giovedì 28 febbraio 2008

Scie chimiche su RADIOBASE (Veneto): programma informativo con interviste

SCIE CHIMICHE su Radio Base, emittente veneta ascoltabile nelle province di Padova, Venezia, Treviso e che trasmette sulle frequenze 99.15, 93.55, 107.4.

Al telefono il Dottor
Corrado Penna (fisico) e Rosario Marcianò.

Ascoltate le interviste.

Prima parte




Per maggiori approfondimenti vi segnaliamo i seguenti link:

http://sciechimiche-zret.blogspot.com/search?q=nebbie

http://scienzamarcia.blogspot.com/

http://freenfo.blogspot.com/

http://straker-61.blogspot.com/search?q=focus



Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

20 commenti:

  1. Ottimi interventi di Penna e Straker! Tutta la verità nuda e cruda!
    Ottimo Straker! Ottimo!!!
    Non si poteva intervenire meglio! Sarà un ascolto utilissimo per chi ancora si ostina a non vederla come una realtà e chi non ha ancora capito la pericolosità di quanto sta avvenendo. Questi interventi avranno ottimi frutti!!! Continuate così!

    RispondiElimina
  2. Grazie, Bacab. Un po' alla volta si scala la cima della montagna.

    RispondiElimina
  3. ...non l'ho ancora ascoltata...tutta la mia approvazione ai massimi!
    Qui stanno dandosi da fare,spesso di giorno,a cancellare tipo cassino su lavagna,quelle povere e poche nubi che si vogliono formare...credo che quest'anno dichiareranno calamita'naturale per ridottissime precipitazioni.

    Er pecoraro ci ha avvisato piu' di una volta:" Il cambiamento climatico è gia' in atto"!

    puah...pecoraro scanio..poveraccio!!

    Ciao Straker ,Zret,Tutti

    RispondiElimina
  4. Ciao Mr.Jones. E' meglio che non mi pronunci su certi personaggi.

    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  5. Qui non piove dal 12 gennaio.
    Da un paio di settimane il mio albero bronchiale non è nelle migliori condizioni - e non ho mai fumato una sigaretta in vita mia -:
    tosse fastidiosa accompagnata ad ipersecrezione altrettanto noiosa.
    Inquinamento dell'aria ormai alle stelle. Come fa la gente a non capire?
    Speriamo di non crepare per colpa di quei delinquenti.

    Validissime esposizioni ma perchè succeda qualcosa dovrebbero comprendere a milioni.

    RispondiElimina
  6. Ciao Paolo. In moltissimi soffrono di problemi respiratori. Io stesso ho preso una tosse insistente che, a distanza di due mesi, è ancora presente, siapure con meno gravità. Mio fratello idem. Se vai in giro ti accorgi che anche altri hanno problemi simili. Giusto come dici tu, il problema sta nella non conoscenza delle cause tra la gente. Lottiamo anche per questo.

    RispondiElimina
  7. Volevo riportare un fatto, forse banale, prendendo spunto dall'ottima intervista radiofonica in cui si rifà un po' la cronologia delle operazioni di aerosol collettivo e forzato, e che dimostra come questo tipo di "soluzioni" siano in realtà più antiche di quanto solitamente crediamo.

    Tempo fa, in occasioni distinte, ben due diverse persone di circa settant'anni (e quindi testimoni oculari dei fatti) mi hanno raccontato che nel periodo immediatamente successivo alla fine della 2° guerra mondiale, era "normale" vedere molti aerei americani transitare a bassa quota sopra i centri abitati e le campagne italiane rilasciando lunghe scie (uno dei due disse anche che questi velivoli venivano volgarmente chiamati "cicogne", ma ne ignoro il motivo). All'epoca la versione ufficiale, atta credo a tranquillizzare l'opinione pubblica, sosteneva che queste intense operazioni avevano come fine quello di spargere sostanze non meglio precisate a scopi "igienici" (in pratica dovevano ammazzare pulci e pidocchi, vista la situazione di emergenza in cui si viveva.)

    In ogni caso, qualunque fosse la verità, mi sembra comunque la dimostrazione definitiva che, quello di spargere merda sopra la testa (e senza il consenso) altrui è un vizio che questi hanno sempre avuto, ora cambia forse lo scopo che sicuramente benefico non è, ma il mezzo, come vedete, è lo stesso.

    RispondiElimina
  8. Ciao jaw. L'episodio da te esposto è una conferma in più che ci offre il reale quadro della situazione. E' corretto quanto dici: hanno sempre avuto quel brutto viziaccio di usare gli uomini come cavie da laboratorio.

    Grazie per la Tua testimonianza.

    RispondiElimina
  9. Probabilmente quello che veniva sparso dagli aerei alla fine della Seconda Guerra era il micidiale DDT in una operazione di 'sanitizing' salutata con ovazioni e giubilo dalle ignorantissime popolazioni di allora. Via pulci e pidocchi ma in compenso un pesticida altamente tossico ed a lunghissima persistenza che si depositava nel tessuto adiposo delle persone per decenni.

    Tornando al problema 'siccità' faccio notare come i numerosi invasi delle aree golenali del Po sono in secca da quasi due anni, fenomeno che mai nella storia s'era visto prima. Ci puoi camminare dentro; lì dove per secoli nuotavano i pesci e si pasturavano le anitre selvatiche e non ora c'è la polvere.

    Mai come in questi giorni mi rendo conto di come sia iniziato il conto alla rovescia e di come l'Umanità sia caduta vittima, non saprei quando ma di sicuro molto tempo fa, di una volontà ad essa esterna e che la usa come uno oggetto, come un trastullo per i propri malefici scopi.
    Polli da allevamento, bestie senza valore pronte solamente per la mattanza. E non scrivo questo per il fatto che sono tendenzialmente pessimista ma perchè esprimo un dato di fatto, una constatazione amara, ineluttabile.

    RispondiElimina
  10. Per quanto riguarda gli anziani, ho parlato a mio padre 70enne del morgellons e dei polimeri nefasti, e ha detto di non avere problemi a crederci.Del resto in settanta anni questi "tipi" li hanno abituati a tutto; per dirne una, basta ricordare(soprattutto ai più giovani) il napalm sparso sulle foreste vietnamite ed i bambini che ne uscivano correndo spellati per le mostrose ustioni.Si dice poi che in Iraq, durante la prima guerra del Golfo, abbiano letteralmente arato i rifugi sotterranei, nel deserto, degli iracheni spazzando via, senza nessuna umana pietà, migliaia di poveri disgraziati con un'operazione veloce, sbrigativa ed anche economica, probabilmente.

    RispondiElimina
  11. Osservo le satellitari tutti i giorni e vedo che oramai il controllo del clima è attivo su tutta l'Europa. Ci vogliono portare alla sete ed alla fame. Ormai si è ben compreso. L'euro è troppo forte, per cui i paesi del vecchio continente devono soccombere. Non mi sembra vi siano dubbi.

    RispondiElimina
  12. Qui da me stanno irrorando in maniera massiccia da stamane all'alba. Ci sono aerei con scie veramente bassi. Il cielo è una fogna di materia biancastra e il nucleo emergenze ambientali della mia città ha la segreteria in funzione da stamattina. E come se avessimo mani e piedi legati...

    RispondiElimina
  13. Il cielo è una fogna di materia biancastra e il nucleo emergenze ambientali della mia città ha la segreteria in funzione da stamattina.

    Il N.O.E. ha fatto scuola, evidentemente.

    RispondiElimina
  14. Bene, son riuscito a chiamare il Comando locale dei Carabinieri: ho spiegato cosa sta succedendo e il mio interlocutore non ha battuto ciglio, anzi, ha rincarato la dose dicendo che conoscono la situazione (!) e che stanno ricevendo segnalazioni e proteste da tutta Italia (anche se si tratta di un comando locale..). Gli ho detto che è inutile che ci prendano in giro su una materia di cui sono bene a conoscenza (a questo punto si è stizzito parecchio) e che ne va della salute mia, sua e dei nostri figli. Pare che stiano segnalando il tutto (io direi scaricando il barile) ad altre autorità "competenti", anche se non si capisce bene quali.
    E' importante che le chiamate vengano fatte da tutti,soprattutto nei giorni di intensa irrorazione, bastano pochi minuti e facciamo sentire la nostra voce direttamente!

    ps tutto mi sembrava fuorché ignaro di quello che sta realmente succedendo!

    RispondiElimina
  15. Avevo dimenticato di segnalare che ieri facendo zapping col telecomando della TV appare il palco di Sanremo con un ameno sfondo azzurro ed una bella striscia bianca, di grandi dimensioni e ben evidente, che parte da un punto di origine in basso a sinistra e sale in diagonale coprendo tutta la larghezza di detto sfondo
    No comment

    RispondiElimina
  16. Bravo Cosmino. Bravo!

    Io mi sono recato al NOE di Genova all'inizio dell'anno, se non erro, in compagnia di un amico attivista. Il colonnello è stato molto cortese e disponibile e si è capito bene che conoscono perfettamente la questione, anche più di noi.

    Leggevo in lui un'espressione di impotenza rassegnata, mentre mi diceva che non possono fare nulla, perché il via deve partire dalla magiistratura (che se ne lava abilmente le mani) e dalla politica (idem). In sintesi, non possono fare niente.

    Mi ha comunque raccomandato di proseguire a segnalare, perché loro girano le richieste dei cittadini e questo può essere utile a smuovere le acque.

    RispondiElimina
  17. Riguardo ai media di Stato, essi stano giocando un ruolo veramente deprecabile.

    RispondiElimina
  18. Nuvola...anche mio padre ha la stessa età del tuo e da quando gli ho spiegato la situazione un anno fa non si è certo stupito più di tanto...gli ho mostrato video, fatto ascoltare anche le ultime registrazioni radio ed ha una rabbia molto simile alla mia. Ricorda che un volta suo zio gli racontò che durante la prima guerra mondiale gli austriaci usavano spruzzare con gli aerei sostanze biancastre nell'aria...quando i militari vedevano queste scie sapevano bene cosa poteva succeder loro...quel che sapevano era che ci si ammalava ed il fastidio che si provava all'interno del corpo era insopportabile.

    Oggigiorno è come se vivessimo acora in un conflitto, ma a senso unico, dove gli unici a rimetterci sono delle cavie denominate "popolazione"...

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis