giovedì 24 febbraio 2011

Le irrorazioni clandestine nei cieli: un articolo senza difesa (di Carole Pellat) 1 agosto 2010 - Terza parte

Leggi qui la prima parte.

COME DOBBIAMO GUARDARE A TUTTO QUESTO?

A tutti quelli tra voi che a stento guardano in alto e non notano niente o che non guardano mai in alto e pertanto non hanno alcun punto di riferimento a proposito di un cielo reale – un cielo che esiste al di fuori dell'intervento umano: siete ciechi ed ignoranti. E se scegliete di appuntarvi su coloro che effettivamente vedono il cielo per quello che è per ridicolizzarli, io vi accuso di negligenza criminale. La vostra ignoranza si traduce in tacita collusione verso ciò che vi rifiutate di vedere come sbagliato. Voi siete parte del problema. Nessuna difesa. E' semplice. Come si può discutere con chi è così? Semplicemente non si discute. Non si può cambiare un mondo di cui non si riconosce neppure l'esistenza. L'ignoranza ci obbliga a credere di non avere alcun potere di cambiare nulla. Una favola di comodo. E per quelli di voi che non hanno il tempo o l'interesse di indagare in quello che succede nel mondo che vi circonda, per favore, smettetela di domandare “Perché stanno irrorando?”.

Sia che si parli di “scie chimiche” o di qualsiasi altra legittima preoccupazione che provochi ira, accuse e reazioni apertamente denigrabili da parte del sistema, è importante ricordare che la questione di base rimane quella della “verità” e non quella della “cospirazione” e nella ricerca, la verità si dimostra spesso con schemi e connessioni. Uno degli schemi più palesemente inquietanti che mi si è manifestato in vent'anni di ricerca su un'infinità di argomenti da migliaia di fonti, sono le relazioni profondamente intricate e corrotte che esistono tra certe istituzioni che ci è stato insegnato di tenere in grande stima.

Ironicamente, questi schemi di collusione, attività criminale, mutuo sostegno, protezionismo e connivenza, esistono in contraddizione con l'immagine pubblica di sé che queste istituzioni esibiscono orgogliosamente. Ironicamente, le loro azioni palesano tragici ed umilianti conflitti di interesse che vanno ben oltre gli standard di un comportamento criminale e doloso. Al fine di iniziare realmente a comprendere cosa accade nei cieli, è di grande aiuto avere un sentore delle relazioni che esistono tra le megacorporazioni, le forze militari, la politica, le lobbies, i governi locali, le università, i decani universitari, i laboratori di ricerca – finanziati sia pubblicamente sia privatamente, le imprese di pubbliche relazioni, le forze dell'ordine, gli appaltatori privati, i mass media, le banche, le organizzazioni filantropiche, le O.N.G., le agenzie statistiche ed altre istituzioni, il cui scopo ci è stato sempre fatto credere fosse la nostra “protezione” dal male che c'è là fuori.

Ad esempio, per quanto riguarda le modificazioni atmosferiche, i programmi di aerosol (scie chimiche comprese), le sperimentazioni elettromagnetiche e con i sonar – per nominarne solo alcune – si può affermare che non si tratta di una cospirazione di un piccolo gruppo di persone che cercano di occultare gli effetti di una pericolosa piccola incursione nella scienza.

L'elefante bianco nella stanza sono le sfocate, compiaciute, ipernutrite linee di collusione di budget e tecnologia che intercorrono tra la N.O.A.A. (Amministrazione Nazionale Oceanografica ed Atmosferica), che è anche N.W.S. (Servizio Meteorologico Nazionale), la cui facciata è il Canale Meteo (Weather Channel), che è il fantoccio della N.A.S.A., che è anche H.A.A.R.P., che è la creatura diletta del complesso industriale-militare, che si dà il caso sia anche l'appaltatore privato della Difesa, che coincide anche con i monoliti delle industrie farmaceutiche, che sono anche le industrie dei pesticidi, che sono anche i giganti del bio-tech e le corporazioni dell'energia, che sono tutte puntellate, finanziate e imboccate dagli stessi “politici” che la gente elegge per difendere i propri interessi e la propria qualità della vita. Continuate a seguire la catena dei veleni e vedrete i vostri dollari al lavoro.

GUARDIAMO AL LATO POSITIVO – E' peggio di quello che credevate

Così tutti stanno “svolgendo ricerche” in Internet. Tutti stiamo imparando che le nostre vite sono contaminate da migliaia di terribili sostanze chimiche indesiderate. Analizziamo campioni di aria, terreno ed acqua e troviamo livelli pericolosamente alti di bario, stronzio, argento, cadmio, manganese, alluminio ed un vero e proprio cocktail tossico di metalli pesanti, VOC e PCB.

Per quelli che hanno passato la vita addormentati, l'improvvisa presa di coscienza delle scie chimiche unita alla rivelazione della nostra luccicante e fosforescente acqua potabile e dell'aria satura di metalli ha una sola possibile conclusione: SCIE CHIMICHE. “Sarà depopulation, sarà guerra biologica”. Quelle maledette scie chimiche ci stanno uccidendo. Se non fosse per le scie chimiche, potremmo tornare ad essere felici e contenti, come nei bei tempi prima delle irrorazioni e dell'inganno. Ma in verità stiamo morendo per un migliaio di ferite. Questo non è il primo saccheggio del Nilo.

Per quelli di noi che fin dalla tenera infanzia non sono mai stati in grado di accettare il fatto che ci fossero acque che non si potevano bere o in cui non si poteva nuotare, questo deprimente schiaffo in piena faccia non è niente di nuovo. Siamo cresciuti vedendo banchi di pesci morti, fumi tossici sputati dalle ciminiere, respirando i gas di scarico, facendoci overdosi di freon e respirando la puzza di acqua marcia. Abbiamo giocato nei boschi, solo per vedere ogni centimetro di vita naturale finire pavimentato per far posto a villette a schiera e locali notturni. Le autorità ci hanno insegnato che questo si chiama “progresso”. Il “progresso” è stato programmato per significare “per il nostro bene”.

Per quelli di noi che sono stati testimoni di deforestazioni, decapitazioni di montagne, sversamenti di petrolio in Amazzonia e per quelli di noi che sanno che ogni comunità del Nord America è fondata su falde acquifere tossiche, questo affronto nel cielo non è una sorpresa. Molte delle sostanze chimiche che troviamo nel nostro cibo, terreno, aria, acqua e nei nostri stessi corpi appartengono alle irrorazioni degli aerei, ma appartengono anche ai fabbricanti di microchip, alle compagnie minerarie, alle compagnie di estrazione del gas naturale, del petrolio, agli impianti nucleari, alle discariche, agli appaltatori della difesa, fabbriche, lavanderie, ad ogni base militare, per citare solo alcune fonti.

Vi basta leggere qualche rapporto di “Superfund” per fare la conoscenza dei criminali del vostro quartiere. Non sono le “scie chimiche” che ci stanno rovinando la vita. Sono i paraocchi che ci stanno rovinando la vita. Non si tratta soltanto delle irrorazioni nel cielo. Si tratta soprattutto del rifiuto viscerale della civilizzazione nei confronti della realtà. Si tratta del nostro comportamento profondamente interiorizzato di “lavora e taci” di fronte alla dominazione del nostro contesto naturale. Ci insegnano ad essere obbedienti mentre veniamo deliberatamente strappati e isolati dal mondo naturale. Come società, stiamo passivamente assistendo al resettaggio dei nostri ritmi naturali, mentre tutti i sistemi di sostegno della vita sono presi in ostaggio dai detentori del potere che si sentono “legittimati” al loro possesso e controllo.

Una volta che i miracoli della natura sono stati rubati, imbrigliati, “dominati”, legiferati, addomesticati, privatizzati, brevettati, recintati e completamente sfruttati, le macerie ci vengono rivendute a caro prezzo, rovinate, marce, tossiche e prive di valore. E' una transazione squisitamente psicotica.

L'ignoranza sarà pure beatitudine, ma LA CONOSCENZA E' POTERE.

Va bene, allora ci possiamo dare per vinti e sentirci impotenti, sopraffatti e depressi. Sì, quella può essere una reazione ragionevole. Possiamo seppellirci nei nostri computer, distrarci con i nostri giocattoli elettronici, anestetizzarci fissando notte e giorno mondi immaginari sugli schermi. Possiamo auto-medicarci per uscire da questa visione della realtà o possiamo guardare dall'altra parte ed appuntare lo sguardo sul nostro prossimo grande acquisto. Dopo tutto, lavoriamo così duramente che ci siamo conquistati il diritto di “vegetare”, quando non siamo impegnati a servire il nostro implacabile, ignoto padrone con ogni grammo della nostra energia. Non ho mai capito il detto “l'ignoranza è beatitudine”, perché la cecità paralizza lo spirito. Leggere vi aiuterà a comprendere la materializzazione degli eventi, delle anomalie create dall'uomo e delle azioni che sono completamente aliene al mondo naturale e catastrofiche per il nostro ecosistema. Queste “procedure” sono letali per la vita sulla terra.

Questi traumatici ed intrusivi modelli sono moralmente tossici e spiritualmente fallimentari. Si materializzano regolarmente e sono intenzionali e coordinati. Per favore, cominciate a leggere libri. Una grande percentuale della mia ricerca viene dai libri. Un'altra importante fonte sono i documentari. Ed un'altra ancora i colloqui personali. Cercate di conoscere le persone che sanno le cose che vi interessano. Potrebbe anche trattarsi dei vostri vicini di casa. Cercate di conoscere le piccole ma legittime fonti di notizie indipendenti. Internet può essere un grande strumento di ricerca, ma si presta bene solo per alcune cose. Io in realtà lo uso a scopo bibliografico, quasi come farebbe un bibliotecario. Lo posso usare per capire qual è la prossima cosa che voglio leggere, quale il prossimo autore o scienziato o documentario che voglio studiare. Lo posso usare per vedere dove si terrà una conferenza di una certa persona. Posso usare la Rete per verificare alcuni concetti che sto studiando. E' anche un ottimo strumento di comunicazione istantanea.

Posso inoltre adoperarlo come fa il governo, per controllare ciò che la gente sta pensando o comunicando ad altri riguardo ad un argomento specifico. Ma non lascio mai che sia Internet a dirmi che cosa pensare. E per l'amor di Dio, staccatevi dal vostro computer e andate a farvi una passeggiata. E' essenziale imparare a fare riscontri incrociati dei fatti tratti dalle fonti indipendenti, da ogni paese edi ogni posizione politica. Ma la cosa più importante è uscire nel mondo reale e cercare la conoscenza. Dovete camminare nel vostro quartiere. Dovete camminare negli ambienti naturali. DOVETE parlare con la gente del posto, dovete parlare con i ricercatori, dovete parlare con gli anziani – questi possono rispondere ad un sacco di domande sul cielo e sul tempo atmosferico. E cominciate a parlare ai senza fissa dimora. Essi posseggono una'elevata consapevolezza di ciò che è naturale e innaturale nella nostra società.

A questo punto, come ho fatto ad allontanarmi così tanto dalle “scie chimiche”? Non l'ho fatto. Quello che scegliamo di vedere ogni giorno si basa sulla quantità di realtà che siamo in grado di fronteggiare. Questo dovrebbe darvi un indizio del perché molta gente è capace di guardare il cielo, senza trovarvi niente di strano. La natura continua ad insegnarci ogni giorno che possiamo elevarci al nostro massimo potenziale come esseri umani quando restiamo connessi ad un miracoloso ecosistema.

Ricordate questo: LA CONOSCENZA E' POTERE. La conoscenza è potere. Non lasciate che nessuno vi dica che non potete essere efficaci.

Leggi qui la seconda parte.




Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.


Chi è Wasp? CLICCA QUI

CHEMTRAILS DATA

Range finder: come si sono svolti i fatti

35 commenti:

  1. Grande, grandissima analisi. Mi è piaciuta moltissimo e la condivido appieno.
    Che Dio (se esiste) benedica questa l'autrice di questa straordinaria analisi del nostro orrendo presente.
    La penso esattamente così e non sarei riuscito a rendere i concetti così chiari ed esaustivi come ha fatto lei.

    Mike

    RispondiElimina
  2. Grazie per aver' portato la terza parte di questo ottimo articolo


    Leggo stamattina:

    La IV Sezione penale della Cassazione ha confermato la prescrizione per la condanna a 10 giorni di reclusione nei confronti del cardinale Roberto Tucci in relazione all'elettrosmog prodotto dalle emissioni della Radio Vaticana ai danni degli abitanti

    E la Stampa per ora tace su questa notizia e non c'è da aspettarsi che cambi:

    http://www.google.it/search?client=firefox-a&rls=org.mozilla:it:official&channel=s&hl=it&q=radio%20vaticano&um=1&ie=UTF-8&tbo=u&tbs=nws:1&source=og&sa=N&tab=wn

    http://www.terranews.it/news/2011/02/radio-vaticana-nuovo-round-cassazione.

    Il ruolo di in-formazione lo mostrano i mass media l'ennesima volta intorno alla questione della Libia.

    L' obbligo ad una verifica pare che non esista.
    Il ruolo dei giornali e di chi al loro servizio è eclatante, a gran voce indicano il capro espiatorio in casa nostra senza riflettere sulla loro responsibilità nel rendere possibile certe realtà.

    Marcello Fao focalizza e si distingue:
    Stragi, fosse comuni e video choc Rischio propaganda sulla verità

    Ma quanti sono i morti in Libia? Mille, duemila o diecimila? E quante città sono cadute in mano ai rivoltosi? Due, tre, dieci? La crisi libica è densa di notizie tanto sensazionali e sconvolgenti quanto di dubbia attendibilità. Siamo tutti inorriditi apprendendo che Gheddafi avrebbe ordinato all’aviazione di bombardare la folla, circostanza che però il vescovo di Tunisi non conferma, al pari di altri testimoni. Le comunicazioni telefoniche dalla Libia sono difficilissime e quelle online interrotte; però ogni giorno sbucano filmati drammatici pro o contro il regime. Abbiamo visto quello sulle fosse comuni, che però tanto comuni non sembravano. Erano, piuttosto, sedici buche nel terreno come quelle che vengono scavate in ogni cimitero. La tv di Tripoli, invece, trasmette le immagini di migliaia di libici esultanti in piazza per dimostrare che il Colonnello è amato e ancora saldamente al potere. Chi mente?
    Inutile, chiederselo, mentono tutti....

    Le poche voci dubbiose di solito finiscono travolte dall’impeto delle breaking news, dalle notizie dell’ultima ora e dunque da una concitazione travolgente. Impressionare o stordire. Trascinare o deprimere. Esaltare o impaurire. Quel che conta è l’effetto immediato. Le guerre moderne si vincono anche, anzi soprattutto, sui media....A ogni conflitto, a ogni guerra civile va in scena lo stesso film, con una vittima immancabile: la verità. E i giornalisti diventano i veicoli della propaganda, in un vortice che l’era dell’informazione globale ha reso vertiginoso......
    Al lettore, che giustamente vuole sapere e cerca di capire, diamo un
    solo consiglio: diffidare, diffidare, diffidare, nella consapevolezza
    che, in questi frangenti, distinguere i fatti dalla propaganda è quasi
    impossibile.



    Ma non solo in questi frangenti direi c' è la propaganda.
    Manca l'invito alla categoria degli informatori di fare un passo in avanti.....

    http://www.ilgiornale.it/esteri/stragi_fosse_comuni_e_video_choc_rischio_propaganda_verita/25-02-2011/articolo-id=508147-page=0-comments=1

    RispondiElimina
  3. Segnalata la trasmissione Mistero ( servizio sul Morgellons )


    http://aircrap.org/chemtrail-and-morgellons-on-italian-national-tv/33963/

    RispondiElimina
  4. Magnifico articolo quello della Pellat, caustico e libero.

    RispondiElimina
  5. Nienteecomesembra, temo che i fatti libici siano in gran parte creati e manipolati dai media, un po' come avvenne per il 911.

    Ciao

    RispondiElimina
  6. Aria pesante e sapore metallico in bocca,per l'arpav veneto nulla da segnalare anche perchè non dicono niente,mutismo assoluto,che cacchio fanno tutto il giorno?.
    Foschia allucinante.
    Segnalo anche che i boati sul Fadalto continuano e che il nuovo capo della protezione civile a Belluno ha detto di tenere pronti torce,acqua e cellulari(!).

    RispondiElimina
  7. Anche in liguria, nebbia densa, Damocle. E' una nebbia chimica che offusca tutto e rede l'aria irrespirabile.

    Al TG2 "costume e società" hanno poroposto un servizio sull'aspartame, accertato come dolcificante cancerogeno, dall'istituto Ramazzini. Purtroppo è contenuto in molti farmaci ed alimenti.

    RispondiElimina
  8. Ottimo articolo! non ha avuto peli sulla lingua.

    Intanto segnalo video molto interessante sui polimeri di ricaduta:
    http://www.youtube.com/watch?v=IQi0TAGzgco&feature=related

    RispondiElimina
  9. E' un bel minestrone, condito con l'assenzio. Porta dritti dritti alla depressione, cioè fa il gioco delle élites al potere che ci vogliono...cadaveri. Mi ha incuriosito l'invito dell'autrice a farsi amici dei senza fissa dimora. Dalle mie parti non ce ne sono molti, ma appena ne trovo uno gli chiederò se sa qualcosa delle scie chimiche.
    Narrativamente non è un brutto articolo, ma a livello pratico non so quanto possa essere utile ed edificante.

    RispondiElimina
  10. Tremonti:
    "Dinanzi a questo caos persino il sistema democratico europeo potrebbe entrare in tensione. Per reazione potrebbe esserci una sterzata verso destra".
    "Nel videogame -sottolinea il ministro- siamo saliti di livello" e sono molti gli aspetti della crisi del Maghreb da analizzare: un conto e' l'innesco, "la speculazione sui prodotti alimentari che ha provocato le rivolte", altra cosa e' capire, ad esempio, "il ruolo dei social network" nella crisi che ha spazzato via in poche settimane i regimi di Tunisia ed Egitto e che ora ha messo in ginocchio quello libico: "sarebbe importante sapere se dietro questi giovani 'in rete' c'e' o meno qualcuno, ed eventualmente chi. Perche' delle due l'una: o sono stati cosi' bravi da produrre il rovesciamento del sistema, oppure sono stati cosi' ingenui da farsi strumento".
    http://www.adnkronos.com/IGN/Daily_Life/Edicola/Libia-Tremonti-La-crisi-del-Maghreb-e-il-terzo-mostro-del-videogame_311729456615.html

    "Ricordatevi della rivoluzione francese, che chiamiamo la Grande Rivoluzione: ebbene, tutti i segreti della sua preparazione organica ci sono ben noti, essendo lavoro delle nostre mani. Da allora in poi abbiamo fatto subire alle nazioni una delusione dietro l'altra, cosicchè esse dovranno perfino rinnegarci, in favore del Re Despota, uscito dal sangue di Sionne, che stiamo preparando al mondo" Protocolli dei Savi di Sion

    Queste dichiarazioni puzzano detto da uno che bazzica con l'Aspen Institute...

    Intanto le polveri sottili ...
    http://www.corriere.it/cronache/11_febbraio_25/lo-smog-nelle-citta-italiane-si-vive-nove-mesi-in-meno-gianni-santucci_5b3ec0b0-40aa-11e0-a0e9-e3433e14003f.shtml

    Qui in provincia di Milano è due giorni che sfacciatamente sciano dalla mattina alla sera. Mancano le dita per indicare lo schifo in cielo. Mi è piaciuto l'ultimo passaggio dell'articolo (sebbene un po' troppo lungo):
    "Quello che scegliamo di vedere ogni giorno si basa sulla quantità di realtà che siamo in grado di fronteggiare. Questo dovrebbe darvi un indizio del perché molta gente è capace di guardare il cielo, senza trovarvi niente di strano"

    RispondiElimina
  11. Tremonti ha l'impudenza di rivelare verità che quasi nessuno comprende, continuando a fissare con occhi vacui ed ebeti lo schermo su cui va in onda una realtà fittizia.

    Cielo arcischifoso anche su sanremo (minuscolo volontario).

    RispondiElimina
  12. OT su topolino 2883 a pagina 15 c'è una bella X chimica in cielo, nella prima vignetta

    RispondiElimina
  13. Nei vecchi Topolino c'erano solo cumuli. Si tirano da soli la zappa sui piedi, con queste porcate subliminali.

    RispondiElimina
  14. OT:

    ABANO TERME (PADOVA)
    Procreazione, studio: il papilloma virus fa impennare gli aborti

    I nuovi dati, però, potrebbero cambiare radicalmente la situazione. Si propone ancora una volta, poi, il problema di estendere la vaccinazione obbligatoria agli adolescenti maschi. Lo studio è stato condotta su 200 coppie infertili in attesa di fecondazione assistita.

    Vaccinazione obbligatoria agli adolescenti maschi? In linea con il NWO, sono per il depopolamento, quindi meno figli si fanno meglio è. Pertanto fuck you doctors, pigs bastards! O i vostri fini sono altri, è?

    http://www.blitzquotidiano.it/facebook/maternita-papilloma-virus-aumenta-aborti-764211/

    Opporsi, opporsi, opporsi!
    Ecco invece cosa succede agli scienziati che osano criticare gli OGM e non a brindare e pasteggiare ospiti delle case farmaceutiche.
    http://mikephilbin.blogspot.com/2011/02/scientists-under-attack-genetic.html

    RispondiElimina
  15. Misteriosa apertura di una crepa larga cento metri e lunga 3 Km in Perù

    http://www.livinginperu.com/news-14238-outside-of-lima-puno-large-crack-opens-earth-southern-peru

    Per Libia & Co segnalo questi due link dal mondo economico (che fino a ieri inneggiava per la NED)
    http://www.rischiocalcolato.it/2011/02/libia-puzza-di-complotto.html
    e questo del solito ottimo Freda http://blogghete.altervista.org/joomla/index.php?option=com_content&view=article&id=782:gianluca-freda&catid=25:politica-italiana&Itemid=44

    RispondiElimina
  16. Ciao a tutti apro un piccolo o.t., visto che si parla spesso di cure naturali volevo chiedere se qualcuno conosce i libri di Kevin Trudeau, e cosa ne pensa a riguardo. Buona giornata.

    RispondiElimina
  17. Sarebbe bello denunciare per "falso ideologico", per "favoreggiamento", "delitti contro l'ambiente", "attentato alla Costituzione" Guido Guidi, Costante De Simone e gli altri, i quali ci sbattono sempre le previsioni meteo con velature innocue, grafica compresa. Quali prove migliori per portarli alla sbarra? Si potrebbe organizzare una colletta per denunciarli tramite il Comitato Tanker Enemy. Il denaro potrebbe essere direttamente accreditato sul conto dell'avvocato che si farebbe carico della denuncia, così da evitare speculazioni da parte dei soliti noti.

    Dobbiamo essere cattivi ed incisivi. Basta fregnare! Agiamo! Che cosa ne pensate? Spargiamo la voce?

    RispondiElimina
  18. Ok Straker.

    1°) Testo dell'eventuale denuncia da presentare e presa visione con approvazione di tutti quelli che aderiscono.

    2°) Nome e indirizzo dell'eventuale Studio Legale scelto e casella e-mail.

    3°) Codice IBAN della Banca dello Studio dove effettuare il bonifico (ripartito in quote dei partecipanti).

    Così si potrà tastare il polso dell'importanza che ha questa iniziativa legittima, e/o, se sono solo parole sparse al vento.

    Cordialmente, wlady

    RispondiElimina
  19. Ho letto, tra i commenti, che avete accennato alla situazione in Libia.
    Bene, io i miei dubbi su probabili macchinazioni, prima o dopo le rivolte, è da un po' che me le pongo.

    Proprio oggi, ho pubblicato un articolo sul mio blog che condensa una serie di articoli "sospettosi" su quanto sta accadendo. E alla fine dell'articolo, ho dovuto mettere un aggiornamento in quanto....leggete, è meglio.

    Il mio articolo si intitola Rivolte in Nord Africa - Un'altra visione degli avvenimenti

    RispondiElimina
  20. Wlady, pienamente d'accordo. Scriveremo un post sull'argomento e cercheremo di organizzarci. Intanto, se c'è qualche avvocato con le palle disponibile, si faccia avanti. Qualcuno chieda a Franceschetti. Vediamo se dalle parole sa passare ai fatti.

    RispondiElimina
  21. Gigettosix, non conosco i libri di Trudeau.

    Luka78, ho inserito il tuo articolo su OKnotizie.

    Speriamo di trovare un avvocato, Wlady.

    RispondiElimina
  22. So perfettamente Zret che non sarà cosa facile visto l'argomento planetario e i problemi che ciò implica anche a livello di esposizione professionale, rimane il fatto oggettivo visibile a tutti che non possono essere "velature" di natura naturale e i meteorologi non possono più mentirci spudoratamente e/o inconsapevolmente, anche loro professionalmente possono essere screditati.

    Per quello che riguarda la ricaduta sulla popolazione per la salute, beh, è un altro passo successivo che per il momento è meglio accantonare (ma non dimenticare), l'importante è ammettere che le irrorazioni vengono fatte in maniera copiosa fino a nascondere la luce solare; le velature e la nebbia non sono di carattere naturale, le nuvole sono nuvole, magari cumuli formi, ma non velature, e la nebbia non è mai scesa, è sempre salita dal terreno per l'escursione termica.

    Un caro saluto, wlady

    RispondiElimina
  23. Ci devono spiegare per quale motivo il "fenomeno" delle velature non è mai esistito prima ed ora invece fa parte del palinsesto a tutti gli effetti. Vogliamo, in sede giudiziaria, spiegazioni scientifiche e non le balle di Guido Guidi blaterate a fiato corto a Geo & Geo.

    RispondiElimina
  24. Hai perfettamente ragione, Wlady. Lorsignori pretendono di normalizzare un orrore cui non ci adegueremo mai.

    Ciao

    RispondiElimina
  25. CRISI ECONOMICA? NON PER LORO.
    NUOVA FLOTTA DI TANKER

    WASHINGTON - Anche per gli standard del Pentagono, è un premio strabiliante: a 35 miliardi dollari contratto per la costruzione di quasi 200 giganteschi aerei-cisterna di rifornimento.



    ... circa 50.000 posti di lavoro sarebbero creati negli Stati Uniti

    E $ 35 miliardi di dollari …. su un affare di 100 miliardi dollari, se l'Air Force spinge avanti e compra più autocisterne....dice l' articolo.

    http://seattletimes.nwsource.com/html/businesstechnology/2014295255_boeingtanker22.html



    Qualcuno si chiede se stiano adoperano anche il piombo visto che si è scoperto che abbia delle proprietà utilizzabili per scopi prefissati. Sempre per farci stare più freschi naturalmente.

    Da indagare su questo …..

    Lead pollution in the air stimulates the formation of ice particles in clouds.
    http://www.sciencedaily.com/releases/2009/05/090512093542.htm

    Future work will look at the type of lead and how much is needed to affect clouds and precipitation, as well as the atmospheric distribution of the metal dust.
    http://www.sciencedaily.com/releases/2009/04/090419133839.htm

    RispondiElimina
  26. Ciao Zret, grazie per la segnalazione.

    Un saluto a Straker.

    RispondiElimina
  27. Questo articolo andrebbe fatto leggere nelle scuole e negli ambienti di lavoro, volevo chiedervi una cosa, ma voi in tutte queste sparizioni che sono avvenute negli ultimi tempi intendo da Sara Scazzi fino alle gemelline, al ritrovamento di Yara uccisa ,non ci vedete una strategia per impiantare microchip rfid? nel caso delle gemelline i media in coro ci parlano di suicidio del padre, quando invece nessuno lo ha visto buttarsi sotto il treno, solo questo dovrebbe farci pensare, i bastardi stanno accellerando i tempi , non si fermeranno davanti a niente, dobbiamo ricordarci che oltre alla distruzione del pianeta , perchè il nwo abbia pienamente successo è che tutti dovranno avere un microchip impiantato. ciao

    RispondiElimina
  28. Lexicon devil, inquadrerei queste sparizioni e questi orribili omicidi in un contesto di turpi traffici, adescamenti, abusi e sacrifici umani, come quelli descritti da Cathy O' Brian in Tranceformation of America. Cogli nel segno quando vi vedi pure uno stratagemma per convincere la popolazione ad impiantarsi il microchip.

    Ciao

    RispondiElimina
  29. D'accordissima per quel che riguarda la raccolta di fondi. Potreste inviare una mail a tutti gli iscritti al comitato

    Anna R.

    RispondiElimina
  30. http://nonvotarechitiavvelena.blogspot.com/2011/02/lunedi-28-febbraio-cielo-blu-addio-un.html

    Grazie a te, Luka.

    RispondiElimina
  31. http://www.mentereale.com/articoli/scie-chimiche-proibizionisti-assassini-professionisti

    E poi se volete che l'umore migliori si veda questo bellissimo film di Bruce Lipton
    http://www.youtube.com/watch?v=iMnAGNkEuxM
    (ne vale proprio la pena delle 2h:30')

    RispondiElimina
  32. Ciao. Mi puoi aiutare? In seguito a questo post una certa Micia mi ha lasciato questo commento: "...nel nord est una mattina dopo una notte di pioggerella ho trovato sul tetto della polverina gialla, i giorni prima in cielo era pieno di scie che di solito invece non sono proprio frequentissime qui, quei giorni era periodo di aratura dei campi, l'ho raccolata e ho fatto delle foto, sono venuta a conoscenza che è biossido di zolfo, ho provato anche altre strade per sapere se interessa a qualcuno questa cosa, ma per lo più sono bloccate, e qui?". Cosa possiamo fare?

    RispondiElimina
  33. Ciao Giuditta, oltre che confermarti che si tratta certamente di Biossido di Zolfo, non ho idea di cosa altro si possa fare, se non prendere per il collo il primo sciatore che vi dovesse capitare fra le mani. infatti le ARPA ne sono al corrente, ma essendo istituti atti ad occultare, non se ne esce. idem per i giudici, troppo occupati con Ruby e company per potersi occupare di cose serie.

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis