sabato 1 luglio 2006

Nebbia marina irradiata - fra Sardegna e Tunisia

Nebbia chimica irradiata al largo della Tunisia: possibile attivita' di "ship trails" nel Mediterraneo.

Fonte: ScieChimiche.com

19 commenti:

  1. Fortuna che ci sono SANTI come voi che diffondono queste teorie e notizie!
    I canali "normali" dei media non ne parlano ma è giusto che tutti sappiano per farsi un idea del problema.
    Continuate nel vostro impegno con coraggio!

    RispondiElimina
  2. Attenzione che l'informazione passa per l'ascolto e la valutazione di voci e fonti diverse. Invito tutti dunque ad informarsi anche da chi sostiene tesi opposte.
    E attenzione a ponderare il peso delle fonti, ossia a valutare le competenze scientifiche senza cadere in facili tesi complottistiche, figlie spesso dell'ignoranza.
    Ad esempio, il lavoro pubblicato su md80.it, benchè con toni non sempre pacati e rispettosi è tecnicamente molto valido.
    Buona informazione a tutti.

    RispondiElimina
  3. come fate ad essere sicuri che sia nebbia irradiata? non possono essere strati? foschia?

    RispondiElimina
  4. che puttanate tocca leggere su siti di ignoranti...
    come no? E l'acqua fa male o attenti alla nebbia in val padana perchè è cancerogena...
    poveri deviati ignoranti

    RispondiElimina
  5. nessuno risponde?
    (guardate md80.it, sito di gente competente)

    RispondiElimina
  6. Quegli ignoranti in mala fede dell'MD 80, possono andare a giocare con gli aeroplanini. Andate a pascolare altrove!!!DEFICIENTI!!!

    RispondiElimina
  7. Grazie ad anonimo per le sue parole. Continueremo, non demorferemo.

    RispondiElimina
  8. Signori miei, va bene lodare le voci comode, ma perchè non rispondete a chi chiede "come fate ad essere sicuri che sia nebbia irradiata? non possono essere strati? foschia?"

    Manca correttezza nei confronti di chi non vi loda?

    RispondiElimina
  9. La nebbia è un classico della Pianura padana... tanto per fare un esempio. Se le mappe satellitari mostrano una nebbia diffusa su tutti i mari intorno allo stivale, ci sono i margini per pensare che si tratti di qualche cosa di anomalo. Rispondere è sempre cosa da fare ma, a volte, le immagini valgono molto più di mille risposte. E spesso, rispondere a talune domande, è fatica sprecata.

    RispondiElimina
  10. Gentilissimo, se si notano e si fotografano aerei in numero abnorme sulla Sardegna e dopo si riscontra una fitta coltre nebbiosa, si arguisce che esiste un nesso tra i due fenomeni. Si definisce metodo induttivo. Ex nihilo nihil fit. Dal nulla non viene nulla. Ogni tanto bisognerebbe rispolverare i rudimenti appresi (spero) a scuola. Saluti.

    RispondiElimina
  11. Vorrei rispondere a straker, sottolineando che l"anonimo" che poneva la domanda parlava di strati (fra sardegna e tunisia, suppongo, come suggerisce il titolo del post) e non di nebbia, termine mai da lui citato.

    Inoltre ritengo la domanda legittima, interessante e degna di risposta, al contrario del sig. straker, che a quanto pare non è molto ben disposto al confronto educato.

    Parlando della situazione nuvolosa tra sardegna e tunisia, mi sembra una copertura stratiforme perfettamente normale, normalità sottolineata dal fatto che in corrispondenza della costa tunisina cessa il fenomeno nuvoloso, con ogni probabilità a causa della minor umidità e maggior temperatura dovuta al calore trasmesso dalla terra.

    Riguardo la prima foto satellitare, ritengo si possa trattare di una foschia diffusa o di una leggera copertura stratiforme.
    Vorrei sottolineare che la nebbia in mare non è cosa rara, ma la escluderei in questo caso, dato che si tratta di foto diurne e scattate in un periodo dell'anno in cui la nebbia è di difficile formazione.

    Le mie interpretazioni si basano su basiche conoscenze metereologiche e mi sembra che si possa dare una spegazione al fenomeno tutta al naturale.

    Invito chiunque ne abbia voglia a spiegarmi perchè a suo modo di vedere non possa esistere una copertura simile "al naturale".

    Per rispondere anche all'anonimo che vorrebbe rispolverare i rudimenti scolastici; vorrei consigliar lui un ripasso sui fenomeni termici tra mare e terra durante il giorno e la notte.
    Inoltre vorrei conoscere le fonti di questo traffico anomalo di aerei sulla sardegna alla base del ragionamento deduttivo, in quanto a mio giudizio in questo sito si ha molta presunzione, molta maleducazione, ma poca ragione scientifica.

    Non vorrei offendere nessuno, solamente far conoscere il mio pensiero di libero cittadino.
    Cordiali saluti

    RispondiElimina
  12. se non vuoi offendere nessuno vai a scrivere le tue porcate su qualche altro sito, come md8o.it

    RispondiElimina
  13. Spiacente di aver raccolto tanta scortesia, accetterò il consiglio di frequentare siti più civili, visto che qui non si riesce nemmeno a intavolare un discorso.

    Non credo che definendo le parole degli altri "porcate" si possa costruire una discussione, e di certo così facendo non avete risposto alle mie domande, perdendo l'occasione di convincere me ed altri delle vostre tesi.

    Comprendo che non si possono controllare commenti liberi ed anonimi, ma resto deluso dall'abituale cattiveria e maleducazione che colpisce chi cerca di sostenere le tesi proposte da questo sito.

    Se intendete continuare a denigrare in vari modi chiunque non vi appoggi, cercherò qualcuno abbastanza cortese da voler confrontarsi con me su questi temi altrove.

    Profondamente deluso dal vostro modo di fare, Giovanni Salvi

    RispondiElimina
  14. Egregio Signor Salvi, non vogliamo essere scortesi, ma mi sembra che si faccia una tempesta in un biccher d'acqua. Può darsi che gli strati presso le coste tunisine fossero un fenomeno naturale, ma ciò non toglie che esistono dati incontrovertibili sulle scie velenose. Qui ci appoggiamo sulle spalle di giganti, quali il meteorologo californiano Scott Stevens, di cui abbiamo pure tradotto qualcosa, come l'agronoma Peterson, quali l'ordinario di chimica Prof. Malanga. A loro potrà porre domande su questioni che La interessano, ma non faccia come colui che vede la pagliuzza e non la trave o come chi si preoccupa di un bruscolo sul parabrezza della sua auto e non vede un autoarticolato che sta per piombargli addosso. Le fonti sono numerose, ma, tra le molte, Le cito www.luogocomune.net. Non vada, però, a cavillare anche lì. Cordiali saluti.

    RispondiElimina
  15. Da parte mia e di Zret, vige sempre la regola dell'educazione. Non posso dire altrettanto sia accaduto da altre fonti e certe volte preferiamo non raccogliere. Per quello che ci riguarda, il contraddittorio è lecito e ben accetto. Ovvio però che qui non si può nemmeno tentare (nè ve n'è l'intenzione) di convincere persone che ci danno del "coglione" solo perchè non vedono o non vogliono vedere. Inoltre, voglio far notare che, siffatti personaggi, non oppongono loro argomentazioni, ma solo improperi. Noi siamo qui per informare, laddove i media tacciono pervicacemente o, addirittura, dissimulano. Se poi le nostre informazioni, non ineressano o non piacciono o non appaiono affidabili (nonostante gli elementi vi siano... basta leggere, per cui altre spiegazioni sono superflue, per le persone intelligenti), la barra degli indirizzi è lì a disposizione per digitare il link del sito che più aggrada.

    Cordiali saluti

    **Straker**

    RispondiElimina
  16. Ringrazio chi ha avuto la cortesia di rispondermi e cercherò documenti e notizie dei personaggi quotati che mi avete indicato.
    A mio modo di vedere però è legittimo cercare di confrontarsi anche su piccole cose, quali ad esempio quest'argomento della "nebbia marina", in quanto è forse più facile capire i meccanismi e le motivazioni delle diverse tesi che non rifarsi solo a grandi nomi e incanalandosi nell'ideologia che spesso crea miti e distacco dalla realtà.
    Sarebbe interessante, non in questo momento e non in questo luogo, cercare di confrontarsi sui singoli casi ognuno con i propri "grandi nomi" alle spalle.
    Saluti

    RispondiElimina
  17. [quote]A mio modo di vedere però è legittimo cercare di confrontarsi anche su piccole cose, quali ad esempio quest'argomento della "nebbia marina", in quanto è forse più facile capire i meccanismi e le motivazioni delle diverse tesi che non rifarsi solo a grandi nomi e incanalandosi nell'ideologia che spesso crea miti e distacco dalla realtà.[/quote]

    Volevo aggiungere...

    Non abbiamo ideologie. Non siamo contro e con nessuno. Siamo per la salute dei cittadini e per la verità. E' un reato cercare la verità? Pare di sì.

    RispondiElimina
  18. Inoltre...

    Se elaboriamo tesi non supportate da nomi blasonati, non va bene. Se citiamo gli studi di illustri personaggi, non va bene ugualmente. Intanto, sfugge la realtà di tutti igiorni. Sfugge il clima torrido, sfugge la siccità, sfugge il cielo perennemente bianco, sfugge il traffico di aviogetti a bassissima quota (notte e giorno)... sfugge tutto. E' quello che vogliono! Noi discutiamo e loro, intanto, ci avvelenano e... candidamente, lo ammettono.

    http://sciechimiche-zret.blogspot.com/2006/07/ministro-della-difesa-gb-ammette_06.html

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis