mercoledì 25 aprile 2007

Emozioni, D.N.A., scie chimiche (seconda parte)

Qualora tuttavia cambiamenti vibrazionali cosmici e terrestri potessero influire sulla riattivazione del D.N.A., i dominatori si vedrebbero costretti, per evitare che lo schermo elettrodinamico venga infranto, ad intervenire con ogni mezzo a loro disposizione. Impulsi elettromagnetici e scie chimiche servono a questo scopo? Tom Montalk afferma: "Gli Oscurati intendono in ogni modo arrestare ed impedire, tramite la diffusione di agenti biochimici l’evoluzione genetica di alcuni gruppi umani. Attraverso complessi meccanismi biologici, batteri, virus e retrovirus possono alterare il D.N.A delle cellule, compreso il D.N.A. silente, le cui potenzialità non sono state ancora del tutto comprese. Esistono già biotecnologie in grado di adoperare agenti atti ad alterare il D.N.A. di una cellula ospite. (…)

Per aggredire il D.N.A. sono impiegati adenovirus, il virus dell’herpes simplex nonché vari batteri: questi agenti sono capaci di incorporare informazioni genetiche e di trasferirle nella cellula ospite.

I virus ed i batteri che modificano il D.N.A. agiscono lentamente prima di essere eliminati dall’organismo. Anche nei casi in cui la malattia da essi cagionata, è stata debellata, le cellule alterate restano e continuano a riprodursi. Gli Oscurati stanno ricorrendo alle scie chimiche per proteggersi. Proteggersi da che cosa? Da un’evoluzione genetica di alcuni gruppi umani il cui corredo cromosomico sta cambiando: in alcune persone il D.N.A. avrebbe tre eliche, anziché due; in altre il D.N.A. silente sarebbe attivo. Quali sono le cause di questo cambiamento genetico? Potrebbe essere implicato l’attuale indebolimento del campo magnetico terrestre cui si contrappone l’irradiazione di onde elettromagnetiche tramite H.A.A.R.P. Le chemtrails sono l’aspetto biochimico dello stesso programma. È noto che il D.N.A. è sensibile all’energia elettromagnetica. È in atto un’evoluzione biologica e quindi spirituale che la struttura di potere occulto sta tentando di evitare".

A mio parere, le scie velenose potrebbero, come opina Montalk, contenere un vettore biochimico atto a disturbare o ad inibire l’evoluzione genetica, mentre le onde a bassissima ed a bassa frequenza (da -30 hz a 300 khz), irradiate con antenne ed apparati ad hoc, creano uno stato mentale consuonante con l’apatia, l’abulia e l’inerzia.

Non escluderei che l’interesse dimostrato per la macromolecola (e quindi per l’anima o la matrice dell’anima) per opera di entità esogene anemotive sia da collegare, tra le altre cose, alla smania di sentire emozioni e passioni suscettibili di attivare od accelerare processi biologici, psichici e spirituali. Veramente allora le emozioni possono creare una barriera protettiva contro chi, invece, non le prova né le può provare a causa di una particolare conformazione biologica e genetica? Con ciò, vorrei tentare di ancorare il discorso delle emozioni ad una radice genetica, riscattandolo da quella fumosità New age che lo rende intollerabile. Al tempo stesso desidererei gettare un ponte tra sfera fisica e sfera spirituale, mostrando l’interdipendenza, anzi l’osmosi tra i due ambiti.

Per difenderci dall’assalto chimico, biologico ed elettromagnetico, sarà allora necessario contrastare in ogni modo i tentativi di rendere gli uomini degli automi privi di vita interiore, di moti dell’animo? Davvero un sentimento d’amore, inteso come ricerca di un’armonia con il cosmo, con gli altri e con sé stessi può ostacolare i funesti, diabolici piani degli Oscurati?

Ci si deve comunque inoltrare in uno spazio metafisico, poiché è difficile pensare che l’essenza dell’anima possa essere ricondotta a leggi naturali note. Forse il D.N.A. è solo una manifestazione di un quid più profondo. La sua forma, come è stato notato, rispecchia quella di molti oggetti naturali: dalle galassie a spirale ai viticci delle viti e di altre piante. Tale rispondenza morfologica, segno di un’armonia nell’universo, appartiene, però, alla parte fenomenica del reale. Si presenta così uno iato tra settore fenomenico e settore essenziale, una frattura, come vedremo, forse più apparente che reale.


Leggi qui la prima parte. Qui la terza parte.

Nota: le fonti del presente articolo saranno indicate in calce all'ultima parte.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis