sabato 3 giugno 2006

Scie chimiche: un fenomeno inquietante

In questi ultimi anni, si è intensificata un’attività che la stragrande maggioranza della popolazione mondiale continua purtroppo ad ignorare. Mi riferisco ai voli di aerei che attraversano i cieli sopra molte regioni del pianeta. L’operazione cominciò negli Stati Uniti nella metà degli anni ’90, per poi estendersi al Canada, ai paesi aderenti alla N.A.T.O. alla Russia ed a molte altre nazioni. Questi velivoli lasciano, lungo le rotte seguite, delle strane scie che, generalmente, a differenza di quelle di condensazione, non si dissolvono entro breve tempo, ma persistono nell’atmosfera, sino a trasformarsi in nuvole simili agli strati. È un fenomeno evidentissimo, abituale di cui tutti possono rendersi conto, semplicemente alzando lo sguardo al cielo. Su quelle che i ricercatori indipendenti hanno definito “scie chimiche”, esistono parecchi studi di cui riporto i risultati salienti.
Vari studiosi, tra cui l'ingegnere Clifford E. Carnicom, il meteorologo Scott Stevens, il fisico Neil Finley, il medico statunitense Michael Castle, la tossicologa Hildegarde Staninger, l’italiano Antonello Lupino, il direttore della rivista Nexus Tom Bosco e molti altri hanno investigato gli effetti di queste famigerate scie. Queste le loro conclusioni.

- Le sostanze chimiche rilasciate servono a modificare il clima della Terra per contrastare la formazione degli ammassi nuvolosi e quindi la caduta delle precipitazioni. La conseguenza più evidente è la siccità.

- Gli elementi irrorati a quote elevate, in sinergia con H.A.A.R.P., determinano una ionizzazione dell’atmosfera in modo da favorire la trasmissione di segnali radio ad uso militare (radar) e civile.

- Le sostanze amplificano, sempre insieme con H.A.A.R.P., campi elettro-magnetici che possono danneggiare le membrane cellulari del plancton e come radiazioni non ionizzanti concorrere all’insorgenza di neoplasie.

- Con i voli, sono diffusi nell’aria virus, spore di funghi e batteri atti a causare epidemie soprattutto di tipo influenzale nell'ambito di test sulla popolazione.

- I cristalli di quarzo alterano i campi magnetici naturali ed influiscono sugli equilibri biomagnetici, sul sonno R.E.M., al fine di causare alterazioni dell’umore in modo da indurre comportamenti violenti nelle persone o per condizionarne la condotta.

- Le scie, che si trasformano in una coltre opaca, determinando una diminuzione dell’ irraggiamento solare, servono a danneggiare la fotosintesi clorofilliana. Secondo lo studioso A. Lupino, alcune multinazionali agro-alimentari mirano a cagionare effetti negativi alle colture tradizionali per poi introdurre e vendere sementi o.g.m. resistenti, per qualche anno, a condizioni climatiche e pedologiche sfavorevoli. Infatti alcune sostanze sono letali per i batteri alla base del ciclo dell'azoto, da cui dipende la fertilità del terreno.

Le analisi chimiche condotte hanno accertato la presenza delle seguenti sostanze: bario (proprietà igroscopiche, ossia assorbe l’umidità dell’atmosfera); quarzo (proprietà piezoelettriche. Nel 1881 i coniugi Curie scoprirono che il quarzo, quando era assoggettato a pressioni orientate, sviluppava cariche elettriche positive e negative agli estremi degli assi polari. Un anno dopo Lipmann constatò che questi cristalli assumevano una deformazione meccanica, se sottoposti ad un campo elettrico di corrente alternata. Tale fenomeno, detto piezoelettricità, fu poi applicato alla trasmissione e ricezione di onde sonore subacquee. In seguito il minerale fu impiegato per stabilizzare la frequenza delle ricetrasmissioni. Questo ci fa comprendere che il quarzo ha una correlazione con i campi magnetici ed è usato per lo meno per ottimizzare la ricetrasmissione dei segnali radio. Il quarzo, inoltre, per la sua struttura reticolare, risulta trasparente ai raggi ultravioletti. Vengono perciò distribuiti cristalli di quarzo nell’atmosfera per far passare i raggi che danneggiano le membrane cellulari. Tale effetto si associa a quello provocato dall’assottigliamento della coltre di ozono); alluminio (proprietà riflettenti: le particelle di alluminio, riverberando la luce solare, sono funzionali all’operazione denominata “coverleaf”, vale a dire “copertura”, che consiste in una diminuzione dell’irraggiamento solare col fine di compromettere la fotosintesi clorofilliana, con gravi danni per gli ecosistemi e l’agricoltura). Sono state rintracciati anche altri elementi: piombo, torio radiattivo e silicio.

Il fenomeno deve indurci a porre delle precise domande.

Chi autorizza questi voli? Quanto costano ai contribuenti? Da quali aeroporti decollano gli aerei? È possibile che questo frenetico, costante sorvolo di ampie aree avvenga all’insaputa dei vertici politici e militari? Perché le due o tre interrogazioni parlamentari sulla questione (onorevole Ruzzante, Sandi e Nieddu) sono rimaste lettera morta?

Appurato in modo inequivocabile che l’attività connessa alle scie chimiche (chemical trails o chemtrails in inglese) non c’entra alcunché né con i normali voli civili né con le esibizioni delle “frecce tricolori”, come dimostrato in modo inoppugnabile, da documenti ufficiali e brevetti, da studi accurati, fotografie, filmati, analisi di laboratorio, studi condotti da meteorologi, chimici, biologi, fisici, climatologi, investigatori indipendenti…, è giunto il momento di agire, di protestare, di levare la propria voce contro questo genocidio occulto.

Sitografia:

Filmati:

Fonti:

V. Gambino, D. Benvenuti, Scie chimiche DVD con libretto, Diegaro di Cesena, 2004 Scie chimiche Cosa accade nei nostri cieli, a cura dell’Associazione culturale SARAS.



CHE COSA SONO LE SCIE CHIMICHE

Dopo alcuni anni di emissioni sui nostri cieli di sostanze gassose non identificate e sicuramente non benefiche ad opera di misteriosi aerei, è venuto il momento di sensibilizzare la popolazione che subisce passivamente questo inquinamento, senza avere alcuna spiegazione attendibile in merito a quanto sta accadendo ormai da tempo, sopra la propria testa.

Il fenomeno delle scie chimiche si manifesta in maniera sistematica sui cieli d'Italia (e del mondo), dando l'impressione di organizzate azioni militari volte a creare delle vere e proprie grate di scie che, in breve tempo, si espandono generando una nuvolosità stratiforme.

Di là da qualunque tipo di segreto di stato, i cittadini hanno il sacrosanto diritto di sapere che cosa viene scaricato sulla propria testa da alcuni anni a questa parte e, poiché nessun ente preposto o autorità competente ha mai voluto rilasciare una qualche risposta esaustiva in proposito, questo blog si propone di sensibilizzare la popolazione per ottenere chiarimenti in merito a tale inquinamento. Ci si propone in particolare di sensibilizzare e coinvolgere persone che siano in grado di fornire, grazie alle loro specifiche competenze, un lavoro di ricerca e di studio per far chiarezza sul tema.

Fonte: www.nexusitalia.com, www.sciechimiche.org e www.sciesardegna.it

IL PROBLEMA

Le normali scie di condensazione rilasciate dagli aerei di linea sono una normalità che osserviamo da oltre mezzo secolo nei nostri cieli. L'intensa attività degli aerei ha causato un pericoloso aumento della nuvolosità, soprattutto nella fascia nord atlantica, oltre ad aver incrementato il buco dell'ozono e l'effetto serra, insieme con altri fattori responsabili come le attività che usano energia proveniente da combustibili non rinnovabili.

Quando un aereo vola a quote fredde e soprasatura l'aria umida, il vapore acqueo che esce dai motori si condensa in piccole gocce. Quando queste gocce sono prodotte a temperature ancora più rigide, si formano addirittura cristalli di ghiaccio. I fattori che permettono la formazione di scie aeree di condensazione sono la temperatura, la percentuale d'umidità, la quota. Se la temperatura è superiore ai -40 gradi e l'umidità atmosferica relativa è inferiore al 70% non è possibile la formazione di scie.

Il tema delle scie chimiche (chemtrails) perciò non riguarda i normali aerei di linea. A partire dal 1996, in quasi tutti gli Stati Uniti e, in particolar modo, in prossimità dei centri abitati, sono state osservate nei cieli delle strane scie che mostravano caratteristiche differenti dalle normali scie di condensazione degli aerei. Queste scie addirittura comparivano in zone dove prima il traffico aereo era totalmente assente e apparivano in bizzarre formazioni, incrociandosi in grandi reticolati o formando delle grandi X. Sono schemi che lasciano pensare ad s invece che a delle normali attività di aerei di linea. La caratteristica ancora più sconcertante è che queste scie non si dissipano in pochi secondi come accade per una normale scia di condensazione, anzi si espandono, si diluiscono nel cielo formando come un velo e spesso una nube che pian piano va a ricoprire tutta l'area interessata.

In Europa. Germania, Spagna, Olanda, Grecia, hanno già manifestato ai rispettivi governi la loro preoccupazione e fanno pressione affinché siano avviate indagini. A Creta (Grecia), nella città di Xania, da quando hanno installato la base a Souda Beach, si è riscontrato un notevole aumento delle percentuali di cancro (35% in più!). La gente non ama parlarne, ma sa che la base c'entra. I cittadini non protestano perché la base, molto intelligentemente, ha assunto molte persone del luogo per farle lavorare. Essendo un paese non ricchissimo, hanno fatto si che una parte dell'economia si basasse anche sulla base di Souda.

In Italia c'è molta disinformazione ma di scie ce ne sono in gran quantità, ogni giorno sopra l'Umbria, l'Abruzzo, la Campania, la Toscana, il Veneto, la Lombardia, il Lazio, la Puglia, e in Sardegna in questo periodo si è intensificata l'attività (basta pensare alle basi Nato/Usa installate in Sardegna).
Tra le poche voci che si sono alzate in Italia c'è quella degli abitanti della vallata Feltrina colpiti da un grave aumento dei casi di cancro dopo la comparsa delle scie.
Si è arrivati ad un'interrogazione parlamentare anche grazie all'abbondante documentazione filmata, realizzata dagli abitanti in un esteso lasso di tempo. Purtroppo anche in questo caso il silenzio ci lascia perplessi. Il ministro Martino ha poi risposto dichiarando che le scie visibili sono frutto di "normali" attività di aerei.

I pericoli delle scie chimiche

Quali che siano gli effetti sulla nostra salute e su quella dell'ambiente naturale, abbiamo in ogni caso il diritto di sapere perché le operazioni avvengano in silenzio e senza che nessuno se ne preoccupi. Le analisi più accreditate a livello mondiale confermano comunque che si tratti di sostanze nocive per la salute umana. Le scie chimiche o chemtrails sarebbero scie di sostanze chimiche nebulizzate nell'aria, tramite sistemi di irrorazione montati su aereoplani che non appartengono al normale traffico aereo! Queste sostanze vengono irrorate a diverse altezze a seconda degli scopi per cui vengono utilizzati. Iniziate nel 1996 negli Stati Uniti, le attività di irrorazione si estesero al Canada, Nuova Zelanda, Bahamas, Sud Africa, Croazia e molti altri paesi facenti parte della NATO come Francia, Spagna, Italia e molti altri.

La prima protesta contro le scie arrivò dal Canada nel '98 quando, in seguito al continuo rilascio di CHEMTRAILS sopra la cittadina di Espanola, gli abitanti cominciarono ad accusare problemi di salute come: letargia, forti dolori alle giunture, perdita di memoria a breve termine, disturbi alle vie respiratorie, sintomi da depressione o simili a quelli influenzali. Le lamentele furono ignorate dal Governo dell'Ontario e, così, alcuni cittadini, prelevarono campioni di acqua e neve dalla propria terra, commissionando analisi di laboratorio a proprio carico. Dall'esame di questi, risultò che contenevano una quantità di particolato di alluminio 20 volte superiore al limite indicato per l'acqua potabile. Ricorsero, dunque, analisi di laboratorio in mano, ad una petizione presentata al Parlamento del Governo Canadese ad Ottawa, in cui i cittadini chiedevano chiarimenti sulla natura del fenomeno e soprattutto esigevano che cessassero le irrorazioni chimiche sopra di loro. La risposta arrivò dopo 45 giorni, poneva l'accento sul non coinvolgimento da parte del Governo Canadese in tali operazioni e negava che l'aviazione militare avesse concesso permessi ad altri paesi di sorvolare il territorio Canadese a tale fine. Perchè allora furono fotografati Tankers (aerei cisterna militari) USA con tanto di scia al seguito?

Ma lo fanno ormai da anni e le conseguenze sulla salute di tutti noi sono drammatiche. Aumento vertiginoso di tumori e leucemie di vario tipo, incremento del numero e della gravità di affezioni all'apparato respiratorio specialmente sui bambini, infiammazioni ai muscoli e alle giunzioni muscolari, contaminazione da funghi e batteri sconosciuti, inquinamento ambientale balzato alle stelle. Tutte concause che negli ultimi anni hanno provocato la morte di milioni di persone in tutto il mondo. Bario e Torio radioattivo, alluminio, carbone fibre sintetiche, sangue essiccato, virus e batteri sintetizzati in laboratorio, tutti sotto forma di nanoparticelle, che vengono ingerite ed assimilate dal nostro organismo, non predisposto a filtrare materiali di così piccole proporzioni.

Alcune legittime domande

Cosa si cela dietro questa cortina di oscurantismo?
Se le intenzioni fossero nobili o perlomeno le scie chimiche fossero innocue, perché non spiegarci senza falsità di cosa si tratta?
Quali sono le finalità tanto nobili da rendere lecito un avvelenamento complessivo così intenso e incontrastato?
Qualunque sia il motivo per cui questi aerei volano così numerosi e così spesso su di noi, non abbiamo il diritto di sapere perchè lo fanno?
Solo ossessioni?
Viene da suppore che non si tratti di attività normali, se nessuno sembra interessato a parlarne. Le ricerche a livello mondiale confermano che non si tratta né di aerei di linea né di aerei commerciali, poich´ spesso transitano in zone in cui il traffico aereo è inesistente e soprattutto ignorano i limiti di quota e distanza che regolano la sicurezza di volo. Inoltre sono stati fotografati sia in volo sia in aeroporti: sono spesso aerei bianchi senza insegne, cisterne dei cieli normalmente usate per rifornire di carburante i caccia da guerra in quota, ma che a quanto pare possono essere adibite ad altro scopo.

Ulteriore conferma a tale proposito è arrivata con l'attentato dell'11 Settembre; nelle ore successive al fatto fu posto il divieto assoluto ad aerei che non fossero militari Americani, di sorvolare il territorio Statunitense. In quella occasione furono numerose le segnalazioni di cittadini allarmati da aerei che rilasciavano dense scie; era sicuramente l'antrace scaricata dai terroristi di cui tanto si parlava! No, niente antrace, ma "comuni" scie chimiche di cui a quanto pare, nessuno ha interesse a parlare!

Altro dato che si rileva a livello mondiale è la nocività delle scie per l'uomo e l'ecosistema in generale; ad Edmonton (in Alberta) dopo la loro comparsa, cominciarono a morire le piante di una vasta area divenuta in breve tempo arida. Ad un'analisi chimica del terreno, risultò che la sua conduttività era 7 volte superiore alla norma e questo a causa della percentuale altissima di bario e alluminio.
Fra le sostanze rinvenute in diverse zone saturate dalle scie, si riscontrano oltre ad alluminio e bario anche titanio, bromuro e batteri che normalmente vivono negli alti strati dell'atmosfera e che inglobati da questi aerosol chimici sono trasportati a terra, con inimmaginabili conseguenze sulla salute dell'uomo.

La versione ufficiale dei governi

Scie di condensazione è la parola d'ordine di chi ha una qualunque carica ufficialmente riconosciuta, ossia acqua che condensa a seguito del calore dei motori. Una spiegazione ridicola per chiunque capisca un minimo di fisica, di chimica o di aeronautica, e un insulto a chiunque sia un poco intelligente.
Di fronte alle insistenti pressioni di numerosi cittadini Americani allarmati da queste anomalie nel cielo, le autorità interpellate (Environamental Protection Agency, NASA, Federal Aviation Administration, National Oceanic and Atmosferic Administration e rispettivi scienziati) affermano che non è stato riscontrato niente di anomalo nelle scie, a loro dire normali scie di condensazione.

Il governo italiano, al pari degli altri governi occidentali, cercano di insabbiare tutto dicendo che si tratta solo di acqua; evidentemente gli interessi in ballo sono troppo alti per rendere pubblici questi fatti.
Ma nessun aereo può sorvolare lo spazio italiano senza una precisa autorizzazione, civile o militare che sia, quindi, il governo ne è perfettamente a conoscenza, e cerca disperatamente di coprire tutto con spiegazioni insensate, banali e oltraggiose per la nostra e sensibilità

IPOTESI SULLE SCIE CHIMICHE

Sui siti www.sciechimiche.org e www.nexusitalia.org, e tanti altri, si tenta di spegare il mistero che cela la verità.

Dal sito www.sciechimiche.org

Operazioni militari

Le ipotesi più documentate riguardo all'utilizzo delle scie, vedono operazioni militari riservate come imputato n°1, tant'è che il bario, cospicuamente e frequentemente emerso dalle analisi dei campioni, è un eccellente conduttore elettromagnetico e crea in sospensione una sorta di ponte che prolunga i segnali radio e radar oltre l'orizzonte, una sorta di antenna di bario "usa e getta", peccato che la pattumiera in questione siamo noi.

Progetto Schermatura Solare

Si riallaccia all'impiego delle scie, anche un progetto volto a rallentare il preoccupante aumento della temperatura terrestre e sarà questa l'ipotesi che i governi cercheranno maggiormente di portare avanti. Tra i due mali si sceglie il male minore "per il nostro bene e per quello del pianeta".

Nel '98 in occasione di un congresso internazionale riguardo alle emergenze planetarie, in cui questo era tema di spicco, il fisico Edward Teller (padre della bomba atomica e della bomba all'idrogeno) suggeriva ai paesi occidentali di adottare uno specchio solare a livello della stratosfera così da respingere in parte i raggi solari. Indicava a tale scopo l'ossido di alluminio (costantemente rintracciato nelle aree oggetto di analisi) poiché oltre a riflettere i raggi solari dell'1%, avrebbe assorbito una modesta quantità di calore fra terra e stratosfera. Riguardo all'attuazione di tale teoria, Teller si è dichiarato ignaro.

Sappiamo che le scie secondo le zone irrorate, presentano una diversa composizione chimica, dunque non sono sempre riconducibili all'esperimento di schermatura solare.

Ipotesi Monsanto

In questo contesto s'inserisce l'ipotesi sul coinvolgimento in queste operazioni, di una multinazionale tristemente nota: la Monsanto. Quest'ultima si è messa in luce alla fine degli anni '60 per la formulazione di agenti chimici usati nelle incursioni aeree sulle foreste del Vietnam, che hanno dato per risultato vegetazione distrutta, popolazione decimata e condannata negli anni a venire al concepimento di bambini con gravi deformità.

Negli ultimi anni questa multinazionale oltre a produrre alcuni fra i diserbanti più potenti e nocivi per l'uomo e l'ambiente, si è prodigata per la diffusione di alimenti e semenza geneticamente modificati, proponendoli come valida soluzione per la coltivazione in zone del pianeta altrimenti infruttifere.

Valutando il macabro curriculum della Monsanto, resta difficile credere che possa essere coinvolta in progetti per il benessere collettivo! Vaste aree agricole dopo la comparsa delle scie, sono state letteralmente bruciate e il terreno reso pressoché sterile, ai normali semi ovviamente, non a quelli standardizzati per quel tipo di condizioni. I semi transgenici oltre alla caratteristica dell'adattabilità e della resistenza hanno anche quella di non essere rinnovabili, l'anno successivo si dovranno acquistare nuovi semi per avere i frutti.

Il 23 Maggio 2005 è stato reso noto un documento riservato della multinazionale che riporta lo stato di salute di cavie da laboratorio nutrite con alimenti OGM, tutte presentano gravi disfunzioni renali cardiache e gravi malformazioni fisiche.

Inoculazione di massa

Alcuni sospettano che il governo statunitense, d'accordo con altri governi coinvolti nel programma, stia autorizzando il rilascio graduale di bio agenti, allo scopo di vaccinare le popolazioni dall'alto. Questo, potrebbe talvolta essere la causa di malattie (SARS, AVIARIA, ...) arrecate a qualche persona ammalata dal vaccino stesso (si pensi alla strana epidemia di patologie respiratorie che ha colpito da qualche mese, circa il 40% della popolazione italiana! N.d.A.).

Controllo demografico

L'uso di agenti chimici e biologici da parte di uno Stato contro se stesso e la propria popolazione è sfortunatamente, un fatto storico. Possono verificarsi anche incidenti non intenzionali. Alcune persone suggeriscono che le Chemitrails possano davvero fare parte di un programma atto a ridurre il numero della popolazione.

Se le Chemtrails contengono, poi, agenti biologici che possono dare il "colpo di grazia" a persone già indebolite da altre patologie, potrebbe essere per assurdo, si potrebbe trattare anche in questo caso di un controllo della crescita della popolazione.
Ma questo "ignobile" fine potrebbe essere l'unico vero scopo? La storia ha insegnato che quello che sembra più assurdo ad un'ottica razionale, in un'ottica di odio ed irrazionale, non è più tanto assurdo, e con tali armi nelle mani di un qualsiasi governo, occorre essere vigili fino a che non sarà disponibile una risposta esaustiva e definitiva.

Ipotesi HAARP e NORAD

In questa fitta trama di implicazioni, è emersa anche l'ombra inquietante di HAARP, un progetto USA volto a modificare il clima terrestre, andando a manipolare addirittura lo spettro elettromagnetico con l'uso di onde ELF (Estreme Low Frequencies).

HAARP è la più grande antenna del mondo, si trova in Alaska e immette costantemente onde elettromagnetiche nella ionosfera; visitando il sito www.radarmatrix.com potrete documentarvi ampiamente. Intanto possiamo osservare gli squilibri che queste pericolose manipolazioni provocano in natura, come migrazioni di uccelli fuori rotta, arenamento dei cetacei, che come sappiamo si orientano con il magnetismo terrestre.

Attraverso ricerche incrociate per risalire ai finanziamenti che sostengono i diversi esperimenti di cui qui si accenna, si è potuto chiaramente osservare che vanno a convergere verso i nomi delle stesse multinazionali, e verso la NORAD (agenzia per la difesa aerospaziale Americana) la quale ha disseminato l'intero suolo statunitense con radar che sfruttano le frequenze ELF.

Questo ci da una chiave di lettura più ampia, ci mostra come in realtà queste situazioni non sono scollegate tra loro ma anzi, come fili vanno a tessere un disegno di ordine globale ben tracciato.

L'Unione Europea ha avviato da più di due anni un'interpellanza parlamentare, in cui chiede agli Stati Uniti di far luce sulla vera natura e finalità delle CHEMTRAILS, la risposta si fa ancora attendere!

Nessun commento:

Posta un commento

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis