici ed ipertossici sull'America del Nord. Tuttavia la parola che si staglia su simile canovaccio è 'WHO' e non 'NWO'.E pure l'aereo che disperde quella infame schifezza non mi sembra un tanker di quelli classici che passano in continuazione sulle nostre teste ma un piper o qualcosa del genere. Volava anche molto, troppo basso. Ma è giusto quando affermi che le caratteristche delle scie rilasciate sono quelle tipiche delle chemtrails al bario ed alluminio.
    Avete sentito le frasi pronunciate ieri da Benedetto XVI sulla necessità del Nuovo Ordine Mondiale? Bisogna dedicarvi un pò di spazio e sicuramente un blog. I veri fautori di tale sistema coercitivo si decidono finalmente a gettare la maschera. Noi siamo pronti anche se la verità è nota ormai da tempo.

    Paolo

    RispondiElimina
  5. figurarsi!!!!!!!!se con delle scie di cui pochissimi si accorgono,si possa fare della pubblicità!
    troppo limitata...

    le gente vede i cartelloni in terra, giusto perchè giganteschi!
    altrimenti non vedrebbe niente, va troppo di corsa!figurarsi le scritte in cielo!

    fossero state scie normali non si sarebbe fatto in tempo a riprenderle...così bene!


    forse non è una firma,ma un messaggio!quello che stiamo aspettando(+ o -),una conferma alla nostra ipotesi...un inizio di denunzia......è già qualcosaaa!
    o...propaganda per il NWO?
    NO,c'è già il Papa che la fa!


    io sono per il bicchiere sempre mezzo pieno!
    ciao a tutti!
    Angela

    RispondiElimina
  6. Ma...ma...Ora, anche con tanta fantasia posso capire il confondere una pubblicita' con un complotto mondiale....ma davanti alla verita' ancora dubitate?

    Mi sembra che si stia passando ogni limite di decenza, spero che siate un gruppo che si diverte a creare falsi complotti per vedere la reazione della gente, perche' se siete veramente cosi', c'e' da avere paura di gente come voi.

    RispondiElimina
  7. Se leggi anche altro, presente su questo blog, anziché guardare alla pagliuzza, magari cambi idea... ma non è detto che tu non sia già dall'altra parte della barricata ed allora quello che scrivi, si spiega benissimo e non merita considerazione o preoccupazione da parte nostra.

    RispondiElimina
  8. SSSI' MICHAEL....comincia ad avere paura di noi,così sarai preparato quando ti troverai davanti a una realtà da vera, grande paura!(che è già iniziata!)
    noi ci stiamo adoperando per questo...preparare le persone,renderle consapevoli e possibilmente metterle in condizioni di difendersi....
    se per tua tranquillità,preferisci
    credere di vivere in un mondo NORMALE,fallo pure,ma non qualificare noi come MOSTRI di cui aver paura!
    noi stiamo denunziando i MOSTRI,non cambiamo le carte in tavola!
    Angela

    RispondiElimina
  9. Si, mi hai beccato.
    Faccio parte del complotto anche io, insieme alle migliaia di controllori di volo civili, agli abitanti dei comuni intorno agli aeroporti da cui partono i tankers (che, fateci caso, non sono mai fotografati a terra...e in italia non esistono basi militari coperte al punto da non poter fotografare aerei in decollo o atterraggio in modo sufficientemente ravvicinato)

    Guarda, e' proprio perche' ho letto il resto che ho paura di voi!
    I campi elettromagnetici (se devo essere sincero non ho mai letto una cosa del genere, e nel settore so qualcosina...) gli ufo...chiedo scusa, "sonde interdimensionali"...cosi' le avete chiamate no?

    Dati sicuri e certi senza lo straccio di una fonte. Anzi, neppure i dati! I siti che parlano di scie chimiche si linkano tra di loro.

    Io VOGLIO saperne di piu', non ho nessun problema a tornare sui miei passi, quando sapro' come sono state condotte queste analisi chimiche, e da chi. E dove.

    RispondiElimina
  10. Ciao Paolo, ho letto il discorso del sei gennaio tenuto dal papa e mi sono salvato il testo di cui darò conto - penso - domani. E' evidente dove vuole parare. Qui le strade divergono: alcuni vedono in B 16 il braccio, altri (pochi)la mente (anche se la mente reale è altrove). Sai come la penso io. In ogni caso, è palese che la Chiesa gioca un ruolo determinante. Noi alla verità siamo pronti, ma gli altri...? Ciao

    RispondiElimina
  11. Hai ragione, Straker: quelli sono cieli chimici ed ipertossici sull'America del Nord. Tuttavia la parola che si staglia su simile canovaccio è 'WHO' e non 'NWO'.E pure l'aereo che disperde quella infame schifezza non mi sembra un tanker di quelli classici che passano in continuazione sulle nostre teste ma un piper o qualcosa del genere. Volava anche molto, troppo basso. Ma è giusto quando affermi che le caratteristche delle scie rilasciate sono quelle tipiche delle chemtrails al bario ed alluminio.
    Avete sentito le frasi pronunciate ieri da Benedetto XVI sulla necessità del Nuovo Ordine Mondiale? Bisogna dedicarvi un pò di spazio e sicuramente un blog. I veri fautori di tale sistema coercitivo si decidono finalmente a gettare la maschera. Noi siamo pronti anche se la verità è nota ormai da tempo.

    Paolo


    Penso che un altro avrebbe ignorato un filmato del genere, ma a me piacciono le provocazioni ed allora non ho esitato ad inserirlo. Oggi sono ancora maggiormente convinto di ciò che ho deciso di fare. Ho notato, ovviamente, che gli aerei impegnati nella "firma" erano piccoli (d'altro canto, non sarebbe stato possibile disegnare delle cifre, seppure grandi, se non con dei caccia, magari). Però... ho pensato, se non si tratta di una firma, è senza dubbio una strana provocazione firmare con lo stesso metodo usato dagli avvelenatori. Noi sapppiamo bene che oramai non v'è spot, film o cartoon che non sia infarcito di messaggi inerenti alle scie chimiche. Rendiamoci conto che le intenzioni dei pubblicitari coincidono perfettamente con il volere della sinarchia, poiché essi non fanno altro che seguire le direttive degli illuminati. Non v'è dubbio su questo. Non v'è dubbio che vi sia in atto un progetto di ampio respiro che mira ad inculcare nella popolazione l'idea che un cielo bianco e cosparso di scie sia una cosa del tutto normale. Qualsiasi mezzo è quindi lecito.

    RispondiElimina
  12. navigando in NWO ho trovato il seguente sito....DA VISITARE!

    CHEMTRAILS-XIANDO

    in inglese,ma per voi NO PROBLEM!
    dateci una sbirciatina!
    secondo me ne vale la pena!

    buona settimana
    angela

    RispondiElimina
  13. Michael. Temo tu sia rimasto un pò indietro.

    RispondiElimina
  14. Caro Straker, questa volta pubblichi sul tuo Sito una bufala che ti costerà l'Immagine che ti sei costruito. Stai più attento!
    Il video con queste scritte nel cielo é opera di un Biplano , cioè quegli aereoplanetti acrobatici anche per voli di prova, si vede benissimo osservando il video ( ha doppie ali) ; voli con fumogeni che a distanza sembrano ad alta quota : Siamo sui 800 --1000 metri massimo. Nulla a che fare con le scie chimiche. Mi dispiace ma per me Il Sito retrocede alla casella dei Bidonati . Se per far cassa si devono mettere in rete (nel Sito) qualsiasi cosa , si sappia che le bugie non rendono....e sono controproducenti

    RispondiElimina
  15. Giorgio... se leggi il commento più sopra, capisci perché l'ho pubblicato.

    RispondiElimina
  16. Conosco bene la differenza tra scie chimiche e scie di condensazione.

    E chiunque abbia osservato il cielo ancora in questi ultimi giorni dovrebbe essere seriamente preoccupato. E inquieto.

    L'evidenza appare innegabile.

    Ma una domanda del tal Michael mi pare pertinente:

    Faccio parte del complotto anche io, insieme alle migliaia di controllori di volo civili, agli abitanti dei comuni intorno agli aeroporti da cui partono i tankers (che, fateci caso, non sono mai fotografati a terra...e in italia non esistono basi militari coperte al punto da non poter fotografare aerei in decollo o atterraggio in modo sufficientemente ravvicinato)

    C'è una risposta a questa domanda?

    Grazie.

    RispondiElimina
  17. Quelle di Michael sono affermazioni gratuite. Nella foto... un KC-135 senza contrassegni fotografato in atterraggio all'aeroporto di Caselle (TO). Ma è solo un esempio. Ce ne sono altre.

    Clicca QUI per visualizzare il tanker.

    RispondiElimina
  18. Scommetto che questo post verra' moderato e non comparira' mai, ma io ci provo lo stesso no? Almeno per dovere di cronaca.

    Per fortuna ho un amico che sa il suo mestiere (ilNano, gia' commentatore su questo blog) e mi ha fatto notare questa cosa:
    http://www.airliners.net/open.file/1068565/M/

    L'aereo in questione è un Boeing 707 Tanker Transport e non un KC-135 sebbene molto simili.
    L'aeronautica militare italiana NON ha kc135 in servizio e non li ha mai avuti.

    Quello ripreso in volo *potrebbe* essere un kc-135, e se lo fosse non sarebbe italiano, e non avrebbe senso cercare coccarde e scritte da confrontare con il Boeing.

    Il confronto sembra meno indicato ora, anche se non si capisce se l'intenzione e' di indicare che si tratta dello stesso aereo oppure se si intende confrontare un aereo palesemente italiano, marchiato e militare con un ipotetico irroratore.

    RispondiElimina
  19. Quel tanker è stato fotografato in atterraggio e decollo svariate volte a e da Caselle. E' lo stesso velivolo acquistato di terza mano dal nostro paese. E' senza coccarde ed una sera ha rischiato anche di precipitare su di un quartiere densamente popolato... vuoi per l'imperizia del pilota, vuoi per la vetustità della macchina. La foto che hai segnalato nel link è, giustamente, quella che ritrae lo stesso tanker fotografato a Pratica di Mare. Spero tu sappia leggere l'inglese. tutto è scritto nella foto che ho postato nell'altra risposta e che ho preparato allo scopo di dimostrare che il velivolo fotografato sopra Caselle era privo di targhe, non perché le avevo ritoccate io al computer, ma perché erano state realmente rimosse. Ora... mi si spieghi cosa diavolo ci fa un aereo senza contrassegni nei nostri cieli. Quali permessi ha per non essere costretto ad atterrare dopo dieci minuti che è in volo senza coccarde? Allora? Adesso quale altra idea ti balenerà per confutare anche questi fatti?

    Eppoi... si parlava di aerei senza contrassegni e se pure non si tratta di un KC-135 puro, non era quella la questione, mi pare.

    RispondiElimina
  20. P.S.

    Salutami ilNano, il quale si era fatto onore con un suo poco onorevole commento.

    Piloti eh?

    RispondiElimina
  21. Assolutamente no, nessuno di noi due e' pilota!

    In ogni caso, la foto che tu hai postato dice che si tratta di un kc135 mentre in realta' e' un B707.

    Quello in volo non ha gli oblo', o per lo meno non sono visibili a quella risoluzione, ma essendo discernibile il windshield (il "vetro davanti") mi aspetterei almeno un'ombra a livello della fila di oblo'.
    Non sono lo stesso aereo.

    L'aereo ritratto a pratica di mare e' perfettamente conosciuto, con tanto di numero di matricola (da airliners.net).

    Dove hai trovato l'informazione che l'aereo in questione ha rischiato di precipitare su un quartiere densamente popolato. E QUALE quartiere?

    ilNano ricambia i saluti

    RispondiElimina
  22. Buonasera Straker.
    Effettivamente devo delle scuse a te e a Zret per la parte che tira in ballo voi due direttamente nel mio post che hai linkato...scrivere in un blog che normalmente conta 10 persone da' l'impressione di essere nel proprio salotto di casa e magari di poter sparlare del vicino liberamente. Comunque ho provveduto a scusarmi anche anche su csidnc...ci tengo perche' il rispetto e' alla base di ogni competizione onesta.

    Ti ripasso ora la palla per quanto riguarda la questione del tanker di cui hai postato la foto.
    Il B707 e' uno dei 4 in servizio all'AMI fino a quest'estate ed era un tanker nel senso che era una cisterna per rifornimenti in volo.
    Ormai e' stato radiato da mesi e mandato negli USA per essere demolito (http://www.aviazionecivile.it/forum/default.asp?CAT_ID=1 su questo forum c'e' una notizia in merito)
    L'aereo nella foto lowres (troppo low res) non e' assolutamente identificabile. Forse si riesce a capire il modello, ma con forti dubbi.

    Come puoi affermare con certezza che si tratti di un tanker?

    RispondiElimina
  23. Che sia un B707 o un KC-135, a questo punto ha poca importanza. Come quello o simili e comunque a bassa quota, ne passano a centinaia sopra casa mia ed altrove. Sono privi di contrassegni e sciano. Punto.

    Sul fatto che stava stallando in fase di atterraggio... fidati, ho fonti sicure, ma riservate.

    RispondiElimina
  24. P.S.

    Sono lieto di avere un confronto onesto e rispettoso, quindi accetto le scuse.

    RispondiElimina
  25. Ok letto il link. Giustissimo.
    La magagna e' che non prova nulla in quanto queste cose si sanno gia' da tempo e sono di dominio pubblico. Perche' esistono delle distanze minime dalle linee aeree dell'alta tensione sotto le quali non si possono costruire case? Perche' i tre-sei fili dell'alta tensione sui tralicci sono accoppiati in una certa maniera in modo che i campi EM si compensino il piu' possibile?
    Il fatto che gli EMF facciano male non implica che siano parte di un ipotetico progetto di sottomissione globale della popolazione. E inoltre cosa c'entrano le scie chimiche in tutto cio'?
    Tra l'altro i ripetitori GSM con i campi EM a 50/60Hz cosa c'entrano visto che lavorano a 900MHz-1800MHz?
    Andando avanti cosi' potremo supporre che gli Access point WIFI sono asserviti allo stesso scopo e sono la loro nuova arma, diffusa capillarmente e controllabile in ogni momento da remoto tramite Internet.
    Cioe': vi rendete conto che forse la carne al fuoco e' davvero davvero troppa?

    RispondiElimina
  26. Ah PS: lo stallo in atterraggio dimostra solo un errore del pilota o una folata di vento dalla coda.
    Oltre al fatto che per volare nei nostri cieli gli aerei (qualsiasi aereo) deve indicare le cosidette marche vicino alla coda o sulla pinna. Magari poco anzi per nulla visibili dal suolo, sono sempre leggibili da un altro aereo in volo. (e' il modo con cui si identifica un aereo non in rotta durante uno scramble).Inoltre gli aerei da trasporto militare sono soliti avere una livrea molto sobria.
    La foto che hai messo del B707 lo dimostra in pieno.

    RispondiElimina
  27. E' ovvio che nello studio segnalato non si tiene conto (forse non ne sanno nulla) delle onde ELF che vanno da 4 a 14 hz (H.A.A.R.P. le emette - è ufficiale e le scie chimiche fanno sì che la ionosfera, imbibita di alluminio, bario, rame, quarzo, le ritrasmetta). Mi convinco che non hai letto alcune fondamentali informazioni che abbiamo tradotto da fonti attendibili e quindi comprendo le Tue/Vostre perplessità. Vedi, ad esempio, gli studi che correlano la BSE alle emissioni radio a scopi militari e che fanno uso di bario ed alluminio in atmosfera.

    Ora si è fatto tardi e non mi dilungo oltre, ma ci ripromettiamo di affrontare nuovamente l'argomento e con nuovi elementi probanti.

    RispondiElimina
  28. Atmospheric broadcasting

    The layer of the atmosphere known as the ionosphere, at an altitude of 50 kilometres, is already used as a radio reflector, bouncing low frequency radio signals from one side of the world to the other.

    Researchers at Samsung in Korea are now working on a way to turn the ionosphere into an antenna. A patent application filed by the company reveals plans to direct higher frequencies radio signals, at about 1 gigahertz, at the ionosphere, to alter its behaviour.

    It describes using an Ultra High Frequency (UHF) radio signal, of a few hundred megahertz, and a carrier signal of around 1 gigahertz. The mix would be amplified and focused by a dish into a spot beam that hits the underside of the ionosphere.

    SEGUE

    RispondiElimina
  29. United States Patent Application 20060121859
    Kind Code A1
    Lee; Sang-Hun June 8, 2006

    Long distance communication system and method using the ionosphere

    Abstract

    Disclosed is a long distance communication system using the ionosphere. The long distance communication system includes an Earth station for modulating a signal having a modulation frequency onto a carrier frequency signal, which is absorbable in the ionosphere, and radiating a modulation frequency signal to a specific region of the ionosphere. The signal transmitted from the Earth station converts a DC current into an AC current in the ionosphere and the AC current re-radiates the modulation frequency signal to the Earth.

    SEGUE

    RispondiElimina
  30. Molto interessante se non intrigante questa faccenda delle scie chimiche.

    E' vero, solo oggi ho incontrato per caso il fenomeno delle chemitrails e quindi diciamo non sono superinformato su questo tipo di fenomeno.

    Premetto:
    anche io spesso mi sento che ci sia qualcuno che complotta contro una popolazione che nasce per produrre e consumare tutta la vita ma lo riconduco al fatto che il genere umano ha nella sua natura il "compito" di eccellere l'uno sull'altro...non ci tireremo più pietre ma in compenso le competizioni alle quali siamo sottoposti sono migliaia.

    Ora, da persona pensante come molte in queso forum, invito a riflettere su questi eventi.

    Allora:
    l'Iraq ha il petrolio e Bush, come tutti sappiamo, ha mosso un'invasione per andarselo a prendere. Questo gesto gli è costato la faccia...perchè bombardare l'Iraq con delle bombe REALI quando poteva bombardarlo con le chemitrails? Silenziose, efficaci, aerei anonimi...e perchè per indebolire le resistenze irachene, non cosparge il cielo di quella roba e poi attacca via terra con i militari che troverebbero la strada pressochè spianata?

    Ragazzi, sapere che ci sono governi che molti fattacci li nascondono va bene, fa pensare ad una popolazione che non accetta più tutto quello che gli viene detto...ma da li a vedere un complotto dietro ogni "fenomeno strano" si rischia di passare dall'altra parte, ossia ci si impegna a cercare complotti fantomatici mentre qualcuno ve lo sta REALMENTE mettendo nel cu**lo nel modo che meno vi immaginate.

    Rispetto tuttavia il pensiero di voi tutti, in fondo c'è chi crede nelle scie chimiche e c'è chi è cristiano.

    Con rispetto.

    MrPink

    RispondiElimina
  31. Ciao. Se fai caso, spesso nei notiziari che mostrano scenari iracheni, noterai cieli a griglie anche lì. Inoltre, lo stesso governo degli Stati Uniti ha ammesso, con orgoglio, di aver usato nanomacchine (sotto forma di nanopolimeri), avendole cosparse, tramite aerei, a tonnellate sulle truppe nemiche e chiunque vi si trovasse sotto tiro. Queste nanomacchine vengono tranquillamente inalate dalla popolazione e possono trasmettere informazioni a distanza. Sono autoreplicanti e non sono innocue. Non è fantascienza, ma realtà.

    E poi... basta osservare il cielo o le satellitari Aeronet, per verificare con i propri occhi e togliersi tutti i dubbi.

    Un altro breve aneddoto, che mi raccontava un abitante di una contea nella quale Bush passa alcuni fine settimana per rilassarsi, dopo giorni di "riposo" alla casa Bianca. Il mio corrispondente mi testimoniava che, già da due giorni prima della visita di Bush, le irrorazioni chimiche (incessanti tutti i giorni), si interrompono sempre, per poi riprendere, quando il presidente fantoccio va via.

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis