mercoledì 8 febbraio 2017

La Signora Boldrini ed i baldanzosi quadrumviri



Così, com’era facilmente prevedibile, la Presidente (o Presidentessa? O Presidenta?) della Camera, Signora Laura Boldrini, ha lanciato la sua insana iniziativa contro l’informazione libera, spacciandola per una battaglia contro le “notizie false” che circolano, secondo la sua visione ideologica, nella Rete. E’ evidente che la Signora Boldrini, perfetta incarnazione del sistema, ha calato la maschera: ha nominato un quadrumvirato di negazionisti formato dall’iperattivo Paolo Attivissimo, incallito e storico capofila dei disinformatori, dal tagliente Michelangelo Coltelli, dal petulante David Puente e da Walter Quattrociocchi in padella. La pasionaria, coadiuvata dai quadrumviri, chiama a raccolta le istituzioni per tentare di cancellare le verità scomode per il potere, usando tutti gli strumenti più sofisticati della propaganda e della retorica. Non solo, ella ed i suoi solerti collaboratori si avvalgono di concetti mutuati proprio da coloro che studiano le strategie dell’”informazione” ufficiale, quali “bias di conferma”, “narrazione” … concetti che si riferiscono, invece, a chi accetta supinamente le versioni di regime che sono delle pure menzogne. Siamo al cospetto della solita inversione orwelliana. E’ il consueto tentativo di vilipendere e ghettizzare gli scrittori ed i ricercatori non allineati, evocando circostanze psichiatriche, quando gli unici ad essere paranoici ed alienati sono proprio loro, come dimostrato da insigni studi scientifici. Gli attivisti sono anche accusati di essere venali, quando sono proprio i depistatori ad essere finanziati in modo generoso dai Ministeri.

La crociata della Signora Boldrini dipende solo dal terrore che qualche cittadino si svegli: decida di gettare il televisore in una discarica autorizzata, decida di non leggere più gli immondi scartafacci governativi (Il Corriere della pera, La Zampa, Il Pesto del Carlino, Il Disfatto quotidiano e TUTTE le altre laide gazzette nazionali e locali). Se veramente i negazionisti istituzionali avessero a cuore il bene collettivo per difenderlo da truffe e bugie, agirebbero per promuovere la libertà di pensiero e di espressione, unico antidoto contro la tirannia; agirebbero per tutelare la salute ed il pianeta che, invece, sono devastati dalla geoingegneria clandestina e da altri crimini di Stato.

E’ ovvio che coloro non conoscono il filosofo illuminista Antonio Genovesi. (Castiglione, Salerno, 1713, Napoli, 1749) Il pensatore campano, a ragione, sostiene che non è deplorevole che la stampa pubblichi, accanto ad informazioni veritiere, pure notizie distorte: l’opinione pubblica deve imparare a discernere il vero dal falso, il plausibile dall’improbabile, deve abituarsi a confrontare le fonti, a cercare la verità in modo autonomo, senza l’intervento del potere che stabilisce che cosa è reale e che cosa è fittizio. Il cittadino (in senso aristotelico) non ha bisogno di essere istruito da uno Stato paternalistico e coercitivo, ma deve da solo sviluppare lo spirito critico e la coscienza politica.

Chiamiamo l’operazione della Boldrini con il suo nome: censura di Stato! E’ una censura capillare, invadente, presuntuosa, ipocritamente spacciata per sollecitudine. L’artefice di questa malsana crociata è già responsabile di un vergognoso stupro della lingua italiana con i suoi obbrobriosi “ministra, sindaca, assessora…”: è un’aggressione che grida vendetta al cospetto di Dio. Ora è responsabile di questo assalto proditorio ai danni dei pochi autori liberi: ella si avvale dell’ausilio di famigerati occultatori che sono stati spesso denunciati per le loro diffamazioni e calunnie (associate a deliri paranoidi) che impunemente hanno diffuso e diffondono sulla Rete. Naturalmente una magistratura quasi sempre telecomandata ha insabbiato, archiviato, legittimando de facto e de iure una condotta, per lo meno, discutibile.

E’ ora di respingere con tutte le misure legali questa ignobile campagna contro la verità e la libertà! E’ ora di denunciare la doppiezza di codesto attacco che, paradosso dei paradossi, arruola i più accaniti agenti governativi per “preservare” la correttezza nell’informazione. E’ come se ci si rivolgesse a fabbricanti di armi per la promozione della pace nel mondo: è assurdo!

Liberiamoci del televisore, strappiamo i giornali, non leggiamo le testate governative, boicottiamo in ogni modo TUTTE le iniziative degli apparati, denunciandone la natura violenta, mistificatrice ed insincera. Prima di progettare e costruire una nuova società, è necessario fare tabula rasa del presente sistema che è corrotto, ingiusto, disonesto, illegale in modo irreparabile. Non è possibile alcun dialogo, non è possibile alcun compromesso con certi personaggi. Non concediamo loro neppure l’onore delle armi: saranno spazzati via, colpiti dalla damnatio memoriae. Di loro non resterà neppure la polvere.

Firma QUI la petizione per chiedere le dimissioni della Presidente della Camera Laura Boldrini.

AGGIORNAMENTO:

Come anticipato nelle settimane scorse, la Presidente della Camera Dott.ssa Laura Boldrini è stata denunciata per attentato all’articolo 21 della Costituzione [ LINK ]nonché per concorso nei reati di diffamazione, calunnia ed atti persecutori etc., perpetrati a mio danno da quegli stessi soggetti che ella presenta in pompa magna come i tutori della verità ma che, invece, sono stalkers di mestiere. Qui di seguito uno stralcio della denuncia, presentata alle Procure di Roma ed Imperia. Mentre qui è disponibile copia PDF.




Vietata la riproduzione - Tutti i diritti riservati.

Sponsorizza questo ed altri articoli con un tuo personale contributo. Aiutaci a mantenere aggiornato questo blog.

La guerra climatica in pillole

Le nubi che non ci sono più

Per una maggiore comprensione dei fenomeni legati alla guerra ambientale in corso, abbiamo realizzato l'Atlante dei cieli chimici.

Chi è Wasp? CLICCA QUI

CHEMTRAILS DATA

Range finder: come si sono svolti i fatti

42 commenti:

  1. e sono super incazzato !...che titoli hanno per parlare ?...avranno il servizio d'ordine statale nelle loro conferenze ? ...questi hanno la protezione del governo solo perchè assunti da Piero A......che bastardazzi !!

    ma avranno filo da torcere da milioni di persone !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NON ELETTA...che prepari le valigie! A casina...

      Elimina
    2. Questo è il bello! Non eletti assumono stalkers professionisti per imporre la loro legge.

      Elimina
    3. Io più che a casa la manderei a lavorare in un opificio.

      Elimina
  2. ATTACCO FRONTALE ALLA LIBERTA' D'ESPRESSIONE DA PARTE DEL PRESIDENTE DELLA CAMERA LAURA BOLDRINI. SCRIVETELE ED ESPRIMETE IL VOSTRO DISAPPUNTO PER QUESTO SCHIFO. QUI: http://presidente.camera.it/10

    http://www.tankerenemy.com/2017/02/la-signora-boldrini-ed-i-baldanzosi.html

    http://www.adnkronos.com/fatti/politica/2017/02/08/boldrini-lancia-bastabufale-essere-disinformati-pericolo_1Ijxl9KeT2jiLAPVe8q5XI.html

    RispondiElimina
  3. #BASTABOLDRINI!

    Guardate al minuto 20:13
    http://www.raiplay.it/video/2017/01/TELEGIORNALE-abc8305f-4742-44d8-a2d5-47b0ec965bf7.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rosario Marcianò: ovviamente hanno censurato il link

      Elimina
    2. Ti pareva. Per fortuna ho registrato il servizio scandaloso.

      Elimina
    3. Link di download
      https://we.tl/sDSEyzB3x6

      Disponibile fino a
      17 Febbraio 2017

      Elimina
    4. Il servizio indica quali sono i veri bersagli della Boldrini. Per questo motivo lo hanno rimosso, una volta che ho fatto notare i reali obiettivi dell'iniziativa boldriniana.

      Elimina
    5. Ci tallonano e cercano di tappare le falle.

      Elimina
    6. il link pare funzionare correttamente in realtà.
      Ieri a Sanremo la Pinotti ringraziava il bamboccio abbronzatissimo di aver associato, attraverso omelia asservito-lacchè, i militari italiani in missione all'estero, agli sforzi dello stato italiano per il "mantenimento" della pace... seguiva sovreccitato scroscio di applausi.
      Se non altro il tutto aiuta l'evacuazione intestinale.

      Elimina
  4. Il naso da Pinocchio ci sta tutto ad Attivissimo

    RispondiElimina
  5. https://www.youtube.com/watch?v=t421KdvQEPg

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima notizia.

      Ma noto la VERA informazione di questi video, che è lo SFONDO:
      lo skyline e la mappa rappresentano il cielo;

      le LINEE, le FASCE,le scritte, i segni grafici tracciano o traslano.
      Il movimento cattura la mente inconscia e ricorda, aiutato dai colori 'standard'
      bianco su azzurro in tutte le sfumature e intensità,
      il cielo chimico con le scie.

      esempio: https://www.youtube.com/watch?v=AgOhg1Nx32M

      Un po come tutti i programmi più visti in tv, con l'apoteosi di Sanremo di questi giorni.

      Elimina
    2. Riprogrammazione mentale in stile MK Ultra.

      Elimina
  6. Anche gli universitari protestano. Sì. Ma contro i tornelli. Bah!!!!

    RispondiElimina
  7. Non si potrebbero sfruttare le disposizioni della Boldrini per denunciare legalmente tutte le falsità che propagandano i media di regime?

    In tribunale poi si sarebbe costretti ad accertare chi abbia effettivamente ragione... ammesso e non concesso di disporre di una magistratura indipendente e libera di perseguire i veri criminali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Li denunceremo, salvo restando che i loro lacché archivieranno, come sempre.

      Elimina
  8. ATTENZIONE AL CONTATORE GAS WI-FI (smart meter). NON INSTALLATELO: RISCHIO CANCRO!

    Invitiamo tutti i cittadini a controllare quale tipo di contatori sia stato installato nelle abitazioni e condomini e, qualora, siano presenti contatori a telelettura senza fili, fonte di elettrosmog, ad utilizzare il presente documento, modificandolo opportunamente secondo il Comune di residenza e la situazione, in modo da farlo sottoscrivere e inviarlo alle amministrazioni locali.

    Lettera da inviare al Sindaco: http://www.tanker-enemy.com//PDF/No-allo-smart-meter-documento-tipo-lettera-al-Sindaco.pdf

    Volantino da stampare e distribuire nelle buche delle lettere: http://www.tanker-enemy.com/PDF/ATTENZIONE-AL-CONTATORE-GAS-SMART-METER.pdf

    RispondiElimina
  9. Waxxed: il documentario che il Ministro Lorenzin non vuole che vediate (Sottotitoli in italiano)

    https://youtu.be/8K-6KAlW_Zg

    RispondiElimina
  10. Grazie per i consigli di ieri Rosario ;-)!

    RispondiElimina
  11. ...anche oggi cielo da fogna tossica, sorvoli a tutto spiano.

    RispondiElimina
  12. Risposte
    1. Cara Laura, ricordandoti che non ti ha votato nessuno, ci tengo a raccomandarti di scegliere meglio gli amici, perché se questi sono dei delinquenti, lo sei, per logica conseguenza, anche tu.

      Elimina
  13. Sono caduti ben 5 "governi" e lei é ancora li a rompere i coglioni.

    RispondiElimina
  14. "FAKE NEWS": PRONTA LA LEGGE LEGGE BAVAGLIO CHE METTERA' FINE ALLA LIBERTA' DI OPINIONE IN ITALIA

    Nel testo della proposta di legge hanno già messo le mani avanti, spiegando perché l'aggiunta degli articoli in questione al codice penale non è in contrasto con l'articolo 21. In ogni caso la libertà di espressione in Italia è carta straccia da un pezzo e la legge sulle "fake news" non farà altro che chiudere definitivamente la questione. Questo perché in sede penale l'imputato non ha e non ha mai avuto alcun diritto alla difesa. Difendersi significa dimostrare di essere innocenti o di avere diritto all'esimente per la provocazione o, ancora, di non aver diffamato alcuno, giacché il fatto descritto era rispondente alla verità. L'imputato non viene mai ascoltato dall'inizio alla fine delle fasi del processo. L'intero dibattimento è sotto il controllo del Pubblico Ministero ed il Giudice non è terza parte, soprattutto se l'imputato è, a prescindere, da condannare.

    Questa legge è uno strumento eccezionale nelle mani del regime, poiché una semplice segnalazione per il reato ipotizzato, permette al PM di turno di sottoporre a sequestro preventivo le apparecchiature ipoteticamente usate per "commettere il reato" e rinviare a giudizio il "colpevole" di lesa maestà di tizio o caio.

    Immaginate come si fregano le mani personaggi che, da prassi, ormai da anni, preparano i dossier per i magistrati che, diligentemente, rinviano a giudizio il sottoscritto.

    La proposta di legge della firmataria Adele Gambaro (Scelta cinica ex Cinque stalle) cerca di sistemare quel vuoto che si è andato a creare con la recente sentenza della Cassazione a sezioni riunite, nella quale si chiarisce bene che scrivere su un blog o su un social network non è ascrivibile a diffamazione a mezzo stampa, per cui le aggravanti alla diffamazione semplice non sono associabili a coloro che scrivono su dette piattaforme senza avere il patentino di giornalista.

    La proposta di legge, guarda caso, non fa riferimento a quei portali come, ad esempio, liberogiornale.com o il fattoquotidaino.com etc. (ve ne sono almeno una decina sul genere e sono creature governative atte a creare il casus belli mediatico) che producono notizie false (queste sì), ma pone il dito su chi scrive su blog e portali di condivisione come Facebook o Google Plus, mettendo a repentaglio (secondo il relatore della legge) la sicurezza dello Stato in merito a fatti come quelli che noi definiamo "false flag", creando allarme, sempre secondo la Gambaro, nell'opinione pubblica. Leggiamo:

    [...]

    Art. 2

    (Diffusione di notizie false che possono destare pubblico allarme, fuorviare settori dell'opinione pubblica o aventi ad oggetto campagne d'odio e campagne volte a minare il processo democrativo)

    1. Dopo l'articolo 256 del codice penale sono inseriti i seguenti:

    1) <<256-bis. Chiunque diffonde o comunica voci o notizie false, esagerate o tendenzionse, che possono destare pubblico allarme, o svolge comunque un'attività tale da recare nocumento agli interessi pubblici o da fuorviare settori dell'opinione pubblica, anche attraverso campagne con l'utlizzo di piattaforme informatiche destinate alla diffusione online, è punito con la reclusione non inferiore a dodici mesi e con l'ammmenda fino ad euro 5.000,00.
    256-ter. Ai fini della tutela del singolo e della collettività, chiunque si rende responsabile, anche con l'utilizzo di piattaforme informatiche destinate alla diffusione online, di campagne d'odio contro individui o di campagne volte a minare il processo democratico, anche a fini politici, è punito con la reclusione non inferiore a due anni e con l'ammenda fino ad euro 10.000,00.

    [...]

    Oltremodo interessante è l'articolo 3, che invito a leggere.

    Leggi la legge qui: http://media2.corriere.it/corriere/pdf/2017/AS-2688-Gambaro.pdf

    Chi, secondo voi, è l'obiettivo di questa nuova legge liberticida creata su misura?

    RispondiElimina
  15. Laura Boldrini & CO denunciati per violazione dell'articolo 21 della Costituzione.

    http://www.tanker-enemy.com/PDF/denuncia-contro-laura-boldrini-&-Co.pdf

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...