giovedì 3 febbraio 2011

Boati e voragini in Cadore: quali sono le vere cause?

Fra i numerosi articoli che, in questi ultimi tempi, riferiscono di assordanti deflagrazioni udite in varie regioni d'Italia, abbiamo scelto una cronaca in cui l'inquietante evento (probabilmente dovuto alla costruzione di basi sotterranee) è associato all'ancora più spaventevole comparsa di voragini nel terreno. Si tratta dei cosiddetti sinkholes, giganteschi buchi spesso dalla forma perfettamente circolare e dalle pareti lisce: sono baratri che, da un anno circa, si aprono all'improvviso nel terreno sia in zone urbane sia in aree rurali. Le spiegazioni ufficiali talora possono essere persuasive, ma a causa della notevole frequenza del fenomeno e per la stranezza delle caratteristiche, si potrebbe ventilare l'ipotesi che i fori siano causati da armi satellitari cui alcuni ricercatori attribuiscono - forse non a torto – anche i 'crop circles'.

Domegge. Non c’è solo il Fadalto ad avere il problema dei boati provenienti dalla terra: un fenomeno simile si verifica da tempo a Domegge. Più volte, tra il 1960 ed oggi, dal suolo sono arrivati dei forti boati. Non è stato facile trovare persone disposte a confermare queste voci, a Vallesella. Una di queste è Giovanni Fedon che abita vicino alle sponde del lago. «Sento spesso dei rumori sordi provenire dal lago, ma il più delle volte sono riconducibili alle lastre di ghiaccio che si rompono e cadono nell'acqua. Ho udito, però, altri rumori vicino al cimitero che si trova a metà strada tra Domegge e Vallesella. L'ultima volta che ho sentito un forte rumore, ero proprio in cimitero: era un rumore forte e secco che proveniva dal sottosuolo. Posso anche confermare che, a poca distanza dalla mia casa, tempo addietro, senza ragione, si è aperto un buco nel prato».

La nostra mini inchiesta si sposta verso Domegge, nelle vicinanze del campo sportivo, dove c'imbattiamo in Fulvio Pinazza, che conferma di aver udito dei boati e di aver visto delle voragini nel terreno: «I rumori che si sentono provenire dal sottosuolo e dal lago», spiega l'imprenditore ultraottantenne, «sono di due tipi, logicamente di origine diversa: il primo è collegato allo scioglimento del ghiaccio; tutto questo provoca dei forti rumori che si odono nelle aree tra Domegge e Vallesella più vicine al lago. Gli altri rumori, che si sentono ormai da molti anni, sono dei veri e propri boati che arrivano dal sottosuolo, accompagnati a volte dall'improvviso formarsi di buchi e voragini in mezzo ai prati. Non è certo rassicurante pensare di vivere su un territorio dove si verificano tali fenomeni».

Ma quale potrebbe essere la causa? A questa domanda cerca di rispondere Antonio Pinazza, che, insieme con Fulvio, sta compiendo la passeggiata giornaliera lungo la strada che collega il paese di Vallesella a Domegge: «Difficile rispondere, perché questo fenomeno è nato poco dopo la nascita del lago di Centro Cadore. Secondo quanto ho potuto capire, i boati potrebbero essere causati dalle gallerie sotterranee che si trovano nel sottosuolo tra Vallesella e Domegge, in modo particolare nella zona del campo sportivo. Queste gallerie sarebbero formate dall'acqua che corrode il terreno sottostante composto da gesso e marmorino, creando degli ampi tunnel che ogni tanto crollano, provocando forti rumori».

Del fenomeno è a conoscenza anche il sindaco, Lino Paolo Fedon, che comunque tende a rassicurare la popolazione: «Il problema dei boati è nato con il riempimento dell'invaso formato dalla diga di Sottocastello. Il Comune di Domegge è sempre stato molto attento a questi fenomeni, tanto che tempo fa sono stati eseguiti dei sondaggi che hanno chiarito la situazione. Sulla base dei rilievi, risulta che il territorio edificabile di tutto il comune è sicuro: unica eccezione è la zona dichiarata non edificabile nel momento dello spostamento a monte del paese. Anche per l'elaborazione del P.A.T., lo scorso anno, sono state eseguite delle perizie geologiche, che hanno confermato la non pericolosità del territorio».

Fonte: corrierealpi





Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.


Chi è Wasp? CLICCA QUI

CHEMTRAILS DATA

Range finder: come si sono svolti i fatti

35 commenti:

  1. Interessanti interrogativi, Zret.

    Coincidenza vuole che 7-10 giorni fa, sul TG1 delle ore 20:00, abbiano mandato in onda un servizio su di una località del Nord Italia ( forse la stessa dell'articolo da te riportato )in cui si stavano verificando una serie di misteriosi boati.

    Le spiegazioni furono incentrate su cause naturali: crostoni di roccia che cedono, crolli di alcune grotte presenti nella zona, ecc..

    L'idea di armi satellitari, è un'altra ( NON ufficiale ) ipotesi.
    Nel rivedere - grazie al secondo link che hai messo - le immagini del buco dell'anno scorso in Guatemala, c'è da mettersi paura.
    Se non ricordo male, in quella circostanza, dissero che la causa era dovuta ad un fiume sotterraneo.

    Purtroppo, a parte qualche geologo in buona fede, usare la cultura in un certo campo per raggirare la gente è brutto e da vigliacchi.
    Ovvio, però, che se devono difendere l'operato occulto di qualcuno...
    A me hanno sempre dato l'aria di buchi artificiali. Pur essendo ignorante in materia, però, nel vedere quei buchi così ben scavati, non so...

    Interessante, sempre nel link che hai messo, l'dea che tutti questi buchi "fanno pensare alla sperimentazione oppure all’utilizzo di un sistema di arma nuovo e molto sofisticato e, come sempre, assai subdolo. Credo si tratti di una specie di avvertimento indirizzato ad alcune popolazioni, sulle possibilità distruttive e paralizzanti per la vita di una nazione, di tale arma".

    RispondiElimina
  2. "[...] si potrebbe ventilare l'ipotesi che i fori siano causati da armi satellitari cui alcuni ricercatori attribuiscono - forse non a torto – anche i 'crop circles'."

    Una ipotesi interessante, tra l'altro teorizzata da altri ricercatori.
    Se chi comanda dispone di armi del genere, questo significa che l'elites mirano ad ottenere il controllo assoluto tramite la tecnologia (sorta di tecnocrazia).
    I criminali o gli oppositori del sistema potrebbero essere eliminati schiacciando un bottone.
    Nanomacchine, virus selettivi, armi satellitari ad energia diretta, a questo punto tutto lascia presagire che ci stiamo dirigendo a grandi falcate verso un nuovo ordine mondiale, una dittatura come non si era mai vista prima, che il 2012 sia l'anno fatale?

    RispondiElimina
  3. Che il 2012 sia l'anno fatale?

    Anche prima.

    RispondiElimina
  4. Senza dubbio di sbagliarsi il 2012, sarà un anno importante per il genere umano, i segnali sono troppo evidenti, anche a non voler essere fatalisti e/o complottisti, le cose che stanno accadendo sono sotto i nostri occhi tutti i giorni.

    Naturalmente sempre per tener la tranquillità del popolo ci vengono raccontate tante balle dai disinformatori; comunque non ci riusciranno, il tempo corre, e corre veloce i giorni sono diventati più corti, sarà un caso? E anche la crescita spirituale dell'essere umano sta subendo una metamorfosi (anche se lenta).

    Qualcosa di molto devastante si profila all'orizzonte, che coinvolgerà tutti, non tutti verranno distrutti, così come in passato e così come sarà il futuro, l'Umanità saprà rinascere dalle sue ceneri, come la Fenice Egizia, come la perduta Atlantide, la scomparsa Lemuria; impareremo mai dal passato? Basta una tempesta magnetica solare di grandi proporzioni come avvenuto nel 1850 per invalidare tutte le armi laser e satelliti intorno alla terra, portandoci indietro di 1000 anni.

    Le piramidi di tutto il mondo staranno a guardare (come hanno sempre fatto nei millenni), e indicheranno agli uomini di buona volontà il nuovo cammino, perché dei nostri sofisticati manufatti non resterà nulla e di noi nemmeno la polvere resterà a ricordo; solo la pietra basaltica resterà a testimoniare il passato e, non sarà certo il nostro ...

    wlady

    RispondiElimina
  5. Salve a tutti. Scusate se vado OT. Probabilmente già lo sapete e lo avete notato ma nel caso non fosse così, vi segnalo il film (candidato all’oscar, uscirà in Italia il 25 di questo mese) intitolato “127 ore”. Storia vera di un ragazzo che rimasto col braccio intrappolato da un masso in un canyon dello Utah arriverà, dopo 5 giorni stremato da fame e sete ad amputarsi il braccio stesso per liberarsi. Ora voi direte ma che c’entra questo con le scie? Riposta mia: NIENTE!!! Però di fatto come già accaduto con altri film come “into the wild” o quello dell’anno scorso “la città verrà distrutta all’alba”, il regista si è, per cosi dire, “divertito” ad inserire diverse inquadrature di aerei che sciano. Inquadrature che non c’entrano nulla col film, nel senso che appaiono quanto mai forzate e fuori contesto. Tanto per fare un esempio guardate il trailer qui:

    http://www.youtube.com/watch?v=6OHpfps3_6k

    Stoppate il video a 2:19 – 2:20…..capito? E ce ne sono diverse tipo quella nel film. Tra l’altro li nel trailer l’inquadratura dura un frazione di secondo, ma nel film, che ho visto per intero ieri sera, durano qualche secondo.

    Ok è tutto, se lo sapevate già scusate, ma è difficile per me seguire tutto quello che scrivete, purtroppo non ho molto tempo libero a disposizione. Ancora un saluto a tutti. Ciao.

    RispondiElimina
  6. "L'uomo teme il tempo, ma il tempo teme le piramidi".

    RispondiElimina
  7. Luka, le tue riflessioni sono molto pertinenti.

    Ciao

    RispondiElimina
  8. Wlady, anch'io penso che il 2012 o giù di lì sarà la linea di displuvio. L'umanità risorgerà dalle ceneri, ma questa sarà l'ultima volta, poiché siamo forse prossimi all'apocatastasi.

    Ciao

    RispondiElimina
  9. Ne stiamo discutendo qui: http://www.nuovocadore.it/forum/showthread.php?t=1082
    chiunque voglia partecipare alla discussione è il benvenuto.

    RispondiElimina
  10. Ciao a tutti, qui in provincia di Milano nuvole completamente artificiali, (le vedi anche tu Wlady?).
    Qualche notizia ...

    Gerard Celente: "The experts… are saying what's going on in Tunisia and Egypt, this is going on in Arab nations. Nah, this is the beginning of something much greater. Figure it out. Civil wars to regional wars to world wars. The Crash of '29 equals the Panic of '08. The Great Depression equals the Great Recession. World War Two equals the First Great War Of The Twenty-First Century."

    http://www.businessinsider.com/gerald-celente-war-2011-2

    La Cina sta sviluppando armi a energia scalare e preoccupa il Pentagono

    http://www.activistpost.com/2011/02/chinas-hostile-space-capabilities-worry.html

    ... già siamo anche noi preoccupati del Pentagono. I boati e gli sink hole sono lì a testimoniare questi test.

    Notizia collegata:
    Magnetic polar shifts causing massive global superstorms

    http://www.helium.com/items/2083868-magnetic-polar-shifts-causing-massive-global-superstorms

    Però a fronte di tutte queste disgrazie che ci sicuramente arriveranno sono altrettanto sicuro che sopravviveremo (peggio, ma vivremo) e questo basta per vedere il mondo con gli occhi e il cuore di un bambino. Nonostante tutto voglio credere a questo. Saluti e buon w/e

    RispondiElimina
  11. In USA esistono ormai assicurazioni contro le sinkholes...



    Più di 40 anni fa già si faceva.......Prisonplanet riprende un articolo di qualche anno fa...
    Ben Livingston, padre del tempo come arma come dicono.... nemmeno su Wikipedia....
    http://www.prisonplanet.com/the-father-of-weaponized-weather.html


    Biography:

    Ben Livingston has a master's degree in cloud physics from the Naval Weapons Center and Navy Post Graduate School in California. According to a recent report "He seeded clouds and dramatically increased rainfall in his theater of war, creating impassably muddy roads, slowing down the Vietnamese and Korean troops, and saving lives and entire towns from occupation." Livingston was even invited to the White House where he briefed President Lyndon B. Johnson on the effectiveness of weather control activities. Livingston asserts that hurricane control was a national priority of the government in the 60s and they had the ability to do it at that time. That was 40 years ago. He now works with scientists and pilots at Weather Modification Inc., in Fargo, N.D. His research of hurricane control has been confirmed by the Stanford Research Institute.


    Dyn-O-Mat(R) Plan to Seed Hurricanes Validated by Former NOAA Project Director.

    http://www.thefreelibrary.com/Dyn-O-Mat(R)+Plan+to+Seed+Hurricanes+Validated+by+Former+NOAA+Project...-a0141431480

    RispondiElimina
  12. ciao a Tutti

    c'e' troppo hype dietro a sto' 2012,ancora una volta,mi puzza di controllo delle masse e programmazione mentale,ne piu' ne meno di quello che avviene ora.ragazzi,concentrati sul presente,e' qui che accade il marcio...

    ciao
    Sandro

    RispondiElimina
  13. @Ron,
    si Ron, le vedo pure io questa mattina quelle nuvole artificiali, ieri alle 17:00 il cielo era uno scempio, ho fotografato tutto e postato sul mio blog, questa sera sono ospite da amici e mi porto il piccolo portatile per far vedere agli amici (ancora scettici) quello che stanno facendo a Milano e in tutto il globo, questa sera farò una conferenza casalinga suffragata da fatti, e, vediamo se mi danno ancora del visionario.

    Un cordiale saluto a tutti.

    wlady

    RispondiElimina
  14. Mistero - Adam Kadmon - Majestic 12 - La verità sugli alieni

    http://www.tanker-enemy.tv/majestic12.htm

    Adam Kadmon introduce il tema spinoso del presunto patto scellerato (il famoso Majestic 12) tra governo statunitense ed una razza di alieni malevoli: questa alleanza avrebbe favorito un formidabile impulso tecnologico. Adam Kadmon riconduce, però, la questione verso sinistri scenari terrestri: i Grigi potrebbero essere cloni creati in laboratori militari e la minaccia esterna potrebbe essere una simulazione dell’esecutivo occulto che, per coagulare il consenso della popolazione mondiale verso un unico (e tirannico) stato planetario, inscenerebbe un’invasione “aliena”, usando armi satellitari (si pesni alle affermazioni di Werner Von Braun). Gli strumenti che oggi sono impiegati per tracciare enigmatici pittogrammi nei campi di cereali, potrebbero servire per distruggere intere città. Sembrano fantasie, ma è noto che i governi controllano i cittadini con la paura. Inoltre Cooper previde l’ondata di auto-attentati che ha insanguinato l’ultimo decennio… Le sue “profezie” si sono adempiute: si avvereranno anche altre previsioni?

    RispondiElimina
  15. Dopo aver letto l'articolo sul blog di Corrado riguardo alla evergreen mi sorge spontanea una domanda;chi sono i veri terroristi?.

    RispondiElimina
  16. Tutta la settimana con un cielo schifoso,solo velature,nuvole chimiche e foschia chimica.
    Vorrei tanto avere tra le mani quei bastardi che hanno inventato qiesta porcata infame.
    Tantissima gente con problemi respiratori,bronchiti,tosse persistente,catarro e i farmaci fanno poco o niente,i medici danno la colpa all'inquinamento e alla mancanza di piogge.
    Bingo!.

    RispondiElimina
  17. Non dirmi nulla, Damocle. Se ne avessi uno tra le mani...

    RispondiElimina
  18. Ma dove hanno messo il cervello quelli - non tutti, ovvio - che abitano a Milano? Non sono in grado di alzare gli occhi al cielo e di fare due più due?

    Domani traffico fermo per colpa delle polveri sottili e delle deiezioni di caldaie e motori a scoppio. Ah, sì? E tutte le venefiche sostanze disperse ininterrottamente da migliaia e migliaia di voli chimici dove le mettiamo?

    Poveretti! La sindaca Letizia Moratti, con il suo sorriso dolce ed ineffabile ma quanto mai falso, gli ha dato alla testa.

    Sentivo oggi l'osservazione di un povero deficiente che, per scongiurare l'inquinamento, consigliva di 'piantare più di alberi'. Forse l'unica cosa da piantare sarebbe un pò più di sale nella sua zucca.

    RispondiElimina
  19. Questa poi.....


    New York: stop al fumo anche all’aria aperta
    Articolo pubblicato il 05/02/2011 alle ore 17:31
    Da parecchi anni, come tutti sappiamo, non si può più fumare nei luoghi chiusi come esercizi pubblici e posti di lavoro, in modo tale da non disturbare chi non vuole essere infastidito dalla “nube grigia”.
    Che la sigaretta non potesse essere accesa in molte zone chiuse non è di certo una novità, mentre ci giunge nuova la notizia arrivata da New York, qualche giorno fa.
    La grande mela vieta alle persone di fumare praticamente ovunque: nei parchi, all’aperto, per strada ed anche in spiaggia!

    RispondiElimina
  20. Ciao Paolo condivido le critiche ai milanesi al 100%. Il problema è che neppure in provincia o in Friuli ci si accorge delle scie chimiche. Forse non è un problema di etnia.

    Invece so per certo che molti bambini in tutta Italia già dalle elementari conoscono il problema delle scie chimiche e pongono domande a cui il sistema non sa o nega risposte.

    Possono ricolorare i cartoni animati e i lego con le scie bianche o insegnare che le scie sono ghiaccio quanto vogliono o far finta di nulla come fanno vergognosamente le forze dell'ordine (ormai non più nostre). E' troppo tardi ci vuole poco a svegliare un bambino. Basta un altro bambino.

    Per quanto ci riguarda dobbiamo solo pensare a sopravvivere e a ricordare a questi signori che dissentiamo da tutto ciò. Il 27 gennaio vale anche (se non soprattutto) per i vivi.
    Continua con determinazione e se ridono lasciali ridere.

    OT
    Consiglio caldamente questo post
    http://mercatoliberonews.blogspot.com/2011/02/dove-ce-barilla-ce.html
    Atteggiamenti come questi sono in linea con il NWO, non li sopporto più.
    Da un pezzo non consumo più questi prodotti d per mie ragioni "salutiste", adesso questo post me ne ha data una in più: quella etica.

    RispondiElimina
  21. Tutto il mondo è scia ed in tutto il mondo si scia... Cittadini autolesionisti impetrano il blocco del traffico privato, mentre almeno l'80 per cento dell'inquinamento proviene dagli aerei defecanti.

    Ciao a tutti.

    RispondiElimina
  22. Con me la barilla ha chiuso già da anni idem per altri produttori raccontaballe,per quanto possibile rivolgetevi a produttori locali.Quotissimo per il commento di Paolo,situazione simile anche qui anche se si nota un certo risveglio.
    Vogliono fermare le euro 2 ma sui stramaledetti aerei che continuano a scaricare tonnellate di particolato silenzio assoluto da parte delle poco credibili istituzioni.

    RispondiElimina
  23. Damocle, hai perfettamente ragione. Maledette ed esecrande istituzioni!!! E' vicino il momento della Nemesi!

    RispondiElimina
  24. Non solo l'amianto "Ron" ma anche commistioni con la produzioni di armi (che io so da molto tempo), ecco perché bisogna saper scegliere cosa e dove comperare l'alimentazione.

    Il link: http://www.liberivicentini-cosenostre.net/2010/11/21/dove-ce-barilla-ce-censura/

    Buona serata a tutti.

    wlady

    RispondiElimina
  25. Barilla non è solo amianto ma anche ogm,alla faccia della natura e del mulino bianco!.
    Multinazionali false,ipocrite e avide,solo ai soldi pensano,il resto non esiste conta solo il fatturato.

    RispondiElimina
  26. Il Mulino amianto.

    Barilla investe in armi come il Vaticano.

    RispondiElimina
  27. Un lucido e caustico articolo:

    http://nwo-truthresearch.blogspot.com/2011/02/stiamo-entrando-in-unera-glaciale.html

    RispondiElimina
  28. Bravo, Corrado, hai messo il link di quella società aerea statunitense alla quale anche Mistero aveva accennato questo martedì.

    Incredibile ma vero; sfacciatamente i loro "Supertanker" ( così li chiamano ) li possono utilizzare anche per operazioni di Weather Modification.

    Orami è inutile nascondersi dietro un dito, è meglio scriverlo chiaro e tendo e farla finita.
    Il muro incomincia a crollare. E i servitori è meglio che incominciassero a farsi riciclare altrove. Sempre se li ricicleranno.

    RispondiElimina
  29. @ Zret ( e per tutti ):

    "Un lucido e caustico articolo:

    http://nwo-truthresearch.blogspot.com/2011/02/stiamo-entrando-in-unera-glaciale.html
    "

    a proposito di era glaciale, Zret, qui il link ad un articolo ( free ) di Effedieffe che riprende una foto, tratta da Yahoo Notizie, che ritrae letteralmente mezzo mondo sotto la neve.
    Per la precisione, l'origine della foto è il NOAA.

    Sa, bisogna ricordarci - perchè c'è il rischio di scordarselo - che c'è il global warming!


    P.S.
    Vi ricordo che se cliccate sul link "foto", vi sarà visualizzata l'ora e la data di quando è stata processata. Ora non so se ogni "tot" di minuti ( o di ore ) fanno ulteriori foto. Quindi, se dovesse essere così, è ovvio che se ci cliccherete fra qualche mese, la neve...non ci sarà più.

    RispondiElimina
  30. Rieccomi di nuovo perchè, in un batter d'occhio, ho fatto una ricerca su internet digitando la semplicissima frase "Weather Modification".

    Il risultato? Al primo posto dei link vi è la seguente società:

    Weather Modification, Inc

    Non so se già vi ci eravati imbattuti, in caso contrario, Buona lettura.

    RispondiElimina
  31. Scusate, ma avevo dimenticato anche questa nobilissima associazione:

    The Weather Modification Association (WMA)

    RispondiElimina
  32. Invece di pensare ad armi satellitari perchè non può essere dovuto a un fenomeno naturale in qualche modo ancora non conosciuto?

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis