martedì 17 novembre 2015

Cucù, c’est moi!



Il giorno 13 novembre 2015 Parigi è stato il palcoscenico di un ennesimo inside job-false flag. E’ difficile stabilire se la strage parigina, sicuramente orchestrata e perpetrata dai servizi segreti internazionali o, meglio, da una potente e feroce confraternita come l’Hathor Pentalpha (Hathor nell’antico Egitto è un’ipostasi della dea Iside… Iside evoca l’I.S.I.S., il califfato anti-islamico), abbia causato veramente vittime o sia stata una sorta di “girato” cinematografico con tanto di set, comparse, sangue finto, effetti speciali, come nel caso di Charlie Hebdo. Le fonti ufficiali non sono attendibili; i filmati e gli scatti fotografici sono quello che sono, spesso sfocati, con angolazioni improbabili; inoltre riprendono ambulanze, gente spaventata, forze dell’ordine, pattuglie, ma non inquadrano feriti e vittime, se non in contesti dubbi, con persone uccise (?) i cui vestiti non presentano una sola macchia di sangue. Le interviste rilasciate da “parenti” ed “amici” delle presunte vittime sembrano esibire il solito copione, con dolore e sdegno simulati.



Ci vorrebbe molto tempo per sviscerare l’episodio parigino: già molti giornalisti indipendenti hanno cominciato ad evidenziare le contraddizioni ed i particolari inverosimili delle versioni propalate dai media di regime. Qui basti, almeno per ora, ricordare che la verità su quanto accaduto nella capitale francese è certamente diversa da quanto raccontano gazzettieri e falsi testimoni: in un altro ambito, si ripete quanto avvenne con il disastro dell’aereo appartenente alla compagnia Germanwings, quando, a distanza di poche ore dall’incidente, la disinformazione cominciò a creare un groviglio tanto inestricabile di antefatti, vicende, personaggi, scopi, azioni… da far invidia ad un indigesto romanzo di Umberto Eco.

Vorremmo, ripromettendoci di tornare sull’accadimento, se sarà possibile, sottolineare un aspetto rilevante: da solo, per sineddoche, riesce pressoché a dimostrare che la carneficina allo stadio di calcio ed al teatro Bataclan, è stata una sceneggiata, in stile Palazzo Chigi. Tra le numerose foto che immortalano spettatori del concerto o dell’amichevole, si nota una giovane che abbiamo già visto in altre occasioni tra le persone disperate che erano nei pressi della scuola di Sandy Hook, nel cinema di Aurora e durante la maratona di Boston, dove esplosero degli “ordigni”. Le ipotesi sono due: o questa donzella è talmente sfortunata che si trova sempre nel luogo sbagliato al momento sbagliato o è una crisis actress, un’attrice abituata a recitare la parte della consanguinea o amica affranta sul luogo di un’operazione false flag (psychological operation).

La presenza di questa figurante in almeno tre occasioni diverse dovrebbe insinuare qualche perplessità sulle ricostruzioni ufficiali che, anche a prescindere da ciò, fanno acqua da tutte le parti.

Per adesso rinviamo alla lettura degli articoli salienti su questo nuovo vaudeville, non mancando, però, di sottolineare che, interpretando la situazione parigina, bisogna evitare di cadere nel solito dualismo: non si deve attribuire, per esempio, la mattanza (?) solo alla N.A.T.O. o ai servizi segreti di un singolo stato, come se queste entità agissero contro la Francia o l’Unione europea per costringerle ad accettare chissà quale clausola-capestro di chissà quale accordo. E’ palese che tali atti sono ideati e compiuti da poteri sovranazionali, rispetto ai quali la stessa N.A.T.O. ed il Mossad sono come pedoni rispetto alla regina nel gioco degli scacchi. La longa manus è pericolosissima soprattutto perché ignora e trascende qualsiasi appartenenza nazionale oltre che qualsivoglia scrupolo etico.


Fonti:

- Maratona di Boston: quando il governo è il tuo peggiore nemico, 2013
- Quando il mondo è un palcoscenico: canovacci ed attori per le operazioni “falsa bandiera”, 2015
- Precipita velivolo commerciale sulle Alpi francesi: completamente falsa la versione ufficiale!, 2015
- Paris Shooting: 10 Ways It Looks Like A Hallmark False Flag Op, 2015
- Paris Terror Attacks Executed To Lock Down Climate Summit Conference, 2015
- Paris Attacks: A Perfect Pretext For NATO To Mobilize in Syria and Iraq, 2015
- Strage a Parigi, operazione militare truccata da jihadismo
- Attentato Isis Parigi, “terroristi bianchi, come soldati”, 2015
- Ci vogliono in guerra, l’Isis è solo manovalanza (di fiducia), 2015
- Charlie Hedbo: Secretati i documenti. Perché?


Vietata la riproduzione - Tutti i diritti riservati.

Sponsorizza questo ed altri articoli con un tuo personale contributo. Aiutaci a mantenere aggiornato questo blog.

La guerra climatica in pillole

Le nubi che non ci sono più

Per una maggiore comprensione dei fenomeni legati alla guerra ambientale in corso, abbiamo realizzato l'Atlante dei cieli chimici.

Chi è Wasp? CLICCA QUI

CHEMTRAILS DATA

Range finder: come si sono svolti i fatti

51 commenti:

  1. Riferisce Mike Adams di “Natural News” che gli ordigni alla maratona di Boston sono detonati nel corso di un’esercitazione che prevedeva un’esplosione controllata per opera di artificieri. Come ha scritto il Boston Globe: “Ci sarà un'esplosione controllata di fronte alla biblioteca, come parte delle attività che saranno compiute dagli artificieri." (Questa notizia si riferisce, però, ad un'operazione successiva all'inside job, n.d.t.] Questo è l'esatto modus operandi della confraternita segreta che governa il mondo dal regno delle ombre! Elencherò una serie di “attacchi terroristici” che hanno avuto luogo nello stesso tempo e nello stesso modo nel corso di esercitazioni condotte da agenzie governative o da società affiliate al governo.

    1. Durante gli attacchi del 9 11, la U.S. Air Force stava conducendo una simulazione in cui dei terroristi dirottavano degli aerei per dirigerli contro alcuni grattacieli. Inoltre, per diversi anni prima degli eventi del 9 11, l'Agenzia per la difesa degli Stati Uniti ha compiuto esercitazioni con aerei reali, simulando attacchi terroristici con velivoli che si schiantano contro edifici, tra cui le Torri gemelle ed il Pentagono. La mattina del 9 11, diverse agenzie della “difesa” si dilettarono in cinque giochi di guerra. Era anche contemplata la trasmissione di falsi segnali radar sugli schermi dei controllori di volo.

    2. Erano in corso simulazioni di un attentato terroristico il 7 luglio del 2005 a Londra, quando ebbero luogo gli attacchi reali. Una società privata stava eseguendo un’operazione di addestramento contro il terrorismo, quando le vere esplosioni squassarono la rete di trasporto della metropolitana. Queste informazioni non provengono da una fonte anonima, ma da Peter Power, il dirigente della ditta che svolse l’esercitazione.

    Peter Power dichiarò: "Ieri eravamo effettivamente in città a lavorare in un addestramento che comprendeva trasmissioni radio finte quando è successo per davvero. Quando i telegiornali hanno cominciato a diffondere la notizia dell’attentato, la gente ha riconosciuto che l’esercitazione era stata molto realistica, senza rendersi conto che era stato veramente perpetrato un atto terroristico”.

    Non so quanti di voi lo ricordino, ma quasi un'ora dopo gli attacchi alla metropolitana di Londra, una quarta bomba esplose sul piano superiore di un autobus. Peter Power aggiunse: "Abbiamo simulato uno scenario che prevedeva l’esplosione di più bombe, di cui una su un autobus di interscambio. Ciò per sperimentare al meglio le nostre capacità”.

    3. Durante il massacro di Sandy Hook, il Dipartimento per la sicurezza nazionale e la F.E.M.A. condussero un addestramento denominato "Needs for children in disasters” nello stesso giorno, 14 dicembre 2012, e nello stesso stato degli accadimenti occorsi alla Sandy Hook School.

    4. Una "simulazione" di un terremoto di 7.9 gradi della scala Richter fu pianificata il 20 marzo 2012 in Messico. Nel medesimo giorno un sisma di magnitudo 7,9 si verificò realmente.

    5. Il medesimo giorno del cosiddetto “massacro di Batman” ad Aurora si svolse un’esercitazione alla Colorado University.

    6. Attentati di Oslo, Norvegia, 22 luglio 2011. Ad Oslo una potente bomba detonò dentro o vicino all'edificio che ospitava l'ufficio del Primo Ministro. Esattamente come ci aspetteremmo, speciali reparti di polizia anti-terrorismo si erano addestrati collocando degli ordigni proprio in quel sito, in particolare nel corso del 2010. L'opinione pubblica non era stata informata in anticipo, ma scoperse che cosa stava accadendo quando cominciò ad udire le deflagrazioni nel quartiere dove sorge il Teatro dell'Opera, a meno di un chilometro di distanza dall'ufficio del primo ministro che fu attaccato venerdì 22 luglio. Ecco una cronaca dal quotidiano “Aftenposten”.

    Fonte: humansarefree.com

    RispondiElimina
  2. Cucu'
    ...1961..
    Fu John F. Kennedy “una cospirazionemonolitica e spietata” da temere e combattere.
    Gli eventi che seguirono parlano ugualmente chiaro.
    Estratto dal discorso del 27 Aprile 1961 del Presidente John Fitzgerald Kennedy
    al cospetto dei massimi rappresentanti della Stampa USA (la American Newspaper Publishers Association) riuniti presso l’Hotel Waldorf-Astoria di New York.

    RispondiElimina
  3. Incredibile. Tutti figuranti??? Sarebbe utile capire chi sono le foto delle presunte vittime

    RispondiElimina
  4. Probabilmente si tratta di un miscuglio male assortito di attori e di persone realmente confuse e disperate. La confusione giova a chi non vuole lasciare osservare la verità. Vorrei far notare i 'petardi' esplosi allo stadio ... c'era bisogno di un artificiere? Comunque, dalle ricostruzioni in corso, non sarà difficile riconoscere l'artificiosità dell'evento parigino, così come è stato per quelli precedenti, attribuibili alla stessa disgustosa e fredda mano. Mentre nei talk-show si balbetta su fatti inesistenti, la macchina dell'orrore affila le sue armi al suono del coro unanime della 'marsigliese', quanta ignobile ipocrisia in questo desolante patriottismo. ciao

    RispondiElimina
  5. I più sono come aquiloni dentro un uragano di emozioni telecomandate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il terrorismo islamico non esiste“.
      ‘Terrorismo islamico’, ‘Attentato di matrice musulmana’, ‘Guerra religiosa’, ‘Caccia ai cristiani’ …fermiamoci un po’ a riflettere su queste frasi senza preconcetti”.

      Manlio Di Stefano

      Elimina
  6. Un cellulare che resiste al proiettile di un AK-47?

    https://youtu.be/pLH5JeTWzx8

    RispondiElimina
  7. quella foto in carrozzella che ha di strano?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La "ferita" non ha neppure una smorfia di dolore. E' solo annoiata.

      Elimina
  8. P.S. ne parlaste tempo fa. Ora NESTLE' è indagata in california.
    fonte: (per tramite di terrarealtime) http://www.greenreport.it/news/acqua/ambientalisti-denunciano-nestle-illegale-limbottigliamento-dellacqua-della-california-video/

    RispondiElimina
  9. OT. http://www.ansa.it/scienza/notizie/rubriche/biotech/2015/11/02/un-nano-robot-di-dna-che-cammina-nel-corpo-umano_2603805a-e5fc-4dd8-a896-7b820734c5bc.html

    RispondiElimina
  10. Primo Ministro francese: "non escludiamo attacchi chimici e batteriologici". Neanche noi li escludiamo. Li vediamo ogni giorno.

    RispondiElimina
  11. http://www.maurizioblondet.it/parigi-qualche-kamikaze-era-radiocomandato/

    RispondiElimina
  12. INFORMAZIONE DA FONTE ATTENDIBILE: MOLTI MILITARI SONO STATI RICHIAMATI PER ADDESTRAMENTO VELOCE.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino per schierarli a presidio dei già individuati obiettivi sensibili

      Elimina
    2. Spero che non sia per fare esercitazioni e simulazioni perché abbiamo visto cosa succede durante

      Elimina
    3. militari,quali reparti se è possibile saperlo?

      Elimina
    4. Carri armati ieri su treni ferrovia adriatica e oggi per le strade a roma. Giornali confermano "esercitazioni" di forze armate speciali d'intervento immediato in tutta italia.

      Elimina
    5. L'aeroporto di Cagliari-Elmas è crocevia di traffici di ordigni bellici verso i paesi arabi. Alla luce del sole.

      Elimina
  13. Presto stringero" la mano a Rosario ed Antonio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. stringigliela anche per me e abbracciali da parte mia

      Elimina
  14. Risposte
    1. https://m.youtube.com/watch?v=0RcG_Hv7kG8

      Questo è suo per esempio..germanwings

      Elimina
  15. Per comprendere le cause dell’incuria che dimostrano i registi degli eventi globali si debba focalizzare l’attenzione sulla natura assunta dal mondo attuale. La realtà di oggi è mediatica non solo perché è trasmessa dai media, ma soprattutto in quanto è mediata, filtrata, costruita dai media. Essi creano delle narrazioni, delle storie in cui sono più importanti la suspense e l’intreccio accattivante della verosimiglianza. Così i passeggeri degli aerei che si schiantano o spariscono sono morti, ma sono vivi. Il velivolo è un Boeing, ma ha i motori di un Piper. E’ caduto in due luoghi diversi. Ha seguito più corridoi. E’ stato abbattuto dai Russi, dagli Ucraini, dalle tartarughe Ninja, dai frombolieri di Corinto, da uno sciame di calabroni... Le liste dei viaggiatori cambiano di continuo, come il numero dei deceduti (possibilmente è un numero simbolico). I defunti resuscitano; i sopravvissuti non si riescono a rintracciare. Oggi su quel volo viaggiava uno scienziato nucleare, ieri si era imbarcato un gigolò di Tortona, domani salirà a bordo un ragioniere di Caniccattì. La madre di un ebreo ortodosso non conosce una parola di ebraico, ma parla con accento californiano ed è talmente disperata per il rapimento del figlio che se la ride. Che importa? Lo scopo di questi romanzi d’appendicite è scatenare un conflitto planetario. Molti giurano e spergiurano che ci riusciranno. Non importa come! Tanto il pubblico-spugna assorbe tutto, come fosse (e, in parte, lo è) un teleromanzo in cui la trama tanto più è avvincente, quanto più è imbrogliata e surreale. Le differenze tra realtà e finzione sono sempre più labili: la finzione spesso è più realistica ed esercita maggiore attrattiva su una massa anestetizzata e stupida. Si prova dolore non per gli innocenti che muoiono, ma per un contrattempo che ci impedisce di vedere una puntata di “Cento vetrine”.

    Per parafrasare Walter Benjamin, ormai l’opera d’arte vive nell’epoca della sua falsificabilità tecnica. La televisione e la Rete permettono di falsificare, ritoccare i dettagli, cambiare il plot (ed il complotto) a posteriori, correggere gli errori di sceneggiatura, montare nuove sequenze, il tutto ad uso e consumo di spettatori scemi ma avidi di effimere emozioni: il 9 11 fu una tragedia... televisiva.

    Invano oltre e dietro molte sequenze narrative cercheremo i fatti ed i nessi logici. I fatti, se mai sono esistiti, oggi non esistono più. Non esistono i fatti, ma solo le televisioni.

    RispondiElimina
  16. Di ritorno dalla conferenza di Uno Editori, svoltasi ieri sera all'Hotel Royal di Torino, intendo qui ringraziare gli amici che vi hanno partecipato con interesse e partecipazione e che hanno dimostrato, se mai ve ne fosse stato bisogno, che il problema della geoingegneria clandestina alias scie chimiche, è molto sentito da una fetta sempre più ampia della popolazione. Ho potuto verificare con mano che si tratta di persone sveglie, desiderose di sapere e, soprattutto, oneste e trasparenti.

    Ieri ho avuto il piacere di conoscere di persona Prank (Fabrizio), ma anche altri attivisti come Elena e Giulio. Un grazie particolare all'amico Tommaso Minniti, il quale ha registrato l'intera conferenza e la pubblicherà a breve. E non si può dimenticare il supporto discreto da parte di Koenig, invisibile, ma sempre presente!

    Ovviamente ringrazio gli organizzatori dell'incontro (Uno Editori): Prabhat e Chiara, per la cortesissima disponibilità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ;-)
      https://www.facebook.com/koenig.johnny/photos/a.1554928131441192.1073741826.1554928101441195/1669444029989601/?type=3

      Elimina
  17. RIPORTO DAL SITO DI BLONDET:

    "Lo so che mi darete del pazzo, ma una impressione del genere ha dato qualche sbavatura negli attentati di Londra: quattro esplosioni simultanee nel metrò il 7 luglio 2005. Io ero là come inviato, e me lo ricordo. I quattro terroristi, abitanti a Luton, lasciano la macchina nel parcheggio di Luton per prendere il treno per Londra, con tanto di bollo orario sul parabrezza, come se il loro programma fosse quello di tornare la sera a casa e non di finire i loro giorni da kamikaze. Hanno degli zaini, che esplodono in tre stazioni del metrò. Il quarto, Hasib Mir Husain, di 18 anni, sale invece su un autobus a due piani; si spargono le prime voci che qualcosa di orribile è accaduto nel metrò. Il bus esce misteriosamente dal suo percorso e si mette in una piazzetta appartata: Tavistock (mai saputo chi ha avvisato l’autista). Il giovane – testimonieranno gli altri passeggeri sopravvissuti – si mette a frugare freneticamente nel suo zaino, tutto sudato – e lo zaino gli esplode in faccia. Come sappiamo era stata indetta un'esercitazione che simulava esattamente quella quadruplice esplosione a Londra. Forse i quattro ragazzi erano stati ingaggiati per “l’esercitazione” (che a loro insaputa diventò reale?), forniti dello zaino che ciascuno di loro aveva? Sono tutti morti, e non possono rispondere.

    Anche a Parigi il 13 novembre si è avuta un'esercitazione di soccorritori, poliziotti e pompieri proprio mentre avvenivano le stragi. O anche le mancate stragi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://www.maurizioblondet.it/parigi-qualche-kamikaze-era-radiocomandato/

      Elimina
  18. Il terrorismo esiste: è quello di Stato.

    RispondiElimina
  19. l'usurato aldo grasso si scaglia contro fiorella mannoia che ha avuto il coraggio di affermare di NON credere alla stampa ufficiale circa l'attentato di parigi.

    http://www.corriere.it/cronache/15_novembre_22/fiorella-mannoia-stragi-parigi-copione-usurato-cantante-radical-724496fc-90e8-11e5-bbc6-e0fb630b6ac3.shtml

    RispondiElimina
  20. miracolo. rinvenimento di alcune vittime dell'attentato ancora vive. una è attrice...
    azz.
    certo. facile. se qualcuno chiede a codeste attrici come mai il suo nome risultava nell'elenco? basta sempre dire si son sbagliati i giornalisti.

    bravo Ghigo
    http://offskies.blogspot.it/2015/11/la-legge-del-consenso-anomalie-parigine.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il video indicato nel secondo link è già stato rimosso. Quindi...

      Elimina
    2. mi hai anticipato di un soffio...

      Elimina
  21. tagliente e spietato, blondet cita un bell'articolo del corriere

    http://archiviostorico.corriere.it/1994/aprile/24/Taviani_disse_Viminale_mette_bombe_co_0_9404241214.shtml

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis