giovedì 13 settembre 2007

Scie chimiche: un approccio fortiano (articolo di C. Bennet)

Pubblichiamo un ampio stralcio di uno studio del ricercatore indipendente Colin Bennet. Sebbene alcuni aspetti dell’operazione scie chimiche siano meno misteriosi di quanto pensi lo studioso britannico (ad esempio, non è vero che non sono stati mai visti decollare gli aerei della morte), è comunque indiscutibile che l’attività di avvelenamento globale, per dimensioni, costi, implicazioni esterne, uso di tecnologie segrete etc. presenta caratteristiche spaventosamente anomale e, talora, enigmatiche. Proprio questa aberrante natura del fenomeno è, però, un’altra prova granitica ed irrefutabile che qualcosa nei cieli non quadra: sappiamo, infatti, che “la verità è inverosimile”. Il nostro ringraziamento a Paolo per la segnalazione.

Tre anni fa la squadra operativa di New Fortean Times compì un'investigazione sulle chemtrails in Gran Bretagna. Con l'ausilio di tre uomini e di una donna, ex appartenente alla Royal Air force, conducemmo un periodo di osservazione dei cieli di America ed Europa centrale, durato 24 ore, tramite la Rete, il telefono, radio ricetrasmittenti. I risultati sono stati inquietanti. Era ovvio che operazioni simultanee che coinvolgono un numero enorme di aerei erano predisposte in aree continentali sulle due sponde dell'Atlantico. Attraverso una serie di contatti, ottenemmo resoconti di persone su navi passeggeri e mercantili che solcavano l'Atlantico ed il Mediterraneo. Essi riferirono che le scie erano visibili mentre viaggiavano. Così concludemmo che le scie rappresentano una continua operazione di incredibile portata. Gli aerei coinvolti presentano caratteristiche e prestazioni di volo diverse da quelle di velivoli noti, sebbene non abbiamo trovato nei libri di aeronautica proprio questi precisi modelli. I velivoli assomigliano al 747 ed al vecchio 707, ma soprattutto al Boeing 757. Quantunque avessimo usato potenti cannocchiali e binocoli, non riuscimmo ad identificare alcun contrassegno. Ciò è notevole, perché è tecnicamente illegale. Misurammo, attraverso un'apposita strumentazione, la velocità di questi strani velivoli che è di circa 1200-1400 miglia orarie, ad una quota di 20000-30000 (?) piedi. Velocità e quota sono piuttosto alte, se raffrontate alle prestazioni di modelli obsoleti di velivoli.

Tutte queste cose sono strane, ma è ancora più stupefacente il numero di aerei coinvolti. Nel giorno scelto come campione, i nostri osservatori in Germania, Olanda, Italia, Spagna, Francia, Israele riportarono che, entro mezzogiorno, il cielo era stato attraversato da 234 aerei identici. Ciò rappresenta circa 2.340 voli al giorno che, moltiplicato per 10 (valore prudenziale), in tutto il mondo dà 23.400 sorvoli al giorno di aeromobili non militari e non supersonici che incrociano alla velocità di un Typhoon o di un caccia F-16.

Si confronti l’attività con i voli N.A.T.O. che, nell'arco di un anno, impiega, per le esercitazioni 300 aviogetti. Inoltre l'assenza di suono è strana. Anche un singolo Tornado con un postbruciatore scuoterebbe la popolazione di Londra. I regolamenti sull'uso dello spazio aereo non paiono un problema: le agenzie civili e militari per l’aviazione non vedono niente, non sentono niente, non dicono niente. Questo enorme numero di aerei non sembra decollare da basi individuabili. I velivoli non hanno apparentemente bisogno di rifornimento in volo. Le loro rotte appaiono allungarsi nel cielo come tracciate da un compasso: esse si incrociano a formare reticolati. Non sembra siano adoperate industrie per costruire i velivoli, basi logistiche, attrezzature per il rifornimento e non sono visti né atterrare né decollare. Il costo di queste operazioni deve essere spaventoso. Questi aerei non si avvalgono di sistemi di comunicazione, non hanno le liste dei passeggeri e non sono soggetti ad avarie ed incidenti, per quanto ne sappiamo. La manutenzione, il rifornimento di carburante, le strutture per la riparazione sono inimmaginabili. Le attività di addestramento del personale sembrano non esistere. Da dove vengono e che cosa fanno con le loro rotte che paiono insensate nel cielo?

18 commenti:

  1. letto l'articolo di Blondet su ecplanet..

    premetto che sono al corrente(spero di sbagliarmi!),che Blondet nega le scie chimiche...

    allora perchè si chiede che i governi ci nascondono qualcosa?

    qui sono tornati i velivoli in dose molto piu' evidente...

    purtroppo ho spaventato una mia collega mentre tornavamo dal lavoro ,sulla strada a cielo aperto!!

    è rimasta stordita!!

    qui dobbiamo fare qualcosa,FERMARE DI POLSO LA GENTE E URLARE CHE CI STANNO UCCIDENDO!!!
    e perseverare fin quando non non si sono convinti!

    a rischio di cazzotti in faccia!!

    NOI DOBBIAMO FARE PAURA alla gente che ignora,come fa la sinarchia verso di NOI!!

    p.s. se posso,come mai l'antivirus Kaspersky(grazie Attivissimo!),ogni volta che clicco automiribelli,mi indica un troian che sta per essere scaricato..senno'non carica la pagina?

    Grazie Zret,Straker...Tutti gli AMICI!

    RispondiElimina
  2. Mr.Jones scrive

    p.s. se posso,come mai l'antivirus Kaspersky(grazie Attivissimo!),ogni volta che clicco automiribelli,mi indica un troian che sta per essere scaricato..senno'non carica la pagina?

    E' un java script nel codice della home (sicuramente qualche sponsor). Meglio evitare di installarlo.

    Riguardo a quanto scrivi in testa al Tuo commento, non posso fa r altro che essere s'accordissimo con te. Qui ci ammazzano, ma la gente non se ne accorge. E' necessario un approccio diretto e quasi violento. Non vi sono altri modi, visto che il tempo è quello che è.

    RispondiElimina
  3. Sono due le cose: o prendiamo il toro per le corna, e in questo caso ci ammazzano di sicuro, oppure imbocchiamo la strada della non-violenza di Gandhi, ma anche in questo caso ci ammazzano lo stesso. Preferisco morire col sorriso sulle labbra sapendo di aver fatto una cosa giusta anche per i miei figli e per il futuro di tutti noi, piuttosto che in un ospedale con un male inguaribile causato dallo schifo che spruzzano notte e giorno sulla mia testa, e senza aver lottato.
    Io sono più propenso per l'attivismo "alla Gandhi"... e comunque lotto, lotto, lotto, per raggiungere più persone possibili e per innescare quel meraviglioso meccanismo che è il passaparola :).
    Sarà tutto inutile? Può darsi, anzi diciamo che è quasi certo: ma almeno avrò la Coscenza pulita, e morirò sapendo di aver fatto crescere il seme del dubbio anche solo in una persona.
    Il Libero Arbitrio c'è stato dato esattamente per compiere gesta del genere :).
    Alla prossima amici miei :)

    RispondiElimina
  4. Ciao a tutti,
    oggi sono uscito parecchio prima dall'ufficio. L'ho fatto perché ho da percorrere oltre 2000 km in un fine settimana.
    Una cosa triste.
    Mia zia (mai fumato una sigaretta in vita sua...) ha contratto il cancro del fumatore in una forma particolarmente aggressiva.
    Debbo quindi percorrere l'Italia per la sua lunghezza (dallo sperone alle Alpi) per avere un ultimo ricordo di lei viva.
    Una mia vicina di condominio ha, nel frattempo, contratto lo stesso male. Anche lei con il medesimo numero di sigarette all'attivo: ZERO.
    Che dire?
    Sono giorni che su Brindisi si rivedono le nubi "dritte" che s'infilano come aghi nei miei pensieri. La mattina parte splendente come solo il sole del Sud sa essere, gioiosa di una luce quasi irreale.
    Poi diventa "patinata", artificiale, cupa.
    E la gente muore.
    A cinquant'anni.
    Oggi ho chiesto a un mio collega di fissare il cielo e di dirmi cosa ne pensasse.
    Mi ha fissato come se fossi un idiota.
    Poi gli ho spiegato per una mezz'ora cosa sono le scie chimiche, suggerendogli di documentarsi.
    Ma alla fine a che serve?
    Perdonate lo sfogo.
    Un abbraccio a tutti
    PG

    RispondiElimina
  5. Mario, non ho parole. Siamo solidali con te.

    Ciao

    RispondiElimina
  6. ..la conferenza der pecoraro è finita!

    tra gli obiettivi da raggiungere,secondo il "programma" è quello di applicare il protocollo di Kyoto,in Italia,entro...il 2012!!!

    ARIDAJE!!!

    oggi a ben vedere,credo abbiano creato nuvole..una cosa diversa ed evidente...sicuramente su segnalazione dell'aeronautica.

    si percepiva sin dal mattino condizioni meteo,forse necessarie per la CREAZIONE!!

    in piu'qui e a Bari hanno sentito un fortissimo rombo di aereo,che ad orecchio volava bassissimo...su due persone ascoltate, una non è riuscito a vederlo,l'altra
    non ha capito la direzione,e nonè riuscita a vederlo!!

    mia madre conferma,adesso,non ha fatto in tempo a vederlo,nonostante la visuale 180 gradi a cielo aperto!

    il lavoro era cominciato divertendosi(!),ero,come sempre,comico divertente(menefreghista,il necessario!)...quindi l'aria era giusta per essere un po' sereni!

    dopo 4 ore e dopo l'irrorazoine,noto..sara'una coincidenza,che è aumentato lo stress un po'in giro( ma è quasi sempre cosi'),tra colleghi,tra la gente,tra il traffico non ne parliamo!

    Che dire,eppure il pianeta è grandissimo!!!

    non voglio neanche pensare all'aumento e all'accerchiamento
    delle antenne,sempre piu'!

    quei pali mi ricordano le punizioni
    agli eretici di un tempo!

    QUEI PALI,VOI VERMI LI INSTALLATE,

    E SU DI QUELLI VI METTEREI A SEDERE!!!

    IMMEDIATAMENTE!!!!

    RispondiElimina
  7. Un forum cui iscriversi.

    http://www.curenaturalicancro.org/

    RispondiElimina
  8. Mr Jones, sei sempre molto efficace. Cortesia fu a loro esser villani.

    Ciao

    RispondiElimina
  9. Rileggendo la traduzione dell'articolo di Bennet mi si ripropone ancora la "possibilità" che quello che noi "vediamo" e crediamo essere aerei in realtà siano altro. Qualcosa che il nostro cervello non sa ancora "tradurre". Ho un po' la stessa sensazione visiva quando osservo un operazione di tanker in piena regola! Una perfezione che mi fa sorgere il dubbio che nessun pilota "normale" sia su quello che a me sembra essere un "piccolo aereo bianco"! non so...
    Come sempre grazie!

    nico

    RispondiElimina
  10. Ed infatti è molto probabile che gran parte di essi, siano droni.

    RispondiElimina
  11. Nimaya, è appurato che molti sono droni: è per questo che mi chiedo per quale motivo essi...

    Ciao!

    RispondiElimina
  12. Si certo sono droni.
    Ma "sfugge" qualcosa.
    Mezzi innovativi che ricordano/richiamano a noi "l'immagine" di velivoli un po' vecchiotti e conosciuti!
    mhmm...
    fa parte anche questo della campagna di "normalizzazione"? :)
    o vi è dell'altro?



    ps Stamattina in Rai altra bischerata stile Guido Guidi
    ma di un suo collega di Rai Due!

    RispondiElimina
  13. Più semplicemente, mettono in campo la tecnologia in loro possesso. Eppoi noi parliamo di azioni perpetrate sulle teste di miliardi di cittadini ingenui, che pensano si tratti di normali aerei di linea con le loro "contrails". In questo caso è stato fondamentale l'apporto dei media e degli "scienziati" venduti, i quali hanno avallato la propaganda della N.A.S.A. nonché dei servizi segreti, tesa ad imporre la teoria delle scie di condensa.

    Insomma, il pastrocchio lo fa sempre il popolo bue e dato che i nostri governi conoscono bene il proprio gregge, si sono attrezzati di conseguenza.

    RispondiElimina
  14. yum yum, post ricco mi ci ficco!
    trovo solo ora questo post con relativi interessantissimi commenti---- abouttt..
    Charles Fort, e "una visione fortiana" della faccenda che c'interessa.

    "Scie chimiche: un approccio fortiano (articolo di C. Bennet)" è una tua riduzione, Zret, dell'articolo integrale da me tradotto lo scorso Luglio, che si trova qui, sul Forum SC:

    http://www.sciechimiche.org/forum/viewtopic.php?p=25626&sid=3566a2dc126606e24ddbda971a5b97c5

    Per quanto la tua "riduzione", Zret, sia ben fatta e più scorrevole della mia traduzione letterale dell'articolo, [e più che adeguata per lanciare questo seguito di interessanti e anche toccanti commenti) ritengo che la Seconda Parte dell'articolo, che tu hai tralasciato (in quanto non inerente direttamente alle SC ma piuttosto ad una dissertazione fortiana su "Il non-vedere ") si leghi più strettamente proprio... alla "visione fortiana" della quale mi piacerebbe condividere l'approfondimento con Voi.
    Lo farò fra breve sul mio Blog aperto di recente, che scusate se approfitto d'indicare:

    http://princeofpeace-pop.blogspot.com/
    (oh no! ancora un altro!)
    e che potreste trovare degno o congruente di linkare sul vostro.

    Posterò LI' sia l'intero capitolo dedicato a Charles Fort su "Il mattino dei maghi", mitico libro d'avanguardia su complotti, paranormale, e "what have you" degli anni '60, sia estratti (in inglese) dal Libro dei Dannati, uno dei suoi 4 libri, di cui si trovano già discrete citazioni nel suddetto capitolo.
    Trovo indispensabile, per capire Fort, almeno una attenta lettura della presentazione che ne fanno Powels e Bergier sul "Mattino dei maghi".

    Topic non del tutto chiuso allora?
    Il topic può continuare anche sul mio blog, cmq, o anche sul venerabile Forum SC.

    Mumble....
    Penso che quando si arriva a una sorta d'impasse........ dove mi sembra di essere almeno io rispetto al problema delle SC in questo momento........ seppur con le poche ma salde e ben documentate certezze che abbiamo......
    ed oggi davanti alla Coop e dovunque qui intorno c'era un cielo davvero strabiliante in quanto a devastante copertura totale di un originario SERENO............ e la gente entrava e usciva a frotte e nessuno pareva notare anomalie o neppure alzare gli occhi........
    In fondo quanti iscritti ci sono al Forum SC? 500?
    La metà?
    Beh statisticam. vuol dire che è consapevole delle strisce velenose 1 italiano su 5000 circa.
    In questo paese di 12.000 abitanti ce ne potrebbero essere un paio.......
    uno sono io!
    .... ah ah, me ne restano 11.999 tra cui scovare l'altro!
    Con Internet è n'ata'cousa! Vero?
    Forget'boutit!

    Penso che quando si arriva a una sorta d'impasse........ dicevo, sia nel divulgare, sia nel cercar di approfondire la questione, senza sapere, ahime', novell'Alice, quant'é profonda la tana del bianconiglio... si può tentare una visione più allargata del "problema" e/o provare a soppesare seriamente una "visione" un po' diversa dalla nostra costituita - come per esempio quella fortiana.
    Il Non-vedere è un fenomeno molto interessante per chi s'occupa di SC

    Au revoir,
    PoP

    RispondiElimina
  15. Azz... Zret non ha citato la fonte. Gli dirò di riparare. Ciao, PoP.

    RispondiElimina
  16. Straker, non ho scritto per questo, la fonte (della mia traduzione) l'ho citata io. Ho scritto solo per mantenere viva l'attenzione su una visione un po' alternativa della faccenda SC.
    D'altronde so che ci siete già preparati, siete aperti alle ipotesi più spinte.... dalle silfi agli ufo all'orgonite... e che è possibile anzi probabile che siamo bestiame per qualcuno.... e credo che un'occhiata al Libro dei Dannati di C.Fort possa interessarvi.
    Sono qui per questo.
    Ciao,
    PoP

    RispondiElimina
  17. Ciao PoP. E' giusto però citarti. Ti ringrazio per le utili segnalazioni e per i commenti costruttivi.

    Buona domenica!

    RispondiElimina
  18. Ciao PoP, non sono più riuscito a trovare sul forum la tua traduzione, così ho inserito una traslazione che avevo eseguito precedentemente di un testo segnalatomi da Paolo (sincronismi junghiani). Poi non sono riuscito più a trovare il sito comunque farraginoso di Bennet. Ecco spiegato il qui pro quo. Sulla percezione ho scritto vari articoli, tra cui Percezione e realtà, che sostituisce quella parte che non ho più trovato.

    In ogni caso, siamo ormai vicini alla sconfitta: la battaglia è persa, anche se non il conflitto, mentre continua a non piovere. Tuttavia non demordiamo.

    Ciao e grazie.

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis