lunedì 12 giugno 2006

HAARP Tesla Research Project

Granma pubblica la seconda parte dell’articolo preso da Rebelion, il cui autore, Michel Chossudovsky, allerta su uno dei pazzeschi progetti dell’attuale Governo degli Stati Uniti

Il principale programma di guerra climatica del Pentagono The High-Frequency Activ Auroral Program (HAARP), è attivo dagli inizi degli anni 90. Il sistema d’antenne si è basato inizialmente su tecnologia brevettata da Advanced Power Technologies Inc. (APTI), azienda sussidiaria di Atlantic Ritchfield Corporation (Arco). La prima fase di HAARP Ionosfheric Research Instrument, IRI, fu completato da APTI. Il sistema IRI di antenne fu installato nel 1992 da un’altra azienda emanazione di British Aerospace Systems (BAES) usando il brevetto APTI. Le antenne irradiano lo spazio esterno usando una batteria di trasmettitori ad alta frequenza.

Nel 1994 Arco ha venduto la APTI, insieme ai brevetti, ad E-Systems, una supersegreta azienda di equipaggiamenti militare High Tech intima della CIA.

E-Systems è specializzata nella produzione di elettronica per uso militare, di navigazione e di ricognizione, comprese complicate attrezzature di spionaggio. È uno dei più grandi appaltatori del mondo in quel campo, in rapporti con la CIA ed organismi simili. A questi vende per circa un miliardo e 800 milioni di dollari l’anno, di cui circa 800 milioni sono per progetti tanto segreti che neppure il Congresso degli Stati Uniti sa dove finisca quel denaro.

Ha partecipato all’equipaggiamento del Doomsday Plan, il sistema che permette al Presidente di comandare la guerra nucleare, e la supervisione dell’operazione Tempesta nel Deserto.

Con l’acquisto di APTI, E-Systems ha acquisito la strategica tecnologia della guerra climatica, la quale include il brevetto 4.686.605 “Bernard J. Eastlund's” chiamato “Metodi ed apparati per alterare una regione dell’atmosfera, la ionosfera e la magnetosfera terrestre”.

Il progetto è basato sulle investigazioni dello scienziato yugoslavo Nicolás Tesla, cui molte delle sue idee sono state rubate dalle corporazioni statunitensi.

Appena un anno dopo l’acquisto da parte di E-Systems della tecnologia per la guerra climatica di APTI, è stata comprata da Raytheon, il più grande appaltatore dell’industria militare statunitense. Con questa acquisizione, Raytheon si è trasformato nel più grande fabbricante di apparecchi elettronici di guerra del mondo.

E mentre Arco vendeva la APTI ad E-Systems, la stessa veniva acquistata dalla fusione della British Petroleum-Amoco Oil Company U.S.A, uno dei quattro più grandi superconsorzi petroliferi energetici del mondo.

In tale modo, Raytheon, attraverso la sua assistenza ad E-Systems, è ora la proprietaria dei brevetti per la guerra climatica. Questa è anche implicata nelle ricerche scientifiche per uso militare come le indagini di una dalle sue aziende nell’Antartide: Raytheon Polare Services.

Il sistema è stato installato nell’aprile del 2004. Consiste in 180 antenne più un insieme di trasmettitori ad alta frequenza.

PROVANDO IL SISTEMA HAARP

Il sistema esiste e viene testato. A questo proposito una relazione del Parlamento russo del 2002 afferma che i militari americani hanno intenzione di provare come funziona il sistema in Alaska, in Groenlandia ed in Norvegia. "I piani degli Stati Uniti per la sperimentazione del programma HAARP, ultrasegreto, fuori dal controllo della comunità internazionale, implicano la possibilità di distruggere le comunicazioni radio, le apparecchiature satellitari, i missili, provocare incidenti nella distribuzione elettrica, nei sistemi di trasporto e nella distribuzione di gas e petrolio, e rischia di avere un impatto negativo sulla salute mentale della popolazione d’intere regioni”, è quanto hanno dichiarato i deputati russi nella loro relazione.

La questione essenziale è che il futuro dell’umanità è minacciato dall’uso di tecniche di modifica del clima. Ma perché una campagna internazionale contro questa mostruosità abbia successo, sarà necessario approfondire l’indagine scientifica rivolta a determinare se ci sia davvero relazione tra l’attività della batteria d’antenne di GoKona, Alaska, con i vistosi disastri climatici che si stanno verificando.

Si tratta di una questione che si va facendo urgente, perché la mostruosità sarà completata nel 2006, momento in cui raggiungerà la piena capacità operativa.

Nessun commento:

Posta un commento

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis