giovedì 21 febbraio 2008

La Terra come arma nel XXI secolo

Il testo che proponiamo, pur richiamandosi ad un saggio non recente della scienziata statunitense Rosalie Bertell, è di grande attualità, alla luce della documentazione reperita, in primis su H.A.A.R.P., riferita al nesso tra micidiali armi segrete da un lato, fenomeni meteorologici e sismici, dall'altro.

La Terra come arma nel XXI secolo

Di Rahab S. Hawa


Mentre gli scienziati, i governi, i gruppi di cittadini si preoccupano delle emissioni di gas serra e dei loro effetti sul pianeta, il ruolo dei militari sui cambiamenti climatici è spesso ignorato.

“Quando si manifesta una crisi ambientale, di solito solo l’economia civile è coinvolta per modificare i bilanci, mentre raramente sono chiamati in causa i programmi militari”, afferma la dottoressa Rosalie Bertell, nota scienziata ed attivista contro il nucleare.

Secondo la scienziata, i militari agiscono impunemente quando inquinano l’ecosistema e causano disastri ecologici.

Nel suo libro intitolato “Pianeta terra: l’ultima arma (2000)”, ella cita molti esempi, dal conflitto nel Vietnam alla guerra del Golfo, ai bombardamenti della N.A.T.O. nel Kosovo.

Queste conflagrazioni non solo hanno distrutto delle vite umane, ma anche contaminato estese regioni.

Vari scienziati hanno previsto monsoni più rovinosi, piogge acide, forti tempeste ed alluvioni in tutto il globo. Tuttavia queste devastazioni impallidiscono se confrontate con i danni che i militari sono in grado di infliggere al pianeta terra.

Gli esperimenti che i militari, soprattutto statunitensi, hanno compiuto in questi ultimi decenni, esperimenti che coinvolgono lo strato di ozono, la manipolazione del tempo e l’uso di tecnologie per sondare l’interno della terra, sono un preludio delle guerre che saranno scatenate nel corso del XXI secolo.

“Hanno intenzione di portare i conflitti nello spazio”, afferma la Bertell.

Secondo la Bertell, 300 megatoni di esplosioni nucleari tra il 1945 ed il 1963, hanno ridotto lo strato di ozono del 4%. Secondo gli scienziati, una perdita dell’1% potrebbe significare tra l’1 ed il 3% in più di radiazioni ultraviolette che raggiungono la terra. Questo potrebbe causare un incremento dei melanomi e danneggiare le forme di vita.

Negli anni ’90 del XX secolo, esperimenti militari statunitensi, con razzi propulsi ad energia nucleare, erano diventati attività di routine. Queste missioni spaziali erano molto pericolose, poiché il plutonio potrebbe essere disperso in ampie regioni della terra, in seguito ad un incidente. […]

Secondo la Bertell, armi elettromagnetiche “sono in grado di causare terremoti in siti scelti come bersaglio, sprigionando energie equivalenti alle più forti esplosioni nucleari”. Negli ultimi 40 anni, l’esercito degli Stati Uniti ha condotto esperimenti nell’atmosfera, usando onde elettromagnetiche e sostanze chimiche.

Per ottenere il controllo del clima si usano il laser e le sostanze chimiche, per verificare se è possibile danneggiare lo strato di ozono al di sopra del territorio nemico, causare danni alle colture ed alla salute degli esseri umani, attraverso l’esposizione ai raggi ultravioletti.

Elementi come il bario ed il litio sono stati rilasciati al di sopra dello strato di ozono, creando spettacolari aloni luminosi e nubi artificiali risplendenti, che sono state viste nel Nord America negli anni ‘80 e ’90 del XX secolo.

Secondo la Bertell, “I cambiamenti nell’atmosfera provocano conformi cambiamenti nel tempo e nel clima terrestre”.

Un altro sistema è l’uso onde elettromagnetiche a bassa frequenza che possono attraversare la crosta terrestre e gli oceani e sono state usate per scandagliare gli strati superiori dell’atmosfera e la struttura interna della terra.

Queste onde, inoltre, sono impiegate per trasmettere effetti meccanici e vibrazioni anche a grande distanza. Possono manipolare il tempo, creando tempeste e piogge torrenziali in un’area. Queste onde possono generare sommovimenti della litosfera. Si sa che i terremoti interagiscono con la ionosfera: infatti molti dei sismi che sono occorsi negli anni recenti, sono stati preceduti da fenomeni inspiegabili. Ad esempio, il terremoto che squassò il Tang Shan in Cina, del 28 luglio 1976, in cui morirono 650.000 persone, fu preceduto da un bagliore causato dalle onde a bassa frequenza irradiate dai Sovietici per riscaldare la ionosfera.

Il 12 settembre 1989, a San Francisco, in California, furono rilevate inusuali onde a bassissima frequenza. Queste onde crebbero in intensità, quindi diminuirono il 5 ottobre. Il 17 ottobre, esse furono di nuovo registrate, con segnali così forti che andarono a fondo scala. Tre ore dopo avvenne il terremoto.

Il Washington Times, nel marzo del 1992, riportava la notizia secondo la quale i satelliti ed i sensori di terra rilevarono misteriose radioonde ed un’attività elettromagnetica prima di disastrosi fenomeni tellurici in California, Armenia e Giappone tra il 1986 ed il 1989. Il sisma che colpì Los Angeles il 17 gennaio 1994 fu preannunciato da inconsuete radioonde e da due boati.

Il segretario della Difesa statunitense, nel 1977, commentando le nuove minacce dei movimenti terroristici, affermò: “Essi possono alterare il clima, causare terremoti ed eruzioni vulcaniche, usando onde elettromagnetiche”.

“I militari hanno l’abitudine di accusare altri di possedere capacità che essi hanno”, chiosa la Bertell.

Secondo la scienziata, El Nino, nel 1997/98, cui sono state imputate anomalie meteorologiche in tutto il mondo, era stato preceduto da violenti interventi di destabilizzazione climatica.

A causa della stretta connessione tra l’atmosfera terrestre ed il clima, non sorprende di trovare che le attività militari hanno avuto un impatto sui modelli meteorologici.

Il fatto che queste attività possano determinare anomalie come parte di una deliberata guerra geofisica, è una prospettiva terribile per il pianeta.

Evidentemente “Il contributo dei militari è uno dei problemi di sopravvivenza più inquietanti per il XXI secolo”, conclude la Bertell.


Fonte: twnside.org.sg

Titolo originale: The Earth as a weapon in 21st Century of Wars
Traduzione a cura di Tanker Enemy


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

8 commenti:

  1. Da quanto ho potuto intuire in questi anni utilizzano particolari onde a bassa frequenza che quasi tutti gli animali riescono a percepire perfettamente. Non sarebbe un caso se vi capitasse di vedere un cane, un cavallo, una mandria di pecore, di buoi ecc. comportarsi stranamente, come fossero impazziti all'improvviso, e dopo due-tre ore assistere ad esempio ad un terremoto.
    Un avvenimento del genere ci metterebbe in guardia...ma che fare? Siamo impotenti, potenziali vittime inermi di un sistema perverso fondato sulla nullità interiore dei loro ideatori.
    La loro vittoria sarà la loro Sconfitta.

    Un abbraccio a tutti.

    Bacab

    RispondiElimina
  2. qualcuno faceva osservare tempo fa che molte catastrofi degli ultimi anni sono avvenute nello stesso giorno dell'anno, il 26 dicembre

    Data la paranoia per i numeri ed i simboli di certa gente potrebbe essere ben piu' che una coincidenza, anche se mi chiedo che significato potrebbe avere quella data particolare.

    RispondiElimina
  3. Ciao Corrado, molti terremoti sono occorsi il 26 dicembre, ossia 26 12, da cui ottieni il numero... 11. la loro cifra prediletta, definita la dozzina del diavolo. Il numero 11 è legato anche a molte Madonne ologrammi. Nei prossimi giorni, pubblicherò un articolo sul tema.

    Le tue osservazioni Bacab, sono giuste, anche se gli animali sono più sendibili a fenomeni naturali che a quelli artificiali.

    Ciao e grazie!

    RispondiElimina
  4. P.s. Occorre sommare 2 a 6 ad 1 a 2 ed ottieni 11.

    RispondiElimina
  5. 11/ 9 1971 Colpo di stato in Cile di Kissinger-Nixon-CIA-Pinochet

    11/ 9 2001 Attentato di Stato negli USA

    diciamo che il conto torna

    Ogni tanto mi chiedo (visto per due anni ho letto molto sull'argomento): ma Atlantide per caso è sprofondata perchè già allora il mondo era stato portato alla distruzione?

    Già allora avevano provocato un cataclisma utilizzando una scienza avanzata e mortale?

    Domande senza risposta forse, ma nei miti si parla sempre di una "colpa dell'uomo" per il grande cataclisma (diluvio/terremoto/maremoto)

    RispondiElimina
  6. I numeri per loro sono sempre stati importanti, caro Corrado.

    RispondiElimina
  7. Hanno intenzione di portare i conflitti nello spazio”, afferma la Bertell.

    Ieri negli USA è stato disintegrato il satellite-spia...
    ovvero.......
    prova generale di guerra stellare!
    con la scusa giusta........
    mi sa tanto di sì!
    ciao
    angela

    RispondiElimina
  8. A distanza di più di un anno questo articolo è attuale più che mai: la Bertell non si sbagliò di una virgola, per i militari in particolar modo.

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis