venerdì 15 maggio 2015

Per non dimenticare: il punto sull’incidente occorso al velivolo della Germanwings



Sit eis terra levis.

E’ necessario riconsiderare la dinamica del disastro aereo occorso il 24 marzo del 2015, quando un airbus della compagnia low cost Germanwings si è schiantato, con 150 persone a bordo, sulle Alpi francesi (Dipartimento delle Alpi dell’Alta Provenza). Come avviene ormai da alcuni decenni, dopo che un evento significativo e scabroso è occorso, presto si mette in moto la macchina della disinformazione, ossia dei media mainstream che, nell'arco di poche ore, nascondono dietro una cortina fumogena la verità. La Linguistica ci insegna che un rilevante elemento della comunicazione è il rumore, ossia tutto ciò che disturba in modo involontario o deliberato il messaggio. Anche il tempo è un fattore del rumore: più le ore ed i giorni passano, più i fatti tendono a confondersi, ad annebbiarsi; i giornali e le televisioni di regime, infatti, per nascondere la realtà, confezionano una versione ufficiale che è via via ritoccata di modo che si adegui alle intenzioni mistificatorie del potere.

Per tentare di enucleare qualche particolare veridico, bisogna “catturare” le prime agenzie di stampa, quando l’establishment non ha ancora il controllo totale delle “notizie”. In seguito si rincorrono le veline, sempre più inverosimili, eppure prese come oro colato dalla maggioranza dell'opinione pubblica. Nel frattempo pullulano le rimozioni di documenti che potrebbero essere utili ad un’inchiesta seria. Il rumore (inteso come è concepito nella teoria della comunicazione, ossia quale offuscamento del contenuto) aumenta sempre più: si costruiscono delle storie attorno ai protagonisti della vicenda, si introducono nuovi personaggi, l’oggetto del desiderio, antefatti, flash back etc. tutto per sviare i lettori dei quotidiani e gli utenti della Rete.

L’intrigo diventa inestricabile, nel momento in cui alla versione ufficiale, falsa come l’oro di Bologna, il sistema affianca altre versioni altrettanto false con lo scopo di creare ulteriore scompiglio, impedendo così di attingere una possibile verità.

A proposito dell’incidente aereo di cui ci stiamo occupando, l’ipotesi è una sola, semmai ulteriormente scomponibile in sub-ipotesi: le altre non sono congetture, ma mistificazioni. Le elenchiamo per poi sviscerarne i meccanismi e le finalità.

Ipotesi

Un aereo low cost, impegnato in un’ordinaria operazione chimica di tipo igroscopico, sta sorvolando a bassa quota le Alpi francesi. A causa di un episodio di “fumo in cabina”, i piloti perdono i sensi o comunque sono semi-incoscienti. Il velivolo è ormai fuori controllo, altitudine e rotta costituiscono un pericolo per l’incolumità di passeggeri ed equipaggio: non appena dalla torre di controllo ci si accorge che qualcosa non quadra, si alzano in volo delle unità militari per lo scramble, cioè per intercettare il velivolo ed abbatterlo, qualora i piloti non agiscano per tempo per riprendere quota e correggere la rotta in modo da evitare l'irreparabile, ad esempio uno schianto su un centro abitato o su una centrale nucleare. Annota a ragione il Professor Attilio Follieri: “Un Mirage tocca una velocità di oltre 2.500 km. Questi caccia sono dislocati in varie basi militari, quindi in pochi minuti raggiungono la zona dell’emergenza. Il volo 9525 era poco distante in linea d'aria dall’installazione di Marsiglia”. Di grandissimo rilievo, in tale contesto, è il dispaccio divulgato dal Dailymail, poco dopo la tragedia, dispaccio che riferisce di due Mirage decollati per lo scramble e che poi affiancano l'aereo di linea, come riportato dalle prime testimonianze. Questo particolare è presto espunto. E’ una censura sintomatica.

E’ arduo stabilire una verità assoluta, ma, seguendo i criteri probabilistici, elaborati per primo dal filosofo accademico Carneade, si può delineare uno scenario che è comunque plausibile. Il disegno complessivo è tracciato; certo, sulle cause per cui l’aereo della Germanwings era fuori controllo esiste margine per ulteriori supposizioni: teoricamente si può chiamare in causa anche un’avaria dell’airbus, ma ciò non toglie che il silenzio radio resta inspiegabile. Ciò non toglie che il velivolo era chimico, proprio come sono chimici gli aerei delle compagnie low cost e non solo. Ciò non toglie che la traiettoria era anomala (“turistica” è stata denominata di primo acchito da meteoweb.eu, noto portale di negazionisti del fenomeno "chemtrails"), anomala nella sua “normalità”: infatti alcuni degli aerei impegnati nella diffusione di composti per lo più igroscopici, contenuti nei carburanti ed additivi avio, non percorrono i corridoi deputati alle altitudini ufficiali, poiché devono intervenire nelle regioni in cui è necessario distruggere o indebolire i fronti perturbati. Molti fronti si generano o si ingrandiscono proprio sulle Alpi dove – non è una coincidenza – il 25 marzo si stava sviluppando un ammasso imbrifero che dalle satellitari è risultato poi dissolto e sostituito da una coltre artificiale. Non è agevole comprendere perché sul teatro della catastrofe siano stati reperiti rottami così piccoli né si può essere sicuri che il luogo del disastro sia davvero quello mostrato dai media, ma la concatenazione degli accadimenti principali è tratteggiata. Pure l’obiettivo di tante mistificazioni è chiaro: occultare il problema della sindrome aerotossica e la realtà della geoingegneria clandestina, attuata quasi sempre attraverso l'aviazione commerciale.

Versione di regime

E’ arcinoto che la versione di regime, un arrangiamento in fieri, come da copione orwelliano, ciancia di un suicidio perpetrato dal co-pilota, il tedesco Andreas Lubitz. Il giovane sarebbe stato depresso, psicopatico ed avrebbe deciso di togliersi la vita, dirigendo l’aereo contro un pendio alpino. Sulle innumerevoli falle ed incongruenze della narrazione ufficiale non ci soffermiamo: è facile evidenziarle, perché sono fantasie che violano la logica aristotelica: sono un insulto non solo all’intelligenza media, ma anche alla stupidità. Tra l’altro il romanzo d’appendicite composto dalle testate governative, su imbeccata dei servizi, è in perenne divenire, in quanto è continuamente corretto affinché eclissi notizie che sfuggono alla censura o dichiarazioni che contraddicono l’ufficialità. Così il pilota è descritto da amici e conoscenti come una persona normale, mentre, con il passare dei giorni, il ritratto di Andreas Lubitz è stato ottenebrato in una climax ascendente: prima soffre di depressione, poi è squilibrato, infine è un mentecatto megalomane che vuole passare alla storia con un’azione clamorosa. E’ un crescendo rossiniano di diffamazioni e calunnie. Spuntano certificati medici stracciati dal giovane, mentre i certificati medici oggigiorno sono solo elettronici; si riportano pseudo-interviste di inesistenti fidanzate o ex fidanzate che dipingono del giovane un ritratto a tinte fosche. Nell’arco di poche ore è data in pasto alla stampa una presunta registrazione della cosiddetta scatola nera con gli ultimi minuti del volo prima dello schianto. E’ un prodotto montato in studio e non la vera registrazione: tra l’altro, per leggere i dati del flight recorder, nella storia dell’aviazione civile, è sempre stato impiegato parecchio tempo, incrociando le informazioni di entrambe le scatole nere ed i risultati sono stati comunicati con calma, dopo che gli esperti avevano analizzato i contenuti. Non è credibile che solo una scatola nera sia stata ritrovata, giacché esse sono installate assieme. In merito alla traccia audio, alcuni esperti hanno osservato che il respiro del pilota non può essere udito e che l’eventuale inserimento del nuovo corridoio di discesa sul computer di bordo non è un’azione verificabile da una semplice riproduzione acustica.

Narrazioni depistanti

Quasi contemporaneamente alla diffusione del canovaccio ideato dall’establishment, sono fioccate non ipotesi, ma narrazioni forvianti. Le principali sono due: il velivolo avrebbe impattato, poiché colpito da un’arma laser nel corso di un’esercitazione militare della N.A.T.O.; l’aereo sarebbe precipitato a causa di potenti interferenze elettromagnetiche collegate ad esperimenti condotti nel C.E.R.N. di Ginevra.

La prima “ricostruzione”, la cui fonte è Sorcha Faal alias David Booth, noto disinformatore mascherato e presunto agente della C.I.A., frottola rilanciata per lo più da siti russi, è destituita di ogni fondamento, non solo perché scaturita da un autore abituato a produrre abili contraffazioni, ma anche in quanto, nel corso delle esercitazioni, si circoscrive un’area in cui gli aerei civili non possono per nessuna ragione incrociare. Si dirama, infatti, il cosiddetto NOTAM, ovvero avviso di “divieto di sorvolo”, notifica di cui sono a conoscenza tutti i piloti.

Si può capire che tale racconto serve a rinfocolare la rivalità tra Russia e Stati Uniti, già ai ferri corti per il conflitto in Ucraina. Si può intuire chi ha interesse a far scoppiare una perniciosa Terza guerra mondiale, aizzando la Russia contro gli Stati Uniti con i loro rispettivi alleati e viceversa, in modo da neutralizzare sia la detestata Chiesa ortodossa sia altri culti e popoli. Il carteggio Pike-Mazzini è illuminante a tale proposito. E’ un potere sovranazionale sulla cui vera identità qui non indugiamo.

Queste conclusioni non significano che gli eserciti delle superpotenze non dispongano di armi micidiali capaci anche di disintegrare un aeromobile sicché se ne trovano solo resti di ridotte dimensioni, ma che l’idea di un addestramento strategico compiuto mentre scorrazzano centinaia di aerei civil-chimici è del tutto inverosimile.

La seconda storiella si scredita di sé. E’ stata evidentemente congegnata per gettare il ridicolo sull’intera questione, per delegittimare le poche fonti attendibili, citandola, in articoli creati ad hoc, insieme con le analisi più razionali e documentate, difficilmente confutabili. Anche questo è un modus operandi per annullare i fatti: spararle sempre più grosse e mescolare in un unico calderone mezze verità con fandonie ed esagerazioni. Così l’opinione pubblica, già frastornata dal bombardamento delle romanzesche news televisive, non si raccapezza più oppure si lascia abbindolare da chi inventa le fole più incredibili. Intanto le voci dissonanti, anche provenienti da persone autorevoli, sono ignorate o si perdono nella gazzarra assordante delle bugie governative.

In tal modo è sufficiente mandare in onda nuovi episodi della saga (i “servizi” televisivi e le “cronache” delle testate), intrecciati a situazioni immaginose e non verificabili, fino a quando i “cittadini” dimenticano tutto, magari già flagellati da un avvenimento ancora più sconvolgente: un altro false flag, un’altra decapitazione(?) dell’I.S.I.S. o, più grave, più tragica, più atroce, più insopportabile di tutte, la notizia che tale celeberrimo calciatore, dopo aver militato per tanti anni in una squadra, è stato venduto ad un’altra rappresentativa.




Vietata la riproduzione - Tutti i diritti riservati.

Sponsorizza questo ed altri articoli con un tuo personale contributo. Aiutaci a mantenere aggiornato questo blog.


La guerra climatica in pillole

Le nubi che non ci sono più

Per una maggiore comprensione dei fenomeni legati alla guerra ambientale in corso, abbiamo realizzato l'Atlante dei cieli chimici.

Chi è Wasp? CLICCA QUI

CHEMTRAILS DATA

Range finder: come si sono svolti i fatti

46 commenti:

  1. curioso poi il fatto che propio pochi giorni dopo è comparsa la notiza del comandante alitalia che avrebbe sparato in casa dei colpi di pistola.. giusto per gettare discredito sui piloti o per farli apparire come persone poco serie ed inaffidabili,tutto finalizzato per supportare la tesi del suicidio del pilota germanwings.. che poveraccio probabilmente è morto senza colpe..

    RispondiElimina
  2. Il ministero segue questo blog? Allora ripeto...noi seguiamo le SCIE tossiche, che guarda caso, portano al ministero!

    RispondiElimina
  3. aspè aspè, le scie chimiche sono una bufala! le compagnie non sono finanziate dai governi per spargere sostanze tossiche!! hanno solo i sedili ultraleggeri e così risparmiano sul carburante!!!! avete capito???

    http://www.corriere.it/economia/15_maggio_16/aerei-piu-leggeri-tagliare-costi-3ec272a6-fbae-11e4-bdb9-74ccd0f44566.shtml

    RispondiElimina
  4. A costoro Pantos diciamo: 4 scoreggioni che governate il mondo stiano attenti assieme a 5 sciacondensariscoreggioni negazionisti..la legge (quella scritta, nero su bianco, è dalla nostra parte, non quella applicata). Come osate toglierci il respiro e l'ossigeno? E' un dono del Creatore a tutti noi. State attenti perche la sedia elettrica vi è al culo! ok Scoreggioni "padroni del mondo" e non?

    RispondiElimina
  5. Comunque, penso che qualcosa si stia muovendo! Il ministero è parecchio preoccupato che la gente inizia a destarsi...ci vuole ancora un poco di pazienza,,, ci manca a tutti noi un ultimo scopo prima che la "bomba" scoppi...unirci tutti! Quelli che seriamente lottano contro questo argomenti, quelli che hanno i blog con centinaia di persone che seguono,,,continuero' a ripeterlo fino alla nausea! UNITEVI!...Ia serpe famelica del negazionismoscoreggione ha paura dell' unione. Semina diffidenza, sbatte gli uni contro gli altri, perche ci vuole tutti separati! Ci vogliono grandi strette di mano, chiarimenti e poi TUTTI all'attacco usando e facendo valere il CP!...Prank la pensa cosi! ;-) (tutti sulla linea io Tarzan tu Jane)!...I forti davanti i piu deboli nelle retrovie,,,ma tutti uniti!

    RispondiElimina
  6. una curiosità,ho trovato questo video,secondo voi è una balla? siamo tutti schedati?

    https://www.youtube.com/watch?v=UHfM-cmO-5s

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo siamo dal 1945 quando siamo diventati una colonia (pensavo lo sapevi già) non solo, oltre al codice della marina, c'è quello più vecchio del Vaticano che dopo il battesimo ti scheda in un registro.

      Ciao

      Elimina
    2. infatti ero convinto fosse così, ma leggendo i commenti sotto qualcuno si è scaldato dicendo che sono stronzate etc.. volevo una vostra opinione.

      Elimina
    3. ...c'è sempre qualcuno che non avendo argomenti da contrapporre insudicia tutto.

      Elimina
    4. Trivellazioni non autorizzate in Veneto e terremoti anche oggi

      http://www.coscienzeinrete.net/ecologia/item/2409-veneto-si-va-avanti-con-le-trivellazioni-zaia-o-non-zaia-e-spuntano-strani-terremoti

      Cosa si dovrebbe fare in questo caso?

      Elimina
    5. Leggi/senti quelloche dice Santos Bonacci, per quel che mi ricordo: dall'iscrizione all'anagrafe il nostro certificato di nascita è un titolo custodoto in un caveau di una banca e che vale un milioni di dollari, in tasse che paghiamo. Non potrai mai avere il tuo certificato di nascita ma solo una copia. Questo contratto vale per 75 anni ed è per questo che non possono farci andare in pensione oltre questa età, ma entro il 75 compleanno vigliono farci morire, tutti !

      Elimina
  7. segnalo http://www.segnidalcielo.it/chemtrails-attacco-chimico-alla-popolazione/

    RispondiElimina
  8. Ottimo documentario ed ottimo Articolo Pantos! Vero Straker? ;-)

    RispondiElimina
  9. ma quanti sono questi ragni ???? ci vuole un bel coraggio davvero a sostenere simili cose

    http://www.meteogiornale.it/notizia/38277-1-piovono-ragnatele-dal-cielo-come-fosse-neve-in-australia?hootPostID=85f1e39dbc0a7de8893af0a3bc723d1d

    RispondiElimina
  10. Aggiungo un comment:
    Chi ha il cervello vuoto come l'antro della strega? Pieno di ragnatele? Dove persino le idee fuggono via per non sporcarsi?...ma certo... Gli sciacondensariscoreggioninegazionisti!

    RispondiElimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  12. Risposte
    1. Sotto una signora, con il viso cancellato, che sicuramente non si accorge di nulla...come al solito i polli non vedono! Sopra un mare di aerei che distruggono i cumuli in avvicinamento...tutto "bene" Damocle...tutto a posto!

      Elimina
    2. Ciao Damocle, Milano istess...

      http://www.milanocam.it/Duomo_Piazza/images_archive.php?archive_display_date=20150517&archive_display_hour=07

      Elimina
    3. Prank,infatti la signora non guardava in alto,viso cancellato per il solito discorso sulla privacy,delle istituzioni italiote NON MI FIDO nel modo più assoluto.
      Ah,indossava occhiali scuri.......

      Elimina
    4. Ciao Ron,tutto "bene" anche a Milano vedo....

      Elimina
  13. Risposte
    1. questa sempre a Milano Nord-Est tra le ore 8:30 e le 9:00

      Elimina
  14. Non vi dico cosa accade sul litorale toscano...tutti al mare tutti al mare a mostrar le chiappe chiare...intanto cielo ridotto a plasma! Tutti a Respirare aria "pura" al mare!

    RispondiElimina
  15. Risposte
    1. Più chiaro di così, Mini dovrebbe andare alla SISSA di Trieste a parlare e riprogrammare quelle teste di minchia che studiano per diventare giornalisti scientifici e che poi ce li ritroviamo in lungo e in largo.

      Elimina
  16. Ottimo...Straker e Zret, ormai di prove che ci stanno facendo fuori ne abbiamo anche troppe,,, scoppiano gli archivi a forza di catalogarle!..The neverending story!!! Siamo seppelliti da prove!

    RispondiElimina
  17. per curiosita ho visitato il blog di attivissino,be,direi che è imbarazzante,quelli che lo seguono sono senza dubbio dei dementi..li avete mai visionati gli articoli?

    RispondiElimina
  18. Ricapitoliamo le 4 caratteristiche psico-fisiche per vedere le scie di condensa!
    Non è detto che questi 4 paramentri possano verificarsi simultaneamente ma spesso coincidono.
    1) Avere la Zucca, o Crapa, totalmente e tristemente vuota!
    2) Avere le fette di salame negli occhi!
    3) Dementia in stato avanzato!..(psic.) demenza (f.) |— simplex, schizofrenia semplice.
    4) Cataratta congenita bilaterale da operare!
    ...solo in questi casi e possibile vedere le scie di condensa!

    RispondiElimina
  19. Mini dice e non dice. Ma sempre meglio di niente. E comunque ammette precise responsabilità di chi invece raccomanda il TSO

    RispondiElimina
  20. Quello che raccomanda il TSO, perche non si guarda in faccia?....Un ritardato PATENTATO!

    RispondiElimina
  21. Contaminare l’atmosfera per fermare il riscaldamento. Lo dice Mr. Keith, Dr. Keith,in un programma televisivo comico. Immettere acido solforico nell'atmosfera...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. strategia governativa incaricare i comici a parlarne.

      Elimina
  22. “I codici culturali profondamente radicati, le credenze religiose e le fobie strutturali devono essere modificate. I governi devono utilizzare i loro strumenti e le risorse coercitive per ridefinire i dogmi religiosi tradizionali”.

    chi l'ha detto?
    un comico?
    no.
    la futura presidente degli Stati Uniti d'America.

    http://terrarealtime.blogspot.it/2015/05/hilary-clinton-rivela-lagenda-occulta.html#more

    RispondiElimina
  23. Oggi ho una profonda fobia strutturale: vedo scie dilatarsi e obnubilare il cielo di bianco. Come farà il governo a modificarmi coercitivamente questa percezione?

    RispondiElimina
  24. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi ha organizzato il piano di avvelenamento biosferico, chi nega, chi nasconde e chi compie favoreggiamento ai danni della popolazione innocente ed ignara! Alto tradimento dello stato! Ricordiamoci che in alcuni stati è presente ancora l'iniezione letale)!

      Elimina
  25. Comunque l'invenzione del suicidio del copilota è stato davvero un lampo di genio. Viene da chiedersi tuttavia come abbiano potuto sapere con tanta tempestività, visto che si erano interrotti i collegamenti radio con le torri di controllo, che era stato Andreas Lubitz a provocare il disastro.
    Ma chi gliel'ha detto ai giornalisti che quella era la vera causa? Gli uccellini non volano a quelle quote.
    E d'altronde con chiunque parli di tale incidente, la versione accreditata rimane quella ufficiale, ben stampata nell'immaginario collettivo.E non c'è verso per farli ragionare onde smentire la balla colossale divulgata dai media di regime. La 'mamma' ha detto così e quella è la verità.

    RispondiElimina
  26. Le scie è l ultimo, immenso e triste tassello, di un uomo "bambino" accudito dalla mamma "sistema". La stessa mamma che ti da i saccotini pieni di conservanti e olio di palma fin da piccolo, che ti riempie di telegiornali fatti di morti per distruggere la tua felicità e impiantarti una certa idea del mondo.

    RispondiElimina
  27. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis