domenica 31 dicembre 2006

Precipitazione di sostanze sconosciute a ciel sereno

Il giorno 14 dicembre 2006, in seguito al passaggio di due velivoli chimici nel cielo che era sereno, avviene uno strano fenomeno: precipita una sorta di pioggia che si dissolveva completamente, non appena veniva a contatto con un oggetto solido (ringhiere, strada...). Il video che presentiamo mostra dei sottili filamenti dall'apparenza acquea, sulla cui natura, composizione chimica ed origine, tutte le ipotesi sono, per ora, possibili. E' comunque molto probabile che il fenomeno sia collegato al passaggio dei due tankers: infatti l'anomala precipitazione è stata notata, come si diceva, subito dopo aver osservato i velivoli della morte.

venerdì 29 dicembre 2006

Brevetti U.S.A. sul controllo climatico

La cronostoria (parziale ed aggiornata al 2003) dei brevetti U.S.A. riguardanti le tecnologie di modifica del tempo atmosferico:


1338343 - April 27, 1920 - Process And Apparatus For The Production of Intense Artificial Clouds, Fogs, or Mists
1619183 - March 1, 1927 - Process of Producing Smoke Clouds From Moving Aircraft
1631753 - June 7, 1927 - Electric Heater - Referenced in 3990987
1665267 - April 10, 1928 - Process of Producing Artificial Fogs
1892132 - December 27, 1932 - Atomizing Attachment For Airplane Engine Exhausts
1928963 - October 3, 1933 - Electrical System And Method
1957075 - May 1, 1934 - Airplane Spray Equipment
2097581 - November 2, 1937 - Electric Stream Generator - Referenced in 3990987
2409201 - October 15, 1946 - Smoke Producing Mixture
2476171 - July 18, 1945 - Smoke Screen Generator
2550324 - April 24, 1951 - Process For Controlling Weather
2510867 - October 9, 1951 - Method of Crystal Formation and Precipitation
2582678 - June 15, 1952 - Material Disseminating Apparatus For Airplanes
2591988 - April 8, 1952 - Production of TiO2 Pigments - Referenced in 3899144
2614083 - October 14, 1952 - Metal Chloride Screening Smoke Mixture
2633455 - March 31, 1953 - Smoke Generator
2688069 - August 31, 1954 - Steam Generator - Referenced in 3990987
2721495 - October 25, 1955 - Method And Apparatus For Detecting Minute Crystal Forming Particles Suspended in a Gaseous Atmosphere
2730402 - January 10, 1956 - Controllable Dispersal Device
2801322 - July 30, 1957 - Decomposition Chamber for Monopropellant Fuel - Referenced in 3990987
2881335 - April 7, 1959 - Generation of Electrical Fields
2908442 - October 13, 1959 - Method For Dispersing Natural Atmospheric Fogs And Clouds
2986360 - May 30, 1962 - Aerial Insecticide Dusting Device
2963975 - December 13, 1960 - Cloud Seeding Carbon Dioxide Bullet
3126155 - March 24, 1964 - Silver Iodide Cloud Seeding Generator - Referenced in 3990987
3127107 - March 31, 1964 - Generation of Ice-Nucleating Crystals
3131131 - April 28, 1964 - Electrostatic Mixing in Microbial Conversions
3174150 - March 16, 1965 - Self-Focusing Antenna System
3234357 - February 8, 1966 - Electrically Heated Smoke Producing Device
3274035 - September 20, 1966 - Metallic Composition For Production of Hydroscopic Smoke
3300721 - January 24, 1967 - Means For Communication Through a Layer of Ionized Gases
3313487 - April 11, 1967 - Cloud Seeding Apparatus
3338476 - August 29, 1967 - Heating Device For Use With Aerosol Containers - Referenced in 3990987
3410489 - November 12, 1968 - Automatically Adjustable Airfoil Spray System With Pump
3429507 - February 25, 1969 - Rainmaker
3432208 - November 7, 1967 - Fluidized Particle Dispenser
3441214 - April 29, 1969 - Method And Apparatus For Seeding Clouds
3445844 - May 20, 1969 - Trapped Electromagnetic Radiation Communications System
3456880 - July 22, 1969 - Method Of Producing Precipitation From The Atmosphere
3518670 June 30, 1970 - Artificial Ion Cloud
3534906 - October 20, 1970 - Control of Atmospheric Particles
3545677 - December 8, 1970 - Method of Cloud Seeding
3564253 - February 16, 1971 - System And Method For Irradiation Of Planet Surface Areas
3587966 - June 28, 1971 - Freezing Nucleation
3601312 - August 24, 1971 - Methods of Increasing The Likelihood oF Precipatation By The Artificial Introduction Of Sea Water Vapor Into The Atmosphere Winward Of An Air Lift Region
3608810 - September 28, 1971 - Methods of Treating Atmospheric Conditions
3608820 - September 20, 1971 - Treatment of Atmospheric Conditions by Intermittent Dispensing of Materials Therein
3613992 - October 19, 1971 - Weather Modification Method
3630950 - December 28, 1971 - Combustible Compositions For Generating Aerosols, Particularly Suitable For Cloud Modification And Weather Control And Aerosolization Process
USRE29142 - This patent is a reissue of patent US3630950 - Combustible compositions for generating aerosols, particularly suitable for cloud modification and weather control and aerosolization process
3659785 - December 8, 1971 - Weather Modification Utilizing Microencapsulated Material
3666176 - March 3, 1972 - Solar Temperature Inversion Device
3677840 - July 18, 1972 - Pyrotechnics Comprising Oxide of Silver For Weather Modification Use
3722183 - March 27, 1973 - Device For Clearing Impurities From The Atmosphere
3769107 - October 30, 1973 - Pyrotechnic Composition For Generating Lead Based Smoke
3784099 - January 8, 1974 - Air Pollution Control Method
3785557 - January 15, 1974 - Cloud Seeding System
3795626 - March 5, 1974 - Weather Modification Process
3808595 - April 30, 1974 - Chaff Dispensing System
3813875 - June 4, 1974 - Rocket Having Barium Release System to Create Ion Clouds In The Upper Atmopsphere
3835059 - September 10, 1974 - Methods of Generating Ice Nuclei Smoke Particles For Weather Modification And Apparatus Therefore
3835293 - September 10, 1974 - Electrical Heating Aparatus For Generating Super Heated Vapors - Referenced in 3990987
3877642 - April 15, 1975 - Freezing Nucleant
3882393 - May 6, 1975 - Communications System Utilizing Modulation of The Characteristic Polarization of The Ionosphere
3896993 - July 29, 1975 - Process For Local Modification of Fog And Clouds For Triggering Their Precipitation And For Hindering The Development of Hail Producing Clouds
3899129 - August 12, 1975 - Apparatus for generating ice nuclei smoke particles for weather modification
3899144 - August 12, 1975 - Powder contrail generation
3940059 - February 24, 1976 - Method For Fog Dispersion
3940060 - February 24, 1976 - Vortex Ring Generator
3990987 - November 9, 1976 - Smoke generator
3992628 - November 16, 1976 - Countermeasure system for laser radiation
3994437 - November 30, 1976 - Broadcast dissemination of trace quantities of biologically active chemicals
4042196 - August 16, 1977 - Method and apparatus for triggering a substantial change in earth characteristics and measuring earth changes
RE29,142 - February 22, 1977 - Reissue of: 03630950 - Combustible compositions for generating aerosols, particularly suitable for cloud modification and weather control and aerosolization process
4035726 - July 12, 1977 - Method of controlling and/or improving high-latitude and other communications or radio wave surveillance systems by partial control of radio wave et al
4096005 - June 20, 1978 - Pyrotechnic Cloud Seeding Composition
4129252 - December 12, 1978 - Method and apparatus for production of seeding materials
4141274 - February 27, 1979 - Weather modification automatic cartridge dispenser
4167008 - September 4, 1979 - Fluid bed chaff dispenser
4347284 - August 31, 1982 - White cover sheet material capable of reflecting ultraviolet rays
4362271 - December 7, 1982 - Procedure for the artificial modification of atmospheric precipitation as well as compounds with a dimethyl sulfoxide base for use in carrying out said procedure
4402480 - September 6, 1983 - Atmosphere modification satellite
4412654 - November 1, 1983 - Laminar microjet atomizer and method of aerial spraying of liquids
4415265 - November 15, 1983 - Method and apparatus for aerosol particle absorption spectroscopy
4470544 - September 11, 1984 - Method of and Means for weather modification
4475927 - October 9, 1984 - Bipolar Fog Abatement System
4600147 - July 15, 1986 - Liquid propane generator for cloud seeding apparatus
4633714 - January 6, 1987 - Aerosol particle charge and size analyzer
4643355 - February 17, 1987 - Method and apparatus for modification of climatic conditions
4653690 - March 31, 1987 - Method of producing cumulus clouds
4684063 - August 4, 1987 - Particulates generation and removal
4686605 - August 11, 1987 - Method and apparatus for altering a region in the earth’s atmosphere, ionosphere, and/or magnetosphere
4704942 - November 10, 1987 - Charged Aerosol
4712155 - December 8, 1987 - Method and apparatus for creating an artificial electron cyclotron heating region of plasma
4744919 - May 17, 1988 - Method of dispersing particulate aerosol tracer
4766725 - August 30, 1988 - Method of suppressing formation of contrails and solution therefor
4829838 - May 16, 1989 - Method and apparatus for the measurement of the size of particles entrained in a gas
4836086 - June 6, 1989 - Apparatus and method for the mixing and diffusion of warm and cold air for dissolving fog
4873928 - October 17, 1989 - Nuclear-sized explosions without radiation
4948257 - August 14, 1990 - Laser optical measuring device and method for stabilizing fringe pattern spacing
4948050 - August 14, 1990 - Liquid atomizing apparatus for aerial spraying
4999637 - March 12, 1991 - Creation of artificial ionization clouds above the earth
5003186 - March 26, 1991 - Stratospheric Welsbach seeding for reduction of global warming
5005355 - April 9, 1991 - Method of suppressing formation of contrails and solution therefor
5038664 - August 13, 1991 - Method for producing a shell of relativistic particles at an altitude above the earths surface
5041760 - August 20, 1991 - Method and apparatus for generating and utilizing a compound plasma configuration
5041834 - August 20, 1991 - Artificial ionospheric mirror composed of a plasma layer which can be tilted
5056357 - October 15, 1991- Acoustic method for measuring properties of a mobile medium
5059909 - October 22, 1991 - Determination of particle size and electrical charge
5104069 - April 14, 1992 - Apparatus and method for ejecting matter from an aircraft
5110502 - May 5, 1992 - Method of suppressing formation of contrails and solution therefor
5156802 - October 20, 1992 - Inspection of fuel particles with acoustics
5174498 - December 29, 1992 - Cloud Seeding
5148173 - September 15, 1992 - Millimeter wave screening cloud and method
5245290 - September 14, 1993 - Device for determining the size and charge of colloidal particles by measuring electroacoustic effect
5286979 - February 15, 1994 - Process for absorbing ultraviolet radiation using dispersed melanin
5296910 - March 22, 1994 - Method and apparatus for particle analysis
5327222 - July 5, 1994 - Displacement information detecting apparatus
5357865 - October 25, 1994 - Method of cloud seeding
5360162 - November 1, 1994 - Method and composition for precipitation of atmospheric water
5383024 - January 17, 1995 - Optical wet steam monitor
5425413 - June 20, 1995 - Method to hinder the formation and to break-up overhead atmospheric inversions, enhance ground level air circulation and improve urban air quality
5434667 - July 18, 1995 - Characterization of particles by modulated dynamic light scattering
5441200 - August 15, 1995 - Tropical cyclone disruption
5486900 - January 23, 1996 - Measuring device for amount of charge of toner and image forming apparatus having the measuring device
5556029 - September 17, 1996 - Method of hydrometeor dissipation (clouds)
5628455 - May 13, 1997 - Method and apparatus for modification of supercooled fog
5631414 - May 20, 1997 - Method and device for remote diagnostics of ocean-atmosphere system state
5639441 - June 17, 1997 - Methods for fine particle formation
5762298 - June 9, 1998 - Use of artificial satellites in earth orbits adaptively to modify the effect that solar radiation would otherwise have on earth’s weather
5912396 - June 15, 1999 - System and method for remediation of selected atmospheric conditions
5922976 - July 13, 1999 - Method of measuring aerosol particles using automated mobility-classified aerosol detector
5949001 - September 7, 1999 - Method for aerodynamic particle size analysis
5984239 - November 16, 1999 - Weather modification by artificial satellite
6025402 - February 15, 2000 - Chemical composition for effectuating a reduction of visibility obscuration, and a detoxifixation of fumes and chemical fogs in spaces of fire origin
6030506 - February 29, 2000 - Preparation of independently generated highly reactive chemical species
6034073 - March 7, 2000 - Solvent detergent emulsions having antiviral activity
6045089 - April 4, 2000 - Solar-powered airplane
6056203 - May 2, 2000 - Method and apparatus for modifying supercooled clouds
6110590 - August 29, 2000 - Synthetically spun silk nanofibers and a process for making the same
6263744 - July 24, 2001 - Automated mobility-classified-aerosol detector
6281972 - August 28, 2001 - Method and apparatus for measuring particle-size distribution
6315213 - November 13, 2001 - Method of modifying weather
6382526 - May 7, 2002 - Process and apparatus for the production of nanofibers
6408704 - June 25, 2002 - Aerodynamic particle size analysis method and apparatus
6412416 - July 2, 2002 - Propellant-based aerosol generation devices and method
6520425 - February 18, 2003 - Process and apparatus for the production of nanofibers
6539812 - April 1, 2003 - System for measuring the flow-rate of a gas by means of ultrasound
6553849 - April 29, 2003 - Electrodynamic particle size analyzer
6569393 - May 27, 2003 - Method and device for cleaning the atmosphere

Un mistero sospeso in cielo: lo strano caso delle scie

Clicca per visualizzare il file PDF del testo originale(L'Unione Sarda) Il convegno oristanese smonta le risposte rassicuranti del ministero dell'Ambiente e avanza l'ipotesi Bario - Fenomeno meteorologico o inquinamento chimico? Crescono gli interrogativi sui "reticoli bianchi"

Il 13 maggio scorso il cielo sopra Oristano era fasciato da decine di scie aeree. Nord, est, est-nord-est. Da qualunque parte si guardasse, un reticolo di bianche e persistenti tracce filiformi incombeva sulle teste. Dopo un po' quelle che tutti chiamano scie chimiche si trasformavano in una patina candida, un velo che copriva completamente l'azzurro. Le foto esplicite che testimoniano l'evento si trovano su Internet con facilità.

Possibile che da un giorno all'altro le rotte su Cabras, il Sinis e dintorni diventino più trafficate di Fiumicino? E poi, diversamente dalle normali scie di condensazione dei motori a reazione, perché quelle oltre i tetti di Oristano si allargano e stazionano nel cielo per ore? Perché gli aerei che rilasciano queste code non sono identificabili? Anche in questo caso fanno testo le immagini digitali: inquietanti cargo completamente bianchi e senza alcuna insegna disseminano l'atmosfera di strascichi nuvolosi.

Questi sono solo alcuni degli interrogativi che Franco Caddeo, oristanese di 46 anni con il bernoccolo per le scie chimiche, …

… pone da anni attraverso il sito e da poco anche nel nuovo «Il primo comitato italiano di sensibilizzazione su questo fenomeno è nato a Nuoro», dice Caddeo intervenendo a un recente dibattito pubblico organizzato a Cagliari dalla Rete del nuovo Municipio con l'associazione Don Chisciotte, il meetup locale di Beppe Grillo e "Gettiamo le Basi".

Non a caso il gruppo antiscie ha sede nella città barbaricina, dove gli avvistamenti di reticoli bianchi si sprecano, come in buona parte dell'isola, e dove qualche giorno fa il dibattito è stato proposto anche dal gruppo "A manca pro s'indipendentzia".

Ma tornando a quel 13 maggio, Caddeo cerca di capire e di spiegare con dati alla mano. Mostra diapositive con la definizione di "scia di condensa", contrail, distinta da chemtrail, scia chimica. La fonte è l'aviazione americana, Federal aviation administration: «È vapore acqueo immesso nell'atmosfera dagli scarichi caldi di un motore che a contatto con l'aria fredda in quota si condensa in cristalli di ghiaccio. Di norma le scie si formano dagli 8mila metri in su con temperature inferiori ai meno 40 gradi e umidità relativa non inferiore al 72 per cento. Quindi si dissipano al massimo dopo qualche minuto», e non dopo diverse ore.

Appurando la temperatura e l'umidità relativa a Oristano in quel fatidico 13 maggio si scopre invece che a 8-9mila metri i gradi non sono mai scesi sotto i meno 36 e l'umidità relativa non ha mai superato il 33 per cento. Caddeo continua il suo scavo e mostra una mappa delle aerovie commerciali. La carta rivela che la città si trova ai margini di una zona aerea sottoposta a vincolo militare, la R54.

Insomma, che cosa succede da circa un anno e mezzo o forse più nei cieli sardi? La parola ad Alfonso Pecoraro Scanio. Il 15 novembre scorso, rispondendo ad una interrogazione del senatore Gianni Nieddu, il ministro dell'Ambiente scrive: «Dall'esame della letteratura scientifica internazionale e del contenuto dei siti web specialistici, non è possibile confermare l'esistenza delle scie chimiche». Si tratterebbe in realtà di «comuni scie di condensazione che sono durate più a lungo ed hanno assunto forma peculiare per effetto delle condizioni meteo». Il ministro esclude poi che esista in proposito un "caso Sardegna".

Decisamente insoddisfatto dalle risposte ufficiali, Caddeo rivela, sempre documenti alla mano, che negli Stati Uniti sono stati brevettati dei metodi per alterare il clima artificialmente «inseminando le nuvole » con sostanze chimiche. Ad Española, una città del Canada, nel 1998, dopo l'avvistamento delle misteriose scie si sarebbe appurata la presenza nella zona di bario, ossido di alluminio, cristalli di quarzo.

«Il bario», aggiunge Caddeo, «è un ottimo conduttore che potrebbe essere diffuso nell'atmosfera sino a creare una sorta di percorso aereo elettromagnetico ». Sembrano ipotesi fantascientifiche ma sempre nel '98 la Relazione sull'ambiente e la sicurezza dell'europarlamento considerava «il sistema militare Usa di manipolazione ionosferica, Haarp, con base in Alaska, un esempio della più grave minaccia militare emergente per l'ambiente e la salute umana, dato che esso cerca di manipolare a scopi militari la sezione della biosfera altamente sensibile ed energetica».

WALTER FALGIO - l'Unione Sarda - 28 dicembre 2006

Il documento PDF del testo originale, può essere visionato da

giovedì 28 dicembre 2006

Le nuove frontiere dell'avvelenamento

Intenso ed anomalo traffico a bassa quota...I nemici peggiori sono quelli invisibili

L’osservazione del fenomeno relativo alle “scie chimiche” già l’estate scorsa rivelò che, in alcuni casi, i velivoli rilasciavano scie non persistenti. Infatti, nell’articolo intitolato Le metamorfosi del male, notavo: “Durante le ore diurne, gli aviogetti ricorrono a spruzzi intermittenti ed a sostanze che formano scie non durevoli, ma destinate a disperdersi in una foschia solo all’apparenza naturale. È un’altra subdola tattica di occultamento, di mimetismo”.

Ora, stando ai resoconti quotidiani che pervengono da quasi tutte le regioni d’Italia, si è potuto rilevare che le strisce velenose tendono a dissolversi entro breve tempo, da pochi secondi a qualche minuto, nonostante le più rigide temperature correlate al periodo invernale. Questo deve indurci ad alcune riflessioni: in primo luogo, anche se effimere, le scie sono sempre costituite da sostanze nocive per gli uomini, gli animali e le piante (bario, alluminio, quarzo, torio radioattivo, pesticidi, virus, batteri, retrovirus etc,); inoltre il carattere transeunte delle scie dimostra in modo irrefutabile che sono menzognere le affermazioni di quei “meteorologi” e “chimici” i quali, dopo aver preso qualche lezione dagli scemenziati della N.A.S.A., hanno distinto, sulla base di inconsistenti e fittizi dati pseudo-scientifici, le “contrails” in temporanee ed in persistenti.

Ancora una volta la fisica e la chimica risultano completamente stravolte: immagino già i solerti estensori di Wikipedia, l’enciclopedia “libera” della Rete, arrovellarsi ed astrologare per tentare di chiarire, nei puerili lemmi inerenti al tema, per quali misteriosi motivi le scie di “condensazione” non rimangono più nel cielo né si allargano a formare nubi artificiali.

È evidente che gli emuli di Lucrezia Borgia usano prevalentemente, in questi ultimi tempi, addittivi che impediscono alle scie di perdurare: forse il fine di filtrare la luce del Sole è stato per il momento accantonato, a vantaggio degli altri diabolici scopi dell’irrorazione chimica; forse qualcosa interferisce. È probabile che ai piloti avvelenatori sia stato ordinato di non dare nell’occhio. Comunque sia, non si deve per nulla abbassare la guardia: sebbene non sempre il cielo sia ridotto ad una scacchiera e quantunque non si formi più quella patina uniforme tra il grigio ed il cilestre, l’aerosol è sempre dannoso. In futuro i farabutti potrebbero decidere di impiegare sostanze invisibili: si dovrà comunque proseguire con ogni sistema ad osteggiare le operazioni chimiche. Anche le radiazioni nucleari sono invisibili, eppure sono micidiali.

Aereo chimico privo di contrassegni identificativiNel momento in cui vedremo ad occhio nudo (e faremo notare a chi non conosce il problema), gli aeroplani incrociare sopra le città, le aree rurali e montane, dovremo sempre valutare, anche in modo empirico, la forma e l’aspetto delle scie, le quote di volo, il tipo di velivolo, i corridoi aerei. Questi elementi consentono di discernere senza margine di errore tra contrails e chemtrails.

Sono questi fattori di riconoscimento su cui ci siamo soffermati in numerosi studi, ai quali rimando, mentre qui mi limito a qualche cenno.

Scie di condensazione: lisce, piuttosto sottili, brevi, effimere. Sono composte per lo più da vapore acqueo e da residui del carburante. Si possono considerare innocue o quasi. Non intercettano la luce solare. Le scie si formano in prossimità dei motori.

Scie chimiche: lunghe o lunghissime, in genere persistenti, ma anche passeggere. Sono spesse, talvolta intermittenti, crespe, luminose, sfrangiate, sfilacciate. Contengono sostanze nocive e pure mortali (vedi varie patologie correlate tra cui l’atroce morbo di Morgellons). Filtrano la radiazione elettromagnetica. Queste trails sono di solito emesse da appositi dispositivi erogatori, in numero di due, tre o quattro.

Aerei normali, (esclusi ovviamente gli apparecchi da turismo): incrociano a quote piuttosto alte, dagli 8.000 metri in su.

Aerei chimici: volano tra i 2.000-2.500 e 6.000 metri. Non di rado cambiano di quota, qualche volta con improvvise cabrate e picchiate. Sono aviocisterne (tankers), aviogetti (ad esempio, MD-80), velivoli per il trasporto merci. A volte risultano modificati.

Velivoli normali: presentano livree e marchi identificativi spesso appariscenti.

Scie di condensazione dovute al repentino cambiamento del profilo aereodinamico del velivolo.Velivoli chimici: sono privi di coccarde identificative, hanno la fusoliera e le ali di colore uniforme (sovente sono bianchi, ma anche celesti e grigi), verniciati in modo che siano difficilmente visibili.

Rotte normali: sono per lo più rettilinee e fisse; se descrivono degli archi, sono molto ampi.

Rotte chimiche: sono inconsuete, serpeggianti, curvilinee, ad arco, talora circolari o a zigzag etc. Spesse volte gli aerei volano in formazione da due a sei. Quando le traiettorie sono rettilinee, non combaciano per nulla con i corridoi percorsi dagli aerei civili, tenuti, per una serie di norme nazionali ed internazionali, a seguire precise traiettorie ed a mantenere quote prestabilite, salvo casi di emergenza.

martedì 26 dicembre 2006

A che cosa servono veramente le antenne della telefonia mobile

In questi ultimi lustri sono state installate un po’ dappertutto le antenne della telefonia mobile: queste antenne non servono soltanto a consentire la propagazione dei segnali per la ricetrasmissione di messaggi di vario tipo (testi, fotografie, filmati, dati), ma soprattutto ad irradiare campi nocivi per l’equilibrio psico-fisico degli esseri viventi. Le società che gestiscono la telefonia cellulare fanno leva sui bisogni effimeri, indotti artificialmente con campagne pubblicitarie martellanti, per proporre servizi sempre più sbalorditivi ma fondamentalmente superflui, pur di potenziare i perniciosi sistemi di trasmissione di onde radio.

Con il sistema GPRS, “evoluzione” del GSM (Global System for Mobile Communications) è possibile trasmettere dati ad una velocità fino a 171 kbit al secondo. La successiva generazione UMTS si è sviluppata nel corso degli anni ’90 del XX secolo; opera su frequenze attorno ai 2000 Mhz ed assicura sistemi di comunicazione a banda larga fino a 2 Mbit al secondo. L’UMTS permette di collegarsi alla Rete con dispositivi mobili, come palmari, computers portatili etc., ma tutto ciò ha richiesto un adeguamento delle infrastrutture sempre più potenti ed invasive.

In quei casi assai rari in cui le persone, con proteste e petizioni, riescono ad ottenere che le antenne dei cellulari non siano installate o siano rimosse, le infami società telefoniche nascondono o camuffano gli apparati in comignoli, intercapedini, pali, alberi finti… Infatti, come dicevo, di là dalla funzione ufficiale, le antenne svolgono un altro compito: quello di generare radiazioni non ionizzanti nocive per la salute e volte a trasformare gli individui in larve. Queste radiazioni avvolgono gli ambienti, creando un’invisibile gabbia elettromagnetica, in cui gli uomini e gli animali sono quasi ridotti in uno stato di catalessi. Nel momento in cui i valori magnetici naturali per via di fonti esterne, variano oltre certe soglie, gli equilibri biomagnetici si spezzano ed insorgono problemi somatici e dissonanze psichiche.

È molto probabile che l’irraggiamento elettrodinamico sia rafforzato con le scie chimiche, che contengono elementi dalle proprietà piezoelettriche. Molti aerei chimici incrociano, infatti, nelle vicinanze delle famigerate antenne.

Non si dimentichi, infine, che i telefoni cellulari propagano onde elettromagnetiche cui è sempre associata un’energia radiante: le onde possono così essere assorbite anche dal corpo umano sul quale trasferiscono la propria energia, generando calore e provocando un incremento della temperatura. (1) Molti ricercatori ritengono che queste radiazioni non ionizzanti siano da considerare cause o, per lo meno, concause di vari disturbi e patologie, soprattutto se l’esposizione a tali fonti si protrae nel tempo.

Tra gli strumenti più efficaci per ridurre o neutralizzare i campi elettrodinamici, bisogna ricordare le vernici e gli intonaci schermanti nonché l’orgonite. (2)

(1) Sarà buona norma tenere i cellulari spenti il più a lungo possibile e limitarne l’uso ai casi di reale necessità.
(2) Sull’orgone mi soffermerò quanto prima in un articolo contenente nuove acquisizioni.


Enciclopedia delle scienze, Milano, 2005, s.v. telefonia
Zret, Radiazioni non ionizzanti: effetti sulla salute, 2006

Approfondimento: Elettrosmog

domenica 24 dicembre 2006

Scie di vapore: questo è quello che essi vogliono tu pensi

Un altro quotidiano ha pubblicato recentemente un articolo di Adrian Short sulle scie velenose: si tratta dell’ICCheshire, giornale britannico. Dopo aver letto il pezzo, ho deciso che non era necessario tradurlo, ma che è sufficiente riassumerlo, poiché, quantunque sia un’altra prova della gravità di un problema che affligge quasi l’intero pianeta, non aggiunge quasi nulla di nuovo a quello che è ormai assodato.

È, infatti, il solito copione: un ricercatore indipendente, Phil Morris, denuncia il sorvolo di varie contee inglesi per opera di velivoli privi di contrassegni identificativi. Aviocisterne ed altri aerei rilasciano scie differenti da quelle di condensazione. Le strisce sfrangiate e crespe tendono ad allargarsi per coprire la volta celeste di una patina grigiastra. Le nuvole artificiali create dai famigerati tankers si muovono spesso in direzione opposta rispetto alle nubi naturali: questo è un dato piuttosto nuovo che si spiega considerando che le chemtrails fluttuano a quote differenti, di solito più basse, rispetto alle formazioni naturali.

Morris, che ha filmato reticoli, incroci, lettere A ed H disegnate dai diabolici aeroplani, è convinto che le sostanze sparse nell’atmosfera (bario ed alluminio soprattutto) servono a modificare il clima, a riflettere i raggi solari ed a migliorare la propagazione di segnali radar e delle onde elettromagnetiche.
Le persone che vivono nelle aree irrorate hanno accusato vari sintomi, tra cui dolori muscolari, senso di spossatezza, vertigini etc.

Come è ovvio, le autorità britanniche, interpellate da Morris, hanno smentito tutto: le istituzioni sono abituate a mentire e ad ingannare. Secondo le autorità di Albione, le scie fotografate e riprese sono formate da vapore acqueo (sic). È questa la prevedibile, anche se indegna conclusione della tragicommedia, molto più tragedia che commedia.

Articolo segnalato da 2Tuff e compendiato da Zret

Leggi il pezzo originale in inglese qui.

sabato 23 dicembre 2006

Il misterioso morbo di Morgellons

Si tratta di una misteriosa malattia che sembra spuntata fuori dritta dritta dagli X-Files, non­dimeno coloro che ne soffrono vi diranno che è dolorosamente reale. Immaginate di sudare perle di una sostanza nera simile a catrame, di tirare filamenti colorati da piaghe diffuse su tutto il corpo o di avvertire come se la vostra pelle venga percorsa da insetti.

Miles Lawrence, paesaggista di Florence, Texas, stava facendo i bagagli per un viaggio in auto a Las Vegas quando si accorse che il suo dito formicolava; rimasi incredulo, dice, mentre "piccole cose spinose" spuntavano dalla pelle nel punto da cui aveva appena rimosso una scheggia. Afferrò una delle spine con delle pinzette e tirò. Istantaneamente, racconta, una fitta di dolore si diffuse sul braccio. Ne estrasse un'altra ed il dolore cominciò a serpeggiare su fino al collo. Poi iniziò la parte veramente raccapricciante. "Provavo la sensazione di avere degli insetti sotto la pelle delle braccia," dice Lawrence, "e fui colto da vero terrore".

In tutto il paese, migliaia di persone che lamentano lo stesso orribile fenomeno hanno formato un gruppo di studio indipendente circa la malattia. Mettono in comune liste di sintomi, ipotesi mediche e racconti delle dispute con medici tradizionali presso il sito ufficiale della Morgellons Research Foundation, fondata nel 2002 da Mary Leitao a McMurray, Pennsylvania.

Leitao ha denominato la malattia morbo di Morgellons - dal nome di una malattia dai sintomi simili citata in un testo medico del sedicesimo secolo - mentre svolgeva indagini su una malattia cutanea contratta dalla figlia dell'età di due anni.

Il morbo di Morgellons è stato a malapena "captato dai radar" della medicina tradizionale. Pochi medici ne hanno sentito parlare e ancora meno sanno cosa fare in merito. Così, quando qualcuno entra in un ambulatorio ed denuncia i propri sintomi, spesso si ritrova ad affrontare scetticismo o dichiarazioni secondo cui soffre di parassitosi immaginaria o entomofobia - letteralmente, l'idea infondata di avere parassiti nella pelle.

Ginger Savely, infermiera professionale che cura i malati di Morgellons di tutto il paese presso il San Francisco Medicai Center, ha dichiarato: "Se per caso avessi ricevuto uno di questi malati nel mio studio, anch'io avrei pensato che fosse pazzo. Tuttavia dopo aver sentito il resoconto di oltre un centinaio di malati, i quali scendono tutti nei minimi dettagli affermando la stessa identica cosa, [la questione] assume contorni alquanto impressionanti."

Ad Austin, Texas, l'infermiera professionale Ginger Savely conferma di ricevere nella sua clinica sempre più pazienti che presentano i sintomi, quali dolorose piaghe cutanee da cui spuntano fibre blu, con filamenti e piccoli granelli neri di materiale simile a sabbia. "A parlarne sembra una follia, ma dalla loro pelle fuoriescono molte cose."

Ginger Savely, specializzata nella malattia di Lyme, ritiene di avere potenzialmente trovato un indizio, e dice: "Circa il dieci per cento dei miei pazienti affetti da malattia di Lyme cronica presenta sintomi del morbo di Morgellons."
A suo parere, le persone che soffrono di malattie trasmesse da puntura di zecca presentano sistemi immunitari più deboli e possono rivelarsi più vulnerabili all'infezione.

La vera causa del morbo di Morgellons resta comunque un mistero medico. Nel loro com­plesso i soggetti colpiti da questa malattia riferiscono di sgradevoli sensazioni di formicolii, punture e morsi, nonché lesioni cutanee che non guariscono associate a strutture assai insolite, che è possibile descrivere come fibrose o filamentose e che sono la caratteristica più impressionante di questa malattia. Inoltre i pazienti, per quanto riguarda la propria pelle, riportano la presenza di granelli neri e granuli simili a semi.

Spesso il sistema nervoso periferico resta influenzato da questa malattia, tuttavia l'elemento più rilevante dell'infezione sembra essere l'effetto sul sistema nervoso centrale. Quasi tutti i malati riferiscono di avere grosse difficoltà nella concentrazione mentale e nella memoria a breve termine.

In questo gruppo di pazienti sono estremamente comuni i disturbi dell'umore, quali depressione e disordine bipolare, che colpiscono oltre la metà degli individui che manifestano sintomi del morbo di Morgellons. I genitori dei bambini affetti da tale morbo riferiscono che la maggior parte di questi soffre di ADHD, ODD, disturbi dell'umore o autismo; si stima che il 65% di questi bambini presenti una qualche forma di disturbo psichiatrico ed il 10% di disordini dello sviluppo di tipo autistico.

Le diagnosi associate comunemente riportate in questa popolazione di malati includono borreliosi (più conosciuta come malattia di Lyme, fibromialgia e sindrome da affaticamento cronico.

Articolo tratto da:

Riveduto e corretto da Straker

Fonte: Morgellons Research Foundation, PO Box 16576, Surfside Beach, SC 29587 USA - Popular Mechanics, giugno 2005

Commento (NdR): il webmaster del portale ha contattato un malato di parassitosi di tipo Morgellons (una donna) la quale oltre a confermare che i medici delle strutture ufficiali, hanno paura ad entrare in queste ricerche, e si rifiutano di esaminare le sostanze che questa paziente metteva a loro diposizione, sostanze che ella estraeva dalle proprie gambe per depurarsi con un contenitore di plastica nel quale immergeva i piedi in quest'acqua particolare (elettronicamente attivata) e per capillarità e per piccole ferite che si aprivano nella pelle, fuoriuscivano, mosche, ragni ed altri parassiti, sia vivi che morti, uova degli stessi ed una sostanza lattiginosa che diventava nera.
Ora ci siamo fatti consegnare un contenitore con quelle sostanze ed i parassiti estratti e stiamo facendo degli esami per verificare e conoscere tutto il contenuto, per poi vedere di trovare antidoti efficaci per eliminare non solo i parassiti, ma anche le loro uova dall'organismo di quella donna; speriamo che le nostre ricerche portino a qualcosa di positivo nel qual caso infromeremo attraverso i mass media e il ns Portale sui risultati ottenuti.

mercoledì 20 dicembre 2006

La Pravda, versione italiana, pubblica di nuovo un articolo tradotto da noi

La Pravda, versione italiana, il 19 dicembre 2006, ha pubblicato un articolo scritto da ALAN BAVLEY e dal titolo "La malattia della pelle che sconcerta i medici", inserito a suo tempo da Scie Chimiche (Chemtrails). Qui il testo tradotto da Zret il 15 dicembre 2006. Il pezzo, presente sulla Pravda, può essere letto a questo link. Quello che ci lascia un po' perplessi è l'estrema disinvoltura con la quale i giornalisti della Pravda pubblicano articoli da noi tradotti, senza citare la fonte.

Scie chimiche ed agricoltura

Le scie venefiche, come è naturale, causano notevoli danni all’agricoltura: le sostanze sparse nella biosfera, infatti, sono sia direttamente sia indirettamente perniciose per le coltivazioni. L’offuscamento globale, l’aridità, la frequenza di fenomeni meteorologici estremi (grandinate rovinose, nubifragi) rendono l’attività agricola sempre meno produttiva. A ciò si devono aggiungere le ripercussioni negative legate alla diffusione di sostanze inquinanti come il bario, il torio, l’alluminio… Un po’ da tutta Italia giungono le testimonianze di orticoltori, viticoltori, frutticoltori che lamentano una diminuzione delle rese e della qualità dei prodotti: in molti casi gli agricoltori hanno notato che le piante risultano stente con foglie bruciate, sforacchiate e frutti macchiati. Sono stati segnalati e fotografati anche filamenti che coprono i rami e le fronde degli alberi da frutto e le foglie degli ortaggi. Si tratta di “ragnatele” polimeriche contenenti virus, retrovirus e batteri.

L’infame, proditoria operazione “scie chimiche” è volta pure, come scrivemmo tempo fa, a colpire l’agricoltura basata su sementi non modificate geneticamente: la Monsanto ed altre multinazionali agroalimentari, implicate nell'avvelenamento planetario, già vendono in molti paesi dell’Asia e dell’Africa semi o.g.m. sterili, costringendo così i contadini ad acquistarne ogni anno nuovi stocks. Sono già state create in laboratorio specie vegetali che resistono alla siccità o che addirittura crescono senz’acqua. Questo non è certo un progresso, poiché si tratta di cereali e di ortaggi transgenici che possono contaminare le coltivazioni tradizionali e che sono nocivi per animali ed uomini che se ne nutrono.

Purtroppo in Italia pochi operatori del primario conoscono il problema e ancora meno numerosi sono quelli consci della pericolosità delle scie chimiche; in Spagna, invece, un gruppo di agguerriti agricoltori della zona di Olvega, molto sensibili al fenomeno ed esasperati dai problemi ambientali che ne derivano, in primis la siccità, hanno addirittura investito 72.000 euro per l'acquisto di due droni, velivoli senza pilota, controllati da un sistema satellitare. Intendono impiegare questi aerei telecomandati per documentare l'attività in quota dei velivoli della morte.

Anche nella Spagna di Zapatero, il Ministero dell’”ambiente” e della “difesa” fingono, con infinita improntitudine, di non sapere alcunché e negano che aerei privi di contrassegni identificativi sorvolino la penisola iberica. Le varie denunce sporte dalle associazioni dei cerealicoltori sono state inutili, mentre la situazione si aggrava sempre più: la scarsità delle precipitazioni in questi ultimi anni ha provocato la perdita di buona parte dei raccolti di grano. Giacché l’economia di intere regioni della Spagna centrale dipende dalla coltivazione del frumento, il danno è notevole. (1)

È ora che gli imprenditori agricoli e le associazioni di categoria si uniscano nella battaglia contro gli artefici delle irrorazioni: è nel loro interesse ed in quello dei consumatori sulle cui tavole finiscono alimenti (dalla pasta alla carne, dalle verdure alla frutta) contenenti sostanze assai pericolose per la salute.

(1) Sulle proteste e le iniziative degli agricoltori spagnoli, vedi l’articolo di Paco Rego, pubblicato all'interno del quotidiano El mundo, intitolato Guerra en el cielo de Soria por el robo de nubes


Intendiamo esprimere la nostra gratitudine a Spyder per averci fornito le fotografie ed altro materiale utile per la stesura del breve articolo.

martedì 19 dicembre 2006

Gli U.F.O. dietro il velo (seconda parte)

Alcune sostanze delle scie, insieme con un sistema come il G.W.E.N., un apparato di trasmettitori installati nel territorio statunitense che, in caso di attacco nucleare, dovrebbero servire come generatori di energia di emergenza, ed in sinergia con i radar del N.O.R.A.D., potrebbero influire sullo spettro elettromagnetico.

Ancora una volta, mi pare che il fulcro del problema sia costituito dall’elettromagnetismo: il campo magnetico terrestre si sta affievolendo; la radiazione elettromagnetica sta cambiando; l’attività della nostra stella si sta intensificando e toccherà il culmine nel 2011-2012. Sono cambiamenti che investono il nostro pianeta, ma anche il sistema solare e la galassia. Tra queste varie manifestazioni, l’indebolimento della bolla elettromagnetica mi pare implichi sviluppi degni di nota: questa cortina elettromagnetica, secondo Giuliana Conforto, nasconde delle zone d’ombra in cui forse si annidano alieni ostili e dove viaggiano le loro astronavi. Se il velo dovesse essere lacerato, questi extraterrestri sarebbero scoperti: si scorgerebbe una realtà occultata da tempo immemorabile, dove “dèi” oscuri tengono le fila della cospirazione globale. Forse si potrebbero percepire anche quelle dimensioni in cui dimorano civiltà evolute ma elusive, la cui esistenza è stata ed è negata da disinformatori per i quali è necessario che l’umanità si convinca che gli alieni sono tutti malvagi in modo da convogliare la paura e l’odio contro il nemico pubblico numero uno. Siamo ormai abituati a questo gioco di specchi in cui i carnefici si atteggiano a perseguitati ed a paladini della libertà, mentre popoli ed individui demonizzati sono le vere vittime, i capri espiatori.

In questo contesto di mutamenti e di possibili rivelazioni, si situa l’operazione “scie chimiche” con tutti i suoi, per molti versi ancora ignoti scopi o, meglio, con un aspetto essoterico anche se sempre nefando, ormai sviscerato e di non ardua comprensione, e con aspetti esoterici, nascosti ai più, tra i quali il tentativo disperato di preservare la coltre elettromagnetica onde non si apra il sipario sulla matrice. In parole più semplici: la diffusione nell’atmosfera, nella troposfera, ma specialmente nella ionosfera, di sali di bario, di alluminio e di quarzo potrebbe essere volta a cucire, con queste sostanze dalle proprietà piezoelettriche, gli strappi del “tessuto” elettromagnetico. A tal fine, si rivela fondamentale l’azione di H.A.A.R.P. che, infatti, coincide con un’emissione di onde a bassa ed a bassissima frequenza? Queste onde, che riscaldano l’atmosfera, potrebbero anche ricoprire la medesima funzione?

“Per quanto attiene alla sinergia tra H.A.A.R.P. e scie chimiche, bisogna verificare la possibilità di un loro influsso non solo sul DNA e sui bioritmi, ma anche sulla percezione, quel processo conoscitivo complesso che comprende, unificandole, una molteplicità di sensazioni, intese come dati della coscienza sensibile, e le riferisce ad un oggetto distinto dal percipiente e dagli altri oggetti. I più recenti indirizzi postgestaltici hanno insistito sul carattere ipotetico della percezione: le percezioni sono punti di vista, ipotesi sull’oggetto, suscettibili di cambiamenti, modificazioni, rettifiche. Alla luce della natura articolata della percezione, implicante elementi biologici e psichici, essendo un quid che collega soggetto ed oggetto, in un’interazione costante e biunivoca, non appare poi così assurdo il timore dell’attuazione di progetti come il Blue beam, consistente nella proiezione olografica di figure collegate alla religione e di oggetti volanti per inscenare una falsa invasione aliena.

Leggi qui la prima parte.

Le fonti del presente studio saranno indicate in calce all'ultima parte.

lunedì 18 dicembre 2006

Prossimi appuntamenti importanti

Venerdì 22 Dicembre 2006 - Conferenza sulle scie chimiche
L'incontro, gratuito ed aperto a tutti gli interessati, si terrà venerdì 22 Dicembre 2006, alle ore 17.00, presso l'Auditorium della Biblioteca S. Satta.

Sabato 20 Gennaio 2007 alle 21:00
IL NUOVO BLEKGEK (PREPARATI AL PEGGIO) - con tematiche ed argomenti completamente inediti
con il Patrocinio del Comune di Roma XX Municipio
scarica la locandina

Teatro Eduardo De Filippo
Viale Antonino Da San Giuliano, 1
in prossimità del Ministero degli Esteri
Per informazioni 06 3534 8636

Venerdì 26 Gennaio 2007 alle 20:30
SCIE CHIMICHE e SIGNORAGGIO - La tua vita ed il tuo denaro sono una pura illusione
in collaborazione con Associazione Culturale La Terza Onda
Scarica la locandina

Auditorium Centro Scolastico Gallaratese
Via Natta 11 - Zona Parcheggio di Lampugnano
Per informazioni: 02 84 65 286

Eugenio Benetazzo

Erogatori posti sui bordi alari degli aerei di linea

La foto riportata qui sotto ritrae un aereo di linea con abbondanti contrails(?) al seguito. Copiosi fumi fuoriescono dai propulsori del velivolo e, comunque sia, ciò è indice di inquinamento, in quanto non è assolutamente detto che si possa trattare di sole formazioni di condensa. Nondimeno la foto evidenzia un'anomalia, che può dimostrare la deliberata azione di aerosol chimico in atmosfera per opera del velivolo ritratto che, tra l'altro, appare essere un volo civile. Si osservino i dettagli evidenziati (cliccate sull'immagine per ingrandirla). Noterete che, sui bordi alari dell'ala sinistra, in prossimità dei due turboreattori, sono presenti due getti di uscita che non hanno nulla a che vedere con gli scarichi dei motori adiacenti. Oltretutto, l'alone iridescente da essi generato, è indice evidente di presenza di alluminio e quarzo.

Clicca sull'immagine per allargare

A questo punto, risulta ancora più credibile la testimonianza, talora considerata falsa, di un meccanico di una compagnia aerea, che descriveva nei particolari la presenza di apparecchiature atte all'irrorazione in quota e che, per la precisione, parlava di erogatori posti sui bordi alari del velivolo. Qui di seguito, vi riporto il passaggio che appare davvero rilevante, se confrontato con la fotografia mostrata. In calce si può leggere il testo integrale.

"Quando ebbi l’occasione di indagare su queste connessioni sotto l’aereo, le trovai astutamente nascoste dietro ad un pannello a sua volta posto sotto il pannello usato per accedere alla conduttura di scolo dei rifiuti.

Iniziai a seguire le tubature dalle pompe. Questi tubi portavano ad una rete di piccoli tubi che finivano ai bordi d’uscita delle ali e degli stabilizzatori orizzontali.

Se guardi da vicino le ali di un grosso velivolo vedrai un insieme di cavi, delle dimensioni circa del tuo dito, che si estendono all’infuori del bordo di uscita alare e dalle superfici alari. Sono spezzoni di scarico per l’elettricità statica. Essi sono usati per dissipare la carica elettrica statica che si forma sul velivolo in volo.

Scoprii che i tubi di questo sistema misterioso conducevano ad ogni terzo stoppino di scarico dell’elettricità statica. Questi spezzoni di cavo sono stati “svuotati internamente” per permettere a qualunque fluido di essere scaricato attraverso di loro".

martedì 14 marzo 2006

Per ragioni che capirete leggendo questa lettera, non posso divulgare la mia identità.

Sono un meccanico aeronautico che lavora per una grande aerolinea. Lavoro presso una delle basi di manutenzione situate in un grande aeroporto. Ho scoperto alcune informazioni che penso troverete importanti.

Prima dovrei dirvi qualcosa a propostio dell’ordine gerarchico tra meccanici. E’ importante per la mia storia e per la causa alla quale vi state dedicando.

I meccanici vogliono lavorare su tre cose: l’avionica, i motori, o i sistemi di controllo del volo. I meccanici che lavorano su questi sistemi sono considerati al top della gerarchia dei meccanici.

Il gradino successivo inferiore è quello dei meccanici che lavorano sui sistemi idraulici e di condizionamento. Poi viene il livello di manutentori che lavorano nella “cambusa” e su altri sistemi non essenziali. Ma al fondo di questa scala gerarchica stanno i meccanici che lavorano nei sistemi di eliminazione dei rifiuti.

Nessun meccanico vuole lavorare sulle pompe, serbatoi, e tubi che sono usati per immagazzinare gli scoli dei gabinetti. Ma in ogni aeroporto dove ho lavorato ci sono almeno 2 o 3 meccanici che si offrono volontari al lavoro sui sistemi dei gabinetti.

Gli altri meccanici sono felici di lasciare tale lavoro a questi ultimi. A causa di ciò tu avrai sempre solo 2 o 3 meccanici che lavorano su questi sistemi in ogni aeroporto. Nessuno pone attenzione a questi ragazzi e nessun meccanico socializza con altri meccanici che lavorano solamente ai sistemi dei rifiuti.

Il fatto è che non ho mai badato molto a questa situazione fino al mese scorso. Come molte compagnie aeree noi abbiamo accordi reciproci con altre compagnie che toccano i medesimi aeroporti. Se esse hanno un problema con un aereo, uno dei nostri meccanici avrà cura di risolverlo.

Ugualmente, se uno dei nostri aerei ha un problema in un aeroporto dove altre linee aeree hanno una base di manutenzione, queste ultime ci penseranno a risolvere il nostro problema.

Un giorno dell’ultimo mese io fui chiamato da una base per lavorare su un aereo di un’altra compagnia. Quando ricevetti la chiamata il coordinatore non sapeva quale fosse il problema. Quando arrivai all’aereo trovai che il problema stava nel sistema di eliminazione dei rifiuti. Non c’era niente per me da fare che strisciare dentro e risolvere il problema.

Quando entrai nel vano mi accorsi che qualcosa non andava per il verso giusto. C’erano più serbatoi, pompe, e tubi di quanti avrebbero dovuto esserci là. Sulle prime assunsi l’idea che il sistema di eliminazione dei rifiuti doveva essere stato modificato. Ho lavorato per dieci anni su questo particolare modello di aereo.

Come tentai di trovare il problema subito mi accorsi che i tubi ed i serbatoi in più non erano connessi con il sistema usuale di eliminazione dei rifiuti. E fu quando appena scoprii tutto ciò che un altro meccanico della mia compagnia arrivò. Era uno dei meccanici che usualmente lavorano su questo tipo particolare di velivolo ed io felicemente gli lasciai il lavoro.

Come me ne stavo andando gli chiesi a proposito dell’equipaggiamento extra. Mi rispose di “pensare alla mia sezione dell’aereo e di lasciare che lui pensasse alla sua parte di aereo!”.

Il giorno successivo mi trovavo al computer della compagnia per rintracciare uno schema di cablaggio. Mentre ero lì, decisi di cercare l’equipaggiamento extra scoperto. Con mia meraviglia i manuali non mostravano nessuno degli equipaggiamenti extra che vidi con i miei occhi il giorno prima. Andai perfino negli archivi dei produttori ed ancora non trovai nulla. Adesso ero realmente determinato a trovare le finalità e lo scopo di quell'equipaggiamento.

La settimana dopo avemmo tre dei nostri aerei nel nostro hangar principale per l'ispezione periodica. C’erano meccanici che strisciavano per tutto l’aereo durante queste ispezioni. Io finii il mio turno e decisi di dare un occhiata al sistema di eliminazione dei rifiuti di uno dei nostri velivoli. Con tutti i meccanici attorno mi immaginai che nessuno avrebbe notato qualcuno in più sull’aereo.

Sicuro, l’aereo che scelsi aveva l’equipaggiamento extra! Cominciai a indagare il sistema di tubi, pompe e serbatoi. Trovai ciò che sembrava essere una unità di controllo per il sistema. Era una scatola di controllo avionico dall’apparenza standard ma non aveva iscrizioni di nessun genere.

Potevo identificare i cavi di controllo dalla scatola alle pompe ed alle valvole ma non c’erano circuiti di controllo entranti nella unità. Gli unici cavi entranti erano una connessione di alimentazione collegata al bus principale di potenza del velivolo.

Il sistema aveva 1 serbatoio largo e 2 serbatoi piccoli. Era difficile strisciare nell’angusto scompartimento, ma sembrò che il serbatoio più largo avesse potuto contenere circa 50 galloni (UK – 1 imperial gallon = 4,54 litri. USA – 1 U.S. gallon = 3,78 litri. N.d.T.). I serbatoi erano connessi con una valvola di riempimento e svuotamento che passava attraverso la fusoliera proprio dietro la valvola di scarico del sistema di eliminazione dei rifiuti.

Quando ebbi l’occasione di indagare su queste connessioni sotto l’aereo, le trovai astutamente nascoste dietro ad un pannello a sua volta posto sotto il pannello usato per accedere alla conduttura di scolo dei rifiuti.

Iniziai a seguire le tubature dalle pompe. Questi tubi portavano ad una rete di piccoli tubi che finivano ai bordi d’uscita delle ali e degli stabilizzatori orizzontali.

Se guardi da vicino le ali di un grosso velivolo, vedrai un insieme di cavi, delle dimensioni circa del tuo dito, che si estendono all’infuori del bordo di uscita alare e dalle superfici alari. Sono spezzoni di scarico per l’elettricità statica. Essi sono usati per dissipare la carica elettrica statica che si forma sul velivolo in volo.

Scoprii che i tubi di questo sistema misterioso conducevano ad ogni terzo stoppino di scarico dell’elettricità statica. Questi spezzoni di cavo sono stati “svuotati internamente” per permettere a qualunque fluido di essere scaricato attraverso di loro.

Fu mentre mi trovavo sull’ala che uno dei managers mi individuò. Mi ordinò di uscire dall’hangar dicendomi che il mio turno era finito e che non ero autorizzato a nessun sforamento dell’orario di lavoro.

I seguenti due giorni di lavoro furono molto intensi ed io non ebbi il tempo di continuare le mie investigazioni. Più tardi al pomeriggio, due giorni dopo la mia scoperta, fui chiamato per sostituire un sensore di temperatura per motori su un aereo che avrebbe dovuto decollare entro un paio di ore. Finii il lavoro e compilai i documenti di lavoro.

Circa 30 minuti più tardi fui chiamato (all’altoparlante) dal General Magnager. Quando andai nel suo ufficio trovai il nostro rappresentante sindacale e due altre persone che non conoscevo che mi stavano aspettando. Il G. M. mi disse che era stato scoperto un problema serio. Egli disse che avevo avuto una menzione (negativa, immagino, n.d.t.) e che ero stato sospeso per aver compilato falsi documenti di lavoro.

Mi intentò un procedimento disciplinare dalla constatazione del fatto che avrei falsificato un documento di lavoro inerente un sensore di temperatura dei motori installato da me alcune ore prima. Rimasi sconcertato e cominciai a protestare. Dissi loro che ciò era ridicolo e che invece svolsi regolarmente il mio lavoro.

Il rappresentante sindacale a questo punto alzò la voce e raccomandò che andassimo a dare un’occhiata al velivolo per vedere di regolare la faccenda. Chiesi allora chi fossero gli altri due uomini. Il G. M. mi rispose che questi erano ispettori della sicurezza della compagnia ma non mi volle rilasciare le loro generalità.

Ci avviammo verso l’aereo che avrebbe dovuto essere in volo mentre invece era parcheggiato sulla rampa di manutenzione. Aprimmo gli sportelli di accesso al motore ed il rappresentate sindacale prelevò il sensore. Controllò il numero di serie e disse ad ognuno che quello era il vecchio strumento. Andammo poi nell’area parti di ricambio ed agli scaffali.

Il rappresentante sindacale controllò il mio rapporto e tirò fuori dallo scaffale una scatola sigillata. Aprì la scatola ed estrasse il sensore di temperatura del motore con il numero di serie di quello che installai. Allora mi fu detto di essere stato sospeso dal lavoro per una settimana senza paga e di andarmene immediatamente.

Me ne stavo a casa il primo giorno di sospensione meravigliandomi su cosa diavolo potesse essermi accaduto. Quella sera ricevetti una telefonata. La voce mi disse: “Adesso tu sai cosa succede ai meccanici che gironzolano attorno a cose che non dovrebbero interessarli. La prossima volta che inizi a lavorare su sistemi che non ti sono pertinenti perderai il lavoro! Ma io mi sento generoso, credo che ritornerai presto al lavoro”. CLICK.

Di nuovo, dovetti raccogliermi dallo sconforto. Come la mia mente correva, fu in quel momento che feci la connessione con il fatto che ciò che mi accadde doveva essere collegato direttamente alle mie scoperte relative ai “misteriosi” tubi.

Il mattino successivo il G. M. mi chiamò. Mi disse che, dato il mio eccellente curriculum lavorativo del passato, la mia sospensione era stata ridotta ad un giorno e che dovevo tornare immediatamente al lavoro. L’unica cosa a cui potevo pensare era “Cosa stanno cercando di nascondere?” e “Chi diavolo sono?“.

Quel giorno al lavoro tutto andò come se nulla fosse successo. Nessuno degli altri meccanici menzionò la sospensione ed il mio rappresentante sindacale mi disse di non parlarne. Quella notte navigai in internet tentando di trovare alcune risposte.

Non ricordo adesso come arrivai qua, ma vi arrivai attraverso un sito che parlava a proposito di “scie di condensazione chimicamente corrette”.

Ecco quando il tutto mi cominciò ad apparire chiaro. Ma la mattina seguente al lavoro trovai una nota all’interno del mio armadietto chiuso a chiave. Essa diceva, “La curiosità uccise il gatto. Non navigare in siti internet che non ti riguardano”.

Bene, adesso so che “LORO” mi stanno osservando.

Mentre non so cosa stanno spruzzando, io posso dirvi che essi lo stanno facendo. Io immagino che usino i camion dei liquami. Questi sono camion che svuotano i rifiuti contenuti nei serbatoi del liquame dei gabinetti.

Gli aeroporti usualmente appaltano questi lavori e nessuno si avvicina a questi camion. Chi vuole star vicino ad un camion pieno di m****? Mentre questi ragazzi stanno svuotando i serbatoi dei rifiuti, può essere che questi possano facilmente riempire i serbatoi del sistema a spray.

Essi conoscono i sentieri di volo così probabilmente programmano la unità di controllo (o forse questa riceve i segnali da un satellite? Dopo che a terra vedono otticamente la posizione dell’aereo? Magari quando dal satellite vedono quando il velivolo sta entrando in “certe” nuvole dalle forme strane? N.d.T.) per iniziare lo spray dopo un certo lasso di tempo quando l’aereo raggiunge una certa altitudine. Gli ugelli per lo spray negli stoppini manipolati per lo scarico dell’elettricità statica sono così piccoli che nessuno nell’aereo vedrà qualcosa.

Dio ci aiuti tutti quanti.

Un cittadino preoccupato

La lettera è stata tratta dal sito:

domenica 17 dicembre 2006

Paga! Così ti avveleno

Absit iniuria verbis

L’immonda ed iniqua legge finanziaria è stata approvata dai due rami del parlamento. Sulle infinite tare di quello che viene definito ampollosamente “documento di programmazione economica e finanziaria”, rispetto al quale le leggi del primo imperatore cinese, Qin Shih Huang Di, erano miti ed ispirate a vero senso della giustizia, non è il caso di soffermarsi: ci si avvelenerebbe solo il sangue.

Bisogna, però, ricordare che, mentre il governo del Dottor Balanzone lesina risorse per lo stato sociale, l’istruzione, la sanità etc. ed aumenta i gravami fiscali, con odiosi balzelli, stanzia ingenti capitali per le armi, sia per favorire l’industria bellica italiana sia per promuovere l’operazione di avvelenamento dei cittadini, tramite l’irrorazione chimica. Infatti la funesta legge prevede anche l’acquisto di alcuni aerei cisterna KC-767a (i famigerati tankers) che non credo servano a rifornire in volo i jets privati di ministri e sottosegretari, poiché saranno usati, insieme con altri aerei (caccia, aviogetti civili…) per diffondere sostanze nocive in modo vie più capillare e con sempre maggiore frequenza in tutta l’Italia. Ecco per che cosa si pagano le tasse: per missioni di morte e per infami operazioni di intossicazione!

Pianta della cicutaCon ributtante ipocrisia i parassiti della sentina governativa e della cloaca parlamentare (1) osano pure parlare di equità, di risanamento e di impegni umanitari.

Ricordiamoci delle scelleratezze dei “politici” quando si dovrà tornare alle urne. Le uniche urne di cui abbiamo bisogno sono quelle con le loro ceneri.

(1) Esistono per fortuna delle eccezioni.


Redazione di ECplanet, Finanza armata 2

sabato 16 dicembre 2006

Lettera del Sig. R. Bastianello a Giulietto Chiesa (20-11-06)

Il giorno 11/09/2006 alle ore 07:30 i cieli di Venezia-Treviso erano striati da una miriade di scie bianche provocate dal passaggio si alcuni aerei. Non potevano essere velivoli civili in quanto non rispettavano le distanze di sicurezza che l’aviazione civile è tenuta a rispettare. Visti con l’aiuto di un binocolo detti aeromobili sembravano normali aerei di linea, ma qualsiasi contrassegno era assente. Le scie non erano le cosiddette “ConTrails” dovute alla condensa, ma molto più persistenti; più persistenti ancora delle scie rilasciate dagli aerei acrobatici che bruciano nei postbruciatori la classica vasellina.

Una leggera pioggia caduta nel pomeriggio, lasciava sulle automobili dei depositi che parevano filamenti di cotone, ma che appena toccati si polverizzavano. Dei conoscenti che lavoravano in laboratori chimici hanno provato ad analizzare la polvere raccolta, essa conteneva un’alta concentrazione di bario oltre ad altri elementi. Posso dire che, in concomitanza con la diffusione di questi elementi, le persone che soffrono di allergia presentano serie ricadute. In Italia non ci sono i soldi per la sanità, per far funzionare le ferrovie, per le infrastrutture, per la ricerca e la scuola, ma si trovano i soldi per ammorbare l’aria con gli intrugli più immondi? Sembra inoltre che tali scie non si evidenzino solamente in Italia, ma anche in altre parti del mondo. Dobbiamo pensare proprio che siamo tutti ostaggio di una banda di psicopatici che fanno quello che gli passa per la testa obbligando i vari governi a starsene zitti?

Mi piacerebbe sapere se a livello di parlamento europeo è stato mai trattato l’argomento, e se qualcosa si sa di queste contaminazioni e su chi le provoca.

Sperando in una sua risposta, distinti saluti

Renato Bastianello

P.S.: le scie vengono rilasciate nel territorio sopra menzionato, quasi quotidianamente, varia solamente l’intensità del fenomeno, ma certe volte il cielo sereno con queste emissioni sembra rannuvolarsi e le scie nella direzione del sole presentano aloni iridescenti.

* * * *

Caro Bastianello,
ho già ricevuto diverse segnalazioni come la sua e mi sono informato.
La questione è stata affrontata dal Parlamento Europeo una prima volta il 5 febbraio 1998 nella sottocommissione Sicurezza e Disarmo. Ci fu una audizione in cui si parlò anche del progetto HAARP (High Fequency Active Auroral Reseach Project) che manipola le proprietà elettriche dell'atmosfera a fini militari. Successivamente, il 14 gennaio 1999 se ne occupò la Commissione Esteri, con una relazione dell'onorevole Maj Britt Theorin, che espresse un parere fortemente critico verso gli Stati Uniti, al quale non ci fu, a quanto risulta, reazione alcuna. Le cose sono andate avanti e quello che lei descrive ne è un indizio grave. Lo speciale lavoro di ricerca, messo in piedi da un gruppo di esperti nominati appunto dal Parlamento Europeo, era arrivato alla conclusione che il programma ricerche e sperimentazioni militari denominato Haarp, provoca effetti rilevanti e inquietanti sugli equilibri ambientali e sulle persone che ne vengono coinvolte.

L'Europa ha chiesto fermamente, con una risoluzione approvata a larga maggioranza, agli Stati Uniti di cessare gli esperimenti.
Mi riprometto di studiare il dossier, di cui sono venuto in possesso solo recentemente. Un dossier che lei può comunque procurarsi, anche in Italiano, sul sito del Parlamento europeo.

Per quanto mi riguarda sono intenzionato a risollevare la questione non appena avrò raccolto sufficienti elementi per una conclusione, essendo già fin d'ora evidente che non si tratta di ipotesi ma di cose estremamente preoccupanti, di cui l'opinione pubblica non sa nulla o quali, di cui la stampa tace, di cui i governi fanno finta di non sapere. Userò , se lei me lo consente, anche la sua testimonianza e vorrei pregarla di tenermi informato in merito su quanto succede nei cieli di Treviso e Venezia, con il massimo possibile di precisione quanto alle date e alla consistenza dei fenomeni. Possibilmente con l'ausilio di fotografie e con testimoni che possano, all'occorrenza, riferire ciò che hanno visto.

Cordiali saluti

Giulietto Chiesa


venerdì 15 dicembre 2006

La malattia della pelle che sconcerta i medici (articolo di Alan Bavley)

Il testo che ho tradotto è un’altra inquietante testimonianza circa il terribile morbo di Morgellons, una patologia che la maggioranza dei medici, evidentemente prezzolati, continua ad ignorare o a liquidare come sindrome psicosomatica. Mentre la comunità scientifica brancica nel buio, molti ricercatori indipendenti collegano il Morgellons alle perniciose e, talora, mortali, irrorazioni chimiche. Sono certo che questi ricercatori non si sbagliano: i primi casi di Morgellons risalgono alla seconda metà degli anni '90 del XX secolo, periodo in cui cominciò o si intensificò la mostruosa operazione.

Tutto cominciò lo scorso anno quando Cindy Wick credette di avvertire il morso di una zecca. Quindi arrivarono la sensazione di punture d'insetto e comparvero pustole su tutto il corpo. Quando Cindy fregò le pustole, esse si spaccarono. Dalle piaghe estrasse delle fibre lunghe metà pollice. Il dolore si attenuò, ma il supplizio non era finito: le piaghe continuarono ad apparire.

“Questa è la cosa più terribile che mi sia mai capitata nella vita”. Ha detto Cindy Wick, 49 anni, di Kansas City. Cindy è convinta di essere affetta da una patologia che si manifesta con una strana sensazione di insetti che brulicano sulla pelle, con ulcere da cui escono filamenti trasparenti, bianchi, rossi ed azzurri, ma che causa anche vuoti di memoria e difficoltà di concentrazione. Migliaia di persone hanno il Morgellons in tutti gli Stati Uniti ed il loro numero cresce sempre più.

Il Morgellons è una patologia che i medici si ostinano a non voler riconoscere come tale: essi affermano che sono solo punture di insetti o l’impressione (sic) di essere assaliti da parassiti. Asseriscono inoltre che le fibre sono soltanto sfilacci di tessuti o scaglie di pelle.

“Finché non avrò le prove, non crederò ad una vera malattia”. Ha detto con sicumera Stacy Beaty, una dermatologa dell’Università di Saint Louis.

Tuttavia una minoranza di medici e di scienziati ha cominciato a prendere sul serio il Morgellons, mentre il C.D.C., il Centro per il controllo delle malattie ha avviato, su istanza di cittadini in apprensione, delle ricerche e delle analisi.

Mentre alcuni medici ipotizzano un’inverosimile origine psicologica della sindrome, Randy Wymore, scienziato che insegna Farmacologia e Fisiologia all’Università dell’Oklahoma, dopo aver esaminato alcuni pazienti in cui ha trovato fibre sottocutanee anche nelle zone prive di piaghe, ha comparato i filamenti estratti con 900 fibre di tessuti noti. Wymore non ha trovato nulla di simile. Il docente universitario ha concluso: “Non so che cosa siano questi filamenti, ma sono sicuro che non si dovrebbero trovare sotto la pelle di una persona”.

Articolo segnalato da 2Tuff e tradotto da Zret
Testo originale in lingua inglese:

giovedì 14 dicembre 2006

Strani filamenti in provincia di Pordenone

Jeeg, gentile utente del forum di, il giorno 11 dicembre scorso, ha assistito ad uno sconcertante fenomeno, da collegare, con ogni probabilità, alle copiose e nocive irrorazioni chimiche. Nelle campagne che circondano un centro in provincia di Pordenone sono state scattate fotografie che mostrano sottili filamenti simili a ragnatele, ma che, a differenza delle tele tessute da varie specie di aracnidi, non erano appiccicosi, stando alla testimonianza di Jeeg, né avevano la consistenza delle ragnatele. Da rilevare poi che questi strani sfilacci erano diffusi su un'area assai vasta, comprendente prati ed un campo dotato di attrezzature sportive: i fili coprivano gli attrezzi ginnici ed i sedili di plastica degli spalti, come si nota dalle eloquenti fotografie.

Il fenomeno deve essere ricondotto all'abominevole operazione "scie chimiche" con cui vengono sparsi anche filamenti di polimeri, microcapsule contenenti virus, batteri e retrovirus. Sui polimeri e sulla correlazione fra tali sostanze sintetiche e varie patologie, abbiamo inserito numerosi articoli, cui perciò rimandiamo. (1)

(1) Basta digitare le parole "Morgellons" e "polimeri" nel motore di ricerca interno per leggere i vari testi.

La discussione relativa a questo evento, può essere letta a
questo link.

mercoledì 13 dicembre 2006

"Intervista" al NOE (Nucleo Operativo Ecologico)

Il giorno 5 dicembre 2006, considerata l'opportunità di inviare, oltre ai fax, anche un messaggio di posta elettronica, pur essendo consapevole del fatto che non avrei ricevuto riscontri, dedicai ugualmente dieci minuti anche a questa iiniziativa.

Invito comunque tutti a fare altrettanto. Se non si protesta in massa nei modi giusti, non si otterrà niente. Se li oberiamo di segnalazioni, forse romperemo il muro di complicità ed omertà che, vergognosamente, copre gli avvelenatori del pianeta.

Indirizzi email NOE (dalla pagina del sito, cliccate sulla vostra regione):

Infine ieri, 12 dicembre, estremamente adirato per l'ennesima massiccia irrorazione a bassa quota ad opera di tankers chimici, ho composto il numero del centro operativo NOE di Genova. Nella registrazione, scaricabile, il desolante resoconto della conversazione con l'operatore. Bisogna mettere in rilievo l'inettitudine ed il pressapochismo dei soliti addetti alla tutela dell'ambiente, il quale unico impegno, in questi frangenti, sembra costituito dal mestiere principe in Italia: lo scaricabarile. Infatti, contraddicendo tutto quanto viene presentato in pompa magna sul sito del NOE, l'operatore afferma: "Noi non possiamo fare nulla di nostra iniziativa. Eseguiamo il mandato del Ministro dell'ambiente e/o della magistratura, inoltre non possiamo eseguire rilievi". Ho capito... allora, se io, domani, dovessi inquinare una falda acquifera, loro, prima di fare qualunque cosa per verificare lo stato della falda, chiedono prima il parere di Pecoraro Scanio ed inoltre chiamano me per i rilievi e le analisi. Grandi!

Sul sito del NOE, si recita invece: Al servizio dei cittadini in difesa dell'ambiente Il servizio è attivo tutti i giorni, compresi i festivi. Chiamando il numero verde è possibile segnalare emergenze ambientali e richiedere informazioni, a qualunque titolo, riguardo la tutela dell'ambiente. L'intervento del Comando Carabinieri Tutela Ambiente può essere sollecitato anche attraverso la posta elettronica, allegando un'eventuale documentazione fotografica. I cittadini saranno periodicamente aggiornati sull'andamento delle loro segnalazioni.

Ascoltando la registrazione, vi verrà da pensare che quanto qui brevemente riportato dal sito ufficiale del Nucleo Operativo Ecologico dei Carabinieri, sia un'emerita presa per i fondelli. Avete pensato bene! E' così. Qui potete scaricare il file MP3, compresso con l'algoritmo di winzip e leggibile con un qualsiasi lettore multimediale. In fondo a questo breve resoconto, invece, la trascrizione dell'email inviata il 5 dicembre allo stesso NOE di Genova.

A QUESTO link si raggiunge la pagina con la cartina per ottenere gli indirizzi email.

Invece... per il numero verde, si faccia riferimento alla gif più sotto.

La missiva di posta elettronica...

Spettabile Comando NOE. Non avendo ricevuto riscontri a seguito delle decine di fax inviatoVi in relazione alle centinaia di passaggi di aerei cisterna che, volando a quote basse e non idonee alla formazione di scie di condensa, rilasciano infatti sostanze chimiche tra le quali, bario, alluminio, torio (radioattivo), quarzo, rame, polimeri siliconici, composti biologicamente attivi ecc., eccomi che ora Vi ribadisco la mia (e di altri) preoccupazione, per quanto accade nella più completa indifferenza di media ed istituzioni (tra queste, la Vostra, evidentemente). Siamo a conoscenza del fatto che avete ordini dall'alto per non ottemperare al Vostro dovere istituzionale, ma ci chiediamo se, avendo anche voi dei figli, dei nipoti, fratelli ecc. siete disposti a rischiare la loro e la Vostra vita, pur di eseguire aberranti ordini superiori. Abbiamo foto, filmati, analisi di laboratorio che dimostrano inequivocabilmente scellerati interventi clandestini militari nei nostri cieli. Avete intenzione di fare qualcosa o preferite ancora ignorare le nostre segnalazioni? Rimane poco tempo. Abbiate il coraggio di intervenire e fatelo presto. Ne va della vita sulla terra.

Giunti a questo punto... poco fiducioso... porgo distinti saluti

Lettera firmata

Link al sito di riferimento:

Link al forum di discussione sulle scie chimiche:

Link importanti, dal sito informativo che curo insieme a mio fratello xxxxxx...

e tanti altri ancora... In pratica, stiamo svolgendo il lavoro che dovreste svolgere voi.


Gradirei una risposta idonea e tempestiva e... per favore, non parlatemi scie di condensazione.


"Secondo definizione FAA, una Contrail si forma sopra i 9000 metri, a temperature minori di -40°C, e con umidità relative superiori o uguali al 70%. Ergo… a quote inferiori, temperature superiori, valori di umidità inferiori, non si tratta di contrails, ma di altro: chemtrails".

Compiti del NOE
Il Reparto, composto da personale specializzato in legislazione e cultura dell’ambiente, assolve funzioni di polizia giudiziaria in materia ambientale, con esclusione degli accertamenti di natura tecnico-scientifica, per i quali si avvale degli organismi pubblici a ciò preposti, in particolare del sistema agenziale (APAT e ARPA), del Servizio Sanitario Nazionale, oltre che del Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche (Ra.CC I.S).

I settori di intervento sono quelli:

dell’inquinamento del suolo, idrico, atmosferico ed acustico;
della tutela del paesaggio, della flora e della fauna;
dell’impiego di sostanze pericolose ed attività a rischio di incidente rilevante;
dei materiali strategici radioattivi ed altre sorgenti radioattive;
della protezione dalla esposizione a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici;
relativi a situazioni di allarme per la diffusione incontrollata di organismi geneticamente modificati (OGM).

Sostiene le numerose richieste d'intervento che provengono prevalentemente dal Ministro dell'Ambiente e della tutela del territorio, dall'Autorità Giudiziaria, dai Comandi dell'Arma dei Carabinieri e dai cittadini singoli od associati.

martedì 12 dicembre 2006

Scie chimiche: un tentativo di impedire l'evoluzione umana (articolo di Montalk)

Dopo aver studiato le scie chimiche, ho passato in rassegna alcune delle ipotesi circa gli scopi dell’infame e perniciosa operazione. Le ipotesi prese in esame sono le seguenti:

1) modificazione climatica
2) vaccinazione di massa
3) controllo demografico (depopulation)

Ritengo che la prima congettura, pur avvalorata dalle registrazioni di effetti sul clima e sul tempo, non sia esaustiva.

Scarto la seconda, quella concernente l’inoculazione: il governo degli Stati Uniti avrebbe ideato un programma di vaccinazione per difendere i cittadini da eventuali attacchi batteriologici di potenze ostili. Orbene, questa supposizione è del tutto inverosimile: in primo luogo i potenti agiscono sempre e comunque contro i cittadini, come ha dimostrato in modo inoppugnabile, ad esempio, Amy Worthington. Gli esecutivi non investono neanche un centesimo per il bene della collettività: se spendono del denaro, hanno sempre un tornaconto. Inoltre, se tale spiegazione fosse plausibile, non si comprende per quale motivo siano irrorati moltissimi paesi nel mondo.

Senza dubbio, il controllo demografico è un obiettivo perseguito dagli Oscurati. Non di meno l’aumento della mortalità causata dalle scie velenose è più che altro un effetto collaterale “positivo”, secondo la loro distorta e perversa prospettiva, piuttosto che la principale finalità dell’operazione.

L’individuazione delle sostanze chimiche dannose e degli agenti patogeni, presenti nelle chemtrails, consente di formulare un’altra ipotesi più credibile.

Vediamo quali sono le sostanze e gli agenti biologici.

1) Etilene dimobromide. Ufficialmente bandito nel 1984 dall’E.P.A., è un additivo usato nei carburanti e negli insetticidi. Ha un odore simile a quello del cloroformio. È usato per influire sulle condizioni meteorologiche. Se assorbito dall’organismo, può causare danni al sistema nervoso, edemi polmonari e sintomi quali dispnea, ansia, affanno, tosse. È molto irritante per le mucose e le vie respiratorie.

2) Pseudomonas aeruginosa. È un batterio che si trova sia nella sporcizia sia nelle chemtrails. È stato modificato geneticamente da aziende come la Pathogenesis. Se inalato, può provocare immunodepressione e danni alle cellule in cui si insedia come ospite.

3) Pseudomonas fluorescens. Si trova nel terreno e sulle piante su cui produce antibiotici ed antimicotici.

4) Enterobacteriaceae. Sono batteri comprendenti l’Enterobatterio coli, la salmonella e la Klebsiella, responsabile della polmonite.

5) Serratia marcescens. È un patogeno molto pericoloso che determina l’insorgenza della polmonite. Questo batterio, come emerge da documenti declassificati, fu sperimentato nel 1950 sulla popolazione, ovviamente inconsapevole, di San Francisco: causò vari decessi.

6) Streptomiceti. Sono impiegati per lo più per la produzione di antibiotici per uomini ed animali.

7) Enzimi. Sono usati per dividere e ricombinare il DNA.

8) Altri batteri che cagionano problemi cardiaci, respiratori, encefaliti, meningiti etc.

Come accertato da vari scienziati, questi agenti patogeni, comprendenti anche virus più difficili in ogni caso da individuare, sono inclusi in microcapsule polimeriche sparse per mezzo delle scie. A tal proposito, si faccia riferimento agli innumerevoli brevetti USA correlati a questa sofisticata metodica.

Da notare che l’agenda di irrorazione si è intensificata in questi ultimi anni, con il coinvolgimento di aerei di linea per il trasporto passeggeri e di merci, con un’escalation nei voli diurni e notturni sempre più frequenti, a bassa quota e sempre più sfacciati. Qual è il motivo di questa frenesia? Gli Oscurati intendono in ogni modo arrestare ed impedire, tramite la diffusione di agenti biochimici l’evoluzione genetica di alcuni gruppi umani. Attraverso complessi meccanismi biologici, batteri, virus e retrovirus possono alterare il DNA delle cellule, compreso il DNA silente, le cui potenzialità non sono state ancora del tutto comprese. Esistono già biotecnologie in grado di adoperare agenti atti ad alterare il DNA di una cellula ospite. I virus fungono da vettori contenenti geni. I retrovirus sono virus il cui materiale genetico è composto da RNA, invece che DNA, come nella maggior parte degli organismi viventi. Quando un retrovirus entra in una cellula, il genoma del virus viene copiato in una molecola di DNA a doppio filamento, grazie ad uno speciale enzima. I retrovirus possono dar luogo a tumori o provocare stati di immunodepressione. Alcuni retrovirus sono stati manipolati ed usati come vettori per la terapia genica. La terapia genica è un insieme di procedure che mirano alla correzione di alcune patologie ereditarie dell’uomo. Lo scopo della terapia genica è la sostituzione del gene mutato con un gene sano, funzionale: per ottenere ciò, si introduce nelle cellule interessate una sequenza di DNA contenente il gene funzionale tramite microiniezione.

Per aggredire il DNA sono impiegati adenovirus, il virus dell’herpes simplex nonché vari batteri: questi agenti sono capaci di incorporare informazioni genetiche e di trasferirle nella cellula ospite. Nei batteri le modificazioni avvengono per mezzo della traduzione e della coniugazione (1), nei virus mediante la diretta infezione di una cellula.

I virus ed i batteri che modificano il DNA agiscono lentamente prima di essere eliminati dall’organismo. Anche nei casi in cui la malattia da essi cagionata, è stata debellata, le cellule alterate restano e continuano a riprodursi. Gli Oscurati stanno ricorrendo alle scie chimiche per proteggersi. Proteggersi da che cosa? Da un’evoluzione genetica di alcuni gruppi umani il cui corredo cromosomico sta cambiando: in alcune persone il DNA avrebbe tre eliche, anziché due; in altre il DNA silente sarebbe attivo. Quali sono le cause di questo cambiamento genetico? Potrebbe essere implicato l’attuale indebolimento del campo magnetico terrestre cui si contrappone l’irradiazione di onde elettromagnetiche tramite H.A.A.R.P. Le chemtrails sono l’aspetto biochimico dello stesso programma. È noto che il DNA è sensibile all’energia elettromagnetica. È in atto un’evoluzione biologica e forse spirituale che la struttura di potere occulto sta tentando di evitare. Si può forse ritardare, ma non impedire.

(1) La traduzione è il processo mediante il quale l’informazione genetica contenuta nell’RNA messaggero viene usata per produrre una proteina; la coniugazione è un processo attraverso cui molti organismi unicellulari si scambiano materiale genetico.

Articolo segnalato da Straker e tradotto da Zret
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...