sabato 8 luglio 2006

Notti magiche

Con l'espressione notti magiche non alludo ai chiassosi e triviali festeggiamenti, in occasione dei trionfi ottenuti dalla nazionale di calcio contro le squadre avversarie, ai baccanali in cui il popolino trova un banale ed effimero risarcimento di tutte le sue innumerevoli frustrazioni, causate da un sistema sempre più oppressivo e soffocante, ma mi riferisco ai sinistri voli di aeroplani oramai prevalentemente notturni. Infatti, in una subdola strategia di occultamento, l’operazione relativa alle scie velenose, è concentrata nelle ore successive al tramonto fino all’alba. Con il favore delle tenebre, le aviocisterne ma anche altri tipi di velivoli, scorrazzano impunemente nei cieli per spargere micidiali sostanze. I piloti e chi li prezzola ora sono sicuri che nessuno si accorgerà di questo scempio appena visibile, per un occhio inesperto, solo con il plenilunio. Questa tecnica di mimetismo è la riprova che i demoni alati hanno qualcosa da nascondere, altrimenti continuerebbero a volare alla luce del sole, invece di sciamare protetti dall’oscurità, simili a vampiri assetati di sangue o a larve evocate da folli negromanti…

No. Queste non sono notti magiche: sono notti chimiche.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis